giovedì 20 settembre 2018

I 100 GIORNI DEL GOVERNO GIALLO-VERDE di Leonardo Mazzei

[ 20 settembre 2018 ]




Leonardo Mazzei compie una circostanziata analisi di quanto fatto dal governo Conte, anche considerando quanto detto e/o promesso di fare dai suoi esponenti di punta. Lo scritto si compone di cinque capitoli:


1. La politica economica
2. La politica sociale (e ambientale)
3. La politica estera
4. L'immigrazione
5. La democrazia
6. E adesso?
Ne vien fuori un quadro di grande interesse per capire la natura, le aporie ed i limiti del governo.  Un'analisi che mentre smonta la campagna di satanizzazione del governo  da parte dei poteri forti italiani ed europei—governo tacciato come d' estrema destra se non addirittura fascista — sottolinea come esso provi davvero ad operare una positiva inversione di marcia rispetto alla politiche seguire negli ultimi decenni.

*  *  *
Cento giorni sono un nulla, un soffio nella vita di una nazione. Per i governi, invece, i primi cento giorni sono importanti, il momento in cui mettere in vetrina i simboli della propria politica. Così è nella società dello spettacolo, dove l'apparenza conta più della sostanza. Lo è un po' meno per lo strano "tripartito" nato il 1° giugno scorso.

L'importanza dell'apparenza è infatti inversamente proporzionale al peso della sostanza. Se un governo è pura continuità rispetto al precedente, si può star certi che metterà subito in bella mostra la propria inutile ma rilucente mercanzia. Pensate a Renzi e capirete di cosa sto parlando.


Se invece un governo porta con sé un vero, per quanto contraddittorio, programma di cambiamento, il discorso cambia. Il peso dell'apparenza si riduce di molto, mentre i riflettori saranno tutti puntati sulla sostanza. E' giusto e naturale che sia così. In questi casi al tipico gioco delle parti tra maggioranza ed opposizione parlamentare si sostituisce bruscamente lo scontro immediato.

Mai si era vista nell'intera storia d'Italia, cioè dall'ormai lontano 1861, un governo accolto dalla totale opposizione dell'establishment. I grandi poteri economici, la Confindustria, la grande stampa all'unisono, spalleggiati ovviamente dall'intera oligarchia eurista, hanno subito dichiarato guerra alla maggioranza gialloverde, i cui ministri (tranne quelli di stretta nomina mattarelliana) sono stati qualificati come incapaci ed irresponsabili, portatori di visioni irricevibili, antiliberiste (vedi la discussione sulle nazionalizzazioni) piuttosto che nazionaliste.

Del governo Conte la stampa sistemica dice tutto e il contrario di tutto. Che tradirà giocoforza il suo programma, ma che se lo realizzasse sarebbe ancora peggio: un vero disastro per il Paese. Gli stessi organi di informazione riescono ad attaccarlo perché troppo statalista, ma pure troppo liberista per la proposta della flat tax. Insomma, un vero mostro dalle multiformi fattezze, ma mai con un lato buono.

E già quest'assenza di "lati buoni" per lorsignori dovrebbe renderlo interessante per chiunque voglia provare a costruire un'alternativa al regime dell'ultimo quarto di secolo: quello basato sull'ideologia mercatista, su un mix di neo ed ordoliberismo, dove liberalizzazioni ed austerità si sono fuse in quel tutt'uno che ha precipitato la vita di milioni di persone nella precarietà e nella diffusa povertà dell'oggi.

Su tutto ciò la nostra posizione è nota. Pensiamo, fino a prova contraria, che l'attuale governo - aprendo di fatto lo scontro con l'Unione europea - rappresenti un passo avanti verso la strada della liberazione nazionale, premessa di quell'alternativa sociale - per noi il socialismo - di cui in tanti cominciano a riscoprire una nuova attualità. Pensiamo questo nonostante le enormi contraddizioni presenti nella maggioranza M5S-Lega, e nonostante il compromesso di fine maggio (per noi sbagliato) che ha permesso ai poteri sistemici di infiltrare il governo con una vera e propria Quinta Colonna capitanata dal ministro Tria.

E' quest'ultimo fatto - sempre dimenticato sia dai media mainstream che dall'opposizione di "sinistra" - che ci fa parlare di "tripartito". E la ragione di tale dimenticanza è semplice. Alle forze sistemiche serve a dire che M5S e Lega non riescono a realizzare il loro programma, senza dire mai che il primo freno all'azione di governo viene proprio da quella Quinta Colonna loro amica. Per la sinistra sinistrata il giochino è simile. Fingendo di non vedere lo scontro interno all'esecutivo essa ama presentare il governo Conte come se fosse in continuità con quelli precedenti. Dato che Tria non è poi tanto diverso da Padoan, essi concludono che Di Maio e Salvini sono come Renzi e Gentiloni.

Un errore, a nostro modesto avviso, semplicemente catastrofico.

Sarà in larga misura la prossima Legge di Bilancio a fare chiarezza sulle prospettive politiche, ma certo non è inutile dedicarsi intanto ad un primo bilancio dell'azione del governo. Torniamo così ai primi cento giorni da cui siamo partiti, tentando di vedere luci ed ombre, limiti e potenzialità di una situazione politica che ognuno può qualificare come vuole, ma di cui nessuno può negare l'assoluta novità nel panorama europeo.

Per comodità espositiva dividerò questo bilancio in cinque categorie: la politica economica, la politica sociale, la politica estera, l'immigrazione, la democrazia. In ultimo, solo in ultimo, il tema che appassiona torme di intellettuali per alcuni decenni lievemente dormienti davanti al disastro che si stava compiendo: il presunto quanto inesistente fascismo che si starebbe aprendo la strada grazie ad un'altrettanto inesistente ondata di razzismo.

1. La politica economica

E' questo, in tutta evidenza, il principale terreno di scontro dentro e fuori dal governo. E, senza nulla togliere al resto, devono essere le misure economiche e sociali il primo metro di giudizio per valutare il governo.

Tre, a mio parere, le questioni da segnalare. In primo luogo la riapertura del tema delle nazionalizzazioni, e scusate se è poco. In secondo luogo, l'aggiustamento delle posizioni sulla flat tax. In terzo luogo le misure annunciate in materia di rinazionalizzazione del debito.

Le nazionalizzazioni - Su questo punto c'è poco da dire. Si tratta obiettivamente di un'enormità. Una decisa inversione di tendenza non solo a livello italiano, ma nell'intero continente. Per decenni la parola d'ordine - a sinistra come a destra - è stata "privatizzare". Oggi si comincia ad andare in direzione contraria. Certo, per ora siamo alle parole, ma in politica le parole pesano.

La prima nazionalizzazione sarà probabilmente quella di Alitalia. Tralasciamo qui, per ragioni di spazio, il pur importante dibattito sulle diverse possibili modalità di questa operazione. Quel che conta è che siamo passati dalla linea della svendita della vecchia compagnia di bandiera, al suo possibile rilancio attraverso la nazionalizzazione.

La seconda questione in ballo è quella della gestione delle autostrade. Lo scandalo delle concessioni oltremodo vantaggiose, varate dal governo Prodi a favore di speculatori come i Benetton, ha aperto la discussione. Certo, i settori più conservatori della Lega hanno per ora frenato la scelta della nazionalizzazione, ma intanto Conte ha ribadito il ritiro della vecchia concessione ad Autostrade per l'Italia, lasciando così del tutto aperta questa partita.

C'è stato un terzo tema che avrebbe potuto imprimere una svolta più decisa all'intervento dello Stato in economia. Si tratta, ovviamente, della vicenda dell'Ilva, dove ad una positiva conclusione sul piano sindacale - l'occupazione è stata difesa, come pure i salari ed i diritti dei lavoratori - si è accompagnata in negativo la rinuncia alla nazionalizzazione della più grande acciaieria d'Europa (quella di Taranto) finita così nelle mani della prima multinazionale del settore, Arcelor Mittal. Decisamente un'occasione mancata, un fatto che dobbiamo segnalare in negativo, ma senza dimenticarci che non si è trattato di un passaggio dal pubblico al privato, dato che quello era già avvenuto negli anni '90 ad opera dei governi Dini e Prodi, quando l'Ilva venne svenduta ad Emilio Riva, in seguito gran finanziatore dei piddini. Certo, non un buon motivo per lasciarla in mani private adesso, ci mancherebbe, ma almeno i vecchi (e mai troppo pentiti) alleati del Mortadella dovrebbero tacere.

La flat tax - Abbiamo da sempre segnalato come sia questo il punto più negativo del cosiddetto "contratto" tra Lega e Cinque Stelle. Siamo per la progressività del sistema fiscale, che anzi dovrebbe estendersi dall'Irpef ad altre forme di tassazione.

Proprio per questo vediamo con favore il progressivo svuotamento della stessa idea della flat tax, del tutto inaccettabile nella sua versione originaria di tassa piatta al 15%. Già nel programma di governo si è chiamata impropriamente flat tax un ipotetico sistema a due aliquote (15 e 20%), anch'esso iniquo e insostenibile socialmente prima ancora che finanziariamente.

Oggi, mentre dovrebbe andare in porto un forte abbattimento della tassazione delle partite IVA a basso reddito, pare che il progetto flat tax sia sostanzialmente su un binario morto. Adesso l'ipotesi sembra quella di arrivare a tre aliquote, ma a partire dal 2020. Dunque se ne riparlerà probabilmente solo nel 2019. Ogni giudizio va perciò rimandato, anche perché nel fisco più che in ogni altra materia, il diavolo sta nei dettagli, visto soprattutto l'incredibile numero di detrazioni e deduzioni che complicano a dismisura l'attuale sistema fiscale e la sua effettiva progressività.

Nel frattempo forte dovrà rimanere il contrasto allo schema originario della tassa piatta, la spinta per favorire un ripensamento complessivo. Il fatto che si stia ragionando su ipotesi molto meno estreme, anche se tuttora non condivisibili, è la dimostrazione di come il governo - e nel caso specifico la Lega - sia di fatto permeabile alle critiche che provengono dalla società, in primo luogo dal blocco sociale che ha spinto così in alto il consenso alle forze populiste.

La rinazionalizzazione del debito - E' questo un punto meno discusso, ma non meno importante degli altri. Abbiamo visto nelle scorse settimane come l'arma decisiva dell'opposizione del blocco eurista sia il famigerato spread. E' chiaro come quest'arma potrà essere annientata solo con la piena riconquista della sovranità monetaria. Tuttavia, alcune cose possono essere fatte da subito.

Per tagliare le unghie agli avvoltoi della finanza internazionale, una prima mossa da fare è quella della rinazionalizzazione del debito, oggi in mani estere nella misura del 28% (713 miliardi di euro). Sul perché di questa esigenza abbiamo già scritto di recente, proponendo quelli che lì abbiamo chiamato "Btp famiglia".

La novità è che, stando a diverse indiscrezioni di stampa, il governo avrebbe ormai pronto un disegno di legge per varare qualcosa di simile ai "Btp famiglia". Si tratterebbe dei Cir (Conti individuali di risparmio), un nuovo strumento finanziario, con appositi meccanismi di incentivazione fiscale, pensato per indirizzare stabilmente gli investimenti delle famiglie verso i titoli di stato italiani. Indubbiamente un fatto molto positivo, anche se per questa via i tempi della necessaria rinazionalizzazione non potranno essere brevissimi. Ma, come abbiamo già detto, si tratta di un'arma comunque utile per combattere i "signori dello spread", all'interno di una battaglia più generale che potrà essere vinta solo uscendo dalla gabbia dell'euro.

2. La politica sociale (e ambientale)

Qui per il blocco dominante la pietra dello scandalo è stato il Decreto Dignità. Ma come vi permettete - si son detti lorsignori - di mettere dei limiti a quel meraviglioso processo di precarizzazione crescente che da un quarto di secolo allieta il nostro paesaggio sociale, siete proprio degli irresponsabili!

Ora, le misure concrete del Decreto Dignità sono davvero modeste. Diciamo che se il grado di precarizzazione del lavoro era arrivato a 100, con la nuova legge gialloverde esso è sceso solo a 90. In termini assoluti decisamente poco, ma l'inversione di tendenza è stata chiara. E la rabbia di Confindustria sincera. Anche perché se si dimostra che la strada della precarizzazione non è irreversibile, si comincia a smontare l'idea di TINA (There is no alternative), aprendo oggettivamente lo spazio all'iniziativa dal basso, forse ad una nuova stagione di lotte.

Mentre per il Reddito di Cittadinanza lo scontro è pesante, soprattutto tra M5S ed il ministro Tria che è sempre più ligio ai vincoli europei, sulle pensioni sembra ormai certo che si arriverà già dal 2019 a "quota 100", con un minimo d'età a 62 anni. Questo significherà, nel tempo per milioni di lavoratori, un anticipo della pensione da 1 a 5 anni. Un chiaro segnale di stop a quell'austerità che ha avuto nella Legge Fornero il suo simbolo indiscusso.

Un altro provvedimento molto positivo, che dovrebbe vedere la luce in questi giorni, è il ripristino della cassa integrazione a zero ore, uno strumento - cancellato dal Jobs Act renziano - a tutela dei lavoratori delle aziende che cessano l'attività, ad esempio perché delocalizzano la produzione in altri paesi, come nel recentissimo caso della multinazionale belga Bekaert, che ha chiuso il proprio stabilimento in Toscana per spostarlo in Romania.

E che sul piano sociale si stiano aprendo nuove prospettive è dimostrato anche dall'iniziativa di Di Maio contro il lavoro domenicale nei negozi, specie nei centri commerciali, la cui apertura venne totalmente liberalizzata nel 2012 dal governo Monti. Non sappiamo adesso quale sarà esattamente il contenuto del provvedimento legislativo annunciato, ma francamente erano decenni che non sentivamo un uomo di governo a livello apicale mettere il diritto al riposo dei lavoratori davanti alle esigenze onnivore del capitalismo globale, quello che pretende lavoro, affari, sfruttamento h24. Quello non a caso osannato dall'attuale opposizione.

Su questa, come su altre questioni che rimandano ad una più generale visione della società, le differenze tra Lega e Cinque Stelle sono del tutto evidenti. Del resto è questa la caratterista dell'attuale governo, frutto di un'alleanza tra un populismo di destra ed un populismo di sinistra, talvolta con connotazioni e diversificazioni interne che sfuggono anche a questa classificazione.

Tra le questioni dove le differenze emergono con più nettezza c'è senza dubbio quella ambientale, anche questo un fronte sul quale il governo andrà giudicato dai fatti concreti. Per ora possiamo dire che sul risanamento dell'Ilva gli impegni ci sono, ma che andranno verificati, e che non sarà facile fare i conti con una multinazionale come Arcelor Mittal.

Laddove le divergenze interne alla maggioranza sono più forti è sul tema delle cosiddette "grandi opere". Se ancora non sappiamo dove porterà il riesame al progetto TAV imposto dal ministro Toninelli, l'incertezza è forte anche sul destino del gasdotto TAP, decisamente avversato dalle comunità pugliesi toccate dall'opera. Se la TAV è fortemente sponsorizzata dall'UE, il TAP è voluto in primo luogo dagli USA per le ben note ragioni geopolitiche. La partita è dunque complessa, e rimanda a scelte politiche che vanno ben oltre le preoccupazioni ambientali per le quali si battono giustamente le comunità locali.

3. La politica estera

Su questo versante non possiamo dire che siano avvenute grandi cose. Al Ministero degli Esteri Mattarella ha imposto un suo uomo, Moavero Milanesi, mentre M5S e Lega sembrano in tutt'altre faccende affaccendati.

Se sulla Libia domina la prudenza, sui pericolosi sviluppi della situazione siriana vige il più assoluto silenzio, dopo che ad aprile Salvini era stato il più netto nel condannare l'escalation americana.

Due sono invece le cose positive da segnalare: il no al Ceta, sul quale Cinque Stelle e Lega sono assolutamente compatti; il pronunciamento contro le sanzioni alla Russia, che al momento non ha però prodotto alcun atto concreto.

La posizione sulla Russia rappresenta di certo una novità nel quadro europeo, dove l'UE - sempre pronta ad imbracciare l'arma del "politicamente corretto" e dei "diritti civili" quando gli fa comodo - non ha trovato una parola di condanna del governo ucraino, neanche di fronte alle recenti dichiarazioni del presidente del parlamento di Kiev inneggianti ad Hitler.

Di fatto il governo Conte si è dissociato dalla russofobia alimentata dall'Unione europea, e questo non è poco. Questa posizione non è stata però sostenuta con la forza necessaria, ed alle dichiarazioni non si è fatto seguire un veto in sede europea, laddove il no di Roma avrebbe posto fine a sanzioni assurde, ingiustificate e del tutto contrarie agli stessi interessi nazionali.

Il no al Ceta pare invece una scelta più netta e convinta. Importante dal punto di vista pratico, ma ancor più da quello simbolico, essendo il primo no ad uno di quella serie di trattati che hanno imposto ed accompagnato la globalizzazione capitalistica come una specie di intramontabile "sol dell'avvenir" di quest'epoca sciagurata. Decisamente una scelta importante e da sostenere.

4. L'immigrazione

L'immigrazione non è certo il primo problema della società italiana, ma sbaglieremmo a non vederne gli effetti, specie quelli sul mercato del lavoro e sui salari. Chi li nega è semplicemente fuori dalla realtà. Che lo sia per cecità o disonestà intellettuale dipende dai casi, ma il risultato non cambia: una capacità di comprensione della situazione sociale pari a zero che lascia alla destra una grande prateria di consensi.

Come detto, parleremo solo in fondo della questione "razzismo", limitandoci qui a mettere a fuoco le azioni di Salvini (quale ministro dell'Interno) ed il loro effetto politico.

La prima cosa da dire è che il flusso migratorio dall'Africa - per certi aspetti un vero e proprio traffico di schiavi - si è quasi del tutto azzerato. E così, per fortuna, le morti nel Mediterraneo. Intendiamoci, quel flusso era già crollato sotto l'azione (a suon di mazzette alle tribù libiche) del precedente ministro, il piddino Marco Minniti. Ma, appunto, perché se l'azione di Salvini ha di fatto proseguito quella del Minniti solo adesso si grida al razzismo?

In ogni caso le mosse di Salvini hanno consentito diversi risultati. In primo luogo si è messo fine al ruolo delle Ong, smascherandone la loro funzione di traghettatori di un ignobile traffico di esseri umani gestito da criminali della peggior specie. In secondo luogo si è smascherata l'ipocrisia di alcuni paesi, in primis la Francia, ma anche la Spagna, i cui governanti son sempre pronti a far la predica, molto meno ad accogliere migranti. In terzo luogo si è rivelata la vera natura dell'Unione europea, incapace di qualsiasi decisione che possa dispiacere all'asse Carolingio, ed incapace perfino a dar seguito alle promesse di una minima solidarietà con l'Italia che non si è mai vista.

La stampa, non solo quella italiana, si è occupata a lungo del caso della nave "Diciotti", trattenuta per alcuni giorni nel porto di Catania proprio per mettere alla prova quella "solidarietà". Certo, i migranti a bordo hanno avuto i loro disagi, ma davvero si può parlare di "sequestro di persona" come nell'indagine avviata dalla magistratura nei confronti del ministro dell'Interno?

Suvvia! Cosa avrebbe dovuto fare allora la magistratura nel 1997 nei confronti del quasi santoGiorgio Napolitano, allora ministro dell'Interno del governo Prodi, della cui maggioranza faceva parte pure Rifondazione Comunista?

Cosa avvenne lo abbiamo rammentato a giugno, parlando della vicenda della nave Aquarius:
«Come non ricordare il blocco navale del 1997 contro i barconi albanesi deciso dal governo Prodi? Quel blocco non fu senza tragiche conseguenze. Nella notte del 28 marzo 1997, un Venerdì Santo, la motovedetta albanese Kater I Rades venne speronata da una nave della Marina militare italiana. Morirono 81 persone, trentuno di loro avevano meno di 16 anni. Ma Prodi è "buono" per definizione, ed in Europa nessuno oserebbe attaccarlo. Salvini invece...».

Le cose sono così chiare che possiamo fermarci qui.

5. La democrazia

La democrazia è fatta di tante cose. Intanto sia Cinque Stelle che Lega hanno combattuto entrambi, nel 2016, la battaglia per affossare la controriforma della Costituzione voluta da Renzi. Ma naturalmente questo non è sufficiente a descrivere un'idea di democrazia più precisa, tantomeno univoca, delle forze dell'attuale maggioranza. Tuttavia, due fatti vanno segnalati.

Il primo riguarda l'informazione, in un quadro dove i principali media sono uniti in una sorta di patto di sangue contro il governo gialloverde. Al momento né Di Maio né Salvini hanno mostrato di cercare un accomodamento con i signori del "quarto potere". Hanno invece provato ad introdurre un forte elemento di cambiamento e di discontinuità in quel verminaio che si chiama Rai. La candidatura di Marcello Foa alla presidenza della Tv pubblica, per ora non approvata dalla Vigilanza, ma che verrà riproposta a breve, mostra una vera volontà di cambiamento.

E non è certo un caso che le forze sistemiche si siano subito violentemente schierate contro un giornalista non asservito al potere, un personaggio fuori dal coro, un critico tenace della globalizzazione e dell'Unione europea.

Il secondo punto riguarda l'uscita di Salvini ad agosto sulla possibile reintroduzione, in altre forme, dell'esercito di leva. Proposta al momento accantonata, ma pur sempre interessante, anche se certi "pacifisti" ci prenderanno di certo per militaristi. La verità è che l'esercito professionale, che ha preso il posto di quello di leva, si è dimostrato - come ampiamente previsto - come il miglior strumento per partecipare alle imprese imperialiste, ad avventure militari di ogni tipo, sempre decise a Washington o nel vertice Nato in spregio allo stesso art. 11 della Costituzione.

Basterebbe, per cambiare strada, il semplice ritorno all'esercito di leva? Ovviamente no, non siamo così ingenui, ma che il tema della leva richiami una visione democratica dello Stato ci pare una cosa assai difficile da negare. E che si sia tornati a parlarne è già qualcosa.


E ora..."fascismo", "razzismo" e chi più ne ha più ne metta...

Ci siamo dedicati finora ad una ricostruzione dei primi cento giorni del governo gialloverde. Una ricostruzione dove mi è parso giusto considerare le cose fatte, quelle in dirittura d'arrivo, le prese di posizione più importanti, i temi riportati nel dibattito politico, insieme agli evidenti problemi che percorrono la maggioranza uscita dal voto del 4 marzo.

Ma siccome non viviamo sulla luna, è doveroso soffermarci, prima di chiudere, sulle accuse di "fascismo" e di "razzismo" indirizzate da tanti intellettuali e militanti della sinistra - italiana ed europea - contro l'attuale governo. Lo faremo però in maniera sintetica, anche perché tante cose le abbiamo già dette in questi mesi di intensa polemica politica.

Fascismo? - Abbiamo scritto tante volte che non si dà fascismo se non come reazione della classe dominante ad un pericolo rivoluzionario. Qui, purtroppo, il "pericolo" rivoluzionario in senso classico proprio non si vede, ma si vede invece lo schierarsi compatto delle classi dominanti contro il governo che si vorrebbe "fascista". Abbiamo cioè l'esatto contrario di quel che il fascismo storicamente è stato. Può essere questo un banale dettaglio? Suvvia, siamo seri.

Ma il fascismo è stato anche, e preminentemente, un fenomeno di sopraffazione violenta, di annientamento fisico delle organizzazioni del movimento operaio e delle classi subalterne in genere. Abbiamo adesso qualcosa del genere? Vi sono forse squadracce che girano per il Paese con manganelli, olio di ricino, o con qualcosa oggi equivalente a quegli strumenti di un secolo fa? Ovviamente no. Di nuovo, siamo seri.

Il fascismo è stato dittatura, accentramento del potere, censura e controllo totale dei media. Certo, alla dittatura si arrivò per gradi, ma che forse possiamo parlare di accentramento del potere, quando semmai il vero problema è che i grandi poteri oligarchici sono tutti (sottolineo, tutti) contro un governo uscito da un voto democratico? In quanto ai media abbiamo già detto. Altro che controllo! Qui il controllo c'è, ma da parte delle forze d'opposizione! Per essere più precisi - dato che i partiti d'opposizione sono in preda ad un'autentica crisi esistenziale - da parte dei centri di potere che dirigono di fatto l'opposizione stessa.

Cos'è dunque questo fascismo immaginario che unisce la narrazione dei dominanti a quella della sinistra sinistrata? A me pare, semplicemente, una comoda fuga dalla realtà, una reazione psicologica all'imprevisto, un modo furbesco quanto sterile di ritrovare una propria efficacia non con la forza delle proprie idee, ove ve ne fossero, quanto piuttosto con la costruzione di un nemico irreale quanto mostruoso. Auguri!

Razzismo? - Se non esiste il fascismo inteso come fenomeno politico, il che non esclude ovviamente l'esistenza di singole soggettività fasciste, cosa possiamo dire del razzismo?

La stampa si è data molto da fare, nei mesi estivi, per descrivere un'Italia in preda di un'ondata razzista alimentata da un certo armamentario linguistico salviniano. Sicuramente certi toni di Salvini, assolutamente inaccettabili, hanno favorito questa narrazione su un razzismo montante e senza freni.

Ma è questa la realtà? Direi proprio di no. Episodi razzistici sono sempre avvenuti, e le statistiche ufficiali non mostrano l'impennata di cui i media hanno tentato di convincerci. Clamoroso il caso di Moncalieri, dove si è cercato di far passare per razzismo fascioleghista la bravata (un lancio di uova verso donne sia bianche che nere) di un gruppo di balordi che agivano a bordo della macchina di un consigliere comunale del Pd, padre di uno di loro. Certe volte il ridicolo colpisce più di tanti discorsi!

Non che non esista il problema razzismo in generale. Esiste, anche se sarebbe più corretto parlare di xenofobia, dato che il razzismo in senso stretto presume una concezione suprematista largamente estranea alla cultura italiana. Quel che non esiste proprio è invece l'"ondata razzista". Ci sono episodi, talvolta gravi e comunque da combattere, ma non c'è nessuna "ondata" legata all'arrivo a Palazzo Chigi dei populisti. Questo sarebbe l'ora che venisse riconosciuto da ogni persona onesta.

Certo, il tema è facilmente riconducibile a quello delle migrazioni. E qui c'è un problema, perché il binomio leghista "blocco dei flussi + espulsione dei clandestini" non regge alla prova dei fatti. Esso nasce come reazione al caos globalista delle migrazioni (cioè, fondamentalmente, dell'importazione di schiavi senza diritti) come bene a prescindere. Ma la formula del futuro non potrà essere questa, bensì quella del governo dei flussi + l'integrazione dei migranti presenti. Uno stato sovrano e democratico dovrà controllare il fenomeno, combattere i trafficanti di esseri umani, dare cittadinanza, dunque diritti politici e sociali, a chiunque viva, studi e lavori in Italia da un certo periodo di tempo.

6. E adesso?

Ci siamo soffermati sulle parole chiave di "fascismo" e di "razzismo" per l'uso smaccatamente strumentale che se ne è fatto in questi mesi. La campagna delle forze sistemiche è però clamorosamente fallita. M5S e Lega avevano il 4 marzo il 50% dei voti, oggi i sondaggi le stimano un po' sopra al 60%. La gente non è poi così gonza come pensano lorsignori.

I problemi sono adesso ben altri. In primo luogo quelli legati al varo della Legge di Bilancio, con l'inevitabile scontro con la Quinta Colonna infiltrata da Mattarella nell'esecutivo, a partire dall'ineffabile ministro Tria.

Non si dà l'avvio di un vero cambiamento senza la battaglia contro le forze che vogliono impedirlo a tutti i costi. Oggi queste forze - quelle del blocco eurista - hanno trovato il loro campione proprio in Tria. Tutto ciò a dimostrazione di quanto siano strumentali gli altri argomenti di cui abbiamo parlato poc'anzi. A lorsignori interessa solo una cosa: che non si rompa seriamente con il dogma eurista e le sue sacre regole.

A me non pare che il duo Di Maio-Salvini, il vero asse su cui si regge il governo, abbia intenzione di capitolare. Vorrebbe evitare lo scontro adesso, questo è sicuro, ma non è detto che questa tattica venga assecondata dagli avversari. Anch'essi però sono deboli e debbono stare attenti. Non hanno alternative politiche in parlamento, né il consenso necessario per tornare alle urne. Si annuncia dunque un lungo tiro alla fune. La mobilitazione popolare è necessaria e la sinistra patriottica sa da che parte stare. 

Continua »

Print Friendly and PDF

DDL PILLON: AFFIDO CONDIVISO E BIGENITORIALITÀ

[ 20 settembre ]

Simone Pillon, avvocato bresciano (ma vive a Perugia) è oggi senatore della Lega. Come si evince dalla foto è stato uno tra gli organizzatori dei tre Family Days del 2007, del 2015 e del 2016. Noi l'abbiamo conosciuto durante la campagna per la vittoria del NO al referendum costituzionale del 4 dicembre 2016.

Egli è promotore di un Disegno di legge che porta questo titolo «Norme in materia di affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bigenitorialità» — il testo integrale — che va suscitando molte critiche, soprattutto sulla stampa progressista. Vedi: Con il disegno di legge Pillon sulla famiglia torniamo indietro di cinquant’anni” (LA STAMPA); "Riforma Pillon: con il ddl per (certi) avvocati e psicologi non è affatto finita la pacchia" (Repubblica); "Affido condiviso, il ddl Pillon non consegni i bambini a genitori violenti" (IL FATTO QUOTIDIANO)

Su change.org circola una petizione che condanna il Ddl Pillon come prodotto di una 
«cultura patriarcale e fascista che, fingendo di mettere al centro la famiglia come istituto astratto e borghese, tenta di schiacciare la soggettività e la libertà delle donne ancorché dei minori» 
e indice una manifestazione nazionale a Roma per il 10 novembre.

Come stanno davvero le cose? Apriamo una discussione seria.

Pillon ha presentato l'altro ieri il Ddl in una conferenza stampa che è bene ascoltare per farsi un giudizio oculato.

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 19 settembre 2018

PATRIOTTISMO SÌ, NAZIONALISMO NO di Moreno Pasquinelli


[ 19 settembre 2018 ]

In molti ci segnalano che sui "social" imperversa (si fa per dire) la campagna contro il "rossobrunismo". Li ringraziamo ma ne siamo al corrente. In Rifondazione, con l'avallo di una direzione compiacente, si è giunti ad una vera e propria caccia alle streghe, con dossier concepiti nella migliore tradizioni spionistica. Il tentativo è quello di isolare la nascente e sempre più ampia e trasversale sinistra patriottica. Secondo gli istigatori del "dagli all'untore" il patriottismo equivarebbe a nazionalismo, ergo al fascismo. Niente di più erroneo.
Riteniamo utile, al fine di smontare questa disgraziata equazione, ripubblicare un intervento di Pasquinelli che pubblicammo il 17 dicembre di due anni fa, subito dopo la vittoria del NO al referendum costituzionale. Si tratta dell'intervento che venne pronunciato lo stesso giorno a nome di Programma 101. all'incontro di Bologna.


Segnaliamo, sul tema PATRIOTTISMO E NAZIONALISMO le seguenti lezioni:

Prima Lezione - Le origini democratiche e rivoluzionarie del patriottismo italiano

Seconda Lezione - La nascita dello Stato unitario e la svolta nazionalistica
Terza Lezione -  Il nazionalismo come maschera dell'imperialismo
(Prossimamente le ultime due elezioni)
*  *  *
Cari compagni,

non mi dilungherò sulla portata e sui significati che la massiccia vittoria del NO al referendum ha portato alla luce. Essi sono infatti, per chi voglia davvero vederli, espliciti, primo fra tutti che si va velocemente sfaldando la lunga supremazia delle élite dominanti, che nel Paese la larga maggioranza chiede una svolta profonda, sociale e politica. Il Paese non soffre solo una crisi economica e sociale la più drammatica, la maggioranza del popolo avverte che esso vive una vera e propria crisi esistenziale. Mettiamola così intanto: il Paese è diviso in due blocchi sociali eterogenei e contrapposti: quello della conservazione neoliberista, oligarchico e globalista, e quello antioligarchico e nazionale-popolare. Se nel primo è il Pd l’elemento portante, nel secondo è il M5S. La situazione è tuttavia fluida, nuovi spostamenti dentro questi du blocchi avverranno, e tutti e due, sotto la pressione degli eventi e del conflitto, sono destinati, prima o poi, a lasciare il posto a nuovi protagonisti. Sicché possiamo affermare che in entrambi questi campi è aperta la lotta per l’egemonia

Vorrei agganciare il mio ragionamento politico sull’IMPLICITO, sul segno anti-europeo e anti-globalista che il NO contiene e su ciò che ne consegue per tutti noi.
Dopo decenni di sbornia europeista l’ostilità all’ordine eurocratico è diventato senso comune, si esprime non solo in uno “stato d’animo” fuggente, bensì nella consapevolezza che la globalizzazione è insostenibile, quindi del carattere oligarchico, antipopolare, antidemocratico di quest’Unione matrigna. Il timore di ciò che potrebbe accadere dopo l’inevitabile implosione è il fattore che trattiene l’euroscetticismo diffuso del divenire ripudio deciso.

Questo spiega perché sia il Movimento 5 Stelle ad avere il vento in poppa. La ragione del suo successo è che si tratta di una forza che con grande abilità insegue l’umore delle masse colpite dalla crisi sistemica, che si limita a dare voce al senso comune, alimentando l’illusione di quella che potremmo chiamare “rivoluzione gentile”. Sappiamo che gli avvenimenti innanzi a noi faranno a pezzi certe illusioni, ma stiamo attenti a sottovalutare la questione Cinque Stelle. Proprio per questa loro capacità di mettersi in sintonia con le masse degli esclusi potrebbero essere costretti, e nel caso lo vedremo presto, ad alzare il tiro, passando da un frenetico attivismo istituzionale ad una funzione di stimolo della mobilitazione extra-parlamentare. Dio ce ne scampi quindi da ogni settarismo, più che mai dal lanciare l’anatema che M5S sia un movimento gatekeeper. Dobbiamo invece avere un approccio critico ma unitario perché se vogliamo costruire quello che noi di Programma 101 chiamiamo blocco anti-oligarchico o costituzionale pronto alla sfida del governo, è evidente che i Cinque Stelle sono, fino a prova contraria, nostri alleati. Che poi, nella temperie del conflitto i nemici di oggi possano diventare alleati domani, e viceversa, è una lezione che ci viene dalla storia.


Ugo Boghetta e Mimmo Porcaro ci segnalano la necessità di un’accelerazione, quella di costruire qui e ora un nuovo soggetto politico non minoritario. Ne descrivono i lineamenti essenziali: “un movimento popolare, costituzionale, per la sovranità e la riconquista dell’indipendenza nazionale”.

Siamo d’accordo, siamo d’accordo se intendiamo questo soggetto come un fronte, un polo, una casa in cui possano abitare, confederati sulla base di regole stringenti, le diverse e indipendenti corrrenti politiche sovraniste e democratiche. Immaginare una rapida reductio ad unum sarebbe velleitario, destinato al fallimento. In questa casa, posto l’accordo su un programma di misure imprescindibili per mettere in sicurezza il Paese, dev’esserci posto sia per coloro che considerano la Costituzione il non plus ultra, che per chi, come noi, tiene ferma la stella polare del socialismo. Sia per coloro, come noi, che ritengono necessaria l’uscita unilaterale da eurozona e Unione, sia per chi immagina una separazione consensuale e chiede sovranità monetaria ma permanendo in un’Unione riformata.
Dato che i ritmi della crisi diventeranno più incalzanti, giusto tentare di costruire questo polo-fronte politico in tempi stretti. E d’accordo anche nel tentare dare vita ad un pensatoio che potrebbe affiancare sperabilmente questo fronte.

Ugo e Mimmo pongono quindi il dito sulla piaga più dolorosa, sollevando il problema della identità e dei linguaggi che dovremmo utilizzare per farci largo tra le masse. Abbiamo idee quanto mai chiare su come uscire dal marasma e mettere in sicurezza il Paese; abbiamo detto anche troppo sulla dimensione economica della rottura con l’euro. Ma non possediamo ancora un linguaggio che ci aiuti ad essere compresi e apprezzati dalle larghe masse. Utilizziamo un politichese intellettualistico, tecnicistico, spocchioso, che i semplici non capiscono. Dobbiamo smettere di cantare la messa in latino, e parlare la lingua volgare del popolo. E qui si spiega la riflessione che tutti ci riguarda sul populismo.

Tuttavia, come ci insegna Carlo Formenti, populismo non è solo linguaggio: Dio ce ne scampi da un populismo che sia solo tecnica politica, retorica narrativa o addirittura demagogica. Esso è invece un discorso simbolico che punta, prima ancora che alla sfera razionale, al cuore del popolo ferito e vilipeso; è un appello che commuove chi lo riceve e che suscita sentimenti di riscatto sociale; un racconto che porta a galla dimensioni spirituali nascoste nelle profondità della storia di ogni nazione. Quando la situazione è drammatica nessuna narrazione politica può sperare di diventare egemonica se non hapathos. Populismo, per quanto ci riguarda populismo socialista, è quindi l’incontro tra una visione radicale ed una pratica politica di massa. E’ anzitutto l’identificazione di un nemico, su cui concentrare l’odio sociale e contro il quale si chiama alla lotta per annientarlo.


La discussione sulla identità, se non è disquisizione politicista, deve spingerci a trovare questo discorso, una narrazione grande, unificante, che muova le larghe masse.
Lasciatemi quindi dire che né l’appello democratico alla applicazione della Costituzione, né l’abusata e sindacalistica rivendicazione dei diritti sociali, e nemmeno l’uscita dall’euro, riescono a comporre una narrazione che possa liberare le energie popolari, che cioè tocchi corde profonde.
Il discorso che ci serve NON dobbiamo inventarlo, lo abbiamo già, ma sta nascosto, tra le pieghe di questi livelli di realtà, sepolto sotto vecchi paradigmi. Dobbiamo portalo allo scoperto.  

E’ il discorso del patriottismo. Il popolo può diventare protagonista solo se sente di essere una comunità solidale, se e solo non si sente un intruso ma padrone della nazione in cui vive.

Non è qui la sede per ripercorre la genesi storica del patriottismo. Esso, prima di venire trasfigurato dai dominanti nella seconda metà dell’Ottocento in un nazionalismo reazionario, fu rivoluzionario, libertario e democratico. La controffensiva ideologica delle sinistre di allora, marxisti in testa, tutta basata sull’abbandono del patriottismo a favore di un’internazionalismo di evidente matrice cosmpolitica proto-borghese, fece fiasco, e ne paghiamo ancora le conseguenze. Di quell’internazionalismo, nato proletario, non resta infatti oggi che il suo sostrato cosmopolitico liberale. Un’arma micidiale: essa è stata la grande e cosmetica narrazione con cui la plutocrazia capitalista ha nascosto la globalizzazione e la sua controffensiva storica.

«Questa tradizione di pensiero è penetrata a sinistra attraverso diverse vie, prima fra tutte la scuola del “diritto cosmpolitico (“weltbürgerrecht”) che va da Hans Kelsen a Jürgen Habermas a Norberto Bobbio. Questo cattivo universalismo, sotto le mentite spoglie del pacifismo e della sacralità dei diritti umani, di una irenica lex mondialis valida erga omnes, si è rivelato il rivestimento cosmetico dell’occidentalizzazione, anzi della americanizzazione armata del mondo». 
Mentre l’internazionalismo cosmpolitico è oggi l’anestetico più potente per imbrigliare e soggiogare i popoli, le terribili ferite inferte al popolo lavoratore e lo spaesamento causati dalla globalizzazione neoliberista stanno facendo risorgere, seppure ancora in forme
latenti, il sentimento di amore per la Patria, il bisogno di sentirsi una Nazione, la spinta alla sovranità, il bisogno di affratellamento comunitario contro il nemico esterno e i suoi lacchè interni. I grandi capitalisti non solo non si sentono italiani, essi si sentono parte di una famiglia capitalista predatoria globale, ed agiscono come elemento dissolutore e distruttore della nazione.

Si può e si deve declinare e raccontare questo patriottismo come opposto e antagonista al nazionalismo di certe destre xenofobe e imperialiste. E per questo è importante il linguaggio, il codice simbolico con cui lo utilizziamo. Il nostro patriottismo è democratico, repubblicano, antifascista, quindi costituzionale. Fa suo il senso popolare di appartenenza alla nazione, che ha radici in vincoli di storia, di memoria, di lingua e di cultura. Questo patriottismo socialista non nasconde di essere italiano, se condanna i crimini storici commessi in nome della Patria, deve andare orgoglioso delle sue radici moderne, democratiche e socialiste, quelle che hanno innervato il Risorgimento, la prima resistenza antifascista capeggiata dagli Arditi del Popolo, fino alla Resistenza partigiana, che è stata anzitutto una guerra patriottica di liberazione nazionale.

Il nostro patriottismo è nemico del nazionalismo, non disprezza chi è diverso, non è intollerante verso gli altri popoli, a cui propone anzi fratellanza. E’ un antidoto contro ogni nazionalismo patologico fondato sul falso mito, potenzialmente razzista, dell’etnicità, che per ciò stesso tende ad a giustificare ogni porcheria, ogni ingiustizia, ogni sopruso commesso dai dominanti in nome della loro patria. Non sembri un’ossimoro: il nostro è patriottismo internazionalista, consapevole di essere erede di una vocazione universalistica italiana che ha radici antiche e che è stato il lievito della successiva civilizzazione europea. E’ perché siamo patrioti che abbiamo condannato lo sterminio sabaudo della rivolta del Mezzogiorno, bollata come brigantaggio. E’ perché siamo patrioti che abbiamo rifiutato di issare il tricolore in Libia. E’ perché siamo patrioti che non abbiamo partecipato alla carneficina imperialista della grande guerra. E’ perché siamo patrioti che abbiamo combattuto la monarchia ed il fascismo. E’ perché siamo patrioti che abbiamo lottato contro il regime democristiano. E’ perché siamo patrioti che abbiamo rifiutato la sudditanza italiana all’imperialismo americano e oggi chiediamo l’uscita dall’Unione europea. E’ perché siamo patrioti che abbiamo difeso la Costituzione e votato NO al referendum.

Il referendum, come ho detto, fotografa un Paese spaccato in due campi sociali contrapposti. Non c’è dubbio su quale sia il nostro campo, è appunto quello antiglobalista e nazionale. Quello che le élite bollano come populista. E’ in questo campo che il fronte patriottico di cui parliamo deve lanciare la sfida dell’egemonia: in opposizione non solo al nazionalismo reazionario ma pure ad ogni cretinismo legalitario. Questo campo è oggi presidiato da due forze principali: il M5S da una parte e dall’altra dalla Lega Nord salviniana. Il luogo che noi dovremmo andare ad occupare prima possibile, il solo che non sia ancora presidiato è, gioco forza, quello che sta sul fianco sinistro dei cinque stelle. E’ uno spazio politico ampio, destinato ad allargarsi ove M5S si dimostrasse del tutto incapace di tirar fuori il Paese dal marasma e ostile alla incipiente sollevazione popolare. Ma il fronte di cui parliamo non deve chiudersi in un recinto. L’appello alla ricostruzione politica e morale della patria dovrà sparigliare le carte nello stesso campo populista, puntare ad erodere il consenso di cui oggi godono le destre nazionaliste, sfondare anche in questo settore.

La crisi si aggraverà, il Paese entrerà in quello che più volte abbiamo definito “Stato d’eccezione”. Quello sarà il momento in cui chi ha sempre comandato sarà scalzato dal governo, in cui la maggioranza che si è espressa per il NO chiederà alle forze populiste di andare al potere. Sarà il momento in cui si deciderà chi vince la partita. Solo se avremo già costruito, sul fianco sinistro del M5S, il fronte di cui parliamo, potremo essere protagonisti della rischiosa partita. Rischiosa perché un fallimento del governo popolare d’emergenza potrebbe concludersi, o in una rivincita delle potenti forze eurocratiche e globaliste, e l’Italia diventerebbe un paese straccione, oppure con una svolta reazionaria capeggiata dagli eredi del fascismo.

Facciamo presto dunque, consapevoli che il nostro Paese, il nostro Popolo, sarà chiamato dalla storia, ancora una volta, nel bene o nel male, ad indicare il sentiero sul quale non solo l’Europa dovrà incamminarsi in futuro.

Continua »

Print Friendly and PDF

VIA TRIA di Sandokan

[ 19 settembre 2018 ]

Come volevasi dimostrare 1: polverone sull'immigrazione si sarebbe dissolto lasciando il posto al vero busillis: la Legge di bilancio. Come volevasi dimostrare 2: il Ministro dell'economia Tria si rivela per quel che è, il Cavallo di Troia che l'èlite eurocratica, mallevadore Mattarella, ha infiltrato nel governo giallo-verde. Tria, malgrado non abbia le fisique du role, si conferma il guardiano del rispetto del "vincolo esterno", l'agente di custodia che tiene imprigionati M5S e Lega e deve impedire che l'Italia evada dalla gabbia dell'euro. Nella neolingua politicamente corretta:
 «Il ruolo di Tria sembra essere cambiato: non è più "solo" un ministro tecnico, ma si è trasformato in un ministro istituzionale. Attaccato dal dal leader del maggior partito di governo, è stato difeso dall'insieme delle forze di opposizione, che di fatti riconoscono nel responsabile dell'Economia il baluardo a tutela dei conti pubblici e della tenuta del sistema». [ F. Verderami sul CORRIERE DELLA SERA di oggi ]
Motivo dello scontro l'impostazione della Legge di bilancio, il casus belli quello delle "coperture" per il Reddito di Cittadinanza —emblema del M5s e sulla cui realizzazione Di Maio e i suoi si giocano la loro stessa credibilità politica come "forza del cambiamento".

Il fatto è che Di Maio non deve solo far fronte al nemico dichiarato che ha nel governo ma pure alla potente fronda capitalista-liberista-nordista che si annida nella Lega e che fa da sponda a Tria, difeso a sua volta dal Presidente del consiglio Conte. Una fronda disposta ad accettare un accordo con l'Unione europea ove questa concedesse la "flessibilità" necessaria per una riduzione del peso fiscale sulle aziende.

I giornali di regime, mettendo le mani avanti per non sbattere il muso e venendo meno all'aplomb politicamente corretto, gridano allo scandalo per "l'assalto" di Di Maio. Ma quale "assalto"? Se c'è qualcuno che qui è sotto un vero e proprio assedio questi è proprio il governo —per essere più precisi la sua componente pentastellata. Logica vorrebbe che quando un Ministro si mette di traverso (tanto più per conto di forze esterne) alla realizzazione del programma di governo, egli si dimetta. Ma qui la logica non conta, né contano le tanto declamate "regole democratiche". Contano i rapporti di forza. Di Maio scopre che nel Palazzo gli sono del tutto sfavorevoli. Scopre che forse ha fatto un errore (per quel che vale  l'avevamo avvertito) ad accettare di formare un governo subendo il ricatto di Mattarella, ovvero imbarcando il "partito eurista" e accettando addirittura di consegnargli i ministeri dell'Economia e degli Esteri.


I rapporti di forza....

Non c'è solo il Palazzo, c'è il Paese, ci sono milioni di  cittadini che han chiesto una svolta, c'è il popolo lavoratore, c'è un vero e proprio esercito di giovani disoccupati e precari che non possono più attendere. Non ci sarà nessun "cambiamento" senza chiamarli alla lotta diretta, facendoli così uscire dall'a gabbia internettara.


«In questo senso non solo esortiamo M5s e Lega a liberarsi del primo ostacolo sulla via del cambiamento, la Quinta Colonna interna al governo; ribadiamo la centralità della mobilitazione popolare. Anche ammesso che, date le condizioni, la sovranità nazionale si debba riconquistare un pezzo dopo l’altro, ciò non accadrà se la battaglia resterà chiusa nel Palazzo. Senza partecipazione dal basso dei cittadini la sconfitta sarebbe certa. Se il governo vuole davvero portare a compimento il “cambiamento” promesso, l’ampio consenso popolare, per ora solo passivo, deve diventare attivo. Il nemico, da parte sua, già prepara le sue truppe. Il “campo populista” deve fare altrettanto, chiamando i cittadini a mobilitarsi, ad organizzarsi in comitati unitari per la sovranità popolare. Lì è il posto della sinistra patriottica, che per questo si riunirà a Roma il prossimo 13 ottobre».
Comitato Centrale di Programma 101 - 10 settembre 2018

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 18 settembre 2018

COSA FAREI AL POSTO LORO di Stefano Fassina

[ 18 settembre 2018 ]


Pubblichiamo l'intervista pubblicata oggi dal sussidiario.net a Stefano Fassina


* *  *


D. Nella cena a casa di Calenda si sarebbe detto qualcosa di sinistra?
R. Non credo. Mi pare che nel Pd non vi sia alcuna consapevolezza del passaggio di fase che stiamo attraversando. 
D. Proseguono le iscrizioni al fronte popolare antisovranista. Ora è arrivato anche Asselborn: le destre vanno fermate. E' d'accordo?
R. No, perché è una linea che spalanca ulteriori praterie a quelli che vengono definiti populisti e sovranisti, termine che io preferisco non usare perché fuorviante.

LA STAMPA sulla riunione del Consiglio dei ministri svoltosi ieri

D. Chi sono gli erroneamente definiti "sovranisti"?
R. Sono coloro che oggi intercettano l'enorme sofferenza economica e sociale determinata dalle scelte che sono state fatte, nell'ultimo quarto di secolo, proprio da coloro che oggi si vogliono unire in fronte europeista, fronte repubblicano, progressista, civico e via dicendo. 
D. Di chi è la colpa?
R. Della sinistra storica, e vi metto tutti i partiti della famiglia socialista europea. Questa sinistra è stata corresponsabile, attraverso il mercato unico, l'euro e l'allargamento ad Est, di un ordine economico e sociale che ha colpito non solo gli interessi dei lavoratori, quegli interessi sociali che la sinistra storicamente avrebbe dovuto rappresentare e difendere, ma anche la classe media. 
D. E oggi?
R. In questo quadro, costruire un fronte che ha come unico elemento distintivo l'argine contro i presunti fascismi, senza la minima autocritica e una discontinuità politica rispetto all'Ue e all'eurozona, vuol dire aprire ulteriori spazi per l'affermazione delle forze che si vorrebbero contrastare.
D. Lei ha scritto che senza Stato nazionale non c'è Costituzione. La sua associazione si chiama Patria e Costituzione. Lei è di sinistra, che cosa le interessa di più? Salvaguardare la Costituzione o combattere la diseguaglianza?
R. Dopo il '68 è diventata prevalente a sinistra una cultura politica che ha assolutizzato il senso negativo di nazione, patria e Stato come fattori regressivi, autoritari e tendenzialmente fascisti. Questa interpretazione di fatto ha assecondato il liberismo, perché ha accompagnato e quasi sostenuto lo smantellamento dello Stato che invece è condizione necessaria per dare attuazione ai principi della Costituzione e contrastare le diseguaglianze. L'articolo 52 dice che la difesa della patria è sacro dovere del cittadino. Nel 1945, quando ancora la memoria della patria fascista era molto viva, Togliatti scrisse su Rinascita che i comunisti erano patrioti e internazionalisti — in opposizione ai cosiddetti cosmopoliti — e l'essere patrioti era la condizione per poter difendere il lavoro.
D. E dopo?
R. Dopo si è ceduto all'offensiva degli interessi più forti, perché i trattati europei hanno come cardine la stabilità dei prezzi e la concorrenza e contraddicono radicalmente i nostri principi costituzionali, che non sono affatto quelli dello "Stato minimo" verso il quale siamo scivolati a livello europeo con il pesante ridimensionamento degli strumenti di regolazione politica dell'economia.
D. M5s e soprattutto la Lega lo scorso 4 marzo hanno vinto opponendosi all'Europa del vincolo esterno e dei trattati. Ora continuano a ripetere che la legge di bilancio rispetterà i parametri europei. Che cosa è successo al governo?
D. Il principio di realtà si è imposto sui discorsi della campagna elettorale. Quasi nessuno se n'è accorto, ma la maggioranza M5s-Lega ha approvato la risoluzione al Def nel giugno scorso, mettendo nero su bianco in via ufficiale l'impegno a rispettare gli obiettivi del Fiscal compact. Sarà un caso, ma è avvenuto proprio quando Salvini annunciava il censimento dei rom.
D. Come giudica gli ultimi movimenti della politica europea, in particolare le aperture del Ppe a Orbán e attraverso di lui a Salvini?
R. E' il tentativo da parte degli interessi più forti, rappresentati dal Ppe, di rimanere al centro del gioco, scartando i socialisti, ormai spompati e dissanguati da 25 anni di subalternità al neoliberismo, e costruendo un ponte con i populisti/sovranisti.
D. Uno scambio di potere...
R. Certo. E in cambio del sostegno alla conservazione, si dà ai "sovranisti" un po' di margine di manovra. Un gioco politico di consolidamento e di continuità nella tutela degli interessi che hanno dominato in questi anni. 
D. Lo scenario?
Salvini e Orbán sosterranno il candidato della Cdu (Weber, ndr) alla presidenza della Commissione, ottenendo in cambio una Europa-fortezza. I paesi più in difficoltà avranno un margine di manovra, naturalmente limitato, ma l'impianto europeo resterà inalterato. Soprattutto continuerà ad essere contro il lavoro e la giustizia sociale.
D. A cosa va la sua preferenza? Alla flat tax o al reddito di cittadinanza? 
A nessuno dei due perché sono due facce della stessa medaglia, la rinuncia a un intervento della politica che promuove la piena e buona occupazione. Una politica da Stato minimo, che "lascia fare" (flat tax) e dà un obolo di assistenza (rdc) per tenere a bada la sofferenza sociale.
R. Cosa farebbe al posto di Salvini e Di Maio? Quale sarebbe il suo provvedimento-simbolo?
D. Un programma triennale, anche sconfinando in modo determinato dai vincoli del Fiscal compact, per infrastrutture pubbliche e mesa in sicurezza del territorio. Consentirebbe di sostenere la domanda interna e dare lavoro a tante piccole e microimprese che in questa Europa mercantilista sono soffocate. Un'idea non molto diversa dal punto centrale del piano Savona.
D. Lei ha invitato tutte le forze presenti in parlamento a sostenerlo. Compresi M5s e Lega, vien da dire. Perché?
R. Farlo proprio è nell'interesse di tutti perché suggerisce una cornice minima fondamentale entro la quale il paese può ancora salvarsi. Se invece ci adattiamo a un quadro soffocante, esso soffocherà chiunque si troverà al governo.

Continua »

Print Friendly and PDF

LA PAGINA FACEBOOK DEL MOVIMENTO POPOLARE DI LIBERAZIONE - P101

LA PAGINA FACEBOOK DI SOLLEVAZIONE

Lettori fissi di SOLLEVAZIONE

Temi

Unione europea (819) euro (748) crisi (629) economia (573) sinistra (504) finanza (273) Movimento Popolare di Liberazione (243) M5S (242) grecia (239) sfascio politico (235) teoria politica (233) elezioni (226) resistenza (224) P101 (208) banche (208) imperialismo (207) Leonardo Mazzei (203) internazionale (201) sovranità nazionale (188) risveglio sociale (184) Moreno Pasquinelli (180) alternativa (168) seconda repubblica (167) Syriza (151) Tsipras (145) Matteo Renzi (128) debito pubblico (123) antimperialismo (117) marxismo (108) PD (106) democrazia (105) sovranità monetaria (105) spagna (105) destra (102) costituzione (100) sollevazione (99) Governo giallo-verde (94) Grillo (94) elezioni 2018 (93) immigrazione (93) neoliberismo (93) berlusconismo (91) piemme (91) proletariato (91) Francia (89) filosofia (88) programma 101 (87) islam (85) Germania (84) populismo (80) Emiliano Brancaccio (79) austerità (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) Stefano Fassina (77) Alberto Bagnai (74) Stati Uniti D'America (74) referendum costituzionale 2016 (74) bce (73) sindacato (73) Mario Monti (71) sinistra anti-nazionale (71) Carlo Formenti (67) capitalismo (67) Podemos (66) guerra (66) Libia (63) capitalismo casinò (61) CLN (59) Medio oriente (59) Rivoluzione Democratica (59) Sergio Cesaratto (59) globalizzazione (59) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (57) Sicilia (56) bancocrazia (56) rifondazione (56) Matteo Salvini (55) Siria (55) geopolitica (55) immigrati (55) Alexis Tsipras (52) Lega Nord (51) cinque stelle (51) referendum (51) socialismo (51) Pablo Iglesias (50) Movimento dei forconi (49) fiat (49) legge elettorale (48) sovranismo (48) sovranità popolare (48) Alitalia (47) campo antimperialista (47) sinistra sovranista (47) neofascismo (46) Nichi Vendola (45) Russia (45) renzismo (45) Beppe Grillo (44) Sandokan (44) Troika (44) Emmezeta (43) astensionismo (43) immigrazione sostenibile (43) inchiesta (43) Yanis Varoufakis (42) moneta (42) solidarietà (42) Lega (41) Luciano Barra Caracciolo (40) brexit (40) Diego Fusaro (39) Fiorenzo Fraioli (38) proteste operaie (38) Mimmo Porcaro (37) italicum (37) liberismo (37) sionismo (37) Mario Draghi (36) Ugo Boghetta (36) Giorgio Cremaschi (35) Manolo Monereo (35) Marine Le Pen (35) palestina (35) III. Forum internazionale no-euro (34) egitto (34) fiscal compact (34) Israele (33) Ucraina (33) azione (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) ISIS (32) default (32) fiom (32) Forum europeo 2016 (31) Merkel (31) Sel (31) governo Renzi (31) populismo di sinistra (31) unità anticapitalisa (31) Luigi Di Maio (29) nazione (29) Karl Marx (28) eurostop (28) napolitano (28) patriottismo (28) xenofobia (28) Assemblea di Chianciano terme (27) islamofobia (27) menzogne di stato (27) uscita dall'euro (27) Nello de Bellis (26) catalogna (26) silvio berlusconi (26) Beppe De Santis (25) Forum europeo (25) elezioni siciliane 2017 (25) Donald Trump (24) Europa (24) nazionalizzazione (24) Aldo Giannuli (23) Quantitative easing (23) Stato di diritto (23) ecologia (23) nazionalismi (23) ora-costituente (23) scienza (23) storia (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Fabio Frati (22) Lavoro (22) USA (22) finanziarizzazione (22) scuola (22) Chianciano Terme (21) Front National (21) Simone Boemio (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Unità Popolare (21) etica (21) Marcia della Dignità (20) Nato (20) razzismo (20) religione (20) repressione (20) Laikí Enótita (19) Movimento 5 Stelle (19) Putin (19) Regno Unito (19) Roma (19) Sicilia Libera e Sovrana (19) Tunisia (19) antifascismo (19) cina (19) emigrazione (19) fronte popolare (19) iraq (19) keynes (19) nazionalismo (19) Izquierda Unida (18) Noi siciliani con Busalacchi (18) Norberto Fragiacomo (18) Vladimiro Giacchè (18) pace (18) Assisi (17) Costanzo Preve (17) Emmanuel Macron (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Mariano Ferro (17) Pier Carlo Padoan (17) Venezuela (17) coordinamento no-euro europeo (17) euro-germania (17) iran (17) melenchon (17) sinistra patriottica (17) Donbass (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Jacques Sapir (16) Marco Mori (16) Tonguessy (16) ballottaggi (16) tecnoscienza (16) vendola (16) Cremaschi (15) International no euro forum (15) Luciano B. Caracciolo (15) Perugia (15) Prc (15) Renzi (15) casa pound (15) indipendenza (15) internet (15) piano B (15) piattaforma eurostop (15) umbria (15) 15 ottobre (14) Brancaccio (14) Enea Boria (14) Ernesto Screpanti (14) Eurogruppo (14) Monte dei Paschi (14) Stato Islamico (14) Vincenzo Baldassarri (14) appello (14) internazionalismo (14) lotta di classe (14) obama (14) salerno (14) sciopero (14) Bersani (13) Chavez (13) Enrico Grazzini (13) Jobs act (13) MMT (13) Marino Badiale (13) Paolo Savona (13) Virginia Raggi (13) acciaierie Terni (13) ambiente (13) complottismo (13) disoccupazione (13) finanziaria (13) media (13) Alfredo D'Attorre (12) Alitalia all'Italia (12) D'alema (12) Def (12) Forum europeo 2015 (12) Legge di stabilità (12) Negri (12) Salvini (12) Sergio Mattarella (12) Turchia (12) cosmopolitismo (12) decreto salva-banche (12) senso comune (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Daniela Di Marco (11) De Magistris (11) Esm (11) Gennaro Zezza (11) Legge di Bilancio (11) Mauro Pasquinelli (11) Reddito di cittadinanza (11) Wilhelm Langthaler (11) chiesa (11) comunismo (11) corruzione (11) cultura (11) de-globalizzazione (11) iniziative (11) keynesismo (11) ordoliberismo (11) salari (11) sinistra Italiana (11) tasse (11) unione bancaria (11) Art. 18 (10) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Dicotomia (10) Domenico Moro (10) Fmi (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Hollande (10) Marco Passarella (10) Marco Zanni (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Quirinale (10) Risorgimento Socialista (10) Terni (10) analisi politica (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) diritti civili (10) fascismo (10) golpe (10) manifestazione (10) povertà (10) presidenzialismo (10) privatizzazioni (10) sindacalismo di base (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Bernie Sanders (9) Campagna eurostop (9) Costas Lapavitsas (9) Diritti Sociali (9) Fausto Bertinotti (9) Ilva (9) Jean-Luc Mélenchon (9) Lista del Popolo (9) Paolo Ferrero (9) Papa Francesco (9) Portogallo (9) Stefano D'Andrea (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wolfgang Schaeuble (9) bail-in (9) deficit (9) diritto (9) europeismo (9) facebook (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) vaccini (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Alessandro Di Battista (8) Argentina (8) CGIL (8) Claudio Borghi (8) Corte costituzionale (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) Draghi (8) Erdogan (8) Foligno (8) Forconi (8) Genova (8) George Soros (8) Giulietto Chiesa (8) Goracci (8) II assemblea della CLN (1-3 settembre) (8) Ingroia (8) Italia Ribelle e Sovrana (8) Mirafiori (8) Paolo Barnard (8) Stato nazione (8) Yanis Varoufakys (8) borsa (8) classi sociali (8) crisi di governo (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) elezioni anticipate 2017 (8) elezioni siciliane (8) grexit (8) inflazione (8) liberalismo (8) lira (8) manifestazione 25 marzo 2017 (8) marxisti dell'Illinois (8) necrologi (8) nuovo movimento politico (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) sociologia (8) svalutazione (8) taranto (8) trasporto aereo (8) unità anticapitalista (8) Alternative für Deutschland (7) Antonio Rinaldi (7) Articolo 18 (7) CUB (7) Cub Trasporti (7) Giuseppe Angiuli (7) ISIL (7) Inigo Errejón (7) Je so' Pazzo (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Oskar Lafontaine (7) Pil italiano (7) Samuele Mazzolini (7) Sapir (7) Stato (7) Ttip (7) agricoltura (7) anarchismo (7) confederazione (7) cosmo-internazionalismo (7) debitocrazia (7) derivati (7) destra non euro (7) eurocrack (7) fisco (7) incontri (7) nazismo (7) potere al popolo (7) proteste (7) questione nazionale (7) rivoluzione civile (7) tecnologie (7) trasporto pubblico (7) Aldo Zanchetta (6) Alessandro Visalli (6) Ars (6) Banca centrale europea (6) Bottega partigiana (6) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (6) Carl Schmitt (6) Casaleggio (6) Contropiano (6) Dino Greco (6) Eugenio Scalfari (6) Flat tax (6) France Insoumise (6) Franz Altomare (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Giancarlo D'Andrea (6) Gran Bretagna (6) Lenin (6) M.AR.S. (6) Maduro (6) Massimo Bontempelli (6) Mattarella (6) Militant-blog (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Pardem (6) Pisapia (6) Polonia (6) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (6) Riccardo Achilli (6) Sandro Arcais (6) Target 2 (6) Teoria Monetaria Moderna (6) Titoli di stato (6) USB (6) Ungheria (6) Viktor Orban (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) autodeterminazione dei popoli (6) automazione (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) governo Gentiloni (6) il pedante (6) incontro internazionale (6) la variante populista (6) liberosambismo (6) magistratura (6) migranti (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) populismo democratico (6) rivolta (6) rossobrunismo (6) suicidi (6) suicidi economici (6) terremoto (6) uber (6) utero in affitto (6) Alberto Negri (5) Anguita (5) Assad (5) Dario Guarascio (5) Dimitris Mitropoulos (5) Eos (5) Federalismo (5) Ferdinando Pastore (5) Finlandia (5) Forza Italia (5) Franco Bartolomei (5) Franco Busalacchi (5) Fratelli d'Italia (5) HAMAS (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Joseph Stiglitz (5) Julio Anguita (5) Kirchner (5) Luca Massimo Climati (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Npl (5) Parigi (5) Partito tedesco (5) Pcl (5) Rete dei Comunisti (5) Romano Prodi (5) Rosatellum 2 (5) Seconda Assemblea P101 (5) Sharing Economy (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato di Polizia (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Val di Susa (5) Wolfgang Munchau (5) afghanistan (5) alleanze (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) cuba (5) debitori (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni. Lega (5) giovani (5) governo (5) ideologia (5) il manifesto (5) jihadismo (5) laicismo (5) massimo fini (5) medicina (5) mediterraneo (5) moneta fiscale (5) pensioni (5) pomigliano (5) proteste agricoltori (5) rifugiati politici (5) risorgimento (5) salvinismo (5) tremonti (5) 16 giugno Roma (4) ALBA (4) Africa (4) Alessandro Chiavacci (4) Alessia Vignali (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Angelo Panebianco (4) Anna Falcone (4) Antonio Ingroia (4) Aurelio Fabiani (4) Autostrade per l'Italia (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Chiavacci Alessandro (4) Città della Pieve (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (4) Corea del Nord (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Decreto Dignità (4) Die Linke (4) Diego Melegari (4) Frente civico (4) GIAPPONE (4) Giorgia Meloni (4) Giuliano Pisapia (4) Giulio Regeni (4) Giuseppe Mazzini (4) Imu (4) JP Morgan (4) Jacques Nikonoff (4) Jeremy Corbyn (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi De Magistris (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Macron (4) Marcello Teti (4) Marchionne (4) Marx (4) Morgan Stanley (4) Mosul (4) Noi sicialiani con Busalacchi (4) ONU (4) Oscar Lafontaine (4) Paolo Gerbaudo (4) Papa Bergoglio (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Sergio Starace (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) Vladimiro Giacché (4) Xarxa Socialisme 21 (4) Xi Jinping (4) agricoltura biologica (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) bankitalia (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianesimo (4) cristianismo (4) demografia (4) diritti di cittadinanza (4) donna (4) elezioni 2017 (4) elezioni comunali 2017 (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) informatica (4) intelligenza artificiale (4) irisbus (4) irlanda (4) italia (4) ius soli (4) legge di stabilità 2017 (4) parti de gauche (4) patrimoniale (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) protezionismo (4) questione femminile (4) risparmio (4) sanità (4) saviano (4) seminario (4) spending review (4) spesa pubblica (4) tecnica (4) transizione al socialismo (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) wikileaks (4) xylella (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Albert Einstein (3) Alfiero Grandi (3) America latina (3) Antonio Amoroso (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bergoglio (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Bloco de Esquerda. (3) Carlo Galli (3) Cerveteri Libera (3) Cia (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Comitato centrale P101 (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) EDWARD SNOWDEN (3) Eleonora Forenza (3) Emanuele Severino (3) Ernest Vardanean (3) F.f (3) Fabrizio Tringali (3) Fausto Sorini (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Francesco Giavazzi (3) Francesco Salistrari (3) Fronte Sovranista Italiano (3) Gianni Ferrara (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giuseppe Pelazza (3) Goofynomics (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) Jens Weidmann (3) Joël Perichaud (3) Jugoslavia (3) Karl Polany (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) M. Micaela Bartolucci (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marcello Foa (3) Marcello Minenna (3) Marco Mainardi (3) Martin Heidegger (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Milton Friedmann (3) Modern Money Theory (3) Moldavia (3) NO TAP (3) Napoli (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Noi Mediterranei (3) Olanda (3) Palermo (3) Panagiotis Sotiris (3) Paola De Pin (3) Paolo Becchi (3) Patrizia Badii (3) Pci (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Salento (3) Sarkozy (3) Six Pack (3) Thomas Fazi (3) Toni negri (3) Ugo Arrigo (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Visco (3) Yemen (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) austria (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) decreto vaccini (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) diritto d'asilo politico (3) diritto di cittadinanza (3) divorzio banca d'Italia Tesoro (3) dollaro (3) donne (3) economia sociale di mercato (3) forza nuova (3) giovanni Tria (3) il fatto quotidiano (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) legge del valore (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) minijobs. Germania (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) occidente (3) oligarchia (3) partito (3) partito democratico (3) primarie (3) psicanalisi (3) rai (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) robotica (3) sanità. spending review (3) sardegna (3) senato (3) sme (3) socialdemocrazia (3) sovranità e costituzione (3) sovrapproduzione (3) spread (3) statizzazione banche (3) takfir (3) tassisti (3) trattati europei (3) tv (3) università (3) violenza (3) web (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 25 aprile 2017 (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Ahmadinejad (2) Alberto Alesina (2) Alberto Benzoni (2) Alberto Montero (2) Amando Siri (2) Amazon (2) Angelo Salento (2) Antonella Stirati (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Gramsci (2) Arabia saudita (2) Arditi del Popolo (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Banca (2) Bandiera rossa in movimento (2) Benetton (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Carlo Freccero (2) Carlo Romagnoli (2) Cernobbio (2) Certificati di Credito Fiscale (2) Cgia Mestre (2) Chantal Mouffe (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Claudia Castangia (2) Colonialismo (2) Comitato antifascista russo-ucraiono (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Dani Rodrik (2) De Bortoli (2) Der Spiegel (2) Deutsche Bank (2) Diem25 (2) Diosdado Toledano (2) Domenico Losurdo (2) Don Giancarlo Formenton (2) Dugin (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Ego della Rete (2) Emilia Clementi (2) Emiliano Gioia (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) Ernesto Laclau (2) Ettore Livini (2) Eurasia (2) F.List (2) Fabio Nobile (2) Federico Fubini (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Filippo Gallinella (2) Fiumicino (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Forum Popoli Mediterranei (2) Francesco Lamantia (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratoianni (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Futuro al lavoro (2) Generale Pappalardo (2) Gentiloni (2) Giacomo Russo Spena (2) Giada Boncompagni (2) Giancarlo Cancelleri (2) Gig Economy (2) Giorgetti (2) Giorgio Gattei (2) Giuliano Amato (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Google (2) Grottaminarda (2) Guido Grossi (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hezbollah (2) Hitler (2) INPS (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Italia Ribelle (2) Iugend Rettet (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Lelio Basso (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) Lucca (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marco Revelli (2) Maria Elena Boschi (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Tronti (2) Mario Volpi (2) Mark Zuckerberg (2) Marocco (2) Massimo PIvetti (2) Massimo cacciari (2) Michele Serra (2) Michele fabiani (2) Microsoft (2) Militant (2) Morya Longo (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Mélenchon (2) Nadia Garbellini (2) Netanyahu (2) Nicaragua (2) Oriana Fallaci (2) Ostia (2) Paolo Maddalena (2) Papa (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) PdCI (2) Pdl (2) Piano di eradicazione degli ulivi (2) Pier Paolo Dal Monte (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Portella della Ginesta (2) Preve (2) Quarto Polo (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Reddito di inclusione sociale (2) Regioni autonome (2) Riccardo Bellofiore (2) Riccardo Ruggeri (2) Riscossa Italia (2) Roberto Ferretti (2) Rosanna Spadini (2) Rosarno (2) Rozzano (2) Ryan air (2) SPD (2) STX (2) Sahra Wagenknecht (2) Salistrari (2) Scenari Economici (2) Schumpeter (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Seconda Assemblea CLN (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stefano Zecchinelli (2) Stiglitz (2) TAP (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Piketty (2) Tito Boeri (2) Tiziana Ciprini (2) Tltro (2) Tomaso Montanari (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) agricoltori indignati (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) animalismo (2) antisemitismo (2) banche venete (2) battaglia d'autunno (2) biotecnocrazia (2) blocco sociale (2) bontempelli (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) clausole di salvaguardia (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) comunicazione (2) curdi (2) denaro (2) deregulation (2) domenico gallo (2) due euro (2) elezioni comunali 2015 (2) elezioni europee 2019 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) esercito (2) eugenetica (2) euroasiatismo (2) expo (2) export (2) fabrizio Marchi (2) fake news (2) fecondazione eterologa (2) femminismo (2) fincantieri (2) fine del lavoro (2) frontiere (2) genetica (2) gennaro Migliore (2) giornalismo (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) indignatos (2) industria italiana (2) intimperialismo (2) isu sanguinis (2) legge di stabilità 2018 (2) libano (2) liberi e uguali (2) libertà di pensiero (2) maidan (2) manifestazione 2 giugno 2018 (2) marina silva (2) mercantislismo (2) no expo (2) olocausto (2) paolo vinti (2) pareggio di bilancio (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) patto politico (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) precarietà (2) proporzionale (2) razionalismo (2) reddito di base (2) riformismo (2) rivoluzione russa (2) rivoluzione socialista (2) scissione pd (2) seminario teorico (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) silicon valley (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) social media (2) società (2) sondaggi (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) terzo polo (2) transumano (2) ulivi (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) uscita da sinistra (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 100 giorni (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 25 aprile 2018 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 8 settembre (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Accellerazionismo (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) AirCrewCommittee (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alan Johnson (1) Alba Libica (1) Albania (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alexander Zakharchenko (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Andrew Spannaus (1) Angela Matteucci (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Anthony Coughlan (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Apple (1) Arditi (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Armando Siri (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art 81 (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Assange (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Atlantia (1) Attali (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Bashar al-Assad (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bazar (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Blade Runner 2049 (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Branko Milanovic (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Britannia (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) CNL (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Caritas (1) Carlo Candi (1) Carlo Clericetti (1) Carlo De Benedetti (1) Carmine Pinto (1) Cascina Raticosa (1) Casini (1) Cassazione (1) Catarina Martins (1) Cekia (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christian Napolitano (1) Christian Rocca (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Civitavecchia (1) Claudio Maartini (1) Claudio Magris (1) Claus Offe (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Conte (1) Coord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Corte Europea sui diritti dell'uomo (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cuperlo (1) Dagospia (1) Daisy Osauke (1) Dan Glazebrook (1) Daniela Conti (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Masi (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Dimitris Christoulias (1) Dio (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Elliott Gabriel (1) Emilia-Romagna (1) Emma Bonino (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrica Perucchietti (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Erasmo vecchio (1) Ernesto Pertini (1) Ernst Bloch (1) Eros Cococcetta (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Gotti Tedeschi (1) Eugenio Scalgari (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio De Masi (1) Fabio Dragoni (1) Fabio Mini (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio De Paoli (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Florian Philippot (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Foro di Sao Paulo (1) Forum Ambrosetti (1) Forum dei Popoli Mediterranei (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lenzi (1) Francesco Magris (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Fred Kuwornu (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabanelli (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Vaciago (1) Giacomo Zuccarini (1) Giancarlo Bergamini (1) Gim cassano (1) Giordano Sivini (1) Giovanna Vertova (1) Giovanni De Cristina (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giovanni Schiavon (1) Giovanni Tomei (1) Giovanni di Cristina (1) Giuliana Commisso (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Ambrosetti (1) Giulio Bonali (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tarro (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Lutrario (1) Günther Anders (1) HSBC (1) Hainer Flassbeck (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) IPHONE (1) IRiS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Imposimato (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) Inge Höger (1) Intellettuale dissidente (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Intesa Sanpaolo (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jason Barker (1) Je so' Pazz' (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) Joel Perichaud (1) John Laughland (1) John Locke (1) John Pilger (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Joseph Shumpeter (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Jugend Rettet (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kemi Seba (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kirill Vasilev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kosovo (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Ktragujevac (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Grassa (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge 194 (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Riboli (1) Lidia Undiemi (1) Lillo Massimiliano Musso. Leoluca Orlando (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Alfano (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Lorenzo Fioramonti (1) Lorenzo Fontana (1) Loris Caruso (1) Luca Donadel (1) Luca Pagni (1) Lucarelli (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luigi Zingales (1) Luka Mesec (1) López Obrador (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Macedonia (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcello Veneziani (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Cattaneo (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Rizzo (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Marcuse (1) Margarita Olivera (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mark Rutte (1) Maroni (1) Marta Fana (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo Costa (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Gramellini (1) Massimo Recalcati (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Matteo Pucciarelli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Mdp (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Messico (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michelangelo Vasta (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Milton Friedman (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Mladic (1) Mohamed bin Salman (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Moscovici (1) Moshe Ya’alon (1) Moves (1) Movimento 77 (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimento di Liberazione Popolare (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Nancy Fraser (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) New York Times (1) Nicky Hager (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolas Dupont-Aignan (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Noelle Neumann (1) Noi sicialiano con Busalacchi (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) Nsa (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omnium (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Open Society Foundations (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) P01 (1) PCE (1) PCdI (1) PIANESI MARIO (1) POSSIBILE (1) PRISM (1) PSUV (1) Pablo Stefanoni (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Di Martino (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito comunista (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Paul "Elliot" Singer (1) Paul De Grauwe (1) Per una sinistra rivoluzionaria (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Francesco Zarcone (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Attinasi (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Pino Prestigiacomo (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Radek (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) René Girard (1) Report (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Rinascita (1) Rino Formica (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Robert Mundell (1) Roberta Lombardi (1) Roberto D'Agostino (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Marchesi (1) Roberto Martino (1) Roberto Massari (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosatellum (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) Sacko Soumayla (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Schengen (1) Schlageter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) SiAMO (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Simone Pillon (1) Slai Cobas (1) Slavoj Zizek (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steve Bannon (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svitlana Grugorciùk (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tiziana Drago (1) Tommaso Nencioni (1) Tonia Guerra (1) Tony Manigrasso (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Tribunale dell'Aia (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ugo Mattei (1) Ulrich Grillo (1) Unicredit (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Valerio Colombo (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vito Storniello (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolfgang Streeck (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zagrebelsky (1) Zaia (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zecchinelli (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) Zygmunt Bauman (1) aborto (1) accise (1) adozioni (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antispecismo (1) antropocene (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) armi (1) arresti (1) asia argento (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autogestione (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) big five (1) bigenitorialità (1) bilancia dei pagamenti (1) bioetica (1) biologia (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bomba atomica (1) bonapartismo (1) brigantaggio (1) bufale (1) bullismo (1) calcio (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) cassa depositi e prestiti (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) cdp (1) censis (1) censura (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) comitato (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) curzio maltese (1) cybercombattenti (1) cyborg (1) dabiq (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dichiarazione di Roma (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) dracma (1) ebraismo (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) elezioni comunali 2018 (1) embraco (1) enav (1) enrico Corradini (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) famiglia (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) fiducia (1) finan (1) finaza (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forme (1) freelancing (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) governo neutrale (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) illiberale (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) incendi (1) independent contractor (1) india (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) intervista (1) ius sanguinis (1) ivana fabris (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge Madia (1) legge antisciopero (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) leva obbligatoria (1) lex monetae (1) lgbt (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) link tax (1) liste civiche. (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) luddismmo (1) lula (1) madre surrogata (1) mafiodotto (1) maghreb (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) massoneria (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercantilismo (1) mercato (1) militarismo (1) minibot (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) modernità (1) molestie (1) monetarismo (1) nascite (1) nazion (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) no vax (1) nobel (1) norvegia (1) numero chiuso (1) obiezione di coscienza (1) occupy wall street (1) oligarchia eurista (1) omosessualità (1) ong (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) partito americano (1) partito umanista (1) patria (1) pecchioli luigi (1) peronismo (1) personalismo (1) piaciometro (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) ponte Morandi (1) popolo (1) post-elezioni (1) post-operaismo (1) postumano (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) province (1) qualunquismo (1) questione meridionale (1) quinta internazionale (1) rappresentanza (1) recensioni (1) rete 28 Aprile (1) ricchezza (1) ride sharing (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) robot killer (1) rosabrunismo (1) rublo (1) salafismo (1) salir del euro (1) sandro veronesi (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra transgenica (1) smartphone (1) social forum (1) sondaggio demos (1) specismo (1) spionaggio (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) supe-bolla (1) supply-side economics (1) svimez (1) takfirismo (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza assemblea P101 (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) transumanismo (1) trappola della liquidità (1) trasformismo (1) trasumanesimo (1) trenitalia (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uberizzazione (1) ultimatum (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vertice di Roma (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) wahhabismo (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)