DRAGHI, VENIAMO A CONSEGNARTI IL FOGLIO DI VIA

lunedì 13 dicembre 2010

Eurobond? No Eurocrack!

TOC, TOC..

La tempesta in arrivo e i reali interessi che si celano 
dietro alla disputa sui salvataggi dei PIIGS

di Moreno Pasquinelli

La morte dell'euro, e dunque la disgregazione dell'Unione europea, fino a ieri liquidati da parte dei Maître à penser europeisti come "farneticazioni" di qualche portatore di sventura, sono diventati da alcune settimane temi di discussione ordinaria, non solo all'interno degli ermetici cenacoli degli analisti economici e finanziari, ma delle stesse sedi istituzionali europee. L’oggetto del contendere è: chi pagherà in caso di insolvenza dei PIIGS? Riuscirà la riunione del Consiglio Europeo del 16-17 dicembre a dirimere la questione?
















Fine di un tabù 

Se c'era un modo devastante per catapultare nel dibattito pubblico europeo il fantasma nella fine dell'euro, questo non poteva essere altrimenti immaginato che da un discorso in tal senso della cancelliera Angela Merkel la quale, davanti allo scoppio del bubbone irlandese, non solo ha ritirato fuori l'idea dell'ammissibilità di accettare la bancarotta degli stati insolventi (l'aveva già detto nell'aprile scorso prima del soccorso alla Grecia), ella,
apertis verbis, ha per la prima volta sostenuto l'ipotesi sostituire l'euro con due nuove monete: un euro forte dei paesi "virtuosi", e uno debole per i PIIGS. 


Totale dei bond emessi da Irlanda, Grecia e Portogallo suddivisi per scadenza in billioni* di dollari
(un billione=un milione di milioni

Apriti cielo! Il mondo della rendita finanziaria, anzitutto quello anglosassone, l'ha presa come una minaccia ed ha tuonato fuoco e fiamme. Sotto il fuoco incrociato dei media più sensibili agli interessi dei banchieri, dei
traders, dei brockers, dello stesso Trichet (che si pone come garante di ultima istanza dei loro interessi), la Merkel ha fatto apparente marcia indietro. Tuttavia, il fatto che nelle stanze tedesche dei bottoni (come pure di quelle francesi) ci si stia preparando all'eventualità della fine dell'euro, è stata come la violazione un tabù, la desacralizzazione di un dogma.













Il bubbone irlandese 

Nel caso della Grecia è stato il debito accumulato dallo Stato, anzitutto verso creditori stranieri, la causa della crisi. Per l’Irlanda è diverso. I suoi conti pubblici erano sotto controllo, visto che nel 2007 il debito pubblico non superava il 25% del Pil (vedi grafico sotto). Il drammatico problema dell’Irlanda dipende dal fatto che il suo sistema bancario è sull’orlo del baratro.



Secondo i keynesiani l'Irlanda dimostra che si va in bancarotta
proprio a causa delle politiche liberiste dei tagli alla spesa pubblica

Si ricordi che la “Tigre celtica”, fiore all’occhiello dei liberisti, è stato il paese europeo che più a risentito della crisi venuta dagli
States. Scoppiata l’enorme bolla immobiliare (alimentata artificialmente dalla speculazione finanziaria, banche europee incluse: il valore degli immobili era cresciuto nell’arco di un decennio del 250 per cento), il governo di Dublino corse ai ripari e, tra gli elogi della finanza globalizzata, nazionalizzò «… tre dei suoi colossi bancari, Anglo Irish, Irish Nationwide ed Ebs, oltre ad aver iniettato grandi dosi di liquidità in Allied Irish e Bank of Ireland. In totale gli istituti di credito hanno richiesto interventi per 50 miliardi di euro, il 28-31% del Pil del momento. (1) 

E’ stato il fallimento di questo primo salvataggio (che ha portato il debito pubblico irlandese dal 25% del 2007 all’attuale 100%, e il rapporto deficit-Pil al 30%!) a rendere necessario il secondo: il prestito di 85 miliardi deciso dall’Unione nel vertice Ecofin del 28 novembre.
Il punto è che questo secondo salvataggio rischia di avere l’effetto di un pannicello caldo, di non riuscire ad evitare che nel baratro ci finisca pure l’euro. Il perché è presto detto: «
Il valore degli asset delle banche irlandesi, quasi 1.600 miliardi di euro, è circa dieci volte il pil del paese». (2) Una cifra astronomica! 


 E i CDS sulle banche irlandesi schizzano verso l’alto a livelli mai toccati finora…

Si tenga poi conto che gli 85 miliardi, equivalenti al 55% del suo Pil, "donati" (si fa per dire visto il tasso d'interesse) dall'Unione all'Irlanda , vanno a coprire solo una parte dei debiti delle banche irlandesi, che non hanno più accesso al mercato monetario internazionale, visto che  nessuno gli presta denaro a causa del rischio altissimo. Ci sono in fatti da considerare i finanziamenti illimitati messi a disposizione dell'Irlanda dalla Bce. «A settembre 122 miliardi , a ottobre circa 130 miliardi, complessivamente una cifra pari al 147% del Pil dell'isola. Basti pensare che i prestiti ricevuti dalla banche italiane raggiungono a malapena il 3%% del Pil. Oramai le banche irlandesi, ogni mese, assorbono quasi il 25% del totale dei prestiti della Bce al sistema bancario dell'Eurozona: prendono più soldi del sistema bancario spagnolo ( 90 miliardi) e portoghese (40 miliardi) messi insieme. Con simili importi, la Bce tenendo in piedi le banche in realta' tiene in piedi l'Irlanda». (3)   


Le nazioni europee con le banche più esposte alle banche Irlandesi* 
















Non meno interessante, per comprendere gli interessi in gioco, andare a vedere chi sono i maggiori creditori delle banche e quindi del governo irlandesi: la Germania è al primo posto, con 130 miliardi, la Francia al secondo con  110, il Regno Unito con 100 (l’Italia ne ha poco più di 4).

In secondo luogo occorre considerare quali sistemi bancari possiedono il debito complessivo irlandese:  il Regno Unito è al primo posto, con 148,5 bilioni (miliardi) di dollari**, la Germania al secondo con 138,6, gli Stati Uniti con 68,7, il Belgio (che risulta quello ad avere la più alta esposizione in rapporto al suo Pil), la Francia con 50 miliardi (vedi grafico qui sotto).


Banche estere che possiedono il debito irlandese.
Il paradosso 












Facile dunque comprendere perché l’asse carolingio Berlino-Parigi, senza temporeggiare come avvenne per Atene, abbia accettato di aiutare l’Irlanda: in ballo c’è il salvataggio delle banche tedesche e francesi (come pure inglesi e belghe ), ovvero quelle più esposte con  l'Irlanda. Se crollassero queste banche, l’effetto sull’economia europea sarebbe catastrofico. Per quanto notoriamente edulcorati i risultati degli stress test imposti a 91 istituti di credito europei e resi noti a fine luglio, indicavano il rischio «… di un nuovo severo schock economico finanziario in grado di produrre nel volgere di un biennio una caduta del Pil del 3% e violente turbolenze sui mercati finanziari, tali da produrre, per il sistema bancario europeo, perdite per 566 miliardi di euro». (4) 
Paesi che possiedono il debito delle nazioni più indebitate (cosiddette PIIGS).
Il dato è espresso in percentuale sul PIL

Il paradosso è che le maggiori banche europee non solo sono troppo grandi per fallire, ma troppo grandi per essere salvate. Si consideri che la Deutsche Bank, che ha una capitalizzazione di circa 34 miliardi di euro, aveva nel 2008 (oggi la cifra è sicuramente più consistente) passività totali per 2mila miliardi di euro, pari a oltre l’80% del Pil tedesco, con un leverage (il rapporto d’indebitamento, ovvero tra il capitale proprio e gli assets totali) pari al 52%.  
«Un numero semplicemente troppo grande perché la Bundesbank, o anche il governo tedesco, possa intervenire a salvarla, considerando anche che il bilancio della Germania è legato alle regole del Patto europeo di stabilità e crescita e che il governo tedesco, diversamente dal Tesoro americano, non può ordinare alla sua banca centrale di creare più moneta.  Allo stesso modo, le passività totali della Barclays ammontano a circa 1.300 miliardi di sterline (con un leverage oltre 60!), un ammontare superiore al Pil britannico. Fortis Bank, di recente apparsa spesso sui quotidiani, ha un leverage pari a “solo” 33, ma le sue passività sono molto più elevate del Pil del suo paese di origine, il Belgio». (5)

Si consideri adesso che il sistema bancario europeo, anzitutto proprio quelli inglese e carolingio, sono sovraesposti per avere in pancia quote enormi del debito pubblico dei PIIGS mediterranei, e si può facilmente comprendere quanto forte sia il panico per un eventuale “contagio”. Un contagio che come andiamo sostenendo da tempo, molto difficilmente eviterà il
crack del sistema finanziario e bancario europeo, dunque dell’euro. Una bancarotta che ha sì come causa remota, marxisiticamente parlando, la crisi generale di sovrapproduzione (ovvero i decrescenti tassi di plusvalore e di profitto del capitale), ma che come ragione scatenante ha la natura predatorie e parassitaria della finanza speculativa (banche in primis); il fatto che col passare degli anni la rendita, cresciuta per compensare i profitti decrescenti, si è rivelata alla fine un tumore in metastasi che ha divorato e divora, con la sua captazione compulsiva di plusvalore, la stessa economia, il capitale produttivo.



Gli spread tra i titoli dei PIIGS a dieci anni e il Bund tedesco

L'impensabile diventa possibile 

Si comprendono così, la gravità della crisi economica europea, la fragilità della “locomotiva tedesca”, e le differenze in quanto a terapia.
E’ in questo contesto che Tremonti e il presidente dell' Eurogruppo Juncker hanno lanciato il 7 dicembre la proposta degli “Eurobond” europei. Essa è stata dipinta come una soluzione animata da “sincero spirito europeista”. In verità è solo una modalità per andare incontro alle istanze della speculazione finanziaria e delle banche, uno stratagemma per rassicurare i biscazzieri del capitalismo-casinò che in caso di bancarotta dei PIIGS, essi non ci rimetteranno un quattrino.


Quantità di attività non performing (bond in default, crediti in sofferenza, crediti inesigibili)
presenti nelle banche dei paesi presi in considerazione  in rapporto al PIL interno)

La risposta
carolingia non si è fatta attendere. Il 9 dicembre Germania e Francia hanno riconfermato il loro Patto di Deauville, facendo fronte comune contro gli Eurobond, sostenendo che essi «contribuirebbero solo a deresponsabilizzare» i paesi di Eurolandia. «Ciò che serve è esattamente il contrario», ha detto la Merkel, «Non deve esserci la condivisione del rischio estesa a tutti i Paesi».  (6) Insomma: i paesi con i conti sballati applichino le inevitabili cure da cavallo, eventuali aiuti andranno decisi "caso per caso". E se non sarà il caso, che vadano in default..

E’ stata la riconferma della loro “linea dura”: quella per cui «Dopo il 2013 i creditori degli stati insolventi dell’area euro potrebbero subire ristrutturazioni, cioè perdite, attraverso dilazioni della scadenze, del pagamento di interessi e riduzione del capitale». (7)  In pratica: se uno o più stati falliscono paghino il costo anche le banche e la speculazione finanziaria. E in caso di default, ce li si lasci andare, con la conseguenza che l’impensabile diventa possibile: l’uscita dall’euro dei “deboli”, ovvero la fine, non solo della moneta unica, ma della stessa Unione, che sul pilastro della moneta unica era stata costituita.

La risposta “dei mercati” (leggi: di speculatori e banchieri) non si è fatta attendere. Essi hanno subito manipolato la giostra della compravendita dei titoli di stato (bond), determinando il “contagio”. Con l’aiuto delle agenzie di rating americane, che hanno rideclassato i debiti sovrani di Portogallo e Grecia e minacciando di farlo per la Spagna, hanno determinato un fulmineo aumento degli spread tra i titoli portoghesi e spagnoli , del BTP italiano (schizzato sopra quota 200 sul BUND tedesco, che com’è noto fa da pietra angolare), per coinvolgere addirittura lo stesso BUND tedesco.

La recessione italiana

Fa tremare i polsi, il balletto dell’aumento degli spreads e delle scommesse sui relativi futures, malgrado la Bce ha comperato e stia comperando quantità industriali di titoli dei paesi a rischio: segno che anche questo
quantitative easing in salsa europea è come morfina, il cui effetto svanisce in molto presto. Guardate cosa si scopre, infine, tenendo conto di quali sono i sistemi bancari ad usufruire maggiormente delle elargizioni della Bce: «I principali utilizzatori finali delle risorse della Bce sono le banchetedesche (28%), seguite da quelle francesi (17%), spagnole (12%) e poi da quelle irlandesi, greche e belghe (con l'11%). Il dato che fa più scalpore, sempre secondo le elaborazioni del Credit Suisse, è però il rapporto tra il funding presso la Bce e il prodotto interno lordo dei singoli Paesi. Ne risulta, sintetizzando per motivi di spazio, che le banche italiane hanno un'eposizione a breve con la Bce pari al 2% del Pil italiano. A differenza di Irlanda (45% del Pil) e Grecia (35%), che finanziano a breve quasi la metà della ricchezza annuale prodotta nei rispettivi Paesi». (8)

Perché i biscazzieri del capitalismo-casinò (si badi: compresi quelli tedeschi, che infatti maldigeriscono le scelte del loro governo) considerino quella della Merkel come una minaccia è presto detto. Lorsignori campano di rendita, ovvero fanno affari e ingrossano i loro portafogli proprio speculando sui debiti sovrani, acquistando e vendendo titoli di stato, scommettendo sulle oscillazioni degli spread. Lorsignori esigono che in caso di bancarotta, insolvenza o di default di questo o quello Stato, l'Unione europea, Germania dunque in primis, agiscano da fidejussori, ovvero garantiscano loro malloppo e interessi.














La profezia che si autoavvera

Alcuni hanno dichiarato pieno appoggio alla “linea dura” della Merkel e di Sarkozy, “E’ la sola maniera si salvare l’euro, colpendo la speculazione finanziaria, ponendo le banche davanti alle loro responsabilità, e mettendo la politica al posto di comando”.

D’altra parte, chi sostiene la proposta degli Eurobond, sostiene esattamente il contrario, che la “linea dura” carolingia porta alla fine dell’euro, e che il solo modo di salvare baracca e burattini “è una solenne e comune assunzione di responsabilità da parte di tutti”, per cui nessuno deve essere lasciato andare in bancarotta. 

D0ve sta la verità? Da nessuna delle due parti. Entrambi tirano in ballo scenari catastrofici ove passasse la linea dell’altro fronte. Interessanti sono ad esempio i dati che cita Oscar Giannino, liberista e mercatista di primo pelo, ovvero del disastro che accadrebbe nel caso passasse la “linea dura” franco-tedesca. Egli tuttavia non parteggia per Tremonti e, alla fine, una cosa la dice: «E’ molto meglio occuparsi del problema vero: cioè le banche che hanno in pancia i titoli. I mercati scommettono che le banche tedesche e francesi non si toccano, a costo di far saltare l’euro. Meglio ripatrimonializzare direttamemente quelle banche allora, come i tedeschi con la loro opacità sugli attivi e gli stress test farsa non hanno voluto fare, che obbligare paesi interi a trasferire fette inaudite di ricchezza dei contribuenti a quelle stesse banche per anni a venire ». (9)

Lo scontro non è tra chi vuole salvare gli interessi delle banche e della speculazione finanziaria e chi vuole punirle.  La divisione è tra tedeschi e francesi, pronti a tutto pur di salvare i loro, e solo i loro, rispettivi sistemi bancari e finanziari (pieni fino all’inverosimile di titoli-carta-straccia), e gli “sfigati”, capeggiati dall’Italia, che propongono un salvataggio generalizzato, erga omnes, con una distribuzione dei costi direttamente proporzionale al portafogli di ciascuno. Due soluzioni diverse con la medesima logica alla base: socializzare le perdite, facendo pagare alle masse lavoratrici le perdite di banche e gruppi finanziari, affinché sia salvata la giostra impazzita del capitalismo-casinò.

Recessioni negli USA dopo la seconda guerra e il tasso di disoccupazione
Schermaglia dopo schermaglia siamo insomma entrati in un vero e proprio stato di belligeranza. La possibilità che il braccio di ferro tra l’asse carolingio franco-tedesco e il fronte capeggiato dall’Italia, con il convitato di pietra della speculazione finanziaria anglosassone (è la City bellezza!), lasci sul terreno i cadaveri dell’euro e dell’Unione europea, passa dal novero delle ipotesi astratte a quello di una concreta possibilità. E’ costretto ad affermarlo addirittura Carlo De Benedetti, il quale ha sostenuto che la speranza che dalla moneta unica potesse sorgere l’Unione politica, si è rivelato un grave errore, e che “Due euro meglio che niente”. (10)

Dubitiamo che la riunione del Consiglio Europeo del 16-17 dicembre riuscirà a dirimere la questione. Con molta probabilità avremo uno stallo. Si prenderà tempo, nella speranza che giunga il contagio opposto, che la crescita tedesca si estenda ai paesi a rischio. Non solo noi, ma anche i più autorevoli analisti, per non parlare dei guru-banchieri, credono che la “ripresa” non ci sarà, e che di qui a breve l’Unione sarà posta invece di fronte al dilemma se salvare o no Portogallo e Spagna, con a ruota l’esplosione del bubbone italiano, e dunque la fine dell’euro. E perché ne sono convinti? Perché la speculazione finanziaria si sta già muovendo in questa direzione, cercando di trarre dal default dei PIIGS il massimo guadagno. La più classica delle profezie che si autoavverano. La cosiddetta “politica”, i governi, riusciranno a fermare la tempesta in arrivo? No, visto che questi governi sono da decenni Comitati d’affari del capitalismo finanziario, non possono avere una cura, dal momento che sono concausa della malattia.



Questa, in dettaglio, la classifica dell’esposizione delle banche europee al debito pubblico Irlandese 
Hypo Real Estate* € 10.3 bn - Royal Bank of Scotland €5bn (£4.2bn) - Allied Irish Bank €4,2bn - Bank of Ireland €1,2bn - Credit Agricole €929bn - Danske Bank €655m - HSBC €593m - BNP Paribas €571m - Group BPCE €491m - Societe Generale €453m - KBC Group €446 mln


** Bisogna ricordare che negli Stati Uniti e nel Regno Unito il billion corrisponde a 1.000 milioni, cioè a un miliardo (109) mentre in gran parte del mondo corrisponde a 1.000 miliardi, essendo il quadrato del milione.

Note .........

(1) Il Sole 24 Ore del 21 novembre 2010
(2) Giampaolo Galli, IL FOGLIO del 24 novembre 2010
(5) La madre di tutti i salvataggi, di Daniel Gros e Stefano Micoss. In Finanzaonline del 23 settembre 2009
(6) ANSA, 10 dicembre 2010 
(7) Rischio declassamento. Vittorio Da Rold, Il Sole 24 Ore del 5 dicembre 2010. 
(8) Il sole 24 ore del 30 giugno 2010
(9) Tremonti lancia gli Eurobond, Oscar Giannino
(10) Il sole 24 Ore del 11 dicembre 2010 
Print Friendly and PDF

2 commenti:

  • Lorenzo scrive:
    23 novembre 2011 04:24

    Splendido articolo.

  • Anonimo scrive:
    01 dicembre 2012 17:06

    Condivido: splendido articolo e, considerato che scrivo nel novembre 2012, pure denso di fosche e veritiere profezie.

Google+ Followers

Lettori fissi

Temi

crisi (504) euro (380) economia (364) Unione europea (334) sinistra (268) finanza (225) sfascio politico (215) resistenza (198) risveglio sociale (181) internazionale (167) seconda repubblica (158) alternativa (153) Movimento Popolare di Liberazione (151) teoria politica (143) elezioni (137) banche (134) M5S (108) imperialismo (96) berlusconismo (89) Grillo (85) sollevazione (83) antimperialismo (82) destra (82) proletariato (80) debito pubblico (76) marxismo (75) sovranità nazionale (75) Mario Monti (68) democrazia (66) sindacato (59) PD (55) sovranità monetaria (54) grecia (53) Rivoluzione Democratica (52) Libia (51) Leonardo Mazzei (49) Movimento dei forconi (49) fiat (47) Stati Uniti D'America (45) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (44) Matteo Renzi (44) Emiliano Brancaccio (42) Moreno Pasquinelli (41) austerità (40) solidarietà (39) capitalismo (38) proteste operaie (38) astensionismo (37) rifondazione (37) inchiesta (35) socialismo (35) azione (33) islam (32) Nichi Vendola (31) costituzione (31) unità anticapitalisa (31) 9 dicembre (30) Siria (30) Germania (29) Medio oriente (28) egitto (28) Assemblea di Chianciano terme (27) sionismo (27) menzogne di stato (26) palestina (26) Alberto Bagnai (25) capitalismo casinò (25) filosofia (25) geopolitica (25) Sicilia (24) bce (24) fiom (24) fiscal compact (23) guerra (23) napolitano (23) spagna (23) moneta (22) Israele (21) Europa (20) Tsipras (20) Francia (19) campo antimperialista (19) liberismo (18) Forum europeo (17) Mariano Ferro (17) Tunisia (17) default (17) ecologia (17) etica (17) Assisi (16) Chianciano Terme (16) Enrico Letta (16) legge elettorale (16) silvio berlusconi (16) sovranità popolare (16) Marcia della Dignità (15) immigrati (15) 15 ottobre (14) Sel (14) Syriza (14) globalizzazione (14) repressione (14) neofascismo (13) Cremaschi (12) Lega (12) fronte popolare (12) religione (12) 14 dicembre (11) MMT (11) Mario Draghi (11) Negri (11) cina (11) nazionalismi (11) pace (11) populismo (11) Bagnai (10) OLTRE L'EURO (10) ambiente (10) iniziative (10) iran (10) sinistra sovranista (10) storia (10) vendola (10) Aldo Giannuli (9) Chavez (9) Fiorenzo Fraioli (9) Russia (9) Ucraina (9) decrescita (9) obama (9) Algeria (8) Art. 18 (8) Bersani (8) Brancaccio (8) Ingroia (8) Marine Le Pen (8) Marino Badiale (8) Merkel (8) Mirafiori (8) Vincenzo Baldassarri (8) cultura (8) keynes (8) neoliberismo (8) nucleare (8) referendum (8) unità anticapitalista (8) Esm (7) Forconi (7) Goracci (7) Ilva (7) MMT. Barnard (7) Mimmo Porcaro (7) Movimento pastori sardi (7) Nello de Bellis (7) Perugia (7) Pier Carlo Padoan (7) Ugo Boghetta (7) Venezuela (7) cinque stelle (7) complottismo (7) golpe (7) incontri (7) islanda (7) rivoluzione civile (7) scienza (7) sovranismo (7) taranto (7) AST (6) Argentina (6) Articolo 18 (6) Bottega partigiana (6) Diego Fusaro (6) Draghi (6) Ernesto Screpanti (6) Front National (6) Gaza (6) Monte dei Paschi (6) Regno Unito (6) Sergio Cesaratto (6) Wilhelm Langthaler (6) analisi politica (6) anarchismo (6) chiesa (6) comunismo (6) iraq (6) salari (6) salerno (6) umbria (6) Anguita (5) Bruno Amoroso (5) Daniela Di Marco (5) De Magistris (5) Gennaro Zezza (5) Il popolo de i Forconi (5) Lavoro (5) No Monti Day (5) No debito (5) Pcl (5) Quirinale (5) Terni (5) acciaierie Terni (5) camusso (5) di Pietro (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) europeismo (5) finanziaria (5) finanziarizzazione (5) governo Renzi (5) lira (5) magistratura (5) marxisti dell'Illinois (5) proteste (5) tremonti (5) ALBA (4) Alternative für Deutschland (4) Andrea Ricci (4) CGIL (4) CSNR (4) Casaleggio (4) Costanzo Preve (4) Def (4) Emmezeta (4) Eugenio Scalfari (4) Federalismo (4) Fmi (4) Giorgio Cremaschi (4) HAMAS (4) ISIS (4) Karl Marx (4) Kirchner (4) Landini (4) Legge di stabilità (4) Lucio Chiavegato (4) Nato (4) Portogallo (4) Prc (4) Sefano Rodotà (4) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (4) Troika (4) Tyssenkrupp (4) Val di Susa (4) afghanistan (4) antifascismo (4) appello (4) arancioni (4) beni comuni (4) brasile (4) carceri (4) cipro (4) cristianismo (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) governo (4) irisbus (4) lotta di classe (4) media (4) nazione (4) no tav (4) piemme (4) pomigliano (4) presidente della repubblica (4) presidenzialismo (4) scuola (4) svalutazione (4) tasse (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) BRIM (3) Beppe De Santis (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Cesaratto (3) Claudio Borghi (3) Claudio Martini (3) Comitato No Debito (3) Danilo Calvani (3) Dicotomia (3) Donbass (3) Felice Floris (3) GIAPPONE (3) Hollande (3) ISIL (3) Imu (3) Jacques Sapir (3) Jobs act (3) Kke (3) Laura Boldrini (3) Lega Nord (3) Lupo (3) Magdi Allam (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Patrizia Badii (3) Piero Bernocchi (3) Pisapia (3) Rete dei Comunisti (3) Stato di diritto (3) Stefano D'Andrea (3) Stefano Fassina (3) Ttip (3) Turchia (3) Ungheria. jobbink (3) anarchici (3) bankitalia (3) bipolarismo (3) borsa (3) cuba (3) debitori (3) deficit (3) fratelli musulmani (3) il manifesto (3) inflazione (3) internazionale azione (3) internazionalismo (3) internet (3) italicum (3) laicismo (3) legge truffa (3) liberosambismo (3) partito (3) patrimoniale (3) ratzinger (3) sardegna (3) sinistra anti-nazionale (3) terremoto (3) trasporto pubblico (3) violenza (3) wikileaks (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) Abu Bakr al-Baghdadi (2) Agenda Monti (2) Alitalia (2) Angelo Salento (2) Antonello Cresti (2) Ars (2) Bahrain (2) Banca centrale europea (2) Barbara Spinelli (2) Berretti Rossi (2) Brushwood (2) CISL (2) CLN (2) CUB (2) Cile (2) Contropiano (2) D'alema (2) Enea Boria (2) Enrico Grazzini (2) Fidesz (2) Forza Italia (2) Francesco Piobbichi (2) Francesco Salistrari (2) Frente civico (2) Frosinone (2) Frédéric Lordon (2) Giancarlo D'Andrea (2) Giulietto Chiesa (2) Grottaminarda (2) Lenin (2) Loretta Napoleoni (2) Marco Mainardi (2) Marco Passarella (2) Marocco (2) Massimo Bontempelli (2) Michele Berti (2) Michele fabiani (2) Moldavia (2) Mussari (2) Norberto Fragiacomo (2) Oscar Lafontaine (2) Paolo Savona (2) Papa Francesco (2) PdCI (2) Pdl (2) Poroshenko (2) Prodi (2) Putin (2) Quantitative easing (2) ROSSA (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Stato (2) Stiglitz (2) Thissen (2) ThyssenKrupp (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) UIL (2) UKIP (2) USB (2) Yemen (2) calunnia (2) casa pound (2) cinema (2) comitato di Perugia (2) derivati (2) diritto di cittadinanza (2) disoccupazione (2) dollaro (2) donna (2) elezioni anticapte (2) energia (2) giovani (2) governicchio (2) indignati (2) indipendenza (2) industria italiana (2) irlanda (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) jihadismo (2) keynesismo (2) marina silva (2) necrologi (2) paolo vinti (2) pensioni (2) porcellum (2) razionalismo (2) risorgimento (2) sanità. spending review (2) saviano (2) sciopero (2) sindacalismo di base (2) sinistra critica (2) sme (2) sovrapproduzione (2) spesa pubblica (2) terzo polo (2) tv (2) uniti e diversi (2) università (2) uscita dall'euro (2) uscita di sinistra dall'euro (2) xenofobia (2) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A/simmetrie (1) Alavanos (1) Albert Einstein (1) Albert Reiterer (1) Alberto Montero (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Alessandro Di Battista (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Amoroso (1) Andrew Brazhevsky (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Antonio Guarino (1) Antonio Rinaldi (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Ars Longa (1) Ascheri (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) BRI (1) Baath (1) Banca mondiale (1) Bandiera rossa in movimento (1) Basilicata (1) Belgio (1) Beppe Grillo (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bilderberg (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Boikp Borisov (1) Bolkestein (1) Borotba (1) Bretagna (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carc (1) Carchedi (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Cernobbio (1) Cgia Mestre (1) Chișinău (1) Circo Massimo (1) Città della Pieve (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Davide Bono (1) Davide Serra (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Der Spiegel (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) ECO (1) Eco della rete (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Elinor Ostrom (1) Emmanuel Macron (1) Emmeffe (1) Erdogan (1) Eugenio Scalgari (1) F.List (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabriano (1) Fabrizio Tringali (1) Favia (1) Federica Aluzzo (1) Ferrero (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Finlandia (1) Fiorito (1) Foligno (1) Forum Ambrosetti (1) Francesca Donato (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Fratelli d'Italia (1) Freente Civico (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Genova (1) George Soros (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gianni Ferrara (1) Giorgio Gattei (1) Giuli Sapelli (1) Giulio Girardi (1) Giuseppe Pelazza (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Goldman Sachs (1) Goofynomics (1) Gramsci (1) Gran Bretagna (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) Guido Viale (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Hartz IV (1) Haver Analytics (1) Hezbollah (1) Ida Magli (1) Il tramonto dell'euro (1) Indesit (1) Italia dei valori (1) Izquierda Unida (1) J.Habermas (1) Jacques Nikonoff (1) James Holmes (1) James Petras (1) Javier Couso Permuy (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Luc Mélenchon (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jens Weidmann (1) Jeremy Rifkin (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Julio Anguita (1) Juncker (1) Kenneth Kang (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kruhman (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Legge Severino (1) Lidia Undiemi (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) Ltro (1) Luciano B. Caracciolo (1) Luciano Canfora (1) Luciano Vasapollo (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Maastricht (1) Maida (1) Mali (1) Manolo Monereo (1) Manolo Monero Pérez (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Marcello Barison (1) Marchionne (1) Marco Carrai (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Margarita Olivera (1) Maria Rita Lorenzetti (1) Martin Wolf (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio zaffarano (1) Mentana (1) Merk (1) Merloni (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Mihaly Kholtay (1) Milton Friedmann (1) Mincuo (1) Monicelli (1) Morgan Stanley (1) Morya Longo (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Nadia Garbellini (1) Naji Al-Alì (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) Nigel Farage (1) No e-45 autostrada (1) Noam Chomsky (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Pakistan (1) Paolo Barnard (1) Paolo Becchi (1) Paolo Giussani (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Partito del Lavoro (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Piemonte (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pil argentino (1) Pil italiano (1) Pizzarotti (1) Podemos (1) Porto Recanati (1) Preve (1) Profumo (1) Puglia (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) Raffaele Ascheri (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Riccardo Achilli (1) Riccardo Bellofiore (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Rizzo (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Musacchio (1) Rodoflo Monacelli (1) Romney (1) SInistra popolare (1) Said Gafurov (1) Salmond (1) Salvatore D'Albergo (1) Salvini (1) Sapir (1) Scottish National Party (1) Sebastiano Isaia (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bellavita (1) Sergio Bologna (1) Six Pack (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Standard & Poor's (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Storace (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) TPcCSA (1) Tasi (1) Teoria Monetaria Moderna (1) Thatcher (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Titoli di stato (1) Tltro (1) Tonguessy (1) Torino (1) Transnistria (1) Trichet (1) Trilateral (1) Two Pack (1) UGL (1) Udc (1) Ungheria (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Veltroni (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Orban (1) Viktor Shapinov (1) Vincenzo Sparagna (1) Visco (1) Vittorio Bertola (1) Vladimiro Giacchè (1) W. Streeck (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Wen Jiabao (1) Ytzhac Yoram (1) Zizek (1) Zolo (1) al-Durri (1) al-Fatah (1) alleanze (1) alt (1) amnistia (1) andrea zunino (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) ateismo (1) austria (1) ballarò (1) bancocrazia (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) censis (1) chokri belaid (1) classi sociali (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) composizione di classe (1) corruzione (1) cristianesimo (1) david harvey (1) decescita (1) denaro (1) depressione (1) divorzio banca d'Italia Tesoro (1) egolatria (1) elezioni anticipate (1) enav (1) enel (1) ennahda (1) estremismo (1) euroi (1) export (1) facebook (1) fallimenti (1) felicità (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fisco (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) forza nuova (1) gennaro Migliore (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il fatto quotidiano (1) import (1) indulto (1) intervista (1) intimperialismo (1) islamofobia (1) italia (1) kafir (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge del valore (1) leva (1) libano (1) liberalizzazioni (1) lula (1) maghreb (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifestazione (1) manovra (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massimo fini (1) materialismo storico (1) mattarellum (1) megalamania (1) memoria (1) mercantislismo (1) militarismo (1) minijobs. Germania (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) nazismo (1) negazionismo (1) noE-45 autostrada (1) nobel (1) norvegia (1) nuovo movimento politico (1) occupy wall street (1) olocausto (1) operaismo (1) parti de gauche (1) partiti (1) patto del Nazareno (1) polizia (1) poste (1) povertà (1) precarietà (1) primarie (1) privatizzazioni (1) programma UIKP (1) protezionismo (1) queswjepjelezioni (1) quinta internazionale (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) riformismo (1) risve (1) riunioni regionali (1) scie chimiche (1) seisàchtheia (1) seminario (1) senato (1) serbia (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra anticapitalista (1) social forum (1) social media (1) socialdemocrazia (1) società (1) studenti (1) takfir (1) tango bond (1) tasso di cambio (1) teoloogia (1) terzigno (1) trasporto aereo (1) troll (1) uassiMario Monti (1) ueor (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vincolo di mandato (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)