Forum Europeo - Assisi 20-24 agosto 2014

giovedì 30 dicembre 2010

Inchiesta sul sistema bancario

Tabella n.1

IL SODALIZIO
Credito, speculazione finanziaria, capitale

di Moreno Pasquinelli


La tesi di fondo sottesa a questa inchiesta sul ruolo del sistema bancario si articola in cinque  postulati:
(a) negli ultimi decenni il sistema economico, anzitutto occidentale (ove cioè il capitalismo è sorto e si è irrobustito) ha subito una profonda metamorfosi: la rendita finanziaria, ovvero il modo di moltiplicare guadagni e denaro saltando le fatiche del processo di creazione di plusvalore, ha preso il sopravvento sul capitale produttivo —dove per produttivo, con Marx, deve intendersi creatore e moltiplicatore del valore di scambio, produttivo di plusvalore. [1]



(b) Questa metamorfosi ha causato a sua volta il mutamento della composizione e della fisionomia della classe effettivamente dominante, poiché dominante, in cima alla piramide sociale, non sta più la tradizionale borghesia imprenditoriale, ma la classe parassitaria dei rentier: siamo apparentemente dentro un sistema sostanzialmente post-borghese (in un articolo del giugno scorso parlammo di meta-capitalismo).
(c) Tra Capitale e rendita speculativa, ovvero tra ciò che resta ancora della borghesia capitalistica e la nuova classe di sanguisughe della finanza s’è stabilità una simbiosi asimmetrica. Pur separati da contrasti intestini, essi sembrano come gemelli siamesi, anzi, sono spesso due entità nella medesima figura, come lo sono, nel romanzo di Robert Louis Stevenson, il dottor Jekyll e mister Hyde.
(d) la simbiosi, per quanto asimmetrica e conflittuale, è giunta a tal punto che sarà molto difficile separare il corpo dal parassita, visto il rischio che ove questa separazione avvenisse, il «corpo stesso non potrebbe sopravvivere». [2]
(e) Il sistema bancario è ciò che li tiene uniti, ciò che consente ai due organismi di continuare a vivere. Il sistema bancario agisce come fosse l’organo, la ghiandola, che assicura l’osmosi tra capitale e rendita. E’ un fegato che svolge un metabolismo al contrario: si alimenta di sangue sano per restituire sostanze tossiche e proteine patogene. 

Gli istituti di credito nel capitalismo-casinò

Tabella n.2

Il ruolo del sistema bancario era, almeno sulla carta, quello di fornire sangue fresco, ovvero liquidità al mercato, per assicurare dare linfa alla macchina onnivora del capitale e aiutare il suo processo di valorizzazione. Oggi, nel “nuovo mondo”, nel “dopo Cristo” di Marchionne, non è più così. Ne è passata di acqua sotto i ponti da quando Lenin scrisse che una caratteristica primaria dell’Imperialismo era la fusione di capitale bancario e industriale, e la conseguente formazione di grandi monopoli finanziari. 


Siamo infatti ben oltre, oramai. Da forzieri e soci in affari del Capitale, le banche sono diventate il lupanare, il terminale della speculazione finanziaria. Da forzieri del capitale sono diventate cassaforti della Rendita, ciò anche grazie (ma lo vedremo più avanti) al ruolo delle Banche centrali, e a quello dei governi —visto che il debito pubblico è un territorio privilegiato di razzia. In altre parole esse non rispondono più, in prima battuta, alla vecchia classe capitalistica, ma alla neo-classe dei redditieri e dei paperoni del capitalismo-casinò, di cui governi e partiti non sono oramai che terminali, comitati d’affari. Un mutamento colossale.

Il disgusto per l’empirismo come dottrina o teoria della conoscenza, non ci fa certo fare spallucce rispetto ai dati empirici (il cui flusso, oggigiorno, è esorbitante). Intanto è noto anche ai profani che il collasso in cui è piombata l’economia mondiale e che ha lasciato tramortito l’Occidente, è stato causato, in ultima istanza, dal crack del sistema bancario americano. Il panico è stato talmente grande che dopo aver lasciato fallire Lehman Brothers, non solo la Casa Bianca, ma un po’ tutti i governi occidentali hanno fatto repentina retromarcia e hanno adottato politiche ciclopiche di salvataggio delle banche. Politiche, o di vera e propria nazionalizzazione, o di aiuti smisurati onde evitare altri fallimenti. Il risultato è stato che i debiti delle banche sono stati trasferiti sulle spalle degli stati, così che, per evitare un crack del sistema bancario globale, si rischia ora il crack, ben più devastante dei debiti sovrani.

Le prime vittime sono state la Grecia e l’Islanda. Poca cosa, si dirà. Ma adesso, dopo tanti allarmi sui PIIGS, sta venendo giù l’Irlanda, a ruota rischiamo di seguire il Portogallo, la Spagna, l’Italia. Il rischio è talmente realistico che è la stessa Unione europea a tremare e l’euro stesso è in bilico.

I dati empirici, dicevamo. Il Telegraph del 24 novembre 2009 (guarda caso la notizia venne praticamente censurata dai quotidiani italiani, primo fra tutti Il Sole 24 Ore, e vedremo più avanti il perché) riportava l’analisi di Standards & Poor’s, ovvero la lista dei 45 istituti di credito di rilevanza globale che erano fuori dalla soglia di sicurezza dell’8% secondo il coefficiente RAC (Risk-adjusted capital). Che tradotto in pratica significa che quasi tutte le maggiori banche mondiali non avevano sufficiente capitale per coprire sia il trading sia l'esposizione in prestiti e investimenti.

Le banche segnalate come le più vulnerabili erano: la giapponese Mizuho Financial (2.0), l’americana Citigroup (2.1), la svizzera UBS (2.2), la giapponese Sumitomo Mitsui (3.5), la giapponese Mitsubishi (4.9), l’irlandese Allied Irish (5.0), la tedesca DZ Deutsche Zentral (5.3), la danese Danske Bank (5.4), la spagnola BBVA (5.4), la Bank of Ireland (6.2), la Bank of America (5.8), la tedesca Deutsche Bank (6.1), la spagnola Caja de Ahorros Barcelona (6.2) ed infine, sorpresa, l’italiana UniCredit (6.3) —la qual cosa spiega, in parte la censura mica si poteva smentire la storiella che le banche italiane scoppiano di salute!

Tabella n. 3

Era il risultato del crack del settembre 2008, della bolla dei muti sub-prime, si dirà. Non esattamente. La sproporzione enorme tra capitalizzazione propria e gli Asset complessivi (il valore dei beni, dei titoli, e dei crediti) veniva e viene da lontano, da quando appunto il sistema bancario si era dato al gioco d’azzardo, al risiko speculativo. Di qui il fenomeno dei cosiddetti “titoli tossici”, o titoli-spazzatura, il cui ammontare nessuna banca osa dichiarare pubblicamente, anche data la sua incommensurabilità.

Leverage

Qui veniamo al cosiddetto Leverage (leva finanziaria -vedi Tabella n.4). Di che si tratta? Dell’indice di indebitamento di un istituto di credito, cioè del rapporto tra il capitale proprio e quello preso in prestito (debito) da terzi ed usato per investire, ovvero per operazioni di speculazione finanziaria. In questo modo la banca o l’ente finanziario può ampliare il suo business senza aumentare il proprio patrimonio netto. Esempio: facciamo che una società sia costituita con un investimento di 5 milioni di euro da investitori, che cioè il suo patrimonio netto sia di 5 milioni di € —questo è il denaro che l'azienda utilizza per funzionare. Se l'azienda prende però in prestito 20 milioni di  € , l'azienda ha ora 25 milioni euro da poter investire in operazioni speculative e quindi maggiori opportunità di guadagno. Per cui: se il leverage assume valore pari a 1 significa che l'azienda non ha fatto ricorso a capitale di terzi (non ha debiti); se il leverage assume valori compresi fra 1 e 2 significa che il capitale proprio è maggiore del capitale di terzi; se il leverage assume valori superiori a 2 significa che il capitale di terzi è maggiore del capitale proprio. La Leva insomma amplifica a dismisura sia gli utili che il rischio di perdite, visto che il debitore, in caso di investimento sbagliato, avrà perdite enormi rispetto al suo patrimonio, col rischio di default.

Tabella n.4
Questo giochetto (usare il debito per trarre guadagno) è diventato un vero e proprio modus operandi, una modalità sistemica a partire dagli anni ’80, ed è esso che ha causato le cosiddette “bolle” e i tracolli di borsa del 2000-2002 (bolla dei titoli internet e tecnologici) e del 2008-2009 (credito, bolla dei titoli bancari).

Sul ruolo delle banche centrali

Sono forse estranee le Banche centrali a questa giostra speculativa? E’ vero il contrario. I crack degli ultimi vent’anni sono stati causati anche dalle politiche delle banche centrali, a partire da quella americana. «Alla base di tutto c’è stata la bolla della liquidità e la perversa convinzione che ci fosse una grande virtù nella leva finanziaria, nel fare debito ad ogni livello. Perché indebitarsi per comprare una casa, un bene di consumo, per acquisire un’azienda, per fare un buy back e persino peer pagare i dividendi era cosa che muoveva l’economia e faceva crescere il Pil. E moltiplicava gli investimenti e gli utili, come ben sapevano le banche che erano arrivate ad avere attività 50 o più volte superiori al loro patrimonio. Infine anche la bolla dei titoli pubblici è arrivata a maturazione.
A consacrare le virtù taumaturgiche della liquidità (e del debito) sono state in primo luogo le banche centrali. La Fed di Alan Greenspan non fa nulla per contenere la bolla del 2000. E a partire dal 2003 ne alimenta una nuova con i bassi tassi d’interesse e la liquidità che scorre a fiumi. (…) Il suo successore, Ben Bernanke, si muove nella stessa direzione e non s’avvede che sta per scatenare una nuova recessione.. visto che sta somministrando la stessa terapia di Greenspan, ma con dosi da cavallo.
Strano destino quello dei vecchio paesi sviluppati: se vogliono crescere lo devono fare con la finanza elevata a potenza». [3]

Questa strategia non nasce ieri, ma viene avanti sin dagli anni ’80: la “finanza allegra” è stata la risposta occidentale alle crescita della Cina e degli “emergenti” nel disperato tentativo di conservare la propria supremazia economica, senza più possedere quella nel campo industriale.

Che la Fed, ma pure la Bce, si comportino come i donatori di sangue per i vampiri della finanza speculativa è evidente dalle loro politiche di quantitative easing. [4] Essendo già i tassi con cui prestano denaro alle banche prossimi allo zero, le banche centrali, per continuare ad immettere liquidità nei mercati (leggi: assistere le banche, finanziare i mercati finanziari e puntellare i traballanti debiti sovrani) si sono messe a comprare i titoli di Stato emessi dai governi. Tanto per fare un esempio la Fed di Bernanke, il 15 dicembre, annunciava l’acquisto di 600 miliardi di dollari di titoli di stato del governo, con grande gioia di Walll Street, il cui indice Dow Jones è schizzato al livello più alto dal settembre 2008. [5]
Un caso eclatante che dimostra l’aleatorietà dei trend borsistici, la radicale asimmetria tra lo stato reale dell’economia e quello dei mercati finanziari, che salgono perché con la maggiore liquidità possono accrescere i guadagni malgrado la recessione e lo stato comatoso dei processi produttivi.

Tabella n.5
La Bce non è da meno. A fronte di capitali e riserve di 10,5 milardi di euro ha attività per 153,5 milardi, vale dire una leva finanziaria di circa 15 volte (per le banche europee siamo ad una leva di 25). Il recente aumento di capitale annunciato da Trichet si spiega appunto perché la Bce è stata obbligata, per sorreggere le finanze traballanti di molti stati europei, ad acquistare centinaia miliardi di euro di loro titoli. Il bello è che «Il sistema creditizio europeo continua ad attingere dalla Bce per ottenere buona parte della liquidità necessaria, dando in cambio titoli obbligazionari di vario tipo che stanno perdendo valore». . [6]

Il Carry trade

Così, mentre i tassi stabiliti da Fed e Bce non sono mai stati così bassi, praticamente prossimi allo zero, la Banca centrale cinese, quelle indiana e brasiliana, sono costrette ad alzarli per contrastare il rischio di “surriscaldamento” e di squilibri sociali crescenti delle loro economie. Ma su questo vedremo più avanti.

Cos’è il carry trade. «Il giochetto è semplice: basta prendere in prestito soldi dove il denaro costa poco. Una volta presi in prestito, i denari vengono investiti dove si spera di guadagnare tanto. La Cina ha attirato nel 2010 ben 158,9 miliardi di dollari di capitali privati: il 9,7% in più rispetto al 2008. I flussi su borse e bond del Brasile sono addirittura quasi quadruplicati a 124 miliardi. In generale i paesi emergenti hanno attirato 825 miliardi di dollari nel 2010: il 42% in più rispettp al 2008. I soldi vanno inoltre sulle materie prime e, ovviamente, anche in borsa». [7]

L’afflusso di capitali determina nei paesi emergenti l’inevitabile apprezzamento delle loro valute, ciò che con tutta evidenza danneggia le loro esportazioni, col rischio di frenare la loro crescita e danneggiare le loro bilance commerciali e dei pagamenti. Ecco spiegato perché essi sono costretti ad alzare barriere sui capitali esteri in ingresso (tasse crescenti sulla transazioni finanziarie), col paradosso che devono anche alzare i tassi d’interesse (per “raffreddare l’economia”, ovvero i rischi d’inflazione), con ciò attirando appunto la speculazione occidentale. Il gatto si morde la coda.

Ma il “giochetto” del carry trade, che è concausa della “guerra delle monete” [8] rappresenta un rischio anzitutto per gli stessi speculatori, tra cui le grandi banche. Basta infatti che l’andamento dei tassi cambi improvvisamente. Ci sarà chi perde enormi quantità di denaro, oppure, per evitare questo rischio, gli speculatori tutti insime possono decidere di “smontare” il carry trade, causando incontrollabili turbolenze nei mercati valutari. “Giochetto” in cui i potenti hedge fund americani sono, come si sa, veri maestri.

Dopo quello americano il crack del sistema bancario europeo?

Tutti i dati indicano che siamo alle porte di un nuovo crack finanziario, che avrà il sistema bancario come epicentro, probabilmente proprio quello europeo, visto che
i loro bilanci, già appesantiti dai “titoli tossici”, sono pieni di titoli greci, irlandesi, portoghesi, spagnoli, italiani (ecc.), che rischiano da un momento all’altro di essere qualificati come titoli spazzatura. Un qualsiasi “battito di ali di una farfalla a occidente può causare una tempesta ad oriente”. A conferma, come sostenuto dallo stesso Tremonti nel luglio scorso, [9] che la giostra del capitalismo-casinò ha ripreso a girare come prima e più di prima. Chi si chiede quale sia la ragione per cui la grande speculazione finanziaria, banche incluse, malgrado i rischi, si orienti a comprare titoli di stato invece che azioni di questa o quella industria sul mercato azionario ha la risposta: negli ultimi 10 anni chi avesse investito nella borsa di Wall Street ha perso il 5%, in quelle europee il 22%, mentre chi avesse sottoscritto obbligazioni e titoli di stato ha guadagnato il 70%. E a spiegare perché la speculazione si orienti verso gli emergenti basti considerare che, sempre negli ultimi dieci anni, le loro borse sono cresciute del 241%! Un vero terremoto nel capitalismo mondiale. [10]

Può il capitalismo occidentale evitare la china del declino? Potrà farlo senza invertire la rotta, ovvero senza una riconversione profonda che dalla speculazione reindirizzi  capitali e investimenti verso la produzione o l’economia reale? La simbiosi potrà avere fine? La domanda potrebbe anche essere diversamente declinata: sarà il modello tedesco a prende il sopravvento o quello anglosassone trascinerà l’Occidente nel baratro? Queste domanda meritano una trattazione specifica.


Note

[1 ]«La “speculazione” non è una patologia momentanea, un’alterazione maligna di un corpo sano, quanto invece il modus essendi e operandi del sistema capitalistico occidentale giunto al suo estremo grado di bulimia. Qui sta il busillis: siamo in presenza di sistema segnato dalla tendenza compulsiva a fare profitti senza però creare plusvalore, ovvero della metastasi per cui la sfera finanziario-creditizia, cresciuta in misura abnorme, non è più un supporto alla creazione di plusvalore, ma un gigantesco parassita che succhia plusvalore alla sfera produttiva per ingrassare quella improduttiva. Il tardo-capitalismo portava in seno un mostro che ora lo sta  divorando dall’interno». (Vedi: La mossa della Merkel)
[2] Vedi il nostro: Rivolta e Rivoluzione
[3] Walter Riolfi, Il Sole 24 Ore del 30 dicembre 2010
[4] Vedi il nostro: Il crack che verrà
[5] Il Sole 24 Ore del 15 dicembre 2010
[6] Il sole 24Ore del 19 dicembre
[7] Morya Longo, Il Sole 24 Ore del 28 dicembre 2010
[9] Bluerating, 2 luglio 2010
[10] Il Sole 24 Ore del  30 dicembre 2010
Print Friendly and PDF

7 commenti:

  • Anonimo scrive:
    30 dicembre 2010 19:46

    Il modello tedesco è basato sull'austerità, sui tagli alla spesa, sulle esportazioni le quali comportano l'inevitabile perdita del potere di acquisto da parte della propria gente (leggi impoverimento). Avete scritto 'sto popò di articolo per sputtanare il quantitative easing degli americani e parlare dei tedeschi? Perchè dite che il modello anglosassone ci porterà al baratro e di contrasto ci mettete il tedesco senza aggiumgere nient'altro? Spero non pensiate che il modello tedesco sia la soluzione. No, perchè se questo è l'intento di quanto scritto allora è meglio che vi documentiate un po di più sulle alternative.

  • Rivoluzione Democratica scrive:
    30 dicembre 2010 22:54

    Gentile Lettore,

    grazie anzitutto per il tuo commento. E ci mancherebbe che incensiamo il "modello tedesco"!? A nostro modo di vedere, e siamo molti fermi nel difenderlo, la soluzione (a mali estremi, estremi rimedi) è pressapoco questa:

    «... debbono pagare coloro che in questi decenni hanno guadagnato dal capitalismo-casinò e che continuano ad ingrassarsi grazie alla crisi. Sul secondo punto le misure davvero imprescindibili sono: l’annullamento del debito pubblico detenuto dalla rendita, interna ed estera; la riconquista della sovranità monetaria con l’immediata svalutazione della moneta nazionale e un controllo rigido sui cambi; la nazionalizzazione del sistema bancario e la messa sotto controllo pubblico della Banca d’Italia; la nazionalizzazione dei settori strategici dell’economia, tra cui quello energetico e quelli industriali di rilevanza nazionale; una radicale riforma fiscale che premi i comparti produttivi a danno della rendita; un grande piano di investimenti statali che premi la tutela dell’ambiente, i trasporti pubblici, la ricerca e la scuola».

    Non l'abbiamo "aggiunto" perché chi segue questo blog l'avrà letto in tutte le salse. Comunque ti rimandiamo all'articolo «Bye Bye euro»
    http://sollevazione.blogspot.com/2010/12/bye-bye-euro.html

  • Anonimo scrive:
    31 dicembre 2010 15:50

    ....Insomma leggendo la risposta che date alle obiezioni di anonimo , quello che paventate e' un " nuovo modello sociale " ma per fare cio' bisogna togliere l'osso del prosciutto dalla bocca della speculazione finanziaria e ridisegnare la nostra societa' togliendo il profitto dal primo posto della classifica sociale...ma credo che questo anche sull'orlo della catastrofe non avverra' mai, io sono un risparmiatore fregato Lehman e Vi pongo una domanda : cosa e' cambiato dal 15/9/2008 ? ; vi do anche una mia risposta: NIENTE !! e siamo gia' sull'orlo di una nuova crisi !!

  • Rivoluzione Democratica scrive:
    31 dicembre 2010 17:06

    Appunto non è cambiato niente. Il capitalismo-casinò gira a pieno ritmo nonostante la botta del settembre 2008. Segno che qui non è questione di questa o quella decisione governativa, ma del DNA del capitalismo occidentale. Siamo ottimisti per natura, e tenaci in quanto a volontà. I mutamenti profondi non si misurano nell'arco egli anni, ma dei decenni, e spesso anche secoli. Questa crisi è a pere nostro irreversibile e porrà l'Occidente, ma anzitutto l'Europa davanti ad un bivio: schiavi del mercato o padroni di esso? E poi: siamo proprio sicuri che l'economia di mercato, basata sul valore di scambio, ovvero sul profitto come molla e causa di produzione e scambio sia l'ultima parola della storia? Ma no che non lo è, la storia non finisce qui.

  • Anonimo scrive:
    03 gennaio 2011 22:40

    non concordo con un generico "annullamento del debito" nè con una generica condanna della "rendita finanziaria". non dimentichiamo che belle fette di debito sono detenute da lavoratori-risparmiatori. il vero cambiamento del capitalismo moderno è che oggi comandano i DEBITORI (banche, imprese, governi) e i creditori-risparmiatori sono sfruttati anche tramite remunerazioni dei risparmi a tassi ridicoli.
    bisogna invece uscire dall'euro (non lo permetteranno mai) e impedire determinate operazioni (derivati... non lo permetteranno mai).
    lucio.

  • Rivoluzione Democratica scrive:
    05 gennaio 2011 10:50

    Infatti! Infatti!
    Entreremo prossimamente più nello specifico per quanto attiene allo «annullamento».... Con tutta evidenza noi parliamo di cancellare i debiti verso le grandi istituzioni finanziarie e in genere circolanti nella sfera della speculazione internazionale. Giusta la clausola della salvaguardia dei risparmi sotto una certa soglia, a tutela delle fasce "popolari". Si tenga conto, che circa il 50 % del debito italiano è in mani straniere e che del resto la grande fetta la detengono grandi banche italiane....

  • Anonimo scrive:
    27 agosto 2011 21:05

    condivido le valutazioni sulla mutazione del capitalismo ma mi sembra che non si vogliano cogliere due aspetti fondamentali della realtà in cui viviamo:

    1 - le monete da una funzione di facilitazione degli scambi sono diventate strumento di potere attraverso l'interesse-debito se non si elimina questo fattore di squilibrio si arriverà sempre e comunque a delle crisi di sistema perchè il debito con il tempo diventa insostenibile:
    http://www.youtube.com/watch?v=2oy4Q0INXZo

    2 - la crescita della produzione di beni non può continuare all'infinito perchè il pianeta e le sue risorse sono finite.
    Oggi i due aspetti si sommano e gli si è aggiunta (qualcuno dice che è stata aggiunta di proposito per spolpare quello che restava di beni pubblici, risparmi privati ed annullare le conquiste costate secoli di lotte dei lavoratori) la metastasi della finanziarizzazione dell'economia che avete ben illustrato ...se non si cambia rotta e continueremo ad insistere nella ricerca della crescita della produzione e dei consumi il disastro sarà inevitabile
    http://dotsub.com/view/7cc25150-ac01-47c9-a5de-b3acc731fb30

Google+ Followers

Lettori fissi

Temi

crisi (491) economia (355) euro (352) Unione europea (304) sinistra (260) finanza (217) sfascio politico (213) resistenza (191) risveglio sociale (181) internazionale (159) seconda repubblica (157) alternativa (151) teoria politica (143) elezioni (136) banche (129) Movimento Popolare di Liberazione (119) M5S (105) imperialismo (92) berlusconismo (89) Grillo (84) destra (81) antimperialismo (79) sollevazione (78) debito pubblico (74) marxismo (74) proletariato (72) Mario Monti (67) sovranità nazionale (65) democrazia (64) sindacato (54) PD (53) Rivoluzione Democratica (52) Libia (51) grecia (51) Movimento dei forconi (49) fiat (47) sovranità monetaria (42) Leonardo Mazzei (41) Stati Uniti D'America (41) Emiliano Brancaccio (38) proteste operaie (38) solidarietà (38) astensionismo (37) rifondazione (37) austerità (35) inchiesta (35) capitalismo (34) socialismo (34) Moreno Pasquinelli (33) azione (33) Nichi Vendola (31) unità anticapitalisa (31) 9 dicembre (30) costituzione (29) Germania (28) Matteo Renzi (28) Siria (28) egitto (28) Assemblea di Chianciano terme (27) islam (27) Medio oriente (26) menzogne di stato (26) filosofia (25) geopolitica (25) sionismo (25) Sicilia (24) fiom (24) palestina (24) napolitano (23) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (22) spagna (22) Alberto Bagnai (20) moneta (20) Europa (19) Francia (19) campo antimperialista (19) fiscal compact (19) guerra (19) Israele (18) Tsipras (18) Mariano Ferro (17) Tunisia (17) bce (17) capitalismo casinò (17) ecologia (17) etica (17) liberismo (17) Chianciano Terme (16) legge elettorale (16) Enrico Letta (15) default (15) immigrati (15) silvio berlusconi (15) 15 ottobre (14) Sel (14) repressione (14) Syriza (13) Cremaschi (12) Lega (12) fronte popolare (12) globalizzazione (12) neofascismo (12) religione (12) 14 dicembre (11) cina (11) nazionalismi (11) populismo (11) Bagnai (10) Marcia della Dignità (10) Negri (10) OLTRE L'EURO (10) ambiente (10) iniziative (10) sovranità popolare (10) storia (10) vendola (10) Aldo Giannuli (9) Chavez (9) MMT (9) decrescita (9) iran (9) pace (9) Algeria (8) Bersani (8) Brancaccio (8) Fiorenzo Fraioli (8) Ingroia (8) Marine Le Pen (8) Marino Badiale (8) Mirafiori (8) Vincenzo Baldassarri (8) cultura (8) keynes (8) nucleare (8) obama (8) unità anticapitalista (8) Esm (7) Forconi (7) Forum europeo (7) Goracci (7) Ilva (7) MMT. Barnard (7) Movimento pastori sardi (7) Perugia (7) Ugo Boghetta (7) Venezuela (7) cinque stelle (7) complottismo (7) incontri (7) islanda (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) Bottega partigiana (6) Draghi (6) Ernesto Screpanti (6) Front National (6) Mimmo Porcaro (6) Monte dei Paschi (6) Nello de Bellis (6) Russia (6) analisi politica (6) anarchismo (6) chiesa (6) comunismo (6) golpe (6) referendum (6) scienza (6) umbria (6) Anguita (5) Argentina (5) Art. 18 (5) Assisi (5) Bruno Amoroso (5) Daniela Di Marco (5) De Magistris (5) Diego Fusaro (5) Gennaro Zezza (5) Il popolo de i Forconi (5) Lavoro (5) No Monti Day (5) No debito (5) Pcl (5) Pier Carlo Padoan (5) Quirinale (5) Regno Unito (5) Sergio Cesaratto (5) Ucraina (5) camusso (5) di Pietro (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) europeismo (5) lira (5) magistratura (5) proteste (5) salari (5) salerno (5) sinistra sovranista (5) tremonti (5) ALBA (4) Alternative für Deutschland (4) Andrea Ricci (4) Articolo 18 (4) CSNR (4) Costanzo Preve (4) Federalismo (4) Fmi (4) HAMAS (4) Landini (4) Lucio Chiavegato (4) Merkel (4) Portogallo (4) Prc (4) Sefano Rodotà (4) Val di Susa (4) Wilhelm Langthaler (4) afghanistan (4) antifascismo (4) appello (4) arancioni (4) beni comuni (4) brasile (4) carceri (4) cipro (4) cristianismo (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) governo (4) governo Renzi (4) irisbus (4) media (4) nazione (4) neoliberismo (4) no tav (4) pomigliano (4) presidente della repubblica (4) presidenzialismo (4) scuola (4) sovranismo (4) svalutazione (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) CGIL (3) Casaleggio (3) Cesaratto (3) Claudio Borghi (3) Claudio Martini (3) Comitato No Debito (3) Danilo Calvani (3) Def (3) Dicotomia (3) Felice Floris (3) GIAPPONE (3) Giorgio Cremaschi (3) Jacques Sapir (3) Kirchner (3) Kke (3) Laura Boldrini (3) Lega Nord (3) Lupo (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Nato (3) Patrizia Badii (3) Piero Bernocchi (3) Pisapia (3) Rete dei Comunisti (3) Stato di diritto (3) Stefano D'Andrea (3) Ttip (3) Ungheria. jobbink (3) anarchici (3) bankitalia (3) bipolarismo (3) cuba (3) deficit (3) fratelli musulmani (3) il manifesto (3) inflazione (3) internazionale azione (3) internet (3) iraq (3) italicum (3) laicismo (3) legge truffa (3) liberosambismo (3) partito (3) patrimoniale (3) ratzinger (3) sardegna (3) terremoto (3) trasporto pubblico (3) violenza (3) wikileaks (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) Agenda Monti (2) Alitalia (2) Antonello Cresti (2) Ars (2) Bahrain (2) Banca centrale europea (2) Barbara Spinelli (2) Beppe De Santis (2) Berretti Rossi (2) Brushwood (2) CISL (2) CUB (2) Cile (2) Contropiano (2) D'alema (2) Emmezeta (2) Eugenio Scalfari (2) Fidesz (2) Forza Italia (2) Francesco Piobbichi (2) Francesco Salistrari (2) Frente civico (2) Frosinone (2) Frédéric Lordon (2) Gaza (2) Giulietto Chiesa (2) Grottaminarda (2) Imu (2) Karl Marx (2) Loretta Napoleoni (2) Marco Mainardi (2) Marco Passarella (2) Marocco (2) Massimo Bontempelli (2) Michele fabiani (2) Mussari (2) Oscar Lafontaine (2) Paolo Savona (2) Papa Francesco (2) PdCI (2) Pdl (2) Prodi (2) ROSSA (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Stato (2) Stiglitz (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Turchia (2) UIL (2) UKIP (2) USB (2) Yemen (2) borsa (2) calunnia (2) casa pound (2) cinema (2) comitato di Perugia (2) debitori (2) derivati (2) diritto di cittadinanza (2) disoccupazione (2) dollaro (2) donna (2) energia (2) finanziarizzazione (2) giovani (2) governicchio (2) indignati (2) industria italiana (2) irlanda (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) jihadismo (2) keynesismo (2) marina silva (2) marxisti dell'Illinois (2) necrologi (2) paolo vinti (2) pensioni (2) porcellum (2) razionalismo (2) risorgimento (2) sanità. spending review (2) saviano (2) sciopero (2) sindacalismo di base (2) sinistra anti-nazionale (2) sme (2) spesa pubblica (2) tasse (2) terzo polo (2) tv (2) uniti e diversi (2) università (2) uscita dall'euro (2) uscita di sinistra dall'euro (2) xenofobia (2) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A/simmetrie (1) Abu Bakr al-Baghdadi (1) Alavanos (1) Alberto Montero (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Amoroso (1) Andrew Brazhevsky (1) Angelo Panebianco (1) Angelo Salento (1) Angelo di Carlo (1) Antonio Guarino (1) Antonis-Ragkousis (1) Ars Longa (1) Ascheri (1) Augusto Graziani (1) BRI (1) Baath (1) Banca mondiale (1) Basilicata (1) Belgio (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bilderberg (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Boikp Borisov (1) Bolkestein (1) Borotba (1) Bretagna (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CLN (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carc (1) Carchedi (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Davide Bono (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Der Spiegel (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Donbass (1) ECO (1) Eco della rete (1) Elctrolux (1) Elinor Ostrom (1) Emmeffe (1) Enrico Grazzini (1) Erdogan (1) Eugenio Scalgari (1) F.List (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabriano (1) Fabrizio Tringali (1) Favia (1) Ferrero (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Finlandia (1) Fiorito (1) Foligno (1) Francesca Donato (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Fratelli d'Italia (1) Freente Civico (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Genova (1) George Soros (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gianni Ferrara (1) Giorgio Gattei (1) Giuli Sapelli (1) Giulio Girardi (1) Giuseppe Pelazza (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Goldman Sachs (1) Gramsci (1) Guido Lutrario (1) Guido Viale (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hezbollah (1) Hollande (1) ISIL (1) Ida Magli (1) Il tramonto dell'euro (1) Indesit (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) James Holmes (1) Javier Couso Permuy (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Luc Mélenchon (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jens Weidmann (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) João Ferreira (1) Jugoslavia (1) Juncker (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kruhman (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Legge Severino (1) Lenin (1) Lidia Undiemi (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) Luciano B. Caracciolo (1) Luciano Canfora (1) Luciano Vasapollo (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Maastricht (1) Mali (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Marcello Barison (1) Marchionne (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Margarita Olivera (1) Maria Rita Lorenzetti (1) Mario Draghi (1) Martin Wolf (1) Maurizio Alfieri (1) Mentana (1) Merloni (1) Michael Jacobs (1) Michele Berti (1) Milton Friedmann (1) Mincuo (1) Moldavia (1) Monicelli (1) Morgan Stanley (1) Morya Longo (1) Nadia Garbellini (1) Naji Al-Alì (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) Nigel Farage (1) No e-45 autostrada (1) Noam Chomsky (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Pakistan (1) Paolo Becchi (1) Paolo Giussani (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Partito del Lavoro (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Piemonte (1) Piero Ricca (1) Piero valerio (1) Pil argentino (1) Pizzarotti (1) Poroshenko (1) Porto Recanati (1) Preve (1) Profumo (1) Puglia (1) Putin (1) Quantitative easing (1) Quisling (1) Raffaele Ascheri (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Riccardo Bellofiore (1) Riccardo Terzi (1) Rizzo (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Musacchio (1) Rodoflo Monacelli (1) Romney (1) SInistra popolare (1) Said Gafurov (1) Salvatore D'Albergo (1) Salvini (1) Sapir (1) Sebastiano Isaia (1) Sergio Bellavita (1) Sergio Bologna (1) Six Pack (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Standard & Poor's (1) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (1) Stefano Fassina (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Storace (1) Sudafrica (1) TPcCSA (1) Thatcher (1) Tonguessy (1) Torino (1) Transnistria (1) Trichet (1) Trilateral (1) Troika (1) Two Pack (1) UGL (1) Udc (1) Ungheria (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Vagelis Karmiros (1) Veltroni (1) Viale (1) Viktor Orban (1) Viktor Shapinov (1) Vincenzo Sparagna (1) Visco (1) Vittorio Bertola (1) Vladimiro Giacchè (1) W. Streeck (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Wen Jiabao (1) Zizek (1) Zolo (1) al-Durri (1) al-Fatah (1) alleanze (1) alt (1) amnistia (1) andrea zunino (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) ateismo (1) austria (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) censis (1) chokri belaid (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) corruzione (1) cristianesimo (1) david harvey (1) decescita (1) denaro (1) depressione (1) divorzio banca d'Italia Tesoro (1) elezioni anticapte (1) enav (1) enel (1) ennahda (1) estremismo (1) euroi (1) export (1) facebook (1) fallimenti (1) felicità (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fisco (1) foibe (1) forza nuova (1) gennaro Migliore (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il fatto quotidiano (1) import (1) indulto (1) internazionalismo (1) intervista (1) italia (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge del valore (1) leva (1) libano (1) liberalizzazioni (1) lotta di classe (1) lula (1) maghreb (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manovra (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massimo fini (1) materialismo storico (1) mattarellum (1) memoria (1) militarismo (1) minijobs. Germania (1) modello spagnolo (1) negazionismo (1) noE-45 autostrada (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) olocausto (1) operaismo (1) parti de gauche (1) partiti (1) patto del Nazareno (1) piemme (1) polizia (1) poste (1) povertà (1) precarietà (1) primarie (1) privatizzazioni (1) programma UIKP (1) queswjepjelezioni (1) quinta internazionale (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) riformismo (1) risve (1) scie chimiche (1) seisàchtheia (1) seminario (1) senato (1) serbia (1) sindalismo di base (1) sinistra critica (1) social forum (1) social media (1) socialdemocrazia (1) società (1) sovrapproduzione (1) studenti (1) tango bond (1) tasso di cambio (1) teoloogia (1) terzigno (1) trasporto aereo (1) troll (1) uassiMario Monti (1) ueor (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vincolo di mandato (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)