mercoledì 20 maggio 2015

A QUELLI CHE I DIRITTI CIVILI... NO di Moreno Pasquinelli

[ 20 maggio ]

L’Associazione Riconquistare la Sovranità (ARS) celebrerà il 7 giugno la sua IV assemblea nazionale, facciamo i migliori auguri agli amici dell’ARS, coi quali condividiamo, se non i medesimi ideali sociali, l’obbiettivo strategico di riconsegnare al nostro Paese, per il bene del popolo lavoratore, piena sovranità politica, economica e monetaria.
Avemmo già modo di occuparci di ARS [Sovranismi di sinistra, di destra … e di centro.]

Riteniamo quanto meno singolare che in vista di un Assemblea nazionale di un solo giorno, con tutte le enormi questioni in ballo a causa della  gravissima crisi sociale e delle decisioni gravissime del governo Renzi (Jobs actItalicum, sbudellamento della Costituzione, distruzione della scuola pubblica, rispetto del pareggio di bilancio, scippo ai danni di milioni di pensionati, ecc.), uno dei punti principali in discussione sarà quello dei cosiddetti “diritti civili”. QUI il documento, a firma di Stefano D’Andrea e Giampiero Marano, votato all’unanimità dal Comitato Direttivo.
 Tanto più singolare visto che il documento si conclude in lapidario sostenendo che occorre : «Rifiutare la categoria dei diritti civili».

Un giudizio inequivocabile, la cui natura apodittica non muta quando si aggiunge in modo furbesco che si dovrà “affrontare lo studio separato di ogni questione se e quando, giunto in Parlamento, se ne presenterà l’occasione” riconoscendo poi “agli iscritti il diritto di maturare con autonomia la propria opinione”. Sorvoliamo sullo zuccherino della “libertà di coscienza”. E’ sintomatica l’idea che un dato problema sociale acquisisca dignità politica solo quando entra nell’agenda del Legislatore. Qui è implicito il dogma proprio del positivismo giuridico, della supremazia assoluta della volontà statuale, del primato della costituzione formale su quella materiale. Vorremmo far notare che il diritto invece, come l’hegeliana nottola di Minerva, segue e quindi registra post festum le trasformazioni sociali, quali che esse siano.

Il documento esordisce con una premessa disarmante:
«La categoria dei diritti civili è una delle più ideologiche che esistano. Essa tenda a scindere la comunità in due fazioni: da un lato coloro che sono favorevoli ai diritti civili, dall’altro coloro che sono contrari».
Che sciocchezza!
Questo astruso ragionamento, con il pretesto di condannare l’ideologia, ci propina il mito più ideologico che esista: quello dell’unità della “comunità nazionale” come un valore sacro, metastorico, al di sopra degli antagonismi sociali e delle lotte politiche. Ogni società non è solo divisa in classi sociali con interessi diversi ed anche contrapposti, è divisa da identità, visioni del mondo, differenti appartenenze politiche, culturali e religiose. Quindi segnata dalla lotta incessante… “tra fazioni”, la quale muta non solo le consuetudini ed i costumi ma le stesse relazioni fra classi e gruppi.
Tanto per fare un esempio che ci pare stia a cuore anche ad ARS, oggi gli italiani sono divisi tra chi ritiene sia giusto stare nell’Unione euro(pea) e chi ritiene il contrario. Che forse noi dovremmo, per la gioia degli euristi, tacere e cessare di batterci per la sovranità politica e monetaria perché questo “scinde la comunità in due fazioni”?

Poco più avanti il documento lascia intendere che i “diritti civili” siano solo “diritti cosmetici”, quisquiglie, aria fritta; comunque “secondari rispetto ai diritti sociali”.

Per restare ai diritti civili, forse che ARS non avrebbe partecipato al referendum del maggio 1974 che diede agli italiani il diritto al divorzio? Allora la “comunità” era più divisa che mai e lo scontro tra opposte visioni della famiglia e della vita era al calor bianco. Non pensa ARS che la conquista del diritto al divorzio e quindi la sconfitta della Dc e delle destre reazionarie e fasciste fu un evento di grande e positivo valore?
Che giudizio avrebbe dato infine ARS della legge del 1978 che legalizzò l’aborto? Che era un “diritto ideologico” che “scindeva la comunità”? E quindi, come avrebbe votato nel maggio 1981 quando, su iniziativa del mondo democristiano e ciellino, si svolse il referendum per abrogare quella legge?

L’errore, al netto della vacua astrattezza del documento e dell’ampolloso linguaggio giuridico, è di principio ed è molto serio. 

ARS sembra muovere da un sofisma teorico. Esso consiste nel porre una differenza di tipo qualitativo, se non addirittura un’opposizione, tra diritti sociali, diritti politici, diritti democratici, diritti umani e “diritti civili”. Questa distinzione/opposizione, semmai fosse legittima sul piano della logica giuridico-formale, non esiste nella concreta e dinamica realtà sociale.

Che forse quello al divorzio, dato che riguardava la vita concreta di milioni di cittadini, non era anche un diritto sociale? Che forse il movimento dei neri negli anni ’50 e ’60 negli Stati Uniti contro la segregazione razziale o quello contro l’apartheid in Sudafrica (simboli per antonomasia di battaglie per i diritti civili) non rivendicavano fondamentali diritti sociali e, oseremmo dire, di classe? Che forse ARS, per la gioia dei razzisti, li avrebbe condannati perché divisivi della “comunità nazionale”?

Siccome i dirigenti di ARS non fanno che parlare della Costituzione italiana, considerandola (a torto) una specie di Talmud, dovrebbero farsi una ripassatina, soffermandosi in particolare sugli articoli che vanno dal 13 al 28, che non a caso i costituenti hanno titolato “rapporti civili”. Si tratta, nella più classica delle tradizioni democratiche, dei diritti inviolabili non solo del cittadino, ma della persona. E sono in piena sintonia con la Dichiarazione universale dei diritti umani firmata nel dicembre del 1948. Rileggere anche questa non può fare che bene.

Non meno singolare che il documento di ARS in questione, si soffermi a lungo sul matrimonio e il diritto di famiglia. Leggiamo:
«Ciò che stupisce quando viene posta la questione delle unioni civili è l’invocazione di una concezione falsa e assurda del matrimonio come fattispecie dalla quale discenderebbero diritti. Ma il matrimonio è [invece] il regno dei doveri».
Segue l’elenco puntiglioso di questi doveri.
E’ difficile sfuggire alla sensazione di essere in presenza di una difesa maldestra dell’idea cattolica della sacralità del matrimonio quindi della famiglia (patriarcale). Certi preti argomentano in maniera molto più critica e ponderata.
Poco dopo arriva la fatidica e non meno contorta domanda:
«si deve riconoscere il potere di contrarre vincoli e doveri personali e identici a quelli che discendono dal matrimonio anche a persone dello stesso sesso?»
Uno si aspetterebbe da un documento d’indirizzo politico, tanto più perché sottoposto al giudizio di un’assemblea nazionale una risposta chiara, ma la risposta non c’è. Date le premesse si evince tuttavia che la direzione di ARS è contraria a consegnare ad una coppia dello stesso sesso “il potere di contrarre vincoli e doveri personali” propri del matrimonio eterosessuale. Ci chiediamo: ammesso e non concesso che “il matrimonio sia il regno dei doveri” [e non anche relazione che conferisce dei diritti], perché mai proibire, ad una coppia dello stesso sesso di contrarre, se lo vuole, le obbligazioni ed i doveri stabiliti dalla legge?

Gli estensori del documento, come detto, non danno alcuna risposta che abbia un qualche senso giuridico. Si può solo evincere che sotto sotto, nuovamente, c’è un’idea sacrale del matrimonio e della famiglia. Idea cristiana si dirà. A noi pare che quanto concepiscono i dirigenti di ARS, ci riferiamo alla loro idea di diritto tutta schiacciata sui doveri, sia molto più vicina alla sharia dei musulmani i quali, al contrario dei cristiani, affermano che non c’è alcuna distinzione tra gli aspetti giuridici e quelli religiosi, perciò ritengono che non possa e non debba esserci alcuna distinzione tra norme religiose, norme civili e norme politiche. L’islam è infatti, notoriamente, una religione nomocratica, dove ogni elemento della vita sociale e civile è compreso in essa, visto che il Corano, essendo la rivelazione definitiva, contiene le soluzioni perfette non solo ai problemi di fede, ma anche a quelli etici e di condotta sociale.

L’analogia con l’islam può sembrare eccessiva. E sia. Ma qual è dunque il fondamento teorico implicito nella concezione del diritto e dello Stato di diritto di ARS? La troviamo in Giuseppe Mazzini.
Sempre su questo blog ebbi modo di scrivere:
«Stefano D'Andrea, per farla breve, sarebbe stato certamente con Mazzini contro Marx. E segue infatti lo statolatra Mazzini (tutto sommato teocratico e spiritualista)  nel fra precedere i doveri ai diritti».
Da Mazzini ARS prende la concezione spiritualistica dello Stato, da cui discende l’idea del primato categorico dei doveri (sanciti e sanzionati dalla legge) sui diritti della persona, idea che, com’è noto, attraverso Giovanni Gentile e Alfredo Rocco, divenne il fondamento della dottrina giuridica fascista.
Giovanni Gentile

Non è un segreto quanto il fascismo venerasse Mazzini. C’è Mazzini nella famosa formula “Tutto nello Stato, niente al di fuori dello Stato, nulla contro lo Stato”, pronunciata da Mussolini il 28 ottobre 1925, mentre strangolava gli ultimi brandello dello Stato di diritto ed emanava le “fascistissime “Leggi eccezionali” e fondava la dittatura.
Nel liquidare quel poco di democrazia rimasta Mussolini si appoggiava infatti al Padre della Patria Giuseppe Mazzini, alla sua condanna dei diritti individuali e civili come dissolutori della coesione nazionale, alla sua visione mistica dello Stato e organicistica della Nazione (l’effige di Mazzini compariva nelle banconote della Repubblica sociale italiana). Idee che Mazzini scolpì nel suo noto saggio del 1860 I Doveri dell’uomo.
«Colla teoria dei diritti possiamo insorgere e rovesciare gli ostacoli; ma non fondare forte e durevole l'armonia di tutti gli elementi che compongono la Nazione. Colla teoria della felicità, del benessere dato per oggetto primo alla vita, noi formeremo uomini egoisti, adoratori della materia, che porteranno le vecchie passioni nell'ordine nuovo e lo corromperanno pochi mesi dopo. Si tratta dunque di trovare un principio educatore superiore a siffatta teoria che guidi gli uomini al meglio, che insegni loro la costanza nel sacrificio, che li vincoli ai loro fratelli senza farli dipendenti dall'idea d'un solo o dalla forza di tutti. E questo principio è il DOVERE. Bisogna convincere gli uomini ch'essi, figli tutti d'un solo Dio, hanno ad essere qui in terra esecutori d'una sola Legge —che ognuno d'essi, deve vivere, non per sé, ma per gli altri— che lo scopo della loro vita non è quello di essere più o meno felici, ma di rendere sé stessi e gli altri migliori —che il combattere l' ingiustizia e l'errore a beneficio dei loro fratelli, e dovunque si trova, è non solamente diritto, ma dovere: dovere da non negligersi senza colpa— dovere di tutta la vita».
L’idea che i diritti appartengano anzitutto allo Stato e alla comunità, mentre al singolo cittadino appartengano solo doveri (verso lo Stato appunto) è inaccettabile.
E’ certo che il cittadino di qualsivoglia comunità, abbia degli obblighi verso lo Stato e dei doveri verso l’intera comunità. Ma esso è, al contempo, in quanto persona umana prima ancora che come soggetto giuridico, portatore di diritti di libertà. Diritti di libertà che i
Giuseppe Mazzini
 cittadini debbono far valere anche contro ogni intrusione pervasiva della macchina statale la quale, dietro alla metafisica dei doveri, tende per sua stessa natura, a far prevalere i suoi propri diritti su quelli dei cittadini e delle forze sociali oppresse.

L’equivoco, se così si può chiamare, consiste nel porre una meccanica equivalenza tra comunità e Stato. Oggi lo Stato non è affatto espressione della comunità, non è, ammesso che possa mai esistere, uno “Stato di tutto il popolo”, esso è piuttosto una protesi e un’arma delle élite e delle classi dominanti.


Il fatto che queste classi dominanti, attraverso il Legislatore, riconoscano diritti a determinate minoranze, anche ove ciò risponda alla logica di auto preservazione della loro egemonia, anche ove tale riconoscimento risponda alla necessità dei dominanti di apparire come paladini della libertà, non deve indurci nell’errore di voltare le spalle a chi quei diritti di eguaglianza esige. 

Si può e si deve denunciare la strumentalità del potere, non negare diritti di libertà di questo o quel gruppo di cittadini, ovviamente a condizione che tali diritti non siano lesivi dei diritti e della libertà altrui. Non ci sembra che concedere agli omosessuali il diritto di contrarre matrimonio sia lesivo di una qualche altrui libertà. E ciò dovrebbe tanto più valere per chi sostiene che il matrimonio sarebbe il "regno dei doveri".
Print Friendly and PDF

51 commenti:

  • Fiorenzo Fraioli scrive:
    20 maggio 2015 11:45

    A caldo: una lettura rabbiosa del documento di ARS, che non ne coglie la sostanza.

    En passant: il testo di Pasquinelli è almeno il triplo del documento che critica, al quale semmai si può rivolgere la critica di essere generico, limitandosi, di fatto, a rimarcare il fatto che la categoria dei diritti civili viene usata per mettere in ombra, quando non addirittura sostituire, i diritti sociali.

  • Anonimo scrive:
    20 maggio 2015 14:16

    A che serve mettersi a fare l'esegesi di un piccolo movimento del tutto insignificante ed evidentemente fascistoide?
    Sottobosco politico, perdita di tempo.

  • Simone ArticoloUno Boemio scrive:
    20 maggio 2015 14:46

    Pur trovando sostanzialmente debole ed opportunista il documento ARS in questione (a differenza di tutti gli altri documenti ufficiali a partire da quello di analisi e proposte), trovo che, in una fase come quella attuale, si debba lavorare assieme sui punti in comune tra le forze sovraniste democratiche del paese, piùttosto che alimentare polemiche sulle reciproche divergenze (ancor più se improntate su temi marginali rispetto a quello della sovranità).
    Ho sempre sostenuto che ogni divisione tra le forze sovraniste democratiche favorisce il nemico ed il compito che mi sono dato, proprio uscendo dall'ARS, è quello di favorire il dialogo ed impedire settarismi o, peggio, scontri tra possibili alleati.
    Simone ArticoloUno Boemio

  • Anonimo scrive:
    20 maggio 2015 14:53

    Simone Boemio

    Soprattutto tenetevi lontani dall'ARS.
    Spero che qualcuno che abbia la saggezza di capirlo ci sia anche se non è un grosso problema: qualsiasi collaborazione con quel gruppetto finirebbe in lite dopo pochi mesi.
    Più che altro ci perdereste molto in credibilità.

  • Simone ArticoloUno Boemio scrive:
    20 maggio 2015 15:11

    Anonimo,
    solitamente non rispondo a chi non si firma.
    Il tuo commento mi serve comunque per chiarire che:
    un conto è l'ARS con i suoi validi documenti ed i suoi onesti militanti,
    altro sono le azioni che tradiscono il settarismo, l'invidia congenita, la mancata capacità di dialogo di alcuni (pochi) tra i suoi massimi esponenti.
    Quello che chiedo a Moreno è di non scendere al livello di questi ultimi.
    Un articolo sui diritti civili che faccia da contraltare al pessimo documento dell'ARS (senza menzionarlo) a mio avviso avrebbe avuto maggiore efficacia.
    Simone ArticoloUno Boemio

  • Anonimo scrive:
    20 maggio 2015 15:40

    "facciamo i migliori auguri agli amici dell’ARS" ... e meno male!

  • Brenno scrive:
    20 maggio 2015 15:43

    IO INVECE TROVO L'ARTICOLO DI PASQUINELLI LUCIDISSIMO. FORSE CERTI COMMENTI SONO SPIA CHE L'ARTICOLO COGLIE NEL SEGNO. QUAL'E' QUESTO SEGNO? CHE ARS O CHI PER LUI, MAGARI COME ANTITESI RISPETTO A CERTO LIBERISMO, FINISCE PER ABBRACCIARE UNA TEORIA IDEALISTICA E TOTALITARIA DELLO STATO. GIUSTO QUINDI RICORDARE CHE LA DOTTRINA FASCISTA DA QUELLA TEORIA HA ATTINTO LE SUE IDEE DISPOTICHE.
    ENTRANDO ANCOR PIU' NEL MERITO: ARS DOVREBBE SPIEGARE QUALE SAREBBE IL CONFINE TRA UN DIRITTO SOCIALE E UN DIRITTO CIVILE?
    UN ESEMPIO SU TUTTI: I DIRITTI DELLE DONNE, LA META' DELLA POPOLAZIONE, NON SONO FORSE DIRITTI SOCIALI? NON LO SONO A MAGGIOR RAGIONE PERCHE' SIAMO IN UNA SOCIETA' ANCORA PATRIARCALE?
    UN DIRITTO CIVILE E' SOCIALE DAL MOMENTO CHE RIGUARDA LA VITA CONCRETA DEI CITTADINI, FOSSERO TANTI O POCHI., BIANCHI O NERI, ETEORO O OMOSESSUALI.
    INSOMMA... IL DIRITTO E' UNA COSA TROPPO SERIA PER LASCIARLA IN MANO.... AGLI AVVOCATI
    Brenno

  • Anonimo scrive:
    20 maggio 2015 15:47

    gentile Fiorenzo,

    si vabbè.
    ma lei è d'accordo o no che va respinta come dice quel gruppo la categoria dei diritti civili?

    Non giriamo attorno al problema che ci guadagna la chiarezza.

    Ps

    il testo del Pasquinelli che critica generico? Non mi pare proprio!!!!!!! A me (che Pasquinelli considererebbe un "sinistrato") l'articolo mi pare tosto e utilisssimo al dibattito.

  • Anonimo scrive:
    20 maggio 2015 16:13

    Contrariamente ai commenti precedenti, trovo l’articolo denso, interessante, ricco di spunti e riflessioni.
    1) l’articolo chiarisce che i diritti civili non sono quisquilie di terz’ordine, non riguardano solo l’individuo, ma si estendono anche alle associazioni, organizzazione, riguardano quindi collettività, e sono tutelate e garantite dalla Costituzione
    2) fa riferimento all’idea di diritto che ha Ars, effettivamente tutta schiacciata sui doveri (non lo si può negare) e il paragone con la sharia è perfettamente calzante
    3) contestualmente si fa riferimento a Mazzini e alla concezione spiritualistica dello Stato da cui discende il primato categorico dei doveri sui diritti della persona, e non si può negare che tale concezione è il fondamento della dottrina giuridica fascista
    4) spiegato così l’equivoco alla base del documento di Ars (che, se fosse sfuggito, verrà presentato e votato in assemblea, per cui, chi vi parteciperà dovrà avere le idee chiare in proposito e condividerle!), ovvero l’equivalenza tra comunità e Stato.

    L’articolo non poteva che sviscerare in tutti i suoi aspetti una tale visione, e giustamente conclude dicendo:
    «Si può e si deve denunciare la strumentalità del potere, non negare diritti di libertà di questo o quel gruppo di cittadini, ovviamente a condizione che tali diritti non siano lesivi dei diritti e della libertà altrui».

    L’articolo con dovizia e precisione, fa una critica sana e costruttiva.
    Non offende e non lede nessuno, non prende a pesci in faccia nessuno, ma pone certamente interrogativi interessanti.
    Perché non rispondere nel merito, piuttosto che condannare drammatiche divisioni che non ci sono, additare eventuali settarismi?
    ARS che ha scritto il documento dovrebbe rispondere nel merito.

    Guido Benigno

  • Anonimo scrive:
    20 maggio 2015 16:23

    Nel merito! Commentate nel merito! Che pensate dei diritti civili? Non girateci attorno!

  • Anonimo scrive:
    20 maggio 2015 16:41

    Solitamente non rispondo a chi scoccia sulla questione dell'anonimato in un blog dove il 90% delle persone non si firma (forse più del 90%).

    Comunque colgo l'occasione per quotare Simone Boemio:

    "un conto è l'ARS con i suoi validi documenti ed i suoi onesti militanti,
    altro sono le azioni che tradiscono il settarismo, l'invidia congenita, la mancata capacità di dialogo di alcuni (pochi) tra i suoi massimi esponenti"

    per osservare che l'ARS è interamente i suoi massimi esponenti, che piaccia a Simone o a qualcun altro o non piaccia.
    Inoltre come chiunque capirebbe, meno alcuni evidentemente con la testa fra le nuvole:

    1) l'ossessivo martellamento sui doveri significa mentalità fascistoide e, per usare un pietoso eufemismo, "poca serenità" a livello psicologico

    2) FSI con il tricolore significa MSI che a sua volta deriva da RSI.

    Suggerisco di aprire cortesemente gli occhi, grazie.

  • enea scrive:
    20 maggio 2015 17:34

    A caldo cerco di esporre la mia:

    Nel campo della sinistra, da parecchi anni a questa parte, è stata largamente adoperata una pratica particolarmente odiosa: si è nascosta la completa abdicazione sul terreno della lotta per i diritti sociali, sbandierando ad ogni piè sospinto il proprio impegno per i diritti civili. ( per altro non ottenendo praticamente nulla, nel quadro di una inutile polemica col PD che nominalmente sarebbe a propria volta favorevole ma in parlamento di tutto si occupa tranne di quello. Del resto venendo meno la sceneggiatura del film "poliziotto buono vs. poliziotto cattivo" attraverso risultati e provvedimenti legislativi concreti, del PD resterebbe solo la politica economica e l'atteggiamento prevaricatore verso le istituzioni, squisitamente di destra, mentre ai Vendola non rimarrebbe niente del tutto.
    Ergo di tenere indeterminatamente in vita la commedia tutti ne hanno bisogno. )

    Questo perché i partiti che definiremo "sinistrati" ed "europeisti", invece che internazionalisti ( cosa che non preclude affatto il saper essere anche patriottici ) si son persi per strada le palle necessarie per praticare lotta di classe, e la competenza per fare seriamente analisi di classe.
    Quindi negoziano poltrone col PD non toccando gli argomenti scomodi, che coinvolgono gli interessi di classe del capitalismo, e si limitano a parlare dei diritti che riguardano la sfera privata delle persone.

    In tanti lo hanno capito.
    E se questo ha provocato una comprensibile e motivata ondata di disprezzo verso certe sinistre assolutamente fasulle, c'è stata anche un effetto purtroppo spiacevole: a tante persone sono venuti infine in odio anche tanti argomenti che pure non erano da buttar via.

    E' vero, i diritti civili non sono legati ad una dimensione di lotta ( se vengono riconosciuti nessuno ci rimette niente, se non a livello delle proprie convinzioni filosofiche se ritiene, ad esempio, che l'omosessualità non sia semplicemente un modo di essere ma una brutta cosa in sé ).

    Ma riguardano, senza entrar nel filosofico, aspetti importanti della vita di una persona, questioni per le quali giorno per giorno ci sono minoranze, spesso tutt'altro che esigue, di persone che soffrono per una condizione di discriminazione.
    E su una cosa credo si debba essere chiari: la democrazia non si adotta per dar corso al governo della maggioranza, il che è effetto secondario dell'adozione della democrazia, ma si adotta innanzitutto perché essa è strumento di garanzia del fatto che le minoranza vengano rispettate e non vengano schiacciate e perseguitate.

    Derubricare quindi, esplicitamente o implicitamente, la questione dei diritti civili ad una inutile pinzillacchera di diritti "cosmetici" è una cosa che non mi vede affatto d'accordo.
    Questo lo dico in maniera del tutto, totalmente, indipendente da ARS, cui anzi auguro un proficuo svolgimento dei lavoro per l'assemblea prossima ventura.

    Per il resto, ricordo sempre, a tutti, che dentro il CLN ci stava tanto un comunista tutto d'un pezzo come Giovanni Pesce, quanto un monarchico singeramente reazionario come Edgardo Sogno.
    Fascisti esclusi naturalmente ( e certamente questa distizione la fa anche Ars ) quando si tratta di liberarsi l'accordo si fa su quell'argomento specifico.
    Poi è non solo legittimo, ma doveroso, che aree culturalmente diverse pur dentro lo stesso CLN continuino a portare avanti elaborazione intellettuale e politica coerente alla propria storia.
    Marx ed Engels dicevano esplicitamente che il livello di civiltà raggiunto da una società si misura innanzitutto dalla condizione della donna; quanto più essa è trattata alla pari del maschio tanto più la società è equa ed evoluta, e sugli omosessuali scherzavano nella propria corrispondenza privata, ma pur essendo altri tempi mai e poi mai avrebbero sostenuto che non dovessero vedersi riconoscere dallo stato gli stessi diritti di tutte le altre persone.

    Enea Boria

  • Anonimo scrive:
    20 maggio 2015 17:40

    Credo che il problema è che si sia ,come tipico quando si fa politica, di passare da un estremo all'altro.
    Se il documento è una critica al fatto che i movimenti cosiddetti popolari e di sinistra abbiano abbandonato la lota alle discriminazioni sociali per passare solo a quelle civili (o cosmetiche come si suol dire) allora un fondo di ragionamento c'è. Ma da qui a dire che di diritti civili non se ne può parlare proprio si rischia di cadere in un vendolismo all'incontrario. Personalmente ritengo che la posizione gisuta sarebbe stata una di compromesso. Dato che i referendum (sì, lo so che per molti questa parola è bruttissima :-))))) hanno risolto nel passato tali questioni, allora che si inserisca un codicillo costituzionale secondo cui per quanto riguarda i temi etico-biologici vengono valutati dai cittadini mediante voto diretto.

    Carlo

  • Giovanni scrive:
    20 maggio 2015 19:08

    Ottime le precisazioni di Pasquinelli in questo articolo su un tema che mi sta particolarmente a cuore. Anche questo intendevo quando commentai su egodellarete circa il rischio di restare intrappolati nella contrapposizione fra internazionalisti da un lato e tradizionalisti bigotti dall'altro. Fenomeno che non mi pare solo italiano. La chiarezza su queste posizioni è necessaria per non cadere in questa trappola evidenziando il tradizionalismo non è l'unica contrapposizione alla globalizzazione.

    Quanto al termine cosmetico si potrebbe che sono diritti di cui si fa un uso cosmetico. Lo si può vedere i diversi campi faccio giusto un esempio: se prima ti precarizzo e poi ti faccio una legge sul mobbing non sto forse facendo un uso cosmetico di una legge su un problema è importante e non va certo trascurato?

    E si può proseguire: prima freno lo stato e poi con la sussidiarità risolvo (molto male invero) il problema che questo crea. Prima faccio ridiventare l'italia una nazione in via di sviluppo e poi il piagnisteo sulla necessità di farti sviluppare. E' lo stile proprio della nostra era.

  • Vincenzo Cucinotta scrive:
    20 maggio 2015 20:27

    Caro Pasquinelli, il documento dell'ARS non si può leggere, ma permettimi di osservare che il tuo articolo a sua volta sembra scritto dal più puro dei liberali, ne sposa pienamente la logica che parte dall'individuo, ignorando pericolosamente ed incomprensibilmente la nostra natura sociale, e quindi la natura problematica nella definizione della sfera individuale, cioè di quei diritti individuali che vanno sottratti alle scelte collettive.
    In questo senso, sembrerebbe che tu sia riuscito a superare come approccio ideologico perfino il documento ARS, dove almeno si legge che ogni diritto va definito volta per volta, invece di stabilire una regoletta che prescinda dal merito della specifica questione.
    Personalmente, malgrado tutta la stima che ho di Rodotà, contesto il suo approccio basato sui diritti per motivi che qui sarebbe troppo lungo trattare.
    Insomma, siamo su un campo minato, in cui sarebbe più saggio dibattere pacatamente invece di mandare scomuniche che lasciano il tempo che trovano.

  • Ippolito Grimaldi scrive:
    20 maggio 2015 21:46

    Non capisco perché i diritti civili debbano essere messi in contrasto con altri diritti, qualcuno mi spieghi non è una domanda retorica è che proprio non capisco.

  • Fiorenzo Fraioli scrive:
    20 maggio 2015 21:47

    Sovereign howl

  • Anonimo scrive:
    21 maggio 2015 00:11

    IMPORTANTE APPELLO di Tassos Koronakis di SYRIZA che chiede a tutti di esprimere la massima solidarietà con manifestazioni e dichiarazioni di sostegno al governo Greco in questo passaggio cruciale.

    Dice fra l'altro Tassos che alcune linee rosse DEVONO essere rispettate:

    "The Greek government has done its best to reach an agreement, but red lines -- having to do with sustainable and not unrealistic primary surpluses, the restoration of collective contracts and the minimum wage, workers’ protection from massive lay-offs, the protection of wages, pensions and the social security system from further cuts, stopping “fire-sale” privatisations etc. -- are to be respected. Popular sovereignty and democratic mandates are to be respected. Greek people’s patience and goodwill is not to be mistaken as willingness to succumb to unprecedented blackmail. European democracy is not to be asphyxiated."

    http://links.org.au/node/4432

    Suggerirei di criticare e gridare al tradimento di Tsipras SOLO DOPO; adesso cerchiamo il modo di dimostrare la nostra solidarietà in qualche modo.

  • Anonimo scrive:
    21 maggio 2015 02:15

    Questa è un'organizzazione che cerca di esprimere solidarietà alla Grecia nella sua trattativa con la UE a livello internazionale

    http://www.change4all.eu/change-in-greece.html

    Qui c'è la mappa della rete europea

    http://www.change4all.eu/map-of-solidarity.html

    Cliccando sui segnali in verde si vedono gli eventi, su quelli celesti i media alternativi etc

    Molti greci, molti francesi, qualche spagnolo un solo italiano. Potrebbe essere interessante inserirsi soprattutto prima del 5 giugno.

  • Anonimo scrive:
    21 maggio 2015 09:37

    I diritti civili sono l'ennesima arma di divisione di massa un ulteriore polpetta avvelenata da gettare in pasto alle masse oppresse affinchè continuino a sbranarsi tra loro neri rossi,etero,gay immigrati,Europei ecc..in questa fase esiste un solo unico grande nemico il resto serve solo a dividere, i partigiani rossi e quelli bianchi allora lo capirono l'ARS l'ha capito mentre (senza offesa) Moreno Pasquinelli ancora no.Dopo esserci liberati dalle catene dell'Euro potremo tornare a dividerci sui temi etici,il referendum sul divorzio lo fecero a nazismo finito ed in pieno buum economico non durante la guerra con il popolo alla fame.Io direi che visto che le èlite dominanti usano il Divide et impera di Romana memoria noi dovremmo usuare l'ubi major minor cessat sempre di romana memoria.

  • Anonimo scrive:
    21 maggio 2015 09:52

    @Vincenzo Cucinotta

    Non capisco quale sia il problema dell'enfasi liberale? Non è che dobbiamo buttare tutto nello stesso calderone. Ci sono movimenti definiti liberisti che diritti civili non ne vogliono sentire parlare; poi ci sono i neo-con che su questo punto di vista non superano nessuno.

    La cosa bella è che addirittura esistono liberali anti-imperialisti (Ron Paul, mai sentito nominare?)

    Quindi le cose mi sembrano alquanto più complesse di quello che sembrano.

    Carlo

  • Vincenzo Cucinotta scrive:
    21 maggio 2015 12:36

    @Carlo
    Sono io che non capisco il tipo di obiezione che mi fai.
    Io, ma credevo si capisse, facevo delle consideraziooni di tipo teorico. Non credo che ci siano dei dubbi in proposito, è stato storicamente il liberalismo a mettere l'individuo al centro della politica, e magari quando qiaòcuno si pone il problema del superamento dello stato liberale, qualche domandina e qualche dubbio se lo dovrebbe porre. Non voglio dire che tutto ciò che è parte del liberalismo vada perciò stesso gettato via, ma a un certo atteggiamento critico in proposito non si dovrebbe abdicare.
    Ciò che criticavo è che la stroncatura di quel documento anche per me inccettabile fosse fatta in nome di principi liberali, assunti come dogma, come suprema autorità.
    Che poi all'intern.ro dei liberali ci siano contraddizioni dimostra che in fondo si tratta di una teoria che non regge, ma il mio intervento non riguardava un ipotetica politica delle alleanze che pertanto facesse una disamina dei liberali. Pe giudicare il liberalismo, come qualsiasi teoria politica, si dovrebbe prescindere dagli aspetti contingenti, dai limiti di coloro che si definiscono liberali, ciò non cambia il fatto che la teoria liberale è ben definita, visto che è in auge ormai da secoli, e non sarà il neocon balzato agli onori della cronaca a potere influenzare il giudizio politico sul liberalismo.

    Per essere ancora più esplicito, la mia convinzione è che molti che si definiscono di sinistra e perfino marxsiti, senza neanche averne consapevolezza, sono soltanto dei sinceri liberali, magri meglio di coloro invece che si etichettano come tali.

  • enea scrive:
    21 maggio 2015 15:06

    Io credo invece che non si debbano fare giganteschi mischiottoni di tutto un po'.

    Il liberalismo non è il paradigma valoriale nel quale io mi riconosco, nel proprio insieme, ma non perdo di vista che ci sono portati del liberalismo che non sono affatto da buttare via.
    Ad esempio il fatto di avere ordinamenti giuridici fondati sul processo accusatorio ( nel quale è l'accusa a dover produrre una prova, al di la di ogni ragionevole dubbio, per poter privare una persona della libertà ) invece che sul processo inquisitorio ( nel quale è la persona imputata a doversi discolpare di un'accusa che può permettersi addirittura il lusso di fregarsene delle prove ).

    Ma a ben vedere lo stesso stato costituzionale è figlio di quella cultura.
    Che esso mi piaccia o meno dipende da ciò che la tensione di contrapposti interessi che sempre anima qualsiasi società, riesce ad introdurre come principi fondativi nella costituzione in analisi.

    I diritti civili quindi sarebbero "il male" o la "porta attraverso il quale entra il male nella società" in quanto portato ideologico della cultura liberale?

    Per piacere, non procediamo per estremizzazioni assurde!
    Perché chi volesse sostenere questo allora dovrebbe passare tutto il proprio tempo, per coerenza, a gridare secondo i propri gusti o preferenze "w il dvce" oppure "viva Stalin", perché di fatto ciò che esprime è la propria passione per lo stato etico, che può avere anche diverse colorazioni, ma in fin della fiera pur sempre stato autoritario rimane.
    Perché altra forma non esiste per fare lo stato etico, cioè quello stato che pretende di importi anche cosa pensare e perché.

    Per altro, sempre per esemplificare, un Noam Chomsky a me tutto sembra fuorché un apologeta del capitalismo.
    E dunque?
    E dunque direi che abbiamo una tangibile dimostrazione del fatto che essere "libertari" ( al limite addirittura anarchici come Chomsky ) non significa affatto necessariamente voler spianare la strada alla gestione dello stato nel segno del liberismo.

    Poi per carità, son d'accordo, la sinistra si qualifica fino in fondo come tale sul terreno dei diritti sociali, dato che su numerosi diritti civili una sinistra libertaria si ritroverebbe a dire parecchie cose in comune anche con i liberali.
    Ma la mia risposta è: embè?

    Non sono un "posturalista" [ secondo la definizione di Lordon ], ergo non ritengo che per dirsi di sinistra basti dire sistematicamente e su ogni cosa il contrario del proprio avversario politico.

    Per altro di posturalisti in Italia ne abbiamo avuti fin troppi, ci hanno raccontato per 20 anni che per essere di sinistra fosse sufficiente dire sempre il contrario di Berlusconi, e abbiamo la dimostrazione sotto gli occhi ( senza per questo minimamente rivalutare Berlusconi ) che tale metodo è pessimo.

  • Anonimo scrive:
    21 maggio 2015 16:38

    @Vincenzo

    Mah, guarda, se scaviamo a fondo scopriremo che tutte le teorie politiche hanno delle contraddizoni intrinseche.

    Io comunque sono dell'opinione che per risolvere il problema dei diritti civili si debba istituire un referendum costituzionale in merito. Alla fine è sempre stato il voto diretto a decidere questi temi, almeno in Italia.

    Carlo

  • Redazione SollevAzione risponde:
    21 maggio 2015 17:23

    SORVOLO...

    sui commenti che non dicono nulla, che non entrano nel merito. Sorvolo, per adesso, anche su quelli che negano la dimensione dei "diritti civili" (ovvero di libertà della persona) e ritengono, contro ogni evidenza storica, che essi siano un'invenzione dei dominanti; che quindi neanche hanno idea di quanto filosoficamente grave sia la concezione che sta sotto alla tesi di ARS da me criticate.

    Cucinotta scrive:
    «Caro Pasquinelli, il documento dell'ARS non si può leggere, ma permettimi di osservare che il tuo articolo a sua volta sembra scritto dal più puro dei liberali, ne sposa pienamente la logica che parte dall'individuo, ignorando pericolosamente ed incomprensibilmente la nostra natura sociale...»

    Tipico di una mentalità cartesiana (per fare un complimento), meccanica e ed anche inquietante.

    La mia difesa dei diritti della persona scambiata con la concezione individualistica propria dei liberali o dei liberisti! Il che è appunto tipico di una visione totalitaristica e statolatrica. E se dietro c'è una preferenza per il collettivismo, si tratta di una visione organicistica della comunità.

    Comunque io denunciavo e denuncio con forza la scaturigini mazziniano-fasciste della idea trascendente della NAZIONE come "corpo mistico" che sta dietro al documento di ARS.

    Una comunità che non ponga al centro la persona ed i suoi diritti di libertà, può essere solo una caserma, o una prigione ove tutti sono universalmente oppressi dalla macchina statuale.

    Rimando alla lettura dei DIECI COMANDAMENTI DI MPL da cui estrapolo:

    «1. LIBERTA'

    Diritto di ogni persona alla propria autodeterminazione. La libertà, o libero arbitrio, è la facoltà che ad ognuno deve essere assicurata, di esercitare la propria volontà e di realizzare i propri bisogni fondamentali. La libertà individuale tuttavia non è illimitata, ma condizionata dagli obblighi e dai vincoli che derivano dalla vita associata. Ogni comunità, data l’ambivalenza dell’essere umano, al contempo essere socievole e individualista, stabilisce i limiti oltre i quali il libero arbitrio, quando diventa sopruso deve essere condannato. La società stabilisce quindi il modo in cui le libertà vengono esercitate, quali volontà possono essere soddisfatte e quali bisogni siano realizzabili.

    4. DIRITTI

    I diritti sociali e quelli personali sono intrinsecamente interdipendenti. I diritti personali sono per loro natura sociali. I diritti fondamentali sono quelli all’alimentazione, al vestiario, all’abitazione, all'istruzione, alla salute, alla libera circolazione, all'informazione, alla libertà di pensiero, di parola, di stampa, di comunicazione, di autorganizzazione e quant'altro consente il pieno sviluppo della persona in armonia con la natura. Affinché tutti possano esercitare questi diritti non basta che essi siano sanciti per legge, occorre sviluppare una adeguata coscienza sociale e che la comunità sia organizzata in modo che i cittadini possano disporre in forma associata e diffusa dei mezzi di produzione, di scambio e di comunicazione. La comunità deve incoraggiare la massima giustizia sociale, considerando come proprio fine il superamento delle disparità di classe e di casta, tutelando e sostenendo tutte le forme di vita comunitarie ed egualitarie. Ogni suo atto politico deve essere anche finalizzato alla difesa dell’eco-sistema, e in base a questo, proporre e stimolare adeguati modelli di vita, economici e istituzionali».

  • Fiorenzo Fraioli scrive:
    21 maggio 2015 18:09

    Ma caro Moreno, non lo vedi che sei sempre costretto ad elencarli questi "diritti civili"? Non lo capisci che sotto la generica dizione "diritti civili" ci può stare tutto e dunque che che non possono costituire una categoria a se stante? L'espressione è troppo generica, questo è quello che dice il documento dell'ARS, dunque deve essere rifiutata in favore di altre che ne delimitino il campo: diritti politici, diritti sociali, diritti del lavoro, diritti riconosciuti dalla Costituzione (su ognuno dei quali si discusse a lungo). Parlare genericamente di "diritti civili" non si può, perché sono teoricamente infiniti e illimitati.

    Quanto alla tua idea dell'ARS, non è di questo che stiamo parlando. Però ti do un consiglio: scrivi uno o più post spiegando cosa sia, per te, l'ARS, ma non usare questa scusa ogni volta che ti infili in un angolo da cui non sai come uscire.

  • Ippolito Grimaldi scrive:
    21 maggio 2015 21:24

    L' indeterminatezza cova antropologicamente già nel termine "diritti" e non nelle sue varie declinazioni.

  • Anonimo scrive:
    21 maggio 2015 22:00

    Anch'io do un consiglio.
    Non parlare più dell'ARS che non serve a niente

  • Vincenzo Cucinotta scrive:
    21 maggio 2015 23:03

    La questione è complessa e non si può certo esaurire nel breve spazio di un commento.
    Farò solo alcune considerazioni.
    La prima, che sarebbe bene leggere ciò che scrive il proprio interlocutore.
    Non solo io non ho mai affermato che esistono diritti individuali che debbano essere sommamente tutelati, ma anche che non voglio buttare via col liberalismo tutto ciò che esso afferma.
    Vi assicuro che è spiacevole constatare che il proprio interlocutore è distratto o ti mette in bocca ciò che gli passa per il cervello e quindi attribuendoti ciò che gli pare.

    Nel merito, non si può partire dall'individuo perchè la società precede sempre l'individuo, in quanto noi siamo esseri culturali. Da quando nostra madre c'ha insegnato le prime paroline, tutti gli uomini subiscono l'influenza determinante della cultura della società dove gli è capitato vivere. Ignorare questo, significa assecondare ciò che fanno i capitalisti, con gli ingenti mezzi finanzairi e mediatici di cui dispongono, influenzano il buon senso dell'epoca in cui vivono, e a quel punto lasciano che gli uomini scelgano da sè ciò che essi vogliono che scelgano.
    Non v'è nulla di tutto ciò che avviene attorno a noi che non ci influenzi, e quindi dovrebbe essere chiaro che sfera individuale e sfera collettiva non sono separate al di fuori di una scelta di natura politica che stabilisce se debba prevalere il diritto individuale o l'interesse collettivo. Era ciò che dicevo quando parlavo di natura problematica, cioè discutibile, oggetto di dibattito, di cosa appartenga alla sfera individuale.
    Non si può analogamente, e su questo Fraioli ha già detto qualcosa, pensare che esista un elenco di diritti individuali che bisogna salvaguardare ad ogni costo per avere una buona società. Il punto è che si possono ipotizzare situazioni in cui due diritti sono già troppi, cioè sono in conflitto tra loro, per cui uno dei due diritti deve soccombere.
    Faccio un esempio molto banale. Supponiamo che ci siano due uomini che siano nascosti perchè dei criminali vogliono catturalri e ucciderli.
    Ebbene, in questa situazione, il diritto alla vita e il diritto all'esppressione del proprio pensiero sono tra loro incompatibili. Se uno dei due uomini pretendesse di parlare per esprimere il proprio pensiero, verrebbero uccisi e quindi questo diritto confligge oggettivamente col diritto alla sopravvivenza.
    Mi fermo qui, per non approfittare oltre della vostra attenzione.

  • Anonimo scrive:
    22 maggio 2015 01:38

    Ciò che D'Andrea ha capito, e che Pasquinelli non vuole capire, è che la categoria dei diritti civili è il pass-partout che conduce all'individualismo, cioè all'atomismo, cioè all'attuale società della sbracatura e del disimpegno.

    E che qualsiasi idea politica o principio spirituale si voglia portare avanti - la razza, la nazione, il socialismo, lo stato islamico o la città di dio - questa presuppone una popolazione compenetrata dallo spirito di sacrificio, cioè dominata dalla nozione di dovere e non da quella di diritti. Ad esempio il dovere dei maschi di imbracciare il mitra a 13 anni e delle ragazze della stessa età di allargare le gambe per sfornare nuovi combattenti. Parlavo qualche mese fa con un ufficiale di Hamas nella Striscia, che aveva chiarissimo questo quadro concettuale, lo applicava in famiglia e sottolineava come fuori da esso sarebbe impossibile resistere allo strapotere sionista. Che dice Sollevazione: si tratta di un combattente antiimperialista o di un reazionario neomazziniano?

    Purtroppo Pasquinelli appartiene alla generazione sessantottina e gli appare sacrilegio fare una scelta chiara fra la tradizionale dimensione comunitarista del marxismo e la sua versione light e colorata (sessantottina) che ci ha condotti alla situazione attuale. E in questo è solo un caso particolare della pseudosinistra che è (in opposizione a quella che fu e non tornerà).

  • Ippolito Grimaldi scrive:
    22 maggio 2015 12:47

    La libertà di un popolo non è libertà se non è anche libertà dell' individuo, non di fare il cazzo che gli pare intendiamoci, ma all' interno di un contratto sociale che sia capace di regolare e risolvere i conflitti di interessi tra individui, gruppi di individui e collettività.

  • Pierre Lamboria scrive:
    22 maggio 2015 14:30

    A Ippolito Grimaldi. Vede, lei non capisce la possibile contrapposizione tra diritti civili e diritti socio-economici perché non riesce a vedere l'uso strumentale che si fa dei primi. Questo capita a chi sta nel Pd o in Sel per anni.

  • Ippolito Grimaldi scrive:
    22 maggio 2015 14:59

    Lei, signor Pierre non ha idea di cosa sia un patto sociale e nemmeno di un contratto sociale, tipico di chi non ha dimestichezza con la democrazia.
    Cmq se mi fa la cortesia di fare qualche esempio di uso strumentale di diritti civili, considerando che non sono anni che frequento piddini o quel che rimane della scissione dell' atomo SEL, forse potrei capire anche io.

  • Anonimo scrive:
    22 maggio 2015 15:03

    Ho una inquietante sensazione leggendo le critiche all'articolo di Moreno,
    Che ci sono in giro un bel po' di "fascisti incoscienti", persone magari in buona fede ma il cui antiliberismo e', come dire, viscerale quanto IRRAZIONALE, sentimentale ma non filosoficamente fondato.
    Condannare assieme al neoliberismo tutta la ricca tradizione liberale e antifascista (vi dice niente Gobetti?) è un'operazione come minimo disonesta.
    Non basta professarsi antiliberisti, anche Hitler lo era. L'antiliberismo può essere la maschera di ogni tipo di merda reazionaria.

  • Brenno scrive:
    22 maggio 2015 15:14

    Scusa Fraioli
    Se non ho capito male sei un difensore della Costituzione.
    Ti chiedo: tutta la prima parte della Carta cos'altro è se non un elenco di diritti civili? Converrai quindi che è proprio la prima parte sui diritti e i doveri che da sostanza allo spirito democratico di essa, che è proprio questa parte che segna la vera differenza col regime fascista.

  • Ippolito Grimaldi scrive:
    22 maggio 2015 15:59

    Condivido tutto, forse sono concetti troppo ostici per chi ormai è diventato prigioniero della retorica etichettista.

  • Fiorenzo Fraioli scrive:
    22 maggio 2015 18:28

    Guardi Brenno, io non sono contro tutta una serie di diritti che possono essere etichettati come più ci piace, anche "civili" se vogliamo. Cerchiamo di capirci: io sono CONTRO LA CATEGORIA DEI DIRITTI CIVILI, per la semplice ragione che tale categoria può essere ampliata ad libitum, configurandosi così come INFINITA E ILLIMITATA. Le suggerisce qualcosa l'accoppiata "infinito-illimitato"? Questo è il senso dell'approccio "caso per caso" suggerito dal documento di ARS.

    Documento che, a mio avviso, è scritto male, talmente male che, forse, sarebbe meglio che l'assemblea del 7 giugno lo respinga dando mandato per una sua ristesura. Se fossi ancora in ARS mi adopererei per ciò; essendone fuori mi limito a questo suggerimento, hic et nunc.

  • Anonimo scrive:
    23 maggio 2015 10:04

    Non chiamiamola ARS, che lascerebbe intendere, quanto meno, un'associazione di più individui che, in seguito ad una discussione ed elaborazione collettiva, produce documenti che esprimono un visione comune su uno specifico problema. Tutti voi sapete, e Pasquinelli forse meglio di altri, che ARS non esiste in tale dimensione. Esiste solo Stefano D'Andrea che, come tale, esprime il suo punto di vista; chi non lo condivide è fuori. Quindi, come lettore di "Sollevazione" che ritengo uno dei blog, a livello nazionale, che sa fornire le più lucide analisi politiche e non solo, mi chiedo come si possa spendere tempo e attenzione per analizzare e commentare tali dissestate elucubrazioni mentali che chi ha definito "fascistoidi" ha pietosamente usato un eufemismo. Alzare tanta polvere intorno a D'Andrea vuol dire regalargli una popolarità ed una statura politica che assolutamente non detiene. Saluto amichevolmente Moreno Pasquinelli, scusandomi se la mia può sembrare una sorta di censura, ma è proprio in virtù della stima che ho per la sua lucida capacità analitica, che mi sono permesso.
    Simone V.

  • Vincenzo Cucinotta scrive:
    23 maggio 2015 11:32

    Non rispondo a bloggers così insolenti e codardi da scrivere interventi insultanti senza neanche argomentare le loro accuse, tranne con la geniale motivazione che sarei fascista perchè sono antiliberale come i fascisti, un argomento che si commenta da sè.

    Vorrei invece chiedere alla redazione perchè i commenti sono preliminarmente moderati se poi si consente a un vigliacchetto come l'anonimo delle 15 di ieri di darmi del fascista (che spero su questo sito sia considerato un insulto) senza neanche darsi la briga di argomentarlo.
    Cosa dovrebbe scrivere un blogger per meritare dalla redazione la non pubblicazione, cosa di più di ciò che scrive il viglicchetto di cui sopra?

  • Ippolito Grimaldi scrive:
    23 maggio 2015 14:38

    Pur condividendo, nel merito, le considerazioni dell' anonimo che mi sembrano più che fondate ed argomentate, non posso esimermi dal dichiarare la mia solidarietà a Vincenzo Cucinotta che ci mette la faccia nei commenti.

  • Vincenzo Cucinotta scrive:
    23 maggio 2015 15:14

    Ippolito, se tu condividi quel giudizio, significa che anche tu mi consideri fascista e addirittura inconsapevole.
    Mi pare quindi che anche tu mi stai insultando e non capisco cosa intendi dire quando dici di essere solidale con me.
    Mi pare che tu abbia le idee alquanto confuse, anche perchè affermi che egli abbia argomentato, ma tu stesso non argomenti.
    Mai letto in vita mia un intervento così incomprensibile.
    Mi potresti aiutare spiegando perchè mi consideri un fascista, magari con parole tue.

  • Ippolito Grimaldi scrive:
    23 maggio 2015 23:02

    Non ho problemi ad argomentare:
    Nel merito della mia solidarietà ti ricordo che le critiche dell' anonimo delle ore 15 non mi sembravano riferite a te in particolare, ora poiché non credo in un tuo empito identificativo nella figura di un " fascista cosciente" , pur stupendomi del tuo sentirti offeso partecipavo del fastidio che prova chi riceve o crede di ricevere insulti da chi si nasconde nell' anonimato.
    Nel merito del commento dell' anonimo delle ore 15 e roso dal dubbio che potesse effettivamente rivolgersi a te sono andato a rileggermi i singoli commenti; non si può condividere l' uso di termini offensivi secondo abitudini ormai troppo diffusi in vari blog, pur tuttavia interpretando e moderando gli eccessi verbali alcuni concetti meritano di essere ribaditi.
    L' affermazione del primato della società sull' individuo è alla base di tutti i totalitarismi, siano essi nazisti, comunisti o teocratici; en passant ricordo che lo sviluppo nel mondo occidentale delle conquiste dei diritti sociali e civili è stato portato avanti sia come reazione ai modelli sociali nazisti e fascisti sia come contrapposizione ai regimi retti dal cosiddetto socialismo reale.
    Ultima puntualizzazione, bisogna stare attenti a non confondere la possibilità o facoltà di.. con il diritto di..., si corre il rischio di cadere nel ridicolo come nel tuo esempio sugli uomini che correrebbero il rischio di essere scoperti ed uccisi se esercitassero il diritto di espressione, scambiando la facoltà di parlare con il diritto di essere dei coglioni.
    Così come non si può rabbrividire nel leggere il commento di un altro anonimo più sopra che letteralmente scrive : "qualsiasi idea politica o principio spirituale si voglia portare avanti - la razza, la nazione, il socialismo, lo stato islamico o la città di dio - questa presuppone una popolazione compenetrata dallo spirito di sacrificio, cioè dominata dalla nozione di dovere e non da quella di diritti. Ad esempio il dovere dei maschi di imbracciare il mitra a 13 anni e delle ragazze della stessa età di alloargare le gambe per sfornare nuovi combattenti"
    Bisognerebbe anche essere coscienti che i diritti civili non discendono dai diritti naturali, ché anzi spesso si oppongono ad interpretazioni antropologiche e naturalistiche delle facoltà umane; ad esempio quando si parla del diritto individuale, civile se volete, ad una morte dignitosa per chi ritiene di non dover continuare la propria esistenza completamente paralizzato dalla SLA o lentamente divorato e soffocato da una neoplasia nelle ultime settimane di vita, queste persone non più in grado di farlo personalmente chiedono allo stato di aiutarli e non ostacolarli in quello che non è più in loro facoltà.
    Ecco oltre che leggere Gobetti sarebbe il caso di leggere anche Max Stirner che Marx conosceva benissimo, e magari anche Marx che aveva ben chiaro quale dovesse essere il fine ultimo del comunismo.

  • vincenzo baldassarri scrive:
    24 maggio 2015 12:20

    Ci risiamo, le ideologie in cui l'individuo non è nulla e il gruppo è tutto rialzano la fetida testa dal fango in cui erano state cacciate il secolo scorso, pensieri che si propongono di fare il "bene di tutti" ma che in realtà non fanno il bene di nessuno, nemmeno di chi da stolto e imbecille le propone. Cosa sono i diritti? Sono il tessuto stesso della società, ciò che la compone e che la rende degna di questo nome. I distinguo e i sofismi per far credere che esistono diritti di classe A o diritti di classe B sono puerili tentativi di disconoscere la libertà di chicchessia e far precipitare il mondo nella barbarie. Chi quindi teorizza che il gruppo è tutto e l'individuo è nulla è solo l'atra faccia della medaglia di chi mette l'individuo al di sopra del gruppo, ma la medaglia è quella della dittatura, moneta che non appaga nessuno e che distrugge tutto. Detto questo il documento dell'ARS è una cosa inguardabile, la sola discussione è disgustosa, i diritti sono il motivo per cui ci muoviamo, sono il canale con cui comunichiamo da liberi cittadini all'insieme sociale e non ci sono distingui, i diritti sono diritti e quando cessano di valere per uno di noi cessano di valere in generale per tutti. Quindi c'è sempre chi vuole la libertà a tutti i costi anche con le catene, ma la verità è che chi la vuole cosi la vuole solo per se, essendo incapace di essere libero dal principio, essendo schiavo di una deformazione spirituale e mentale tale da non permettergli mai e poi mai di essere libero. Questo tipo di schiavi non permetteranno mai a nessuno di essere libero vogliono solo che tutti siano imprigionati come loro, questa è a quanto pare la volontà dell'ARS, la volonta di non essere piu' gli unici schiavi ma di condividere la schiavitù con tutti. Poveri pazzi.

  • Anonimo scrive:
    24 maggio 2015 14:45

    Sostengo pienamente la posizione di Moreno.
    Aggiungo solo che una netta e chiara posizione sui diritti civili è un posizionamento verso quell'area di potere che tanto ha avuto influsso sul nostro paese, e cioè l'ala rigorista della chiesa cattolica.
    Una chiusura netta su questi temi puzza non dico di connivenza ma di insufficiente analisi sul ruolo svolto da essa del determinare le politiche nazionali.
    La discussione sovrastante è molto criticabile perchè sembra svolgersi nel vuoto e non in un paese dove sceglievano i direttori sanitari nei ritiri spirituali di CL.
    Al di là di quello facciamo tutte le dissertazioni che vogliamo sul liberalismo. Ma il fatto che una donna in certe regioni abbia seria difficoltà ad avere assistenza sanitaria in determinate circostanze per la mera attitudine ad avallare un blocco di potere mi sembra che si tratti di un fattore importante.
    Che poi la priorità debbano averla altri temi siamo daccordo. Ma rivolere un assetto democratico sovrano accompagnandosi a Bagnasco ecc. mi sembra un po' difficile.

    Matteo

    ps sono cattolico praticante

  • Vincenzo Cucinotta scrive:
    24 maggio 2015 16:20

    Mi scuso con tutti voi, credevo che fosse possibile qui fare una discussione che rispettasse dei criteri logici.
    Io mettevo in dubbio i fondamenti del liberalismo, precisando nel contempo che non tutto ciò che si è realizzato seguendo questa ideologia sia da buttare via.
    Possiamo concordare che ci sono realizzazioni liberali che possiamo considerare conquiste. Rileggete i miei interventi e vedrete che sin dall'inizio non mi scheiravo certo con il documento dell'ARS, e mai ho affermato che l'individduo dovesse sempre soccombere alla società. Rimango sbalordito da chi pretende di intervenire in una discussione senza neanche leggere cosa scrivono i propri interlocutori.
    Avendo dato per scontato che tutti fossimo in grado di leggere, intervenivo su alcuni aspetti teorici credendo che qualcuno fosse in grado di seguirmi su questo terreno.
    Affermare che i principi liberali sono buoni perchè così non si diventa nazisti o stalinisti, non mi pare una risposta logica, è solo ribadire la propria ideologia senza essere in grado di difenderla dal punto di vista strettamente teorico.
    Per questo, ribadisco le mie scuse, è chiaro che un intervento come il mio su questo blog è fuori posto, qui si può solo confermarsi nelle proprie opinioni demonizzando ogni deviazione anche se logicamente argomentata.

  • Anonimo scrive:
    24 maggio 2015 20:39

    Incredibile, a distanza di giorni ancora si discute su questo post rovente. Sono d'accordo con Pasquinelli desidero però osservare che si discute della cosa apparentemente senza i diretti interessati.

    E' possibile sapere, anche in forma anonima o per interposta persona, se ci sono omosessuali dentro l'ars e cosa pensano del documento?

  • Fiorenzo Fraioli scrive:
    24 maggio 2015 21:07

    Caro Vincenzo Cucinotta, sono gli effetti collaterali dell'anonimato, fin troppo tollerato (e comunque pochissimo moderato) su questo blog.

    Sai perché gli anonimi sono prepotenti e approssimativi? Per lo stesso motivo per cui lo sono gli ameregani! Entrambi agiscono ben protetti dietro uno scudo...

    E' facile, ah quanto è facile, fare i Rodomonte senza metterci la faccia! Che poi, a conoscere nome e cognome, sai in quanti casi si potrebbe scoprire che molti rivoluzionari da blogghe se ne stanno belli infilati al calduccio nelle pieghe del "sistema cattivo"? Lascia perdere Vincenzo, frequenta solo posti in cui chi scrive ci mette la faccia.

  • Redazione SollevAzione risponde:
    25 maggio 2015 00:52

    ANCORA CON GLI ANONIMI?

    la redazione filtra i commenti in base ad alcune regole che ogni lettore può leggere nel momento in cui vuole intervenire.
    Rispettate queste regole, lasciamo passare anche gli anonimi, per la semplice ragione che per questa redazione conta il contenuto, contano le idee, non la firma.
    Come diceva Bordiga la forma più ignobile di proprietà è quella intellettuale.

    Volando più basso...
    Il mondo di internet è strapieno di persone che danno nomi di comodo, che usano finte identità, diversi account, diversi nick name, ecc.

    Stiamo al contenuto e alla buona educazione.

    Per esempio, quale dei commenti a questo post contiene insulti o è privo di contenuti?

  • Anonimo scrive:
    25 maggio 2015 01:13

    Ancora con gli anonimi, il fatto è che qualche "sincero democratico" metterebbe una telecamera anche davanti alla statua di Pasquino.

    E poi, ancora con questi toni di chi vuol dare lezioncine agli altri perché forse si sente depositario unico della saggezza.

    Però poi sui documenti come quello qui criticato adotta massima condiscendenza e tolleranza. Ma che criteri.

  • Anonimo scrive:
    25 maggio 2015 01:43

    Inoltre (sono lo stesso di pochi minuti fa) uno dei blog che consente la pubblicazione di commenti sostanzialmente anonimi è proprio il blog dell'ARS appelloalpopolo, ma li queste severe osservazioni sugli anonimi non vengono fatte. Sarà mica che il problema è che è stata semplicemente violata una priorità strategica secondo cui certi documenti discutibili non debbano essere criticati se non, udite udite, in forma anonima come suggeriva Boemio.

    Quando si dice doppio standard, debole coi forti e forte coi deboli.

    Poi vorrei sapere chi è che sta al caldo fra le pieghe del sistema, forse proprio chi ha quelle tutele che a molti altri sono negate e che però esprime critiche (di stare al calduccio) destituite di fondamento.

  • gengiss scrive:
    26 maggio 2015 13:09

    Su MAZZINI precursore del fascismo (tesi non nuova), ci andrei cauto. Ne "I doveri dell'uomo" il capitolo sull'Umanità viene prima di quello sulla Patria. E nel capitolo sulla Libertà scrive:

    "Ma vi sono cose che costituiscono il vostro individuo e sono essenziali alla vita umana. E su queste, neppure il popolo ha signoria. Nessuna maggioranza, nessuna forza collettiva può rapirvi ciò che vi fa essere uomini. Nessuna maggioranza, può decretare la tirannide e spegnere o alienare la propria libertà. Contro il popolo suicida che ciò facesse, voi non potete usare la forza, ma vive e vivrà eterno in ciascun di voi il diritto di protesta nei modi che le circostanze vi suggeriranno.
    Voi dovete avere LIBERTA' in tutto ciò ch' è indispensabile ad alimentare, moralmente e materialmente la vita. Libertà personale: libertà di movimento; libertà di credenza religiosa; libertà d'opinioni su tutte le cose; libertà di esprimere con la stampa o in ogni altro modo pacifico il vostro pensiero; libertà di associazione per poterlo fecondare con il contatto del pensiero altrui; libertà di lavoro; libertà di traffico per i suoi prodotti - sono tutte cose che nessuno può togliervi, salvo alcune rare eccezioni che qui non importa dire, senza grave ingiustizia, senza che sorga in voi il dovere di protestare."

    E molti anti-fascisti (es. Rosselli) erano filo-mazziniani. Bella discussione, comunque.

Lettori fissi di SOLLEVAZIONE

Google+ Followers

Temi

Unione europea (754) euro (707) crisi (620) economia (514) sinistra (458) finanza (260) Movimento Popolare di Liberazione (241) sfascio politico (235) grecia (232) elezioni (225) resistenza (222) M5S (220) teoria politica (209) banche (203) imperialismo (194) internazionale (194) risveglio sociale (184) sovranità nazionale (171) Leonardo Mazzei (170) P101 (170) alternativa (168) seconda repubblica (167) Moreno Pasquinelli (153) Syriza (150) Tsipras (145) Matteo Renzi (126) antimperialismo (115) debito pubblico (109) PD (104) marxismo (102) sovranità monetaria (102) democrazia (101) spagna (100) destra (99) sollevazione (99) Grillo (93) berlusconismo (91) costituzione (91) proletariato (91) neoliberismo (89) Francia (87) islam (82) austerità (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) filosofia (78) Emiliano Brancaccio (77) referendum costituzionale 2016 (74) Stati Uniti D'America (73) Germania (72) Mario Monti (71) sindacato (71) Stefano Fassina (68) bce (68) piemme (68) immigrazione (67) populismo (66) capitalismo (65) Alberto Bagnai (63) Libia (63) sinistra anti-nazionale (63) Podemos (62) capitalismo casinò (61) guerra (61) programma 101 (59) Carlo Formenti (57) Rivoluzione Democratica (57) globalizzazione (57) bancocrazia (55) Sicilia (54) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (53) Medio oriente (53) rifondazione (53) Siria (51) referendum (51) CLN (50) socialismo (50) Alexis Tsipras (49) Lega Nord (49) Movimento dei forconi (49) Sergio Cesaratto (49) cinque stelle (49) fiat (48) immigrati (48) legge elettorale (47) sovranità popolare (47) Pablo Iglesias (46) sinistra sovranista (46) Nichi Vendola (45) renzismo (45) geopolitica (44) Beppe Grillo (43) inchiesta (43) Troika (42) astensionismo (42) campo antimperialista (42) Emmezeta (41) Yanis Varoufakis (41) solidarietà (41) moneta (40) Alitalia (39) brexit (38) proteste operaie (38) sovranismo (38) Diego Fusaro (37) italicum (37) liberismo (37) Matteo Salvini (36) neofascismo (36) Mario Draghi (35) Russia (35) Fiorenzo Fraioli (34) III. Forum internazionale no-euro (34) Marine Le Pen (34) egitto (34) immigrazione sostenibile (34) sionismo (34) azione (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) ISIS (32) Manolo Monereo (32) default (32) fiom (32) palestina (32) Forum europeo 2016 (31) Luciano Barra Caracciolo (31) Mimmo Porcaro (31) Sel (31) Ucraina (31) fiscal compact (31) governo Renzi (31) unità anticapitalisa (31) Ugo Boghetta (30) Giorgio Cremaschi (29) Israele (29) Merkel (29) populismo di sinistra (29) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) islamofobia (27) menzogne di stato (27) xenofobia (27) Beppe De Santis (25) Forum europeo (25) Lega (25) elezioni siciliane 2017 (25) eurostop (25) nazione (25) Europa (24) Nello de Bellis (24) catalogna (24) silvio berlusconi (24) Karl Marx (23) ora-costituente (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Donald Trump (22) Quantitative easing (22) Stato di diritto (22) finanziarizzazione (22) Aldo Giannuli (21) Chianciano Terme (21) Lavoro (21) Simone Boemio (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) ecologia (21) nazionalismi (21) scuola (21) Front National (20) Marcia della Dignità (20) Unità Popolare (20) repressione (20) uscita dall'euro (20) Nato (19) Roma (19) Sicilia Libera e Sovrana (19) USA (19) cina (19) fronte popolare (19) Fabio Frati (18) Izquierda Unida (18) Laikí Enótita (18) Noi siciliani con Busalacchi (18) Regno Unito (18) Tunisia (18) etica (18) iraq (18) keynes (18) religione (18) Assisi (17) Costanzo Preve (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Luigi Di Maio (17) Mariano Ferro (17) Pier Carlo Padoan (17) nazionalizzazione (17) pace (17) razzismo (17) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Jacques Sapir (16) Norberto Fragiacomo (16) Tonguessy (16) Venezuela (16) ballottaggi (16) euro-germania (16) melenchon (16) vendola (16) Donbass (15) Emmanuel Macron (15) International no euro forum (15) Luciano B. Caracciolo (15) Prc (15) Renzi (15) Sandokan (15) coordinamento no-euro europeo (15) emigrazione (15) iran (15) patriottismo (15) piattaforma eurostop (15) storia (15) 15 ottobre (14) Brancaccio (14) Cremaschi (14) Enea Boria (14) Ernesto Screpanti (14) Eurogruppo (14) Marco Mori (14) Monte dei Paschi (14) Movimento 5 Stelle (14) Stato Islamico (14) Vincenzo Baldassarri (14) Vladimiro Giacchè (14) indipendenza (14) obama (14) salerno (14) Chavez (13) Jobs act (13) MMT (13) Marino Badiale (13) Virginia Raggi (13) acciaierie Terni (13) ambiente (13) disoccupazione (13) finanziaria (13) scienza (13) umbria (13) Bersani (12) Forum europeo 2015 (12) Legge di stabilità (12) Negri (12) Perugia (12) Putin (12) complottismo (12) decreto salva-banche (12) internazionalismo (12) nazionalismo (12) piano B (12) sciopero (12) senso comune (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Enrico Grazzini (11) Gennaro Zezza (11) Reddito di cittadinanza (11) Turchia (11) Wilhelm Langthaler (11) antifascismo (11) comunismo (11) corruzione (11) de-globalizzazione (11) iniziative (11) internet (11) keynesismo (11) lotta di classe (11) salari (11) sinistra Italiana (11) unione bancaria (11) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) D'alema (10) Esm (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Hollande (10) Marco Passarella (10) Marco Zanni (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Terni (10) cattiva scuola (10) chiesa (10) cosmopolitismo (10) cultura (10) decrescita (10) elezioni 2018 (10) golpe (10) ordoliberismo (10) povertà (10) presidenzialismo (10) tasse (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Alitalia all'Italia (9) Art. 18 (9) Bernie Sanders (9) Campagna eurostop (9) Costas Lapavitsas (9) Daniela Di Marco (9) De Magistris (9) Def (9) Dicotomia (9) Fmi (9) Jean-Luc Mélenchon (9) Paolo Ferrero (9) Portogallo (9) Risorgimento Socialista (9) Stefano D'Andrea (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wolfgang Schaeuble (9) analisi politica (9) bail-in (9) casa pound (9) diritti civili (9) diritto (9) europeismo (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) sindacalismo di base (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) CGIL (8) Corte costituzionale (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) Diritti Sociali (8) Draghi (8) Erdogan (8) Fausto Bertinotti (8) Forconi (8) Goracci (8) II assemblea della CLN (1-3 settembre) (8) Ilva (8) Ingroia (8) Italia Ribelle e Sovrana (8) Mirafiori (8) Papa Francesco (8) Quirinale (8) Salvini (8) Yanis Varoufakys (8) appello (8) deficit (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) elezioni anticipate 2017 (8) elezioni siciliane (8) grexit (8) lira (8) manifestazione 25 marzo 2017 (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) nuovo movimento politico (8) privatizzazioni (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Alternative für Deutschland (7) Argentina (7) Articolo 18 (7) George Soros (7) ISIL (7) Inigo Errejón (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Mauro Pasquinelli (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Paolo Barnard (7) Pil italiano (7) Samuele Mazzolini (7) Sapir (7) Ttip (7) anarchismo (7) borsa (7) classi sociali (7) confederazione (7) cosmo-internazionalismo (7) debitocrazia (7) derivati (7) destra non euro (7) eurocrack (7) incontri (7) nazismo (7) necrologi (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) sociologia (7) taranto (7) trasporto aereo (7) trasporto pubblico (7) Alessandro Visalli (6) Ars (6) Banca centrale europea (6) Bottega partigiana (6) CUB (6) Casaleggio (6) Claudio Borghi (6) Contropiano (6) Dino Greco (6) Eugenio Scalfari (6) Franz Altomare (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Giuseppe Angiuli (6) Gran Bretagna (6) Lenin (6) M.AR.S. (6) Massimo Bontempelli (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Savona (6) Pisapia (6) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (6) Sandro Arcais (6) Sergio Mattarella (6) Stato (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) automazione (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) fisco (6) governo Gentiloni (6) incontro internazionale (6) inflazione (6) liberosambismo (6) magistratura (6) manifestazione (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) questione nazionale (6) suicidi (6) suicidi economici (6) tecnologie (6) terremoto (6) uber (6) utero in affitto (6) vaccini (6) Alberto Negri (5) Alessandro Di Battista (5) Anguita (5) Assad (5) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (5) Carl Schmitt (5) Dario Guarascio (5) Domenico Moro (5) Federalismo (5) Ferdinando Pastore (5) Finlandia (5) Foligno (5) Forza Italia (5) Franco Bartolomei (5) Franco Busalacchi (5) Fratelli d'Italia (5) Genova (5) Giancarlo D'Andrea (5) HAMAS (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Luca Massimo Climati (5) Maduro (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Npl (5) Parigi (5) Partito tedesco (5) Pcl (5) Polonia (5) Rete dei Comunisti (5) Riccardo Achilli (5) Romano Prodi (5) Sharing Economy (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato di Polizia (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Target 2 (5) Val di Susa (5) Wolfgang Munchau (5) afghanistan (5) alleanze (5) autodeterminazione dei popoli (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) cuba (5) debitori (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni. Lega (5) ideologia (5) il pedante (5) jihadismo (5) la variante populista (5) laicismo (5) liberalismo (5) migranti (5) pomigliano (5) populismo democratico (5) rifugiati politici (5) rivolta (5) salvinismo (5) tecnoscienza (5) tremonti (5) ALBA (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Anna Falcone (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Chiavacci Alessandro (4) Città della Pieve (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (4) Corea del Nord (4) Cub Trasporti (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Dimitris Mitropoulos (4) Eos (4) Flat tax (4) France Insoumise (4) Frente civico (4) Giorgia Meloni (4) Giuliano Pisapia (4) Giulietto Chiesa (4) Giulio Regeni (4) Imu (4) Jacques Nikonoff (4) Jeremy Corbyn (4) Joseph Stiglitz (4) Julio Anguita (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Marcello Teti (4) Militant-blog (4) Morgan Stanley (4) Mosul (4) Noi sicialiani con Busalacchi (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Rosatellum 2 (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) USB (4) Varoufakis (4) Vladimiro Giacché (4) Xi Jinping (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) bankitalia (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) demografia (4) diritti di cittadinanza (4) donna (4) elezioni 2017 (4) elezioni comunali 2017 (4) elezioni siciliane 2012 (4) facebook (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) giovani (4) governo (4) il manifesto (4) irisbus (4) ius soli (4) legge di stabilità 2017 (4) massimo fini (4) mediterraneo (4) parti de gauche (4) patrimoniale (4) pensioni (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) protezionismo (4) risparmio (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Africa (3) Alavanos (3) Albert Einstein (3) Aldo Zanchetta (3) Alfiero Grandi (3) America latina (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bergoglio (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Cerveteri Libera (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Eleonora Forenza (3) Emanuele Severino (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Francesco Salistrari (3) Fronte Sovranista Italiano (3) GIAPPONE (3) Gianni Ferrara (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giuseppe Pelazza (3) Goofynomics (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jens Weidmann (3) Karl Polany (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Macron (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Martin Heidegger (3) Marx (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Napoli (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Noi Mediterranei (3) ONU (3) Olanda (3) Panagiotis Sotiris (3) Paolo Gerbaudo (3) Papa Bergoglio (3) Pardem (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Salento (3) Sarkozy (3) Sergio Starace (3) Six Pack (3) Stato nazione (3) Thomas Fazi (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Visco (3) Xarxa Socialisme 21 (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) austria (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) diritto d'asilo politico (3) diritto di cittadinanza (3) dollaro (3) donne (3) economia sociale di mercato (3) fascismo (3) il fatto quotidiano (3) indignati (3) informatica (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) italia (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) minijobs. Germania (3) moneta fiscale (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) occidente (3) oligarchia (3) partito (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) sanità (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) tassisti (3) tecnica (3) trattati europei (3) università (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 25 aprile 2017 (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Alberto Benzoni (2) Alberto Montero (2) Amando Siri (2) Angelo Panebianco (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Amoroso (2) Antonio Rinaldi (2) Arditi del Popolo (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Banca (2) Bandiera rossa in movimento (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Carlo Romagnoli (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Comitato antifascista russo-ucraiono (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Dani Rodrik (2) De Bortoli (2) Der Spiegel (2) Die Linke (2) Diem25 (2) Diosdado Toledano (2) Don Giancarlo Formenton (2) EDWARD SNOWDEN (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Ego della Rete (2) Emilia Clementi (2) Emiliano Gioia (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) F.List (2) Fausto Sorini (2) Federico Fubini (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Filippo Gallinella (2) Fiumicino (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Forum Popoli Mediterranei (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratoianni (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Futuro al lavoro (2) Generale Pappalardo (2) Gentiloni (2) Giada Boncompagni (2) Giancarlo Cancelleri (2) Giuliano Amato (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hezbollah (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Italia Ribelle (2) Iugend Rettet (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Juan Carlos Monedero (2) Jugoslavia (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Basso (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) Luigi De Magistris (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marchionne (2) Maria Elena Boschi (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Tronti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Morya Longo (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) NO TAP (2) Nadia Garbellini (2) Netanyahu (2) Oriana Fallaci (2) Ostia (2) Palermo (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paolo Maddalena (2) Papa (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pier Paolo Dal Monte (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Portella della Ginesta (2) Preve (2) Quarto Polo (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Reddito di inclusione sociale (2) Regioni autonome (2) Riccardo Bellofiore (2) Riccardo Ruggeri (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) SPD (2) STX (2) Salistrari (2) Scenari Economici (2) Schumpeter (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Seconda Assemblea CLN (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) TAP (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Piketty (2) Tiziana Ciprini (2) Tltro (2) Tomaso Montanari (2) Toni negri (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Ugo Arrigo (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) animalismo (2) antisemitismo (2) banche venete (2) blocco sociale (2) bontempelli (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) comunicazione (2) curdi (2) decreto vaccini (2) deregulation (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) domenico gallo (2) due euro (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) fecondazione eterologa (2) fincantieri (2) fine del lavoro (2) forza nuova (2) frontiere (2) gennaro Migliore (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) indignatos (2) industria italiana (2) intimperialismo (2) isu sanguinis (2) legge del valore (2) libano (2) libertà di pensiero (2) maidan (2) marina silva (2) mercantislismo (2) no expo (2) olocausto (2) paolo vinti (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) patto politico (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) precarietà (2) proporzionale (2) proteste agricoltori (2) razionalismo (2) reddito di base (2) riformismo (2) rivoluzione russa (2) rivoluzione socialista (2) sanità. spending review (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) sovranità e costituzione (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) terzo polo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 8 settembre (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) AirCrewCommittee (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alan Johnson (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Chiavacci (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alessia Vignali (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Amazon (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Andrew Spannaus (1) Angela Matteucci (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Gramsci (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Apple (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Attali (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Bashar al-Assad (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Blade Runner 2049 (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Branko Milanovic (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) CNL (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Caritas (1) Carlo Candi (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Cekia (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Civitavecchia (1) Claudia Castangia (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Corte Europea sui diritti dell'uomo (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cuperlo (1) Dagospia (1) Dan Glazebrook (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Dimitris Christoulias (1) Dio (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emma Bonino (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrica Perucchietti (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Erasmo vecchio (1) Ernesto Laclau (1) Ernesto Pertini (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Gotti Tedeschi (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio De Paoli (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Florian Philippot (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Foro di Sao Paulo (1) Forum Ambrosetti (1) Forum dei Popoli Mediterranei (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabanelli (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giacomo Zuccarini (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giordano Sivini (1) Giorgetti (1) Giorgio Gattei (1) Giovanna Vertova (1) Giovanni De Cristina (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giovanni Schiavon (1) Giovanni Tomei (1) Giovanni di Cristina (1) Giuliana Commisso (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Ambrosetti (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Google (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Hainer Flassbeck (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IPHONE (1) IRiS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Imposimato (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) Inge Höger (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Intesa Sanpaolo (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Joseph Shumpeter (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugend Rettet (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kemi Seba (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Ktragujevac (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Riboli (1) Lidia Undiemi (1) Lillo Massimiliano Musso. Leoluca Orlando (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Alfano (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Donadel (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcello Minenna (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Marcuse (1) Margarita Olivera (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mark Rutte (1) Mark Zuckerberg (1) Maroni (1) Marta Fana (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo Costa (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Mdp (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michelangelo Vasta (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Microsoft (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Milton Friedman (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Mladic (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimento di Liberazione Popolare (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) Nicaragua (1) Nicky Hager (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolas Dupont-Aignan (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Noelle Neumann (1) Noi sicialiano con Busalacchi (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omnium (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Open Society Foundations (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) PRISM (1) PSUV (1) Pablo Stefanoni (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Di Martino (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Paul De Grauwe (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Francesco Zarcone (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Attinasi (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Pino Prestigiacomo (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Riscossa Italia (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Robert Mundell (1) Roberta Lombardi (1) Roberto D'Agostino (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Marchesi (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rosatellum (1) Rovereto (1) Ryan air (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Schengen (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svitlana Grugorciùk (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Tommaso Nencioni (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Tribunale dell'Aia (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vito Storniello (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolfgang Streeck (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zaia (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) Zygmunt Bauman (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antispecismo (1) antropocene (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autogestione (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) big five (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bomba atomica (1) bonapartismo (1) brigantaggio (1) calcio (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) cassa depositi e prestiti (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) cdp (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dichiarazione di Roma (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) dracma (1) ebraismo (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) enav (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) fiducia (1) finan (1) finaza (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) freelancing (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) genetica (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) incendi (1) independent contractor (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) intelligenza artificiale (1) intervista (1) ius sanguinis (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge Madia (1) legge antisciopero (1) legge di stabilità 2016 (1) legge di stabilità 2018 (1) leva (1) lex monetae (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) liste civiche. (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) luddismmo (1) lula (1) madre surrogata (1) mafiodotto (1) maghreb (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) medicina (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) monetarismo (1) nascite (1) nazion (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) no vax (1) nobel (1) norvegia (1) numero chiuso (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) ong (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) partito americano (1) partito democratico (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) post-operaismo (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) qualunquismo (1) questione femminile (1) questione meridionale (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) recensioni (1) rete 28 Aprile (1) ricchezza (1) ride sharing (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) robot killer (1) robotica (1) rossobrunismo (1) rublo (1) salafismo (1) salir del euro (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra transgenica (1) smartphone (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) specismo (1) spionaggio (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) supply-side economics (1) svimez (1) takfirismo (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trenitalia (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uberizzazione (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vertice di Roma (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) wahhabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)