mercoledì 2 novembre 2016

SHARING ECONOMY, JOBS ACT E LOTTA DI CLASSE di Gianni Giovannelli


[ 2 novembre ]
Riflessioni sul caso Foodora*


I think you will find
When your death takes its toll
All the money you made
Will never buy back your soul
Bob Dylan
Nei giorni scorsi (7-8 ottobre) quasi tutti i quotidiani italiani (cartacei e on line) hanno riportato la notizia di uno sciopero attuato dai fattorini torinesi per rivendicare, contro Foodora, un miglioramento delle loro condizioni lavorative. Evidentemente si trattava proprio di una notizia; e in effetti lo è, non solo per l’accaduto in sé stesso, ma soprattutto per le possibili conseguenze future di una protesta che presenta indubbi elementi di grande suggestione simbolica. Non sarà forse stato davvero il primo scontro di classe nell’ambito della sharing economy, e magari la partecipazione  attiva non avrà raggiunto percentuali altissime; ma questo non toglie che si tratti dell’esordio inatteso, nella scena della comunicazione, di una schiera del tutto nuova. Questa è la società dello spettacolo, e si è così rappresentata ad uso del pubblico una rivolta; questo allestimento virtuale è un fatto ulteriore che si affianca allo sciopero reale. La cronaca di un fatto ha per fine la costruzione di altri accadimenti.
Non deve stupire, dunque, la doppia coda, il doppio seguito. Anche a Milano lo sciame riderè sceso in agitazione, per mutuo soccorso e per identificazione; sull’altro versante stampa e televisione hanno subito trattato con grande clamore la vicenda dei precari in bicicletta introducendo un diverso angolo di visuale celato dietro la facciata di un’apparente oggettività. Perfino l’ineffabile ministro Poletti (ovvero colui che ha firmato le norme giuridiche applicate da Foodora) è intervenuto rendendo noto di aver mandato i suoi ispettori a verificare lo stato delle cose, guardandosi bene dal precisare il come e il dove. La sequenza complessiva merita una attenta riflessione, possibilmente liberandoci del nostro vecchio armamentario d’indagine e portando invece l’inchiesta nel vivo della condizione precaria e della finanza informatica.
Foodora è una società tedesca con sede a Berlino; si è insediata in dieci paesi fra cui l’Italia (a Milano e Torino). Nella piattaforma sono ormai acquisiti almeno settemila ristoranti (provider), il fatturato è in continuo aumento, a solo due anni dalla nascita (2014) la progressione è ancora geometrica. Vestiti con la divisa aziendale (colori vistosi e non confondibili) i lavoratori si spostano senza sosta a bordo di una bicicletta propria; ricevono mediante app l’ordine di servizio, ritirano la confezione con il cibo ordinato e lo recapitano al cliente (user).
Naturalmente i rider non sono assunti come dipendenti (costerebbero troppo) e perfino il voucher  (pezzatura minima dieci euro lordi, 7,5 al lavoratore) appare inadatto ai bisogni tecnico-organizzativi di Foodora. La scelta aziendale poggia invece sull’istituto giuridico del lavoro autonomo c.d. occasionale, curando di non superare la soglia dei cinquemila euro nel corso di un anno, così che non sia necessario aprire una posizione presso Inps e/o utilizzare la partita Iva. La normativa fiscale in vigore non contiene una definizione puntuale della prestazione autonoma occasionale rispetto a quella continuativa, vi è dunque ampio margine per le imprese nell’utilizzare questo strumento. Il lavoratore (sotto la sua responsabilità) autocertifica di non superare la soglia fissata dal legislatore, così che i compensi sfuggano anche alla gestione separata dell’Inps, sottoposti alla sola ritenuta del 20% senza altri oneri. Il rider è tenuto, per legge, ad avvisare l’azienda di aver superato il limite dei 5 mila euro (eventualmente anche con altre attività), esponendosi in caso contrario ad azioni di rivalsa da parte del suo datore di lavoro. La contribuzione previdenziale scatta solo dopo il superamento ed è comunque per un terzo a carico del nostro ciclista. In buona sostanza il meccanismo della prestazione autonoma occasionale costa meno del voucher e ha il vantaggio ulteriore di non fornire dati a Inps e Inail. Tutto rimane moonlighting. L’area di reddito inferiore a cinquemila euro è una riserva di libera utilizzazione della manodopera precaria disponibile.
Con i decreti attuativi del Jobs Act il governo Renzi ha abrogato l’intero impianto della riforma Biagi e la parte connessa di quella successiva Fornero, introducendo per il lavoro autonomo occasionale modifiche di notevole importanza che hanno peggiorato considerevolmente le condizioni dei lavoratori precari. Vediamo le due principali.
La legge precedente poneva a carico delle imprese l’obbligo di provare la natura effettivamente autonoma dell’attività lavorativa utilizzata, allegando anche un progetto al contratto di ingaggio; è vero che anche allora compariva il limite annuo di cinquemila euro, ma era accompagnato da un secondo requisito importante, ovvero il tetto temporale di trenta giorni complessivi superato il quale scattava comunque la presunzione di un rapporto subordinato. Contro la presunzione non era neppure ammessa prova contraria, secondo la giurisprudenza prevalente. Ora, al contrario, la prestazione autonoma viene ricondotta, come in passato, al vecchio codice del 1942 (articolo 2222 c.c.) ed è il lavoratore che ha il difficilissimo compito di provare la subordinazione in un processo, con il rischio (se non ci riesce) di essere condannato alle spese di giudizio.
Cambia anche il compenso. Nel sistema previgente, l’impresa era tenuta ad assicurare comunque al collaboratore autonomo una retribuzione non inferiore a quella prevista dai contratti collettivi di settore per mansioni analoghe; con l’abrogazione della Biagi-Fornero, senza garanzie sostitutive, il nostro rider si trova ora costretto a trattare la paga oraria come individuo, isolato e a petto nudo di fronte alla struttura complessiva sopranazionale dell’impresa. Il decreto attuativo del Jobs Act  lascia alla fluttuazione del libero mercato la determinazione del costo di ogni singolo collaboratore occasionale autonomo.
Non a caso dunque Foodora ha potuto imporre il cottimo pieno (ovvero un compenso legato al numero di consegne effettive), abbattendo il muro del salario prima legato al tempoinvece che al risultato. Il ministro Poletti ha introdotto a sua firma le modifiche che rendono lecita una simile opzione e non si comprende per quale ragione rivendichi adesso di avere inviato i suoi ispettori presso Foodora, come riportano i giornali. Non tutti sanno, inoltre, che per disposizione ministeriale le ispezioni possono essere effettuate solo in una fascia oraria che esclude la pausa pranzo e difficilmente supera le 16,30; trattandosi di recapito pasti il lavoro oggetto dell’ispezione si articola in forma incompatibile con l’attività ispettiva, presumibilmente da concentrare fra le 20 e le 22 per raccogliere dati reali. In concreto gli ispettori si recheranno negli uffici di Foodora a prendere atto di come la società abbia semplicemente utilizzato i meccanismi che il ministro Poletti ha messo a loro disposizione. Si tratta di una presa in giro che giornalisti conniventi provvedono a spacciare come segnale di operosa attenzione, con il preciso intento di tranquillizzare la platea della cosiddetta opinione pubblica e di convincere i precari ad avere fiducia nelle istituzioni.
Vediamo ora quale sia il quadro istituzionale in cui si colloca, sul piano delle prestazioni lavorative interne al capitalismo di piattaforma, dentro la sharing economy. Nell’unione europea esiste soltanto una comunicazione (di semplice indirizzo, non vincolante), la 356(2016), denominata european agenda for the collaboration economy. L’economia collaborativa (questo il termine utilizzato) viene così identificata nella comunicazione: con l’espressione economia collaborativa si fa riferimento a quei modelli di business in cui le attività sono agevolate dall’uso di piattaforme collaborative che producono mercato aperto per l’uso temporaneo di beni e servizi spesso forniti da privati. I due criteri di indirizzo fissati nella comunicazione sono l’obbligo per tutti di pagare le imposte sull’utile ricavato e la competenza nazionale per fissare la retribuzione del lavoro, tenendo conto tuttavia dello standard salariale europeo (e il punto riveste una qualche importanza). E’ un intervento timido, che lascia agli stati membri ampia libertà e che si colloca dunque in una logica soft law. Il salario standard danese o svedese è ben diverso da quello bulgaro o italiano; infatti la retribuzione del rider nella stessa Foodora mostra una forbice notevole fra quanto ricevono i ciclisti in Germania e il corrispettivo ricevuto dai loro omologhi italiani. E’ scontato, ma precisiamolo: i tedeschi prendono quasi il doppio! La scelta europea è coerente con la strategia complessiva, maggioritaria in Commissione, di erosione del salario e di allargamento della forbice fra ricchi e poveri mediante le manovre fiscali legate al pareggio di bilancio.
L’Italia si conferma un laboratorio sperimentale di attuazione delle direttive diffuse dalla Commissione Europea anche in tema di sharing economy. È attualmente all’esame della Camera la prima proposta di legge in materia all’interno dell’Unione Europea. Il testo porta come prima firma quella di una giovane deputata lombarda del PD, Veronica Tentori; ed è iniziativa intergruppi per l’innovazione tecnologica ovvero di uno schieramento trasversale che riunisce segmenti di maggioranza con segmenti di opposizione. Il progetto porta il numero 3564, con data 27 gennaio 2016. In luogo di economia collaborativa il testo usa il termine economia della condivisione. Nella relazione introduttiva si pone l’accento sul rapido diffondersi del fenomeno, sottolineando come sia ormai al 25% la platea dei sharing economy svolge una funzione di contenimento degli effetti della lunga crisi; al tempo stesso il capitale finanziario si appropria del circuito di resilienza costruito dallo sciame per sopravvivere e lo mette a valore. L’articolo 5 della proposta introduce una imposizione fiscale del 10% a forfait fino a diecimila euro annui; oltre la soglia si applica l’ordinaria aliquota Irpef. L’articolo 7.2 introduce un principio presuntivo di proprietà privata in capo alla piattaforma dei dati sensibili, che possono anche essere oggetto di cessione, di mercato (business data mining); la piattaforma è tenuta a comunicare la vendita, ma sono i soggetti – provider e user –  che si debbono attivare a rendere nota la loro opposizione, con diritto alla cancellazione ma in assenza di sanzioni concrete a carico di chi sceglie di non rispettare le regole. Sorprende in questa proposta pilota l’omissione nei 12 articoli di ogni accenno al lavoro erogato dentro la piattaforma dell’intermediario. L’articolo 2 si limita ad escludere per un eccesso di scrupolo che fra gestore e utente possa aversi un rapporto di subordinazione; per il resto vale il rinvio alle norme ordinarie. Non muta il quadro anche esaminando gli altri progetti in discussione, entrambi all’esame del Senato: quello n. 2229/2016 a firma Sacconi sul lavoro autonomo e quello n. 2233/2016 sul lavoro agile e flessibile. Dunque le prestazioni sotto la soglia dei 5 mila euro annui rimangono confinate in un recinto di totale deregulation in una sempre più vasta area della cosiddetta gig economy. In questo modello economico a diffusione crescente esiste la disponibilità dei soggetti 24 ore su 24, ma al tempo stesso manca qualsiasi certezza di reddito continuativo, si lavora solo on demand  per lo più mediante appe paga a cottimo. Nel mondo dei gigger esiste solo la legge del più forte, l’esercito di riserva del secolo scorso si è evoluto, si è trasformato in un pilastro dell’accumulazione.
cittadini in rapporto con questa forma di creazione della ricchezza e di accesso al reddito.

Riassume tecnicamente bene i nodi della vicenda, pur se collocato sull’altro lato della barricata, Pietro Ichino in un commento del 20 ottobre, dedicato a Foodora. Il senatore Ichino ci ricorda la vecchia sentenza sul pony express della Corte di Cassazione, che aveva escluso la subordinazione – ma prima della legge Biagi – riconducendo il contratto a chiamata nell’ambito del lavoro autonomo, per via della possibilità, almeno in astratto, di negare la disponibilità al servizio richiesto dall’impresa. Ichino ammette che senza abrogazione della legge Biagi (per come corretta dalla legge Fornero) questo contratto non sarebbe stato possibile; gli ispettori del ministro Poletti, ci anticipa, dovranno verificare se anche i gigger in bicicletta possano negarsi in occasione di un singolo incarico, magari semplicemente non rispondendo alla telefonata. Tenuto conto che l’ispezione ministeriale ha caratteristiche diverse da quelle di un’inchiesta secondo Romano Alquanti, possiamo star certi circa l’esito di un procedimento amministrativo basato solo su visite in ufficio ed esame delle carte fornite dall’impresa. La conseguenza probabile, spiega il senatore Ichino, è che secondo le norme vigenti (in Italia e in Europa) non possano essere imposti minimi retributivi di garanzia per i lavoratori ciclisti. Naturalmente il giuslavorista del PD, con grazia e uso sapiente degli artifizi retorici, evita il punto centrale: la modifica che legittima questa palese ingiustizia sociale è stata introdotta dal suo governo, a firma di Renzi e Poletti! Dura lex sed lex.
L’articolo 2222 del codice civile, utilizzato oggi contro i precari, risale al 1942, è sopravvissuto alla caduta del fascismo, vive nel terzo millennio una nuova esistenza grazie agli ordini della commissione europea. Quando una persona si obbliga a compiere verso un corrispettivo un’opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente, si applicano le norme di questo capo  (che contiene sette articoli, fino a 2228). Bisogna prestare attenzione al contenuto della norma, al vocabolario: il lavoratore si obbliga ad eseguire il servizio e deve assicurare non il tempo ma il risultato, in cambio di un corrispettivo che può essere sia a tempo sia a cottimoDunque almeno non in modo gratuito, anche se, spiega la giurisprudenza, la gratuità, pur non essendo automatica, è tuttavia lecita, se concordata. L’articolo 2225 c.c. lascia libera la determinazione del quanto da versare in cambio del lavoro; solo se manca un accordo allora (ma solo allora) provvede il Giudice in relazione al risultato ottenuto e al tempo necessario per ottenerlo. In questa elaborazione tecnico giuridica è il rapporto di forza che decide la paga di fatto, che costituisce l’equilibrio; l’impresa prepara lo schema d’ingaggio e lo impone alla parte debole, lasciandole solo l’alternativa fra rimanere senza reddito o accettare le condizioni. Un rider affamato con le tasche vuote difficilmente rifiuta l’ingaggio che rappresenta l’unica possibile fonte di reddito. L’articolo 2227 consente al committente (la piattaforma) di risolvere il contratto anche senza dare preavviso, pagando solo il lavoro eseguito fino a quel momento; infatti Foodora, come riferiscono gli organi della comunicazione di massa, ha provveduto senza indugi a cancellare dalla rete di contatto i ribelli individuati. Quando invece è il lavoratore autonomo a non rendere la prestazione allora deve risarcire il danno. Non deve stupire, dunque, il comportamento feroce di Foodora verso i precari a chiamata; il management pensa, non senza ragione, di applicare la legge del massimo profitto senza violare quella dello Stato.
Vedremo più sotto le novità sociali legate all’azione sindacale di protesta messa in atto daigigger  piemontesi e andiamo invece ad esaminare quali potrebbero essere le possibili azioni giudiziarie da promuovere contro la piattaforma nemica.
L’art. 36 della Costituzione italiana è una norma tradizionalmente utilizzata in difesa della retribuzione: il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa. Nel corso degli anni la Cassazione, dapprima timidamente poi con crescente fermezza, ha ribadito che si tratta di una disposizione immediatamente applicabile (in gergo:di natura precettiva); e che, per questa sua natura, prevale sulla legge ordinaria in quanto fonte primaria di diritti costituzionalmente garantiti, inderogabili. La giurisprudenza ha poi individuato, come parametro di riferimento da utilizzare per l’adeguamento del compenso, il minimo salariale previsto dai contratti collettivi nazionali di settore. Nel caso dei nostri ciclisti il minimo costituzionale dovrebbe, in ipotesi, essere allora quello previsto per l’operaio del settore trasporto o, in alternativa, del settore terziario; in ogni caso, quale che sia il contratto nazionale di riferimento, non si dovrebbe scendere al di sotto di otto euro lordi orari, ben oltre quanto di fatto corrisposto da Foodora.
Ma la magistratura, ostile, tende a negare l’applicazione dell’art. 36 al lavoro autonomo. La Cassazione ha riconosciuto una somma ingente, in base all’art. 36, al già facoltoso dirigente RAI che aveva collaborato alla costruzione di Saxa Rubra, in quanto subordinato di alto grado; ma al tempo stesso molte decisioni negano il medesimo diritto al più scalcinato dei lavoratori autonomi, al rider o al pony. Negli anni ottanta il Tribunale di Milano e poi la Corte Suprema negarono ad una cameriera di tavola calda il requisito della subordinazione e il trattamento facoltativo di gravidanza proprio per l’autonomia del serbatoio di addetti nella scelta al loro interno di chi andasse a comporre la squadra secondo il numero indicato dal proprietario del locale. E qui sta il cuore del problema. Per la verità la fonte di questo orientamento, ovvero la sentenza 7 luglio 1964 n. 75 della Corte Costituzionale, lascia aperta la via alla rivendicazione. Quella vecchia pronunzia riguardava un notaio siciliano che voleva cancellare dall’ordinamento italiano la riduzione delle tariffe al 50% nel caso di certi adempimenti relativi ai fondi agricoli; la Consulta fece presente che si era ben al di sopra del minimo vitale e che non era dunque necessario affrontare il delicato tema del rapporto fra articolo 36 e lavoro autonomo. A leggerla con attenzione la sentenza non escludeva affatto l’applicazione, ove l’attività prestata, per la sua esecuzione, potesse essere una fonte primaria di sussistenza. Cinquant’anni dopo, dentro la sharing economy  e con la diffusione generalizzata della condizione precaria, riteniamo che la rivendicazione abbia un concreto fondamento ove si applicassero i principi esposti in quella decisione.
La recente legge sull’equo compenso del lavoro giornalistico (la legge 233/2012) rafforza la tesi dell’applicabilità dell’art. 36 della Costituzione al lavoro autonomo occasionale prestato dentro la sharing economy. L’articolo 1 della legge infatti precisa che la statuizione del compenso dovuto ai giornalisti autonomi avviene in attuazione dell’art. 36 primo comma della Costituzione. E dunque, per logica, si deve ritenere che il legislatore del 2012 consideri la norma estesa anche al lavoro autonomo, non subordinato, e legata (inderogabilmente) per proporzione alla quantità e qualità della prestazione, usando ancora una volta per riferimento i trattamenti previsti dalla contrattazione collettiva per il lavoro subordinato.
Questo possibile filtro interpretativo potrebbe modificare il quadro rivendicativo, aprendo la via all’azione giudiziaria di adeguamento salariale. L’applicazione dell’art. 36 travolgerebbe le pattuizioni individuali, nulle perché contrarie alla previsione costituzionale; e scatterebbe la norma grimaldello (articoli 2099 e 2233 c.c.) che consente di rimettere la Giudice la determinazione del compenso equo.
La Carta Sociale Europea (riveduta) di Strasburgo è stata ratificata in Italia con legge 9 febbraio 1999 n. 30 e ha aggiunto ai precedenti quelli che il preambolo non esita a qualificare come nuovi diritti. Il rango gerarchico di queste norme è parificato a quello costituzionale, dunque i principi della Carta si affiancano all’art. 36 rafforzando la disposizione precettiva. Deve essere allora resa  effettiva mediante tutti i mezzi utili (dunque e fin da subito con la pronunzia del Giudice) la possibilità di guadagnarsi la vita con eque condizioni di lavoro in condizioni oggettive di sicurezza e igiene. Il quarto principio della prima parte non lascia adito a dubbi: tutti i lavoratori hanno diritto ad un’equa retribuzione che assicuri a loro e alle loro famiglie un livello di vita soddisfacente. Il sesto principio (pure questo ha un riscontro nella Costituzione italiana) si pone in radicale contrasto con quanto affermato dai giovani funzionari Foodora, Gianluca Cocco e Matteo Lentini: loro dichiarano di voler trattare il tema salariale solo e soltanto con il singolo gigger mentre la Carta di Strasburgo afferma il diritto di negoziare collettivamente.
La definizione, nelle relazioni comunitarie, di lavoratore sottoposto dentro la sharing economy pone l’accento sulla direzione dell’attività da parte delle piattaforme collaborative, sulla determinazione delle scelte organizzative, delle condizioni di prestazione, della remunerazione. Su queste basi non vi è dubbio, dunque, della natura comunque subalterna del contratto di lavoro intervenuto fra rider e piattaforma; non ci sono ragioni, testuali e sostanziali, per non ricondurre questa figura fra i lavoratori, autonomi o subordinati che essi siano. Siamo allora pervenuti, mediante lo strumento tecnico del diritto del lavoro, nel pieno della moderna economia sovranazionale costruita secondo le scadenze dell’informatica e della finanza; i grandi intramontabili temi del salario, dello sciopero sociale o aziendale, della sicurezza e della rappresentanza trovano nello svolgersi degli avvenimenti la loro concreta articolazione.
Gli articoli 3 e 4, parte seconda, della Carta Sociale rendono più chiara la portata delle disposizioni, sia sul piano della retribuzione necessariamente equa sia sul piano parallelo della tutela della salute, del diritto alla sicurezza.
Non vi è dubbio che l’organizzazione del lavoro sia scelta e attuata dall’impresa, in questo caso da Foodora. Ma l’art. 2087 c.c. introduce dei limiti: l’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro. I ciclisti precari vivono una condizione non solo subalterna, ma anche oggettivamente pericolosa. Il taglio dei tempi e la paga a cottimo pieno spinge alla manovra incauta, favorisce i sinistri. Le numerose ricerche effettuate sulle strutture del call center  hanno consentito di accertare il rapporto oggettivo, conclamato, fra depressione e condizione precaria, fra ansia quotidiana e incertezza del futuro. Possiamo dare per acquisiti anche il calo di rendimento scolastico universitario e l’organizzazione dei turni mediante convocazione app all’ultimo istante, sia per lo stress connesso alla necessità del collegamento costante in rete sia per l’impossibilità di programmare ragionevolmente la preparazione degli esami o l’accesso ai corsi.
La questione salariale di unisce dunque alla rivendicazione di salvaguardia del corpo, della rifusione dei danni provocati dall’uso violento della condizione precaria. E neppure va tralasciata la questione fiscale: il limite dei cinquemila euro, oltre il quale scatta la mannaia delle trattenute e delle imposte, finisce con l’essere un recinto di contenimento nel lungo periodo dell’istanza volta ad ottenere maggior reddito. La scelta del governo e delle istituzioni non è casuale; è coerente con l’allargamento della forbice fra ricchi e poveri, con la riduzione del costo del lavoro quale strumento principe del cosiddetto pareggio di bilancio.
Il meccanismo di liberalizzazione selvaggia della contrattazione del costo delle prestazioni lavorative ha, dentro la sharing economy, un carattere sperimentale che prelude alla sua successiva applicazione nell’intera società. Il rapporto fra gigger e piattaforma si presenta quasi come futura dimensione istituzionale di quello complessivo fra governo finanziario e moltitudine governata, compresa l’espulsione dal circuito del reddito attuata mediante il taglio dell’accesso alla rete. La piattaforma si appropria del comune in tutte le sue articolazioni, estraendo ricchezza dalla generalizzata messa a valore dell’esistenza. Il nostro ciclista, grazie alla divisa, lavora mentre si muove per le consegne e perfino quando attende in sosta la chiamata via app. Il vecchio uomo uomo sandwich  svolgeva un compito retribuito offrendo il proprio corpo al pubblico, lavorava passeggiando con i cartelli che lanciavano un prodotto; nel tempo del logo è sufficiente il colore della divisa per creare l’immagine rivolta al possibile user  o al possibile provider. Il circuito mediatico di facebook o twitter o linkedin produce circolazione di testi e fotografie, trasforma l’esistenza privata delgigger in pubblicità gratuita per la piattaforma; il nostro fattorino, pagato solo per singola consegna, nulla riceve per la montagna di contatti che vivendo la propria esistenza sociale determina con la partecipazione alla rete. Eppure le immagini dei precari in divisa si trasformano in oro che affluisce nelle tasche di questi fantasiosi imprenditori; circola la divisa inconfondibile di Foodora ma non circolano la tossicodipendenza, la depressione, l’ansia, l’incertezza, la miseria, il disagio, la malattia, il senso di fallimento, il suicidio. Esiste lo spazio per una sorta di class action, ovvero di azione collettiva, a carattere retributivo e risarcitorio insieme, diretta contro il sistema complessivo organizzato per lo sfruttamento intensivo dei collaboratori autonomi con reddito sotto la soglia dei 5 mila euro annui. Questa azione non è affatto in contrapposizione con quella sindacale di conflitto attuato in forma di sciopero sociale o di rifiuto della prestazione intesa come arma di pressione per ottenere condizioni migliori.
E siamo così arrivati a conclusione. Sopra abbiamo descritto un’ipotesi di lavoro di rivendicazione tecnico giudiziaria, la possibile costruzione di un diritto del lavoro alternativo; ora torniamo all’evento che ha aperto queste riflessioni, lo sciopero dei fattorini torinesi. E dobbiamo distinguere, per capire davvero, lo sciopero dalla rappresentazione dello sciopero.
Nella sua immediatezza e semplicità la decisione dei ciclisti torinesi costituisce un fatto nuovo e inatteso, una aperta dichiarazione di ostilità nei confronti del processo di sussunzione della forza lavoro dentro la condizione precaria. È la prima ribellione al nuovo ordine costituito, alle imposizioni del potere finanziario e della commissione europea. Ed è una lotta nata senza alcun uso tattico della forma-sindacato, costruita direttamente dai soggetti protagonisti dentro  la loro stessa comunità operativa. Il meccanismo di comunicazione degli ordini elaborato da Foodora è stato momentaneamente espropriato per ricomporre la frammentazione e unire le forze, così da poter intraprendere azioni collettivedopo aver constatato l’esistenza di conflitti d’interesse (articolo 6, parte seconda, Carta Sociale Europea). Sappiamo bene che Foodora è assai potente e che gli scioperanti sono invece molto deboli, con scarse risorse, senza una forza materiale alle spalle che li sostenga. Siamo consapevoli che le possibilità di vittoria piena sono modeste, che la mannaia della repressione è pronta per essere calata sulle teste ribelli. Eppure quel che conta è altro, nessuno lo può negare. Nel momento stesso in cui l’azione collettiva si è realizzata un nuovo capitolo dello scontro di classe ha avuto il suo inizio: questo è un successo che nessuna normalizzazione a posteriori potrà mai cancellare. I ciclisti torinesi, a prescindere da quello che sarà il risultato della protesta, hanno dimostrato sul campo che la lotta è possibile e che dunque si tratta di studiare efficaci meccanismi di attuazione, compatibili con questo lavoro e con questa società di capitalismo telematico finanziarizzato. Mettendo in crisi l’organizzazione del profitto nella sharing economy  i ciclisti gigger hanno messo a nudo la frontiera contemporanea del licenziamento mediante esclusione dalla rete, togliendo accesso all’app  come un tempo si irrogava l’esilio dalla città. La rapidissima diffusione della notizia è la prova di un processo d’identificazione collettivo da parte dei precari che immediatamente si sono riconosciuti nei ciclisti torinesi in lotta, la potenziale contaminazione non ha necessità di argomentazioni a supporto, tanto appare evidente.
Accanto all’evento dello sciopero, alla protesta come fatto storico si affianca tuttavia la reazione del potere, mediante la rappresentazione mediatica dello sciopero. La comunicazione mediante stampa, televisione e rete si è immediatamente impadronita dell’evento, con il preciso intento di contrastare la contaminazione e disinnescare il congegno di potenziale esplosione del conflitto sociale. L’invio degli ispettori da parte del ministro Poletti (ovvero da parte di colui che ha firmato le norme contro il precariato) rinvia alle sedi istituzionali l’esito della vertenza in atto, mira alla divisione dei lavoratori in due tronconi, al tempo stesso costituisce una concreta rassicurazione circa il mantenimento della normativa varata per ordine della commissione europea al fine di abbattere il costo del lavoro ovunque. Dietro la critica ipocrita dei licenziamenti disposti mediante taglio della connessione si cela la minaccia di identica sorte verso chi insista ad esporsi, pubblicando anche i nomi dei lavoratori come una lettre de cachet  per condannare i ciclisti sovversivi alla perdita totale del reddito, senza processo e senza possibilità di difesa. Quale imprenditore sarà così imbecille da ingaggiare come lavoratore autonomo occasionale proprio un protagonista della rivolta contro Foodora? L’apparente sostegno è solo una trappola crudele, e i cronisti, precari mal pagati a loro volta, ne sono perfettamente consapevoli, svolgono in silenzio il compito assegnato. La rappresentazione spettacolare dello sciopero si articola in due atti. Nella prima parte ci si duole della paga troppo misera riservata ai ciclisti, ma  al tempo stesso si elogia la flessibilità. Il suggerimento occulto è che con qualche ritocco retributivo le cose si mettano a posto; lo scopo aggiunto è quello di convincere la fascia collocata intorno a 7/800 euro mensili a ritenersi privilegiata. Nella seconda parte lo scenario si fa più minaccioso: siamo nel pieno della crisi, bisogna rimboccarsi le maniche, questo è il futuro, non esistono alternative. La rappresentazione contiene naturalmente anche la pubblicità: a gruppi i ragazzi in maglietta Foodora si fanno ritrarre e i loro volti fanno il giro del mondo. Il messaggio che contiene l’immagine è quello di una sharing economy  in piena espansione, non di una lotta esemplare destinata a mettere in crisi il meccanismo di estrazione della ricchezza mediante l’esproprio dell’esistenza. Nuova la protesta, nuovo l’uso mediatico della notizia contro lo sciopero e contro i gigger.
Siamo ancora dentro la transizione, ma forse avremo fra non troppo tempo la possibilità di far sentire il nostro vecchio motto: ben scavato, vecchia talpa!

* NOTA

È opportuno precisare che sharing economy e, come vedremo d’appresso, gig economy non sono sinonimi. Con le parole di Valerio De Stefano, tratte da Il manifesto del 10/10/2016, “La Sharing e la Gig economy vengono confuse perché si basano sullo sfruttamento del mezzo tecnologico: smartphone o pc. La prima mette insieme persone per dividere costi per un viaggio in macchina. La seconda prevede il pagamento di una macchina con autista che porta il cliente dove vuole. Di sicuro in questo caso si parla di lavoro: una prestazione in cambio di un corrispettivo. Nel caso di Foodora non c’è nulla da condividere: c’è qualcuno che ha bisogno di un pasto e se lo fa portare da un’azienda che organizza una forza lavoro. Il riferimento all’economia della condivisione è fuori luogo”. 
Nella prospettiva giurica che orienta questo articolo, però, il punto di partenza è quello per cui non esiste attualmente una legislazione che individui e regoli la gig economy: per tale ragione Foodora appare sia sharing sia gig. Peraltro nella distinzione tra le due forme è implicito il rischio di una contrapposizione tra una sharing economy-buona e una gig economy-cattiva. Tuttavia, come vedremo meglio, la contaminazione è avvenuta, è inevitabile e non consente manicheismi di sorta. Inoltre, relativamente al problema degli anglismi e, dunque, della traduzione, vale la pena sottolineare che nel testo si farà ricorso all’espressione riders invece che fattorini proprio al fine di rimarcare come la condizione dei lavoratori impiegati da Foodora presenti scarse affinità con quella rinvenibile nel settore dei trasporti o della logistica (per esempio, DHL o TNT), all’interno dei quali i fattorini appaiono come figure contrattualizzate e persino sindacalizzate. Infine è utile notare come l’impiego di termini anglofoni nel dibattito italiano (ma anche in quello condotto in altre lingue) costituisce una forma di offuscamento: è il caso, per l’appunto, dell’espressione riders in luogo di fattorini, o del termine gig, che può significare lavoro temporaneo, ma anche poco impegnativo, desiderabile, conciliabile con altre attività, etc.

** Fonte: EFFIMERA
Print Friendly and PDF

3 commenti:

  • Anonimo scrive:
    2 novembre 2016 18:57

    Leggete un po' qui...

    http://indiatoday.intoday.in/story/next-leak-to-ensure-hillary-clinton-arrest/1/800453.html

  • Anonimo scrive:
    2 novembre 2016 19:27

    http://www.inquisitr.com/3668257/steve-pieczenik-hilary-clinton-coup-clinton-takeover-former-deputy-assistant-secretary-of-state-julian-assange/

  • chiunque scriva ciò che vuole scrive:
    3 novembre 2016 09:55

    Il problema di fondo non è l'uso (abuso) di termini anglo-americani malamente tradotti ma nell'abuso del concetto fondamentale che ispira la demolizione dei diritti dei lavoratori, le conquiste di decenni se non di secoli: e qui basta comprendere bene il termine italianissimo di "flessibilità: che deriva dal verbo "flettere", che significa "piegare".
    Tutti gli sconci governi socialdemocratici o sedicenti di sinistra degli ultimi decenni in Europa insieme ai loro servili intellettualoidi portatori d'acqua del sistema si sono piegati al diktat delle multinazionali e del neoliberismo più sfrenato nell'insensata idea che i problemi economici derivassero dalla "rigidità del mercato del lavoro". E dei diritti dei lavoratori ne hanno appunto fatto il più sconcio mercato che si poteva immaginare. Non si tratta quindi ormai di cercare correttivi o aggiustamenti ma di rimettere in piedi il sistema scioccamente capovolto: un capovolgimento che è la causa principale della altrimenti irrisolvibile crisi economica.

Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (668) euro (644) crisi (595) economia (471) sinistra (402) finanza (255) Movimento Popolare di Liberazione (237) sfascio politico (235) grecia (228) resistenza (217) elezioni (201) banche (191) internazionale (190) teoria politica (188) risveglio sociale (183) imperialismo (180) M5S (173) seconda repubblica (167) alternativa (165) Syriza (147) Tsipras (142) sovranità nazionale (141) Leonardo Mazzei (133) Matteo Renzi (119) Moreno Pasquinelli (112) antimperialismo (111) debito pubblico (102) marxismo (100) democrazia (98) sollevazione (97) PD (95) destra (93) Grillo (92) sovranità monetaria (92) berlusconismo (91) P101 (89) proletariato (88) costituzione (85) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) austerità (78) spagna (78) islam (75) Stati Uniti D'America (72) Mario Monti (71) Emiliano Brancaccio (69) neoliberismo (68) sindacato (67) filosofia (62) Germania (61) Libia (61) referendum costituzionale 2016 (60) bce (59) Francia (57) Stefano Fassina (57) capitalismo (57) guerra (57) Alberto Bagnai (56) Rivoluzione Democratica (56) capitalismo casinò (55) Movimento dei forconi (49) Podemos (49) rifondazione (48) socialismo (48) Alexis Tsipras (47) Medio oriente (47) fiat (47) Siria (46) bancocrazia (46) Nichi Vendola (45) populismo (44) renzismo (44) sinistra anti-nazionale (44) immigrazione (43) globalizzazione (42) inchiesta (42) referendum (42) Troika (41) Yanis Varoufakis (41) immigrati (41) solidarietà (41) astensionismo (39) campo antimperialista (39) geopolitica (39) piemme (39) Sergio Cesaratto (38) proteste operaie (38) sinistra sovranista (38) sovranità popolare (38) Lega Nord (36) brexit (36) moneta (36) Emmezeta (34) egitto (34) III. Forum internazionale no-euro (33) Pablo Iglesias (33) azione (33) liberismo (33) sionismo (33) uscita di sinistra dall'euro (33) Diego Fusaro (32) default (32) fiom (32) italicum (32) 9 dicembre (31) Russia (31) governo Renzi (31) palestina (31) programma 101 (31) unità anticapitalisa (31) Forum europeo 2016 (30) ISIS (30) Sel (30) cinque stelle (30) fiscal compact (30) Mario Draghi (29) Ucraina (29) legge elettorale (29) neofascismo (29) Israele (28) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Beppe Grillo (27) Fiorenzo Fraioli (27) menzogne di stato (27) Carlo Formenti (26) Merkel (26) Sicilia (26) Forum europeo (25) Lega (25) Matteo Salvini (25) xenofobia (25) Europa (24) immigrazione sostenibile (24) Luciano Barra Caracciolo (23) Manolo Monereo (23) ora-costituente (23) Karl Marx (22) silvio berlusconi (22) sovranismo (22) Chianciano Terme (21) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (21) Stato di diritto (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) islamofobia (21) Marcia della Dignità (20) Mimmo Porcaro (20) Quantitative easing (20) Simone Boemio (20) Ugo Boghetta (20) scuola (20) Giorgio Cremaschi (19) Nello de Bellis (19) Unità Popolare (19) finanziarizzazione (19) fronte popolare (19) Aldo Giannuli (18) Izquierda Unida (18) Tunisia (18) ecologia (18) iraq (18) repressione (18) Assisi (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Laikí Enótita (17) Lavoro (17) Mariano Ferro (17) Marine Le Pen (17) cina (17) etica (17) religione (17) uscita dall'euro (17) Costanzo Preve (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Nato (16) Regno Unito (16) keynes (16) pace (16) vendola (16) Donbass (15) International no euro forum (15) nazionalismi (15) razzismo (15) 15 ottobre (14) CLN (14) Donald Trump (14) Vincenzo Baldassarri (14) iran (14) nazione (14) obama (14) populismo di sinistra (14) storia (14) Luciano B. Caracciolo (13) MMT (13) Norberto Fragiacomo (13) Pier Carlo Padoan (13) Prc (13) acciaierie Terni (13) finanziaria (13) umbria (13) Chavez (12) Cremaschi (12) Ernesto Screpanti (12) Eurogruppo (12) Forum europeo 2015 (12) Front National (12) Jacques Sapir (12) Jobs act (12) Legge di stabilità (12) Marino Badiale (12) Negri (12) Roma (12) USA (12) coordinamento no-euro europeo (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Bersani (11) Enea Boria (11) Stato Islamico (11) Tonguessy (11) Turchia (11) Venezuela (11) Vladimiro Giacchè (11) complottismo (11) comunismo (11) decreto salva-banche (11) disoccupazione (11) emigrazione (11) salerno (11) Bagnai (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Gennaro Zezza (10) Hollande (10) Marco Mori (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Renzi (10) Terni (10) ambiente (10) cattiva scuola (10) corruzione (10) decrescita (10) golpe (10) iniziative (10) internazionalismo (10) keynesismo (10) presidenzialismo (10) salari (10) unione bancaria (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Art. 18 (9) Esm (9) Fmi (9) Luigi Di Maio (9) Monte dei Paschi (9) Perugia (9) Portogallo (9) Putin (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wilhelm Langthaler (9) analisi politica (9) antifascismo (9) bail-in (9) ballottaggi (9) cultura (9) euro-germania (9) eurostop (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) scienza (9) tasse (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Brancaccio (8) Bruno Amoroso (8) De Magistris (8) Diritti Sociali (8) Erdogan (8) Goracci (8) Ingroia (8) Mirafiori (8) Paolo Ferrero (8) Quirinale (8) Yanis Varoufakys (8) diritti civili (8) diritto (8) europeismo (8) grexit (8) internet (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) piano B (8) sciopero (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Argentina (7) Beppe De Santis (7) Bernie Sanders (7) CGIL (7) Daniela Di Marco (7) Def (7) Draghi (7) Enrico Grazzini (7) Forconi (7) ISIL (7) Ilva (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Salvini (7) Wolfgang Schaeuble (7) anarchismo (7) borsa (7) casa pound (7) catalogna (7) chiesa (7) de-globalizzazione (7) elezioni anticapte (7) eurocrack (7) incontri (7) indipendenza (7) lira (7) lotta di classe (7) nazismo (7) nuovo movimento politico (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) sinistra Italiana (7) taranto (7) Ars (6) Articolo 18 (6) Bottega partigiana (6) Costas Lapavitsas (6) D'alema (6) Eugenio Scalfari (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Gran Bretagna (6) Jean-Luc Mélenchon (6) M.AR.S. (6) Michele Berti (6) No Renzi Day (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Barnard (6) Paolo Savona (6) Pil italiano (6) Reddito di cittadinanza (6) Sapir (6) Stefano D'Andrea (6) Ttip (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) deficit (6) derivati (6) elezioni anticipate (6) incontro internazionale (6) magistratura (6) no tav (6) ordoliberismo (6) piattaforma eurostop (6) povertà (6) terremoto (6) utero in affitto (6) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Banca centrale europea (5) Campagna eurostop (5) Casaleggio (5) Contropiano (5) Dicotomia (5) Finlandia (5) Giancarlo D'Andrea (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Marco Passarella (5) Massimo Bontempelli (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Noi con Salvini (5) Papa Francesco (5) Parigi (5) Pcl (5) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (5) Sergio Mattarella (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato (5) Val di Susa (5) afghanistan (5) appello (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) classi sociali (5) cosmo-internazionalismo (5) cosmopolitismo (5) debitocrazia (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) fisco (5) inflazione (5) jihadismo (5) laicismo (5) liberosambismo (5) necrologi (5) no-Ttip (5) nuovo soggetto politico (5) pomigliano (5) privatizzazioni (5) questione nazionale (5) tremonti (5) ALBA (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Corte costituzionale (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Dino Greco (4) Federalismo (4) Forza Italia (4) Frente civico (4) George Soros (4) Giulio Regeni (4) HAMAS (4) Hilary Clinton (4) Imu (4) Julio Anguita (4) Kke (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Lenin (4) Luciano Gallino (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Marco Zanni (4) Morgan Stanley (4) Movimento 5 Stelle (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Pisapia (4) Polonia (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) Virginia Raggi (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) cuba (4) debitori (4) destra non euro (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) governo (4) il manifesto (4) irisbus (4) legge di stabilità 2017 (4) liberalismo (4) patrimoniale (4) patriottismo (4) pensioni (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) rifugiati politici (4) rivolta (4) salvinismo (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Alberto Negri (3) Alessandro Di Battista (3) Assad (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Danilo Calvani (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Mitropoulos (3) Domenico Moro (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Fausto Bertinotti (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Foligno (3) Francesco Salistrari (3) GIAPPONE (3) Genova (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jacques Nikonoff (3) Joseph Stiglitz (3) Karl Polany (3) L'Altra Europa con Tsipras (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Luciano Vasapollo (3) Maduro (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Militant-blog (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Mosul (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Npl (3) ONU (3) Panagiotis Sotiris (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Prodi (3) Rete dei Comunisti (3) Rodoflo Monacelli (3) Romano Prodi (3) Ruggero Arenella (3) Samuele Mazzolini (3) Sarkozy (3) Sharing Economy (3) Six Pack (3) Stato di Polizia (3) Trump (3) USB (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Vladimiro Giacché (3) Wolfgang Munchau (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) alleanze (3) bankitalia (3) bollettino medico (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione salariale (3) demografia (3) diritti di cittadinanza (3) diritto d'asilo politico (3) dollaro (3) fascismo (3) ideologia (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) manifestazione (3) massimo fini (3) maternità surrogata (3) migranti (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) partito (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risparmio (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) sindacalismo di base (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) trasporto pubblico (3) trattati europei (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Montero (2) Alfiero Grandi (2) Alitalia (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Rinaldi (2) Atlante (2) Aventino (2) Baath (2) Bahrain (2) Bandiera rossa in movimento (2) Bergoglio (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) CUB (2) Carc (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Chiavacci Alessandro (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Don Giancarlo Formenton (2) Edoardo Biancalana (2) F.List (2) Fabio Frati (2) Fausto Sorini (2) Fidesz (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratelli d'Italia (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Gianni Ferrara (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Goofynomics (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hegel (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Jens Weidmann (2) Jeremy Corbyn (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marcello Teti (2) Marchionne (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Nadia Garbellini (2) Olanda (2) Oriana Fallaci (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Preve (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Riccardo Achilli (2) Riccardo Bellofiore (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Salento (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) Target 2 (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Piketty (2) Tltro (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Visco (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) austria (2) blocco sociale (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) confindustria (2) deflazione (2) diritto di cittadinanza (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) donna (2) economia sociale di mercato (2) elezioni comunali 2015 (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) facebook (2) fecondazione eterologa (2) gennaro Migliore (2) giovani (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) il fatto quotidiano (2) indignatos (2) industria italiana (2) isu sanguinis (2) italia (2) ius soli (2) la variante populista (2) legge del valore (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) mattarellum (2) mediterraneo (2) mercantislismo (2) mezzogiorno (2) minijobs. Germania (2) nazionalismo (2) nazionalizzazione (2) no expo (2) occidente (2) oligarchia (2) olocausto (2) paolo vinti (2) parti de gauche (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) petrolio (2) poste (2) proteste agricoltori (2) protezionismo (2) razionalismo (2) riformismo (2) risorgimento (2) sanità. spending review (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) stagnazione secolare (2) statizzazione banche (2) stop or-me (2) takfir (2) tasso di cambio (2) tecnologie (2) terzo polo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) università (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) Africa (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alessandro Visalli (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anna Angelucci (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Arditi del Popolo (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Artini (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Fermenti (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Comitato antifascista russo-ucraiono (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Coordinamento Democrazia Costituzionale (1) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cuperlo (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) De Bortoli (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) EReNSEP (1) Eco della rete (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Eleonora Forenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Macron (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enzo Pennetta (1) Ernesto Galli Della Loggia (1) Ernesto Laclau (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferdinando Pastore (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Fidel Castro (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Flat tax (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Forum Ambrosetti (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Venturini (1) Fratoianni (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) Gentiloni (1) George Friedman (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giorgio Gattei (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giuli Sapelli (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Girardi (1) Giulio Sapelli (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Angiuli (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Hartz IV (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hezbollah (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Indesit (1) Inigo Errejón (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalergi (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Lelio Basso (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lidia Undiemi (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) MPL (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Elena Boschi (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marx (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimo D'Antoni (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Morya Longo (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Netanyahu (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palermo (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Pardem (1) Paremvasi (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Partito tedesco (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Pier Paolo Pasolini (1) Piero Calamandrei (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Risorgimento Socialista (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Scenari Economici (1) Schengen (1) Schumpeter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Sergio Starace (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Fazi (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Toni negri (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Trichet (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) Xi Jinping (1) Ytzhac Yoram (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al Serraj (1) al-Fatah (1) alawismo (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autogestione (1) automazione (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) casa (1) catastrofe italiana (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) curdi (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) dissesto idrogeologico (1) domenico gallo (1) donne (1) dracma (1) due euro (1) economist (1) egolatria (1) enav (1) enel (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fine del lavoro (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi sovrani (1) forza nuova (1) freelancing (1) frontiere (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) il pedante (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) independent contractor (1) indignados (1) individualismo (1) indulto (1) informatica (1) intervista (1) intimperialismo (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) lula (1) madre surrogata (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) moneta fiscale (1) nascite (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partiti (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) poste italiane (1) precarietà (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) questione femminile (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rublo (1) sanità (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) senso comune (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra anticapitalista (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) squatter (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) suicidi (1) suicidi economici (1) svimez (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teoloogia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trasporto aereo (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uber (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) volkswagen (1) wahabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)