venerdì 7 giugno 2019

11 TESI SUL SISTEMA DI MANIPOLAZIONE MEDIATICA di Alceste De Ambris


[ venerdì 7 giugno 2019 ]



La scomparsa del giornalismo in Italia




Un pregevole studio sul sistema mediatico del nostro collaboratore Alceste De Ambris.
Abbiamo preferito non spezzarlo in due parti affinché il lettore interessato non perda il filo del suo discorso.



Pensa a uomini chiusi in una specie di caverna sotterranea, che abbia l'ingresso aperto alla luce per tutta la lunghezza dell'antro; essi vi stanno fin da bambini incatenati alle gambe e al collo, così da restare immobili e guardare solo in avanti, non potendo ruotare il capo per via della catena. Dietro di loro, alta e lontana, brilla la luce di un fuoco, e tra il fuoco e i prigionieri corre una strada in salita, lungo la quale immagina che sia stato costruito un muricciolo, come i paraventi sopra i quali i burattinai, celati al pubblico, mettono in scena i loro spettacoli” 
(Platone, Repubblica, VII)


I - C'ERA UNA VOLTA


Un altro lutto funesta il nostro Paese, dopo che altre tipiche istituzioni di un certo modello sociale (l’economia mista, i diritti dei lavoratori, la democrazia sostanziale...) erano venute meno. Tutto si tiene.
L’arresto di Julian Assange, colpevole di aver svelato i segreti del Potere (ossia di aver svolto il compito di ogni giornalista coraggioso), accolto dall’indifferenza o addirittura dal consenso dell’intera stampa, segna simbolicamente la morte in Italia del giornalismo come professione.


È difficile stabilire esattamente la data del decesso. La televisione non è mai stata libera, e di radio libere ne sono sopravvissute poche. Il nostro requiem è dedicato alla carta stampata. In Italia l’impressione è che fino agli anni Novanta vigeva ancora una certo pluralismo di stampa, (quasi) tutte le posizioni erano rappresentate. Un cittadino volenteroso, recandosi in edicola ed acquistando tutti i giornali, poteva farsi un'idea dei fatti accaduti nel mondo, e soprattutto delle diverse interpretazioni. Poi l’omologazione si è imposta progressivamente, come se fosse entrata in vigore una legge censoria “occulta”; fino ad arrivare alla situazione attuale in cui tutti i quotidiani (sopravvissuti alla crisi), sia nazionali che locali, sono allineati sull’orientamento generale, che potremmo definire “conservatore” (nel senso di conservazione dello status quo e dei rapporti di forza economica).
Per fare un imbarazzante confronto, immaginiamo di tornare indietro all’inizio del secolo scorso; in circolazione troveremmo pubblicazioni di tutti gli orientamenti: monarchici, repubblicani, liberali, democratici, cattolici, anticlericali, nazionalisti, socialisti riformisti e rivoluzionari, anarchici ecc.


II - DEL PENSIERO UNICO


Secondo la concezione liberale, la libertà di stampa e di espressione garantisce il pluralismo delle idee all’interno della società; una stampa indipendente fornisce un’informazione diversificata e quindi completa; inoltre la necessità di conservare il prestigio e l’etica professionale spingono i giornalisti a fornire notizie oggettive e verificate.  Così si stimola un dibattito pubblico sulle idee e i cittadini, correttamente informati, possono votare in maniera consapevole. Inoltre l’opinione pubblica ha la possibilità di controllare l’operato del governo. Tutto ciò, evidentemente, è strettamente connesso con l’essenza della democrazia.

Rispetto a tale modello ideale, ora ci troviamo agli antipodi. I mezzi di comunicazione di massa veicolano messaggi uniformi, circola un’unica narrazione, il cd. Pensiero unico o mainstream. Una situazione paragonabile alla propaganda dei regimi totalitari, con la differenza che ora viene subita in modo inconsapevole, e quindi più efficace. I metodi coercitivi del passato, basati sulla censura, dipendevano dall’arbitrio di governi e polizie, invece il Sistema attuale funziona in modo automatico, e quindi più capillare, mediante una serie di filtri sulle persone e sui contenuti: la voce dei Padroni ha accesso ai grandi media, mentre alle voci dissonanti viene “tolto il microfono”.

Tra i mille esempi, pensiamo a come è stata raccontata la cd. grande Recessione del 2007: evitando di indagare le cause strutturali della crisi (il capitalismo finanziario) e i veri responsabili, all’unanimità i media hanno colpevolizzato le vittime (i Piigs), additato come modello chi costituiva parte del problema (la Germania con il suo mercantilismo) e suggerito ricette economiche (austerità di bilancio, diminuzione dei salari) che avrebbero aggravato la situazione, censurando le soluzioni alternative (l’abbandono del cambio fisso, la separazione bancaria ecc.).

Come è possibile dunque, se i mezzi di informazione sono tanti, che dicano tutti “la stessa cosa”, forniscano le stesse notizie nello stesso modo, diffondano la medesima visione del mondo, così smaccatamente faziosa e limitata?
Storicamente l’espansione della libertà di stampa va di pari passo i progressi civili e la partecipazione del popolo alla vita politica. Com’è avvenuto che la stampa, che dovrebbe svolgere il ruolo di cane da guardia della democrazia contro il potere, sia divenuta il cane da guardia (o da compagnia, se si preferisce) del Potere contro la democrazia?

Alcuni elementi, sommati tra loro, aiutano a capirlo. Non sono concetti nuovi né originali (anzi sono stati indagati fin dall’inizio secolo scorso); ma curiosamente vengono di solito ignorati nei discorsi retorici sulla libertà di informazione.
Ogni argomento trattato richiederebbe un libro a sé: qui cercherò solo di fornire un quadro generale, il più completo possibile, procedendo per accenni.

Prima una precisazione. Quando parlo di media, mi riferisco a quelli tradizionali: televisione, radio, stampa quotidiana e periodica. Per quanto riguarda internet, il discorso è diverso. La rete telematica è ancora un ambito di libertà espressiva (invero utilizzata anche per futili o pessimi scopi) e non si sa per quanto lo rimarrà... Essa ospita una vivace presenza di siti di contro-informazione e blog di opinione, che costituiscono una valida alternativa al conformismo e autoreferenzialità delle testate ufficiali. I costi irrisori di apertura di questi spazi (rispetto ad es. al mantenimento di una redazione) consentono a chiunque di dar vita a una sorta di giornalismo fai-da-te, di tipo artigianale. L’attività si affida all’intraprendenza e buona volontà di attivisti e intellettuali indipendenti, ma non ha sufficienti risorse economiche (ad es. per fare inchieste, inviare in giro corrispondenti ecc.) né costituisce un mestiere, anche perché in rete prevale la logica della consultazione gratuita. A parte casi specifici, manca la visibilità sufficiente per fare concorrenza ai media tradizionali (che peraltro hanno una propria versione online). Un messaggio televisivo, radio, persino una pagina di giornale possono casualmente essere intercettati da chiunque; invece la rete tende ad aggregare gli utenti per comunanza di idee e interessi, sicché certi spazi telematici sono frequentati solo da chi ha già certe opinioni, restando ignoti ai più. Nonostante l’ottimismo di alcuni sulle potenzialità della rete di diffusione delle conoscenze, prevedo che nemmeno in futuro essa potrà assumere il ruolo svolto storicamente dalla carta stampata.



III - L'AGO IPODERMICO



Nella società moderna il potere dei mezzi di comunicazione di massa è immenso, perché svolgono la funzione appunto di “mediatori” tra ciò che accade in luoghi e ambienti lontani e il pubblico che ne viene a conoscenza. La maggior parte delle nostre esperienze sul mondo non sono di prima mano, ma indirette. I media dunque costruiscono una visione del mondo, soprattutto degli avvenimenti presenti, ma in una certa misura anche del passato (riscrittura della storia), e non solo riguardo ai fatti, ma anche riguardo ai valori (orientamento etico).

Non è nuova la constatazione che i media condizionano l’opinione pubblica. Indeboliti i legami sociali tradizionali (la comunità, la famiglia allargata ecc.), nella società di massa molti individui vivono psicologicamente isolati e privi di riferimenti. Già all’inizio del secolo scorso studiosi americani (Lippmann, Lasswell) avevano compreso che, in tali condizioni, le persone sono facilmente influenzabili e indifese di fronte all’azione dei media: i messaggi e gli stereotipi creati dai mezzi di comunicazione penetrano agevolmente all’interno delle menti, si diceva, come un ago ipodermico.


Naturalmente le persone ricevono influenze anche da altri canali, tipicamente la famiglia, gli amici e la scuola. Ma i media esercitano un influsso più’ universale (es. ogni famiglia ha le proprie consuetudini, ma il messaggio dei media è uguale per tutti) e più persistente (es. la scuola ha un termine). La televisione in particolare svolge sui giovani un ruolo di contro-educazione, nel senso che promuove valori consumismi e individualisti, sostanzialmente opposti rispetti a quelli che dovrebbe perseguire l’istituzione scolastica (cultura, impegno, autonomia di giudizio, rispetto per l’altro ecc.).


IV - AUDIENCE, PROFITTO E VERITÀ


Il fatto, apparentemente strano, che i messaggi dei media siano univoci, nonostante la pluralità degli emittenti, si spiega con una serie di ragioni, che vanno indagate: in parte tecniche (il contesto e la forma del messaggio influenzano il contenuto), in parte economiche (tutti devono stare sul mercato e vendersi a un pubblico), in parte ideologiche, ossia con l’intenzione cosciente di trasmettere certi messaggi anziché altri.

La maggior parte dei media sono imprese private (un discorso in parte diverso vale per i media pubblici, meno vincolati al successo commerciale ma più soggetti a sollecitazioni politiche). In quanto società commerciali, naturalmente hanno come scopo fondamentale il profitto economico. La missione che si pongono dunque, nel diffondere le notizie, non è di dire la “verità” o di diffondere saperi (finalità che potrebbe proporsi solo un ente senza scopo di lucro), ma appunto di guadagnare il più possibile.

Conta conquistare il pubblico e fare audience; le notizie equivalgono a merci da vendere. Si otterrà tale risultato cercando di attrarre lettori e spettatori con tecniche in grado di incuriosire ed emozionare, sia dando una tono spettacolare a tutte notizie, sia scegliendo quelle notizie che per le implicazioni emotive meglio si prestano a questo fine. E
riducendo le spese non indispensabili, ad es. per le inchieste. Perché se non lo fa un mezzo di informazione, lo farà un suo concorrente, sottraendogli risorse pubblicitarie: come spesso accade, la concorrenza significa abbassamento della qualità. Difficilmente quindi verranno svolti gli approfondimenti necessari a comprendere veramente il significato degli eventi; assisteremo invece a profluvi di cronaca nera e cronaca rosa (sangue e sesso insomma), sport, catastrofismi, notizie dubbie ma accattivanti, scandali e polemiche su questioni irrilevanti. I media preferiranno assecondare i pregiudizi della folla, anziché divulgare verità impopolari.

La propensione al sensazionalismo genera alcuni effetti collaterali. Alimenta una cultura dell’allarmismo e della paura, che sfibra i legami sociali, inducendo a sopravvalutare certi rischi (es. la microcriminalità), e silenziando invece i gravi problemi quotidiani (es. il disagio abitativo) che non fanno notizia.
In secondo luogo, chi ha capito come “bucare” lo schermo, sa che i media, quando stigmatizzano certe dichiarazioni (es. di stampo razzista) o criticano certi personaggi, in realtà, consapevolmente o meno, gli danno spazio, notorietà e in fondo legittimità.


V - IL MONOPOLIO ANGLOSASSONE


Procediamo oltre con l’analisi delle cause. Marx rilevava che “le idee della classe dominante sono in ogni epoca le idee dominanti”, in quanto “la classe che dispone dei mezzi della produzione materiale dispone con ciò, in pari tempo, dei mezzi della produzione intellettuale”.  (Marx peraltro fu redattore-capo di un importante giornale tedesco, nonostante le sue idee radicali - situazione oggigiorno inimmaginabile). Insomma, chi paga l’orchestra decide la musica. La mancanza di indipendenza economica determina la mancanza di indipendenza ideologica.

Editori e proprietari di reti televisive sono individui e gruppi notevolmente facoltosi, che fanno parte di una classe sociale specifica, nazionale o sovranazionale: promuoveranno dunque la diffusione di messaggi favorevoli agli interessi di quel ceto privilegiato, presentandoli come fossero interessi collettivi. Ne consegue che la linea editoriale, al di là delle differenze ideologiche, ormai minime, non si potrà discostare dai capisaldi dello status quo (fondamentalmente: capitalismo finanziario, liberismo europeista e imperialismo atlantista). 

Il sistema dell’informazione è fortemente concentrato: poche grandi testate e reti televisive dominano il mercato internazionale e quelli nazionali. Si tratta in sostanza di oligopoli, con fortissime barriere all’ingresso, dovute alla necessità di ingenti investimenti e alla presenza di posizioni dominanti. Le economie di scala consentono infatti di ridurre i costi. Spesso le proprietà sono multiple e intrecciate: veri e propri magnati dell’informazione e conglomerati multinazionali (Bertelsmann, Murdoch...) detengono una pluralità di media di tipo diverso (editoria, radiotelevisione, audiovisivi ecc.).
I principali canali informativi americani trasmettono all’estero edizioni nelle lingue locali, laddove Paesi anche grandi (es. Cina o India) hanno un’influenza all’estero minima. A livello geopolitico sussiste una sorta di monopolio anglosassone, o comunque una asimmetria tra Paesi che “producono” informazioni e Paesi che le subiscono.


Oltre alla proprietà, vi sono altri interessi costituiti a cui i media sono inestricabilmente vincolati. Nella misura (che può essere considerevole) in cui i media si finanziano con la pubblicità, le preferenze degli inserzionisti modificano la linea editoriale (ad es. privilegiando la prospettiva degli imprenditori su quella dei lavoratori). Spesso banche e istituti finanziari vantano crediti nei confronti delle società dell’informazione, o ne detengono pacchetti azionari, il che non resta certo senza effetto. Vi è la dipendenza dalle istituzioni, che garantiscono ai media il flusso costante e gratuito di informazioni di cui hanno bisogno. Infine vi sono Stati stranieri che svolgono un’azione di lobby ad alto livello per tutelare la propria immagine e interessi sui nostri media (pensiamo agli Usa ma anche ad Israele).
L’insieme di tutti questi legami concentrerà l’attenzione dei media su certi fatti e punti di vista, lasciandone in ombra altri, affinché l’opinione pubblica sia mobilitata a sostenere i progetti e gli interessi dei gruppi di potere che dominano la società e lo Stato.


A livello personale, i giornalisti più accreditati fanno parte di un’Élite che, sia per interesse alla carriera sia per identificazione psicologica, difficilmente saranno portati a mettere sotto accusa. I cronisti di più basso livello, per ottenere l’approvazione di superiori e colleghi, si adeguano.
Il sistema vive dunque di dogmi e di tabù, di favoritismi e di autocensura, soprattutto sugli argomenti sensibili (economia e politica estera, essenzialmente), per i quali l’obbiettivo sembra essere non di far conoscere ai cittadini i termini delle questioni affinché orientino le decisioni politiche in merito, ma al contrario scongiurare questo pericolo lasciandoli nell'ignoranza.

L’influenza dei mezzi di comunicazione di massa sulla vita politica è enorme, e duplice: ex-ante i media "selezionano" i candidati e i partiti (nessuno dei quali ha la possibilità di farsi conoscere e rimanere in auge se non è di loro gradimento); ex-post indirizzano le scelte dei governi tramite apposite campagne. Nulla di male se i media esprimessero la varietà del panorama politico, ma in realtà, come si è detto, agiscono all’unisono nel legittimare solo alcune forze politiche, condannando all’oblio i dissidenti.
L’esito tipico di questo processo è una falsa contrapposizione tra due partiti, identici nelle scelte di fondo, che si differenziano per elementi secondari (es. i diritti civili). Nella politica-teatrino l’immagine di un politico conta più dei programmi, e ciò favorisce l’emergere di politici -“attori”, brillanti e telegenici, ma vuoti di contenuti (e con personalità narcisistiche).


VI - TEMPO REALE E GUERRA IBRIDA



Le necessità e scadenze temporali in cui operano i giornalisti spiegano certe dinamiche. I media devono pubblicare le informazioni velocemente, sotto l’assillo della concorrenza, alla ricerca spasmodica di scoop, con il terrore di prendere un “buco” (omettere notizie date da altri). Tendono dunque a copiarsi l’un l’altro, a muoversi all'unisono (effetto gregge). Telegiornali e quotidiani hanno sempre la stessa durata e lunghezza, benché in certi giorni accadano molti eventi rilevanti e in altri quasi nulla: la notizia, anche se non c’è, va trovata. Ne approfittano gli uffici stampa, gli spin doctors e i manipolatori anonimi, al servizio di poteri pubblici e privati, i quali organizzano eventi mediatici e diffondono notizie “preconfezionate” (e quindi di parte). I giornalisti risparmiano il tempo e la fatica necessari per cercare le notizie, confrontare le fonti, studiare gli argomenti, ma così cadono in tutti tranelli della disinformazione.



O, se vogliamo essere meno ingenui, diremo che i media sono complici (o addirittura attori) in certi processi. Tutti possono commettere errori, se però questi errori sono sempre a senso unico, viene il dubbio che siano dolosi. Non si spiega altrimenti come essi siano compiacenti con certi governi in carica, ma ostili ad altri (ad es. Trump o i partiti sovranisti in Europa), come supportino certi tipi di proteste di piazza, ma ne criminalizzino altre (es. i no-Tav). Come essi edifichino la carriera di certi personaggi politici, apparentemente sorti dal nulla, o la distruggano, facendo semplicemente scomparire la sua immagine dai palinsesti. Evidentemente i Poteri a cui rispondono sono più profondi di quello del governo del momento.

La diffusione di canali “all news”, che trasmettono informazioni 24 ore su 24, acuisce tali problemi: la necessità di trovare immagini da mostrare, l’impellenza di dare le notizie in diretta, senza il tempo di controllare e approfondire, la continua ripetizione a tutte le ore... ne fanno una perfetta macchina di propaganda.

La polemica contro le cd. “fake news” che proliferano in rete (dove certamente circolano, ma con scarsa diffusione) nasconde il fatto che la maggior parte delle bufale vengono diffuse proprio dai media ufficiali. Nel mondo dell’informazione conta il breve periodo: la notizia falsa, dopo qualche mese o anno, verrà smascherata da chi indaga l’argomento; ma ormai è tardi, perché nel frattempo avrà svolto il compito per cui era stata creata.
Così nel corso degli anni i media ci hanno fatto credere che Saddam possedeva armi di distruzione di massa (poi mai trovate), che i Serbi erano gli unici colpevoli della guerra nella ex-Jugoslavia (omettendo di parlare delle pulizie etniche subite dai Serbi in Croazia e Kossovo), che Assad stava reprimendo ribelli “moderati” (in realtà mercenari jihadisti finanziati da Stati fondamentalisti), che in Ucraina era in corso una rivoluzione democratica (anziché un colpo di stato organizzato dalla Nato e da movimenti neo-nazisti), che occorreva difendere i diritti umani in Libia (gettando nell’anarchia il Paese più ricco dell’Africa), che la carenza di generi di prima necessità in Venezuela dipende dall’incapacità di Maduro (anziché dall’embargo e dalla guerra economica portata avanti dagli Usa)…

Qui va introdotto il concetto di “guerra ibrida”, quale forma moderna di conflitto finalizzato ad annichilire il nemico non sul piano militare, ma con una serie di aggressioni su molteplici piani: economico, finanziario, energetico, informatico, diplomatico... e appunto mediatico. Gli organi di informazione vengono quindi utilizzati per condurre campagne che orientino l’opinione pubblica contro un certo capo politico che si vuole rimuovere o contro un Paese che si vuole sottomettere. Questo tipo di campagne propagandistiche sono facilmente riconoscibili, perché faziose martellanti e coordinate.


VII - LA SORGENTE E LA CASCATA


A livello pratico, come accade che tutti i media riportino la stessa notizia, anche se irrilevante o fasulla? L’universo dell’informazione è strutturato come una piramide: al vertice del Quarto potere vi sono le agenzie di stampa internazionali (Reuters, Associated press, United press, France presse), poi i grandi giornali americani, poi la stampa nazionale e infine locale. Analogamente per la televisione, al vertice vi sono i canali internazionali e le grandi reti americane (Cbs, Cnn, Fox, Abc, Nbc), poi quelle nazionali, e alla base le piccole tv. Controllando (o anche “inquinando”) la sorgente, a cascata il flusso dell’informazione risulterà omogeneo ovunque, fino agli ultimi rivoli.


La disinformazione si realizza sia tramite la selezione, sia tramite la presentazione delle notizie.
La selezione attualmente è senz’altro il procedimento principale: con l’alluvione di informazioni che proviene dalle agenzie di stampa e istituzioni del mondo intero, filtrare alcuni avvenimenti tra tutti è operazione di nessuna neutralità. I media assumono il ruolo di “gatekeeper” (guardiani). Il fatto che, nonostante la pluralità di fonti, sui media italiani circolino ossessivamente sempre le stesse notizie, dalle stesse fonti, sugli stessi argomenti - un perimetro di pensiero che cogli anni si fa sempre più ristretto e soffocante -... non può essere casuale.

L’azione di filtro ha lo scopo di fissare l’agenda, l’ordine del giorno: ossia i media non necessariamente impongono al pubblico cosa pensare, quale opinione avere su un tema, ma semmai determinano “su cosa” pensare, di quali temi discutere. È emblematico che, durante la peggiore crisi economica della storia del Paese, anziché discutere di povertà, disoccupazione, privatizzazione dei servizi pubblici o magari della natura liberista dell’Unione europea o dei crimini della Nato, abbiamo osservato i telegiornali dedicare la maggior parte dei servizi agli sbarchi dei migranti, ai femminicidi, ai cambiamenti climatici, alla riforme elettorali, a questo o quel caso di corruzione ecc. o abbiamo assistito a talk-show in cui gli ospiti si accapigliavano su temi come la legittima difesa, i campi Rom, il pericolo islamico, i matrimoni gay ecc. D’altra parte, nei precedenti quindici anni l’argomento principale erano i guai giudiziari di Berlusconi... Questioni del tutto marginali che lasciavano fuori dai riflettori i problemi fondamentali. Il pubblico si schiera a favore o contro una certa tesi, e ciò che conta resterà immutato. Armi di distrazione di massa, si è detto.
In questi dibattiti surreali, si nota una certa tendenza verso l’impoverimento intellettuale e l’imbarbarimento morale: Chomsky parlava di infantilizzazione del pubblico come strumento di manipolazione.


L’agenda dei media non sembra scelta a caso né con criteri puramente commerciali... non sfugge l’impressione che segua norme non scritte (dettate da chissà chi), ad es. il tabù su ogni tema che possa infastidire l’Oligarchia finanziaria, o la tendenza ad aizzare guerre tra poveri, secondo il ben noto principio del capro espiatorio.

Per quanto riguarda la presentazione manipolatoria delle notizie, vi sono tecniche molteplici e note agli studiosi di psicologia sociale: ripetere più volte ipotesi dubbie per renderle credibili, mostrare immagini allusive, usare espressioni tendenziose, riportare scorrettamente le statistiche, pubblicare sondaggi pilotati, decontestualizzare i fatti, impostare un dibattito entro una cornice prestabilita ecc.
La regola aurea del tenere separati i fatti dalle opinioni è facilmente aggirabile: basta riferire come fatti le opinioni di alcuni (e non di altri).
Un trucco ricorrente è la tecnica cd. della “terza parte”: ossia dare la parola a enti all’apparenza indipendenti o esperti che si suppongono neutrali, ma in realtà legati direttamente o indirettamente a certi interessi. È noto che gli articoli di fondo dei giornali sono monopolizzati dagli stessi opinionisti, spesso privi di particolari competenze nell’ambito di cui si occupano: vengono scelti e pagati appunto per dire ciò che dicono, e verrebbero immediatamente estromessi se esprimessero opinioni diverse.


VIII - MODELLO HOLLYWOOD


Il sistema dei media è costituito da tre elementi: informazione, intrattenimento/divertimento e pubblicità. Ciascun componente dà il proprio contributo nell’offrire al pubblico la medesima narrazione, la giustificazione dell’esistente come migliore dei mondi possibili. La pubblicità, per definizione, è sempre suggestiva e interessata. Per quanto riguarda l’intrattenimento, sono venuti meno i confini netti tra esso e l’informazione, nel senso che l’informazione tende a divenire sempre più una rappresentazione spettacolare priva di contenuti seri (cd. info-tainment).


Anche nel settore dell’intrattenimento puro valgono certe caratteristiche di cui si è detto, in particolare la concentrazione. Hollywood ha il quasi-monopolio del cinema destinato al grande pubblico occidentale, soprattutto quello ad alto budget. Si pensi che la Motion Picture Association, composta da soli 6 studi cinematografici, produce la maggior parte delle pellicole e controlla i canali distributivi. Il risultato è che i film americani (tranne i pochi indipendenti) sono fortemente omogenei negli stereotipi proposti, nei tabù rispettati, nell’ideologie di sottofondo, e a volte persino nei contenuti propagandistici (come quelli che esaltano il ruolo della Cia o dell’esercito americano nel mondo).
Per quanto riguarda i programmi televisivi di pura evasione, senza pretese, non c’è molto da dire. Quando scadono sotto un certo livello, solitamente si difendono dicendo che è ciò che vuole la gente… ma i gusti del pubblico sono appunto forgiati dai media.

La cultura di massa è destinata alle masse, ma non nasce da esse spontaneamente, non è una specie di arte popolare. La scuola filosofica di Francoforte usava l’espressione “industria culturale” proprio per significare che si tratta di un’attività economica come tutte le altre, esercitata da chi ha i mezzi per farlo, i cui prodotti vengono programmati, costruiti e venduti secondo logiche commerciali.

 IX - LIBERTÀ DI CHE?


Tutti i media influenzano il pubblico, ma il mezzo televisivo è senz’altro il più potente. L’uso di immagini consente sia un effetto suggestivo immediato sulla psiche, sia una diffusione presso tutte le classi sociali e il grande pubblico. La vista è il senso più facile da ingannare. Sartori addirittura identificava l’avvento della televisione con una involuzione antropologica, che avrebbe generato l’ “homo videns”: una umanità soggetta alle immagini anziché alle parole, e quindi sminuita nel pensiero astratto e nella capacità di giudizio.

La stampa sta invece vivendo una grave crisi economica. I quotidiani perdono lettori (le versioni online non compensano il crollo delle edizioni cartacee) e raccolta pubblicitaria. Avendo meno risorse, i giornali cercano fonti di finanziamento alternative rispetto alle vendite, il che ne mina l’autonomia. I giornalisti, ridotti di numero, spesso mal pagati e precari, pur di ottenere e conservare il lavoro, accettano di scrivere pezzi poco approfonditi, “copia e incolla”, dai contenuti strettamente conformi alla linea editoriale; non vi sono più risorse per fare inchieste. Così la qualità degli articoli si abbassa. Di conseguenza il pubblico si disaffeziona ai giornali, la categoria perde autorevolezza e credibilità, e le tirature calano ulteriormente. Quindi le risorse diminuiscono è così via. È un circolo vizioso da cui è difficile uscire. In tali condizioni di alto rischio d’impresa e scarse prospettive di guadagno, i giornali che sopravvivono lo fanno per attuare scopi diversi (e occulti) dal profitto economico.

Il panorama italiano è caratterizzato dalla mancanza di editori puri: prevalgono gli imprenditori interessati alla stampa solo per meglio concludere affari di altro tipo. I giornali cumulano perdite e debiti, ma evidentemente assicurano ai proprietari benefici indiretti di altro tipo.
D'altra parte, come si è detto, nemmeno gli editori puri garantiscono imparzialità e buona fede. In effetti non sembra che la stampa estera occidentale goda di miglior salute: ad. es. leggendo le raccolte di articoli della rivista Internazionale, il perimetro del “giornalisticamente corretto” sembra più o meno lo stesso di Repubblica…

“Reporter senza frontiere” compila ogni anno un indice mondiale della libertà di stampa, che però è fuorviante. A parte i dubbi sull’origine dei suoi finanzianti e sulla scientificità dei criteri di valutazione... il problema è che tale Ong intende il diritto all’informazione come mera libertà negativa, equivalente alla libertà di espressione, come assenza di coercizione esercitata dallo Stato, e non come libertà dei cittadini di essere informati, che presuppone pluralismo e obiettività dei media. Il risultato è una discutibilissima classifica, che assomiglia semmai al grado di influenza della Nato e del pensiero mainstream nel mondo…


X - LA SOCIETÀ DELLO SPETTACOLO


Gli intellettuali avrebbero in teoria gli strumenti culturali per riconoscere le manipolazioni; tuttavia, a causa sia della specializzazione (per cui sanno poco di ciò che sta fuori del proprio settore) sia di certi pregiudizi legati al politicamente corretto e al mito del progresso (ciò che è nuovo è meglio di ciò che è vecchio, o comunque è inevitabile), spesso si dimostrano ancora più ingenui e ottusi dell’uomo medio.

Peraltro alcuni lucidi pensatori del secolo scorso avevano previsto con anticipo questi esiti.
Debord aveva coniato l’espressione “società dello spettacolo”, individuando appunto in tale attività la caratteristica fondamentale della civiltà contemporanea, la sua principale produzione e ciò che ne assicura la sopravvivenza. Lo spettacolo, che presuppone spettatori passivi e ammaliati, prende il posto del dialogo e della discussione sulle scelte pubbliche.
Baudrillard aveva intuito che viviamo ormai in un mondo di “simulacri”, immagini a cui non corrisponde un originale nella realtà: la realtà è stata “uccisa” dalla sua rappresentazione mediatica.
Le contraddizioni tra le potenzialità del progresso tecnologico e la desolazione delle vite quotidiane, tra le ricchezze disponibili e il fatto che siano concentrate entro una cerchia sempre più ristretta di persone, tra gli ideali che l’Occidente proclama e il loro tradimento continuo, tali contraddizioni sono divenute talmente esorbitanti che per occultarle occorre un’azione ininterrotta e onnipervasiva di mistificazione e illusione collettiva, senza il quale il Sistema collasserebbe.


XI - SOVRANITÀ MEDIATICA


Traiamo, da quanto esposto, delle conclusioni pratiche. La soluzione per il futuro (quando si riproporranno le condizioni per progettare una società a misura d’uomo) è molto semplice: abbandonare l’illusione di un’indipendenza dei media che si stabilisce da se’, se lasciati agire senza interferenze. La mano invisibile, anche in questo campo, è un mito deleterio. Persino un liberale come Popper riteneva necessario controllare la televisione (tanto da proporre l’obbligo per gli operatori di un’apposita patente).
Occorre puntare invece all’obbiettivo del controllo democratico sui media, in un’ottica di servizio pubblico (che non implica la proprietà statale, ma nemmeno la esclude). La riconquista della sovranità economica e politica di un Paese passa necessariamente per la riconquista della sovranità mediatica.

Occorre sbarazzarsi inoltre dell’illusione che l’informazione libera e di qualità possa essere gratuita (o quasi). Qualcuno che paga c’è sempre, e sarà lui a decidere cosa pubblicare. È necessario che ciascuno, se può, sovvenzioni i media che si distinguono per indipendenza e approfondimento delle notizie, anziché omologarsi su velocità e sensazionalismo. Per il resto occorre reintrodurre la questione dei finanziamenti pubblici ai giornali, se realmente indipendenti da altri poteri.

A livello personale, di formazione umana, suggerisco un cambio di approccio nei confronti dei mezzi di informazione. Attualmente i contenuti dei media sono come i sogni per gli psicanalisti: ci dicono poco sulla realtà esterna, ma ci suggeriscono molto sulla psicologia di chi li produce. Rappresentano uno strumento privilegiato per conoscere i desideri, i timori e i progetti di quel Potere, che solitamente preferisce restare invisibile.

Più in generale, il cittadino medio si illude di poter comprendere il mondo aggiornandosi quotidianamente per conoscere i fatti accaduti. Ma il presente acquista senso se messo in relazione col passato, e la mancanza della dimensione storica è uno dei limiti dell’informazione di attualità. L’importante non è ciò che accade una volta, ma ciò che accade sempre (le strutture economiche, i rapporti geopolitici ecc.), che per definizione non fa notizia.

Alceste De Ambris - maggio 2019


Sostieni SOLLEVAZIONE e Programma 101


Print Friendly and PDF

1 commenti:

  • Anonimo scrive:
    8 giugno 2019 10:58

    Una proposta ai 100 mila e più lettori di sollevazione e ai tanti commentatori.
    Sollevazione e P101 dicono da tempo di sostenere in maniera critica questo governo e a ragione, perché piaccia o non piaccia, per quanto con tantissimi limiti, ha invertito la tendenza austeritaria degli ultimi anni che è ciò che gli italiani vogliono; dicono anche di voler stare nel campo populista e di volerne costituire la terza gamba e hanno ben individuato nell’Unione europea e nell’euro il nemico principale.
    Vedo più di 100 mila lettori di questo blog, vedo tantissimi commentatori, assieme siamo una forza.
    A europee svoltesi, i rapporti di forza dentro il governo si sono invertiti, l’Europa sta mandando un attacco frontale e il rischio che il governo capitoli, esiste.
    Chiedo a tutti i lettori di sollevazione e ai commentatori che sentono l’urgenza del momento, di uscire fuori dal blog, di incontrarci in assemblea e trovare il modo di incalzare questo governo sul serio.
    Contiamoci.
    Effettivamente stando ai numeri di lettori, non siamo 4 gatti.
    Se tutti facessimo una donazione di 10€, entro un mese potremmo chiedere a sollevazione di affittare una sala a Roma, conoscerci de visu e avviare un percorso condiviso per la nascita di un soggetto politico all’altezza della situazione nuova creatasi, un soggetto che sia l’espressione di quella che sollevazione e P101 chiamano “sinistra patriottica”, che proprio nei tantissimi rivoli dell’attuale sinistra, non verrà mai fuori.
    Organizziamoci noi!
    E’ una proposta assurda, o ce lo chiede il momento importantissimo verso cui stiamo andando incontro?
    Il Paese che ha fatto la Resistenza vuole arrendersi senza combattere? Continuando a fare il lettore passivo o il commentatore seriale virtuale?
    Lettori di Sollevazione, uniamoci.
    Se siete d’accordo, commentate e proponete.

LA PAGINA FACEBOOK DEL MOVIMENTO POPOLARE DI LIBERAZIONE - P101

LA PAGINA FACEBOOK DI SOLLEVAZIONE

Lettori fissi di SOLLEVAZIONE

Temi

Unione europea (929) euro (776) crisi (640) economia (621) sinistra (539) teoria politica (288) finanza (285) M5S (269) Leonardo Mazzei (267) grecia (247) Movimento Popolare di Liberazione (244) P101 (244) Governo giallo-verde (242) elezioni (235) sfascio politico (235) resistenza (225) imperialismo (220) sovranità nazionale (218) Moreno Pasquinelli (215) banche (214) internazionale (209) risveglio sociale (184) alternativa (168) seconda repubblica (167) Syriza (155) Tsipras (146) piemme (135) debito pubblico (132) Matteo Renzi (131) programma 101 (127) antimperialismo (123) spagna (118) marxismo (117) filosofia (115) immigrazione (115) Francia (111) PD (111) sovranità monetaria (111) democrazia (108) destra (107) costituzione (106) populismo (104) neoliberismo (102) sollevazione (101) Stefano Fassina (97) Grillo (94) elezioni 2018 (94) Matteo Salvini (92) berlusconismo (91) proletariato (91) islam (88) Germania (85) Carlo Formenti (84) geopolitica (83) Emiliano Brancaccio (82) Sandokan (82) Alberto Bagnai (81) austerità (80) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) bce (78) Stati Uniti D'America (75) sindacato (75) Podemos (74) referendum costituzionale 2016 (74) sinistra anti-nazionale (73) Mario Monti (72) capitalismo (70) guerra (68) Libia (65) Medio oriente (64) capitalismo casinò (63) Sergio Cesaratto (62) Rivoluzione Democratica (61) rifondazione (61) globalizzazione (60) CLN (59) Russia (59) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (57) bancocrazia (57) immigrati (57) Lega (56) Sicilia (56) Siria (56) Alexis Tsipras (55) sovranismo (54) Legge di Bilancio (53) cinque stelle (53) Lega Nord (52) Pablo Iglesias (52) referendum (52) socialismo (52) Alitalia (51) sovranità popolare (51) Diego Fusaro (50) legge elettorale (50) moneta (50) neofascismo (50) Emmezeta (49) Movimento dei forconi (49) fiat (49) brexit (48) campo antimperialista (48) sinistra sovranista (48) immigrazione sostenibile (46) solidarietà (46) Beppe Grillo (45) Manolo Monereo (45) Nichi Vendola (45) renzismo (45) Troika (44) Yanis Varoufakis (44) astensionismo (43) inchiesta (43) Luciano Barra Caracciolo (41) gilet gialli (41) uscita dall'euro (41) sionismo (40) Mario Draghi (39) Mimmo Porcaro (39) Fiorenzo Fraioli (38) Ugo Boghetta (38) liberismo (38) patriottismo (38) proteste operaie (38) sinistra patriottica (38) Israele (37) italicum (37) liberiamo l'Italia (37) palestina (37) Giorgio Cremaschi (36) Karl Marx (36) Marine Le Pen (35) fiscal compact (35) III. Forum internazionale no-euro (34) Luigi Di Maio (34) Ucraina (34) egitto (34) nazione (34) uscita di sinistra dall'euro (34) 9 dicembre (33) Def (33) ambiente (33) azione (33) ISIS (32) Merkel (32) default (32) fiom (32) populismo di sinistra (32) Forum europeo 2016 (31) Sel (31) governo Renzi (31) scienza (31) unità anticapitalisa (31) xenofobia (30) Nello de Bellis (29) cina (29) ecologia (29) Fabio Frati (28) eurostop (28) napolitano (28) storia (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Putin (27) catalogna (27) islamofobia (27) menzogne di stato (27) Donald Trump (26) elezioni europee 2019 (26) silvio berlusconi (26) Beppe De Santis (25) Forum europeo (25) Mauro Pasquinelli (25) USA (25) elezioni siciliane 2017 (25) nazionalismi (25) nazionalizzazione (25) Europa (24) Movimento 5 Stelle (24) Quantitative easing (24) Venezuela (24) finanziarizzazione (24) religione (24) Aldo Giannuli (23) Lavoro (23) Stato di diritto (23) ora-costituente (23) razzismo (23) repressione (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Nato (22) Roma (22) antifascismo (22) emigrazione (22) nazionalismo (22) scuola (22) Chianciano Terme (21) Comitato centrale P101 (21) Front National (21) Simone Boemio (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Unità Popolare (21) etica (21) iran (21) keynes (21) Laikí Enótita (20) Marcia della Dignità (20) Regno Unito (20) Vladimiro Giacchè (20) coordinamento no-euro europeo (20) manifestazione 12 ottobre 2019 (20) manifestazione del 12 ottobre (20) melenchon (20) minibot (20) Emmanuel Macron (19) F.S. (19) Mariano Ferro (19) Norberto Fragiacomo (19) Sicilia Libera e Sovrana (19) Tunisia (19) crisi di governo (19) fronte popolare (19) iraq (19) tecnoscienza (19) Domenico Moro (18) Donbass (18) Izquierda Unida (18) Noi siciliani con Busalacchi (18) pace (18) Assisi (17) Costanzo Preve (17) Foligno (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Jacques Sapir (17) Paolo Savona (17) Perugia (17) Pier Carlo Padoan (17) cosmopolitismo (17) euro-germania (17) lotta di classe (17) media (17) piano B (17) senso comune (17) Conte bis (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Luciano B. Caracciolo (16) Marco Mori (16) Prc (16) Reddito di cittadinanza (16) Renzi (16) Tonguessy (16) appello (16) ballottaggi (16) chiesa (16) internazionalismo (16) umbria (16) vendola (16) Cremaschi (15) International no euro forum (15) M. Micaela Bartolucci (15) Salvini (15) casa pound (15) comunismo (15) indipendenza (15) internet (15) manifestazione (15) piattaforma eurostop (15) vaccini (15) 15 ottobre (14) Brancaccio (14) Daniela Di Marco (14) Enea Boria (14) Ernesto Screpanti (14) Eurogruppo (14) Fridays for Future (14) Monte dei Paschi (14) Stato Islamico (14) Vincenzo Baldassarri (14) clima (14) diritto (14) fascismo (14) obama (14) salerno (14) sciopero (14) Alitalia all'Italia (13) Bersani (13) Chavez (13) Enrico Grazzini (13) Eos (13) Jobs act (13) Legge di stabilità (13) MMT (13) Marino Badiale (13) Virginia Raggi (13) Wilhelm Langthaler (13) acciaierie Terni (13) complottismo (13) disoccupazione (13) finanziaria (13) no tav (13) potere al popolo (13) privatizzazioni (13) regionalismo differenziato (13) tasse (13) Alessandro Di Battista (12) Alessandro Visalli (12) Alfredo D'Attorre (12) Costas Lapavitsas (12) D'alema (12) Forum europeo 2015 (12) Negri (12) Panagiotis Lafazanis (12) Sergio Mattarella (12) Turchia (12) analisi politica (12) decreto salva-banche (12) europeismo (12) femminismo (12) global warming (12) keynesismo (12) salari (12) terzo memorandum (12) unione bancaria (12) 14 dicembre (11) AST (11) De Magistris (11) Dicotomia (11) Esm (11) France Insoumise (11) Gennaro Zezza (11) Movimento pastori sardi (11) Papa Francesco (11) Portogallo (11) Stato (11) corruzione (11) cultura (11) de-globalizzazione (11) elezioni anticipate (11) iniziative (11) nucleare (11) ordoliberismo (11) presidenzialismo (11) sindacalismo di base (11) sinistra Italiana (11) Aldo Zanchetta (10) Art. 18 (10) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Carl Schmitt (10) Fausto Bertinotti (10) Fmi (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Forum di Roma 2019 (10) George Soros (10) Giulietto Chiesa (10) Hollande (10) Jean-Luc Mélenchon (10) Lista del Popolo (10) Marco Passarella (10) Marco Zanni (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Paolo Barnard (10) Pardem (10) Quirinale (10) Risorgimento Socialista (10) Stefano D'Andrea (10) Terni (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) diritti civili (10) facebook (10) golpe (10) islanda (10) mediterraneo (10) povertà (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Argentina (9) Bernie Sanders (9) CGIL (9) Campagna eurostop (9) Claudio Borghi (9) Diritti Sociali (9) Forconi (9) Ilva (9) Paolo Ferrero (9) Stato nazione (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wolfgang Schaeuble (9) bail-in (9) cosmo-internazionalismo (9) deficit (9) il pedante (9) istruzione (9) necrologi (9) tecnologie (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Antonio Rinaldi (8) Corte costituzionale (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) Draghi (8) Erdogan (8) F.f (8) Genova (8) Giorgetti (8) Goracci (8) II assemblea della CLN (1-3 settembre) (8) Ingroia (8) Italia Ribelle e Sovrana (8) Julio Anguita (8) Landini (8) Mattarella (8) Mirafiori (8) Yanis Varoufakys (8) borsa (8) classi sociali (8) debitocrazia (8) destra non euro (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate 2017 (8) elezioni siciliane (8) fisco (8) grexit (8) inflazione (8) liberalismo (8) lira (8) manifestazione 25 marzo 2017 (8) marxisti dell'Illinois (8) medicina (8) nuovo movimento politico (8) proteste (8) questione femminile (8) questione nazionale (8) regionalismo (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) sociologia (8) sovranismi (8) sovranità (8) svalutazione (8) taranto (8) trasporto aereo (8) unità anticapitalista (8) unità nazionale (8) Alessandro Chiavacci (7) Alternative für Deutschland (7) Antonio Gramsci (7) Articolo 18 (7) CUB (7) Cub Trasporti (7) Dino Greco (7) Ernesto Laclau (7) Flat tax (7) Franz Altomare (7) Giuseppe Angiuli (7) ISIL (7) Inigo Errejón (7) Je so' Pazzo (7) Joseph Stiglitz (7) Lenin (7) Luca Massimo Climati (7) MMT. Barnard (7) Massimo Bontempelli (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Nuit Debout (7) Oskar Lafontaine (7) Pil italiano (7) Riccardo Achilli (7) Samuele Mazzolini (7) Sapir (7) Seconda Assemblea P101 (7) Ttip (7) agricoltura (7) aletheia (7) anarchismo (7) bankitalia (7) confederazione (7) derivati (7) eurexit (7) eurocrack (7) giovine italia (7) il manifesto (7) incontri (7) magistratura (7) moneta fiscale (7) nazismo (7) patria e costituzione (7) rivolta (7) rivoluzione civile (7) rossobrunismo (7) sanità (7) spread (7) transfemminismo (7) trasporto pubblico (7) Ars (6) Banca centrale europea (6) Bazaar (6) Bottega partigiana (6) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (6) Carlo Galli (6) Casaleggio (6) Contropiano (6) Eros Cococcetta (6) Eugenio Scalfari (6) Franco Bartolomei (6) Fratelli d'Italia (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Giancarlo D'Andrea (6) Gran Bretagna (6) Jeremy Corbyn (6) M.AR.S. (6) Macron (6) Maduro (6) Militant-blog (6) Nino galloni (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Papa Bergoglio (6) Pisapia (6) Polonia (6) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (6) Regioni autonome (6) Sandro Arcais (6) Stato di Polizia (6) Target 2 (6) Teoria Monetaria Moderna (6) Thomas Fazi (6) Titoli di stato (6) Toni negri (6) USB (6) Ungheria (6) Viktor Orban (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) autodeterminazione dei popoli (6) automazione (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) fabrizio Marchi (6) famiglia (6) futuro collettivo (6) giovanni Tria (6) governo Gentiloni (6) ideologia (6) incontro internazionale (6) la variante populista (6) liberosambismo (6) migranti (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) pensioni (6) populismo democratico (6) sardegna (6) suicidi (6) suicidi economici (6) tecnica (6) terremoto (6) uber (6) utero in affitto (6) Alberto Negri (5) Anguita (5) Antonio Ingroia (5) Assad (5) Carola Rackete (5) Dario Guarascio (5) Decreto Dignità (5) Decreto sicurezza (5) Dimitris Mitropoulos (5) Federalismo (5) Federico Fubini (5) Ferdinando Pastore (5) Finlandia (5) Forza Italia (5) Franco Busalacchi (5) Giorgia Meloni (5) Giuseppe Mazzini (5) HAMAS (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Joël Perichaud (5) Kirchner (5) Lucca (5) Luigi De Magistris (5) MOHAMED KONARE (5) Marcello Teti (5) Marx (5) No Monti Day (5) No debito (5) Npl (5) Paolo Becchi (5) Parigi (5) Partito tedesco (5) Pcl (5) Pier Paolo Dal Monte (5) Rete dei Comunisti (5) Romano Prodi (5) Rosatellum 2 (5) Sharing Economy (5) Stathis Kouvelakis (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Trump (5) Val di Susa (5) Wolfgang Munchau (5) afghanistan (5) alleanze (5) banche popolari (5) brasile (5) califfato (5) camusso (5) chiesa ortodossa (5) confindustria (5) cuba (5) debitori (5) decreto vaccini (5) di Pietro (5) donna (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni. Lega (5) fratelli musulmani (5) giornalismo (5) giovani (5) governo (5) jihadismo (5) laicismo (5) massimo fini (5) pomigliano (5) procedura d'infrazione (5) proteste agricoltori (5) rifugiati politici (5) risorgimento (5) salvinismo (5) tremonti (5) wikileaks (5) 16 giugno Roma (4) ALBA (4) Africa (4) Alessia Vignali (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Angelo Panebianco (4) Anna Falcone (4) Antonio Amoroso (4) Aurelio Fabiani (4) Autostrade per l'Italia (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (4) Carovana di solidarietà (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Chiavacci Alessandro (4) Città della Pieve (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (4) Corea del Nord (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Deutsche Bank (4) Die Linke (4) Diego Melegari (4) Felice Floris (4) Francesco Giavazzi (4) Frente civico (4) Fronte Sovranista Italiano (4) GIAPPONE (4) Giuliano Pisapia (4) Giulio Regeni (4) Giulio Sapelli (4) Imu (4) Incontro di Roma (4) JP Morgan (4) Jacques Nikonoff (4) Karl Polany (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Leonardo Mazzzei (4) Luciano Canfora (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Marcello Minenna (4) Marchionne (4) Martin Heidegger (4) Morgan Stanley (4) Mosul (4) NO TAP (4) Noi sicialiani con Busalacchi (4) Nuova Direzione (4) ONU (4) Oscar Lafontaine (4) Paolo Gerbaudo (4) Pci (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Sergio Starace (4) Simone Pillon (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) TAP (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) Visco (4) Vladimiro Giacché (4) Xarxa Socialisme 21 (4) Xi Jinping (4) Yemen (4) agricoltura biologica (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) bigenitorialità (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianesimo (4) cristianismo (4) demografia (4) diritti di cittadinanza (4) donne (4) elezioni 2017 (4) elezioni comunali 2017 (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) gender (4) greta thumberg (4) il fatto quotidiano (4) informatica (4) intelligenza artificiale (4) irisbus (4) irlanda (4) italia (4) ius soli (4) legge del valore (4) legge di bilancio 2020 (4) legge di stabilità 2017 (4) parti de gauche (4) patrimoniale (4) porcellum (4) precarietà (4) presidente della repubblica (4) primarie (4) protezionismo (4) risparmio (4) salute (4) saviano (4) seminario (4) sottoscrizione (4) spending review (4) spesa pubblica (4) statizzazione banche (4) transizione al socialismo (4) trattati europei (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) xylella (4) 19 ottobre (3) Ahmadinejad (3) Alavanos (3) Albert Einstein (3) Alberto Alesina (3) Alessandro Somma (3) Alfiero Grandi (3) America latina (3) Antonella Stirati (3) Aquisgrana (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Benetton (3) Bergoglio (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Bloco de Esquerda. (3) Cerveteri Libera (3) Cia (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Commissione europea (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Diosdado Toledano (3) EDWARD SNOWDEN (3) Eleonora Forenza (3) Emanuele Severino (3) Ernest Vardanean (3) Ernesto Galli Della Loggia (3) Eurasia (3) Fabio Nobile (3) Fabrizio Tringali (3) Fausto Sorini (3) Filippo Abbate (3) Francesco Neri (3) Francesco Salistrari (3) Fratoianni (3) Gianni Ferrara (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulio Bonali (3) Giuseppe Pelazza (3) Goofynomics (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) Hezbollah (3) ISTAT (3) Ilaria Bifarini (3) Ivan Cavicchi (3) Jens Weidmann (3) Jugoslavia (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) MES (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marcello Foa (3) Marco Bulletta (3) Marco Mainardi (3) Mario Monforte (3) Mario Volpi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Massimo cacciari (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Milton Friedmann (3) Modern Money Theory (3) Moldavia (3) Morya Longo (3) Napoli (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Noi Mediterranei (3) Olanda (3) Palermo (3) Panagiotis Sotiris (3) Paola De Pin (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Pkk (3) Poroshenko (3) Rinascita (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Salento (3) Sarkozy (3) Scenari Economici (3) Six Pack (3) Stavros Mavroudeas (3) Ugo Arrigo (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) alceste de ambris (3) austria (3) bollettino medico (3) crediti deteriorati (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) diritto d'asilo politico (3) diritto di cittadinanza (3) divorzio banca d'Italia Tesoro (3) dollaro (3) economia sociale di mercato (3) euroasiatismo (3) forza nuova (3) giustizia (3) indignati (3) ines armand (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) machiavelli (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) minijobs. Germania (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) occidente (3) oligarchia (3) partito (3) partito democratico (3) psicanalisi (3) quota 100 (3) rai (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) robotica (3) sanità. spending review (3) seminario teorico (3) senato (3) sinistra transgenica (3) sme (3) social media (3) socialdemocrazia (3) sondaggi (3) sovranità e costituzione (3) sovrapproduzione (3) takfir (3) tassisti (3) terza assemblea P101 (3) terzo polo (3) tv (3) università (3) violenza (3) web (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 25 aprile 2017 (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Alberto Benzoni (2) Alberto Montero (2) Alétheia (2) Amando Siri (2) Amazon (2) Andalusia (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Arabia saudita (2) Arditi del Popolo (2) Armando Mattioli (2) Armando Siri (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Banca (2) Bandiera rossa in movimento (2) Benedetto Croce (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Blockchain (2) Bolkestein (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Carlo Clericetti (2) Carlo Freccero (2) Carlo Romagnoli (2) Cernobbio (2) Certificati di Credito Fiscale (2) Cgia Mestre (2) Chantal Mouffe (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Claudia Castangia (2) Colonialismo (2) Comitato antifascista russo-ucraiono (2) Conte (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Dani Rodrik (2) De Bortoli (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Domenico Losurdo (2) Don Giancarlo Formenton (2) Dugin (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Ego della Rete (2) Emilia Clementi (2) Emiliano Gioia (2) Enzo Pennetta (2) Eric Toussaint (2) Ettore Livini (2) European Quantitative-easing Intermediated Program (2) Extincion Rebellion (2) F.List (2) Federal reserve (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Filippo Gallinella (2) Fiumicino (2) Forestale (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Forum Popoli Mediterranei (2) Francesco Lamantia (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Futuro al lavoro (2) Generale Pappalardo (2) Gentiloni (2) Giacomo Bracci (2) Giacomo Russo Spena (2) Giada Boncompagni (2) Giancarlo Cancelleri (2) Gianluigi Paragone (2) Gig Economy (2) Giorgio Gattei (2) Giovanni Gentile (2) Giuliano Amato (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Google (2) Grottaminarda (2) Guido Grossi (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hitler (2) Héctor Illueca (2) INPS (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Italia Ribelle (2) Iugend Rettet (2) Iugoslavia (2) Jacopo Custodi (2) Javier Couso Permuy (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Junker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Kurdistan (2) La Grassa (2) Lelio Basso (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marco Revelli (2) Marco Rizzo (2) Maria Elena Boschi (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Tronti (2) Mark Zuckerberg (2) Marocco (2) Massimo D'Antoni (2) Massimo PIvetti (2) Michele Serra (2) Michele fabiani (2) Microsoft (2) Militant (2) Moscovici (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Mélenchon (2) Nadia Garbellini (2) Netanyahu (2) Nicaragua (2) Omt (2) Oriana Fallaci (2) Ostia (2) Paolo Maddalena (2) Papa (2) Partito comunista (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) PdCI (2) Pdl (2) Piano di eradicazione degli ulivi (2) Piemonte (2) Pippo Civati (2) Portella della Ginesta (2) Preve (2) Quarto Polo (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Reddito di inclusione sociale (2) Riccardo Bellofiore (2) Riccardo Ruggeri (2) Riscossa Italia (2) Roberto Ferretti (2) Rosanna Spadini (2) Rosarno (2) Rozzano (2) Ryan air (2) SPD (2) STX (2) Sahra Wagenknecht (2) Salistrari (2) Schumpeter (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Seconda Assemblea CLN (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Severgnini (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stefano Zecchinelli (2) Steve Bannon (2) Stiglitz (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Telecom (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Piketty (2) Tito Boeri (2) Tiziana Ciprini (2) Tltro (2) Tomaso Montanari (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Ursula von der Leyen (2) VOX (2) Valerio Bruschini (2) Von Der Leyen (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) agricoltori indignati (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) animalismo (2) antisemitismo (2) atac (2) banche venete (2) battaglia d'autunno (2) biotecnocrazia (2) blocco sociale (2) bontempelli (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) clausole di salvaguardia (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) comuni (2) comunicazione (2) contante (2) curdi (2) debito (2) debito privato (2) denaro (2) deregulation (2) domenico gallo (2) due euro (2) dughin (2) elezioni comunali 2015 (2) elezioni comunali 2019 (2) embraco (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) esercito (2) eugenetica (2) expo (2) export (2) fake news (2) fecondazione eterologa (2) fincantieri (2) fine del lavoro (2) foibe (2) frontiere (2) gaypride (2) genetica (2) gennaro Migliore (2) geoeconomia (2) giacobinismo (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) inceneritori (2) indignatos (2) industria italiana (2) intimperialismo (2) isu sanguinis (2) legge (2) legge di stabilità 2018 (2) lgbt (2) libano (2) liberi e uguali (2) libertà di pensiero (2) maidan (2) manifestazione 2 giugno 2018 (2) marina silva (2) mercantislismo (2) no expo (2) non una di meno (2) olocausto (2) omosessualità (2) ong (2) paolo vinti (2) pareggio di bilancio (2) parlamento europeo (2) patria (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) patto politico (2) peronismo (2) petrolio (2) pietro ratto (2) poste (2) poste italiane (2) prescrizione (2) proporzionale (2) province (2) razionalismo (2) reddito di base (2) ricchezza (2) riduzione parlamentari (2) rifiuti (2) riformismo (2) rivoluzione russa (2) rivoluzione socialista (2) sciopero generale (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) silicon valley (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) società (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) teologia (2) transgender (2) transumano (2) ulivi (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) uscita da sinistra (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 100 giorni (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 25 aprile 2018 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 4 novembre (1) 5G (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 8 settembre (1) 9 febbraio 2019 (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Aberto Bellini (1) Accellerazionismo (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) AirCrewCommittee (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alan Johnson (1) Alba Libica (1) Albania (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alexander Zakharchenko (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amintore Fanfani (1) Amoroso (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Andrew Spannaus (1) Angela Matteucci (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Anthony Coughlan (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonio Rinaldis (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Apple (1) Arditi (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art 81 (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Assange (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Atlantia (1) Attali (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Bashar al-Assad (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bazar (1) Bcc (1) Bekaert (1) Belardelli (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Blade Runner 2049 (1) Boicotta Eurovision (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolsonaro (1) Bossi (1) Branko Milanovic (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Britannia (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) ByoBlu (1) C.f.. Governo giallo-verde (1) CARTA DI FIRENZE 2019 (1) CCF (1) CNL (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Calenda (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Caritas (1) Carlo Candi (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Rovelli (1) Carmine Pinto (1) Casal Bruciato (1) Cascina Raticosa (1) Casini (1) Cassazione (1) Cassese Sabino (1) Catarina Martins (1) Cekia (1) Cesare Battisti (1) Cesarina Branzi (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christian Napolitano (1) Christian Rocca (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Civitavecchia (1) Claudia Zeta (1) Claudio Maartini (1) Claudio Magris (1) Claus Offe (1) Concita De Gregorio (1) Confederazione europea (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Coordinamento europeo per l'uscita dall'Unione (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Corte Europea sui diritti dell'uomo (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cuperlo (1) DDL (1) Dagospia (1) Daisy Osauke (1) Damiano palano (1) Dan Glazebrook (1) Daniela Conti (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davide Gionco (1) Davos (1) De Masi (1) De Vito (1) Debora Billi (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Dimitris Christoulias (1) Dio (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Elliott Gabriel (1) Emilia-Romagna (1) Emilio Gentile (1) Emma Bonino (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrica Perucchietti (1) Enrico Angelini Partigiano (1) Enrico Gatto (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Erasmo vecchio (1) Ernesto Pertini (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Gotti Tedeschi (1) Eugenio Scalgari (1) Eunoè (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio De Masi (1) Fabio Dragoni (1) Fabio Mini (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio De Paoli (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Florian Philippot (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Foro di Sao Paulo (1) Forum Ambrosetti (1) Forum dei Popoli Mediterranei (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lenzi (1) Francesco Magris (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Fred Kuwornu (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabanelli (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bellini (1) Giacomo Bellucci (1) Giacomo Vaciago (1) Giacomo Zuccarini (1) Giancarlo Bergamini (1) Gim cassano (1) Giordano Sivini (1) Giovanna Vertova (1) Giovanni De Cristina (1) Giovanni Lo Porto (1) Giovanni Schiavon (1) Giovanni Tomei (1) Giovanni di Cristina (1) Giulia Grillo (1) Giuliana Commisso (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Ambrosetti (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tarro (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Glauco Benigni (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Grecia presidio 9/9/19 (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Lutrario (1) Guido Ortona (1) Günther Anders (1) HSBC (1) Hainer Flassbeck (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Hong Kong (1) Huawei (1) Huffington Post (1) IPHONE (1) IRiS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Illueca (1) Imposimato (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) Inge Höger (1) Intellettuale dissidente (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Intesa Sanpaolo (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) JULIAN ASSANGE (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jason Barker (1) Je so' Pazz' (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) Joel Perichaud (1) John Laughland (1) John Locke (1) John Pilger (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Joseph Shumpeter (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Jugend Rettet (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kelsen (1) Kemi Seba (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kirill Vasilev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kosovo (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Koutsianas Pantelis (1) Kruhman (1) Ktragujevac (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Left (1) Legge 194 (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Leonardo Coen (1) Leonardo SInigaglia (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) Lev Gumilev (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Riboli (1) Lidia Undiemi (1) Lillo Massimiliano Musso. Leoluca Orlando (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Alfano (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Lorenzo Fioramonti (1) Lorenzo Fontana (1) Loris Caruso (1) Luca Donadel (1) Luca Pagni (1) Lucarelli (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luigi Zingales (1) Luka Mesec (1) López Obrador (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Macedonia (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcello Veneziani (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Cattaneo (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Marcuse (1) Margarita Olivera (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Marina Minicuci (1) Mario Esposito (1) Mark Rutte (1) Maroni (1) Marta Fana (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo Costa (1) Massimo Gramellini (1) Massimo Recalcati (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Matteo Pucciarelli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Blondet (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Vezzosi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Bocci (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Scradovelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Mdp (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Messico (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michelangelo Vasta (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Mihaly Kholtay (1) Milano (1) Milosevic (1) Milton Friedman (1) Mimmo Lucano (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Mladic (1) Mohamed bin Salman (1) Mohammad Javad Zarif (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Moshe Ya’alon (1) Moves (1) Movimento 77 (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimento di Liberazione Popolare (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Nancy Fraser (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) New York Times (1) Nicky Hager (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolas Dupont-Aignan (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Noelle Neumann (1) Noi sicialiano con Busalacchi (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) Nsa (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omnium (1) Onda d'Urto (1) Open Society Foundations (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) P01 (1) PCE (1) PCdI (1) PIANESI MARIO (1) POSSIBILE (1) PRISM (1) PSUV (1) Pablo Stefanoni (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Di Martino (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito Italexit (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Paul "Elliot" Singer (1) Paul De Grauwe (1) Paul Steinhardt (1) Per una sinistra rivoluzionaria (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piepoli (1) Pier Francesco Zarcone (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Attinasi (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Pino Prestigiacomo (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RENAUD LAMBERT (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Radek (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Ramarrik de Milford (1) Ramon Franquesa (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) René Girard (1) Report (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Rino Formica (1) Risorgimento Meridionale (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Robert Mundell (1) Roberta Lombardi (1) Roberto D'Agostino (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Marchesi (1) Roberto Martino (1) Roberto Massari (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rocco Casalino (1) Rohani (1) Roma 13 ottobre 2018 (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosatellum (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) SYLVAIN LEDER (1) Sacko Soumayla (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Schengen (1) Schlageter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) SiAMO (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Slavoj Zizek (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stanis Ruinas (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svitlana Grugorciùk (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tiziana Aterio (1) Tiziana Drago (1) Togliatti (1) Tommaso Nencioni (1) Tommaso Rodano (1) Tonia Guerra (1) Tony Manigrasso (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Tribunale dell'Aia (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ugo Mattei (1) Ulrich Grillo (1) Unicredit (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Valerio Colombo (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vito Lops (1) Vito Storniello (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Italia (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) WHIRLPOOL (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolfgang Streeck (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zagrebelsky (1) Zaia (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zecchinelli (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) Zygmunt Bauman (1) aborto (1) accise (1) adozioni (1) aggressione (1) agorà (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) alta velocità (1) amanda hunter (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antimperialista (1) antisionismo (1) antispecismo (1) antropocene (1) antropologia (1) apocalisse (1) appoggio tattico (1) aree valutarie ottimali (1) armi (1) arresti (1) asia argento (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) ateismo (1) autogestione (1) autostrade (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) big five (1) bilancia dei pagamenti (1) bioetica (1) biologia (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bomba atomica (1) bonapartismo (1) brigantaggio (1) bufale (1) bullismo (1) calcio (1) campagna di finanziamento (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) cassa depositi e prestiti (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) cdp (1) censis (1) censura (1) chokri belaid (1) comitato (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) confucio (1) consiglio superiore della magistratura (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) curzio maltese (1) cybercombattenti (1) cyborg (1) dabiq (1) dall'euro (1) dalla NATO e dal neoliberismo (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) decretone (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dichiarazione di Roma (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) dracma (1) ebraismo (1) economie di scala (1) economist (1) ecosocialismo (1) egolatria (1) elezioni comunali 2018 (1) elezioni regionali 2019 (1) enav (1) enrico Corradini (1) esercito industriale di riserva (1) estremismo (1) eurasismo (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) fiducia (1) finan (1) finaza (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forme (1) freelancing (1) fuga dei capitali (1) fusione dei comuni (1) genere (1) giusnaturalismo (1) global compact (1) gold standard (1) governabilità (1) governo neutrale (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hansel e gretel (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) illiberale (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) incendi (1) independent contractor (1) india (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) intervista (1) ius sanguinis (1) ivana fabris (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge Madia (1) legge anticorruzione (1) legge antisciopero (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) leva obbligatoria (1) lex monetae (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) liberiamo (1) libra (1) linguaggio (1) link tax (1) liste civiche. (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) luddismmo (1) lula (1) madre surrogata (1) mafiodotto (1) maghreb (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) massoneria (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) matteo bortolon (1) matteo brandi (1) megalamania (1) memoria (1) mercantilismo (1) mercato (1) mercato del lavoro (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) modernità (1) molestie (1) momento polany (1) monetarismo (1) moody's (1) nascite (1) nazion (1) nazional-liberismo (1) nazionalizzare le autostrade (1) neokeynesismo (1) no allo spezzatino (1) no vax (1) nobel (1) nomine ue (1) norvegia (1) numero chiuso (1) obiezione di coscienza (1) occupy wall street (1) oligarchia eurista (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) partite iva (1) partiti (1) partito americano (1) partito brexit (1) partito umanista (1) pecchioli luigi (1) personalismo (1) petiziion (1) piaciometro (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piero visani (1) piigs (1) politicamente corretto (1) politiche austeritarie (1) polizia (1) ponte Morandi (1) popolo (1) post-elezioni (1) post-operaismo (1) postumano (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) qualunquismo (1) questione meridionale (1) quinta internazionale (1) rampini (1) rappresentanza (1) recensioni (1) regione umbria (1) rete 28 Aprile (1) ride sharing (1) rider (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) robot killer (1) rosabrunismo (1) rublo (1) salafismo (1) salir del euro (1) sandro veronesi (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) seisàchtheia (1) sequestro minori (1) sfruttamento (1) sicurezza (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) smartphone (1) social forum (1) sondaggio demos (1) specismo (1) spionaggio (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) strategia militare (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) suez (1) supe-bolla (1) supply-side economics (1) svimez (1) taglio parlamentari (1) takfirismo (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) torre maura (1) tortura (1) transumanismo (1) trappola della liquidità (1) trasformismo (1) trasumanesimo (1) trenitalia (1) triptrorelina (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uberizzazione (1) ultimatum (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vertice di Roma (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) wahhabismo (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)