giovedì 11 aprile 2019

CLIMA 4: LA BUFALA DELL'AUMENTO DEGLI "EVENTI ESTREMI" di Leonardo Mazzei

[ 11 aprile 2019 ]


Articoli precedenti


Clima 1 - E se fosse la lobby nucleare? (18 marzo 2019)

Clima 2 - Quelli che non se la bevono (25 marzo 2019)

Clima 3 - Nessuna catastrofe in vista (1 aprile 2019)

*  *  *

Arriviamo oggi al tema degli "eventi estremi". Per i catastrofisti del "non c'è più tempo" l'aumento della temperatura non basta. Si direbbe che per i loro disegni esso sia troppo scarso e troppo lento. Quest'ultimo elemento - la lentezza - è poi del tutto insopportabile al circo mediatico, che dell'allarmismo globale sul clima è da sempre elemento portante. Talora, però, le cronache ci regalano ondate di freddo qua e là per il globo. Cosa di meglio allora dell'invenzione dell'aumento degli "eventi estremi"?
In questo modo, non solo se fa caldo, ma anche se c'è il gelo e nevica più del solito (vedi l'ultimo inverno negli Stati Uniti), si dà la colpa al "cambiamento climatico", che pure dovrebbe consistere in un riscaldamento medio globale. E così funziona tanto per le siccità come per i periodi di maggiore piovosità. Queste normalissime variabilità meteorologiche diventano in questo modo - si può dire quotidianamente - indici infallibili di un "cambiamento climatico" elevato a dogma. 

Lontani sono i tempi in cui i climatologi ragionavano su medie almeno trentennali. Oggi lo stesso concetto di "media" è violentato dall'informazione. Non dovrebbe esserci bisogno di spiegare che le medie - di temperatura, di piovosità, di ventosità, eccetera - sono il frutto di valori ora superiori (talvolta molto superiori), ora inferiori (talvolta molto inferiori) a quel valore mediano. Adesso, invece, basta un grado in più per segnalare in maniera allarmistica che si è al di sopra della media. Ma pure al di sotto va bene, tanto la religiosa verità sarà sempre quella.


A cosa serve la narrazione catastrofista



Ma siccome lo spettacolo è essenziale per la narrazione catastrofista, le temperature non possono bastare. Meglio, molto meglio, le catastrofi. L'importante è che esse appaiano sempre come frutto dei "cambiamenti climatici". In questo modo si ottengono tre risultati. In primo luogo si attua una strategia narrativa win win, dato che qualunque cosa avvenga essa verrà spiegata in base alla teoria della AGW (Riscaldamento Globale Antropogenico). In secondo luogo si cancella lo stesso concetto di "catastrofe naturale", mettendo così in campo una visione antropocentrica senza precedenti. In terzo luogo, in apparente contraddizione col punto precedente, si nascondono in larga parte le responsabilità umane - cioè generalmente sociali, dunque nella nostra epoca dovute alle esigenze di valorizzazione (ad esempio del suolo) tipiche del capitalismo - di tante catastrofi.

Abbiamo parlato non a caso di contraddizione solo apparente tra i punti 2 e 3. In realtà non vi è infatti contraddizione alcuna. Mentre la colpevolizzazione sui "cambiamenti climatici" è rivolta evidentemente all'intero genere umano, da Jeff Bezos all'ultimo contadino africano; l'assoluzione di cui al punto tre riguarda proprio quel modello di sviluppo che ha consentito alle attuali oligarchie di essere là dove sono.

Dal punto di vista capitalistico, un'assoluzione piena. Non solo, poiché quelle stesse oligarchie pilotano largamente tanto la politica quanto i media, esse hanno ora la possibilità di ergersi a fiere paladine del "salvataggio" di un'umanità che dovrebbe salvarsi non dal loro dominio, dal loro sfruttamento, dall'ingiustizia e disumanità del loro sistema, bensì dagli effetti catastrofici dell'aumento di qualche decimo di grado causato indistintamente dagli "uomini".

Sul presunto aumento degli "eventi estremi", abbiamo già visto qual è il parere di due climatologi dall'indiscusso valore, come Guido Visconti e Franco Prodi. Per il primo «non esiste nessuna prova scientifica che ci siano variazioni nel regime delle piogge o delle nevi»; per il secondo «in questi cinquant’anni il clima in Italia è cambiato davvero poco. Chi studia queste cose rileva un leggero aumento della pioggia che proviene dalle nubi temporalesche, i cosiddetti rovesci, mentre complessivamente è diminuita l’intensità  della precipitazione».

Affermazioni pacate, che stridono con il quotidiano allarmismo, in Italia come nel resto del mondo.


I comici dati dell'Economist 



Volendo entrare adesso nel merito dell'andamento degli "eventi estremi", un plastico esempio di come funziona l'informazione catastrofista ci viene inopinatamente, quanto significativamente, dall'Economist. Cioè da un giornale da sempre considerato come una sorta di Bibbia liberale, che dal 2015 vede come primo azionista (attraverso la holding Exor) la famiglia Agnelli.

L'articolo pubblicato il 29 agosto 2017 ha un titolo inequivocabile: «I disastri legati alle condizioni meteorologiche stanno aumentando». Ma quel che è più interessante è il grafico che potete vedere in figura 1, che l'Economist ha ripreso da EM-DAT, sicuramente uno dei più importanti database dei disastri di massa. 

Figura 1 - Morti nel mondo per disastri naturali 

Nella sua inattendibilità - peggio: nella sua disonestà - questo grafico è semplicemente comico. Ma visto che stiamo parlando di vite umane, tristemente comico.

La curva blu mostra il numero dei disastri dal 1900 al 2011, quella rossa il numero delle vittime di quelle calamità. Quali disastri ce lo spiega l'articolo: quelli con almeno 10 vittime, che colpiscono oltre 100 persone o determinano la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale.

Tre le cose assurde che balzerebbero anche agli occhi di un cieco.

La prima è che nel quarantennio 1900-1940 questi disastri sembrerebbero vicini a zero. Una falsità ridicola, che smentiremo anche solo con i dati disponibili sull'Italia. Che se poi i disastri (sempre secondo la classificazione EM-DAT) fossero stati davvero così pochi, come si spiegherebbe l'elevato numero di vittime che lo stesso grafico riporta? L'assurdità è così evidente che non occorre insistere oltre. 

La seconda incredibile incongruenza è appunto l'andamento inverso delle due curve. Possibile che mentre i disastri sarebbero aumentati, quadruplicandosi dagli anni '70 al 2011, le loro vittime all'anno siano invece passate nello stesso periodo da circa 200mila  a circa 30mila? E' credibile tutto ciò? Ma mi faccia il favore, avrebbe detto il grande Totò. L'Economist prova a spiegare l'arcano con il miglioramento della sicurezza (edifici migliori, maggiore prevenzione delle inondazioni). Di nuovo: ma mi faccia il favore! Ammettiamo senza difficoltà un discreto miglioramento della sicurezza, ma la Terra aveva nel 1900 un miliardo e 700 milioni di abitanti, mentre oggi ne ha 7 miliardi e mezzo. Ne consegue che, a parità di disastri, il numero delle vittime coinvolte in questi eventi dovrebbe risultare quattro volte e mezzo più alto. Ma siccome il grafico ci dice che nell'intero periodo i disastri sono aumentati di 40 volte, ne risulta un incremento delle vittime potenziali di 180 volte (40x4,5=180). E invece? Invece, sempre secondo il grafico, le vittime effettive sarebbero calate del 94% nell'intero periodo, dell'85% nell'ultimo quarantennio. Ma si può? Non sarà che l'impennata della curva blu dipenda essenzialmente da una iniziale carenza di notizie progressivamente superata nel tempo? Disastri con 10 morti o poco più (che nel grafico riportato valgono 1 come un uragano da 10mila vittime) potevano lasciare poca traccia agli inizi del '900, oggi non più. In ogni caso, che qualcosa non quadri lo dovrebbe capire chiunque, perfino un giornalista dell'Economist...

La terza assurdità, assolutamente incommentabile, ma che va saputa, è che in queste statistiche insieme a uragani, alluvioni ed ondate di calore si includono (come riconosce candidamente l'Economist) i terremoti e gli tsunami. Ora, se tutti questi fenomeni rientrano giustamente nella categoria dei "disastri naturali", quel che è al di là di ogni decenza è che si usino simili dati per sparare titoli sul clima come quello che abbiamo visto. Dunque, ammesso, e tutt'altro che concesso, che tutti i disastri meteo siano attribuibili ai "cambiamenti climatici", che c'azzeccano col clima i terremoti, gli tsunami, e magari le eruzioni vulcaniche?

Segnaliamo questo ennesimo controsenso perché non riguarda il solo giornale inglese. Da tempo questa voluta confusione imperversa sulla stampa, come abbiamo già denunciato il 15 marzo scorso, a proposito di un articolo del Corriere della Sera. Ma la cosa ancor più grave è che tutto ciò sia alimentato da fonti che dovrebbero essere scientificamente attendibili e che invece non lo sono.


Gli uragani, che non sono in aumento



Ma, si dice, gli uragani sono di sicuro in aumento. A leggere la stampa la cosa parrebbe certa. E' davvero così?

Uno dei maggiori esperti di uragani al mondo, Christopher Landsea, è di tutt'altro avviso. A suo parere «c'è una forte evidenza supportata dai più recenti attendibili studi  in materia che qualsiasi impatto futuro del riscaldamento globale sugli uragani sarà molto limitato» (R. Cascioli e A. Gaspari in "Che tempo farà"). Landsea, dimettendosi per protesta dall'IPCC nel 2005, così scriveva fra le altre cose: «Non capisco perché i miei colleghi utilizzino i media per avvalorare l'insostenibile tesi che la recente attività degli uragani sia dovuta al riscaldamento globale».

Quel che è certo è che le statistiche sugli uragani al momento gli danno ragione. Naturalmente, la letteratura sul tema è sterminata e non è possibile dare conto di tutti gli studi. Tuttavia tante ricerche vanno nella stessa direzione: non c'è nessun aumento, né per numero né per intensità, di questo fenomeno.

Uno studio del professor Sergio Pinna, pubblicato sulla Rivista del Servizio Meteorologico dell'Aereonautica è arrivato a conclusioni molto nitide. Questo il suo abstract: «Con questo articolo si vuole proporre una verifica in merito alle eventuali variazioni temporali dell’intensità degli uragani nel bacino atlantico. A tal fine, considerando i casi nei quali si è verificato il landfall sulle coste degli USA, è stato elaborato un indice basato sulla velocità massima del vento e sul valore della pressione atmosferica al centro del ciclone. L’esame della serie storica dei valori annui di tale indice non ha evidenziato alcuna tendenza all’incremento dei fenomeni in oggetto».


Diversi i grafici presenti in questo studio che indicano come il fenomeno «non abbia subito modificazioni apprezzabili nel corso dei 166 anni (1850-2016) considerati». Uno di questi (figura 2) mostra le variazioni dell'intensità degli uragani all'approdo. 

Figura 2 - Indice di intensità degli uragani all'approdo
sulla costa atlantica degli USA (1850-2016)

Una valutazione netta quella di Pinna, che trova conferma anche nell'andamento del numero e degli uragani tra il 1970 ed il 2013 visualizzato nella figura 3.


Figura 3 - Cicloni tropicali approdati dal 1970 al 2013


Come si può vedere, a dispetto della narrazione catastrofista che va per la maggiore, l'allarmismo sugli uragani è in base ai numeri del tutto immotivato. 

Ma possibile allora - dirà adesso qualcuno - che ci raccontino impunemente così tante balle? Purtroppo è possibile, come dimostreremo in abbondanza parlando del nostro Paese.


Veniamo all'Italia 



Naturalmente l'Italia non è il mondo, ma non è neppure una realtà trascurabile. Altro non fosse che per la sua posizione geografica distesa al centro del bacino del Mediterraneo. Ma ragionare sull'Italia ci è utile anche per altri motivi, innanzitutto perché è una realtà che conosciamo meglio, e che ci consentirà di dimostrare come la teoria dell'aumento degli "eventi estremi" è una bufala senza pari.


Figura 4 - Deviazione annua delle precipitazioni in Italia nel
periodo 1800-2018 rispetto alla media 1971-2000
Partiamo dai dati del Cnr sul periodo 1800-2018, un lasso di tempo che ci mostra una straordinaria stabilità del regime delle precipitazioni. La figura 4 evidenzia gli scostamenti avvenuti in questi 218 anni. Lo zero è determinato in base alla media delle precipitazioni del trentennio 1971-2000. Com'è naturale che sia, significativi scostamenti annui ci sono sempre stati. Ma essi sono regolarmente avvenuti sia verso l'alto che verso il basso, tant'è che la media mobile ottenuta con questi numeri risulta straordinariamente stabile, con oscillazioni che non vanno mai oltre il 10% (vedi la curva nera del grafico). 

Una stabilità certificata anche dall'Istat per gli anni più recenti. Secondo l'istituto di statistica: «La precipitazione totale media annua delle stazioni, nel periodo 2002-2016, è stata pari a 778 mm, l’1,6% in più rispetto al valore climatico 1971-2000 (765,8 mm)». Una variazione davvero minima, che ci dice come non sia in atto alcun cambiamento sostanziale.

Eppure, a dispetto di questi dati, l'allarmismo sulle piogge, come pure sui periodi di siccità, è ormai diventato incessante. E siccome i numeri sono dispettosamente stabili, ecco che si ricorre all'onnicomprensivo concetto degli "eventi estremi". Un concetto davvero risibile, se nel loro "estremismo" essi ci riconducono alla fine alle tranquillissime medie storiche che abbiamo visto...

Proprio per questo trucco concettuale venire a capo della questione non è semplice. Tu hai voglia di fargli vedere la figura 4, essi (i catastrofisti) ti diranno che la media non conta; conta solo l'intensità di ogni singolo fenomeno. Ma misurare l'intensità effettiva non è sempre semplice, mentre essi hanno dalla loro potentissimi mezzi di informazione che ripetono alla Goebbels che il tale evento è stato eccezionale, che l'altro non si era mai visto, che l'altro ancora non ha precedenti storici, e che tutti si possono spiegare solo con i terrificanti effetti dei "cambiamenti climatici" in corso.


Da che parte sta il torto, da quale la ragione?



Come stabilire allora da che parte stia il torto, da quale la ragione? Io penso che un modo ci sia. Siccome quando si parla di "eventi estremi" ci si riferisce ovviamente a fatti  che comportano danni alle persone, un criterio è certamente quello di quantificare questi danni per poi operare un confronto col passato.

Per provare a venire a capo della questione proporrò in primo luogo un raffronto secco tra i primi diciotto anni del XXI secolo, con il corrispondente periodo del secolo precedente. In secondo luogo, presenterò invece una rassegna dei principali disastri dei sette decenni successivi alla Seconda Guerra Mondiale. 

Sul perché del primo raffronto la faccio breve. Siccome in tutte le chiacchiere, da quelle al bar a quelle in televisione, si dà per certo che i disastri meteo (essenzialmente alluvioni, tempeste di vento e frane dovute a precipitazioni intense) siano in forte aumento, siccome questa sensazione è alimentata pure dalla scienza mainstream, qui i casi sono due: o c'è anche un aumento delle vittime provocate da questi eventi, oppure si tratta solo di una bufala bella e buona. 

La scelta di esaminare i primi diciotto anni del secolo è giustificata dal fatto che mai come in questo periodo si è diffusa la sensazione di vivere un momento particolarmente pesante. Utile dunque verificare la veridicità di questa percezione. Essa ci dà inoltre la possibilità di un confronto assai interessante, dato che secondo la narrazione dominante è proprio questo secolo quello del grande cambiamento, naturalmente in peggio.

I numeri ci raccontano invece tutta un'altra storia. Per verificarlo è sufficiente in questo caso una visitina su Wikipedia. Dalla Lista di alluvioni ed esondazioni in Italia si possono ricavare dati assai eloquenti. Mentre nei primi 18 anni di questo secolo (2001-2018) risulta un totale di 159 vittime; dal 1901 al 1918 ne vengono riportate oltre 520. Ora, anche senza tenere conto che l’Italia di allora era meno abitata, che per il secolo scorso è evidente come non siano stati riportati i disastri minori, tutti rigorosamente elencati invece nei nostri anni così “disastrosi”, il calo risulta comunque del 70%. Che il global warming faccia bene alla salute?


La verità è che abbiamo la memoria corta
(e a lorsignori piace così)


Passiamo adesso alla carrellata dei principali disastri degli ultimi sette decenni. Il periodo non è casuale, dato che è abbastanza lungo, ed è quello su cui si dispone di dati più accurati. Ma questa rassegna risulterà utile principalmente per un altro motivo. Perché, soprattutto chi avrà voglia di andarsi a vedere i numerosi link, potrà farsi un'idea più realistica sull'effettiva portata, niente affatto eccezionale, degli eventi più recenti. 

Richiamare alla memoria tanti disastri ormai dimenticati è comunque una sana operazione di igiene mentale, il primo antidoto alla narrazione sensazionalista dell'oggi. Talvolta infatti la memoria umana è troppo corta, specie se il martellamento dei media è lì che la vuol portare.

Cominciamo con il numero complessivo delle vittime per ogni decennio preso in esame. Per semplicità utilizziamo anche in questo caso i dati di Wikipedia. Essi presentano in qualche caso alcune discordanze rispetto ad altre fonti, ma nella sostanza ci offrono comunque un quadro d'assieme sufficientemente attendibile.

Il decennio più calamitoso è stato decisamente il primo, quello degli anni cinquanta del secolo scorso con un totale di 686 vittime. Seguono gli anni novanta con 337 vittime e gli anni sessanta con 213. Assai meno calamitosi gli anni settanta (17) ed ottanta (53), ma pure i primi due decenni del secolo in corso: 70 vittime dal 2001 al 2010; 89 dal 2011 al 2018. Per evitare ogni equivoco chiariamo subito che da questo calcolo abbiamo espunto sia il disastro del Vajont (1963) che quello della Val di Stava (1985), disastri che con le condizioni meteo c'entrano quanto i cavoli a merenda.

Naturalmente questi dati risentono in primo luogo delle calamità più importanti, ma essi ci dicono chiaramente che una tendenza all'incremento degli "eventi estremi" proprio non c'è. 

Vediamo ora gli episodi più gravi di questo settantennio, riportando - quando esistenti - le notizie più utili al fine della comprensione dell'intensità dei vari fenomeni.


Gli anni cinquanta, i peggiori di tutti



Il decennio inizia con la grande ondata di maltempo che colpisce il sud dal 14 al 19 ottobre 1951. Le vittime saranno 70 tra la Calabria e la Sardegna. Nell'isola si registrerà un picco di precipitazione di ben 1.431 millimetri, in Calabria addirittura di 1.770 millimetri. Certo, quantità cumulate in cinque giorni, ma che non sono più state neanche lontanamente avvicinate nei decenni successivi.

Passano poche settimane e si arriva (14 novembre) al famosissimo alluvione del Polesine. Un evento catastrofico con un centinaio di vittime, oltre 180mila profughi, mille i kmq allagati. Anche in questo caso si tratta di un evento che non si è più ripetuto nei decenni successivi.

Il 21 ottobre 1953 tocca nuovamente alla Calabria, per l'esattezza alla provincia di Reggio. Tra morti e dispersi le vittime sono 151. Significativo in questo caso il valore di punta della precipitazione: 82,6 mm/ora. Che dire, una bomba d'acqua ante litteram

Si arriva così al tremendo ottobre 1954 quando - pochi lo sanno - si verifica il peggior bilancio di un'alluvione nel dopoguerra (318 le vittime). Il secondo di sempre dall'unità d'Italia, dopo il Tornado di Sicilia del luglio 1861. La zona colpita è quella del salernitano, dove in meno di 24 ore cadono oltre 500 mm di pioggia. Quantità mai più raggiunte in queste zone.


Gli anni sessanta: Firenze e non solo



Il 4 novembre 1966 mezza Italia va sott'acqua. Ci va Firenze, e lo sanno tutti, ma il disastro non è minore nel Triveneto. A Firenze l'Arno esonda, danneggia gravemente il patrimonio artistico della città e provoca 34 vittime. Quasi 14mila le famiglie disastrate, 46mila gli sfollati, 19mila le imprese colpite, 12mila le automobili sommerse. Non è la prima volta che il fiume tracima, ma da allora non è più avvenuto.

Lo stesso giorno tocca al Triveneto, dove si arrivò a conteggiare 42mila sfollati. Qui le vittime saranno 18 in Trentino, 20 in Friuli, 36 in Veneto. Soprattutto in quest'ultima regione i danni furono ingentissimi. Vista la contemporaneità, il dramma del Triveneto venne oscurato dalla maggiore notorietà di Firenze. Chi voglia farsi un'idea di massima su quel che accadde può guardarsi il video presentato presso la Regione Veneto nel 2016, in occasione del cinquantenario. A Venezia si raggiunse il record dell'acqua alta in piazza San Marco: 194 centimetri mai più uguagliati. Altrettanto ineguagliati sia il livello delle precipitazioni, le punte di piena, le superfici allagate (oltre 1700 kmq). Solo in Provincia di Belluno furono danneggiati o distrutti 4300 edifici, 528 ponti e 1.346 strade. Si tratta in larga misura delle stesse zone colpite alla fine dello scorso ottobre. Un evento pesante quest'ultimo, ma fortunatamente assai meno grave della catastrofe del 1966 quando di "cambiamenti climatici" ancora non si parlava. 

Nel novembre 1968 è la volta del Piemonte, in particolare del Biellese (qui le immagini del Tg1dell'epoca). Le vittime furono 72. I dati disponibili sulle precipitazioni ci parlano di un massimo di 395 mm in 24 ore nella località di Trivero, ma vengono riportate punte di 6o mm orari sulle alture biellesi.

Il decennio si chiude con la Grande Alluvione di Genova dell'ottobre 1970. Le vittime furono 44, le precipitazioni rilevate impressionanti. Nel nostro Paese, Genova è la città simbolo delle alluvioni, tante sono le volte che è stata colpita, anche in anni molto recenti. Eppure i livelli di precipitazione di quarantanove anni fa non si sono fortunatamente più ripetuti. In circa 24 ore caddero 550 mm in centro, 800 a Voltri, 700 a Sestri. A Bolzaneto si raggiunse il picco cittadino con 948 mm in 22 ore, ma nelle zone collinari a monte della città si valutarono quantità fino a 1.100 millimetri. Col linguaggio dell'odierno catastrofismo una "bomba d'acqua" da oltre 40 mm/ora per quasi un giorno intero.


La "pausa" degli anni settanta ed ottanta



Come abbiamo già visto, questi due decenni furono di gran lunga meno calamitosi di quelli precedenti. Non che siano mancati in quegli anni i disastri meteo, ma la loro gravità fu decisamente inferiore. Una prova di quanto l'idea di un'incessante curva verso l'alto degli eventi estremi sia semplicemente infondata.

In quel periodo l'alluvione più grave, soprattutto per le frane che si verificarono, fu quella che colpì la Valtellina nel luglio 1987.  Le vittime furono 53, le precipitazioni di circa 300 mm in 24 ore, ma con punte locali di 450 millimetri. L'alluvione della Valtellina è stata la più grave calamità naturale che abbia colpito la Lombardia dall'unità d'Italia.


Gli anni novanta



In questo decennio il maltempo torna a colpire più duramente. Nel novembre 1994 una grave alluvione interessò le province piemontesi di Alessandria, Asti, Cuneo e Torino. Particolarmente importante fu l'esondazione del fiume Tanaro. Le vittime furono 70, le precipitazioni cumulate in tre giorni raggiunsero i 600 millimetri.

Nel maggio 1998 vasti movimenti franosi colpiscono l'area di Sarno, in Campania. Le vittime furono 160. A scatenare l'evento una pioggia cumulata di 240/300 mm in 72 ore: una quantità importante, ma non propriamente eccezionale. Incuria ed abbandono della montagna ebbero in quel caso un ruolo non certo secondario.

Nell'ottobre 2000 viene colpito di nuovo il Piemonte. Trentaquattro le vittime, 40mila gli sfollati. Nell'occasione il Po raggiunge le portate più alte dopo quelle del 1951. Sulle precipitazioni nell'area interessata ci sono dati assai diversi: si va da una media di 200/300 mm, ad un massimo di 600 mm in 48 ore.

Se questi sono stati gli eventi più gravi del decennio, facciamo ora un passo indietro al 1996, per vedere cosa accadde nel giugno di quell'anno in una ristretta area delle Alpi Apuane, in provincia di Lucca. Il fatto - che provocò la morte di 14 persone - è noto come Alluvione della Versilia. L'importanza di quel disastro, ai fini del ragionamento che stiamo svolgendo, sta nei livelli elevatissimi e concentrati di quella precipitazione: 440 mm in 8 ore, di cui 157 soltanto nell'ultima e decisiva ora. Ricordo che, per la prima volta, esponenti del governo di allora misero in relazione quei dati ai "cambiamenti climatici". Ma davvero quell'evento era senza precedenti storici nell'area? A questa domanda hanno risposto Giacomo D'Amato Avanzi e Roberto Giannecchini, con una loro interessantissima ricerca storica. Dal lavoro di questi due ricercatori emerge che altri eventi, dello stesso grado di gravità di quello del 1996, si erano già verificati nella stessa area negli anni 1636, 1774, 1846, 1885 e 1902. Una chiara dimostrazione di come bisognerebbe andarci piano prima di sparare certe sentenze!


I primi due decenni del XXI secolo



Abbiamo già detto come i primi 18 anni del secolo in corso abbiamo visto una drastica riduzione (-70%) del numero delle vittime dei disastri meteo, rispetto allo stesso periodo del secolo precedente. Ma c'è un altro dato, altrettanto significativo. Mentre nel cinquantennio 1951-2000 ci sono state mediamente 26 vittime all'anno, nel periodo 2001-2018 esse sono fortunatamente scese ad 8. 

Vediamo ora gli eventi più gravi di questi 18 anni. Il disastro più pesante (36 le vittime) è stato l'Alluvione di Messina dell'ottobre 2009. I dati su quella precipitazione non sono precisi. La Protezione civile parlò comunque di 220/230 mm in 3/4 ore, ma il suo responsabile, Guido Bertolaso, indicò tra le cause di quel tragico bilancio l'abusivismo edilizio.

La precipitazione più intensa è stata invece quella che investì la provincia di La Spezia (ed in misura minore quella di Massa Carrara) il 25 ottobre 2011. Il disastro, noto anche come Alluvione delle Cinque Terre, provocò la morte di 13 persone, mentre gli sfollati furono 1.100. La pioggia fu davvero violenta, con un picco (registrato nella località di Brugnato) di 448 millimetri in 6 ore. Un record secondo soltanto all'alluvione di Genova del 1970.

Diciotto furono invece le vittime dell'alluvione che colpì la Sardegna il 18 novembre 2013. Qui le piogge raggiunsero i 300 mm in 20 ore, con qualche punta superiore ai 400 millimetri. Valori importanti, ma non infrequenti nell'isola. Comunque inferiori (ne abbiamo già parlato) a quelli registrati nel 1951.


I disastri meteo non sono in aumento



Passare in rassegna gli ultimi 70 anni ha chiesto tempo e pazienza ai lettori. Tuttavia, penso che sia stato piuttosto utile. Certo, i dati non sono mai precisissimi e completi, ma in ogni caso essi ci dicono due cose: non è vero che i disastri meteo siano in aumento, non è vero che siano più intensi rispetto al passato. Anzi, se proprio la vogliamo dir tutta, almeno l'intensità (misurabile in quantità di precipitazioni, livelli di piena, superfici allagate, oltre che dal numero delle vittime) appare decisamente in diminuzione. 

Dunque, sentir parlare in continuo di aumento degli "eventi estremi" è davvero irritante. Come lo è l'annuncio settimanale di allerte che al 95% (e siamo decisamente prudenti) non hanno senso alcuno. Del resto, che si sia di fronte ad un'incredibile spettacolarizzazione della meteorologia lo possiamo riscontrare giornalmente. Le normali perturbazioni, come anche i periodi di caldo, hanno adesso nomi inquietanti affibbiati dalla nuova figura del meteorologo-terrorista. I normali nubifragi sono ora diventati "bombe d'acqua", mentre la stessa definizione scientifica di "nubifragio" (tot mm/ora in x ore) è stata rivista al ribasso per aumentarne artificiosamente il numero. E si potrebbe continuare.


La dura vita del meteorologo



Ora, noi vorremmo esser generosi con la categoria dei meteorologi. In fondo le previsioni a breve sono diventate sempre più precise, dunque sempre più utili. Tutto andrebbe infatti più che bene se ci si limitasse a questo. Ma vi immaginate la noia di dover dire che l'alta pressione regge, che le temperature sono stabili, che in Val Padana c'è ancora la nebbia, che al sud fa caldo, ma nelle isole spira un discreto venticello? Mediaticamente un disastro totale.

Ecco allora che, per avere successo, diversi meteorologi (ovviamente non tutti) decidono di farsi climatologi (e fin lì lo potremmo accettare), filosofi, futurologi e soprattutto showman. Essi hanno scoperto che il sistema li vuol proprio così. Si aggiunga a questo l'interesse economico - i siti meteo vivono sull'audience, dunque sulle cliccate, dunque sul grado di allarmismo che riescono a trasmettere - ed il quadro è fatto.

Volete un esempio clamoroso di tutto ciò? Ce lo offre, per ora gratuitamente, il sito ilmeteo.it, da quel che sappiamo (il catastrofismo rende) il più consultato dagli italiani.


Senza parole... 



Il sito è piuttosto curato e le sue previsioni a breve ben fatte, ma...


Figura 5 - Screenshot  delle news meteo del 9 aprile 2019 del sito www.ilmeteo.it



Quello qui accanto è l'elenco delle news del 9 aprile. Niente male, no? Quante belle notizie in un giorno solo... La settimana sarà piena di temporali, con una serie di cicloni con grandine (ore 10:01). Le temperature, oibò, saranno «sottotono, giubbini e maglioni ancora a lungo» (ore 10:09). Ma sottotono per quanto? Evidentemente non per molto perché: «Temperature, illusorio rialzo fino a martedì, poi doppio scivolone» (ore 10:10). Va bene, uno pensa, ma almeno fino a martedì prossimo avremo un rialzo, per quanto "illusorio". Eh no, sarebbe facile la vita! «Sabato 13 e domenica 14 sberla dal Polo Nord, piogge e temporali infiniti» (ore 14:56). D'accordo, abbiamo capito, è un gran casino, ma quando si rimetterà? Di certo non a Pasqua: «Pasqua 2019 e pure Pasquetta da incubo! Italia dentro un ciclone con pioggia e pure neve» (ore 12:49). Dopo questo annuncio, accolto con giubilo da tutte le associazioni degli albergatori d'Italia, uno si domanda cosa dovrà aspettarsi per l'estate. Non sarebbe poi male se il fresco continuasse anche in quella stagione. Eh no cicciobelli, non penserete mica di rilassarvi! Sarà freddo anche a maggio (allegria!), ma poi... «Estate 2019, Italia capovolta. Ecco dove (a sorpresa) il caldo sarà più insopportabile» (ore 10:25). Ok, ma se farà caldo avremo almeno tempo buono... Fermi là, banda di illusi, che mica così funzionano le cose: «Estate 2019, super caldo entro giugno. Poi agosto nero, incubo grandine tutti i giorni» (ore 10:23). Che dire, meno male che han saltato luglio! 

Qui non si sa davvero se ridere o se piangere. Che aprile possa essere piovoso lo sanno anche i bambini e ce lo ricordano le medie stagionali. Che le temperature varino con frequenza idem. Che possano esserci temporali, nevicate e grandinate per Pasqua fa parte della tradizione. Che in estate faccia caldo, senza che questo escluda temporali anche violenti lo sa anche il Sesto Cajo Baccelli. Ma non vi sembra di aver colto nelle news una lieve (lieve, ci mancherebbe) vena catastrofista?

Stiamo forse esagerando? Quello del 9 aprile è stato solo un episodio di qualche burlone della redazione? Direi proprio di no. E verificarlo non è difficile, basta fare una visitina ogni tanto su quel  sito per rendersene conto. Quando non importa, visto che la musica è sempre la stessa: annunci catastrofici, che fra l'altro non trovano mai corrispondenza nelle previsioni di dettaglio dello stesso sito. Il che è ovvio: se sbaglio per domani non clicca più nessuno, ma se la sparo grossa un mese prima chi mai se lo ricorderà?


Volete la riprova del fatto che il catastrofismo della figura 5 non è un'eccezione, bensì la regola? Abbiamo preso a caso lo screenshot del 12 marzo scorso, ma qualunque altro giorno ci avrebbe dato risultati simili. 

Figura 6 - Screenshot  delle news meteo del 12 marzo 2019 del sito www.ilmeteo.it
Meteorologicamente il periodo di metà marzo era bello, pur non mancando qualche acquazzone qua e là, come del resto si conviene alla stagione. Ma mentre tutti si lamentavano per la siccità, qui si annunciavano temporali, grandine e neve a bassissima quota. Eppure i catastrofisti già sproloquiavano sul caldo anticipato, mentre invece: «assalti freddi, neve come fazzoletti, notti di ghiaccio». E l'estate? Terrificante: «A giugno, luglio e agosto caldo afoso afoso (sic!) senza sosta».

Possiamo fermarci qui, ma non senza farci una domanda: è tollerabile tutto ciò? Sembrerebbe di sì, anche se qualcuno ha iniziato ad innervosirsi, come la Regione Liguria, che ha annunciato una denuncia per l'allarmismo diffuso dal sito, o come i concorrenti del quasi omonimo meteo.it, che parlano esplicitamente di "meteo terrorismo".


Conclusioni



Perché abbiamo dedicato tanto spazio a tutto ciò? Per una ragione semplicissima, perché gli annunci catastrofici di quel sito vengono continuamente ripresi dai più importanti mezzi di informazione nazionali. Mediaticamente il catastrofismo piace e fa audience. Ma i responsabili politici non hanno nulla da dire? Evidentemente no, visto che anch'essi stanno al gioco, come dimostra l'incredibile messe di allerte dichiarate senza risparmio, ma generalmente anche senza costrutto alcuno.

L'allarmismo è ormai prassi quotidiana. Eppure abbiamo visto, dati alla mano, che non è in atto alcun incremento dei cosiddetti "eventi estremi". Che anzi questa diffusa convinzione è forse la più grande bufala del nostro tempo. Ma se così van le cose qualche ragione ci sarà. Ne parleremo nelle prossime puntate.


4 (continua)

Sostieni SOLLEVAZIONE e Programma 101

Print Friendly and PDF

0 commenti:

LA PAGINA FACEBOOK DEL MOVIMENTO POPOLARE DI LIBERAZIONE - P101

LA PAGINA FACEBOOK DI SOLLEVAZIONE

Lettori fissi di SOLLEVAZIONE

Temi

Unione europea (905) euro (770) crisi (634) economia (613) sinistra (538) finanza (285) teoria politica (268) Leonardo Mazzei (252) M5S (252) grecia (244) Movimento Popolare di Liberazione (243) P101 (243) sfascio politico (235) elezioni (230) resistenza (225) imperialismo (217) sovranità nazionale (216) Governo giallo-verde (214) banche (213) internazionale (209) Moreno Pasquinelli (203) risveglio sociale (184) alternativa (168) seconda repubblica (167) Syriza (155) Tsipras (146) debito pubblico (132) Matteo Renzi (129) piemme (125) antimperialismo (122) programma 101 (122) spagna (115) filosofia (113) marxismo (113) Francia (111) sovranità monetaria (111) PD (110) immigrazione (108) democrazia (107) destra (107) costituzione (104) sollevazione (101) neoliberismo (97) Grillo (94) elezioni 2018 (94) Stefano Fassina (93) populismo (93) berlusconismo (91) proletariato (91) islam (87) Germania (84) Carlo Formenti (82) Emiliano Brancaccio (82) Alberto Bagnai (80) austerità (80) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) bce (78) Stati Uniti D'America (75) sindacato (75) referendum costituzionale 2016 (74) Matteo Salvini (73) sinistra anti-nazionale (73) Podemos (72) geopolitica (72) Mario Monti (71) capitalismo (70) Sandokan (69) guerra (66) Libia (65) Medio oriente (63) capitalismo casinò (62) Rivoluzione Democratica (61) Sergio Cesaratto (61) rifondazione (61) globalizzazione (60) CLN (59) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (57) bancocrazia (57) immigrati (57) Sicilia (56) Siria (55) Alexis Tsipras (54) Legge di Bilancio (53) cinque stelle (52) referendum (52) socialismo (52) Lega Nord (51) Pablo Iglesias (51) sovranismo (51) sovranità popolare (51) Alitalia (50) Lega (50) neofascismo (50) Movimento dei forconi (49) Russia (49) fiat (49) moneta (49) Emmezeta (48) brexit (48) legge elettorale (48) campo antimperialista (47) sinistra sovranista (47) Diego Fusaro (46) immigrazione sostenibile (46) Nichi Vendola (45) renzismo (45) solidarietà (45) Beppe Grillo (44) Troika (44) Yanis Varoufakis (44) astensionismo (43) inchiesta (43) Luciano Barra Caracciolo (41) Manolo Monereo (41) Mimmo Porcaro (39) sionismo (39) Fiorenzo Fraioli (38) Mario Draghi (38) Ugo Boghetta (38) gilet gialli (38) liberismo (38) proteste operaie (38) italicum (37) palestina (37) uscita dall'euro (37) Israele (36) patriottismo (36) Giorgio Cremaschi (35) Marine Le Pen (35) fiscal compact (35) sinistra patriottica (35) III. Forum internazionale no-euro (34) Karl Marx (34) Ucraina (34) egitto (34) 9 dicembre (33) Luigi Di Maio (33) azione (33) nazione (33) uscita di sinistra dall'euro (33) Def (32) ISIS (32) Merkel (32) ambiente (32) default (32) fiom (32) populismo di sinistra (32) Forum europeo 2016 (31) Sel (31) governo Renzi (31) unità anticapitalisa (31) xenofobia (30) ecologia (29) Nello de Bellis (28) cina (28) eurostop (28) napolitano (28) scienza (28) Assemblea di Chianciano terme (27) catalogna (27) islamofobia (27) menzogne di stato (27) Fabio Frati (26) elezioni europee 2019 (26) silvio berlusconi (26) Beppe De Santis (25) Donald Trump (25) Forum europeo (25) elezioni siciliane 2017 (25) nazionalismi (25) nazionalizzazione (25) storia (25) Europa (24) Quantitative easing (24) USA (24) Venezuela (24) Aldo Giannuli (23) Lavoro (23) Stato di diritto (23) finanziarizzazione (23) ora-costituente (23) razzismo (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Movimento 5 Stelle (22) Nato (22) Roma (22) emigrazione (22) religione (22) repressione (22) scuola (22) Chianciano Terme (21) Front National (21) Putin (21) Simone Boemio (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Unità Popolare (21) antifascismo (21) etica (21) iran (21) nazionalismo (21) Laikí Enótita (20) Marcia della Dignità (20) Regno Unito (20) coordinamento no-euro europeo (20) keynes (20) melenchon (20) Emmanuel Macron (19) Mariano Ferro (19) Norberto Fragiacomo (19) Sicilia Libera e Sovrana (19) Tunisia (19) Vladimiro Giacchè (19) fronte popolare (19) iraq (19) Comitato centrale P101 (18) Donbass (18) Izquierda Unida (18) Mauro Pasquinelli (18) Noi siciliani con Busalacchi (18) pace (18) tecnoscienza (18) Assisi (17) Costanzo Preve (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Jacques Sapir (17) Paolo Savona (17) Perugia (17) Pier Carlo Padoan (17) euro-germania (17) lotta di classe (17) media (17) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Luciano B. Caracciolo (16) Marco Mori (16) Prc (16) Reddito di cittadinanza (16) Tonguessy (16) appello (16) ballottaggi (16) chiesa (16) minibot (16) piano B (16) senso comune (16) umbria (16) vendola (16) Cremaschi (15) Domenico Moro (15) Foligno (15) International no euro forum (15) Renzi (15) casa pound (15) cosmopolitismo (15) indipendenza (15) internazionalismo (15) internet (15) piattaforma eurostop (15) 15 ottobre (14) Brancaccio (14) Enea Boria (14) Ernesto Screpanti (14) Eurogruppo (14) Monte dei Paschi (14) Stato Islamico (14) Vincenzo Baldassarri (14) comunismo (14) diritto (14) manifestazione (14) obama (14) salerno (14) sciopero (14) Alitalia all'Italia (13) Bersani (13) Chavez (13) Daniela Di Marco (13) Enrico Grazzini (13) Eos (13) Jobs act (13) Legge di stabilità (13) MMT (13) Marino Badiale (13) Virginia Raggi (13) Wilhelm Langthaler (13) acciaierie Terni (13) complottismo (13) disoccupazione (13) finanziaria (13) potere al popolo (13) privatizzazioni (13) regionalismo differenziato (13) tasse (13) vaccini (13) Alfredo D'Attorre (12) Costas Lapavitsas (12) D'alema (12) Forum europeo 2015 (12) Negri (12) Panagiotis Lafazanis (12) Salvini (12) Sergio Mattarella (12) Turchia (12) analisi politica (12) decreto salva-banche (12) europeismo (12) fascismo (12) global warming (12) keynesismo (12) no tav (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alessandro Di Battista (11) De Magistris (11) Esm (11) France Insoumise (11) Fridays for Future (11) Gennaro Zezza (11) M. Micaela Bartolucci (11) Movimento pastori sardi (11) Papa Francesco (11) Portogallo (11) Stato (11) clima (11) corruzione (11) cultura (11) de-globalizzazione (11) femminismo (11) iniziative (11) nucleare (11) ordoliberismo (11) salari (11) sindacalismo di base (11) sinistra Italiana (11) unione bancaria (11) Aldo Zanchetta (10) Art. 18 (10) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Carl Schmitt (10) Dicotomia (10) F.S. (10) Fausto Bertinotti (10) Fmi (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Forum di Roma 2019 (10) Hollande (10) Jean-Luc Mélenchon (10) Lista del Popolo (10) Marco Passarella (10) Marco Zanni (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Paolo Barnard (10) Pardem (10) Quirinale (10) Risorgimento Socialista (10) Terni (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) diritti civili (10) facebook (10) golpe (10) povertà (10) presidenzialismo (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Alessandro Visalli (9) Algeria (9) Bernie Sanders (9) CGIL (9) Campagna eurostop (9) Diritti Sociali (9) Forconi (9) George Soros (9) Giulietto Chiesa (9) Ilva (9) Paolo Ferrero (9) Stato nazione (9) Stefano D'Andrea (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wolfgang Schaeuble (9) bail-in (9) crisi di governo (9) deficit (9) islanda (9) istruzione (9) mediterraneo (9) necrologi (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Antonio Rinaldi (8) Argentina (8) Claudio Borghi (8) Corte costituzionale (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) Draghi (8) Erdogan (8) F.f (8) Genova (8) Goracci (8) II assemblea della CLN (1-3 settembre) (8) Ingroia (8) Italia Ribelle e Sovrana (8) Julio Anguita (8) Landini (8) Mattarella (8) Mirafiori (8) Yanis Varoufakys (8) borsa (8) classi sociali (8) cosmo-internazionalismo (8) debitocrazia (8) destra non euro (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) elezioni anticipate 2017 (8) elezioni siciliane (8) fisco (8) grexit (8) il pedante (8) inflazione (8) liberalismo (8) lira (8) manifestazione 25 marzo 2017 (8) marxisti dell'Illinois (8) medicina (8) nuovo movimento politico (8) proteste (8) questione femminile (8) questione nazionale (8) regionalismo (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) sociologia (8) svalutazione (8) taranto (8) tecnologie (8) trasporto aereo (8) unità anticapitalista (8) unità nazionale (8) Alessandro Chiavacci (7) Alternative für Deutschland (7) Articolo 18 (7) CUB (7) Cub Trasporti (7) Dino Greco (7) Franz Altomare (7) Giuseppe Angiuli (7) ISIL (7) Inigo Errejón (7) Je so' Pazzo (7) Joseph Stiglitz (7) Lenin (7) Luca Massimo Climati (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Nuit Debout (7) Oskar Lafontaine (7) Pil italiano (7) Riccardo Achilli (7) Samuele Mazzolini (7) Sapir (7) Ttip (7) agricoltura (7) aletheia (7) anarchismo (7) bankitalia (7) confederazione (7) derivati (7) eurexit (7) eurocrack (7) il manifesto (7) incontri (7) magistratura (7) moneta fiscale (7) nazismo (7) patria e costituzione (7) rivolta (7) rivoluzione civile (7) rossobrunismo (7) sanità (7) sovranità (7) spread (7) transfemminismo (7) trasporto pubblico (7) Ars (6) Banca centrale europea (6) Bottega partigiana (6) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (6) Carlo Galli (6) Casaleggio (6) Contropiano (6) Eugenio Scalfari (6) Flat tax (6) Fratelli d'Italia (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Giancarlo D'Andrea (6) Giorgetti (6) Gran Bretagna (6) Jeremy Corbyn (6) M.AR.S. (6) Maduro (6) Massimo Bontempelli (6) Militant-blog (6) Nino galloni (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Papa Bergoglio (6) Pisapia (6) Polonia (6) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (6) Regioni autonome (6) Sandro Arcais (6) Seconda Assemblea P101 (6) Stato di Polizia (6) Target 2 (6) Teoria Monetaria Moderna (6) Titoli di stato (6) Toni negri (6) USB (6) Ungheria (6) Viktor Orban (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) autodeterminazione dei popoli (6) automazione (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) fabrizio Marchi (6) famiglia (6) giovanni Tria (6) governo Gentiloni (6) ideologia (6) incontro internazionale (6) la variante populista (6) liberosambismo (6) migranti (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) pensioni (6) populismo democratico (6) sardegna (6) suicidi (6) suicidi economici (6) tecnica (6) terremoto (6) uber (6) utero in affitto (6) Alberto Negri (5) Anguita (5) Antonio Ingroia (5) Assad (5) Bazaar (5) Dario Guarascio (5) Decreto Dignità (5) Decreto sicurezza (5) Dimitris Mitropoulos (5) Eros Cococcetta (5) Federalismo (5) Federico Fubini (5) Ferdinando Pastore (5) Finlandia (5) Forza Italia (5) Franco Bartolomei (5) Franco Busalacchi (5) HAMAS (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Joël Perichaud (5) Kirchner (5) Lucca (5) Luigi De Magistris (5) Marcello Teti (5) No Monti Day (5) No debito (5) Npl (5) Paolo Becchi (5) Parigi (5) Partito tedesco (5) Pcl (5) Rete dei Comunisti (5) Romano Prodi (5) Rosatellum 2 (5) Sharing Economy (5) Stathis Kouvelakis (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Val di Susa (5) Wolfgang Munchau (5) afghanistan (5) alleanze (5) banche popolari (5) brasile (5) califfato (5) camusso (5) confindustria (5) cuba (5) debitori (5) di Pietro (5) donna (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni. Lega (5) fratelli musulmani (5) giornalismo (5) giovani (5) governo (5) jihadismo (5) laicismo (5) massimo fini (5) pomigliano (5) procedura d'infrazione (5) proteste agricoltori (5) rifugiati politici (5) risorgimento (5) salvinismo (5) sovranismi (5) tremonti (5) wikileaks (5) 16 giugno Roma (4) ALBA (4) Africa (4) Alessia Vignali (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Angelo Panebianco (4) Anna Falcone (4) Antonio Gramsci (4) Aurelio Fabiani (4) Autostrade per l'Italia (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (4) Carovana di solidarietà (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Chiavacci Alessandro (4) Città della Pieve (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (4) Corea del Nord (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Die Linke (4) Diego Melegari (4) Felice Floris (4) Francesco Giavazzi (4) Frente civico (4) GIAPPONE (4) Giorgia Meloni (4) Giuliano Pisapia (4) Giulio Regeni (4) Giulio Sapelli (4) Giuseppe Mazzini (4) Imu (4) Incontro di Roma (4) JP Morgan (4) Jacques Nikonoff (4) Karl Polany (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Leonardo Mazzzei (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Macron (4) Marcello Minenna (4) Marchionne (4) Martin Heidegger (4) Marx (4) Morgan Stanley (4) Mosul (4) NO TAP (4) Noi sicialiani con Busalacchi (4) ONU (4) Oscar Lafontaine (4) Paolo Gerbaudo (4) Piattaforma di sinistra (4) Pier Paolo Dal Monte (4) Piero Bernocchi (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Sergio Starace (4) Simone Pillon (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) TAP (4) Thomas Fazi (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) Visco (4) Vladimiro Giacché (4) Xarxa Socialisme 21 (4) Xi Jinping (4) Yemen (4) agricoltura biologica (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) bigenitorialità (4) carceri (4) chiesa ortodossa (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianesimo (4) cristianismo (4) decreto vaccini (4) demografia (4) diritti di cittadinanza (4) donne (4) elezioni 2017 (4) elezioni comunali 2017 (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) il fatto quotidiano (4) informatica (4) intelligenza artificiale (4) irisbus (4) irlanda (4) italia (4) ius soli (4) legge del valore (4) legge di stabilità 2017 (4) parti de gauche (4) patrimoniale (4) porcellum (4) precarietà (4) presidente della repubblica (4) primarie (4) protezionismo (4) risparmio (4) salute (4) saviano (4) seminario (4) sottoscrizione (4) spending review (4) spesa pubblica (4) statizzazione banche (4) transizione al socialismo (4) trattati europei (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) xylella (4) 19 ottobre (3) Ahmadinejad (3) Alavanos (3) Albert Einstein (3) Alberto Alesina (3) Alessandro Somma (3) Alfiero Grandi (3) America latina (3) Antonella Stirati (3) Antonio Amoroso (3) Aquisgrana (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bergoglio (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Bloco de Esquerda. (3) Cerveteri Libera (3) Cia (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Commissione europea (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Davide Serra (3) Deutsche Bank (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Diosdado Toledano (3) EDWARD SNOWDEN (3) Eleonora Forenza (3) Emanuele Severino (3) Ernest Vardanean (3) Ernesto Laclau (3) Eurasia (3) Fabio Nobile (3) Fabrizio Tringali (3) Fausto Sorini (3) Filippo Abbate (3) Francesco Salistrari (3) Fratoianni (3) Fronte Sovranista Italiano (3) Gianni Ferrara (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giuseppe Pelazza (3) Goofynomics (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) Hezbollah (3) ISTAT (3) Ilaria Bifarini (3) Ivan Cavicchi (3) Jens Weidmann (3) Jugoslavia (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) MOHAMED KONARE (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marcello Foa (3) Marco Bulletta (3) Marco Mainardi (3) Mario Volpi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Massimo cacciari (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Milton Friedmann (3) Modern Money Theory (3) Moldavia (3) Morya Longo (3) Napoli (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Noi Mediterranei (3) Olanda (3) Palermo (3) Panagiotis Sotiris (3) Paola De Pin (3) Patrizia Badii (3) Pci (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Rinascita (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Salento (3) Sarkozy (3) Scenari Economici (3) Six Pack (3) Ugo Arrigo (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) alceste de ambris (3) austria (3) bollettino medico (3) crediti deteriorati (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) diritto d'asilo politico (3) diritto di cittadinanza (3) divorzio banca d'Italia Tesoro (3) dollaro (3) economia sociale di mercato (3) euroasiatismo (3) forza nuova (3) futuro collettivo (3) gender (3) giustizia (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) minijobs. Germania (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) occidente (3) oligarchia (3) partito (3) partito democratico (3) psicanalisi (3) quota 100 (3) rai (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) robotica (3) sanità. spending review (3) seminario teorico (3) senato (3) sme (3) social media (3) socialdemocrazia (3) sondaggi (3) sovranità e costituzione (3) sovrapproduzione (3) takfir (3) tassisti (3) terza assemblea P101 (3) tv (3) università (3) violenza (3) web (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 25 aprile 2017 (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Alberto Benzoni (2) Alberto Montero (2) Alétheia (2) Amando Siri (2) Amazon (2) Andalusia (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Arabia saudita (2) Arditi del Popolo (2) Armando Mattioli (2) Armando Siri (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Banca (2) Bandiera rossa in movimento (2) Benedetto Croce (2) Benetton (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Blockchain (2) Bolkestein (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Carlo Clericetti (2) Carlo Freccero (2) Carlo Romagnoli (2) Cernobbio (2) Certificati di Credito Fiscale (2) Cgia Mestre (2) Chantal Mouffe (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Claudia Castangia (2) Colonialismo (2) Comitato antifascista russo-ucraiono (2) Conte (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Dani Rodrik (2) De Bortoli (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Domenico Losurdo (2) Don Giancarlo Formenton (2) Dugin (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Ego della Rete (2) Emilia Clementi (2) Emiliano Gioia (2) Eric Toussaint (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) Ettore Livini (2) European Quantitative-easing Intermediated Program (2) F.List (2) Federal reserve (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Filippo Gallinella (2) Fiumicino (2) Forestale (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Forum Popoli Mediterranei (2) Francesco Lamantia (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Neri (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Futuro al lavoro (2) Generale Pappalardo (2) Gentiloni (2) Giacomo Bracci (2) Giacomo Russo Spena (2) Giada Boncompagni (2) Giancarlo Cancelleri (2) Gig Economy (2) Giorgio Gattei (2) Giovanni Gentile (2) Giuliano Amato (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Google (2) Grottaminarda (2) Guido Grossi (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hitler (2) Héctor Illueca (2) INPS (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Italia Ribelle (2) Iugend Rettet (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Junker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) La Grassa (2) Lelio Basso (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marco Revelli (2) Maria Elena Boschi (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Tronti (2) Mark Zuckerberg (2) Marocco (2) Massimo D'Antoni (2) Massimo PIvetti (2) Michele Serra (2) Michele fabiani (2) Microsoft (2) Militant (2) Moscovici (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Mélenchon (2) Nadia Garbellini (2) Netanyahu (2) Nicaragua (2) Omt (2) Oriana Fallaci (2) Ostia (2) Paolo Maddalena (2) Papa (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) PdCI (2) Pdl (2) Piano di eradicazione degli ulivi (2) Piemonte (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Portella della Ginesta (2) Preve (2) Quarto Polo (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Reddito di inclusione sociale (2) Riccardo Bellofiore (2) Riccardo Ruggeri (2) Riscossa Italia (2) Roberto Ferretti (2) Rosanna Spadini (2) Rosarno (2) Rozzano (2) Ryan air (2) SPD (2) STX (2) Sahra Wagenknecht (2) Salistrari (2) Schumpeter (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Seconda Assemblea CLN (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Severgnini (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stefano Zecchinelli (2) Steve Bannon (2) Stiglitz (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Telecom (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Piketty (2) Tito Boeri (2) Tiziana Ciprini (2) Tltro (2) Tomaso Montanari (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) VOX (2) Valerio Bruschini (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) agricoltori indignati (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) animalismo (2) antisemitismo (2) atac (2) banche venete (2) battaglia d'autunno (2) biotecnocrazia (2) blocco sociale (2) bontempelli (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) clausole di salvaguardia (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) comuni (2) comunicazione (2) curdi (2) debito (2) debito privato (2) denaro (2) deregulation (2) domenico gallo (2) due euro (2) elezioni comunali 2015 (2) elezioni comunali 2019 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) esercito (2) eugenetica (2) expo (2) export (2) fake news (2) fecondazione eterologa (2) fincantieri (2) fine del lavoro (2) foibe (2) frontiere (2) gaypride (2) genetica (2) gennaro Migliore (2) geoeconomia (2) giacobinismo (2) governicchio (2) greta thumberg (2) guerra di civiltà (2) inceneritori (2) indignatos (2) industria italiana (2) ines armand (2) intimperialismo (2) isu sanguinis (2) legge (2) legge di bilancio 2020 (2) legge di stabilità 2018 (2) lgbt (2) libano (2) liberi e uguali (2) libertà di pensiero (2) machiavelli (2) maidan (2) manifestazione 2 giugno 2018 (2) marina silva (2) mercantislismo (2) no expo (2) non una di meno (2) olocausto (2) omosessualità (2) paolo vinti (2) pareggio di bilancio (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) patto politico (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) prescrizione (2) proporzionale (2) province (2) razionalismo (2) reddito di base (2) ricchezza (2) rifiuti (2) riformismo (2) rivoluzione russa (2) rivoluzione socialista (2) sciopero generale (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) silicon valley (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sinistra transgenica (2) società (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) teologia (2) terzo polo (2) transumano (2) ulivi (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) uscita da sinistra (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 100 giorni (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 25 aprile 2018 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 4 novembre (1) 5G (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 8 settembre (1) 9 febbraio 2019 (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Aberto Bellini (1) Accellerazionismo (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) AirCrewCommittee (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alan Johnson (1) Alba Libica (1) Albania (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alexander Zakharchenko (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amintore Fanfani (1) Amoroso (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Andrew Spannaus (1) Angela Matteucci (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Anthony Coughlan (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonio Rinaldis (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Apple (1) Arditi (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art 81 (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Assange (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Atlantia (1) Attali (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Bashar al-Assad (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bazar (1) Bcc (1) Bekaert (1) Belardelli (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Blade Runner 2049 (1) Boicotta Eurovision (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolsonaro (1) Bossi (1) Branko Milanovic (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Britannia (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) CNL (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Caritas (1) Carlo Candi (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Rovelli (1) Carmine Pinto (1) Casal Bruciato (1) Cascina Raticosa (1) Casini (1) Cassazione (1) Cassese Sabino (1) Catarina Martins (1) Cekia (1) Cesare Battisti (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christian Napolitano (1) Christian Rocca (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Civitavecchia (1) Claudia Zeta (1) Claudio Maartini (1) Claudio Magris (1) Claus Offe (1) Concita De Gregorio (1) Confederazione europea (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Coordinamento europeo per l'uscita dall'Unione (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Corte Europea sui diritti dell'uomo (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cuperlo (1) DDL (1) Dagospia (1) Daisy Osauke (1) Damiano palano (1) Dan Glazebrook (1) Daniela Conti (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Masi (1) De Vito (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Dimitris Christoulias (1) Dio (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Elliott Gabriel (1) Emilia-Romagna (1) Emilio Gentile (1) Emma Bonino (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrica Perucchietti (1) Enrico Angelini Partigiano (1) Enrico Gatto (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Erasmo vecchio (1) Ernesto Pertini (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Gotti Tedeschi (1) Eugenio Scalgari (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) Extincion Rebellion (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio De Masi (1) Fabio Dragoni (1) Fabio Mini (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio De Paoli (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Florian Philippot (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Foro di Sao Paulo (1) Forum Ambrosetti (1) Forum dei Popoli Mediterranei (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lenzi (1) Francesco Magris (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Fred Kuwornu (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabanelli (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bellini (1) Giacomo Bellucci (1) Giacomo Vaciago (1) Giacomo Zuccarini (1) Giancarlo Bergamini (1) Gianluigi Paragone (1) Gim cassano (1) Giordano Sivini (1) Giovanna Vertova (1) Giovanni De Cristina (1) Giovanni Lo Porto (1) Giovanni Schiavon (1) Giovanni Tomei (1) Giovanni di Cristina (1) Giulia Grillo (1) Giuliana Commisso (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Ambrosetti (1) Giulio Bonali (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tarro (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Lutrario (1) Guido Ortona (1) Günther Anders (1) HSBC (1) Hainer Flassbeck (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huawei (1) Huffington Post (1) IPHONE (1) IRiS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Illueca (1) Imposimato (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) Inge Höger (1) Intellettuale dissidente (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Intesa Sanpaolo (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) JULIAN ASSANGE (1) Jacopo Custodi (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jason Barker (1) Je so' Pazz' (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) Joel Perichaud (1) John Laughland (1) John Locke (1) John Pilger (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Joseph Shumpeter (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Jugend Rettet (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kelsen (1) Kemi Seba (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kirill Vasilev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kosovo (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Koutsianas Pantelis (1) Kruhman (1) Ktragujevac (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Left (1) Legge 194 (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) Lev Gumilev (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Riboli (1) Lidia Undiemi (1) Lillo Massimiliano Musso. Leoluca Orlando (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Alfano (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Lorenzo Fioramonti (1) Lorenzo Fontana (1) Loris Caruso (1) Luca Donadel (1) Luca Pagni (1) Lucarelli (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luigi Zingales (1) Luka Mesec (1) López Obrador (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Macedonia (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcello Veneziani (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Cattaneo (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Rizzo (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Marcuse (1) Margarita Olivera (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Marina Minicuci (1) Mark Rutte (1) Maroni (1) Marta Fana (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo Costa (1) Massimo Gramellini (1) Massimo Recalcati (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Matteo Pucciarelli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Blondet (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Bocci (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Mdp (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Messico (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michelangelo Vasta (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Mihaly Kholtay (1) Milano (1) Milosevic (1) Milton Friedman (1) Mimmo Lucano (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Mladic (1) Mohamed bin Salman (1) Mohammad Javad Zarif (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Moshe Ya’alon (1) Moves (1) Movimento 77 (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimento di Liberazione Popolare (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Nancy Fraser (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) New York Times (1) Nicky Hager (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolas Dupont-Aignan (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Noelle Neumann (1) Noi sicialiano con Busalacchi (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) Nsa (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omnium (1) Onda d'Urto (1) Open Society Foundations (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) P01 (1) PCE (1) PCdI (1) PIANESI MARIO (1) POSSIBILE (1) PRISM (1) PSUV (1) Pablo Stefanoni (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Di Martino (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito comunista (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Paul "Elliot" Singer (1) Paul De Grauwe (1) Paul Steinhardt (1) Per una sinistra rivoluzionaria (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piepoli (1) Pier Francesco Zarcone (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Attinasi (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Pino Prestigiacomo (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RENAUD LAMBERT (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Radek (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Ramarrik de Milford (1) Ramon Franquesa (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) René Girard (1) Report (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Rino Formica (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Robert Mundell (1) Roberta Lombardi (1) Roberto D'Agostino (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Marchesi (1) Roberto Martino (1) Roberto Massari (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rocco Casalino (1) Rohani (1) Roma 13 ottobre 2018 (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosatellum (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) SYLVAIN LEDER (1) Sacko Soumayla (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Schengen (1) Schlageter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) SiAMO (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Slavoj Zizek (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svitlana Grugorciùk (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tiziana Drago (1) Tommaso Nencioni (1) Tommaso Rodano (1) Tonia Guerra (1) Tony Manigrasso (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Tribunale dell'Aia (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ugo Mattei (1) Ulrich Grillo (1) Unicredit (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Valerio Colombo (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vito Lops (1) Vito Storniello (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) WHIRLPOOL (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolfgang Streeck (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zagrebelsky (1) Zaia (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zecchinelli (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) Zygmunt Bauman (1) aborto (1) accise (1) adozioni (1) agorà (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) alta velocità (1) amanda hunter (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antimperialista (1) antisionismo (1) antispecismo (1) antropocene (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) armi (1) arresti (1) asia argento (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) ateismo (1) autogestione (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) big five (1) bilancia dei pagamenti (1) bioetica (1) biologia (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bomba atomica (1) bonapartismo (1) brigantaggio (1) bufale (1) bullismo (1) calcio (1) campagna di finanziamento (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) cassa depositi e prestiti (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) cdp (1) censis (1) censura (1) chokri belaid (1) comitato (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) confucio (1) consiglio superiore della magistratura (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) curzio maltese (1) cybercombattenti (1) cyborg (1) dabiq (1) dall'euro (1) dalla NATO e dal neoliberismo (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) decretone (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dichiarazione di Roma (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) dracma (1) dughin (1) ebraismo (1) economie di scala (1) economist (1) ecosocialismo (1) egolatria (1) elezioni comunali 2018 (1) elezioni regionali 2019 (1) embraco (1) enav (1) enrico Corradini (1) estremismo (1) eurasismo (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) fiducia (1) finan (1) finaza (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forme (1) freelancing (1) fuga dei capitali (1) fusione dei comuni (1) genere (1) giusnaturalismo (1) global compact (1) gold standard (1) governabilità (1) governo neutrale (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) illiberale (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) incendi (1) independent contractor (1) india (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) intervista (1) ius sanguinis (1) ivana fabris (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge Madia (1) legge anticorruzione (1) legge antisciopero (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) leva obbligatoria (1) lex monetae (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) libra (1) linguaggio (1) link tax (1) liste civiche. (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) luddismmo (1) lula (1) madre surrogata (1) mafiodotto (1) maghreb (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) massoneria (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) matteo bortolon (1) megalamania (1) memoria (1) mercantilismo (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) modernità (1) molestie (1) momento polany (1) monetarismo (1) moody's (1) nascite (1) nazion (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) no allo spezzatino (1) no vax (1) nobel (1) norvegia (1) numero chiuso (1) obiezione di coscienza (1) occupy wall street (1) oligarchia eurista (1) ong (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) partito americano (1) partito brexit (1) partito umanista (1) patria (1) pecchioli luigi (1) peronismo (1) personalismo (1) petiziion (1) piaciometro (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piero visani (1) pietro ratto (1) piigs (1) politicamente corretto (1) politiche austeritarie (1) polizia (1) ponte Morandi (1) popolo (1) post-elezioni (1) post-operaismo (1) postumano (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) qualunquismo (1) questione meridionale (1) quinta internazionale (1) rampini (1) rappresentanza (1) recensioni (1) regione umbria (1) rete 28 Aprile (1) ride sharing (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) robot killer (1) rosabrunismo (1) rublo (1) salafismo (1) salir del euro (1) sandro veronesi (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) sicurezza (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) smartphone (1) social forum (1) sondaggio demos (1) specismo (1) spionaggio (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) suez (1) supe-bolla (1) supply-side economics (1) svimez (1) takfirismo (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) torre maura (1) tortura (1) transgender (1) transumanismo (1) trappola della liquidità (1) trasformismo (1) trasumanesimo (1) trenitalia (1) triptrorelina (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uberizzazione (1) ultimatum (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vertice di Roma (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) wahhabismo (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)