lunedì 25 marzo 2019

CLIMA 2: QUELLI CHE NON SE LA BEVONO di Leonardo Mazzei

[ 25 marzo 2019 ]

Nel nostro precedente articolo abbiamo cercato di mettere una pulce nell'orecchio su uno dei diversi motivi - certo non l'unico - che possono spiegare l'attuale narrazione catastrofista sul clima: il nucleare. Che non si tratti affatto di un'ipotesi strampalata, ce lo dimostra l'iniziativa intrapresa da Bill Gates, segnalataci da un nostro lettore (Filippo), e prontamente messa in luce da sollevAzione.
L'articolo, come altri precedenti interventi (leggi qui e qui) ha suscitato un certo interesse e diverse critiche. E' giusto e naturale che sia così. Da parte nostra siamo partiti da un'unica certezza: che non ce la stanno raccontando giusta.


In questo secondo articolo avrei voluto iniziare ad entrare nel merito, spiegando le ragioni per cui penso che in materia di "cambiamento climatico" le bufale interessate siano di gran lunga superiori ai pur legittimi motivi di preoccupazione. Lo farò invece nel prossimo intervento, perché prima bisogna fare chiarezza su un luogo comune che va spazzato via: quello — presente in molti commenti, e comunque diffusissimo nei media e nell'opinione pubblica — secondo cui nella comunità scientifica non vi sarebbero incertezze sulla teoria del "Riscaldamento Globale Antropogenico" (AGW l'acronimo in inglese).

Secondo questa tesi ad avanzare dubbi sarebbero soltanto complottisti svitati ed incorreggibili, lobbisti del settore petrolifero, od ignoranti perfetti semplicemente ignari dell'imminente catastrofe. Ovviamente chi scrive non è un climatologo, come non è tantissime altre cose. Ma, a parte il fatto che anche la stragrande maggioranza di chi è certo del "cambiamento climatico" non ha spesso competenza alcuna, è forse un male provare a ragionarci su? Se la "Verità" ci viene oggi da una sedicenne svedese, avremo anche noi almeno il diritto di dire ciò che si pensa?


In ogni caso — e questo è l'oggetto dell'articolo — non è affatto vero che sul "riscaldamento globale" il mondo della scienza sia unanime. E' vero, invece, che gli scienziati che dissentono dalla narrazione ufficiale hanno subito un po' tutti un graduale processo di marginalizzazione. Insomma, il "pensiero unico" non scherza. Ed il potere economico e politico che lo sostiene ancor meno. Ma tutto ciò è naturale, basterebbe solo non negarne l'evidenza.

Un piccolo esempio


Voglio partire da un piccolo esempio su come vengono date certe notizie. Scrive un nostro lettore — Pugacev — che: «il dibattito sul contributo o meno delle forzanti antropogeniche al cambiamento in atto è tale solo al di fuori della comunità dei ricercatori in materia». Un'affermazione apodittica, basata su un'analisi del consenso scientifico attorno alla tesi dell'AGW, compiuta da un gruppo di ricercatori di università nord-americane, inglesi ed australiane. Un metodo, quello del "consenso", peraltro assai discutibile, dato che la verità scientifica non dovrebbe esser decisa a maggioranza. Ma lasciamo perdere, che qui c'è una questione ancor più grossa.

Secondo Pugacev — ma la sua è l'esatta interpretazione ufficiale dello studio in oggetto — proprio non vi sarebbero dubbi su quel che pensano gli scienziati. Del resto la conclusione dello studio, da lui citata, proprio non lascerebbe scampo: 


«Il numero di articoli che negano l'RGA (acronimo in italiano dell'AGW, ndr) è una proporzione minuscola della ricerca pubblicata, la cui percentuale decresce leggermente nel tempo. Tra gli articoli che esprimono una posizione sull'RGA, una percentuale schiacciante (97,2%, basata sull'autovalutazione, il 97,1% basata sull'analisi degli abstract) supporta la posizione condivisa sull'RGA».
Insomma 97 a 3, ma di cosa volete discutere? Così vorrebbe farci intendere tutto il circo mediatico, ricordandoci questo punteggio da partita di rugby tra Nuova Zelanda e San Marino. Ma stanno così le cose? Assolutamente no. Ed a dirlo non siamo noi, ma lo stesso studio arrivato a quelle conclusioni. Il che è vagamente surreale, ma forse anche istruttivo di come procede talvolta la scienza.

Leggetevi attentamente lo studio (per i più pigri è sufficiente l'abstract) e capirete il perché quella conclusione è nella sostanza semplicemente falsa. Nella sostanza, perché invece la forma l'hanno ovviamente salvata. Ma proprio qui sta il trucco.

Vediamo di che si tratta. Lo studio ha analizzato il consenso alla teoria dell'AGW nella letteratura scientifica sottoposta a peer review (la cosiddetta "revisione paritaria"). Sono stati esaminati 11.944 abstract relativi ai temi "cambiamento climatico globale" e "riscaldamento globale". Il risultato è che il 66,4% degli abstract non ha espresso alcuna posizione sull'AGW, il 32,6% si è espresso a favore, l'1% contro.

Dunque, solo il 32,6% si è detto esplicitamente convinto della teoria, mentre nulla sappiamo di ciò che pensa la maggioranza assoluta del 66,4% che ha preferito non esprimersi. Ora, qui non può valere il principio del "chi tace acconsente", che è invece la "spiegazione" che gli autori dello studio forniscono al punto 4, nel tentativo di nascondere un certo imbarazzo. Se ricercatori che si sono applicati non al tema del clima in generale, ma a quello più specifico dei "cambiamenti climatici", hanno ritenuto di non esprimersi neanche con una parola sulla teoria dominante qualche ragione ci sarà. Certo, come sostiene lo studio, qualcuno l'avrà fatto perché ritiene la teoria scontata, ma qui stiamo parlando dei due terzi esatti degli articoli scientifici esaminati! Ragionevole pensare, dunque, che molti altri abbiano invece dei forti dubbi sulla teoria dell'AGW, che altri ancora ritengano comunque l'incidenza delle attività umane minima, che in tanti (anche tra chi ha espresso il suo consenso) pesi la paura di finire in qualche "black list" capace di interromperne la carriera.

In ogni caso la conclusione dello studio, dunque anche la notizia, avrebbe dovuto essere che la maggioranza dei ricercatori non ha ritenuto di esprimersi sulla teoria dell'AGW. Ed invece, conclusione e notizia, hanno sintetizzato il tutto con l'azzittente 97 a 3 che ci ricorda anche l'esito di certe elezioni in Bulgaria. Complimenti vivissimi a cotanta obiettività!


Chi critica la teoria dell'AGW? 


Passiamo ora dai numeri alle persone. Chi sono i pericolosi soggetti che s'arrischiano a contestare la "Verità assoluta" dell'AGW, quelli cioè che non se la bevono, quelli che vengono etichettati come "negazionisti" dalla macchina del fango del "politicamente corretto"? Magari molti si aspetteranno di trovarvi i sostenitori delle scie chimiche, o (oggi è più di moda) gli adepti di qualche setta terrapiattista. E, invece, vi troveranno un numero insospettabile di autorevoli scienziati, sia a livello mondiale che nazionale.

Scienziati che non negano i "cambiamenti climatici", ma li ritengono in larghissima misura come il frutto di fattori naturali, non antropici. Scienziati che in ogni caso mettono in guardia dal catastrofismo, che contestano le metodologie dell'IPCC [
Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico - Intergovernmental Panel on Climate Change]. Scienziati che denunciano il potere dei soldi, nonché l'influenza degli interessi politici, in ambito scientifico. Scienziati dunque pericolosi.

Naturalmente, chi scrive — pur condividendo tutte le messe in guardia di cui sopra — non sottoscrive ogni affermazione di costoro. Anche perché, pure nel campo dei critici del "riscaldamento globale", esistono, com'è giusto che sia, approcci e posizioni diverse.

Tuttavia una cosa è certa: gli scienziati che si dissociano dalla teoria dominante non sono certo un piccolo drappello. Vi sono premi Nobel, fisici di primissimo livello ed autorevoli climatologi.



Una breve rassegna a livello internazionale 


Partiamo dal Nobel per la Fisica 1973, il norvegese Ivar Giaever. Pur essendo stato tra i 70 Nobel che nel 2008 avevano pubblicamente appoggiato l'elezione di Obama alla presidenza degli Stati Uniti, egli così diceva nel 2015 all'inquilino della Casa Bianca a proposito delle sue posizioni sul clima: «Scusami mr President, ma hai torto, completamente torto».

Secondo il fisico «il global warming è diventato una nuova religione, non se ne può discutere, è una verità incontrovertibile, è come una Chiesa». E proprio a causa del concetto di "incontrovertibilità", espresso dall'American Physical Society, Giaever si è dimesso nel 2011 da quell'associazione.

Ma torniamo al suo discorso del 2015, tenuto al Lindau Nobel Laureates Meeting. Dopo aver messo in discussione l'adeguatezza dei sistemi di rilevamento delle temperature, così si è rivolto all'allora presidente americano: 


«Obama ha recentemente dichiarato che nessuna sfida pone un pericolo maggiore per le generazioni future del riscaldamento globale. Questa è un’affermazione ridicola. Gli Stati Uniti probabilmente uccidono quotidianamente centinaia di persone, hanno probabilmente ucciso mezzo milione di persone nelle guerre degli ultimi dieci anni ed il problema maggiore che affronta Obama sono i cambiamenti climatici? Come può affermare una cosa del genere? Voglio dire questo ad Obama: mi scusi signor Presidente ma lei si sbaglia! Si sbaglia terribilmente!».
Prima di Giaever, un altro importante fisico - Harold Lewis — si era dimesso dall'American Physical Society. Degni di nota i motivi del suo attacco all'associazione. Segnalando l'insabbiamento dello scandalo del "climategate" (ne riparleremo), Lewis denuncia i condizionamenti economici alla ricerca scientifica:
«Come sono cambiate le cose, ora. I giganti non calcano più la terra, e i flussi di denaro sono diventati la raison d’être di molta della ricerca fisica, il sostentamento vitale di una sua porzione ancor maggiore, e forniscono il sostentamento ad un indicibile numero di occupazioni professionali. Per ragioni che diverranno presto chiare, quel mio orgoglio di essere stato per tutti questi anni un Membro dell’APS è stato trasformato in vergogna, e sono costretto, senza alcun piacere in questo, a rassegnare le mie dimissioni dalla Società. Naturalmente è stata la frode del riscaldamento globale, con le (letterali) migliaia di miliardi di dollari che la alimentano, che ha corrotto così tanti scienziati e ha governato l’APS come un’onda anomala. Si tratta della più grande e riuscita frode pseudoscientifica che abbia mai visto nella mia lunga carriera di fisico. Chiunque abbia il minimo dubbio su questo, dovrebbe costringersi a leggere i documenti del ClimateGate, che parlano chiaro… Non credo che un vero fisico, un vero scienziato, possa leggere quella roba senza un senso di repulsione. Di quella repulsione farei quasi la definizione della parola ‘scienziato'».
Richard Lindzen è uno dei più autorevoli climatologi al mondo. Dopo aver partecipato ai lavori dell'IPCC (è l'autore del capitolo 7 del Terzo rapporto - 2001), è diventato un critico severo della teoria del "global warming". «Se la Terra scotta non è colpa nostra», è il titolo di una sua intervista rilasciata a Tuttoscienze, l'inserto scientifico de La Stampa, il 26 settembre 2007.  Rispondendo a Gabriele Beccaria, Lindzen polemizza col pensiero unico che si è imposto — «molti scienziati che la pensano come me tacciono perché hanno paura di perdere fondi e credibilità» —, denuncia che i modelli utilizzati sono sbagliati, afferma che i rapporti dell'IPCC nessuno li ha mai letti per intero.

Che la Terra si scaldi è vero, egli ci dice. E le emissioni prodotte dalle attività umane hanno dato un contributo, ma le paure diffuse sul "cambiamento climatico" non sono giustificate: 


«Ciò che in tanti, e anche molti scienziati, non capiscono è che l'unica certezza che abbiamo sul clima è che sta cambiando. La Terra, però, si è sempre scaldata e raffreddata di qualche decimo di grado ogni anno. E, se si studia la storia del Pianeta, si nota che non c'è mai stata una temperatura "perfetta". Gli allarmi si basano su un falso assunto... Che viviamo in un mondo perfettamente stabile. Così si elaborano previsioni sul 2040 o sul 2100, costruendole su lunghissime catene di eventi, che diventano sempre più imprevedibili via via che i tempi si allungano. E alla fine l'attendibilità è pari a zero».
Naturalmente, i nomi citati sono solo alcuni dei più importanti. In realtà, il numero degli scienziati critici, pur rimanendo una minoranza rispetto ai sostenitori del "riscaldamento globale", è piuttosto elevato. Un'opposizione che ha dato vita a diversi appelli. Tra questi ricordiamo l'Heidelberg Appeal (1992), firmato da oltre 4mila scienziati, tra i quali 72 premi Nobel, seguito nel 1995 dalla Dichiarazione di Lipsia. Ma l'appello più noto è quello conosciuto col nome di Oregon Petition, sottoscritto da oltre 31mila scienziati.

L'autorevolezza scientifica dei promotori e dei firmatari di questi appelli è stata sempre messa violentemente in discussione dai sostenitori del "riscaldamento globale", i quali denunciano la natura lobbistica — a favore delle fonti fossili — di quelle iniziative.

Personalmente mi sento di dire tre cose in merito a tutte queste polemiche. La prima, è che se certo non si può giurare sull'autorevolezza (e sull'"innocenza") di tutti i firmatari, è assai evidente la presenza tra di essi di scienziati di primissimo piano. La seconda, è che se tra di loro vi sono certamente dei lobbisti, la stessa cosa può dirsi anche di esponenti del fronte avverso. La terza — per me assai importante — è che il contenuto di quegli appelli è effettivamente improntato ad una visione produttivista e sviluppista che non fa i conti con la devastazione ambientale che il pianeta sta subendo.

Dunque, per quanto mi riguarda, quegli appelli dicono cose giuste, laddove mettono in guardia dal catastrofismo, ricordandoci i cambiamenti climatici da sempre avvenuti, ma propongono una critica alla teoria del "global warming" che rischia di essere controproducente. Una critica probabilmente giusta sul piano scientifico, ma motivata con un apparato concettuale di tipo "progressista" che rischia di portarci completamente fuori strada.

Questa almeno è la mia opinione. Quel che qui ci interessa dimostrare è però un'altra cosa, e cioè che nel mondo scientifico il consenso alla teoria dell'AGW è tutt'altro che unanime. Un quadro che troverà conferma spostandosi dal livello internazionale a quello italiano.



La "sorpresa" italiana


Venendo all'Italia "scopriremo" essenzialmente tre cose, tutte assai significative. La prima, la più nota, è la netta opposizione alla teoria dell'AGW di due fisici molto conosciuti anche dal grande pubblico (Carlo Rubbia ed Antonino Zichichi). La seconda sta nel giudizio tagliente di uno dei più famosi divulgatori scientifici (Roberto Vacca). La terza, la più importante, risiede nella forte critica alla teoria dominante di due illustri scienziati (Guido Visconti e Franco Prodi), sicuramente due tra i migliori climatologi del nostro Paese. Insomma, in Italia il fronte critico è piuttosto forte, ma tutto ciò può risultare del tutto sorprendente ad un'opinione pubblica quotidianamente bombardata h24 dal partito unico del "global warming".

Su Rubbia Zichichi la facciamo breve. Ovviamente, anche nel loro caso, non tutto ciò che dicono è condivisibile. Ma stiamo pur sempre parlando di un premio Nobel per la Fisica (1984) e dell'ex presidente della Società Europea di Fisica. Liquidarli perché non sono dei climatologi, o peggio, in virtù della loro non più tenera età (come pure ci è capitato di leggere ed ascoltare), pare davvero troppo. Anche perché il peso dell'esperienza andrebbe sempre considerato.

Di Zichichi va segnalato in ogni caso un concetto. «Si facciano leggi che puniscano severamente l'inquinamento senza confondere i veleni con le problematiche climatologiche, come sono CO2 ed effetto serra», risponde a Nicola Porro che lo intervista nel 2015. Ecco, questo è il concetto chiave che condividiamo: una cosa è l'ambiente (e la necessaria lotta per preservarlo e migliorarlo), altra cosa è il clima, spesso chiamato in causa del tutto a sproposito.

Veniamo adesso a Roberto Vacca. Affrontando con prudenza il tema già nel 2005, così scriveva


«E' strano che queste teorie siano state accettate così largamente, dato che solo il 15% dell'effetto serra dipende dal CO2 (predomina nettamente l'effetto del vapore acqueo e anche il metano ha un effetto sensibile). L'argomento è critico: esiste davvero un rischio grave? I pareri sono divisi».
Questa prudenza viene decisamente abbandonata nel 2013, quando affermerà che: 
«Quando parliamo del clima tutte le storie che raccontano sul riscaldamento climatico causato dall'azione degli uomini sono profondamente sbagliate. Non c'hanno capito niente». 
Ora qualcuno obietterà che Vacca è "solo" un divulgatore scientifico, sicuramente bravo e simpatico ma nulla più. Ci permettiamo di dissentire profondamente, dato che il suo approccio scientifico — nel tentativo «di capire chi abbia ragione tra tanti esperti in disaccordo», egli dice» — ci pare decisamente serio.

Dopo Rubbia, Zichichi e Vacca, arriviamo adesso ai climatologi. Guido Visconti, intervistato nel 2011 sulle cause delle alluvioni di quell'anno, così si esprimeva su Rai Televideo
«Quella dei “cambiamenti climatici” è ormai una questione politica, perché evidenze scientifiche non esistono. Per stabilire se sta cambiando o meno il clima in una certa regione dobbiamo fare delle medie su 50 anni. L’unico dato certo, solido, è che la temperatura è aumentata di frazioni di grado in 50 anni. Il resto sono tutte illazioni: chi la gira in un modo, chi in un altro, ma di fatto non esiste nessuna prova scientifica che ci siano variazioni nel regime delle piogge o delle nevi».

Alla giornalista che insiste, chiedendo se è dunque il surriscaldamento del pianeta la causa dell'abbondanza di quelle piogge, Visconti così risponde: 

«Questo non si può dire. Anche se la temperatura è cambiata in 50 anni di tre decimi, quattro decimi di grado, non significa che poi questo si ripercuota sul regime delle piogge e su tutto il resto. Questo è opinabile. Oggi, ripeto, i dati certi sono: a) la variazione di temperatura; b) la riferibilità delle modificazioni termiche agli ultimi 50 anni. Il resto ribadisco sono illazioni. Tenga conto che quello che muove gli scienziati è l’ambizione personale e sono i soldi. Aggiunga questo aspetto ed ha un quadro perfetto della situazione».
Parole chiare e pesanti quelle di Guido Visconti, pronunciate da uno scienziato sulla cui autorevolezza ci pare assai difficile discutere. Le stesse caratteristiche di un altro climatologo, Franco Prodi.

Prodi, allora direttore dell'Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima del CNR  ebbe una discreta notorietà nel 2007, quando criticò duramente l'allora ministro dell'Ambiente Pecoraro Scanio per aver organizzato in maniera cialtronesca una conferenza sui "cambiamenti climatici". «La Conferenza sui cambiamenti climatici? Non ha avuto nulla di scientifico. Non hanno invitato nessuno scienziato e hanno sbagliato a leggere i dati», disse allora Prodi. E la cosa fece scalpore, perché si trattava in fondo del fratello di quel Romano Prodi che, essendo a quel tempo presidente del consiglio, di Pecoraro Scanio era pur sempre il diretto superiore... 

Dopo questo gustoso aneddoto andiamo adesso al succo di quel che pensa Prodi (Franco). Di lui scrive Il Foglio che: 
«Non è facile trovare chi lo critichi apertamente, la sua posizione non allineata al vangelo del global warming mette in difficoltà chi ne stima le capacità lavorative. I suoi detrattori al limite lo liquidano con un “è bravo, ma minoritario”».

La denuncia di Franco Prodi


Un condensato delle sue opinioni lo troviamo in un'intervista a La Repubblica del 2011, della quale è utile riportare di seguito alcune decisive affermazioni.

«Mi vuole chiedere se esistono ancora le mezze stagioni? Spero di non deluderla affermando che in questi cinquant’anni il clima in Italia è cambiato davvero poco. Chi studia queste cose rileva un leggero aumento della pioggia che proviene dalle nubi temporalesche, i cosiddetti rovesci, mentre complessivamente è diminuita l’intensità  della precipitazione». «Si tratta di leggere variazioni che la memoria individuale è portata a ingigantire»E ancora: «Fatico a condividere i toni apocalittici»«Troppo spesso si dà per scontata l'entità dei cambiamenti climatici e si fa credere che si debba ragionare solo sulla mitigazione o sull'adattamento».
Interessante poi il passaggio alla politica: 

«Mi limito a rilevare che dalla fine degli anni Settanta, sotto l’egida delle Nazioni Unite, sono nati organismi che hanno finito per svolgere un ruolo che non è di loro competenza. Da questi organismi si ha notizia di che cosa succederà  nell’ambito del clima. Ma in realtà  sono organismi politici, non scientifici. Le nomine sono di carattere politico. La scienza procede secondo altre strade: non a maggioranza».
Di più: 

«Il livello di conoscenza è basso per molti aspetti. Sappiamo molto sull’anidride carbonica e sui suoi effetti di riscaldamento: si sa che è un gas serra e che è in forte e misurabile aumento. Ma sappiamo meno sul ruolo dell’aerosol, della deforestazione, dell’interfaccia clima-oceano, del calore che ci viene dall’interno della Terra. Non siamo in condizione di prevedere il cambiamento climatico futuro. È la politica internazionale o non so quali altri interessi nascosti che accreditano una conoscenza già acquisita. Ma questo fa molto male alla scienza».
Che dire? Noi saremo anche diventati dei "complottisti", ma — visto quel che dice Franco Prodi — evidentemente il cosiddetto "complottismo" ha un posto a tavola anche nella più numerosa famiglia del centrosinistra italiano!

Chiudiamo con un'altra divertente annotazione. Avrete notato come l'intervistatrice abbia chiesto a Visconti, nel 2011, un pronunciamento (che non c'è stato) sulla relazione tra "riscaldamento globale" e aumento delle piogge. La cosa dovrebbe far riflettere, perché in queste settimane la narrazione è opposta, quella secondo cui l'attuale siccità nel nord Italia deriverebbe anch'essa dal "global warming". Sulla questione, Franco Prodi, intervistato da Libero lo scorso 13 marzo, è stato lapidario. La siccità usata come prova del cambiamento climatico? «E' una bestialità».



Conclusioni


A questo punto ci possiamo fermare. Tutto si potrà dire, ma non che il dibattito sui "cambiamenti climatici" sia da considerarsi ormai chiuso. La cosa interessante, che emerge da questa breve carrellata, è che gli scienziati che non se la bevono non si limitano a puntute osservazioni di natura scientifica. Ad esse aggiungono in maniera decisa la denuncia degli interessi politici ed economici in gioco. Che forse non dovremmo tener conto di questa critica radicale al mondo della scienza, proveniente proprio da chi in quel mondo è da sempre vissuto?

Sarebbe un atteggiamento da struzzi. Se tanti scienziati vanno dritti al nodo politico, abbiamo ragione, oppure no, a farci delle domande sugli scopi della campagna catastrofista in corso? O dovremmo forse berci anche noi l'attuale narrazione, trangugiando con essa pure il cervello?

2 (continua)


Sostieni SOLLEVAZIONE e Programma 101

Print Friendly and PDF

14 commenti:

  • Nicola Morgantini scrive:
    25 marzo 2019 12:07

    A proposito di aneddoti divertenti: sul finire degli anni Ottanta, uno "scienziato" (credo fosse giapponese), tirò fuori la storia che il buco dell'ozono era causato dalle bombolette spray. Questa minchiata ebbe una notevole diffusione, tanto che il sindaco di un paesino della Toscana emise un'ordinanza con la quale vietò, su tutto il territorio comunale, l'uso appunto di queste bombolette.

  • yakoviev scrive:
    25 marzo 2019 12:51

    Io sono tra quelli convinti che, se le temperature medie sono in progressivo aumento, ciò sia dovuto sostanzialmente al naturale ciclo del clima. Se, nella storia del clima, esistono i grandi cambiamenti (glaciazioni e periodi interglaciali), anche nei periodi interglaciali come quello che stiamo vivendo il clima non è naturalmente costante, ma nel corso dei secoli le temperature medie si alzano e si abbassano (ho fatto l'esempio in un commento di qualche tempo fa del Periodo Caldo Medievale, seguito dalla Piccola Era Glaciale, seguito da un nuovo progressivo riscaldamento a partire dalla metà del 1800 circa, che stiamo vivendo ancora oggi). In pratica chi oggi sostiene la causa antropica del riscaldamento globale, immagina l'andamento del clima come una linea retta (che noi umani avremmo stoltamente modificato) invece che una linea sinusoidale, come effettivamente è. In questo dibattito sono del resto escluse importanti categorie, come ad esempio gli storici, che potrebbero testimoniare come i cambiamenti climatici già nei secoli e nei millenni passati abbiano influito anche nelle vicende umane, nello sviluppo delle civiltà, nelle esplorazioni etc. Per tornare alla politica attuale, sorprende come questa storia del clima fagociti improvvisamente tutto ciò che riguarda l'inquinamento: l'emergenza diventa quasi esclusivamente l'effetto serra, temi come il danno incalcolabile alla salute degli uomini e degli esseri viventi, lo smaltimento dei rifiuti etc passano in secondo piano

  • Pugacev scrive:
    25 marzo 2019 18:34

    Apprezzo molto lo sforzo della redazione, e in particolare di Leonardo Mazzei nel voler entrare nel merito della questione, per superare le prese di posizione sbrigative e tranchant del primo intervento sulla questione del global warming e dell'eventuale contributo antropogenico a tale cambiamento.

    Ci sarebbero molte cose da dire, e il tempo mi manca per prenderle tutte in considerazione. Tuttavia, dato che sono stati citati i miei interventi ed è stata ribaltata su di me l'accusa di portare affermazioni "apodittiche", rileggendo l'ampia rassegna dei papers che avevo linkato, dando così a tutti la possibilità di esaminarla autonomamente, vorrei aggiungere due righe di commento in merito.

    Mazzei afferma: "Leggetevi attentamente lo studio (per i più pigri è sufficiente l'abstract) e capirete il perché quella conclusione è nella sostanza semplicemente falsa. Nella sostanza, perché invece la forma l'hanno ovviamente salvata. Ma proprio qui sta il trucco" ... "solo il 32,6% si è detto esplicitamente convinto della teoria, mentre nulla sappiamo di ciò che pensa la maggioranza assoluta del 66,4% che ha preferito non esprimersi".

    Ora, se si vuole criticare attentamente la rassegna ed i suoi limiti, bisogna davvero leggerla tutta: la rassegna è basata sugli abstract degli studi esaminati e sulle autovalutazioni di quegli autori che hanno risposto alla richiesta fatta dai redattori della rassegna. Il fatto che il 66,4% degli studi non esprime posizione sull'AWG significa semplicemente che nell'abstract del loro studio non riporta una discussione del contributo antropogenico, non che gli autori, o il loro studio, siano agnostici in merito. Infatti, se consideriamo le autovalutazioni degli autori che hanno risposto all'indagine, vediamo che le percentuali si ribaltano, con il 62% che supporta la natura antropogenica del global warming, e il 32% che non ha posizione in merito.

    Ciò non deve stupire, dato che "le ricerche generalmente si concentrano su domande aperte, su cui vi è dibattito nella comunità scientifica, piuttosto che su questioni su cui tutti concordano" (Oreskes, 2007).

    Per cui non me ne voglia Mazzei, ma se si vuole andare nel merito, bisogna andarci fino in fondo. L'unica certezza che si può dare sugli agnostici in base alla rassegna in esame, è che sono il 32% del campione che ha risposto alla richiesta di autovalutazione, e non il 66% del totale. Una percentuale minoritaria, ma comunque consistente. Resta il fatto che gli scienziati che NEGANO la natura antropica del cambiamento climatico sulla base di STUDI EMPIRICI PUBBLICATI SU RIVISTE DI SETTORE, e non di opinioni - per quanto autorevoli -, sono una striminzita riserva indiana.

    E, per favore, la si pianti di accumunare le critiche di compagni in buona fede come me alla "macchina del fango del politicamente corretto". Il mio obiettivo è dare un contributo allo sviluppo un'analisi obiettiva della questione tra i patrioti costituzionali e al raggiungimento di un corretto ed efficace posizionamento politico in merito. Continuare ad agitare la coda di paglia davvero non serve.

    Con stima

  • Pugacev scrive:
    25 marzo 2019 18:47

    (correggo alcuni refusi del precendente commento, che potete cancellare assieme a questa precisazione)

    Apprezzo molto lo sforzo della redazione, e in particolare di Leonardo Mazzei nel voler entrare nel merito della questione, per superare le prese di posizione sbrigative e tranchant del primo intervento sulla questione del global warming e dell'eventuale contributo antropogenico a tale cambiamento.

    Ci sarebbero molte cose da dire, e il tempo mi manca per prenderle tutte in considerazione. Tuttavia, dato che sono stati citati i miei interventi ed è stata ribaltata su di me l'accusa di portare affermazioni "apodittiche", vorrei aggiungere due righe di commento in merito.

    Esaminando l'ampia rassegna dei papers che avevo linkato (dando così a tutti la possibilità di farsi un’idea autonoma), Mazzei afferma: "Leggetevi attentamente lo studio (per i più pigri è sufficiente l'abstract) e capirete il perché quella conclusione è nella sostanza semplicemente falsa. Nella sostanza, perché invece la forma l'hanno ovviamente salvata. Ma proprio qui sta il trucco" ... "solo il 32,6% si è detto esplicitamente convinto della teoria, mentre nulla sappiamo di ciò che pensa la maggioranza assoluta del 66,4% che ha preferito non esprimersi".

    Ora, se si vuole criticare attentamente la rassegna ed i suoi limiti, bisogna davvero leggerla tutta: la rassegna è basata sugli abstract degli studi esaminati e sulle autovalutazioni di quegli autori che hanno risposto alla richiesta in merito fatta dai redattori della rassegna. Il fatto che il 66,4% degli studi non esprime posizione sull'AWG significa semplicemente che l'abstract del loro studio non riporta una discussione del contributo antropogenico, non che gli autori - o che il loro studio -, siano agnostici in merito. Infatti, se consideriamo le autovalutazioni degli autori che hanno risposto all'indagine, vediamo che le percentuali si ribaltano, con il 62% che supporta la natura antropogenica del global warming, e il 32% che non ha posizione.

    Ciò non deve stupire, dato che "le ricerche generalmente si concentrano su domande aperte, su cui vi è dibattito nella comunità scientifica, piuttosto che su questioni su cui tutti concordano" (Oreskes, 2007).

    Per cui non me ne voglia Mazzei, ma se si vuole andare nel merito, bisogna andarci fino in fondo. L'unica certezza che si può dare sugli agnostici in base alla rassegna in esame, è che sono il 32% del campione che ha risposto alla richiesta di autovalutazione, e non il 66% del totale. Una percentuale minoritaria, ma comunque consistente. Resta il fatto che gli scienziati che NEGANO la natura antropica del cambiamento climatico sulla base di STUDI EMPIRICI PUBBLICATI SU RIVISTE DI SETTORE, e non di opinioni - per quanto autorevoli -, sono una striminzita riserva indiana.

    E, per favore, la si pianti di accumunare le critiche di compagni in buona fede come me alla “macchina del fango del politicamente corretto". Il mio obiettivo è dare un contributo allo sviluppo un'analisi obiettiva della questione tra i patrioti costituzionali e al raggiungimento di un corretto ed efficace posizionamento politico in merito. Continuare ad agitare la coda di paglia davvero non serve.

    Con stima.

  • Leonardo Mazzei scrive:
    25 marzo 2019 23:09

    Tre cose a Pugacev:

    1. Da parte mia nessuna volontà polemica. Anzi, al di là dell'evidente dissenso, avevo apprezzato che tu fossi entrato nel merito. Il problema è come vengono presentati i dati dello studio che hai citato (su questo tornerò al punto 3). Ma la responsabilità di tutto ciò è essenzialmente degli autori di quello studio, non di chi l'ha citato.

    2. Nell'articolo non ti ho affatto accomunato alla macchina del fango del "politicamente corretto". Io ho solo scritto che l'etichetta di "negazionista" è tipica di quella macchina del fango. E su questo non ho proprio alcun dubbio.

    3. Purtroppo non sono d'accordo sulla tua puntualizzazione sulle "autovalutazioni". Avevo letto i dati che citi in questo ultimo commento, ma non ne ho fatto menzione perché a mio giudizio assai meno significativi di quelli basati sull'analisi degli abstract. Questo per un motivo molto semplice: gli abstract esaminati sono 11.944, le autovalutazioni riguardano invece solo 2.142 articoli (pari al 17,9%). Su 8.547 autori interpellati hanno risposto in 1.200 (14%). Per quale motivo il 17,9% degli articoli, ed il 14% degli autori dovrebbero essere più rappresentativi dell'esame del 100% degli uni e degli altri?
    Resta dunque valido quanto ho scritto nell'articolo, e cioè che: "la conclusione dello studio, dunque anche la notizia, avrebbe dovuto essere che la maggioranza dei ricercatori non ha ritenuto di esprimersi sulla teoria dell'AGW".

    Con stima anche da parte mia

  • Alberto Capece Minutolo scrive:
    26 marzo 2019 08:28

    Purtroppo l'articolo è con tutta evidenza carente di una conoscenza specifica degli ambienti scientifici e delle loro modalità nonché di cognizioni in materia climatica il che ovviamente permette di "acquistare" qualsiasi cosa sul mercatino delle chincaglierie. A questo punto va innanzitutto chiarita una cosa: il riscaldamento climatico non è un'opinione, ma un fatto. Detto questo va rilevato che la scienza non funziona come un parlamento dove è possibile fare un semplice calcolo dei voti a favore o sfavore e per molti motivi, soprattutto perché alcune di o molte delle ricerche di un determinato settore possono essere collegate fra loro e inoltre non si possono mettere sullo stesso piano ricerche molto serie e altre fatte perché qualche mafia accademico - editoriale anglosassone deve far andare avanti i proprio pupilli: quindi la conta dei pro e dei contro non ha il valore che si immagina e quando si fanno queste statistiche il primo lavoro è quello di prendere in considerazione i lavori sensati ed escludere quelli di routine accademica. Questo potrebbe apparentemente sembrare un'osservazione a favore della tesi di fondo espressa nell'articolo ma invece è proprio il contrario perché in questo contesto dove ricerca ed editoria sono strettamente collegate e sono a loro volta determinate dai fondi e dagli investimenti come pressione "esterna" il fatto che ci siano pochi ricercatori a negare il fattore antropico in presenza di giganteschi interessi nella tesi contraria, mostra che quanto meno gli elementi per negare l'influsso umano sul cambiamento climatico sono davvero scarsi pur nell'ambito di un dibattito che non ha prodotto certezze o dogmi. Certamente non si può pensare, come fa qualche ingenuo barsportista, che siccome il clima è sempre variato, allora l'uomo non c'entra nulla: le variazioni ci sono ovviamente e anche drammatiche, ma non sono mai così rapide e così generalizzate come quelle che si osservano oggi.

  • Anonimo scrive:
    26 marzo 2019 10:01

    in metereologia si chiama "rapidizzazione". Del resto basta affacciarsi oggi dalla finestra e capirne la portata. La strage di milioni di pini nel Bellunese vi ricorda qualcosa? Il cambiamento climatico non è solo il riscaldamento, è l'estinzione dell'anticiclone delle Azzorre, sono i cicloni e gli uragani in Italia, sono le alluvioni sempre piu' frequenti. E far credere che tutto questo sia effetto di leggi naturali, come pensa Leonardo, significa ricadere nella reificazione e nel feticismo di chi vede leggi naturali dove sono in atto leggi sociali, distorte ed antinaturali leggi sociali del capitalismo.
    Mauro P.

  • Anonimo scrive:
    26 marzo 2019 10:03

    A proposito del Global Warming cito Seneca:
    "l'ascesa è lenta la rovina è rapida".
    L'umanita' vegeta sempre nella zona grigia (Primo Levi docet) della passivita' e dell'indecisione, dell'ignorare il pericolo e del confezionare verita' di comodo. Zona grigia che ha permesso ai nazisti di vincere e oggi all'ecocatastrofe di avanzare senza nemici.
    Mauro P.

  • Anonimo scrive:
    26 marzo 2019 11:04

    Leggo sempre con curiosità e interesse gli interventi di Mazzei che con la sua verve critica riesce a catalizzare il mio interesse. Ed anche questo ultimo contributo mi costringe meritoriamente a rivisitare criticamente l'opinione che ho sul cambiamento climatico e sul fatto che sia progressivamente accelerato dalle attività umane. Potrei cavarmela affermando che anche la stragrande maggioranza di chi nega gli effetti catastrofici che potrebbero realizzarsi non nega che sia in atto un cambiamento del clima con un innalzamento della temperatura media negli ultimi cinquanta anni, semplicemente afferma che variazioni di temperatura caratterizzano la storia del pianeta e che l'aggiunta antropogenica non ne muta gli aspetti di fondo. In sostanza questi affermano che un po' di gas climalteranti le attività umane inviano in atmosfera ma questi sono insignificanti nel mutevole equilibrio del sistema climatico planetario. Questo aspetto è a mio parere quello decisivo da indagare. E l'indagine ha come correttamente afferma Mazzei, valenza scientifica ma, per così dire, anche filosofica o comunque alla portata di una critica non specialistica. E su questo punto mi vorrei soffermare. Non sono uno scienziato e, per la verità, neppure un filosofo però anche a me piace ragionare e cercare di farmi un opinione personale. Ci troviamo nell'era geologica dell'Olocene, che per il congresso internazionale di geologia svoltosi tre anni fa a Città del Capo, si è mutata nell'Atropocene a causa dell'impatto della presenza umana sul pianeta. D'accordo o meno su questa decisione dei geologici dobbiamo però approfondire la questione: sono in grado le attività umane di interfenire a tal punto sull'equilibrio bioclimatico in modo tale da orientarne in modo significativo il cambiamento? Per Rubbia, Zichichi e Prodi, e quindi anche per Mazzei, no. Per un'altra parte di scienziati si, per questi quindi l'attività umana ha conquistato con lo sviluppo della tecnologia una forza paragonabile alle forze naturali che hanno determinato i vari passaggi delle ere geologiche che si sono succedute sul pianeta. Possiamo dire che negli ultimi settanta anni le applicazioni tecnologiche applicate alle scoperte scientifiche hanno reso gli equilibri bioclimatici naturali precari. La crescita della popolazione di circa ottanta milioni l'anno ha ridotto la presenza delle altre specie animali causando estinzioni e, per molte specie, rischi immanenti di estinzione. Vaste zone del pianeta sono state modellate secondo le necessità dello sviluppo umano. Nuove sostanze di sintesi sono state immesse nell'ambiente terracqueo, la massa di rifiuti dovuta alla trasformazione delle risorse naturali in merci aggredisce il pianeta come un tumore inarrestabile sulla superficie terrestre, miliardi di tonnellate di carbone, petrolio, metano racchiuse sotto la crosta terrestre sono state portate in superificie e trasformate in materiali e in gas dovuti alla combustione. La tecnologia nucleare per scopi militari è in grado di distruggere la vita sul pianeta più e più volte. Questo è l'Antropocene. Il problema dell'aumento della temperatura causato dall'uomo è forse il meno, ma non si può negare. Zichichi e Prodi, non so di Rubbia, sono credenti e le sacre scritture danno mandato all'uomo di sottomettere la vita del pianeta a proprio esclusivo vantaggio questo significa per loro che il creatore non può entrare in contraddizione, non può darci il potere di sottomettere il pianeta e contemporaneamente metterlo in crisi. Che gli sia sfuggito di mano? O l'uomo o il sistema capitalistico della crescita continua in un mondo finito hanno qualche cosa di sbagliato?

  • Leonardo Mazzei scrive:
    26 marzo 2019 13:38

    Tre risposte

    Innanzitutto ringrazio tutti i commentatori: il tema evidentemente interessa, dunque il tempo dedicato ad affrontarlo non è tempo perso. E questa è già una buona notizia.

    A Mauro P., che dice che per capire quel che sta succedendo "basta affacciarsi alla finestra", consiglierei prudenza. Affacciandomi stamattina (26 marzo) ho visto la neve caduta stanotte a 900 metri di altitudine. Ovviamente la mia è solo una battuta, mica faccio come Trump coi suoi tweet. La neve però c'è davvero, ma non è un "evento eccezionale", come non lo è il vento a primavera, il caldo dei giorni scorsi od una siccità invernale prolungata. Il tema dei cosiddetti "eventi estremi", che si pretenderebbero in costante aumento, è la bufala più grossa tra tutte quelle che ci raccontano. Di questo sono arciconvinto e me ne occuperò in uno dei prossimi articoli. Avremo dunque modo di parlarne meglio.

    Ad Alberto Capece Minutolo vorrei dire che ha ragione a mettere in guardia dal barsportismo. Ma liquidare come barsportismo il parere di migliaia di scienziati e di decine di premi Nobel mi pare decisamente inaccettabile. Naturalmente, dire che siccome il clima è sempre cambiato allora l'uomo non c'entra nulla, è sbagliato. Ma, personalmente, vedo un numero infinitamente maggiore di discorsi da Bar Sport proprio tra i sostenitori del "cambiamento climatico": ogni ventata diventa un uragano, ogni sbalzo di temperatura un evento epocale, ogni acquazzone una bomba d'acqua. Ma (vedi risposta precedente) ne riparleremo con calma in una delle prossime puntate.

    L'anonimo delle 10,03 tocca un punto davvero importante: quanto contano le visioni filosofiche e/o religiose nel determinare un orientamento piuttosto che un altro? Questa è effettivamente una questione molto seria e che deve essere indagata. Attenzione, però, che non esistono solo le visioni religiose di tipo convenzionale; ne esistono anche altre, altrettanto religiose, che si presentano sotto la veste del laicismo. Ad ogni modo, tra quelli che non se la bevono, ci sono scienziati in qualche modo religiosi insieme ad altri dichiaratamente atei.

  • Anonimo scrive:
    26 marzo 2019 17:28

    Concordo che Mazzei ha centrato un tema cruciale nell'attuale fase di sviluppo umano. Posso concordare che è bene non beversi tutto quello che passano i media. E neppure accodarsi ai cortei della ragazza con le treccine. Detto questo sono dell'idea che le emissioni antropogeniche aumentino l'effetto serra naturale e con questo abbiano direttamente influenza sul clima. Detto questo e per non cadere on una discussione in cui ognuno può legittimamente accampare le proprie ragioni o portare i propri paladini a sostegno ho cercato di superare l'ostacolo proponendo un diverso approccio. L'Antropocene è l'era geologica che contraddistingue questa fase del pianeta. Alcuni fanno risalire questa fase finale dell'Olocene alla rivoluzione industriale collocandone l'inizio a fine diciottesimo secolo. Io sono tra quelli che spostano la data col secondo dopoguerra. Da alora lo sviluppo umano ha presp un abbrivio che sembra inarrestabile. La tecnologia applicata alla medicina, alla farmaceutica, alla chimica, all'agricoltura, all'elettronica, all'energia, ai trasporti, alle lavorazioni industriali ha posto il pianeta sotto il tallone della specie umana. Il motore di questo tumultuoso sviluppo è stato il sistema socioeconomico capitalista con la sua continua capacità di innovarsi e crescere quantitativamente utilizzando e appropriandosi delle risorse naturali minerarie inorganiche e organiche. Il continuo aumento della produzione e consumo per soddisfare una popolazione mondiale in continua crescita e indotta a consumare in modo sempre più compulsivo avviene esternalizzando quantità sempre maggiori di scarti di produzione e consumo sull'ambiente: terra, acqua, aria. Il sistema si regge su un sistema di crescita continua: bisogna estrarre sempre più risorse sottoterra per produrre sempre più merci e scarti. Questa crescita esponenziale presuppone un pianeta pronto a fornire esponenzialmente tutto quanto necessario per laproduzione e per ricevere gli scarti delle lavorazioni e del consumo. Lo spreco.fa parte del gioco sistemico. Questo pianeta "esponenziale" non esiste e le diverse matrici ambientali stanno soffrendo questo sovrasfuttamento. Terra, acqua, aria stanno sempre più mostrando criticità. Ilcambiamento climatico è la febbre, ma la malattia è un sistema capitalistico che non ha più alcun freno di senso. Forse la filosofia, non certo la religione, potrebbe convincere a cambiare strada, o forse il sistema dovrà semplicemente autoedtinguersi come un incendio.di cui si è perduto il controllo.

  • Anonimo scrive:
    26 marzo 2019 19:44

    Leonardo rispondi alle obiezioni serie non alle battute sulla finestra. Alla base del tuo lungo ragionamento in due puntate c'e' il tentativo di smarcarsi dalla sinistra sinistrata anche sulla questione ambientale. Ma non è che possiamo diventare terrapiattisti perché loro dicono che la terra gira intorno al sole. Inoltre si rischia di menare il can per l'aia e di esporsi a critiche pesanti di coloro che ti accusano di remare per la frazione dominante dell'oligarchia mondiale, quella che lucra sui combustibili fossili, che e' dietro le guerre degli ultimi 30 anni. Purtroppo non hai portato nessuna argomentazione scientifica che confuti il global warming come conseguenza delle emissioni di gas serra. Allora perche' questa fatica teorica? per portare acqua al mulino del sistema di dominio? Forse che la questione del clima pone in essere strategie che superano i confini nazionali e cozzano con la prospettiva sovranista? Sarebbe illusorio, depistante ed ideologico!! Citare questo o quello scienziato che piu' conviene (quelli che hai citato sono tutti allineati al pensiero dominante politicamente corretto) non è il metodo marxista di analisi e di critica dell'ordine capitalistico. La questione del clima, che tu vuoi far apparire come specchietto per gli allocchi, condensa invece molte delle contraddizioni insanabili del modello capitalistico. Clima non è solo temperatura climatica, è molte altre cose: estinzione dell'anticiclone delle Azzorre che mitigava gli scontri tra correnti di aria polare e africana, è uragani e tornado in Europa (mai visti prima), e' alluvioni etc. A sostegno di queste mie preoccupazioni ti porto almeno sette motivi per cui la battaglia sul Clima è legata alla lotta contro il sistema:
    1)i poveri sono proprio quelli piu' colpiti dall'ecocatastrofe, poiche' vivono nei luoghi piu insalubri e a rischio. Essi sommano alla miseria economica anche quella ambientale ed alimentare 2) Esiste inoltre un rapporto stretto tra sistema di dominio Clima e flussi migratori dai paesi del Sud. 3) Il sist di dominio è passato dalla sussunzione reale a quella iperreale, colonizzando corpo e menti, financo l'immaginario e i sogni. La nostra parola d'ordine dovrebbe essere de-colonizzare gli individui dai modelli di consumo dominanti. 4) Se è vero che il sistema di dominio ha le maggiori colpe, è anche vero che in Occidente siamo tutti o quasi ecoinsostenibili. Prendere coscienza di cio' è il primo passo verso il cambiamento 5) La contraddizione Capitale ambiente sommandosi a quella capitale popolo rafforza non indebolisce la nostra proposta strategica. 6) io faccio la differenziata, non acquisto carne, non vado nei mac donald, non fumo, Vado a Gpl metano, cerco di essere quanto piu' ecosostenibile!! 7) lasciare all'oligarchia la bandiera della lotta per l'ambiente è un autogol clamoroso. Bisogna strappargliela dalle mani se non vogliamo retrocedere da una prospettiva sovranista ad una "sovranara"..
    Mauro P.

  • Leonardo Mazzei scrive:
    27 marzo 2019 13:39

    Caro Mauro,
    a dire il vero sei tu che hai iniziato a parlare di finestre... In ogni caso risponderò alle obiezioni. Ma siamo solo alla seconda puntata. Vedrai che, passo passo, le affronterò tutte. Ma lo farò con lo spazio adeguato, dunque non col ping pong dei commenti.

    Col secondo articolo mi proponevo di dimostrare che i critici della teoria dell'AGW non sono esattamente quattro scalzacani, come invece si vorrebbe far credere. E spero di esserci riuscito. Molti hanno apprezzato l'articolo, altri l'hanno trovato comunque utile da questo punto di vista. Ma molti non è tutti, e questo è normale. Quel che però non si può accettare è la tua affermazione, secondo cui gli scienziati che ho citato sarebbero "tutti allineati al pensiero dominante politicamente corretto". Sai bene, e comunque lo sanno tutti i lettori, che è esattamente il contrario, che il politicamente corretto è interamente schierato con la teoria dominante del "riscaldamento globale".

    Altra inesattezza, se mi permetti, è quella secondo cui "la frazione dominante dell'oligarchia mondiale, (è) quella che lucra sui combustibili fossili". Non mi pare sia così. Poteva essere vero fino a trenta anni fa, oggi non più. La realtà del capitalismo reale è assai più dinamica e contraddittoria, ma su questo scriverò più approfonditamente in uno dei prossimi articoli.

    Chiudo con due parole sull'inizio del tuo commento, a proposito degli "smarcamenti". A parte il fatto che non ho bisogno di smarcarmi da nessuno, tantomeno da una sinistra sinistrata che ho salutato senza danni alla salute da quel dì, mi muove principalmente l'interesse a capire come stanno realmente le cose. Certo, questo interesse deriva dai tanti dubbi che ho maturato nel tempo. E a forza di dubitare si arriva anche a qualche certezza. Ma siccome il tema è un tabù, specie a sinistra, qualcuno doveva pur prendersi l'onere di approfondire la questione. E se questo è un peccato, sono un peccatore.

    Il punto è che io non credo che partendo da una teoria sbagliata si possa arrivare a conseguenze giuste (ogni riferimento al possibile rilancio del nucleare non è per nulla casuale). Certo, se uno crede che l'AGW sia la verità rivelata non ha di questi problemi. Io però non ci credo e cercherò di chiarirlo al meglio delle mie modestissime possibilità.

  • gengiss scrive:
    27 marzo 2019 20:13

    Avevo trovato parecchi materiali anti-serristi in questo sito, che ora purtroppo è cessato

    https://versounmondonuovo.wordpress.com/category/cambiamento-climatico/

LA PAGINA FACEBOOK DEL MOVIMENTO POPOLARE DI LIBERAZIONE - P101

LA PAGINA FACEBOOK DI SOLLEVAZIONE

Lettori fissi di SOLLEVAZIONE

Temi

Unione europea (886) euro (761) crisi (634) economia (601) sinistra (528) finanza (280) teoria politica (260) M5S (246) Movimento Popolare di Liberazione (243) grecia (242) Leonardo Mazzei (238) P101 (235) sfascio politico (235) elezioni (228) resistenza (225) banche (213) sovranità nazionale (213) imperialismo (212) internazionale (204) Moreno Pasquinelli (199) risveglio sociale (184) Governo giallo-verde (183) alternativa (168) seconda repubblica (167) Syriza (153) Tsipras (146) Matteo Renzi (129) debito pubblico (127) antimperialismo (119) programma 101 (117) piemme (115) marxismo (111) spagna (111) PD (109) sovranità monetaria (109) democrazia (107) destra (107) immigrazione (107) Francia (106) filosofia (105) costituzione (104) sollevazione (101) neoliberismo (97) Grillo (94) elezioni 2018 (94) Stefano Fassina (92) berlusconismo (91) proletariato (91) populismo (90) islam (86) Germania (84) Emiliano Brancaccio (80) austerità (79) Alberto Bagnai (78) Carlo Formenti (78) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) bce (76) Stati Uniti D'America (75) referendum costituzionale 2016 (74) sindacato (74) sinistra anti-nazionale (73) Mario Monti (71) Matteo Salvini (70) capitalismo (70) Podemos (69) guerra (66) Libia (63) Sandokan (61) capitalismo casinò (61) geopolitica (61) Medio oriente (60) Sergio Cesaratto (60) rifondazione (60) CLN (59) Rivoluzione Democratica (59) globalizzazione (59) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (57) bancocrazia (57) immigrati (57) Sicilia (56) Siria (55) Alexis Tsipras (53) Legge di Bilancio (53) referendum (52) socialismo (52) Lega Nord (51) cinque stelle (51) Alitalia (50) Pablo Iglesias (50) sovranismo (50) Movimento dei forconi (49) fiat (49) neofascismo (49) sovranità popolare (49) Lega (48) legge elettorale (48) Emmezeta (47) brexit (47) campo antimperialista (47) sinistra sovranista (47) immigrazione sostenibile (46) Nichi Vendola (45) Russia (45) renzismo (45) solidarietà (45) Beppe Grillo (44) Troika (44) moneta (44) Yanis Varoufakis (43) astensionismo (43) inchiesta (43) Diego Fusaro (41) Luciano Barra Caracciolo (41) Manolo Monereo (41) Mimmo Porcaro (39) Fiorenzo Fraioli (38) Ugo Boghetta (38) liberismo (38) proteste operaie (38) sionismo (38) Mario Draghi (37) italicum (37) palestina (36) Giorgio Cremaschi (35) Marine Le Pen (35) fiscal compact (35) III. Forum internazionale no-euro (34) Israele (34) egitto (34) gilet gialli (34) patriottismo (34) 9 dicembre (33) Karl Marx (33) Ucraina (33) azione (33) nazione (33) uscita di sinistra dall'euro (33) Def (32) ISIS (32) Luigi Di Maio (32) Merkel (32) default (32) fiom (32) populismo di sinistra (32) sinistra patriottica (32) Forum europeo 2016 (31) Sel (31) governo Renzi (31) unità anticapitalisa (31) uscita dall'euro (31) xenofobia (29) Nello de Bellis (28) ecologia (28) eurostop (28) napolitano (28) scienza (28) Assemblea di Chianciano terme (27) islamofobia (27) menzogne di stato (27) ambiente (26) catalogna (26) silvio berlusconi (26) Beppe De Santis (25) Donald Trump (25) Fabio Frati (25) Forum europeo (25) elezioni siciliane 2017 (25) nazionalismi (25) nazionalizzazione (25) storia (25) Europa (24) USA (24) cina (24) Aldo Giannuli (23) Lavoro (23) Quantitative easing (23) Stato di diritto (23) finanziarizzazione (23) ora-costituente (23) razzismo (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Nato (22) Venezuela (22) emigrazione (22) repressione (22) scuola (22) Chianciano Terme (21) Front National (21) Movimento 5 Stelle (21) Roma (21) Simone Boemio (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Unità Popolare (21) etica (21) nazionalismo (21) religione (21) Laikí Enótita (20) Marcia della Dignità (20) antifascismo (20) keynes (20) melenchon (20) Emmanuel Macron (19) Mariano Ferro (19) Norberto Fragiacomo (19) Putin (19) Regno Unito (19) Sicilia Libera e Sovrana (19) Tunisia (19) Vladimiro Giacchè (19) fronte popolare (19) iran (19) iraq (19) Izquierda Unida (18) Noi siciliani con Busalacchi (18) coordinamento no-euro europeo (18) pace (18) tecnoscienza (18) Assisi (17) Costanzo Preve (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Perugia (17) Pier Carlo Padoan (17) euro-germania (17) Donbass (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Jacques Sapir (16) Luciano B. Caracciolo (16) Marco Mori (16) Mauro Pasquinelli (16) Prc (16) Reddito di cittadinanza (16) Tonguessy (16) ballottaggi (16) lotta di classe (16) media (16) piano B (16) umbria (16) vendola (16) Comitato centrale P101 (15) Cremaschi (15) International no euro forum (15) Paolo Savona (15) Renzi (15) appello (15) casa pound (15) indipendenza (15) internazionalismo (15) internet (15) piattaforma eurostop (15) senso comune (15) 15 ottobre (14) Brancaccio (14) Enea Boria (14) Ernesto Screpanti (14) Eurogruppo (14) Foligno (14) Monte dei Paschi (14) Stato Islamico (14) Vincenzo Baldassarri (14) comunismo (14) cosmopolitismo (14) manifestazione (14) obama (14) salerno (14) sciopero (14) Alitalia all'Italia (13) Bersani (13) Chavez (13) Daniela Di Marco (13) Domenico Moro (13) Enrico Grazzini (13) Jobs act (13) Legge di stabilità (13) MMT (13) Marino Badiale (13) Virginia Raggi (13) acciaierie Terni (13) chiesa (13) complottismo (13) diritto (13) disoccupazione (13) finanziaria (13) potere al popolo (13) regionalismo differenziato (13) tasse (13) vaccini (13) Alfredo D'Attorre (12) D'alema (12) Forum europeo 2015 (12) Negri (12) Panagiotis Lafazanis (12) Salvini (12) Sergio Mattarella (12) Turchia (12) analisi politica (12) decreto salva-banche (12) europeismo (12) fascismo (12) keynesismo (12) privatizzazioni (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Costas Lapavitsas (11) De Magistris (11) Esm (11) Gennaro Zezza (11) Movimento pastori sardi (11) Portogallo (11) Wilhelm Langthaler (11) corruzione (11) cultura (11) de-globalizzazione (11) femminismo (11) iniziative (11) no tav (11) nucleare (11) ordoliberismo (11) salari (11) sindacalismo di base (11) sinistra Italiana (11) unione bancaria (11) Aldo Zanchetta (10) Art. 18 (10) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Dicotomia (10) Eos (10) Fmi (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) France Insoumise (10) Fridays for Future (10) Hollande (10) Jean-Luc Mélenchon (10) Lista del Popolo (10) M. Micaela Bartolucci (10) Marco Passarella (10) Marco Zanni (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Paolo Barnard (10) Pardem (10) Quirinale (10) Risorgimento Socialista (10) Stato (10) Terni (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) diritti civili (10) golpe (10) povertà (10) presidenzialismo (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Alessandro Visalli (9) Algeria (9) Bernie Sanders (9) CGIL (9) Campagna eurostop (9) Carl Schmitt (9) Diritti Sociali (9) Fausto Bertinotti (9) Forconi (9) George Soros (9) Giulietto Chiesa (9) Ilva (9) Paolo Ferrero (9) Papa Francesco (9) Stato nazione (9) Stefano D'Andrea (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wolfgang Schaeuble (9) bail-in (9) crisi di governo (9) deficit (9) facebook (9) islanda (9) istruzione (9) necrologi (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Alessandro Di Battista (8) Argentina (8) Claudio Borghi (8) Corte costituzionale (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) Draghi (8) Erdogan (8) Genova (8) Goracci (8) II assemblea della CLN (1-3 settembre) (8) Ingroia (8) Italia Ribelle e Sovrana (8) Julio Anguita (8) Landini (8) Mirafiori (8) Yanis Varoufakys (8) borsa (8) classi sociali (8) cosmo-internazionalismo (8) debitocrazia (8) destra non euro (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) elezioni anticipate 2017 (8) elezioni siciliane (8) fisco (8) grexit (8) il pedante (8) inflazione (8) liberalismo (8) lira (8) manifestazione 25 marzo 2017 (8) marxisti dell'Illinois (8) medicina (8) nuovo movimento politico (8) proteste (8) questione femminile (8) questione nazionale (8) regionalismo (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) sociologia (8) svalutazione (8) taranto (8) tecnologie (8) trasporto aereo (8) unità anticapitalista (8) unità nazionale (8) Alessandro Chiavacci (7) Alternative für Deutschland (7) Antonio Rinaldi (7) Articolo 18 (7) CUB (7) Cub Trasporti (7) Dino Greco (7) Franz Altomare (7) Giuseppe Angiuli (7) ISIL (7) Inigo Errejón (7) Je so' Pazzo (7) Joseph Stiglitz (7) Lenin (7) MMT. Barnard (7) Mattarella (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Nuit Debout (7) Oskar Lafontaine (7) Pil italiano (7) Riccardo Achilli (7) Samuele Mazzolini (7) Sapir (7) Ttip (7) agricoltura (7) anarchismo (7) confederazione (7) derivati (7) eurocrack (7) incontri (7) magistratura (7) nazismo (7) rivolta (7) rivoluzione civile (7) rossobrunismo (7) sanità (7) spread (7) trasporto pubblico (7) Ars (6) Banca centrale europea (6) Bottega partigiana (6) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (6) Casaleggio (6) Contropiano (6) Eugenio Scalfari (6) Flat tax (6) Fratelli d'Italia (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Giancarlo D'Andrea (6) Gran Bretagna (6) Jeremy Corbyn (6) M.AR.S. (6) Maduro (6) Massimo Bontempelli (6) Militant-blog (6) Nino galloni (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Pisapia (6) Polonia (6) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (6) Regioni autonome (6) Sandro Arcais (6) Stato di Polizia (6) Target 2 (6) Teoria Monetaria Moderna (6) Titoli di stato (6) Toni negri (6) USB (6) Ungheria (6) Viktor Orban (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) autodeterminazione dei popoli (6) automazione (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) fabrizio Marchi (6) global warming (6) governo Gentiloni (6) ideologia (6) incontro internazionale (6) la variante populista (6) liberosambismo (6) migranti (6) moneta fiscale (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) patria e costituzione (6) populismo democratico (6) sardegna (6) sovranità (6) suicidi (6) suicidi economici (6) tecnica (6) terremoto (6) transfemminismo (6) uber (6) utero in affitto (6) Alberto Negri (5) Anguita (5) Antonio Ingroia (5) Assad (5) Bazaar (5) Dario Guarascio (5) Decreto Dignità (5) Decreto sicurezza (5) Dimitris Mitropoulos (5) Federalismo (5) Ferdinando Pastore (5) Finlandia (5) Forum di Roma 2019 (5) Forza Italia (5) Franco Bartolomei (5) Franco Busalacchi (5) HAMAS (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Luca Massimo Climati (5) Lucca (5) Luigi De Magistris (5) Marcello Teti (5) No Monti Day (5) No debito (5) Npl (5) Paolo Becchi (5) Parigi (5) Partito tedesco (5) Pcl (5) Rete dei Comunisti (5) Romano Prodi (5) Rosatellum 2 (5) Seconda Assemblea P101 (5) Sharing Economy (5) Stathis Kouvelakis (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Val di Susa (5) Wolfgang Munchau (5) afghanistan (5) alleanze (5) banche popolari (5) bankitalia (5) brasile (5) califfato (5) camusso (5) clima (5) confindustria (5) cuba (5) debitori (5) di Pietro (5) donna (5) elezioni europee 2019 (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni. Lega (5) famiglia (5) giovani (5) governo (5) il manifesto (5) jihadismo (5) laicismo (5) massimo fini (5) mediterraneo (5) pensioni (5) pomigliano (5) proteste agricoltori (5) rifugiati politici (5) risorgimento (5) salvinismo (5) tremonti (5) wikileaks (5) 16 giugno Roma (4) ALBA (4) Africa (4) Alessia Vignali (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Angelo Panebianco (4) Anna Falcone (4) Aurelio Fabiani (4) Autostrade per l'Italia (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (4) Carlo Galli (4) Carovana di solidarietà (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Chiavacci Alessandro (4) Città della Pieve (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (4) Corea del Nord (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Die Linke (4) Diego Melegari (4) Eros Cococcetta (4) F.f (4) Felice Floris (4) Francesco Giavazzi (4) Frente civico (4) GIAPPONE (4) Giorgetti (4) Giorgia Meloni (4) Giuliano Pisapia (4) Giulio Regeni (4) Giulio Sapelli (4) Giuseppe Mazzini (4) Imu (4) Incontro di Roma (4) JP Morgan (4) Jacques Nikonoff (4) Joël Perichaud (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Leonardo Mazzzei (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Macron (4) Marcello Minenna (4) Marchionne (4) Marx (4) Morgan Stanley (4) Mosul (4) NO TAP (4) Noi sicialiani con Busalacchi (4) ONU (4) Oscar Lafontaine (4) Paolo Gerbaudo (4) Papa Bergoglio (4) Piattaforma di sinistra (4) Pier Paolo Dal Monte (4) Piero Bernocchi (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Sergio Starace (4) Simone Pillon (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) TAP (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) Vladimiro Giacché (4) Xarxa Socialisme 21 (4) Xi Jinping (4) Yemen (4) agricoltura biologica (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) bigenitorialità (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianesimo (4) cristianismo (4) decreto vaccini (4) demografia (4) diritti di cittadinanza (4) donne (4) elezioni 2017 (4) elezioni comunali 2017 (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) giornalismo (4) giovanni Tria (4) il fatto quotidiano (4) informatica (4) intelligenza artificiale (4) irisbus (4) irlanda (4) italia (4) ius soli (4) legge del valore (4) legge di stabilità 2017 (4) parti de gauche (4) patrimoniale (4) porcellum (4) precarietà (4) presidente della repubblica (4) primarie (4) protezionismo (4) risparmio (4) saviano (4) seminario (4) spending review (4) spesa pubblica (4) statizzazione banche (4) transizione al socialismo (4) trattati europei (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) xylella (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Albert Einstein (3) Alberto Alesina (3) Alessandro Somma (3) Alfiero Grandi (3) America latina (3) Antonella Stirati (3) Antonio Amoroso (3) Antonio Gramsci (3) Aquisgrana (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bergoglio (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Bloco de Esquerda. (3) Cerveteri Libera (3) Cia (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Davide Serra (3) Deutsche Bank (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) EDWARD SNOWDEN (3) Eleonora Forenza (3) Emanuele Severino (3) Ernest Vardanean (3) Ernesto Laclau (3) F.S. (3) Fabio Nobile (3) Fabrizio Tringali (3) Fausto Sorini (3) Federico Fubini (3) Filippo Abbate (3) Francesco Salistrari (3) Fronte Sovranista Italiano (3) Gianni Ferrara (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giuseppe Pelazza (3) Goofynomics (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Ilaria Bifarini (3) Ivan Cavicchi (3) Jens Weidmann (3) Jugoslavia (3) Karl Polany (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) MOHAMED KONARE (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marcello Foa (3) Marco Bulletta (3) Marco Mainardi (3) Mario Volpi (3) Martin Heidegger (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Massimo cacciari (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Milton Friedmann (3) Modern Money Theory (3) Moldavia (3) Morya Longo (3) Napoli (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Noi Mediterranei (3) Olanda (3) Palermo (3) Panagiotis Sotiris (3) Paola De Pin (3) Patrizia Badii (3) Pci (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Rinascita (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Salento (3) Sarkozy (3) Six Pack (3) Thomas Fazi (3) Ugo Arrigo (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Visco (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) aletheia (3) austria (3) bollettino medico (3) crediti deteriorati (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) diritto d'asilo politico (3) diritto di cittadinanza (3) divorzio banca d'Italia Tesoro (3) dollaro (3) economia sociale di mercato (3) forza nuova (3) giustizia (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) minijobs. Germania (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) occidente (3) oligarchia (3) partito (3) partito democratico (3) psicanalisi (3) quota 100 (3) rai (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) robotica (3) salute (3) sanità. spending review (3) seminario teorico (3) senato (3) sme (3) social media (3) socialdemocrazia (3) sondaggi (3) sottoscrizione (3) sovranismi (3) sovranità e costituzione (3) sovrapproduzione (3) takfir (3) tassisti (3) tv (3) università (3) violenza (3) web (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 25 aprile 2017 (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Ahmadinejad (2) Alberto Benzoni (2) Alberto Montero (2) Alétheia (2) Amando Siri (2) Amazon (2) Andalusia (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Arabia saudita (2) Arditi del Popolo (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Banca (2) Bandiera rossa in movimento (2) Benetton (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Blockchain (2) Bolkestein (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Carlo Clericetti (2) Carlo Freccero (2) Carlo Romagnoli (2) Cernobbio (2) Certificati di Credito Fiscale (2) Cgia Mestre (2) Chantal Mouffe (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Claudia Castangia (2) Colonialismo (2) Comitato antifascista russo-ucraiono (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Dani Rodrik (2) De Bortoli (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Diosdado Toledano (2) Domenico Losurdo (2) Don Giancarlo Formenton (2) Dugin (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Ego della Rete (2) Emilia Clementi (2) Emiliano Gioia (2) Eric Toussaint (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) Ettore Livini (2) Eurasia (2) F.List (2) Federal reserve (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Filippo Gallinella (2) Fiumicino (2) Forestale (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Forum Popoli Mediterranei (2) Francesco Lamantia (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Neri (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratoianni (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Futuro al lavoro (2) Generale Pappalardo (2) Gentiloni (2) Giacomo Bracci (2) Giacomo Russo Spena (2) Giada Boncompagni (2) Giancarlo Cancelleri (2) Gig Economy (2) Giorgio Gattei (2) Giovanni Gentile (2) Giuliano Amato (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Google (2) Grottaminarda (2) Guido Grossi (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hezbollah (2) Hitler (2) Héctor Illueca (2) INPS (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Italia Ribelle (2) Iugend Rettet (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Junker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) La Grassa (2) Lelio Basso (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marco Revelli (2) Maria Elena Boschi (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Tronti (2) Mark Zuckerberg (2) Marocco (2) Massimo PIvetti (2) Michele Serra (2) Michele fabiani (2) Microsoft (2) Militant (2) Moscovici (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Mélenchon (2) Nadia Garbellini (2) Netanyahu (2) Nicaragua (2) Oriana Fallaci (2) Ostia (2) Paolo Maddalena (2) Papa (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) PdCI (2) Pdl (2) Piano di eradicazione degli ulivi (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Portella della Ginesta (2) Preve (2) Quarto Polo (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Reddito di inclusione sociale (2) Riccardo Bellofiore (2) Riccardo Ruggeri (2) Riscossa Italia (2) Roberto Ferretti (2) Rosanna Spadini (2) Rosarno (2) Rozzano (2) Ryan air (2) SPD (2) STX (2) Sahra Wagenknecht (2) Salistrari (2) Scenari Economici (2) Schumpeter (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Seconda Assemblea CLN (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Severgnini (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stefano Zecchinelli (2) Steve Bannon (2) Stiglitz (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Telecom (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Piketty (2) Tito Boeri (2) Tiziana Ciprini (2) Tltro (2) Tomaso Montanari (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) agricoltori indignati (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) alceste de ambris (2) animalismo (2) antisemitismo (2) atac (2) banche venete (2) battaglia d'autunno (2) biotecnocrazia (2) blocco sociale (2) bontempelli (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) clausole di salvaguardia (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) comuni (2) comunicazione (2) curdi (2) debito (2) debito privato (2) denaro (2) deregulation (2) domenico gallo (2) due euro (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) esercito (2) eugenetica (2) eurexit (2) euroasiatismo (2) expo (2) export (2) fake news (2) fecondazione eterologa (2) fincantieri (2) fine del lavoro (2) foibe (2) frontiere (2) futuro collettivo (2) gender (2) genetica (2) gennaro Migliore (2) geoeconomia (2) giacobinismo (2) governicchio (2) greta thumberg (2) guerra di civiltà (2) inceneritori (2) indignatos (2) industria italiana (2) intimperialismo (2) isu sanguinis (2) legge (2) legge di bilancio 2020 (2) legge di stabilità 2018 (2) lgbt (2) libano (2) liberi e uguali (2) libertà di pensiero (2) maidan (2) manifestazione 2 giugno 2018 (2) marina silva (2) mercantislismo (2) no expo (2) non una di meno (2) olocausto (2) omosessualità (2) paolo vinti (2) pareggio di bilancio (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) patto politico (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) prescrizione (2) procedura d'infrazione (2) proporzionale (2) razionalismo (2) reddito di base (2) ricchezza (2) rifiuti (2) riformismo (2) rivoluzione russa (2) rivoluzione socialista (2) sciopero generale (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) silicon valley (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sinistra transgenica (2) società (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) terza assemblea P101 (2) terzo polo (2) transumano (2) ulivi (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) uscita da sinistra (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 100 giorni (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 25 aprile 2018 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 4 novembre (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 8 settembre (1) 9 febbraio 2019 (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Aberto Bellini (1) Accellerazionismo (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) AirCrewCommittee (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alan Johnson (1) Alba Libica (1) Albania (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alexander Zakharchenko (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amintore Fanfani (1) Amoroso (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Andrew Spannaus (1) Angela Matteucci (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Anthony Coughlan (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonio Rinaldis (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Apple (1) Arditi (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Armando Mattioli (1) Armando Siri (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art 81 (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Assange (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Atlantia (1) Attali (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Bashar al-Assad (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bazar (1) Bcc (1) Bekaert (1) Belardelli (1) Belgio (1) Benedetto Croce (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Blade Runner 2049 (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolsonaro (1) Bossi (1) Branko Milanovic (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Britannia (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) CNL (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Caritas (1) Carlo Candi (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Rovelli (1) Carmine Pinto (1) Cascina Raticosa (1) Casini (1) Cassazione (1) Cassese Sabino (1) Catarina Martins (1) Cekia (1) Cesare Battisti (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christian Napolitano (1) Christian Rocca (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Civitavecchia (1) Claudia Zeta (1) Claudio Maartini (1) Claudio Magris (1) Claus Offe (1) Concita De Gregorio (1) Confederazione europea (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Conte (1) Coord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Corte Europea sui diritti dell'uomo (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cuperlo (1) DDL (1) Dagospia (1) Daisy Osauke (1) Damiano palano (1) Dan Glazebrook (1) Daniela Conti (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Masi (1) De Vito (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Dimitris Christoulias (1) Dio (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Elliott Gabriel (1) Emilia-Romagna (1) Emilio Gentile (1) Emma Bonino (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrica Perucchietti (1) Enrico Angelini Partigiano (1) Enrico Gatto (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Erasmo vecchio (1) Ernesto Pertini (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Gotti Tedeschi (1) Eugenio Scalgari (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio De Masi (1) Fabio Dragoni (1) Fabio Mini (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio De Paoli (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Florian Philippot (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Foro di Sao Paulo (1) Forum Ambrosetti (1) Forum dei Popoli Mediterranei (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lenzi (1) Francesco Magris (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Fred Kuwornu (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabanelli (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bellini (1) Giacomo Bellucci (1) Giacomo Vaciago (1) Giacomo Zuccarini (1) Giancarlo Bergamini (1) Gim cassano (1) Giordano Sivini (1) Giovanna Vertova (1) Giovanni De Cristina (1) Giovanni Lo Porto (1) Giovanni Schiavon (1) Giovanni Tomei (1) Giovanni di Cristina (1) Giulia Grillo (1) Giuliana Commisso (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Ambrosetti (1) Giulio Bonali (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tarro (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Lutrario (1) Guido Ortona (1) Günther Anders (1) HSBC (1) Hainer Flassbeck (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huawei (1) Huffington Post (1) IPHONE (1) IRiS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Illueca (1) Imposimato (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) Inge Höger (1) Intellettuale dissidente (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Intesa Sanpaolo (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) JULIAN ASSANGE (1) Jacopo Custodi (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jason Barker (1) Je so' Pazz' (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) Joel Perichaud (1) John Laughland (1) John Locke (1) John Pilger (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Joseph Shumpeter (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Jugend Rettet (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kelsen (1) Kemi Seba (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kirill Vasilev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kosovo (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Ktragujevac (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Left (1) Legge 194 (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Riboli (1) Lidia Undiemi (1) Lillo Massimiliano Musso. Leoluca Orlando (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Alfano (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Lorenzo Fioramonti (1) Lorenzo Fontana (1) Loris Caruso (1) Luca Donadel (1) Luca Pagni (1) Lucarelli (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luigi Zingales (1) Luka Mesec (1) López Obrador (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Macedonia (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcello Veneziani (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Cattaneo (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Rizzo (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Marcuse (1) Margarita Olivera (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Marina Minicuci (1) Mark Rutte (1) Maroni (1) Marta Fana (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo Costa (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Gramellini (1) Massimo Recalcati (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Matteo Pucciarelli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Blondet (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Bocci (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Mdp (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Messico (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michelangelo Vasta (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Mihaly Kholtay (1) Milano (1) Milosevic (1) Milton Friedman (1) Mimmo Lucano (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Mladic (1) Mohamed bin Salman (1) Mohammad Javad Zarif (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Moshe Ya’alon (1) Moves (1) Movimento 77 (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimento di Liberazione Popolare (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Nancy Fraser (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) New York Times (1) Nicky Hager (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolas Dupont-Aignan (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Noelle Neumann (1) Noi sicialiano con Busalacchi (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) Nsa (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omnium (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Open Society Foundations (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) P01 (1) PCE (1) PCdI (1) PIANESI MARIO (1) POSSIBILE (1) PRISM (1) PSUV (1) Pablo Stefanoni (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Di Martino (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito comunista (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Paul "Elliot" Singer (1) Paul De Grauwe (1) Per una sinistra rivoluzionaria (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Francesco Zarcone (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Attinasi (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Pino Prestigiacomo (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RENAUD LAMBERT (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Radek (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Ramarrik de Milford (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) René Girard (1) Report (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Rino Formica (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Robert Mundell (1) Roberta Lombardi (1) Roberto D'Agostino (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Marchesi (1) Roberto Martino (1) Roberto Massari (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rocco Casalino (1) Rohani (1) Roma 13 ottobre 2018 (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosatellum (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) SYLVAIN LEDER (1) Sacko Soumayla (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Schengen (1) Schlageter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) SiAMO (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Slavoj Zizek (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svitlana Grugorciùk (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tiziana Drago (1) Tommaso Nencioni (1) Tommaso Rodano (1) Tonia Guerra (1) Tony Manigrasso (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Tribunale dell'Aia (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ugo Mattei (1) Ulrich Grillo (1) Unicredit (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) VOX (1) Vagelis Karmiros (1) Valerio Colombo (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vito Lops (1) Vito Storniello (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolfgang Streeck (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zagrebelsky (1) Zaia (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zecchinelli (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) Zygmunt Bauman (1) aborto (1) accise (1) adozioni (1) agorà (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) alta velocità (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antispecismo (1) antropocene (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) armi (1) arresti (1) asia argento (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) ateismo (1) autogestione (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) big five (1) bilancia dei pagamenti (1) bioetica (1) biologia (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bomba atomica (1) bonapartismo (1) brigantaggio (1) bufale (1) bullismo (1) calcio (1) campagna di finanziamento (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) cassa depositi e prestiti (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) cdp (1) censis (1) censura (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) comitato (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) curzio maltese (1) cybercombattenti (1) cyborg (1) dabiq (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) decretone (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dichiarazione di Roma (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) dracma (1) ebraismo (1) economie di scala (1) economist (1) ecosocialismo (1) egolatria (1) elezioni comunali 2018 (1) elezioni comunali 2019 (1) elezioni regionali 2019 (1) embraco (1) enav (1) enrico Corradini (1) estremismo (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) fiducia (1) finan (1) finaza (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forme (1) freelancing (1) fuga dei capitali (1) fusione dei comuni (1) genere (1) giusnaturalismo (1) global compact (1) gold standard (1) governabilità (1) governo neutrale (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) illiberale (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) incendi (1) independent contractor (1) india (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) intervista (1) ius sanguinis (1) ivana fabris (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge Madia (1) legge anticorruzione (1) legge antisciopero (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) leva obbligatoria (1) lex monetae (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) link tax (1) liste civiche. (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) luddismmo (1) lula (1) madre surrogata (1) mafiodotto (1) maghreb (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) massoneria (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) matteo bortolon (1) megalamania (1) memoria (1) mercantilismo (1) mercato (1) militarismo (1) minibot (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) modernità (1) molestie (1) monetarismo (1) nascite (1) nazion (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) no allo spezzatino (1) no vax (1) nobel (1) norvegia (1) numero chiuso (1) obiezione di coscienza (1) occupy wall street (1) oligarchia eurista (1) ong (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) partito americano (1) partito umanista (1) patria (1) pecchioli luigi (1) peronismo (1) personalismo (1) petiziion (1) piaciometro (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) ponte Morandi (1) popolo (1) post-elezioni (1) post-operaismo (1) postumano (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) province (1) qualunquismo (1) questione meridionale (1) quinta internazionale (1) rampini (1) rappresentanza (1) recensioni (1) regione umbria (1) rete 28 Aprile (1) ride sharing (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) robot killer (1) rosabrunismo (1) rublo (1) salafismo (1) salir del euro (1) sandro veronesi (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) sicurezza (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) smartphone (1) social forum (1) sondaggio demos (1) specismo (1) spionaggio (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) suez (1) supe-bolla (1) supply-side economics (1) svimez (1) takfirismo (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) torre maura (1) tortura (1) transgender (1) transumanismo (1) trappola della liquidità (1) trasformismo (1) trasumanesimo (1) trenitalia (1) triptrorelina (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uberizzazione (1) ultimatum (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vertice di Roma (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) wahhabismo (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)