ALITALIA ALL'ITALIA - FIRMA L'APPELLO

ALITALIA ALL'ITALIA - FIRMA L'APPELLO
Siamo quasi a 3mila firme

domenica 19 ottobre 2014

SINISTRA SVEGLIATI, LA CASA EUROPEA BRUCIA di Enrico Grazzini

19 ottobre
Il legame strettissimo tra la politica recessiva dell’Unione Europea e quella liberista, iniqua e inconcludente del governo Renzi sembra stranamente sfuggire alla sinistra italiana. Che sulla natura della UE si dimostra ancora illusa sul piano teorico e impotente sul piano politico.
Grazie alle istituzioni europee la destra neoliberista, amica intima della grande finanza, provoca continue e drammatiche crisi e, con la complicità (attiva o passiva) delle forze di centrosinistra, genera disoccupazione e povertà. L'Unione Europea svuota la democrazia e abbatte lo stato sociale. Il crollo dell'euro è tutt'altro che escluso. Ma sulla natura della UE gran parte della sinistra si dimostra illusa sul piano teorico e impotente sul piano politico. 

Intendiamoci: la sinistra in Europa e in Italia esiste ancora, nonostante sia ormai estremamente minoritaria e confusa, e nonostante che molti credano che il concetto stesso di sinistra (associato a quello di giustizia ed eguaglianza sociale) sia superato e inutile. Purtroppo però la sinistra è imbelle di fronte a questa UE, anche se la UE persegue apertamente lo smantellamento di una qualsiasi cultura progressista e della stessa civiltà europea, storicamente fondata sul conflitto sociale, sui diritti democratici e sul welfare. Sembra insomma che la sinistra faccia di tutto per restare minoritaria e ininfluente. 

La sinistra è incline a fare un'opposizione morbida e riverente a sua maestà la UE, considerata sempre e comunque come sacra in quanto supposta “patria dei popoli europei”. Ma questa UE non è la “casa dei popoli”, anzi, opprime i popoli d'Europa. La protesta verso l'Unione Europea – e verso la moneta unica che strangola le economie in tutta Europa e che è diventata il brand ufficiale della UE – cresce, anche se non è ancora diventata maggioritaria. Ma la sinistra europea e italiana (anche quella cosiddetta radicale) sembra troppo spesso fare come le tre scimmiette che non vedono, non sentono e non parlano. 

La sinistra sembra ammaliata dal bel sogno europeista dei tempi andati e della solidarietà europea (che non esiste). La realtà dei fatti europei è quasi sempre fraintesa dagli orfani del comunismo che hanno sostituito il sogno/incubo del Sol dell'Avvenire sovietico o cinese con l'utopia degli Stati Uniti d'Europa, il regno della pace perpetua. La sinistra di estrazione socialista-liberale riposa invece ancora sui nobili e generosi ideali spinelliani di cooperazione europea. 

Spinelli, dopo la tragedia della guerra nazi-fascista, aveva tutte le ragioni e le motivazioni per promuovere gli Stati Uniti d'Europa. Ma già la sua politica si scontrò contro la realtà (incancellabile) degli Stati nazionali e fu bocciata almeno due volte: quando nel 1954 propose la Comunità Europea di Difesa, che fu però bloccata per l'opposizione della Francia. E quando nel 1984 propose al Parlamento Europeo un progetto costituzionale per gli Stati Uniti d'Europa; il progetto venne approvato dal Parlamento stesso ma poi bocciato dal Consiglio Europeo. Spinelli attaccava la legittimità del concetto di stato-nazione, ma evidentemente si sbagliava. Abbandonare lo stato nazionale in nome dell'Europa è un grave errore. 

Per la sinistra proporre attualmente l'utopia spinelliana è più che una ingenuità infantile: progettare la federazione degli Stati Uniti d'Europa dopo la caduta del Muro di Berlino, dopo la riunificazione tedesca, la fine della minaccia sovietica, l'inclusione degli stati ex sovietici nella UE, la bocciatura della Costituzione Europea nei referendum popolari tenuti in diverse nazioni, e il risorgere della potenza germanica su tutta l'Europa, è semplicemente un miraggio, o una follia ideologica. 

Uno stato federato di 28 (per ora) paesi europei non esisterà mai, a meno che la Germania non riesca effettivamente a imporre completamente la sua egemonia, come però è estremamente improbabile. Nonostante quello che immagina Jurgen Habermas, gli stati e i governi europei non si suicideranno mai, e un popolo europeo sufficientemente omogeneo (per lingua, storia, istituzioni, ecc) per considerarsi tale e darsi una costituzione europea di tipo federalista, non esiste. Del resto la stessa Merkel si è ben guardata dall'avanzare ambiziosi progetti di Federazione Europea. E così pure la UE nei suoi documenti ufficiali da molti anni non cita più gli Stati Uniti d'Europa come meta da raggiungere. 

Naturalmente non abbandonarsi a inutili sogni sulla federazione europea non significa essere anti-europeisti e non volere instaurare nuove forme di cooperazione tra i popoli e gli Stati Europei. Questa UE è nemica dei popoli: ma forme di cooperazione istituzionale tra gli stati in campo economico, sociale, giuridico e politico sono ovviamente necessarie e benvenute, purché siano positive per i popoli europei e siano rispettose delle sovranità nazionali e della sovranità democratica. 

La sinistra europeista contro la sovranità nazionale 
Enrico Grazzini


Il problema è di riconoscere che gli Stati nazionali svolgono ancora una funzione potenzialmente positiva. Massimo Pivetti lucidamente individua nello svuotamento delle sovranità nazionali lo strumento con cui si è esplicitato l’attacco ai diritti sociali in Europa [1]


“Mentre in Inghilterra e negli Stati Uniti l’attacco alle conquiste del lavoro dipendente e alle sue condizioni materiali di vita è avvenuto apertamente e frontalmente tra la fine degli anni Settanta e la prima metà degli anni Ottanta, nell’Europa continentale esso si è sviluppato in modo più graduale e indiretto, passando per il progressivo svuotamento delle sovranità nazionali”. 
E' stupefacente: la sinistra europea e italiana ha riconosciuto le politiche di Ronald Reagan e di Margaret Thatcher come ferocemente antipopolari ma non riconosce come avversario politico questa Unione Europea che, cavalcando la crisi, attua una politica ancora più suicida e iniqua. Quasi tutta la sinistra (o quel che rimane) resta testardamente e aristocraticamente “fedele all'Europa”. 

Spiega ancora (l'inascoltato) Pivetti: 

“Riformismo e socialdemocrazia… sono inconcepibili se alla forza del denaro non può essere contrapposta quella dello Stato, dunque se viene meno la sovranità dello Stato-nazione in campo economico, ed essa è sostituita da nuove forme di potere politico sovranazionale, capaci di regolare i processi produttivi e distributivi. Questo è proprio quello che è avvenuto con la costituzione dell’Unione Europea e dell’Eurosistema al suo interno … In tal modo non solo la democrazia economica interna ne esce mortificata, ma si trova anche ad essere alla mercé di interessi nazionali stranieri”. 
Il patrimonio politico ed economico degli stati nazionali non dovrebbe essere svenduto all'estero. 

Secondo Pivetti “un paese intenzionato, o costretto, a fare i conti con gravi problemi di coesione sociale e/o territoriale non avrebbe oggi un’alternativa credibile rispetto a quella di cercare di recuperare la propria sovranità in campo economico e, con essa, la capacità di contenere le divisioni sociali e territoriali esistenti al suo interno”. Il tragico errore della sinistra italiana è stato dunque di avere ingenuamente, e perfino distrattamente, consegnato quasi completamente all’Europa la sovranità nazionale, e quindi la sovranità democratica, la democrazia. 

A causa della costruzione di una Unione sovranazionale ma fondamentalmente intergovernativa, per Sergio Cesaratto:

 “le classi lavoratrici sono state private della possibilità di condizionare le politiche distributive nazionali, e in particolare la politica monetaria che è una caratteristica indispensabile per la sovranità nazionale. Infatti dalla politica monetaria (più o meno espansiva, ndr) dipende il potere di spesa dello Stato e la possibilità di regolare i rapporti di cambio con le altre valute... La crisi della democrazia e l'anti-politica derivano anche e soprattutto dall'impossibilità dei politici democraticamente eletti di poter seriamente affrontare i maggiori problemi dei cittadini elettori”. [2] 
Del resto né la Germania né gli altri stati che contano nel mondo, come gli USA, la Cina o la Corea del sud, hanno mai ceduto la loro sovranità a favore di istituzioni sovranazionali. 

Riporto ancora alcune citazioni conclusive di Pivetti perché mi sembrano irrefutabili: 


“Nella sinistra continua a prevalere l’idea che non vi sia alcuna alternativa al continuare ad assumere fino in fondo l’orizzonte politico dell’Europa, coûte que coûte”. La sinistra si illude che l’influenza esercitata nell’ultimo trentennio da monetarismo e neoliberismo sul progetto d’integrazione europeo potrebbe alla fine dissolversi; dall’Europa dei vincoli si potrebbe finire per passare all’Europa della crescita e l’integrazione monetaria potrebbe dopo tutto finire per tradursi effettivamente in vera e propria integrazione politica. Eppure, i continui allargamenti dei ‘confini europei’ dovrebbero aver reso a tutti evidente come quello dell’unificazione politica sia sempre stato solo uno specchietto per le allodole, avente lo scopo di facilitare l’accettazione da parte dei popoli europei degli svantaggi derivanti dalla rinuncia alla sovranità monetaria e a buona parte di quella fiscale da parte dei rispettivi governi”. [3]
Di fronte all'abbaglio della sinistra occorre allora affermare una verità perfino banale: l'Unione Europea non è la patria dei cittadini europei – e certamente non diventerà mai l'Internazionale dei lavoratori, come vorrebbero alcuni marxisti (o presunti tali) – ma è un'istituzione fondata su trattati concepiti e approvati dai governi (e spesso respinti dai popoli, come la costituzione europea). La UE intergovernativa è quindi strutturalmente non democratica, perché per definizione le intese intergovernative – anche qualora siano molto positive, come per esempio nel caso dell'ONU, della FAO e dell'UNESCO – non sono ovviamente mai scritte dai popoli. I popoli contano nulla nella definizione delle politiche sovranazionali, non decidono né nel caso dell'ONU né nel caso della UE. Mentre a livello nazionale possono fare sentire la loro voce ed eleggere e controllare i loro rappresentanti, e mandarli a casa se fanno male. 

Il governo Renzi e le direttive della UE e della BCE 

Tutto il PD, compresa la minoranza salvo singole eccezioni, turandosi il naso ha votato la fiducia al governo Renzi. La sinistra invece ha votato contro il governo, ma tace sull'Europa. Tuttavia l'attacco frontale di Matteo Renzi al Senato eletto dai cittadini, all'articolo 18, allo Statuto dei Lavoratori, al sindacato e all'opposizione non è altro che l'omaggio del suo governo alle politiche imposte dalla destra europea. Nonostante le richieste e le proteste verbali di Renzi, la UE si è infatti dimostrata inflessibile nelle sue politiche liberiste e ha praticamente obbligato il premier/segretario del PD a attaccare apertamente lavoro e welfare, e a modificare la Costituzione,. 

Renzi può agitarsi finché vuole e chiedere più flessibilità. Ma, se non si sgancerà dai trattati UE, la politica che dovrà seguire è ormai scritta: era già illustrata nero su bianco nella famosa “lettera segreta" inviata al governo italiano dalla BCE all'inizio della crisi dell'euro (agosto 2011) . 
"Sarebbe appropriata una riforma costituzionale che renda più stringenti le regole di bilancio... e un forte impegno ad abolire o a fondere alcuni strati amministrativi intermedi (come le province)... Sono necessari accordi al livello d'impresa in modo da ritagliare i salari e le condizioni di lavoro alle esigenze specifiche delle aziende, rendendo questi accordi più rilevanti rispetto ad altri livelli di negoziazione (quello nazionale, ndr)... Il Governo dovrebbe valutare una riduzione significativa dei costi del pubblico impiego, rafforzando le regole per il turnover e, se necessario, riducendo gli stipendi... È necessaria una complessiva, radicale e credibile strategia di riforme, inclusa la piena liberalizzazione dei servizi pubblici locali e dei servizi professionali... Questa dovrebbe applicarsi in particolare alla fornitura di servizi locali attraverso privatizzazioni su larga scala.... . Confidiamo che il Governo assumerà le azioni appropriate. Firmato: Mario Draghi, Jean-Claude Trichet”. 
Renzi è quindi obbligato a seguire le politiche dettate dalla UE. Il legame strettissimo tra le
politiche recessive della UE e la politica governativa “decisionista” e anti-popolare del governo sembra però stranamente sfuggire alla sinistra italiana (ma non a Beppe Grillo). Renzi può anche illudersi che le sue “riforme” riescano a concedergli un po' meno austerità da parte della Commissione UE, del governo tedesco e della BCE. Ma è ormai chiaro a chi ragiona senza bende negli occhi che le istituzioni europee non hanno mostrato e non mostreranno alcuna flessibilità, anche se l'euro dovesse crollare. 


Il bluff del Parlamento Europeo: poca e inutile democrazia 

L'Unione Europea si fonda su trattati miopi e ingiusti. Il Trattato di Maastricht ha creato l'euro-marco, cioè una politica monetaria geneticamente deflazionistica e una BCE costruita a immagine e somiglianza della Bundesbank, indipendente da ogni istituzione democratica. I trattati più recenti, il Fiscal Compact, Six Pack e Two Pack, sono ancora più rigidi e tolgono sovranità ai parlamenti nazionali. 

La nostra legge finanziaria viene decisa prima a Bruxelles e a Francoforte e poi a Roma. Ma pochi sanno che i trattati europei possono essere cambiati solo all'unanimità e sono quindi in pratica irriformabili. Le regole stabilite dai trattati congelano la politica europea: il “pilota automatico” evocato da Mario Draghi è purtroppo già innestato e la flessibilità invocata ripetutamente da Renzi è una pura chimera. 

La UE dei governi è solo molto pallidamente legittimata dal Parlamento Europeo; questo è stato eletto dal 43% degli europei aventi diritto al voto e non ha alcun potere autonomo. Alle elezioni europee solo in pochi paesi, come in Italia e in Grecia, è stata superata la soglia del 50% dei votanti. In Polonia l'afflusso è stato invece del 23%, in Gran Bretagna del 36%, in Francia del 43%, in Spagna del 46% e in Germania del 48%. Nei paesi dell'est, più interessati alla Nato che agli ideali europei, la percentuale dei votanti è stata tra il 20 e il 35%. 

L'astensione ha stravinto e il Parlamento non può quindi dirsi effettivamente rappresentativo dei cittadini europei. Comunque, dominato com'è dall'alleanza apparentemente innaturale tra popolari, socialisti e liberali, il Parlamento è certamente ancora più a destra del precedente. In quella sede le forze della sinistra potranno fare solo una (indispensabile e preziosa) opera di testimonianza e di controinformazione. Ma è bene riconoscere che la loro influenza concreta sull'azione politica della UE sarà pari a zero. 

Non solo la sinistra europea conterà poco nel Parlamento Europeo: anche lo stesso Parlamento Europeo conta poco o nulla nel governo dell'Europa, è un elemento quasi decorativo. Può solo eventualmente correggere le decisioni prese dalle altre istituzioni comunitarie. Formalmente la governance europea è attribuita alla Commissione UE nominata dai governi: nei fatti però le strategie e le linee guida sono definite dai capi di governo (Consiglio Europeo). 

Tutti i commentatori politici di qualsiasi parte politica hanno confermato che l'egemonia tedesca sulla nomina dei Commissari Europei della Commissione UE e sui dirigenti e funzionari della burocrazia dell'Unione Europea è praticamente assoluta. I posti chiave della Commissione UE sono occupati da personalità inclini alle rovinose politiche deflazionistiche della Germania. Tuttavia il governo vero dell'Europa non è gestito neppure dalla Commissione Europea: è invece chiaramente in mano alla BCE – che tenta di dare ossigeno alla moribonda economia europea per non farla morire e per non suicidarsi essa stessa – e soprattutto alla Germania, principale azionista e garante della BCE e della UE. 

La UE, la Troika, la Germania e la grande finanza 

La preoccupazione dominante del governo tedesco, guidata dalla coalizione biancorosa della Merkel, è di non cooperare, ovvero di non pagare neppure un euro dei debiti degli altri paesi. In realtà la Germania è la principale beneficiaria dell'euro – una moneta più debole dell'ex marco, che quindi dà benzina alle esportazioni tedesche –. La UE e la Troika (BCE, UE, FMI) puntano soprattutto a garantire i debiti pubblici e privati dei paesi ai quali le banche tedesche e francesi hanno sconsideratamente dato troppo credito: in effetti la Troika non protegge i paesi debitori ma le banche. 

Il caso della Grecia è illuminante: la Troika è intervenuta per saldare il conto e salvare le banche creditrici (soprattutto tedesche e francesi) impegnando i soldi dei contribuenti europei. Ma la Grecia resta un paese fallito, con il 175% del debito sul PIL. Senza cambiamenti radicali non potrà mai risollevarsi (e l'Italia si trova in una condizione solo di poco migliore). 

La UE germanizzata è ormai lontana da quella preconizzata dai padri fondatori e ha abbandonato ogni prospettiva di cooperazione e di benessere sociale. Purtroppo l'Unione Europea è ormai fondata non sugli ideali e sui diritti ma sulla moneta unica. L'integrazione europea ha come obiettivo ufficiale quello di aumentare la competitività del vecchio continente a favore della grande finanza e della grande industria privata, contro gli interessi delle piccole e medie aziende e del lavoro. 

La UE mette i lavoratori europei in concorrenza tra di loro in una spietata corsa al ribasso. La politica sull'immigrazione della UE è omicida; e nei conflitti bellici che si annunciano l'Unione rischia di diventare un'appendice della Nato. Il trattato commerciale di libero scambio tra gli Usa e la UE promette di assoggettare l'Europa agli interessi statunitensi. 

Gli Stati Uniti d'Europa – invocati in Italia da un ampio schieramento, da Matteo Renzi a Giorgio Squinzi, da Nichi Vendola a Barbara Spinelli – sono solo un ingannevole miraggio, e sotto l'egemonia tedesca sarebbero comunque un incubo. L'ulteriore centralizzazione delle politiche fiscali e di bilancio sotto l'egida della UE auspicata da Mario Draghi avverrebbe al di fuori di ogni controllo democratico e sarebbe diretta dalle tecnocrazie subordinate alla grande finanza. 

Ma la UE detta già le regole alle nazioni europee: il Fiscal Compact voluto dalla Germania è stato perfino messo in Costituzione! Di fronte alle esplicite direttive neocolonialiste della UE e della BCE la sinistra è troppo spesso silente. Per fortuna che Grillo esiste: sbraita e spesso fa affermazioni fuori dal mondo ma almeno, a suo modo, si oppone frontalmente e denuncia la politica reazionaria della UE. Invece la sinistra protesta contro Renzi, si agita contro l'austerità e le politiche “sbagliate” della UE, ma non denuncia l'Unione come il vero avversario da battere, il burattinaio della politica renziana. 

Contrastare la politica della moneta unica 

In Europa le destre ex o semi-fasciste, come il Front National francese e l'Ukip britannico, come la Lega Nord in Italia avanzano paurosamente e guadagnano milioni di voti (soprattutto di lavoratori...) grazie a una opposizione dura e decisa a questa UE e all'euro-marco della BCE. Giustamente anche Beppe Grillo – purtroppo alleato dell'UKIP (anche a causa dell'europeismo miope della sinistra) – invoca un referendum consultivo per dibattere sull'euro e consultare i cittadini. Mentre la sinistra (soprattutto quella italiana) rimane straordinariamente al margine delle crescenti proteste anti-UE; e si limita a lamentarsi … dell'austerità! 

Tuttavia non si può fare una battaglia efficace contro la politica liberista, iniqua e inconcludente del governo senza denunciare apertamente l'euro. Una moneta unica per 18 paesi estremamente diversi sul piano competitivo, dell'inflazione, del livello tecnologico e del costo del lavoro è, secondo i migliori premi Nobel dell'economia, un insulto al buon senso. Invece per gli economisti di sinistra del Manifesto e di Sbilanciamoci l'euro resta un tabù. Secondo gli economisti nostalgici dell'alleanza (notoriamente fallita) tra Vendola e Bersani, basterebbero un po' di eurobond, la mutualizzazione dei debiti pubblici nazionali, un po' di Tobin Tax, un po' di spesa pubblica in più per risolvere la crisi. Le proposte sono senz'altro teoricamente corrette. Peccato però che le soluzioni per salvare l'euro e l'economia europea siano note e discusse da anni, ma che non verranno mai realizzate perché la Germania ha costruito l'euro a sua immagine e somiglianza e non accetterà di cooperare e di condividere il debito europeo. 

L'euro-marco è una moneta strutturalmente rigida, una moneta straniera sostanzialmente insostenibile, una trappola che provoca crisi e instabilità non solo perché non può adattarsi alle differenti esigenze dei singoli paesi ma perché è nata per restare inesorabilmente deflattiva. Tutti nel mondo discutono apertamente della crisi dell'euro, da Le Monde al Financial Times, e molti parlano di un possibile crollo, ma perfino un giornale intelligente e aperto, sempre “dalla parte del torto” come il Manifesto finora ha praticamente taciuto. 

La sinistra ha paura di discutere di sovranità monetaria: ma è chiaro che senza moneta nazionale non c'è sovranità politica né tanto meno sovranità democratica. Non si può rifondare nessuna Europa della cooperazione schiacciando le economie e le democrazie nazionali. Eppure esistono già proposte da discutere per tentare di recuperare almeno parzialmente forme di sovranità monetaria. Esistono progetti di “moneta fiscale” e di moneta comune (non unica!) europea[4]. Ma sono sottovalutati o ignorati. Sinistra svegliati: il tetto crolla e l'intera casa europea sta andando in rovina! 

NOTE
[1] Massimo Pivetti, Le strategie dell’integrazione europea e il loro impatto sull'Italia, in Un’altra Italia in un’altra Europa – Mercato e interesse nazionale, a cura di L.Paggi, Carocci, Firenze (2011).Citato da S. Cesaratto in un intervento al Convegno di Chianciano, dicembre 2013 

[2] Sergio Cesaratto, intervento al Convegno di Chianciano “OLTRE L'EURO. La sinistra, la crisi, l'alternativa”, dicembre 2013, riportato anche da http://www.sinistrainrete.info/ 

[3] Cito di seguito il commento di Sergio Cesaratto a queste considerazioni di Pivetti nel suo ottimo intervento al Convegno di Chianciano, febbraio 2014: “Eppure versioni “di sinistra” dell’europeismo sopravvivono in (rari) economisti radicali secondo i quali: <Più facile, senz’altro, sognare il mondo di ieri: il discorso della svalutazione dentro un ritorno all’economia nazionale … Quello di cui vi sarebbe bisogno sono piuttosto lotte coordinate e proposte politiche uniche della sinistra su scala europea, a partire dai conflitti del lavoro e dei soggetti sociali, una spinta dal basso che c’è ma non è adeguatamente organizzata e neanche pensata, nell’orizzonte o di un drastico cambio del disegno della moneta unica ... (Bellofiore e Garibaldo 2013)>. Lotte transazionali dunque. A me sembra che tale volonteroso internazionalismo pan-europeo faccia da contraltare all’europeismo volenteroso di alcuni economisti vicini al PD (Cesaratto 2013): entrambi utopistici e forse pericolosi proprio in quanto disconoscono il ruolo di tutela degli spazi democratici costituito dalla piena sovranità nazionale”. 

[4] Vedi le proposte di autorevoli economisti critici da me riportate su Micromegaonline “Come uscire dalla crisi senza uscire dall’euro”, 30 settembre 2014; e “Da moneta unica a valuta comune: una terza via per superare l’Euro”, 27 dicembre 2013



* Fonte: Micromega
Print Friendly and PDF

5 commenti:

  • Anonimo scrive:
    19 ottobre 2014 15:31

    C'è un buco logico: non è vero che la democrazia non c'è se non esiste la moneta nazionale.
    Piuttosto non c'è democrazia se in un unione politica non esistono quelle politiche di trasferimenti fiscali fra i membri ossia se non è implicita nello statuto quella solidarietà che in ultima analisi genera il senso di nazione (il buco logico è appunto che nel discorso di Grazzini sarebbe la nazione a generare la solidarietà, concetto vetero romantico in notevole ritardo sulla storia delle idee - vedi gli USA).

    Sono d'accordo però che la sovranità debba essere al centro del dibattito ma per altri motivi più pragmatici e cioè che "fa presa", che la gente "sente" questo argomento e abbiamo estremo bisogno di ideali aggreganti.

    Questo però temo che comporti inevitabilmente che sarà la destra ad appropriarsi della risposta popolare all'Europa dell'austerità e delle élites internazionali.

    Che si fa? Ci si unisce con Salvini o addirittura con la Le Pen?

    Le strade praticabili sono solo due: o il movimento interclassista insieme alla borghesia medio alta degli imprenditori e della società civile (che però mi pare si sia rivelata irrealizzabile) o l'alleanza con le destre come in fondo ha cercato di fare Grillo con l'Ukip.

    In Italia siamo fortunati perché finché c'è Grillo possiamo evitare di doverci rapportare alla Lega ma allora "tutta" la sinistra deve decidersi, e anche in fretta, a votare Grillo IN MASSA, senza astensioni o voti buttati in partitini insignificanti.

    Col tempo spero e credo che il m5s acquisterà una maggiore capacità di apertura e dialogo con chi è esterno al movimento.

  • Lorenzo scrive:
    20 ottobre 2014 04:11

    Come pensare che la cosiddetta sinistra sia talmente cieca da non vedere la reale natura di questa Europa?

    Dietro al suo europeismo apparentemente autolesionista sta l'ormai acquisita subordinazione ai poteri forti che foraggiano convegni, giornali e le stesse università, sempre meno finanziate dallo stato. L'europeismo, come già i diritti civili, è una cartina di tornasole per fingere di non vedere la distruzione dei diritti reali, quelli politici ed economici, da parte di una sinistra che da 30 anni si autodefinisce comunista e poi fa puntualmente e senza eccezione da sponda al PD, succursale italiana della finanza mondialista predatoria.

    La stessa insistenza sul tema pacifista, che è principale elemento giustificatorio dell'europeismo della sinistra per ridere, è sintomo della sua intima decadenza. La sinistra, finché è rimasta vitale (e al pari di ogni forza politica vitale) ha sempre parlato di guerra: guerra di classe, guerra civile rivoluzionaria, guerra partigiana, guerra degli stati socialisti contro quelli capitalistici. Il regno dei cieli, pardon della pace universale, valeva come lontano terminus ad quem, non certo come principio concretamente organizzativo.

    L'individuazione del nemico è atto costitutivo del politico: l'alienarsene è sintomo inconfondibile del fatto che si è accettata l'individuazione del nemico, cioè la politica, cioè il modello di società posta in essere da qualcun altro: nello specifico l'impero mondiale statunitense di cui l'Italia è satellite e la dittatura europea espressione (a partire dalla bandiera stellata), col suo infinito corteggio di guerre e regime changes.

    Quel che passa sotto il nome di sinistra è ormai totalmente infeudato al regime plutocratico. In tema vi consiglio la visione di due films epocali: "Lettera aperta a un giornale della sera" e "Ombre rosse".

  • Anonimo scrive:
    21 ottobre 2014 00:00

    "Il tragico errore della sinistra italiana è stato dunque di avere ingenuamente, e perfino distrattamente, consegnato quasi completamente all’Europa la sovranità nazionale, e quindi la sovranità democratica, la democrazia."
    Dirlo errore implica che si sarebbe potuto forse evitare. Ma la questione è che non si tratta di un errore casuale, ma di una "tara cromosomica". Ogni sinistra infatti parte dall'internazionalismo che è ovviamente l'opposto del nazionalismo.
    In ogni modo continuo ad essere dell'opinione che l'idea di De Gaulle, a proposito di Europa era sublime e continua ad esserlo . De Gaulle auspicava "un'Europa delle Patrie".

  • Giorgio Trenti scrive:
    21 ottobre 2014 16:18

    Prof. GIORGIO TRENTI
    Web www.aziendalisti.org Bologna, 15/10/2014

    «AAindirizzo»

    Il Governo Napolitano/Renzi/PD ha presentato la Legge di stabilità 2015, per mantenere la promessa di continuare nella distruzione dell’economia italiana, ora regredita a 30 anni fa. L’Italia è una nazione con tanti poveri e con sempre maggiori disuguaglianze: non basta, bisogna peggiorare ancora.

    Il credito di 80 euro, esente da imposte, concesso a chi lavora, è pagato dai disoccupati. Le agevolazioni fiscali sono mance per catturare voti nelle elezioni, sono mezzi di corruzione, gli sgravi contributivi e fiscali sono un’erogazione di denaro pubblico.

    I tagli sull’acquisto di beni e servizi della Pubblica Amministrazione, fanno aumentare i disoccupati, ora arrivati a sei milioni. E’ il metodo più sicuro per aumentare la disoccupazione. Lo sa bene la filiera del taglio Napolitano/Berlusconi/Monti/Letta/Renzi. Anche le continue modifiche alle stesse leggi sono un metodo sicuro.

    Le imposte sul risparmio privato sono state aumentate al 26% e garantiscono la distruzione della borsa. La finanza, invece, è la linfa che crea i posti di lavoro. Gli imprenditori e i professionisti, che producono il reddito, sono l’unica fonte di risorse per lo Stato. Essi devono essere sollevati da tutte le punizioni volute dal potere statale, origine di tutte le grandi corruzioni. Lo facciamo, con un solo provvedimento liberatorio per ottenere subito questi risultati:

    A. I pubblici amministratori non possono ricoprire la stessa carica per più di 2 mandati.
    B. Per tutte le cariche politiche nazionali e regionali e amministrative, il sistema elettorale
    è proporzionale.
    C. I sindaci e i presidenti di enti e amministrazioni pubbliche, sono scelti dai consigli.
    D. I dipendenti pubblici sono assunti solo con contratto di lavoro a termine.
    E. Sono ammessi i pagamenti in contanti per qualsiasi cifra.
    F. Non sono imponibili le perdite e gli utili ottenuti con titoli trattati in borsa.
    G. Nell’unico contratto di lavoro i singoli scelgono liberamente le clausole.
    H. Sono abrogate le leggi che:
    + infliggono sanzioni amministrative e penali nelle materie: fiscale, ambientale, di sicurezza
    e della concorrenza;
    + limitano la libertà di costruire infrastrutture;
    + concedono agevolazioni alle imprese, alle professioni, alle persone fisiche e agli enti,
    a carico dello Stato, delle Regioni, delle Province, dei Comuni e di qualunque altro Ente,
    siano esse di carattere tributario, previdenziale o contributivo.
    I. I rifiuti devono essere smaltiti tramite inceneritori.
    L. Alle persone fisiche, di cittadinanza italiana, è riconosciuto il diritto alla disponibilità di un minimo
    vitale, sulla base della dichiarazione dei redditi.
    M. In tutte le società, la responsabilità dei soci è limitata.
    N. Nelle cooperative i consiglieri non possono ricoprire la carica per più di un mandato.
    O. Le cooperative che controllano una società di capitali, si trasformano in SPA.

    Per completare lo sviluppo: www.aziendalisti.org/sviluppocompleto.doc

    Web\aziendalisti\sviluppo.docx

  • Anonimo scrive:
    27 ottobre 2014 20:15

    "C'è un buco logico: non è vero che la democrazia non c'è se non esiste la moneta nazionale."
    Secondo me questa affermazione è invece di una logica stringente.
    Proviamo con il "metodo socratico":
    D. Quando c'è democrazia?
    R. Quando il Popolo è libero.
    D. Quando il popolo è libero?
    R. Quando gode dell'indipendenza.
    D. E quando si può dire indipendente?
    R. l'indipemdenza si ha quando si è autonomi.
    D. Se uno per vivere deve chiedere soldi a usura si può dire autonomo?
    R. No certo perché finirà per essere privato di tutti i suoi beni e di ogni sua risorsa. Cioè diventa schiavo.
    D. Può esserci democrazia in uno Stato se esso è schiavo dei suoi creditori.
    R. Indubbiamente NO

    Una moneta nazionale con sovranità di emissione affranca del tutto dalla necessità di ottenere prestiti ad usura.
    E IL TEOREMA E' DIMOSTRATO.

Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (738) euro (696) crisi (616) economia (496) sinistra (437) finanza (259) Movimento Popolare di Liberazione (239) sfascio politico (235) grecia (231) elezioni (222) resistenza (222) M5S (211) teoria politica (206) banche (201) internazionale (190) imperialismo (186) risveglio sociale (184) alternativa (167) seconda repubblica (167) sovranità nazionale (166) Leonardo Mazzei (161) P101 (161) Syriza (149) Moreno Pasquinelli (145) Tsipras (144) Matteo Renzi (125) antimperialismo (112) debito pubblico (105) PD (103) marxismo (101) sovranità monetaria (101) democrazia (100) destra (99) sollevazione (99) Grillo (93) berlusconismo (91) proletariato (91) costituzione (89) spagna (86) Francia (82) neoliberismo (82) austerità (79) islam (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) Emiliano Brancaccio (75) referendum costituzionale 2016 (74) Stati Uniti D'America (73) Mario Monti (71) sindacato (71) Stefano Fassina (68) filosofia (68) Germania (67) bce (67) populismo (65) Libia (63) Alberto Bagnai (59) piemme (59) Podemos (58) capitalismo (58) sinistra anti-nazionale (58) Rivoluzione Democratica (57) capitalismo casinò (57) guerra (57) globalizzazione (56) immigrazione (54) rifondazione (53) Carlo Formenti (51) bancocrazia (51) Medio oriente (50) Siria (50) Alexis Tsipras (49) Movimento dei forconi (49) programma 101 (49) socialismo (49) fiat (48) cinque stelle (47) immigrati (47) sovranità popolare (47) Nichi Vendola (45) Sergio Cesaratto (45) legge elettorale (45) referendum (45) renzismo (45) sinistra sovranista (44) Beppe Grillo (43) inchiesta (43) Pablo Iglesias (42) Troika (42) geopolitica (42) Emmezeta (41) Lega Nord (41) Yanis Varoufakis (41) astensionismo (41) campo antimperialista (41) solidarietà (41) moneta (39) Alitalia (38) proteste operaie (38) brexit (37) italicum (37) Diego Fusaro (36) liberismo (35) III. Forum internazionale no-euro (34) Mario Draghi (34) Russia (34) egitto (34) sionismo (34) Marine Le Pen (33) azione (33) sovranismo (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) Matteo Salvini (32) Sicilia (32) default (32) fiom (32) palestina (32) Forum europeo 2016 (31) ISIS (31) Sel (31) fiscal compact (31) governo Renzi (31) neofascismo (31) unità anticapitalisa (31) Luciano Barra Caracciolo (30) Manolo Monereo (30) Mimmo Porcaro (30) Ucraina (30) CLN (29) Giorgio Cremaschi (29) Ugo Boghetta (29) populismo di sinistra (29) Fiorenzo Fraioli (28) Israele (28) Merkel (28) immigrazione sostenibile (28) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) menzogne di stato (27) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (26) xenofobia (26) Forum europeo (25) Lega (25) Europa (24) eurostop (24) islamofobia (24) Karl Marx (23) Nello de Bellis (23) ora-costituente (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) silvio berlusconi (22) Aldo Giannuli (21) Chianciano Terme (21) Donald Trump (21) Quantitative easing (21) Simone Boemio (21) Stato di diritto (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) nazione (21) scuola (21) Marcia della Dignità (20) finanziarizzazione (20) uscita dall'euro (20) Front National (19) Lavoro (19) Nato (19) Unità Popolare (19) cina (19) fronte popolare (19) repressione (19) Izquierda Unida (18) Roma (18) Tunisia (18) USA (18) ecologia (18) etica (18) iraq (18) keynes (18) Assisi (17) Fabio Frati (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Laikí Enótita (17) Mariano Ferro (17) Regno Unito (17) razzismo (17) religione (17) Costanzo Preve (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Norberto Fragiacomo (16) Pier Carlo Padoan (16) ballottaggi (16) nazionalismi (16) nazionalizzazione (16) pace (16) vendola (16) Donbass (15) International no euro forum (15) Jacques Sapir (15) Luciano B. Caracciolo (15) Prc (15) Renzi (15) Tonguessy (15) piattaforma eurostop (15) storia (15) 15 ottobre (14) Cremaschi (14) Emmanuel Macron (14) Enea Boria (14) Ernesto Screpanti (14) Eurogruppo (14) Monte dei Paschi (14) Vincenzo Baldassarri (14) coordinamento no-euro europeo (14) iran (14) melenchon (14) obama (14) patriottismo (14) salerno (14) Beppe De Santis (13) Chavez (13) Jobs act (13) MMT (13) Marco Mori (13) Stato Islamico (13) Venezuela (13) Virginia Raggi (13) Vladimiro Giacchè (13) acciaierie Terni (13) emigrazione (13) euro-germania (13) finanziaria (13) umbria (13) Bersani (12) Brancaccio (12) Forum europeo 2015 (12) Legge di stabilità (12) Marino Badiale (12) Movimento 5 Stelle (12) Negri (12) Perugia (12) complottismo (12) decreto salva-banche (12) disoccupazione (12) piano B (12) sciopero (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Gennaro Zezza (11) Luigi Di Maio (11) Putin (11) Sandokan (11) Turchia (11) ambiente (11) antifascismo (11) comunismo (11) corruzione (11) de-globalizzazione (11) iniziative (11) internazionalismo (11) keynesismo (11) salari (11) sinistra Italiana (11) unione bancaria (11) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Esm (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Hollande (10) Marco Zanni (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Reddito di cittadinanza (10) Terni (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) golpe (10) lotta di classe (10) presidenzialismo (10) scienza (10) senso comune (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Art. 18 (9) Campagna eurostop (9) De Magistris (9) Def (9) Dicotomia (9) Enrico Grazzini (9) Fmi (9) Jean-Luc Mélenchon (9) Marco Passarella (9) Paolo Ferrero (9) Portogallo (9) Stefano D'Andrea (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wilhelm Langthaler (9) analisi politica (9) bail-in (9) catalogna (9) chiesa (9) cosmopolitismo (9) cultura (9) diritti civili (9) internet (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) ordoliberismo (9) povertà (9) sindacalismo di base (9) tasse (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Alitalia all'Italia (8) Bernie Sanders (8) CGIL (8) Corte costituzionale (8) Costas Lapavitsas (8) D'alema (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) Diritti Sociali (8) Draghi (8) Erdogan (8) Forconi (8) Goracci (8) Ilva (8) Ingroia (8) Mirafiori (8) Quirinale (8) Salvini (8) Wolfgang Schaeuble (8) Yanis Varoufakys (8) appello (8) deficit (8) diritto (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) elezioni anticipate 2017 (8) elezioni siciliane (8) europeismo (8) grexit (8) indipendenza (8) manifestazione 25 marzo 2017 (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) nuovo movimento politico (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Argentina (7) Articolo 18 (7) Daniela Di Marco (7) Fausto Bertinotti (7) ISIL (7) Inigo Errejón (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Samuele Mazzolini (7) Sapir (7) Ttip (7) anarchismo (7) borsa (7) casa pound (7) classi sociali (7) confederazione (7) cosmo-internazionalismo (7) destra non euro (7) eurocrack (7) incontri (7) lira (7) nazismo (7) necrologi (7) privatizzazioni (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) trasporto pubblico (7) Ars (6) Banca centrale europea (6) Bottega partigiana (6) CUB (6) Casaleggio (6) Contropiano (6) Eugenio Scalfari (6) Franz Altomare (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Gran Bretagna (6) M.AR.S. (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Barnard (6) Paolo Savona (6) Papa Francesco (6) Pil italiano (6) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (6) Risorgimento Socialista (6) Sergio Mattarella (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) debitocrazia (6) derivati (6) governo Gentiloni (6) incontro internazionale (6) inflazione (6) liberosambismo (6) magistratura (6) manifestazione (6) nazionalismo (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) terremoto (6) trasporto aereo (6) uber (6) utero in affitto (6) Alessandro Visalli (5) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Assad (5) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (5) Dario Guarascio (5) Dino Greco (5) Ferdinando Pastore (5) Finlandia (5) Foligno (5) Forza Italia (5) Fratelli d'Italia (5) Genova (5) Giancarlo D'Andrea (5) HAMAS (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Massimo Bontempelli (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Parigi (5) Pcl (5) Pisapia (5) Polonia (5) Rete dei Comunisti (5) Riccardo Achilli (5) Romano Prodi (5) Sharing Economy (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Target 2 (5) Val di Susa (5) afghanistan (5) alleanze (5) automazione (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) cuba (5) debitori (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni. Lega (5) fisco (5) jihadismo (5) la variante populista (5) laicismo (5) liberalismo (5) pomigliano (5) populismo democratico (5) questione nazionale (5) rivolta (5) salvinismo (5) suicidi (5) suicidi economici (5) tremonti (5) ALBA (4) Alberto Negri (4) Alessandro Di Battista (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Anna Falcone (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Chiavacci Alessandro (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (4) Cub Trasporti (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Domenico Moro (4) Federalismo (4) Frente civico (4) George Soros (4) Giulio Regeni (4) Imu (4) Jacques Nikonoff (4) Joseph Stiglitz (4) Julio Anguita (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Lenin (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Marcello Teti (4) Militant-blog (4) Morgan Stanley (4) Mosul (4) Npl (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) USB (4) Varoufakis (4) Vladimiro Giacché (4) Wolfgang Munchau (4) Xi Jinping (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) autodeterminazione dei popoli (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) demografia (4) diritti di cittadinanza (4) elezioni comunali 2017 (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) giovani (4) governo (4) ideologia (4) il manifesto (4) irisbus (4) ius soli (4) legge di stabilità 2017 (4) massimo fini (4) migranti (4) parti de gauche (4) patrimoniale (4) pensioni (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) protezionismo (4) rifugiati politici (4) risparmio (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Alfiero Grandi (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bergoglio (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Mitropoulos (3) Eleonora Forenza (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) France Insoumise (3) Francesco Salistrari (3) Franco Bartolomei (3) Fronte Sovranista Italiano (3) GIAPPONE (3) Gianni Ferrara (3) Giorgia Meloni (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Angiuli (3) Giuseppe Pelazza (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jens Weidmann (3) Jeremy Corbyn (3) Karl Polany (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Massimo Climati (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Maduro (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Napoli (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Noi Mediterranei (3) ONU (3) Olanda (3) Panagiotis Sotiris (3) Paolo Gerbaudo (3) Pardem (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Salento (3) Sarkozy (3) Sergio Starace (3) Six Pack (3) Stato di Polizia (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) bankitalia (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) diritto d'asilo politico (3) diritto di cittadinanza (3) dollaro (3) economia sociale di mercato (3) elezioni 2017 (3) facebook (3) fascismo (3) il fatto quotidiano (3) il pedante (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) italia (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mediterraneo (3) mezzogiorno (3) minijobs. Germania (3) moneta fiscale (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) oligarchia (3) partito (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) sanità (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) socialdemocrazia (3) sociologia (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) tassisti (3) tecnologie (3) trattati europei (3) università (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 25 aprile 2017 (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Benzoni (2) Alberto Montero (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Amoroso (2) Antonio Rinaldi (2) Arditi del Popolo (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Banca (2) Bandiera rossa in movimento (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Carl Schmitt (2) Carlo Romagnoli (2) Cernobbio (2) Cerveteri Libera (2) Cgia Mestre (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Comitato antifascista russo-ucraiono (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Don Giancarlo Formenton (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Ego della Rete (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) F.List (2) Fausto Sorini (2) Federico Fubini (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Filippo Gallinella (2) Fiumicino (2) Flat tax (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratoianni (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Futuro al lavoro (2) Gentiloni (2) Giuliano Pisapia (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Goofynomics (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Juan Carlos Monedero (2) Jugoslavia (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Basso (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) Luigi De Magistris (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Macron (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marchionne (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Marx (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Morya Longo (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) NO TAP (2) Nadia Garbellini (2) Oriana Fallaci (2) Palermo (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pier Paolo Dal Monte (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Preve (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Reddito di inclusione sociale (2) Riccardo Bellofiore (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Salistrari (2) Sandro Arcais (2) Scenari Economici (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Seconda Assemblea CLN (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) TAP (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Fazi (2) Thomas Piketty (2) Tiziana Ciprini (2) Tltro (2) Tomaso Montanari (2) Toni negri (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Ugo Arrigo (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Visco (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) austria (2) banche venete (2) blocco sociale (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) curdi (2) deregulation (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) domenico gallo (2) donna (2) due euro (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) fecondazione eterologa (2) fine del lavoro (2) gennaro Migliore (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) indignatos (2) industria italiana (2) informatica (2) isu sanguinis (2) legge del valore (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) mercantislismo (2) no expo (2) occidente (2) olocausto (2) paolo vinti (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) precarietà (2) proporzionale (2) proteste agricoltori (2) razionalismo (2) riformismo (2) sanità. spending review (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) sovranità e costituzione (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) tecnoscienza (2) terzo polo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) vaccini (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) Africa (1) AirCrewCommittee (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alan Johnson (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aldo Zanchetta (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Chiavacci (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Amando Siri (1) Amazon (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angela Matteucci (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Gramsci (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Apple (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Attali (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Bashar al-Assad (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Branko Milanovic (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carlo Candi (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Cekia (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Civitavecchia (1) Claudia Castangia (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cuperlo (1) Dagospia (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Bortoli (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emanuele Severino (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Eos (1) Ernesto Laclau (1) Ernesto Pertini (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio De Paoli (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Forum Ambrosetti (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Busalacchi (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giacomo Zuccarini (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giordano Sivini (1) Giorgetti (1) Giorgio Gattei (1) Giovanna Vertova (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giovanni Tomei (1) Giuliana Commisso (1) Giuliano Amato (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Ambrosetti (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Google (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hezbollah (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Imposimato (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Intesa Sanpaolo (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia Ribelle (1) Italia Ribelle e Sovrana (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Joseph Shumpeter (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Ktragujevac (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Undiemi (1) Lillo Massimiliano Musso. Leoluca Orlando (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Alfano (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcello Minenna (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Elena Boschi (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mario Tronti (1) Mark Rutte (1) Martin Heidegger (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo Costa (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Microsoft (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Milton Friedman (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimento di Liberazione Popolare (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Netanyahu (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolas Dupont-Aignan (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Noi sicialiano con Busalacchi (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) PSUV (1) Pablo Stefanoni (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maddalena (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Papa Bergoglio (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Partito tedesco (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Paul De Grauwe (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Pino Prestigiacomo (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quarto Polo (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Ruggeri (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Riscossa Italia (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Robert Mundell (1) Roberta Lombardi (1) Roberto D'Agostino (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Marchesi (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Schengen (1) Schumpeter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sicilia Libera e Sovrana (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svitlana Grugorciùk (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Tommaso Nencioni (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vito Storniello (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) Xarxa Socialisme 21 (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) animalismo (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autogestione (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) big five (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) cassa depositi e prestiti (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) cdp (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dichiarazione di Roma (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) donne (1) dracma (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) enav (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forza nuova (1) freelancing (1) frontiere (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) independent contractor (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) intervista (1) intimperialismo (1) ius sanguinis (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge antisciopero (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) lex monetae (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) liste civiche. (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) luddismmo (1) lula (1) madre surrogata (1) mafiodotto (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) nascite (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) nobel (1) norvegia (1) numero chiuso (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) ong (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) partito democratico (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) post-operaismo (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) questione femminile (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) reddito di base (1) rete 28 Aprile (1) ricchezza (1) ride sharing (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rossobrunismo (1) rublo (1) salafismo (1) salir del euro (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) spionaggio (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) supply-side economics (1) svimez (1) takfirismo (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trenitalia (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uberizzazione (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vertice di Roma (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) wahhabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)