sabato 4 aprile 2015

MEDIO ORIENTE IN FIAMME (l'ordine nel caos) di Leonardo Mazzei

[ 4 aprile ]

Breve premessa. Mentre scrivevamo questo articolo - dedicato ai tanti sviluppi di quella che chiamiamo Grande Guerra Mediorientale - è arrivata la notizia dell'accordo di Losanna sul nucleare iraniano. Un fatto che potrebbe avere conseguenze geopolitiche di primaria importanza ed un impatto non secondario sui diversi fronti di questa stessa guerra. Su questo torneremo a breve con un articolo specifico.


1. Il Medio Oriente in fiamme

Yarmouk (Damasco), Idlib, Tikrit, Aden: cosa unisce queste città? Certo, in tutte si parla l'arabo e si venera Allah. Ma ora, basta leggere i giornali di ieri, hanno un'altra cosa in comune: in tutte queste città si combatte aspramente, con il cambio della bandiera - magari solo provvisorio - di che le controlla. Quattro battaglie solo nelle ultime 48 ore: un'istantanea da cogliere al volo per cercare di capire qualcosa di più della Grande Guerra Mediorientale che ormai si dispiega apertamente in 4 paesi (Siria, Iraq, Yemen, Libia) ma che ne coinvolge almeno un'altra dozzina.

Per avere un'idea della portata del conflitto in corso, basta pensare alle distanze. Tra Idlib, nel nord ovest della Siria, ed Aden, all'estremità meridionale dello Yemen, ci sono 2.750 chilometri. Grosso modo la distanza che separa Roma da Mosca.

Che questa sia una guerra senza precedenti in Medio Oriente è fuori dubbio. Lo è per il numero dei paesi coinvolti, per gli eserciti (regolari e irregolari) sul terreno, per la vastità dei territori contesi, per la durata del conflitto in alcuni contesti (Siria e Libia in particolare), per gli interessi strategici in gioco (petrolio, ma non solo), per le potenze regionali in campo (Arabia Saudita, Turchia, Iran, Egitto), per il ruolo dell'imperialismo americano e di Israele, per il numero delle vittime e per i milioni di profughi. Ma lo è ancor di più per l'assoluta centralità della fitna, la guerra religiosa che oppone gli sciiti ai sunniti.

Tutto ciò è, od almeno dovrebbe essere, chiaro. Assai meno semplice è la lettura del conflitto, dato che non vi sono solo due schieramenti e che ogni fronte ha le sue peculiari dinamiche, ogni paese i suoi particolari interessi. Lo stesso gioco delle alleanze è a geometria variabile, tanto che se volessimo rappresentarle su una carta, alla Limes per intenderci, ne verrebbe fuori una sorta di disordinata ragnatela difficile da interpretare.


2. I fatti degli ultimi giorni


Abbiamo parlato di 4 città simbolo. Città che rappresentano vicende nelle quali il "particolare" ci parla del "generale". Entriamo allora nel dettaglio, procedendo da nord verso sud.

La conquista di Idlib (Siria) da parte del fronte qaedista
Idlib è una città di 157mila abitanti, nel nord-ovest della Siria, non lontana da Aleppo ed a soli 30 chilometri dal confine turco. Il governatorato di Idlib è particolarmente popoloso, contando più di due milioni di abitanti. Da ieri l'altro la città è sotto il controllo di Al Nusra, che insieme ad altre forze islamiste (tra cui Ahrar al-Sham), ha preso la città alle truppe governative. Idlib è il secondo capoluogo di provincia perso dall'esercito di Assad, dopo Raqqa. Anche quest'ultima città era stata conquistata dalle milizie qaediste di Al Nusra, ma queste l'hanno poi dovuta cedere ai "concorrenti" dell'Isis. Ora i due principali network jihadisti hanno una loro "capitale", simboli importanti della loro lotta al governo di Damasco in una guerra che dura ormai da oltre 4 anni.

Il fronte anti-Isis riprende, almeno parzialmente, il controllo di Tikrit (Iraq) 

Tikrit è una città di 146mila abitanti, posizionata lungo il corso del Tigri a soli 140 chilometri a nord di Baghdad. E' il capoluogo del governatorato di Salah al-Din, ed è nota per aver dato i natali a Saddam Hussein. «Abbiamo liberato Tikrit dall'Isis», ha dichiarato ieri il capo del governo iracheno Haider al-Abadi. Il quale ha però dovuto ammettere che le sue forze al momento controllano solo la parte meridionale e quella occidentale della città. Un risultato non proprio esaltante dopo un attacco in corso da un mese. Ancora più significativa la dichiarazione politica del premier di Baghdad: «L'operazione per la liberazione di Tikrit sta procedendo con lo sforzo comune di esercito, polizia, milizie popolari, forze tribali e abitanti della città con la copertura aerea dell'aviazione militare irachena assieme a quella della coalizione internazionale». Il problema è che quella coalizione è guidata dagli Stati Uniti, i cui bombardieri continuano a colpire le postazioni dell'Isis che ancora controllano il 60% della città. Una specie di alleanza contro natura tra gli sciiti appoggiati dall'Iran e gli imperialisti americani, quelli che nello stesso momento stanno appoggiando logisticamente i tremendi bombardamenti della coalizione sunnita, a guida saudita, contro le forze degli Houthi nello Yemen. Una situazione che turba non poco i miliziani sciiti che hanno contribuito in maniera decisiva alla (parziale) riconquista di Tikrit. «Possiamo ripulire Tikrit da soli» dicono, ma intanto i jet a stelle e strisce sono lì sopra di loro a colpire il comune nemico.

Yarmouk (Damasco) nelle mani dell'Isis
Yarmouk è un grande campo profughi palestinese alla periferia sud di Damasco, ma da tempo si è trasformato di fatto in un normale sobborgo a pochissimi chilometri dal centro della capitale siriana. Prima dell'inizio della guerra vivevano a Yarmouk 160mila persone. Da tempo, dopo che è stato ridotto ad un cumulo di macerie, gli abitanti sono soltanto 18mila. A Yarmouk vigeva una fragile tregua, sotto l'assedio delle truppe di Assad, mentre il "campo" era già controllato sostanzialmente da milizie antigovernative. Ora è tra queste - l'Isis da un lato ed il gruppo palestinese Aknaf Beit al Maqdis (vicino ad Hamas ed alla Fratellanza Musulmana) dall'altro - che è scoppiato il conflitto. Le forze dell'Isis, alle quali si sarebbero aggiunti nell'occasione anche miliziani di al Nusra, avrebbero preso adesso il controllo pressoché totale dell'area. Certo, Yarmouk è soltanto un pezzo della periferia della metropoli siriana, un pezzo che Assad aveva di fatto già perso. Ma resta il fatto che la bandiera dell'Isis sventola ora a pochissimi chilometri dai palazzi del governo siriano.

Gli sciiti zayditi Houthi avanzano nel centro di Aden
Aden, 590mila abitanti, è la seconda città dello Yemen. Fino all'unificazione del Paese è stata la capitale della Repubblica Democratica Popolare dello Yemen. La città è in una posizione strategica, con il suo porto a poca distanza dallo stretto di Bab el-Mandeb, che mette in comunicazione l'Oceano Indiano con il Mar Rosso sulla rotta del Canale di Suez. Ad Aden si è rifugiato l'ex presidente Hadi, costretto ad abbandonare Sana'a dall'avanzata degli Houthi. I quali, incredibilmente, nonostante i massicci bombardamenti aerei della coalizione a guida saudita, sono entrati con i loro carri armati nel centralissimo quartiere di Khor Maksar. Ormai le vittime dei bombardamenti - tantissimi i civili - si contano a centinaia. I caccia di Ryad colpiscono infatti ogni notte, accompagnati dall'appoggio dell'intelligence americana e dal complice silenzio dei media occidentali. A dispetto di tutto ciò gli Houthi, alleatisi nell'occasione con i militari rimasti fedeli al vecchio dittatore Saleh, sembrano resistere all'attacco dal cielo. Mentre sul terreno la loro avanzata deve fronteggiare anche le non disprezzabili forze dell'Aqap (al Qaeda nella Penisola Araba) che paiono essersi schierate con l'Arabia Saudita. Una conferma assai significativa della polarizzazione religiosa tra sciiti e sunniti, che sembra prevalere sulle differenze politiche tra i vari soggetti in campo. Tutto questo nonostante che lo zaydismo (la tendenza sciita in cui si riconoscono gli Houthi) rappresenti la corrente sciita più vicina ai sunniti.


3. La centralità della fitna


In quello che sembra un inestricabile labirinto in cui si svolge la guerra di tutti contro tutti, alcuni punti fermi sono infatti facilmente rintracciabili. Il primo sta appunto nella fitna, la guerra di religione tra sciiti e sunniti.

Certo, le differenze non mancano in nessuno dei due campi. Sicuramente solo una piccola parte dei sunniti condivide la visione integralista dei takfiri dell'Isis; mentre sull'altro lato una cosa sono gli zayditi dello Yemen, un'altra gli sciiti duodecimani nettamente prevalenti in Iran, Iraq e Libano, altra cosa ancora gli alawiti siriani. E tuttavia, nonostante queste differenze, la polarizzazione tra le due tendenze principali in cui si divide l'islam è l'elemento centrale - che non vuol dire l'unico - che accomuna le guerre in corso in Siria, Iraq e Yemen.

In Siria, il regime di Assad, che si appoggia fondamentalmente sulla minoritaria comunità alawita, gode dell'appoggio dell'Iran e di quello dell'Hezbollah libanese. Viceversa, tra le forze antigovernative, troviamo - come si è già detto - sia componenti jiahdiste pur se in concorrenza tra loro (Isis e al-Nusra), sia settori più tradizionali sul piano religioso (grosso modo riconducibili alla Fratellanza Musulmana) e politicamente assai vicini alla Turchia.

In Iraq - come si è visto parlando della battaglia di Tikrit - a fianco delle truppe governative combattono diverse milizie sciite, tra le quali l'Hezbollah iracheno. Il tutto con il pieno sostegno di Teheran. Dall'altra parte non è un mistero per nessuno che i miliziani dell'Isis godano spesso dell'appoggio di comunità sunnite che niente hanno a che vedere con le loro concezioni religiose. Senza questo sostegno - spiegabile con la totale avversione al governo di Baghdad - non si comprenderebbe, ad esempio, la facile conquista di una città come Mosul.

Sullo Yemen abbiamo già detto della scelta di campo filo-saudita delle forze qaediste presenti. Ma ancor più significativa è la composizione della coalizione internazionale sunnita, dentro la quale convivono paesi apertamente filo-occidentali come l'Arabia Saudita, membri della Nato come la Turchia ed un paese come il Sudan considerato uno "Stato canaglia" dagli USA. Contraddizioni non piccole, ricompostesi nell'occasione contro il comune nemico sciita (ed ovviamente iraniano).

In questo quadro schematico fa ovviamente eccezione la Libia, data l'assenza degli sciiti nel paese. In Libia (leggi QUI) lo scontro è tra il governo di Tobruk, che raccoglie le forze anti-islamiste e filo-occidentali, con il pieno sostegno (anche militare) di Egitto, Arabia Saudita ed Emirati, ed il governo di Tripoli, costituito dalla coalizione denominatasi "Alba Libica", appoggiata dalla Fratellanza Musulmana, dalla Turchia e dal Qatar. Terzo incomodo, come noto, l'Isis, che controlla le città di Derna e Sirte.


4. Il ruolo delle potenze regionali


Il secondo punto fermo riguarda gli interessi delle 4 potenze regionali in campo, tutte protese alla conquista di un ruolo egemone nell'area, e tutte coinvolte nei vari fronti della guerra in corso. Tre di esse (Arabia Saudita, Turchia ed Egitto) appartengono al campo sunnita, una (l'Iran) a quello sciita.

L'Arabia Saudita e il suo asse strategico con Israele

Come noto, l'Arabia Saudita dispone di enormi mezzi economici derivanti dalla rendita petrolifera. Grazie a questi mezzi la monarchia di Ryad ha dato il via, ormai da anni, ad un gigantesco programma di riarmo. Adesso, anche grazie alle nuove armi acquistate prevalentemente dagli USA, i sauditi vogliono pesare di più in tutto lo scenario mediorientale. Il loro nemico principale è l'Iran, del quale temono la crescita di influenza nel confinante Iraq. Il loro grande alleato è attualmente l'Egitto di al-Sisi, il cui golpe del 2013 hanno foraggiato in abbondanza. Alleati minori dei sauditi sono gli Emirati ed il Bahrain, ormai diventato di fatto un protettorato controllato da Ryad. Ma quel che caratterizza ancor di più la politica dei sauditi è la saldatura strategica che hanno stabilito con Israele. Anche in questo caso il collante è rappresentato dall'identica ossessione anti-iraniana, che porta questi due paesi a forzare costantemente, in senso guerrafondaio, la stessa politica mediorientale degli Stati Uniti. Nella guerra in corso l'Arabia Saudita combatte direttamente nello Yemen ed appoggia i suoi alleati in Siria ed in Libia, mentre è assai meno influente sulla situazione irachena.

Il ruolo attuale di una Turchia indebolita

Il peso della Turchia non è più quello di qualche anno fa. E tuttavia Ankara continua a contare non poco nel quadro regionale. La politica "neo-ottomana" teorizzata dall'attuale premier Davutoglu, quella dei "problemi zero con i vicini", che riteneva di potersi basare sul soft power di una potenza economica emergente è fallita. Ed il luogo di questo fallimento si chiama Siria, il cui conflitto ha fatto di un leader amico (Assad) un nemico da eliminare a tutti i costi. La Turchia è stata anche la prima vittima, sul piano internazionale, del golpe egiziano. Le posizioni di Ankara si sono dunque indebolite negli ultimi anni. Questo non significa che le ambizioni neo-ottomane siano ormai una cosa del passato, ma esse devono oggi fare i conti con l'imprevisto della Grande Guerra Mediorientale, che costringe la Turchia ad una tattica più prudente ed attendista. Come abbiamo già detto, il governo Davutoglu (in alleanza con il Qatar) appoggia in Libia il governo di Tripoli e partecipa alla coalizione anti-Houthi nello Yemen, mentre i suoi alleati in Siria hanno oggi una forza piuttosto limitata.

L'Egitto di al-Sisi, un golpista che vorrebbe diventare il "nuovo Faraone"

Notoriamente l'Egitto, anche in virtù del suo peso demografico, aspira da sempre ad un ruolo guida dell'intero mondo arabo. Un ruolo che ai tempi di Nasser gli fu in larga parte riconosciuto. Oggi, dopo la rivoluzione democratica che cacciò nel 2011 Mubarak, dopo il fallimento del governo della Fratellanza Musulmana, sfociato nella restaurazione del 2013, il generale al-Sisi rispolvera le ambizioni di sempre. Lo fa verso ovest, in Libia, anche con l'intervento militare diretto contro il governo di Tripoli e contro le milizie dell'Isis. Lo fa verso est, partecipando all'aggressione militare contro lo Yemen.

I tanti fronti dell'Iran e l'accordo sul nucleare di Losanna
Le ambizioni regionali dell'Iran riposano da sempre su tre fattori: le dimensioni del paese, le sue ricchezze energetiche, l'essere il punto di riferimento obbligato di tutte le comunità sciite. La sostituzione del combattivo Ahmadinejad con il nuovo presidente Rohani, decisamente più gradito dall'occidente, non ha cambiato più di tanto la politica di Teheran nell'area. L'Iran sostiene attivamente, anche sul piano militare, i governi di Damasco e Baghdad, come pure (almeno politicamente) i ribelli Houthi nello Yemen. Ma l'Iran appoggia anche Hezbollah in Libano e pure (benché sunnita) Hamas in Palestina. Da qui l'ossessione israeliana contro Teheran. Mentre manteneva le sue posizioni nella regione, il governo iraniano ha cercato in tutti i modi di arrivare ad un accordo sul proprio piano nucleare, in modo di giungere ad una revoca delle sanzioni imposte dall'occidente. E proprio mentre scrivevamo questo articolo è arrivata la notizia che a Losanna, dove da tempo si svolgevano le lunghissime trattative, è stato raggiunto un "accordo quadro" sulla questione. Non ci soffermiamo qui, per ragioni di spazio, sul contenuto dell'accordo, che si configura sostanzialmente come uno scambio tra la rinuncia dell'Iran al nucleare in cambio della fine delle sanzioni e - cosa forse più importante - di un riconoscimento politico dell'Iran a 37 anni dalla rivoluzione khomeinista. Senza dubbio questo accordo avrà le sue ricadute sulla guerra in corso, in quale misura ce lo dirà solo il tempo.


5. Il caso dello Yemen: appoggio alla resistenza degli Houthi contro l'aggressione saudita


Soffermiamoci ora brevemente sul caso dello Yemen, la cui vicenda merita in questo momento un'attenzione speciale, non solo per la recentissima escalation del conflitto, ma anche per la particolare conformazione delle forze in campo.

Abbiamo già visto come le varie potenze regionali siano presenti nei diversi conflitti nazionali. Ma mentre in Siria, Libia ed Iraq lo fanno sostanzialmente tramite i propri alleati locali, in Yemen siamo di fronte ad una vera e propria aggressione esterna, ad opera di una coalizione numerosa, agguerritissima e ben armata. Una coalizione che per ora si "limita" ai bombardamenti aerei, ma che certo non esclude affatto la possibilità di un'azione terrestre.

Mentre negli altri paesi la natura del conflitto è prevalentemente interna - anche se non dobbiamo certo dimenticare la criminale aggressione della Nato alla Libia del 2011, così come non dobbiamo mai stancarci di denunciare come la crisi irachena sia di fatto un lascito velenoso della guerra e dell'occupazione dell'Iraq ad opera degli americani e dei loro alleati - quella in corso nello Yemen è a tutti gli effetti un'aggressione militare esterna, che ha l'unico scopo di fare di quel paese una sorta di protettorato saudita.

Per questi motivi, come antimperialisti, nel mentre denunciamo la gravità dei bombardamenti in corso, esprimiamo il nostro pieno appoggio alla resistenza dei guerriglieri Houthi ed alla loro lotta per uno Yemen libero ed indipendente.


6. L'imperialismo americano ed Israele: due strategie e due interessi non sempre coincidenti


Finora abbiamo parlato soltanto dei protagonisti "locali" della guerra in corso, ma è evidente che bisogna allargare lo sguardo. Tralasciamo qui ruolo ed interessi, che pure ci sono, di altre potenze come la Cina e la Russia. E tralasciamo anche l'Unione Europea, o meglio gli Stati dell'UE, più che altro interessati al destino della Libia, visto che quel paese è considerato dagli Stati Uniti come di secondaria importanza. Occupiamoci invece della strategia di due protagonisti ben più interni alle complesse dinamiche del conflitto in corso: la superpotenza americana e l'unica potenza nucleare del Medio Oriente, cioè Israele.

USA ed Israele sono notoriamente alleati molto stretti, ma come si conviene nelle migliori alleanze non sempre interessi e strategie combaciano alla perfezione. Gli Stati Uniti di Obama, usciti dalla scottatura delle guerre di Bush, in primis quella irachena, hanno cercato in questi anni altre strade per esercitare il loro dominio, senza per questo rinunciare all'intervento militare diretto, come si è visto nel 2011 in Libia, nei raid aerei (spesso condotti con i droni) contro al Qaeda nello Yemen, ed in quelli contro l'Isis in Siria ed Iraq. Contro il Califfato la Casa Bianca ha stretto un'alleanza con Teheran in Iraq, mentre manda segnali aperturisti allo stesso Assad. Israele vede questa politica come fumo negli occhi. Dal punto di vista dello Stato ebraico l'Iran resta il nemico principale, come le prime violentissime reazioni di Netanyahu all'accordo di Losanna confermano. E non è certo un mistero che Obama avrebbe preferito la sconfitta di quest'ultimo nelle recenti elezioni israeliane (leggi QUI).

Da cosa dipendono queste divergenze tra Israele e Stati Uniti? Certamente esse hanno origine nella diversa visuale di Washington e Tel Aviv. Se la Casa Bianca agisce, sia pure in un mondo che tende al multipolarismo, come centro di comando dell'unica superpotenza davvero globale, i governanti israeliani badano anzitutto al loro vicinato. Se gli Usa hanno necessariamente una visione di medio-lungo periodo, Israele si concentra intanto sui nemici che oggi considera come i più pericolosi.

Da queste diverse visuali scaturisce il diverso atteggiamento verso Teheran. Mentre Israele vorrebbe il ridimensionamento immediato dell'Iran, gli Stati Uniti puntano alla stabilità dell'area, diciamo più realisticamente alla "massima stabilità ragionevolmente possibile" in una regione per tanti motivi strutturalmente instabile. Gli USA non vogliono che l'Iran diventi una potenza in grado di esercitare una forte egemonia regionale, ma neppure vogliono che lo diventi l'Arabia Saudita. Quest'ultima rimane un'alleata di Washington, ma i motivi di frizione non mancano: non ultimo la scelta saudita di far crollare il prezzo del petrolio per mettere in difficoltà i produttori americani di "shale oil".

Questa politica americana non è certo una novità, si pensi all'atteggiamento tenuto durante la guerra Iran-Iraq (1980-1988). Negli 8 lunghi anni di quel sanguinosissimo conflitto gli Stati Uniti appoggiarono prima l'Iraq di Saddam Hussein (sostenuto allora dall'Arabia Saudita), poi l'Iran khomeinista ed infine, quando le truppe di Teheran stavano sfondando a sud, di nuovo l'Iraq. Schizofrenia? No, strategia abilmente calibrata onde impedire il costituirsi di una vera potenza regionale. Strategia riuscita, dato che i due paesi uscirono entrambi malconci da un conflitto senza vincitori. Nulla di strano, dunque, che oggi a Washington ci riprovino, badando intanto al contenimento dei due contendenti più coinvolti nei tanti fronti del conflitto attuale: l'Iraq e l'Arabia Saudita.


7. La mediorientale "Guerra dei trent'anni"

Ci siamo fin qui sforzati di tracciare un quadro, il più comprensibile possibile. Ma è del tutto evidente come, dentro ad alcune coordinate di fondo, sia entrata in gioco una molteplicità di soggetti non facilmente riconducibili ad un unico schema. Si pensi, ad esempio, alla partita dei curdi iracheni e di quelli siriani, per non parlare del significato profondo dell'emersione del fenomeno jihadista, che trova oggi nell'Isis la sua massima espressione.

Scriveva Moreno Pasquinelli (leggi QUI) nell'agosto scorso:
«Quello in atto in Medio oriente è solo l’inizio di un sconquasso geopolitico di portata storica e globale, l’equivalente della “nostra”  Guerra dei trent’anni. Stanno definitivamente saltando in aria gli assetti dell’intera regione, figli della spartizione delle spoglie dell’Impero ottomano compiuta dalle potenze coloniali inglese e francese (Accordi Sykes-Picot del maggio 1916). Usando questa chiave di lettura possono essere decodificate e comprese le mosse dei diversi attori che calcano la scena mediorientale: le potenze internazionali, gli USA in primis (di cui Israele è in ultima istanza una protesi), Russia e Cina; e quelle regionali: Iran, Arabia Saudita, Egitto,Turchia».

Ecco, quel che bisogna capire è la portata e l'ampiezza del conflitto. Dalla sua Grande Guerra il Medio Oriente non uscirà uguale a prima. Insieme a tanti governi, cambieranno i confini disegnati dai colonialisti, e cambieranno di certo i rapporti di forza interni alla regione. E se un giorno vi sarà una mediorientale Pace di Westfalia, che ponga finalmente termine alle guerre di religione, questa non potrà che sancire i cambiamenti prodotti dall'attuale conflitto.


8. Dedica finale all'idiozia del complottismo


Prima di concludere ci sia concesso di dedicare qualche riga ai complottisti. Una categoria parecchio attiva sul web, che a volte lascia le scie chimiche per dedicarsi al Medio Oriente, con risultati davvero esilaranti.

Da una parte verrebbe anche da comprenderli. Le vicende mediorientali sono così intricate, che una bella semplificazione non può che far piacere alle anime semplici. Da qui un certo successo ed una messe di luoghi comuni non facili da estirpare.

Ma facciamola breve. Secondo la vulgata che va per la maggiore l'Isis, al Qaeda e l'integralismo islamico in genere sarebbero soltanto una creatura dell'inventiva degli "strateghi del caos". Che in tanti vogliano rendere onore ad una siffatta strategia imperialista con il sacrificio della propria vita, dovrebbe già far scattare qualche dubbio, o almeno smuovere lievemente la tendenziale pigrizia neuronale di certi soggetti.

Ma ovviamente non è così. La specialità dei complottisti è appunto quella di spiegare la storia universale con i complotti. Dei quali, loro, sanno ovviamente quasi tutto. Seguiamoli dunque nel loro ragionamento, secondo il quale Isis ed affini sarebbero soltanto una creatura saudita ed americana, nonché, ovviamente, sionista. Dunque avremmo un fronte unico che andrebbe da Abu Bakr al-Baghdadi, ad al Qaeda, a tutte le milizie sunnite, a tutti gli stati sunniti (escluso, si badi, il "laico" Egitto di al-Sisi) fino ad Israele ed alla Casa Bianca. Dall'altra parte resterebbe l'Iran, la Siria di Assad, Hezbollah e le milizie sciite in genere.

Certo, una storia così è più facile da raccontare. Ma quanto corrisponde alla realtà? Attenzione, nessuno nega che sauditi ed americani abbiano ad un certo punto inciuciato in qualche modo con l'integralismo islamico per utilizzarlo contro Assad, ma questo significa che sono ancora alleati? Nessuno ricorda più com'è finita la storia del sostegno americano agli islamisti afghani in funzione antisovietica? E nessuno ricorda quanto siano mutevoli e complesse le alleanze nella storia? Nessuno che si ricordi del patto Molotov-Ribbentrop?

Ma torniamo ad oggi e al Medio Oriente, con alcuni esempi (certo non esaustivi) delle incongruenze del racconto complottista.

Partiamo dall'Egitto. Per molti a "sinistra" un governo laico da applaudire: reprime la Fratellanza Musulmana e tanto basterebbe. Di più, bombarda gli islamisti in Libia, e qui gli applausi si fanno scroscianti. Dunque l'Egitto starebbe contro il blocco sunnita? Non sembrerebbe proprio a giudicare dalla stretta alleanza con i sauditi ed ancor di più dalla partecipazione attiva ai bombardamenti della coalizione sunnita sullo Yemen.

Approdiamo in Siria, dove il fronte sunnita (abbiamo visto a Yarmouk) si combatte aspramente al proprio interno. Non solo, si combattono tra di loro anche i pretesi "fantocci" dell'Isis e di al-Nusra: che strane creature quelle partorite da certi complotti!

Ai complottisti sembrerà strano, ma lo stesso scontro - tutto nel campo sunnita - sta devastando da tempo la Libia. E per giunta mette contro la coppia turco-qatariota contro quella saudita-emiratina. Forse non si saranno intesi bene mentre complottavano insieme, chissà.

Ed in Iraq, che dire dell'intervento americano a sostegno delle forze sciite. E cosa dire di quello contro l'Isis in Siria? Certo, tutto ciò fa a cazzotti con quel che avviene nello Yemen, dove anche al Qaeda - fino a poco tempo fa colpita duramente dai droni USA - sta dalla parte della coalizione appoggiata da Washington. Noi abbiamo cercato di spiegare il perché di queste apparenti contraddizioni, ma certo non pretendiamo che lo capiscano i complottisti.

In conclusione, e senza offesa per nessuno, il complottismo è davvero la scienza degli sciocchi. Non che non esistano i complotti e i lati oscuri della storia. Ma essi vanno sempre letti dentro alle dinamiche generali che la muovono. Naturalmente, queste semplici considerazioni non convinceranno mai gli astutissimi adepti della scienza complottologica, ma ogni tanto qualcosina gli andrà pur fatto notare. O no? 

Print Friendly and PDF

11 commenti:

  • Anonimo scrive:
    4 aprile 2015 13:56

    Faccio presente che i Fratelli Musulmani quando stavano al potere in Egitto volevano chiudere l'ambasciata siriana che faceva capo al governo di Assad per sostituirla con esponenti della guerriglia islamica che combatte contro Damasco (ossia i famosi terroristi della galassia Al Qaeda-Isis).
    Non so se eravate d'accordo con questa scelta di Morsi.

  • Anonimo scrive:
    5 aprile 2015 08:20

    Anche quelli di campo antiimperialista fanno calare dall'alto le loro deduzioni di geopolitica raffazzonte pur sempre nel web. Non risulta che abbiano qualche inviato in grado di toccare con mano cio' che accade da quelle parti. Gli Usa e i loro alleati hanno o no armato in funzione antirussa gli oppositori di Assad poi trasformatisi in Isis? Gli Usa hanno o no fomentato le primavere arabe e le rivolte in Libia per eliminare Gheddafi? Gli Usa o chi per loro hanno o no finanziato le rivolte arancioni nei paesi dell'est per destabilizzare poi la Russia? Non c'e' lo zampino predominante degli Usa nel caos di guerre e terrorismi in medio oriente di questi ultimi anni? Che dire poi di Israele che puo' starsene sicuro anche se ha l'Isis sulle alture del Golan ed anzi ne cura amorevolmente i feriti? A qualcuno non viene in mente che ci sia dietro una qualche manina che vuole destabilizzare tutto il medio oriente magari per poi intervenire, controllarne le enormi risorse energetichel, eliminare qualche capo di stato che fosse di ostacolo per i piani neoimperialisti? Alcuni si alterano quanto sentono parlare di complotti gettando via l'acqua sporca con il bambino. Noi in Italia abbiamo avuto un caso di complotto che e' costato molte vite innocenti, ma la lezione e' stata dimenticata o non e' stata da tutti assimilata. Mi riferisco alla "strategia della tensione". I complottisti di allora accusavano i Servizi di essere promotori delle bombe e conseguire determinati obiettivi. Sono stati a lungo osteggiati, i complottisti, dalla stampa di regime. Fino a quando non sono cominciate a piovere le condanne per depistaggio nei confronti del generale Maletti, capo dei Servizi, capitano La Bruna, D'Amato capo del famigerato Ufficio Affari Riservati del Ministero dell'Interno. Quest'ultimo propose perfino a Sofri di sterminare i dirigenti di Lotta Continua di allora. Tutto questo per dire che chi tiene alla verita' e alla lotta antiperialista dovrebbe bandire ogni pregiudizio. Anche quello complottista.

  • Anonimo scrive:
    5 aprile 2015 10:26

    Articolo di eccezionale chiarezza. Aspetto il seguito sull'accordo Iran-Usa.

  • Anonimo scrive:
    5 aprile 2015 13:03

    Dice il proverbio "Fra due litiganti, il terzo gode"
    Se , per ipotesi o "per costruzione" (leggi per "complotto"), i litiganti sono tre, quattro, cinque, sei ...., il "TERZO" gode ancora di più.
    Quando gli avversari potenziali o in servizio effettivo sono in numero stragrande. il "TERZO" cerca di far in modo che si ammazzino fra loro.
    Chi ha letto le "profezie" sull'Armagheddon, sa bene che la vicenda si conclude a favore del "TERZO" perché gli "avversari" (potenziali o in servizio effettivo) si sterminano fra di loro.
    Con buona pace dei critici che sanno tutto.

  • Anonimo scrive:
    5 aprile 2015 17:28

    "Chi tiene alla verita' e alla lotta antimperialista dovrebbe bandire ogni pregiudizio. Anche quello complottista."
    l'impero del Caos ha bisogno di tanti, tantissimi morti. Non dimentichiamo mai anche l'"Agenda 21", perché le guerre servono parecchio a produrre morti in grande quantità, a scavare trincee di rancore e di odio fra popoli e nazioni, a sconvolgere e disgregare le culture nazionali, ad abbattere costumi ordinati e sani, a diffondere disordine e discordie, a prostrare il carattere delle genti, a ingrassare i commercianti di armi ecc.

  • Anonimo scrive:
    5 aprile 2015 18:48

    Niente da fare: si possono scrivere articoli chilometrici, ma basta sfiorare le stolide certezze del complottista di turno che subito c'è chi si risente istericamente. L'anonimo delle 8.20 non è un complottista, è un manifesto vivente del complottismo :gli USA hanno finanziato e gestito tutto ciò che è successo nel mondo negli ultimi dieci anni, dalle primavere arabe, all'isis, all'ucraina (annessione della crimea alla russia inclusa) a non so che altro, e naturalmente gli è sempre andata benissimo, infatti la loro leadership mondiale è sempre più forte. Ma, poichè il diavolo fa le pentole ma non i coperchi, ecco il granello di sabbia che inceppa tutto il meraviglioso meccanismo: l'ANONIMO DELLE 8.20!! Che ha capito tutto, ha previsto tutto, stranamente è ancora vivo e nel giro di qualche mese farà sicuramente crollare l'impero del male. A meno che naturalmente una scia chimica non lo condizioni proprio sul più bello. Suggerisco, fuor di battuta, di rileggere l'articolo: si negano forse contatti USA con l'estremismo islamico in passato? Si negano finanziamente USA all'Ucraina (precedenti articoli postati sul sito del campo e tra l'altro proprio dello stesso autore)? Ovviamente no, ma l'impostazione complottista del "non si muove foglia che la CIA non voglia" è propria di chi ha già smesso di fare politica, si è arreso al nemico più forte che tutto può e tutto gestisce, e aspetta che l'umanità sia salvata da Bruce Willis o dai testimoni di geova. Buona attesa, ma nel frattempo per favore evitate di annunciare i vostri complotti suonando il campanello la domenica mattina presto.

  • Leonardo Mazzei scrive:
    5 aprile 2015 21:20

    - all'anonimo del 4 aprile:
    Non è che siccome condanniamo con forza il golpe di al-Sisi, condividiamo tutto quanto faceva (o progettava di fare) Morsi. Certo non mi pare strano che un presidente della Fratellanza Musulmana intendesse riconoscere forze siriane riconducibili alla stessa Fratellanza.

    - all'anonimo delle 8,20 di questa mattina:

    Innanzitutto sono d'accordo sul fatto che chi tiene alla verità - figurati che sono uno di quelli che continua a pensare che "la verità è sempre rivoluzionaria" - non deve avere pregiudizi neppure di tipo anti-complottista. Difatti, non credo di averli. Ma tu, piuttosto, come rispondi alle incongruenze del racconto complottista evidenziate nell'articolo?

    In ogni caso provo a rispondere sinteticamente alle tante domande poste:
    1) Gli Usa, più ancora i sauditi, possono avere certamente favorito in qualche modo ogni opposizione ad Assad, pensando ovviamente di essere in grado di controllarle. Ma adesso, è vero oppure no che stanno bombardando l'Isis sia in Siria che in Iraq?
    2) Le primavere arabe sono state principalmente una sollevazione di popolo contro regimi autoritari ed oppressivi. Chi nega questo nega l'evidenza. Peggio, nega la stessa possibilità che le masse facciano la storia. L'imperialismo ha però cercato di pilotarne lo sbocco? Sai che scoperta, che imperialismo sarebbe quello che si limitasse a rimanere alla finestra aspettando gli eventi? E si è mosso talmente bene che in Egitto siamo tornati al potere dei militari (foraggiati dagli USA) come ai tempi di Mubarak.
    3) Gli Usa hanno foraggiato le "rivoluzioni arancioni"? Ovvio che sì. Ma questa è la scoperta dell'acqua calda e noi comunque l'abbiamo denunciato da sempre.
    4) E vuoi che Gli Usa - l'unica superpotenza globale - non abbiamo lo zampino nelle vicende mediorientali? Strano poi chiederlo a noi: fai una ricerca su chi sostenne la resistenza irachena contro l'occupazione americana e troverai di certo il Campo Antimperialista.
    5) Israele è tranquillo perché l'Isis non gli spara dal Golan? Vero, ma sapresti dirmi quanti colpi hanno sparato Assad I ed Assad II in 48 anni di occupazione sionista di questo pezzo di territorio siriano?
    6) L'imperialismo USA ha dei piani per il Medio Oriente? Santo Cielo, ma ne avrà anche più di uno. Ma questo significa forse che "non si muove foglia che la Cia non voglia"? Non lo credo proprio.
    Esistono le potenze regionali. Esistono i popoli. Esistono le forze e le contraddizioni prodotte da una storia secolare. Esistono le culture, esistono le religioni.
    Se si vuol provare a capire quanto sta avvenendo bisogna considerare tutti questi elementi, sempre guardando alle direttrici fondamentali, e sempre avendo chiaro che l'imperialismo è il nemico principale, ma non l'unico soggetto in grado di determinare il corso degli eventi. Per fortuna!!!

  • Anonimo scrive:
    5 aprile 2015 23:01

    Questo è il piano degli USA sull' ISIS.
    Dall'intervista a Mtanios Haddad, siriano, archimandrita della Chiesa cattolica greco-melchita a Di Martedì.
    Il filmato dure circa 4 minuti, se lo seguite fino in fondo vedrete un Floris in versione di preoccupatissimo servo del potere di fronte al quale il pio religioso sembra un pericoloso sovversivo.
    La premessa dell'archimandrita è che in Siria le diverse religioni (ebraismo, cristianesimo e islam) convivevano pacificamente e lo scopo dell'occidente è impedire questa convivenza creando zone separate per ogni diversa comunità per mantenere una situazione di conflitto potenziale per la quale diventi indispensabile la presenza di "controllori" esterni.

    http://www.tubechop.com/watch/5638929

    La storia dell'ambasciata siriana la Cairo chiusa viene detta qui sempre da Mtanios Haddad in un video in cui dice anche che Israele è uno stato massonico sionista (siccome storpia un po' dice "massonista") aggiungendo che il problema non è il popolo ebraico perché in Siria le tre religioni monoteiste riuscivano a coesistere senza problemi.

    Sull'ambasciata

    http://www.tubechop.com/watch/5638948

    Su Israele

    http://www.tubechop.com/watch/5638999

  • Anonimo scrive:
    6 aprile 2015 01:10

    mazzei,
    per avere una visione completa, consiglio di leggere anche i siti "nemici". ad esempio "analisi difesa" (certamente non complottista), dove più volte è stato rimarcato che l'impegno americano (e dei vari cagnolini) anti isis sia una farsa.
    poi consiglio di guardare una mappa per rendersi conto chi c'è appena 300km a nord di siria e iraq.
    gino.

  • Anonimo scrive:
    6 aprile 2015 02:45

    Gli Usa stanno bombardando l'Isis, almeno cosi dicono la stampa e i media asserviti ai poteri dominanti,
    ma sono azioni che a giudicare dai risultati hanno effetti alquanto blandi
    e non sortiscono stranamente effetti tangibili. E poi quegli aerei inglesi abbattuti dalla contraerea irachena mentre rifornivano le milizie dell'Isis. Per errore dicono loro. Nemmeno fosse la prima volta.
    Le dimostrazioni in Tunisia e Egitto iniziarono con una partecipazione popolare significativa non armata contro regimi corrotti o governi autoritari ma quella contro Gheddafi era armata fin da subito da Francia Inghilterra e dietro le quinte dagli Usa. Del resto tra le dittature e monarchie assolute medio orientali non credo che Gheddafi fosse il peggiore anche considerando il relativo stato di benessere di cui godeva la popolazione. Dobbiamo domandarci perche' gli Usa hanno armato i ribelli, quasi tutti stranieri e certamente supportati da istruttori e militari dei tre paesi citati? Forse a causa del progetto di Gheddafi di creare una moneta africana basata sull'oro e svincolata dal dollaro?
    Certamente ora abbiamo un grande caos e guerre civili diffuse in medio oriente e ai confini della Russia che non fanno prevedere nulla di buono. In tutto questo naturalmente sguazzano bene gli Usa
    Secondo la mia insignificante opinione, sempre pronti a guerre dirette o indirette o a dare armi a destra e a sinistra per i loro esclusivi fini di predominio e di sostentamento della loro economia di guerra. Cosi' e' dalla fine della seconda guerra mondiale con un conflitto in media ogni due anni.
    Tornando brevemente al complottismo vorrei semplicemente dire che occorre sempre distinguere i fatti dalle opinioni. Se i fatti denunciati sono reali uno portato al complottismo tendera' ad addebitarlia un piano occulto volontario preordinato. E' solo un opinione da rispettare cosi come quella di un anticomplottista. L'importante e' che quest'ultimo non si metta a negare per partito preso i fatti stessi (se reali) denunciati o rappresentati dal complottista. Anonimo delle 8 e 20 del 4 aprile, detto anche "cane dello spazio".

  • Anonimo scrive:
    7 aprile 2015 17:19

    I "complotti" e i loro effetti micidiali e destabilizzatori non sono altro che frames di un unico progetto: falcidiare sistematicamente la popolazione mondiale, quella, ben inteso, di cui non fanno perte coloro che hanno concepito e stanno attuando con mille trovate e mille stratagemmi ovviamente piuttosto riservati, cose che i commons appena un po' intelligenti, per semplificare le cose, chiamano impropriamente "complotti" dando così modo agli "analisti di alto livello" (?) di includerli nella categoria dei "complottisti" termine tuttavia che, di per sé, è bivalente e ambiguo e quindi un po' da incolti.

Lettori fissi di SOLLEVAZIONE

Google+ Followers

Temi

Unione europea (754) euro (707) crisi (620) economia (514) sinistra (458) finanza (260) Movimento Popolare di Liberazione (241) sfascio politico (235) grecia (232) elezioni (225) resistenza (222) M5S (220) teoria politica (209) banche (203) imperialismo (194) internazionale (194) risveglio sociale (184) sovranità nazionale (171) Leonardo Mazzei (170) P101 (170) alternativa (168) seconda repubblica (167) Moreno Pasquinelli (152) Syriza (150) Tsipras (145) Matteo Renzi (126) antimperialismo (115) debito pubblico (109) PD (104) marxismo (102) sovranità monetaria (102) democrazia (101) spagna (100) destra (99) sollevazione (99) Grillo (93) berlusconismo (91) costituzione (91) proletariato (91) neoliberismo (89) Francia (87) islam (82) austerità (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) filosofia (78) Emiliano Brancaccio (77) referendum costituzionale 2016 (74) Stati Uniti D'America (73) Germania (72) Mario Monti (71) sindacato (71) Stefano Fassina (68) bce (68) piemme (68) immigrazione (67) populismo (66) capitalismo (65) Alberto Bagnai (63) Libia (63) sinistra anti-nazionale (63) Podemos (62) capitalismo casinò (61) guerra (61) programma 101 (59) Carlo Formenti (57) Rivoluzione Democratica (57) globalizzazione (57) bancocrazia (55) Sicilia (54) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (53) Medio oriente (53) rifondazione (53) Siria (51) referendum (51) CLN (50) socialismo (50) Alexis Tsipras (49) Movimento dei forconi (49) Sergio Cesaratto (49) cinque stelle (49) Lega Nord (48) fiat (48) immigrati (48) legge elettorale (47) sovranità popolare (47) Pablo Iglesias (46) sinistra sovranista (46) Nichi Vendola (45) renzismo (45) geopolitica (44) Beppe Grillo (43) inchiesta (43) Troika (42) astensionismo (42) campo antimperialista (42) Emmezeta (41) Yanis Varoufakis (41) solidarietà (41) moneta (40) Alitalia (39) brexit (38) proteste operaie (38) sovranismo (38) Diego Fusaro (37) italicum (37) liberismo (37) Matteo Salvini (36) neofascismo (36) Mario Draghi (35) Russia (35) Fiorenzo Fraioli (34) III. Forum internazionale no-euro (34) Marine Le Pen (34) egitto (34) immigrazione sostenibile (34) sionismo (34) azione (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) ISIS (32) Manolo Monereo (32) default (32) fiom (32) palestina (32) Forum europeo 2016 (31) Luciano Barra Caracciolo (31) Mimmo Porcaro (31) Sel (31) Ucraina (31) fiscal compact (31) governo Renzi (31) unità anticapitalisa (31) Ugo Boghetta (30) Giorgio Cremaschi (29) Israele (29) Merkel (29) populismo di sinistra (29) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) islamofobia (27) menzogne di stato (27) xenofobia (27) Beppe De Santis (25) Forum europeo (25) Lega (25) elezioni siciliane 2017 (25) eurostop (25) nazione (25) Europa (24) Nello de Bellis (24) catalogna (24) silvio berlusconi (24) Karl Marx (23) ora-costituente (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Donald Trump (22) Quantitative easing (22) Stato di diritto (22) finanziarizzazione (22) Aldo Giannuli (21) Chianciano Terme (21) Lavoro (21) Simone Boemio (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) ecologia (21) nazionalismi (21) scuola (21) Front National (20) Marcia della Dignità (20) Unità Popolare (20) repressione (20) uscita dall'euro (20) Nato (19) Roma (19) Sicilia Libera e Sovrana (19) USA (19) cina (19) fronte popolare (19) Fabio Frati (18) Izquierda Unida (18) Laikí Enótita (18) Noi siciliani con Busalacchi (18) Regno Unito (18) Tunisia (18) etica (18) iraq (18) keynes (18) religione (18) Assisi (17) Costanzo Preve (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Luigi Di Maio (17) Mariano Ferro (17) Pier Carlo Padoan (17) nazionalizzazione (17) pace (17) razzismo (17) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Jacques Sapir (16) Norberto Fragiacomo (16) Tonguessy (16) Venezuela (16) ballottaggi (16) euro-germania (16) melenchon (16) vendola (16) Donbass (15) Emmanuel Macron (15) International no euro forum (15) Luciano B. Caracciolo (15) Prc (15) Renzi (15) coordinamento no-euro europeo (15) emigrazione (15) iran (15) patriottismo (15) piattaforma eurostop (15) storia (15) 15 ottobre (14) Brancaccio (14) Cremaschi (14) Enea Boria (14) Ernesto Screpanti (14) Eurogruppo (14) Marco Mori (14) Monte dei Paschi (14) Movimento 5 Stelle (14) Sandokan (14) Stato Islamico (14) Vincenzo Baldassarri (14) Vladimiro Giacchè (14) indipendenza (14) obama (14) salerno (14) Chavez (13) Jobs act (13) MMT (13) Marino Badiale (13) Virginia Raggi (13) acciaierie Terni (13) ambiente (13) disoccupazione (13) finanziaria (13) scienza (13) umbria (13) Bersani (12) Forum europeo 2015 (12) Legge di stabilità (12) Negri (12) Perugia (12) Putin (12) complottismo (12) decreto salva-banche (12) internazionalismo (12) nazionalismo (12) piano B (12) sciopero (12) senso comune (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Enrico Grazzini (11) Gennaro Zezza (11) Reddito di cittadinanza (11) Turchia (11) Wilhelm Langthaler (11) antifascismo (11) comunismo (11) corruzione (11) de-globalizzazione (11) iniziative (11) internet (11) keynesismo (11) lotta di classe (11) salari (11) sinistra Italiana (11) unione bancaria (11) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) D'alema (10) Esm (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Hollande (10) Marco Passarella (10) Marco Zanni (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Terni (10) cattiva scuola (10) chiesa (10) cosmopolitismo (10) cultura (10) decrescita (10) elezioni 2018 (10) golpe (10) ordoliberismo (10) povertà (10) presidenzialismo (10) tasse (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Alitalia all'Italia (9) Art. 18 (9) Bernie Sanders (9) Campagna eurostop (9) Costas Lapavitsas (9) Daniela Di Marco (9) De Magistris (9) Def (9) Dicotomia (9) Fmi (9) Jean-Luc Mélenchon (9) Paolo Ferrero (9) Portogallo (9) Risorgimento Socialista (9) Stefano D'Andrea (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wolfgang Schaeuble (9) analisi politica (9) bail-in (9) casa pound (9) diritti civili (9) diritto (9) europeismo (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) sindacalismo di base (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) CGIL (8) Corte costituzionale (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) Diritti Sociali (8) Draghi (8) Erdogan (8) Fausto Bertinotti (8) Forconi (8) Goracci (8) II assemblea della CLN (1-3 settembre) (8) Ilva (8) Ingroia (8) Italia Ribelle e Sovrana (8) Mirafiori (8) Papa Francesco (8) Quirinale (8) Salvini (8) Yanis Varoufakys (8) appello (8) deficit (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) elezioni anticipate 2017 (8) elezioni siciliane (8) grexit (8) lira (8) manifestazione 25 marzo 2017 (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) nuovo movimento politico (8) privatizzazioni (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Alternative für Deutschland (7) Argentina (7) Articolo 18 (7) George Soros (7) ISIL (7) Inigo Errejón (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Mauro Pasquinelli (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Paolo Barnard (7) Pil italiano (7) Samuele Mazzolini (7) Sapir (7) Ttip (7) anarchismo (7) borsa (7) classi sociali (7) confederazione (7) cosmo-internazionalismo (7) debitocrazia (7) derivati (7) destra non euro (7) eurocrack (7) incontri (7) nazismo (7) necrologi (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) sociologia (7) taranto (7) trasporto aereo (7) trasporto pubblico (7) Alessandro Visalli (6) Ars (6) Banca centrale europea (6) Bottega partigiana (6) CUB (6) Casaleggio (6) Contropiano (6) Dino Greco (6) Eugenio Scalfari (6) Franz Altomare (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Giuseppe Angiuli (6) Gran Bretagna (6) Lenin (6) M.AR.S. (6) Massimo Bontempelli (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Savona (6) Pisapia (6) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (6) Sandro Arcais (6) Sergio Mattarella (6) Stato (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) automazione (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) fisco (6) governo Gentiloni (6) incontro internazionale (6) inflazione (6) liberosambismo (6) magistratura (6) manifestazione (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) questione nazionale (6) suicidi (6) suicidi economici (6) tecnologie (6) terremoto (6) uber (6) utero in affitto (6) vaccini (6) Alberto Negri (5) Alessandro Di Battista (5) Anguita (5) Assad (5) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (5) Carl Schmitt (5) Claudio Borghi (5) Dario Guarascio (5) Domenico Moro (5) Federalismo (5) Ferdinando Pastore (5) Finlandia (5) Foligno (5) Forza Italia (5) Franco Bartolomei (5) Franco Busalacchi (5) Fratelli d'Italia (5) Genova (5) Giancarlo D'Andrea (5) HAMAS (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Luca Massimo Climati (5) Maduro (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Npl (5) Parigi (5) Partito tedesco (5) Pcl (5) Polonia (5) Rete dei Comunisti (5) Riccardo Achilli (5) Romano Prodi (5) Sharing Economy (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato di Polizia (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Target 2 (5) Val di Susa (5) Wolfgang Munchau (5) afghanistan (5) alleanze (5) autodeterminazione dei popoli (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) cuba (5) debitori (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni. Lega (5) ideologia (5) il pedante (5) jihadismo (5) la variante populista (5) laicismo (5) liberalismo (5) migranti (5) pomigliano (5) populismo democratico (5) rifugiati politici (5) rivolta (5) salvinismo (5) tecnoscienza (5) tremonti (5) ALBA (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Anna Falcone (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Chiavacci Alessandro (4) Città della Pieve (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (4) Corea del Nord (4) Cub Trasporti (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Dimitris Mitropoulos (4) Eos (4) Flat tax (4) France Insoumise (4) Frente civico (4) Giorgia Meloni (4) Giuliano Pisapia (4) Giulio Regeni (4) Imu (4) Jacques Nikonoff (4) Jeremy Corbyn (4) Joseph Stiglitz (4) Julio Anguita (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Marcello Teti (4) Militant-blog (4) Morgan Stanley (4) Mosul (4) Noi sicialiani con Busalacchi (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Rosatellum 2 (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) USB (4) Varoufakis (4) Vladimiro Giacché (4) Xi Jinping (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) bankitalia (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) demografia (4) diritti di cittadinanza (4) donna (4) elezioni 2017 (4) elezioni comunali 2017 (4) elezioni siciliane 2012 (4) facebook (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) giovani (4) governo (4) il manifesto (4) irisbus (4) ius soli (4) legge di stabilità 2017 (4) massimo fini (4) mediterraneo (4) parti de gauche (4) patrimoniale (4) pensioni (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) protezionismo (4) risparmio (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Africa (3) Alavanos (3) Albert Einstein (3) Aldo Zanchetta (3) Alfiero Grandi (3) America latina (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bergoglio (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Cerveteri Libera (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Eleonora Forenza (3) Emanuele Severino (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Francesco Salistrari (3) Fronte Sovranista Italiano (3) GIAPPONE (3) Gianni Ferrara (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Goofynomics (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jens Weidmann (3) Karl Polany (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Macron (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Martin Heidegger (3) Marx (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Napoli (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Noi Mediterranei (3) ONU (3) Olanda (3) Panagiotis Sotiris (3) Paolo Gerbaudo (3) Papa Bergoglio (3) Pardem (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Salento (3) Sarkozy (3) Sergio Starace (3) Six Pack (3) Stato nazione (3) Thomas Fazi (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Visco (3) Xarxa Socialisme 21 (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) austria (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) diritto d'asilo politico (3) diritto di cittadinanza (3) dollaro (3) donne (3) economia sociale di mercato (3) fascismo (3) il fatto quotidiano (3) indignati (3) informatica (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) italia (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) minijobs. Germania (3) moneta fiscale (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) occidente (3) oligarchia (3) partito (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) sanità (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) tassisti (3) tecnica (3) trattati europei (3) università (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 25 aprile 2017 (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Alberto Benzoni (2) Alberto Montero (2) Amando Siri (2) Angelo Panebianco (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Amoroso (2) Antonio Rinaldi (2) Arditi del Popolo (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Banca (2) Bandiera rossa in movimento (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Carlo Romagnoli (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Comitato antifascista russo-ucraiono (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Dani Rodrik (2) De Bortoli (2) Der Spiegel (2) Die Linke (2) Diem25 (2) Diosdado Toledano (2) Don Giancarlo Formenton (2) EDWARD SNOWDEN (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Ego della Rete (2) Emilia Clementi (2) Emiliano Gioia (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) F.List (2) Fausto Sorini (2) Federico Fubini (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Filippo Gallinella (2) Fiumicino (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Forum Popoli Mediterranei (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratoianni (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Futuro al lavoro (2) Generale Pappalardo (2) Gentiloni (2) Giada Boncompagni (2) Giancarlo Cancelleri (2) Giuliano Amato (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hezbollah (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Italia Ribelle (2) Iugend Rettet (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Juan Carlos Monedero (2) Jugoslavia (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Basso (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) Luigi De Magistris (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marchionne (2) Maria Elena Boschi (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Tronti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Morya Longo (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) NO TAP (2) Nadia Garbellini (2) Netanyahu (2) Oriana Fallaci (2) Ostia (2) Palermo (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paolo Maddalena (2) Papa (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pier Paolo Dal Monte (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Portella della Ginesta (2) Preve (2) Quarto Polo (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Reddito di inclusione sociale (2) Regioni autonome (2) Riccardo Bellofiore (2) Riccardo Ruggeri (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) SPD (2) STX (2) Salistrari (2) Scenari Economici (2) Schumpeter (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Seconda Assemblea CLN (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) TAP (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Piketty (2) Tiziana Ciprini (2) Tltro (2) Tomaso Montanari (2) Toni negri (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Ugo Arrigo (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) animalismo (2) antisemitismo (2) banche venete (2) blocco sociale (2) bontempelli (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) comunicazione (2) curdi (2) decreto vaccini (2) deregulation (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) domenico gallo (2) due euro (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) fecondazione eterologa (2) fincantieri (2) fine del lavoro (2) forza nuova (2) frontiere (2) gennaro Migliore (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) indignatos (2) industria italiana (2) intimperialismo (2) isu sanguinis (2) legge del valore (2) libano (2) libertà di pensiero (2) maidan (2) marina silva (2) mercantislismo (2) no expo (2) olocausto (2) paolo vinti (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) patto politico (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) precarietà (2) proporzionale (2) proteste agricoltori (2) razionalismo (2) reddito di base (2) riformismo (2) rivoluzione russa (2) rivoluzione socialista (2) sanità. spending review (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) sovranità e costituzione (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) terzo polo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 8 settembre (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) AirCrewCommittee (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alan Johnson (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Chiavacci (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alessia Vignali (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Amazon (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Andrew Spannaus (1) Angela Matteucci (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Gramsci (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Apple (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Attali (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Bashar al-Assad (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Blade Runner 2049 (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Branko Milanovic (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) CNL (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Caritas (1) Carlo Candi (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Cekia (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Civitavecchia (1) Claudia Castangia (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Corte Europea sui diritti dell'uomo (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cuperlo (1) Dagospia (1) Dan Glazebrook (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Dimitris Christoulias (1) Dio (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emma Bonino (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrica Perucchietti (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Erasmo vecchio (1) Ernesto Laclau (1) Ernesto Pertini (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Gotti Tedeschi (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio De Paoli (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Florian Philippot (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Foro di Sao Paulo (1) Forum Ambrosetti (1) Forum dei Popoli Mediterranei (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabanelli (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giacomo Zuccarini (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giordano Sivini (1) Giorgetti (1) Giorgio Gattei (1) Giovanna Vertova (1) Giovanni De Cristina (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giovanni Schiavon (1) Giovanni Tomei (1) Giovanni di Cristina (1) Giuliana Commisso (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Ambrosetti (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Google (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Hainer Flassbeck (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IPHONE (1) IRiS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Imposimato (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) Inge Höger (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Intesa Sanpaolo (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Joseph Shumpeter (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugend Rettet (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kemi Seba (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Ktragujevac (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Riboli (1) Lidia Undiemi (1) Lillo Massimiliano Musso. Leoluca Orlando (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Alfano (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Donadel (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcello Minenna (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Marcuse (1) Margarita Olivera (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mark Rutte (1) Mark Zuckerberg (1) Maroni (1) Marta Fana (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo Costa (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Mdp (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michelangelo Vasta (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Microsoft (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Milton Friedman (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Mladic (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimento di Liberazione Popolare (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) Nicaragua (1) Nicky Hager (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolas Dupont-Aignan (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Noelle Neumann (1) Noi sicialiano con Busalacchi (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omnium (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Open Society Foundations (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) PRISM (1) PSUV (1) Pablo Stefanoni (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Di Martino (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Paul De Grauwe (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Francesco Zarcone (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Attinasi (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Pino Prestigiacomo (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Riscossa Italia (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Robert Mundell (1) Roberta Lombardi (1) Roberto D'Agostino (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Marchesi (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rosatellum (1) Rovereto (1) Ryan air (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Schengen (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svitlana Grugorciùk (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Tommaso Nencioni (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Tribunale dell'Aia (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vito Storniello (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolfgang Streeck (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zaia (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) Zygmunt Bauman (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antispecismo (1) antropocene (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autogestione (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) big five (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bomba atomica (1) bonapartismo (1) brigantaggio (1) calcio (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) cassa depositi e prestiti (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) cdp (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dichiarazione di Roma (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) dracma (1) ebraismo (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) enav (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) fiducia (1) finan (1) finaza (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) freelancing (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) genetica (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) incendi (1) independent contractor (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) intelligenza artificiale (1) intervista (1) ius sanguinis (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge Madia (1) legge antisciopero (1) legge di stabilità 2016 (1) legge di stabilità 2018 (1) leva (1) lex monetae (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) liste civiche. (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) luddismmo (1) lula (1) madre surrogata (1) mafiodotto (1) maghreb (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) medicina (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) monetarismo (1) nascite (1) nazion (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) no vax (1) nobel (1) norvegia (1) numero chiuso (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) ong (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) partito americano (1) partito democratico (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) post-operaismo (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) qualunquismo (1) questione femminile (1) questione meridionale (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) recensioni (1) rete 28 Aprile (1) ricchezza (1) ride sharing (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) robot killer (1) robotica (1) rossobrunismo (1) rublo (1) salafismo (1) salir del euro (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra transgenica (1) smartphone (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) specismo (1) spionaggio (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) supply-side economics (1) svimez (1) takfirismo (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trenitalia (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uberizzazione (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vertice di Roma (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) wahhabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)