lunedì 26 settembre 2016

FESSERIE DI UN ECONOMISTA di Leonardo Mazzei

[ 26 settembre]

A proposito di un incredibile articolo di Giorgio Lunghini

Poi c'è chi si chiede come mai, davanti al disastro dell'euro, la sinistra brancoli nel buio più della destra. Certo, c'è il problema della direzione politica e non è poco. Ma ci sono anche economisti che sparano immani stupidaggini spacciandole per verità. Il bello è che le loro improbabili certezze neppure provano a spiegarle. Le buttano lì come fossero indiscutibili, tanto per quella mercanzia un Manifesto che le pubblica si trova sempre, così come è sicuro che un anemico sito come quello del Prc le rilancerà con gioia.

E' questo il caso di un articolo di Giorgio Lunghini, uscito venerdì scorso. L'articolo è talmente maldestro che ce occupiamo solo per l'indiscussa fama dell'autore. Il fatto che certe cose vengano dette da un illustre cattedratico, già presidente della Società italiana degli economisti, è infatti la migliore dimostrazione di come l'ideologia (in questo caso quella eurista) prevalga quasi sempre su cultura, conoscenza, esperienza e capacità d'analisi che certo al Nostro non mancano.

Vediamo di cosa si tratta.
Nel breve testo intitolato "Le conseguenze di un'uscita dall'euro", Lunghini giunge a vette davvero ineguagliate. La sua non è un'analisi più o meno pacata, ma un elenco di traumi economici che colpirebbero il Paese al determinarsi del temuto evento. Il fatto è che neppure gli euristi più sfegatati, i liberisti più accaniti, gli indefessi adoratori della moneta unica a prescindere, sono mai giunti a sparare certe cifre.

Non siamo tra quelli che pensano che l'uscita dall'euro sarà una passeggiata. Non lo sarà di certo, ma i ceti popolari da molti anni non "passeggiano". Non siamo comunque tra coloro che si nascondono i problemi di una scelta pure necessaria. Ma che a sinistra circolino ancora "ragionamenti" terroristici come quello di Lunghini è di una gravità inaudita.

Esageriamo a parlare di terrorismo? Giudichino i lettori.
Prendiamo due previsioni contenute nel suo articolo, quella sul livello di inflazione e quella sulla caduta del Pil che si determinerebbe con l'uscita dall'euro.

Partiamo dall'inflazione, che secondo l'economista salirebbe al 20% annuo, non si sa - bontà sua - per quanti anni. Alla base di questa previsione ce n'è un'altra concernente la percentuale di svalutazione, che egli stima al 30% nei confronti della Germania.

Ora, a parte il fatto che il 30% sulla Germania (calcolato sulla base della perdita di competitività verso quel paese) non è un 30% applicabile all'intera area euro, qui il punto è un altro. Ed è che non si capisce da cosa spunti fuori il 20% di inflazione, se non dal manifesto desiderio di terrorizzare i lettori.

In proposito è sufficiente ricordare due eventi, uno di un quarto di secolo fa, ed un altro invece recentissimo.

Il primo è quello della famosa svalutazione della lira rispetto al marco (anche qui, si badi, rispetto al marco, non ad un indistinto paniere di monete) del settembre 1992. Quella svalutazione finì per attestarsi proprio sul temuto 30% di cui ci parla oggi Lunghini. Bene. Quale fu l'effetto sull'inflazione di quella svalutazione? L'inflazione media del triennio successivo (1993-1995) fu del 4,6%. Oggi può sembrare molto, ma l'inflazione media del triennio precedente a tassi fissi (1990-1992) - era stata del 5,9%! Come si vede la realtà è a volte un po' diversa da come ce la raccontano.

E il confronto con la Germania? Uno si aspetterebbe l'esplosione del differenziale di inflazione dopo il 1992. E invece quel differenziale, che era pari al 2,7% nel triennio 1990-1992 (quello precedente la svalutazione), scende sorprendentemente all'1,6% nel triennio post-svalutazione (1993-1995) nel quale la lira arriva a deprezzarsi fino al 50% sul marco (esattamente il picco che Lunghini ipotizza oggi uscendo dall'euro), per poi scendere all'1,2% nel triennio successivo (1996-1998) quando la lira prende a rivalutarsi.

Lungo sarebbe il discorso sulle ragioni di tutto ciò, e magari uno come Lunghini potrebbe utilizzare la sua scienza per illuminarci un po' su questo, ma due dati balzano agli occhi di chiunque: primo, non ci fu alcun vero effetto inflattivo determinato dalla svalutazione del 1992; secondo, siamo comunque nel campo dei decimali, non certo dei rotondi 20% messi lì solo per incutere terrore. Che l'andamento dell'inflazione dipenda da numerose altre variabili, oltre che dalla variazione dei cambi, ci pare comunque cosa assai evidente.

Questa osservazione è in realtà piuttosto banale, anche se così non sembra all'illustre economista. C'è però un fatto recente che dimostra quanto egli abbia torto. Negli ultimi due anni l'euro si è svalutato di circa il 20% sul dollaro, eppure abbiamo l'inflazione a zero. Se il Nostro avesse ragione, e tenendo conto della maggiore importanza della valuta americana, con la quale si effettuano i pagamenti delle principali materie prime importate, dovremmo avere un'inflazione a due cifre. E invece siamo a zero. Perché Lunghini omette questo piccolo particolare? Anche qui, giudichino i lettori.

Veniamo ora al disastro annunciato del Pil. Se sull'inflazione Lunghini ha sparato a caso giusto per impressionare, è sul Pil che dà il meglio di se. Citiamo: 
«Come conseguenza di tutto ciò(degli effetti dell'uscita dall'euro, ndr), la caduta del Pil dell’Italia sarebbe pari a circa il 40% nel primo anno e al 15% negli anni successivi per almeno un triennio». 
Avete letto bene: meno quaranta per cento, così per iniziare; poi un bel meno quindici per cento per almeno un triennio. Insomma l'azzeramento dell'economia italiana. Ma si può!!!???

Ora, ricordandoci che la pazienza è una virtù, andiamo a vedere il precedente di un autentico disastro: quello dell'Argentina. Quando uno dice Argentina sa di dire una cosa paurosa, che evoca i peggiori timori, l'esperienza peggiore che possa capitare all'economia di una nazione. E allora andiamo a vedere i dati di quell'inferno.

Nel 2002, anno in cui (a gennaio) viene abbandonato il cambio fisso con il dollaro, ed il pesoinizia a fluttuare, il Pil cala del 14,7%. Un calo drammatico e con gravissime conseguenze sociali, prima tra tutte la disoccupazione. Il calo, peraltro, fu anche il frutto del precipitare di una recessione già iniziata (proprio a causa del cambio fisso) nel 1999. In ogni caso drammatico, ma parliamo di un 14,7% in un paese con un'economia assai più debole di quella italiana, non certo dell'assurdo 40% che spara Lunghini per il nostro paese.

Questo per il primo anno. E negli anni seguenti? Per l'Italia il Nostro ha già parlato: meno quindici per cento all'anno, almeno per tre anni. E in Argentina, cosa successe al Pil negli anni successivi al divorzio con il dollaro? E' presto detto: +8,7% nel 2003, +8,3% nel 2004, +9,2% nel 2005, +8,5% nel 2006, +8,7% nel 2007. Detto in altri termini: in due anni si è più che recuperata la perdita del 2002, mentre nei cinque anni successivi allo sganciamento dal dollaro la crescita cumulata è stata del 51,6%. Dobbiamo aggiungere altro?

In Italia invece, rimanendo nell'euro, abbiamo un Pil inferiore dell'8% a quello dei livelli pre-crisi del 2007. Ecco le virtù della moneta unica! Ma i drammi sociali prodotti da questa situazione non preoccupano Lunghini quanto quelli ipotetici che seguirebbero l'uscita dall'euro.

Ad ogni modo, la cosa che grida vendetta è che il Nostro prevede per l'Italia —non si sa come, ma lasciamo perdere— un'Argentina moltiplicato tre per il primo anno post-euro, mentre per gli anni successivi il disastro continuerebbe, contraddicendo —ed anche qui non si sa perché— quanto avvenuto nel caso argentino.

Ora, la sparata è talmente colossale che conviene lasciare da parte ogni dettaglio tecnico. E' evidente che qui siamo davanti ad una religione, quella dell'euro, di fronte alla quale chi vi aderisce perde il lume della ragione. Che oggi, nell'anno 2016, si debbano leggere ancora robe di questo tipo fa però un certo effetto. Non che gli argomenti del Nostro siano nuovi. Al contrario, sono vecchissimi. Ma mentre nel campo degli economisti mainstream si evita ormai il ricorso a cifre così insensate, a sinistra invece non si riesce proprio a farne a meno.

"Sinistra"? 
Ecco, forse su questo ci sarebbe da discutere. Un tempo "sinistra" significava anche, tra le altre cose, volontà di cambiamento, coraggio nell'affrontare il difficile compito della trasformazione dell'esistente. Oggi, ecco cosa ci propone invece Lunghini nella sua conclusione: «In breve, l’Unione Economica e Monetaria europea è come l'«Hotel California nella canzone degli Eagles: forse sarebbe stato meglio non entrare, ma una volta dentro è impossibile uscire».

Eccoci così arrivati al decisivo inno alla conservazione! Peggio: alla conservazione non per un supposto bene (come fanno da sempre gli "onesti" conservatori), ma per l'impossibilità anche solo di pensare ad un'alternativa al male presente.

E' sicuramente anche per questo male dell'anima che si vanno poi a sparare certe cifre. Ma in questo modo non ci si salva di certo né l'anima né la reputazione.
Print Friendly and PDF

64 commenti:

  • Quarantotto scrive:
    26 settembre 2016 11:32

    Bravo

  • Domenico Scalamandrè scrive:
    26 settembre 2016 12:06

    ECCELLENTE

  • Céline scrive:
    26 settembre 2016 12:10

    Ma basta andare a Londra per vedere com'è andata... Comunque, senza uscire, noi possiamo sempre emettere un euro elettronico a 5 stelle: http://seigneuriage.blogspot.it/2016/09/proposta-ai-5-stelle-un-euro-5-stelle.html

  • Sergio Panzeri scrive:
    26 settembre 2016 12:17

    Leggere qui e sentirsi un po' meno soli.
    Grazie per queste parole.

  • Peter Yanez scrive:
    26 settembre 2016 12:44

    Lunghini ha dato i numeri e questo è un fatto ma ha poco senso controbattere prendendo come esempio la svalutazione del '92 per dire che ebbe un impatto modesto sull'inflazione se poi non si dice che quella svalutazione ebbe un impatto significativo sul debito pubblico, sulla quota salari, sui salari reali e sulla disoccupazione.

    "Sinistra" significa ancora "volontà di cambiamento" e "coraggio nell'affrontare il difficile compito della trasformazione dell'esistente." ma se il coraggio espone il mondo del lavoro ad un rischio mortale, allora è meglio essere più prudenti.

  • Sandro Ceccato scrive:
    26 settembre 2016 13:29

    Com'è Peter? La svalutazione del 92 ebbe un impatto significativo sul debito pubblico?
    In che senso se è possibile saperlo.
    Non è che ti sei perso il passaggio fondamentale che il percorso dell'Italia in quel dato momento era già fissato, e che è proprio questo aver fissato un DETERMINATO percorso ad aver avuto un impatto significativo? (col beneamato placito "da'a'sinistra" tua).

  • Anonimo scrive:
    26 settembre 2016 13:39

    "Sinistra" significa ancora "volontà di cambiamento".
    Sinistra vuol dire non prendere per il culo la classe lavoratrice.
    E hai rotto un pochino il cazzo con 'sti slogan da salotto Vendoliano.(hai la erre moscia per caso?)

    Sui tecnicismi si può e si deve discutere. Ma qui siamo ancora ai tempi del "teorema della piscina". Tanto Lunghini sa nuotare. E pure tu, a quanto pare.

    p.s. solitamente mi firmo. Pubblico i miei estremi se pubblichi i tuoi.

  • Luca Pasello scrive:
    26 settembre 2016 14:27

    Yanez, ti prego, ti prego...
    Rimetti in ordine logico le cose!

    Le cause PRECEDONO gli effetti. Così pure i moventi (sono cause finali).

    Però siccome dai sui nervi, arrangiati a scoprire a cosa mi riferisco.

  • Der fliegende Holländer scrive:
    26 settembre 2016 14:39

    Ma non salverai tu quel cialtrone aggiungendo cialtronate. Il debito pubblico non esplose nel 92 ma piuttosto tra l'81 ed il '92 grazie all'esplosione della spesa per interessi provocata dal divorzio Tesoro-Banca d'Italia, in ottemperanza ai desiderata dello SME, cioè della Germania ordoliberista.

    L'unico coraggio esibito ora dalla SSinistra sta nella riscrittura orwelliana della realtà. Gli utili idioti come Peter faranno la fine dell'ultimo giapponese in fondo alla foresta.

    Punto.

  • Armando scrive:
    26 settembre 2016 14:53

    Ho sentito parlare Lunghini una volta sola, una conferenze sulla seconda Guerra del Golfo.
    Per dimostrare gli elevatissimi costi a cui gli Usa andavano incontro, si rifece a un'unica fonte, un lavoro di Stiglitz.
    Strano che non si sia di nuovo rifatto a questa fonte, visto che Stiglitz ha appena scritto un libro in cui demolisce la moneta unica; sarebbe per lui un'ottima occasione per dimostrare che l'illustre Premio Nobel ha preso un cantonata...
    Insomma, pare proprio che le persone come Lunghini non solo abbiano perso ogni contatto con la realtà, ma anche con la loro stessa professione. Inquietante.

  • Paolo Bolpet scrive:
    26 settembre 2016 15:11

    Vista la mancanza di fonti e prove ai dati indicati, si potrebbe tranquillamente annoverare fra gli effetti dell'uscita dall'euro anche l'invasione delle locuste, la morte dei figli primogeniti e la transmutazione dell'acqua in sangue... mah, ragazzi, io vi consiglio la lettura di un economista non certo in odore di leghismo come Sergio Cesaratto, ha scritto ultimamente un libro molto istruttivo su come l'euro sia in realtà una costruzione di destra...

  • Paolo Mengoli scrive:
    26 settembre 2016 15:17

    Tutta la sinistra italiana si è dimostrata fedelmente eurista, nessuna differenza dal PD in questi anni

  • Valerio Santoro scrive:
    26 settembre 2016 15:25

    Mentre, adesso, il debito pubblico sta scendendo. Vero?

  • Hydroptere scrive:
    26 settembre 2016 17:50

    Mon dieu, sembra assistere alla lezionicina dell'Ego-nomista senza laurea Giannino.
    Non c'é alcuna speranza. Come disse Moretti "con questi qui non si va da nessuna parte". Siete ignoranti, bugiardi e senza dignitá.
    Prevedo il peggio

  • Anonimo scrive:
    26 settembre 2016 18:43

    Mon dieu! E' proprio vero. Egonomisti come Lunghini porteranno il Paese alla totale rovina e così pure la sinistra.
    Del resto, ha studiato alla Bocconi.
    Che ci si può aspettare?

  • Claudio Luppi scrive:
    26 settembre 2016 20:02

    Siamo alle prese con previsioni a dir poco catastrofiche, irreali, del tutto inventate e prive di ancoraggio con gli eventi storici del nostro paese (crisi del 92). Un vero delirio propagandistico, quello di Lunghini, volto a garantire una diga di disinformazione nei confronti dei ceti popolari colpiti duramente dalla crisi e dalle ricette UE a difesa della moneta unica. Che la sinistra si erga a difesa ultima, costi quel che costi, di una costruzione liberista, antipopolare e oligarchica come l' euro e l' UE è il segno terribile della crisi gravissima del pensiero e dell' autonomia di critica di questa area politica. Se questo è il livello della elaborazione degli intellettuali della sinistra prevedo per i ceti sociali subalterni tempi bui, durissimi e sconfitte storiche. E la vittoria sicura della destra, quella peggiore.

  • Ippolito Grimaldi scrive:
    26 settembre 2016 21:49

    Complimenti al compagno confutatore delle tesi, si fa per dire, del noto economista; complimenti per la chiarezza espositiva ed il rigore logico; complimenti per aver avuto il coraggio di leggere fino alla fine le controintuitive previsione del noto economista.
    Tristezza infinita che a sinistra, ma non solo, ci si debba ancora prendere la briga di confutare ciò che è ontologicamente inconfutabile, cioè il nulla.

  • Battista Dotti scrive:
    27 settembre 2016 07:48

    Un ottimo e chiaro post. Grazie.

  • Francesco scrive:
    27 settembre 2016 16:27

    Errore di calcolo in questo capoverso:

    "E' presto detto: +8,7% nel 2003, +8,3% nel 2004, +9,2% nel 2005, +8,5% nel 2006, +8,7% nel 2007. Detto in altri termini: in due anni si è più che recuperata la perdita del 2002, mentre nei cinque anni successivi allo sganciamento dal dollaro la crescita cumulata è stata del 51,6%."

    La somma sul lustro è del 43,4%

  • Riccardino scrive:
    27 settembre 2016 16:47

    Noto che i fans di Bagnai citano questo economista che spara cifre senza dati. Ora in effetti sparare cifre sul dopo è poco scientifico, in questo anche il Prof Bagnai dice cazzate. Chi può dire il livello di inflazione dopo l'uscita dall'euro, dato che la situazione sarebbe del tutto nuova e non confrontabile. La mia modesta opinione, in questo club di sfegatati noeuro o proeuro, in cui l'ideologia la fa da padrone, è che all'Italia conviene che esca dall'Euro la Germania e noi rimaniamo insieme agli altri paesi del sud. Perchè questo ? perchè oramai la frittata è stata fatta, con l'entrata nell'euro i nostri debiti sono in euro e non possiamo convertirli perchè appunto tu sei debitore e non creditore e di regola decide il creditore. Se hai bisogno di soldi per tenere il piedi il tuo sistema di welfare o stampi moneta (= carta straccia) oppure vai sul mercato e chiedi prestiti al tasso che il creditore è disposto a farti. Certo io sono liberale, a me della questione sinistra non interessa, voglio poco Stato nell'economia con euro o senza euro

  • Maria Ingrosso scrive:
    27 settembre 2016 17:09

    Chiaro, lucidissimo ed efficace come sempre. Grazie, Leonardo.

  • Stefano Longagnani scrive:
    27 settembre 2016 22:19

    @Francesco, le percentuali, queste sconosciute!
    L'articolo ha i numeri corretti (ho ricontrollato, son corretti anche i decimali, viene 51,6%, sei tu che dai i numeri.

    Sono crescite percentuali rispetto all'anno precedente, non rispetto all'anno dell'uscita! Ripresentati all'esame di terza media!

    Per chi non ha capito le percentuali provo con un giochino... Se qualcosa che vale 100 aumenta del 10% arriva a 110, se poi cala del 10% non torna a 100, ma poiché il 10% di 110 è 11, cala a 99%.

    Morale: non giocate in borsa.

  • Stefano Longagnani scrive:
    27 settembre 2016 22:30

    @Riccardino
    Oltre che liberale sei tecnicamente ignorante (nel senso che ignori la Lex Monetae regolata dagli artt. 1277 e seguenti del codice civile.

  • Stefano Longagnani scrive:
    27 settembre 2016 22:45

    P.s. se hai un debito piccolo con qualcuno, hai un piccolo problema. Se hai un debito medio, hai medio problema. Se hai un grosso debito con qualcuno... Il problema c'è l'ha lui!

  • giuseppe vetrugno scrive:
    27 settembre 2016 23:11

    Riccardino, visto che sei liberale, sulla questione del pagamento del debito nelle forme e monete decise unilateralmente dal creditore ci andrei un po' cauto. Se sei liberale (e non usuraio), come ti professi, allora credi nello Stato di diritto. Dovresti per lo meno credere nel valore della legge. Ecco, allora leggiti prima le norme del codice civile e poi riconsidera le tue presunte certezze sul tema.

  • Redazione SollevAzione risponde:
    28 settembre 2016 09:17

    Intanto ringrazio Stefano Longagnani sia per aver chiarito a Francesco la correttezza del mio calcolo sulla crescita cumulata dell'Argentina dopo la dedollarizzazione, sia per aver ricordato a Riccardino la Lex Monetae. Recita così il citato art. 1277 cc:
    "Debito di somma di danaro
    I debiti pecuniari si estinguono con moneta avente corso legale nello Stato al tempo del pagamento e per il suo valore nominale.
    Se la somma dovuta era determinata in una moneta che non ha più corso legale al tempo del pagamento, questo deve farsi in moneta legale ragguagliata per valore alla prima".
    C'è bisogno di aggiungere altro? Con l'uscita dell'Italia dall'euro i problemi ce li avranno semmai i creditori esteri, non i debitori italiani che si ritroveranno automaticamente con un debito svalutato.

    Riccardino pone altre due questioni: 1) il fatto che con la fine dell'euro si determinerebbe una situazione del tutto nuova, tale da rendere difficile ogni previsione; 2) la considerazione che per l'Italia sarebbe meglio un'uscita della Germania.
    Sul primo punto si può dire che certo la situazione sarebbe del tutto nuova, dato che una follia come l'euro non ha precedenti, ma questo significa che non ci siano esperienze alle quali riferirsi? Ma vogliamo scherzare? Se non consideriamo i precedenti storici, su cosa dovremmo basarci, sui folli numeri dei vari Lunghini in circolazione?. Non dico che le cose andrebbero esattamente come nel 1992 - potrebbero andare un po' peggio od un po' meglio - ma le dinamiche non sarebbero poi così diverse. E quella diversità risiede innanzitutto nella politica che vorrà fare il governo che gestirà l'uscita.
    Secondo punto: l'uscita della Germania sarebbe preferibile ad un'uscita dell'Italia? In generale sì, almeno si eviterebbe la corsa agli sportelli bancari. Ma bisognerebbe spiegarlo alla Germania... Non si eviterebbe invece, né in un caso né nell'altro, la speculazione e la fuga dei capitali verso la moneta più forte. Tutto ciò conferma che l'uscita ha da essere fulminea (sia in un caso che nell'altro) ed accompagnata da un rigido controllo sul movimento dei capitali. C'è riuscita l'UE durante la crisi di Cipro, perché non dovrebbe riuscirci l'Italia?

    Leonardo Mazzei

  • Valdo scrive:
    28 settembre 2016 20:24

    C'È ancora chi pensa che sia il Codice Civile a determinare l'atteggiamento dei creditori. Sono i rapporti di forza che fanno le norme e non viceversa.

  • Peter Yanez scrive:
    28 settembre 2016 20:32

    @ Leonardo Mazzei ( commento delle 9.17)

    "Non dico che le cose andrebbero esattamente come nel 1992 - potrebbero andare un po' peggio od un po' meglio - ma le dinamiche non sarebbero poi così diverse."

    Quindi più debito pubblico, riduzione quota salari, meno potere d'acquisto, più disoccupazione

  • Ippolito Grimaldi scrive:
    29 settembre 2016 08:23

    Dipende sempre dai rapporti di forza.

  • Ippolito Grimaldi scrive:
    29 settembre 2016 08:32

    Quelle che citi furono conseguenza della cieca caparbietà di voler rientrare al più presto nello SME e di partecipare alla "cuccagna" dell' euro, cosa che invece la Gran Bretagna si guardò bene bene dal fare.

  • Tenerone Dolcissimo scrive:
    29 settembre 2016 15:43

    Da buon liberale mi sono rotto il cazzo di sentir parlare di euro come progetto liberale o liberisti o neoliberlista o altre cazzate simili, mentre euro e UE sono figli della sinistra come lo stesso MAZZEI deve ammettere obtorto collo, salvo poi rimangiarsi le proprie affermazioni.
    Ripeto: se siamo nella UE e nell'euro è colpa di gente come ciampi e come prodi e come monti, tutti cocchetti della sinistra.
    Intanto Thatcher e Friedman malmenavano e sbertucciavano i vertici della UE
    Ricordo pure che per meglio fottere gli italiani la UE ha mandato monti e per farlo ha dovuto abbattere con un colpo di stato il governo Berlusconi che si proclamava liberale mentre il popolo di sinistra festeggiava in piazza.
    Quindi cari sinistri, se i vostri rappresentanti vi hanno tradito e fatto becchi, grattatevi le corna in famiglia senza rompere i coglioni a chi non c'entra niente e senza cercare comodi capri espiatori come era tradizione della meglio URSS
    Scusate il tono volgare ma in certe occasione è necessario usarlo ed è anche un diritto

  • Peter Yanez scrive:
    29 settembre 2016 22:05

    @ Ippolito Grimaldi

    Se si prende la svalutazione del '92 come un precedente storico paradigmatico per prefigurare le dinamiche che potrebbero entrare in gioco nel caso di un'uscita dell'Italia dall'€, bisogna prendere in esame TUTTI gli elementi rilevanti, non solo quelli che fanno comodo.

    Se si dice che in caso di uscita dall'€ "le dinamiche non sarebbero poi così diverse" rispetto a quelle del '92 allora bisogna dire che l'uscita dall'€ con relativa svalutazione potrebbe comportare:

    - una manovra finanziaria da oltre 120 miliardi lire, circa l'8% del Pil (tale fu l'entità delle manovre di Amato)

    - un impatto negativo immediato sul Pil (nel 1993 fu dello 0,9%) la cui entità non è però prevedibile perché uscire da una moneta unica nelle condizioni attuali, dopo aver perso il 10% di Pil dal 2008, è una cosa COMPLETAMENTE diversa rispetto all'uscire da un accordo di cambio dopo anni di crescita

    - una crescita significativa del rapporto debito pubblico/Pil (nel 1993 crebbe di 10 punti rispetto al 1992, passò dal 105% al 115%, e salì di 6 punti anche nel 1994)

    - un aumento del tasso di disoccupazione (nel 1993 passò dall'8.4% al 9.5% e salì fino al 1998 (12%), poi cominciò a scendere

    - nell'anno di crisi (1993) e nei 2 anni successivi la quota salari calò dell'8.60% sul Pil ed i salari reali calarono del 4.08% sul Pil.

    Se si dice che questi effetti negativi "furono conseguenza della cieca caparbietà di voler rientrare al più presto nello SME e di partecipare alla "cuccagna" dell' euro"
    allora la svalutazione del '92 non può più funzionare come un precedente storico rassicurante ma diventa semplicemente la tappa di avvicinamento ad un errore storico: l'€.

    Ma se questa è la valutazione, ne consegue che era meglio fallire piuttosto che cercare di raddrizzare la baracca per rimanere agganciati all'Europa e che un'economia di tipo sudamericano è preferibile ad un'economia avanzata.

  • Ippolito Grimaldi scrive:
    30 settembre 2016 00:25

    No, guarda dopo aver bruciato oltre 60 miliardi di dollari in difesa della lira, io avrei anche venduto tutte le riserve auree, purtroppo non mi hanno ascoltato...

  • Redazione SollevAzione risponde:
    30 settembre 2016 11:13

    Tenerone Dolcissimo, in effetti fai davvero tenerezza...
    Passi per il Berlusconi liberale, e ci sarebbe molto da discutere.... ma Ciampi, Prodi e Monti di sinistra??????????
    Ma dove credi di aver commentato, sul sito del Pd o su quello di Libero?
    Comunque quel Tenerone ha una rima che spiega bene il tutto (se non ci arrivi comincia con c e finisce con one).

    Leonardo Mazzei

  • Peter Yanez scrive:
    30 settembre 2016 14:59

    @ Ippolito Grimaldi

    "All'asta dei Buoni ordinari del Tesoro di fine agosto erano rimasti invenduti titoli per 3.300 miliardi. In settembre, mentre il Governo metteva a punto la manovra di finanza pubblica, si diffondevano timori di misure straordinarie. Il portafoglio degli operatori non bancari calava di oltre 11.000 miliardi, per il mancato rinnovo dei titoli in scadenza e per le cessioni sul mercato secondario. A fine mese voci incontrollate di provvedimenti straordinari investivano la stessa moneta bancaria; si verificava una ondata di prelievi di contante. La Banca d'Italia sollecitava e sosteneva le banche nell'azione tesa a tranquillizzare i risparmiatori. La sequenza degli eventi sembrava sul punto di innescare una crisi finanziaria."

    Considerazioni finali del Governatore sul 1992 - Banca d'Italia, pg. 14

    Questo era il contesto dell'epoca.

    Meglio fallire?

  • Redazione SollevAzione risponde:
    30 settembre 2016 15:59

    Risposta a Peter Yanez

    Vedo che Peter Yanez continua a mestare i soliti argomenti. Avevo lasciato perdere visto che altri lettori gli avevano risposto. Ma considerato che insiste dirò la mia.

    Posto che non è che noi pensiamo che una svalutazione al giorno levi il medico di torno (ma quando ci vuole va fatta), qui i casi sono due: o si ragiona sui dati reali o è meglio darsi all'ippica.

    Vediamo gli errori madornali del nostro commentatore sulle conseguenze della svalutazione del 1992:

    1. MANOVRA FINANZIARIA 1992? Questa c'entra quanto i cavoli a merenda. La manovra di Amato fu la prima finanziaria per Maastricht, e dunque per l'euro. Con la svalutazione non c'entra proprio nulla.

    2. ANDAMENTO PIL. Il nostro cita il dato del 1993 (-0,9%). Ora il mio articolo polemizzava con Lunghini che per il primo anno post-svalutazione prevede il....40%. Quaranta meno zeronove uguale trentanovevirgolauno. E qui potrei chiudere la partita. Ma c'è di più, eh se c'è di più! Se l'Italia nel 1993 perse lo 0,9 causa svalutazione si deve supporre un gran risultato per la Germania (che invece rivalutò). Sorpresa, nell'anno 1993 la Germania calò dell'1%. Come la mettiamo? E sai come andò nel 1994? Italia +2,2 Germania +2,5. E nel 1995? Italia +2,9 Germania +2,7. Ma guarda un po' come fece male al pil italiano quella svalutazione! E che differenza con la Germania e la sua forte moneta! Yanez: che ne dici di un piccolo confronto tra questi dati e i tassi di crescita (più spesso di decrescita) dell'ultimo decennio a moneta "forte"?

    3. DEBITO PUBBLICO. E' vero, nel 1993 il rapporto debito/pil aumentò di 10 punti. Ma ciò dipese da due fattori: da un lato si trattava dell'onda lunga iniziata nel 1981 (divorzio Tesoro-Bankitalia), dall'altro della conseguenza del calo del pil (come si è visto causato da una recessione che non interessava solo il nostro paese). Dal 1995 il rapporto debito/pil iniziò invece a stabilizzarsi prima e a decrescere poi. Oh bella! Dal 1995? Chi l'avrebbe mai detto, ma non fu il 1995 l'anno della maggiore svalutazione della lira sul marco, che arrivò ad oltrepassare il 50%? Tutto a posto Yanez?

    4. QUOTA SALARI E SALARIO REALE. Fatto 100 al 2005, l'indice del salario reale del 1992 era pari a 100,93. Nel 1993 scende a 100,85 perdendo 8 centesimi di punto, mentre già nel 1994 risale a 101,25. E prima della svalutazione? Anche questa volta a Yanez non torneranno i conti: già dal 1991 (101,01) al 1992 il calo era stato di 8 centesimi. Che ci sia allora dell'altro? Yanez forse non sa che nel luglio 1992 fu firmato l'accordo per abolire la scala mobile, e nel luglio 1993 quello sulla concertazione (di fatto l'inizio della fine dei rinnovi contrattuali). Non sarà questa la causa principale - altro che svalutazione! - della stagnazione salariale?
    Con la moneta unica (e forte, come piace a Yanez) la stagnazione ha lasciato il posto al calo dei salari. Giusto per saperlo, l'indice che era 101,29 nel 1998 (anno di adesione alla moneta unica) è sceso a 95,91 nel 2012. Viva l'euro!!!!
    Stesso discorso per la quota salari, sulla quale Yanez (ecco un degno emulo di Lunghini!) spara dei dati a caso. Nel biennio 1992-94 la quota salari in Italia passò da 61,69 a 58,57 (-3,12), dato peggiore di quello tedesco (-1,45), francese (-1,05), svedese (-2,20) ma "migliore" di quello inglese (-4,76) e finlandese (-6,17). Come si vede un calo importante, ma iniziato già prima e destinato a durare poi, ma soprattutto un calo non solo italiano dato il segno meno per tutti (ma proprio tutti) i paesi europei. Un calo pesantissimo - figlio dei mutati rapporti di forza tra le classi sconvolti a sfavore dei lavoratori dalla globalizzazione, ma che niente ha a che vedere con la svalutazione.

    So che anche questi dati e questi ragionamenti non convinceranno Yanez: non c'è infatti peggior sordo di chi non vuole intendere.

    Leonardo Mazzei

  • Peter Yanez scrive:
    30 settembre 2016 17:39

    @ Leonardo Mazzei

    e sulla disoccupazione nemmeno una parola? Attendo qualche dato e poi rispondo su tutto ...

  • Ippolito Grimaldi scrive:
    30 settembre 2016 20:52

    Chiedo scusa all' autore del post, ma a questo punto mi chiedo quale avrebbe dovuto essere la linea di difesa dell' economia italiana in quel drammatico 1992 secondo Peter Yanez: difendere il cambio ad oltranza ed a qualsiasi costo o sganciarsi dallo SME?
    Così tanto per capire...

  • Peter Yanez scrive:
    1 ottobre 2016 22:16

    Quello che Mazzei non ha colto è che io non avevo fatto un'analisi causa-effetto per dire che la svalutazione del '92 ha causato questo e quello, ho semplicemente enumerato alcuni effetti collaterali della svalutazione del '92 per mostrare, in un primo tempo, quanto sia superficiale toccare solo il tema dell'inflazione e poi per mostrare nel dettaglio che se si prende la svalutazione del '92 come un precedente storico paradigmatico per prefigurare le dinamiche che potrebbero entrare in gioco nel caso di un'uscita dell'Italia dall'€ e si prendono in esame TUTTI gli elementi rilevanti, allora il quadro diventa articolato, complesso e problematico.

    Mazzei però non è convinto, secondo lui è tutto molto semplice e chiaro:

    - nel '92 non c'è stata relazione tra crisi finanziaria, manovre del Governo Amato e svalutazione

    - quando l'effetto è stato positivo (bassa inflazione, aumento del Pil, diminuzione del rapporto debito/Pil nel '95) allora il merito è stato della svalutazione, quando l'effetto è stato negativo (diminuzione del Pil, aumento del rapporto debito/Pil nel '93, riduzione quota salari e salari reali) allora la svalutazione non c'entra nulla. (Sull'aumento della disoccupazione non è stato detto detto nulla ma trattandosi di un effetto negativo è probabile che per Mazzei la svalutazione non abbia avuto un ruolo).

    Evidentemente Mazzei ritiene che la svalutazione del '92 sia un precedente storico che ci mostra che le conseguenze di un'uscita dell'Italia dall'€ non sarebbero di certo drammatiche, anzi ... nessun riflesso significativo sull'inflazione, un momentaneo riflesso negativo sul Pil e poi si riparte! Crisi pre-default della finanza pubblica come nel '92 e collasso del sistema bancario? Riflessi negativi sul debito pubblico, sulla quota salari, sui salari reali, sulla disoccupazione? Zero, zip, zilch, nada, andrà tutto bene!

    Del resto lo ha certificato Bagnai,intervistato di recente da Libero:

    "Abbiamo realizzato,con il nostro Centro Studi alcune simulazioni nel caso uscissimo dall' euro.Certo un contraccolpo nell'immediato ci sarà.Abbiamo stimato che quando usciremo dall'euro sarà al massimo di uno, due punti di Pil e considerando che nel solo 2009 abbiamo perso il 5 percento di ricchezza nazionale, ci potremmo anche stare".

    "Perderemmo più o meno una trentina di miliardi. Nessun trauma insostenibile anche perché con una nuova moneta potremmo riattivare una reale svalutazione competitiva. Le nostre imprese tornerebbero ad esportare come e più di prima.La temuta inflazione non ci sarà! E torneremo a crescere e ad essere competitivi riappropriandoci del potere di battere moneta,di fare e di esportare".

    Fesserie di un economista anche queste, ma c'è chi ci crede...


    P.S. I dati sulla dinamica dei salari reali e della quota salari non sono sparati a caso ma sono ripresi dalla ricerca di Riccardo Realfonzo e Angelantonio Viscione "Gli effetti di un’uscita dall’euro su crescita, occupazione e salari".

  • Redazione SollevAzione risponde:
    2 ottobre 2016 20:58

    Senti Yanez, ti risulta che abbia scritto "viva la svalutazione" o "viva il 1992"?
    Io ho solo commentato - confutandolo mi pare abbondantemente - un articolo di rara disonestà intellettuale come quello del prof. Lunghini. Siccome l'articolo era basato sui rischi della svalutazione, il precedente più vicino col quale confrontarsi non poteva che essere il 1992. Avresti preferito che mi fossi riferito alla svalutazione dei romani nel 396 a.c.?

    Comunque tu sui dati del 1992 e seguenti non dici assolutamente nulla. Non sarà perché i miei sono talmente giusti da smentire il vostro (tuo e di Lunghini) terrorismo psicologico che niente ha a che fare con la realtà dei fatti?

    Ma lasciamo perdere. Quello che non accetto è che tu voglia farmi passare per uno che pensa che la svalutazione risolva tutto. No, non risolverà tutto, ma si tratta di una misura necessaria anche se non sufficiente. Tu pensi invece che sia meglio il cambio fisso impostoci dall'euro? Secondo te gli italiani si ricordano più del "terribile" 1992 o della crisi attuale targata euro? Rispondi per favore.

    E non accetto neppure che tu voglia farmi passare per uno che - chissà perché - ama il 1992. No, il 1992 è stato un anno odioso, ma non per la svalutazione, ma per altri tre motivi che tu sembri ignorare e che invece dovresti imprimerti nel cervello: 1. L'inizio (con Amato) delle finanziarie per Maastricht, e dunque per l'euro. 2) L'accordo sulla cancellazione della scala mobile (ricordatene quando parli di salario reale e di quota salari). 3. La svolta politica che (via "mani pulite") porterà alla seconda repubblica.

    Mettili in relazione questi tre punti, e forse capirai l'origine del baratro verso cui sono state sospinte le classi popolari di questo paese. Altro che svalutazione!

    E con questo passo e chiudo.
    Non intendo perdere altro tempo con chi non mette neppure il proprio nome e cognome in fondo a quel che scrive.

    Leonardo Mazzei

  • Tenerone Dolcissimo scrive:
    3 ottobre 2016 13:22

    30 settembre 2016 11:13
    Stiamo ai fatti:
    1) chi promosse l’elezione di ciampi? La sinistra
    2) chi ha sempre santificato e glorificato ciampi? La stampa e i politici di sinistra.
    3) Quando negli anni 90 alcuni di destra osarono criticare Ciampi, chi reagì in malo modo? Il popolo di sinistra.
    4) quando Monti andò al potere chi festeggiò in piazza? Il popolo di sinistra.
    5) quando Monti mise l'anagrafe tributaria permettendo allo stato di guardare nel buco del (bip) degli italiani chi applaudì freneticamente? Gli uomini di sinistra, fedeli alla linea di sinistra che impone di non farsi i cazzi propri e chiedere che la vita privata dei cittadini venga messa in piazza (i vecchi come me ricorderanno il famoso slogan “il privato è pubblico”).
    6) Quando Monti mise la tassa sulle barche chi esultò affermando che faceva bene perché così si sarebbero fatti piangere i ricchi? Il popolo di sinistra, salvo poi avere qualche tentennamento quando i lavoratori del comparto finirono sul lastrico e furono loro a piangere, mentre i ricchi, invece di versare copiose lacrime, portarono le loro barche in spagna e francia e croazia dove no
    Vado avanti????

  • Tenerone Dolcissimo scrive:
    3 ottobre 2016 14:32

    Redazione SollevAzione risponde:
    30 settembre 2016 15:59
    Risposta a Peter Yanez
    ... omissis...
    è che noi pensiamo che una svalutazione al giorno levi il medico di torno (ma quando ci vuole va fatta)
    ***
    Io aggiungerei anche quanto segue
    "infatti la Germania di svalutazione competitiva ne ha fatta una che è un vero gioiello: si chiama EURO e oltre a rendere più competitivi i prodotti tedeschi ha anche sfondato la nazione che era il più temibile concorrente della germania"
    Indovinate quale è questa nazione.
    Mazzei ha messo in palio 10mila euro a chi indovina

  • Peter Yanez scrive:
    3 ottobre 2016 15:28

    @ Tenerone Dolcissimo

    Berlusconi: «Il leader dei moderati? Non escludo Monti»
    9 ott 2012

    Berlusconi: "Monti sia federatore dei moderati"
    16 dic 2012

  • Peter Yanez scrive:
    3 ottobre 2016 15:30

    Leonardo Mazzei 1: "Rispondi per favore"

    Leonardo Mazzei 2: "E con questo passo e chiudo"

    Che devo fare? Rispondo?

  • Der fliegende Holländer scrive:
    3 ottobre 2016 17:08

    @Peter no, lascia stare, sei un provocatore e lo dimostri dappertutto dove tu intervieni.
    Ma sei uno dei troll pagato dal PD per caso?

  • Tenerone Dolcissimo scrive:
    3 ottobre 2016 21:57

    Peter Yanez scrive:
    3 ottobre 2016 15:28
    ***
    Caro Yanez basta che tu guardi l'andamento del titolo mediaset nell'autunno 2011 + l'assalto giudiziario che ha subito Berlusconi (sarà stato pure un fetentone ma mi sembra che in altri casi la magistratura abbia dormito) + l'ostracismo internazionale di cui è stato oggetto.
    Concludendo: ti meravigli che abbia glorificato Monti??? Se io ti avessi sottoposto allo stesso trattamento e poi ti avessi comunicato che mi piace il tuo fondoschiena, tu ti saresti presentato a casa mia vestito da odalisca e avresti ballato la danza del ventre per eccitarmi.
    Spero di essermi spiegato.
    PS Nessuno ha indovinato la nazione maggiormente fottuta dall'Euro. Ricordate che ci sono 10mila euro messi in palio da MAZZEI

  • Stefano Longagnani scrive:
    4 ottobre 2016 08:43

    Secondo me è sicuramente "campanone"... (ci vuole gentilezza con gli spaesati)

  • Ippolito Grimaldi scrive:
    4 ottobre 2016 17:16

    Aspetto ancora la risposta di Yanez....

    "Chiedo scusa all' autore del post, ma a questo punto mi chiedo quale avrebbe dovuto essere la linea di difesa dell' economia italiana in quel drammatico 1992 secondo Peter Yanez: difendere il cambio ad oltranza ed a qualsiasi costo o sganciarsi dallo SME?
    Così tanto per capire..."

  • Peter Yanez scrive:
    5 ottobre 2016 18:17

    @ Ippolito Grimaldi

    La questione è mal posta perché ad un certo punto, quando la Bundesbank comunicò che non era più disposta a sostenere la lira (accadde il 12 settembre 1992 ma da 2 giorni giravano indiscrezioni secondo le quali la Bundesbank era propensa ad un riallineamento dello SME), non fu più possibile difendere il cambio (la sera del 13 Amato annuncia in TV la svalutazione).

    Comunque, secondo un sondaggio dell'epoca, 7 italiani su 10 erano contrari alla svalutazione.

    Bruno Trentin, leader della CGIL, sosteneva che "una svalutazione innescherebbe fenomeni incontrollabili, restituendo il potere ad una speculazione di carattere internazionale che porterebbe alla nostra economia danni molto maggiori dei vantaggi immediati che ne verrebero alle imprese".

    Luigi Abete, all'epoca presidente di Confindustria, diceva che "una svalutazione in assenza di un risanamento della finanza pubblica sarebbe soltanto un surrogato di politica economica".

    Anche Mario Monti era contrario: "Abbiamo riserve auree importanti: impegniamone una parte, diamole in garanzia, così come fecero le autorità monetarie nel '76 con la Bundesbank. Un segnale certamente meno pesante di una svalutazione subìta dalla Banca d'Italia".

    Eppure fummo costretti a svalutare...

    Cosa ci insegna la svalutazione del '92? Parliamone ...

  • Der fliegende Holländer scrive:
    6 ottobre 2016 00:55

    @Peter, applicati, studia meglio! XD

    I miliardi di dollari bruciati da Ciampi, non sono stati spesi solo il 13 nelle ore prima drell'annuncio, giorno in cui le riserve finirono, ma pure nei giorni precedenti. Il 12 venne solo l'ennesima conferma delle politiche alamanne: le regole vanno bene finché ci torna conto.

    Trentin, Abete, Monti e via andare col bestiario di traditori e cialtroni: Embeh? cosa ci insegnano queste parole, se non che abbiamo a che fare con personaggi disposti a passare sui cadaveri delle rispettive madri? Dove sono i fantomatici fatti economici a sostegno della tua posizione?

    Veramente triste che tu voglia argomentare sulla base di un sondaggio ... beh questi 7 italiani su dieci erano tutti laureati in economia no? Ah no, aspetta, pure Zingales ci dice che l'informazione economica in Italia e' leggermente distorta ...

    Bisognera' segnalare al tuo datore di lavoro, il PD troll network, le tue scarse performances.

  • Tenerone Dolcissimo scrive:
    6 ottobre 2016 11:06

    @ Yanez e Der fliegende Holländer
    Le persone citate sono effettivamente un branco di traditori prezzolati e, quindi, le loro opinioni vanno valutate con le molle a cominciare da Ciampi (che possa bruciare all'inferno) il quale minacciò di far licenziare dalle banche in cui lavoravano i figli dei politici che ostacolavano l'Euro.
    Ricorderei, inoltre, ad sustinendum Der fliegende Holländer che Monti dopo la svalutazione scrisse un articolo in cui ammise che la svalutazione ci aveva fatto bene.
    Una richiesta a Der fliegende Holländer: non fare attacchi personali a Yanez, il quale dirà pure un mare di cazzate, ma nulla prova finora che sia in malafede o pagato.

  • Ippolito Grimaldi scrive:
    6 ottobre 2016 14:01

    Oltre alle categorie della necessità e della sufficienza bisognerà aggiungere quella dell'ineluttabilità.
    Per fortuna nel 1992 la signora TINA stava dalla nostra parte, forse per l' ultima volta...

  • Peter Yanez scrive:
    6 ottobre 2016 21:12

    @ Der fliegende Holländer

    "Dove sono i fantomatici fatti economici a sostegno della tua posizione?"

    Stai dicendo che non hai seguito la discussione tra me e Mazzei o stai ammettendo che non ne hai compreso i termini?

  • Der fliegende Holländer scrive:
    6 ottobre 2016 23:23

    @Peteruccio mio! mi mancavi!

    beh sai io non ho un PhD in Economia, quindi scusami, nell'ultima sbrodolata che hai scritto, dove sono i fatti? O mi dici che manco tu sai piu' cosa siano i fatti? le prove?

    Giusto per aiutarti: fatti sono dati di fonti ufficiali, non dichiarazioni di cetto laqualunque ;)

    Un'aiutino per la memoria: ecco il tuo eccezionale e superlativo intervento:

    "@ Ippolito Grimaldi

    La questione è mal posta perché ad un certo punto, quando la Bundesbank comunicò che non era più disposta a sostenere la lira (accadde il 12 settembre 1992 ma da 2 giorni giravano indiscrezioni secondo le quali la Bundesbank era propensa ad un riallineamento dello SME), non fu più possibile difendere il cambio (la sera del 13 Amato annuncia in TV la svalutazione).

    Comunque, secondo un sondaggio dell'epoca, 7 italiani su 10 erano contrari alla svalutazione.

    Bruno Trentin, leader della CGIL, sosteneva che "una svalutazione innescherebbe fenomeni incontrollabili, restituendo il potere ad una speculazione di carattere internazionale che porterebbe alla nostra economia danni molto maggiori dei vantaggi immediati che ne verrebero alle imprese".

    Luigi Abete, all'epoca presidente di Confindustria, diceva che "una svalutazione in assenza di un risanamento della finanza pubblica sarebbe soltanto un surrogato di politica economica".

    Anche Mario Monti era contrario: "Abbiamo riserve auree importanti: impegniamone una parte, diamole in garanzia, così come fecero le autorità monetarie nel '76 con la Bundesbank. Un segnale certamente meno pesante di una svalutazione subìta dalla Banca d'Italia".

    Eppure fummo costretti a svalutare...

    Cosa ci insegna la svalutazione del '92? Parliamone ..."

  • Peter Yanez scrive:
    7 ottobre 2016 08:20

    Interessante ...

    http://ilmanifesto.info/via-dalleuro-non-significa-uscire-dal-liberismo/

  • Peter Yanez scrive:
    7 ottobre 2016 13:33

    @ Der fliegende Holländer

    "nell'ultima sbrodolata che hai scritto, dove sono i fatti?"

    "...ad un certo punto, quando la Bundesbank comunicò che non era più disposta a sostenere la lira (accadde il 12 settembre 1992 ma da 2 giorni giravano indiscrezioni secondo le quali la Bundesbank era propensa ad un riallineamento dello SME), non fu più possibile difendere il cambio (la sera del 13 Amato annuncia in TV la svalutazione)."

  • Der fliegende Holländer scrive:
    7 ottobre 2016 14:22

    @Peretuccio

    Caro mio, la maturita' l'hai vinta alla lotteria vero?

    Adesso le tue dichiarazioni assurgono a dignita' fattuale? apposto. Come con ogni troll ogni discussione e' inutile.

  • Peter Yanez scrive:
    7 ottobre 2016 14:37

    @ Der fliegende Holländer

    Puoi dimostrare che questi non sono "fatti" ?

    "...ad un certo punto, quando la Bundesbank comunicò che non era più disposta a sostenere la lira (accadde il 12 settembre 1992 ma da 2 giorni giravano indiscrezioni secondo le quali la Bundesbank era propensa ad un riallineamento dello SME), non fu più possibile difendere il cambio (la sera del 13 Amato annuncia in TV la svalutazione)."

  • Der fliegende Holländer scrive:
    7 ottobre 2016 14:50

    @Peter Yanez
    siccome i fatti nel caso sono la contabilita' valutaria, vediamo un po' che ci si trova googlando: una tesi di laurea sull'argomento!

    http://www.tesionline.it/v2/appunto-sub.jsp?p=26&id=792

    "In generale, le banche centrali non sono in grado di arginare gli attacchi degli speculatori, consapevoli questi ultimi del progressivo deprezzamento della moneta oggetto della speculazione e della possibilità di incorrere in rischi non elevati connessi alla detenzione di posizioni scoperte. Analizzando la situazione italiana, si rileva che la Banca d'Italia si trova di fronte ad una pressione crescente da parte degli investitori e degli intermediari che domandano valuta per acquistare titoli esteri.
    Ciò provoca una forte diminuzione delle riserve della Banca d'Italia, da 103 mila miliardi del mese di novembre 1991 esse scendono a poco più di 30 mila nell'ottobre 1992. Il 25 agosto 1992 il dollaro segna il suo minimo storico rispetto al marco tedesco con un cambio pari al 1,4 marchi per 1 dollaro. Il Regno Unito, per migliorare la propria credibilità a sostegno della sterlina procede il 3 settembre all'acquisto di marchi tedeschi per un valore di 10 miliardi di ECU, che corrispondono a circa 14.5 miliardi di dollari. Il giorno seguente la Banca d'Italia aumenta fino al 15% il tasso di sconto provocando l'insostenibilità del tasso di cambio tra lira e marco.
    La Germania accetta di abbassare i tassi di interesse, per la prima volta dopo cinque anni. A queste decisioni segue una serie di reazioni a catena. La sterlina inglese e la lira godono di un effimero apprezzamento sui cambi. Il 16 settembre, la sterlina sfonda la banda più bassa e la Banca d'Inghilterra annuncia il “momentaneo” distacco dallo SME. Anche la lira segue la Gran Bretagna, mentre la peseta spagnola, pura svendo sofferto una svalutazione del 5% riesce a restare all'interno del sistema.
    Si tratta di un colpo durissimo per l'Italia che fino a quella data aveva fatto del cambio della lira l'architrave della sua politica economica e finanziaria, sostenendo pesanti oneri in termini di riserve valutarie e di altissimo costo del denaro.
    Si tratta di colpo duro anche per la CE che viene colpita nel suo strumento fondamentale, lo SME, che va a minare il decollo dell'UME, il progetto di moneta unica e della costituzione del Sistema delle banche centrali europee.
    A seguito dell'intensificazione degli attacchi speculativi, la Banca d'Italia dichiara il 21 settembre l'abbandono dello Sme da parte della lira."


    ah ... come ... aspe ... devo aver letto male! Peteruccio mio, mi aiuti a leggere?

    "Ciò provoca una forte diminuzione delle riserve della Banca d'Italia, da 103 mila miliardi del mese di novembre 1991 esse scendono a poco più di 30 mila nell'ottobre 1992"

    aspetta ... non era successo tutto il 13 Settembre ... ma come ...

    "Ciò provoca una forte diminuzione delle riserve della Banca d'Italia, da 103 mila miliardi del mese di novembre 1991 esse scendono a poco più di 30 mila nell'ottobre 1992"

    davvero? in 11 mesi si bruciarono 80 mila miliardi di riserve valutarie? Aspe, forse non abbiamo capito bene ... rileggiamo:

    "Ciò provoca una forte diminuzione delle riserve della Banca d'Italia, da 103 mila miliardi del mese di novembre 1991 esse scendono a poco più di 30 mila nell'ottobre 1992"

    Maledizione, pare che stessero sbagliando qualcosa da un po' ...

  • Der fliegende Holländer scrive:
    7 ottobre 2016 15:23

    Nel 1988 Rudi Dornbusch diceva questo dello SME:

    https://t.co/N9qi63zXMZ

  • Valerio Santoro scrive:
    7 ottobre 2016 17:58

    Quindi, qual è l'alternativa? Continuare nel'€ e chiedere pietà alla BundesBank?

  • Peter Yanez scrive:
    7 ottobre 2016 19:37

    @ Der fliegende Holländer

    A parte alcune "lievi imprecisioni" che sono evidenti nella tesi che citi (le tensioni valutarie non iniziarono nel novembre '91 e sulle date noto qualche incertezza), mi dici dov'è che avrei sostenuto che era successo tutto il 13 Settembre ?

  • Anonimo scrive:
    19 ottobre 2016 11:10

    Lol...
    Non ti accanire però, sono gente semplice, prendono tutto terribilmente sul serio e vanno nel pallone molto facilmente.

  • Anakyn scrive:
    19 ottobre 2016 13:09

    Il buon Peter è una figura che rasenta l'epicità omerica.

    Le contro-argomentazioni di Mazzei avrebbero steso un bisonte, ma non Yanez, immediatamente rialzatosi in piedi senza neppure barcollare troppo.
    Ammirevole, per certi versi.
    Un nemico di cui andare fieri.

Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (726) euro (690) crisi (611) economia (494) sinistra (425) finanza (258) Movimento Popolare di Liberazione (239) sfascio politico (235) grecia (229) resistenza (222) elezioni (217) M5S (204) teoria politica (202) banche (198) internazionale (190) imperialismo (185) risveglio sociale (184) alternativa (167) seconda repubblica (167) sovranità nazionale (159) Leonardo Mazzei (156) Syriza (148) Tsipras (143) P101 (139) Moreno Pasquinelli (136) Matteo Renzi (122) antimperialismo (112) debito pubblico (104) PD (103) marxismo (101) sovranità monetaria (101) democrazia (100) sollevazione (99) destra (94) Grillo (93) berlusconismo (91) proletariato (91) costituzione (87) spagna (85) neoliberismo (82) austerità (79) islam (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) Francia (78) Emiliano Brancaccio (75) referendum costituzionale 2016 (74) Stati Uniti D'America (73) Mario Monti (71) sindacato (69) Stefano Fassina (68) bce (66) filosofia (65) Germania (64) populismo (63) Libia (62) Alberto Bagnai (59) capitalismo (58) Podemos (57) Rivoluzione Democratica (57) capitalismo casinò (57) guerra (57) piemme (55) sinistra anti-nazionale (54) globalizzazione (53) rifondazione (53) Siria (50) Medio oriente (49) Movimento dei forconi (49) bancocrazia (49) immigrazione (49) socialismo (49) Alexis Tsipras (48) Carlo Formenti (47) fiat (47) programma 101 (47) sovranità popolare (47) cinque stelle (46) immigrati (46) Nichi Vendola (45) Sergio Cesaratto (45) referendum (45) renzismo (45) inchiesta (43) sinistra sovranista (43) Pablo Iglesias (42) Troika (42) Yanis Varoufakis (41) campo antimperialista (41) solidarietà (41) Beppe Grillo (40) Emmezeta (40) Lega Nord (40) geopolitica (40) astensionismo (39) moneta (39) legge elettorale (38) proteste operaie (38) brexit (37) italicum (37) Diego Fusaro (36) liberismo (35) III. Forum internazionale no-euro (34) Mario Draghi (34) Russia (34) egitto (34) sionismo (34) Marine Le Pen (33) azione (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) default (32) fiom (32) palestina (32) Forum europeo 2016 (31) ISIS (31) Sel (31) governo Renzi (31) neofascismo (31) unità anticapitalisa (31) Matteo Salvini (30) fiscal compact (30) Alitalia (29) Giorgio Cremaschi (29) Luciano Barra Caracciolo (29) Manolo Monereo (29) Ucraina (29) Israele (28) Merkel (28) Mimmo Porcaro (28) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Fiorenzo Fraioli (27) Sicilia (27) Ugo Boghetta (27) immigrazione sostenibile (27) menzogne di stato (27) populismo di sinistra (27) Forum europeo (25) Lega (25) sovranismo (25) xenofobia (25) Europa (24) islamofobia (24) ora-costituente (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Karl Marx (22) Nello de Bellis (22) silvio berlusconi (22) CLN (21) Chianciano Terme (21) Donald Trump (21) Simone Boemio (21) Stato di diritto (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Aldo Giannuli (20) Marcia della Dignità (20) Quantitative easing (20) eurostop (20) finanziarizzazione (20) scuola (20) Front National (19) Lavoro (19) Unità Popolare (19) cina (19) fronte popolare (19) nazione (19) repressione (19) uscita dall'euro (19) Izquierda Unida (18) Nato (18) Roma (18) Tunisia (18) ecologia (18) iraq (18) keynes (18) Assisi (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Laikí Enótita (17) Mariano Ferro (17) USA (17) etica (17) religione (17) Costanzo Preve (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Norberto Fragiacomo (16) Pier Carlo Padoan (16) Regno Unito (16) nazionalismi (16) pace (16) razzismo (16) vendola (16) Donbass (15) Fabio Frati (15) International no euro forum (15) Luciano B. Caracciolo (15) Prc (15) ballottaggi (15) 15 ottobre (14) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (14) Cremaschi (14) Ernesto Screpanti (14) Eurogruppo (14) Jacques Sapir (14) Monte dei Paschi (14) Renzi (14) Vincenzo Baldassarri (14) coordinamento no-euro europeo (14) iran (14) obama (14) piattaforma eurostop (14) storia (14) Chavez (13) Enea Boria (13) Jobs act (13) MMT (13) Marco Mori (13) Stato Islamico (13) Virginia Raggi (13) Vladimiro Giacchè (13) acciaierie Terni (13) finanziaria (13) salerno (13) umbria (13) Bersani (12) Forum europeo 2015 (12) Legge di stabilità (12) Marino Badiale (12) Negri (12) Venezuela (12) complottismo (12) decreto salva-banche (12) emigrazione (12) euro-germania (12) melenchon (12) nazionalizzazione (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Brancaccio (11) Emmanuel Macron (11) Gennaro Zezza (11) Movimento 5 Stelle (11) Putin (11) Tonguessy (11) Turchia (11) comunismo (11) corruzione (11) de-globalizzazione (11) disoccupazione (11) iniziative (11) internazionalismo (11) keynesismo (11) patriottismo (11) piano B (11) salari (11) sinistra Italiana (11) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Esm (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Hollande (10) Luigi Di Maio (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Terni (10) ambiente (10) antifascismo (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) golpe (10) lotta di classe (10) presidenzialismo (10) unione bancaria (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Art. 18 (9) Beppe De Santis (9) Def (9) Fmi (9) Jean-Luc Mélenchon (9) Marco Zanni (9) Paolo Ferrero (9) Perugia (9) Portogallo (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wilhelm Langthaler (9) analisi politica (9) bail-in (9) cultura (9) internet (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) ordoliberismo (9) scienza (9) sciopero (9) tasse (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Bernie Sanders (8) CGIL (8) Campagna eurostop (8) Corte costituzionale (8) Costas Lapavitsas (8) D'alema (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) De Magistris (8) Diritti Sociali (8) Draghi (8) Enrico Grazzini (8) Erdogan (8) Forconi (8) Goracci (8) Ingroia (8) Mirafiori (8) Quirinale (8) Reddito di cittadinanza (8) Salvini (8) Sandokan (8) Wolfgang Schaeuble (8) Yanis Varoufakys (8) chiesa (8) deficit (8) diritti civili (8) diritto (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) europeismo (8) grexit (8) manifestazione 25 marzo 2017 (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) nuovo movimento politico (8) povertà (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Argentina (7) Articolo 18 (7) Daniela Di Marco (7) Fausto Bertinotti (7) ISIL (7) Ilva (7) Inigo Errejón (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Marco Passarella (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Sapir (7) Ttip (7) anarchismo (7) borsa (7) casa pound (7) catalogna (7) confederazione (7) cosmopolitismo (7) destra non euro (7) elezioni anticipate 2017 (7) eurocrack (7) incontri (7) indipendenza (7) lira (7) nazismo (7) necrologi (7) privatizzazioni (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) sindacalismo di base (7) taranto (7) Ars (6) Banca centrale europea (6) Bottega partigiana (6) CUB (6) Contropiano (6) Eugenio Scalfari (6) Franz Altomare (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Gran Bretagna (6) M.AR.S. (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Barnard (6) Paolo Savona (6) Pil italiano (6) Samuele Mazzolini (6) Sergio Mattarella (6) Stefano D'Andrea (6) appello (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) classi sociali (6) cosmo-internazionalismo (6) debitocrazia (6) derivati (6) governo Gentiloni (6) incontro internazionale (6) inflazione (6) liberosambismo (6) magistratura (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) terremoto (6) uber (6) utero in affitto (6) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Assad (5) Casaleggio (5) Dicotomia (5) Dino Greco (5) Finlandia (5) Foligno (5) Genova (5) Giancarlo D'Andrea (5) HAMAS (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Massimo Bontempelli (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Papa Francesco (5) Parigi (5) Pcl (5) Polonia (5) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (5) Rete dei Comunisti (5) Romano Prodi (5) Sharing Economy (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Target 2 (5) Val di Susa (5) afghanistan (5) alleanze (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) cuba (5) debitori (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) fisco (5) jihadismo (5) laicismo (5) liberalismo (5) manifestazione (5) pomigliano (5) questione nazionale (5) rivolta (5) salvinismo (5) suicidi (5) suicidi economici (5) tremonti (5) ALBA (4) Alessandro Di Battista (4) Alessandro Visalli (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (4) CSNR (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Chiavacci Alessandro (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Federalismo (4) Forza Italia (4) Fratelli d'Italia (4) Frente civico (4) George Soros (4) Giulio Regeni (4) Imu (4) Julio Anguita (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Lenin (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Militant-blog (4) Morgan Stanley (4) Mosul (4) Npl (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Pisapia (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) Wolfgang Munchau (4) Xi Jinping (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) demografia (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) governo (4) ideologia (4) il manifesto (4) irisbus (4) la variante populista (4) legge di stabilità 2017 (4) massimo fini (4) migranti (4) parti de gauche (4) patrimoniale (4) pensioni (4) populismo democratico (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) protezionismo (4) rifugiati politici (4) risparmio (4) senso comune (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) trasporto pubblico (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Alberto Negri (3) Alfiero Grandi (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bergoglio (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Mitropoulos (3) Domenico Moro (3) Eleonora Forenza (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Felice Floris (3) Ferdinando Pastore (3) Filippo Abbate (3) Francesco Salistrari (3) GIAPPONE (3) Gianni Ferrara (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jacques Nikonoff (3) Joseph Stiglitz (3) Karl Polany (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Maduro (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) ONU (3) Olanda (3) Panagiotis Sotiris (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Risorgimento Socialista (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Salento (3) Sarkozy (3) Sergio Starace (3) Six Pack (3) Stato di Polizia (3) USB (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Vladimiro Giacché (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) autodeterminazione dei popoli (3) automazione (3) bankitalia (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) diritti di cittadinanza (3) diritto d'asilo politico (3) dollaro (3) economia sociale di mercato (3) fascismo (3) giovani (3) il fatto quotidiano (3) il pedante (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) italia (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) minijobs. Germania (3) moneta fiscale (3) nazionalismo (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) oligarchia (3) partito (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) tassisti (3) trasporto aereo (3) trattati europei (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 25 aprile 2017 (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Benzoni (2) Alberto Montero (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Amoroso (2) Antonio Rinaldi (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Bandiera rossa in movimento (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Dario Guarascio (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Don Giancarlo Formenton (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) F.List (2) Fausto Sorini (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Fiumicino (2) Flat tax (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Bartolomei (2) Franco Russo (2) Fratoianni (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Gentiloni (2) Giorgia Meloni (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Goofynomics (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Jens Weidmann (2) Jeremy Corbyn (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Basso (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marcello Teti (2) Marchionne (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Marx (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Morya Longo (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) NO TAP (2) Nadia Garbellini (2) Oriana Fallaci (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paolo Gerbaudo (2) Pardem (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Preve (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Riccardo Achilli (2) Riccardo Bellofiore (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Salistrari (2) Scenari Economici (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) TAP (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Fazi (2) Thomas Piketty (2) Tltro (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Visco (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) austria (2) blocco sociale (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) curdi (2) deregulation (2) diritto di cittadinanza (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) domenico gallo (2) donna (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) facebook (2) fecondazione eterologa (2) fine del lavoro (2) gennaro Migliore (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) indignatos (2) industria italiana (2) informatica (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) legge del valore (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) mediterraneo (2) mercantislismo (2) no expo (2) occidente (2) olocausto (2) paolo vinti (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) precarietà (2) proteste agricoltori (2) razionalismo (2) riformismo (2) sanità. spending review (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) sociologia (2) sovranità e costituzione (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) tecnologie (2) terzo polo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) università (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) Africa (1) AirCrewCommittee (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alan Johnson (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aldo Zanchetta (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Amando Siri (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angela Matteucci (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Falcone (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Gramsci (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Arditi del Popolo (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Attali (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Bashar al-Assad (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Branko Milanovic (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carl Schmitt (1) Carlo Candi (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Cekia (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Claudia Castangia (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Comitato antifascista russo-ucraiono (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cub Trasporti (1) Cuperlo (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Bortoli (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Ernesto Laclau (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico Fubini (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Forum Ambrosetti (1) Forum di Assisi (1) France Insoumise (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giacomo Zuccarini (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giorgio Gattei (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giuliano Amato (1) Giuliano Pisapia (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Angiuli (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hezbollah (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Joseph Shumpeter (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Undiemi (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Elena Boschi (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mario Tronti (1) Mark Rutte (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo Costa (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Milton Friedman (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimento di Liberazione Popolare (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Netanyahu (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolas Dupont-Aignan (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Noi Mediterranei (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) PSUV (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palermo (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maddalena (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Partito tedesco (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Paul De Grauwe (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Paolo Dal Monte (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Reddito di inclusione sociale (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Riscossa Italia (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Robert Mundell (1) Roberta Lombardi (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Schengen (1) Schumpeter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Tomaso Montanari (1) Tommaso Nencioni (1) Toni negri (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autogestione (1) ballarò (1) banche venete (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dichiarazione di Roma (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) donne (1) dracma (1) due euro (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) elezioni comunali 2017 (1) enav (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forza nuova (1) freelancing (1) frontiere (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) independent contractor (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) intervista (1) intimperialismo (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) lex monetae (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) luddismmo (1) lula (1) madre surrogata (1) mafiodotto (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) nascite (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) ong (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) proporzionale (1) questione femminile (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) ride sharing (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rossobrunismo (1) rublo (1) salafismo (1) sanità (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) supply-side economics (1) svimez (1) takfirismo (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trenitalia (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uberizzazione (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vertice di Roma (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) wahhabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)