mercoledì 31 marzo 2010

ELEZIONI: LA MATEMATICA NON E' UN'OPINIONE!

IL POPOLO HA DETTO NO 
A SILVIO BERLUSCONI 

Dopo la farsa elettorale dobbiamo subire la grande menzogna.
L'astensione ha punito la casta tutta ma in primo luogo la destra berlusconiana
PARLANO I NUMERI.

Per quanto riguarda la coalizione di centro-destra:
Nelle 13 regioni in cui si è votato le liste Pdl hanno ottenuto 5.994.741 voti. Alle europee del 2009 le liste Pdl avevano, in queste tredici regioni, 9.218.588 voti.
In meno di un anno il Pdl  ha subito la fuga di 3.223.847 elettori!  
I berluscones hanno quindi perso un terzo dei voti!

Continua »

Print Friendly and PDF

Mario Monicelli: «L'Italia si salva solo con la rivoluzione»

Continua »

Print Friendly and PDF

ELEZIONI: MA DI QUALE VITTORIA PARLANO LE DESTRE?

SE ATENE PIANGE SPARTA NON RIDE

di Moreno Pasquinelli

Quello che più stupisce è il piagnisteo che serpeggia anche in settori della sinistra "radicale". Tale e tanta è la distanza tra questi e la realtà, che non riescono nemmeno ad interpretarla. Ha dello stupefacente come essi abbocchino all'inganno spalmato come nutella urbi ed orbi dai berluscones (per cui essi avrebbero vinto). Si flagellano perché giovani e lavoratori invece di votarli hanno disertato le urne. Non è solo la prova che sono allucinati, è la prova di un difetto che sta nel manico, l'essersi assuefatti ad una sinistra che aveva fatto delle elezioni e dell'elezionismo l'alfa e l'omega, e del consenso elettorale la sola ragion d'essere. Il più sconcertate cretinismo(post)parlamentare.


Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 30 marzo 2010

FRANCIA-ITALIA: medesima débâcle

SULLA SCONFITTA 
DEL N.P.A.

Le recenti elezioni regionali in Italia hanno, tra l'altro, segnato la Caporetto della "Federazione della Sinistra". L'impressione è che questo sia davvero l'ultimo tentativo di resurrezione. D'altra parte questa débâcle si inscrive in un trend generale, una svolta a destra dell'elettorato europeo, anzitutto operaio, e di converso la crisi delle sinistre a vario titolo "radicali" più o meno "sessantottine". Spicca il caso del Nuovo Partito Anticapitalista francese, che ha perso voti rispetto alle stesse europee dell'anno scorso, sembra anzitutto verso l'astensione e i verdi. Qui sotto l'analisi del NPA medesimo.

Continua »

Print Friendly and PDF

ELEZIONI


L'ASTENSIONE, IL SUCCESSO DEI “GRILLINI” E LA TENUTA DI BERLUSCONI

Commentando a caldo il dato sull’astensione ieri scrivevamo:
«L’astensionismo di massa è dunque il dato più eclatante, il fatto topico di questa tornata. Certo, a partire da questa sera assisteremo al solito spettacolo per cui i predoni, i ladri del voto, gli abusivi delle istituzioni, si azzufferanno su come spartirsi il bottino. Ma sarà uno spettacolo surreale come non mai, poiché è vero che i seggi della rapina elettorale saranno  sempre pari a cento, ma il loro valore reale è come quello di una valuta dopo un default, dimezzato».

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 29 marzo 2010

ASTENSIONE AL 40%. MENO QUATTRO MILIONI

LA CASTA TREMA

Non si chiami l’astensione “anti-politica”.
Essa è un atto di disobbedienza civile, di Resistenza. Non sul terreno elettorale ma su quello sociale marcerà l’alternativa.
E solo in quanto sociale essa sarà democratica.

Se, come noi supponiamo, l’affluenza alle urne quest’oggi confermerà quella registratasi ieri, avremo che il 40% degli italiani si sarà rifiutato di andare a votare. Rispetto alle elezioni regionali del 2005 fa un +10%  di astenuti. Rispetto a quelle del 1995 un +20%. Il dato è talmente macroscopico che si parla già del “Fattore A”. Dove “A” sta evidentemente per astensione. Non è solo la conferma di una tendenza (l’esodo dalle urne e il disincanto e il disprezzo verso la Casta politica), è la radicalizzazione di quella tendenza.

Continua »

Print Friendly and PDF

domenica 28 marzo 2010

LA DITTATURA 
TRAVESTITA 
DA DEMOCRAZIA

di Massimo Fini 


In questo efficace intervento l'amico Massimo Fini afferma che, nella situazione data, c'è un solo modo per togliere di mezzo "il tiranno": l'Aventino, la fuoriuscita dal Parlamento delle opposizioni.
E' uno dei punti su cui noi di Rivoluzione Democratica ci siamo costituti in Associazione politica. Su questo ritorneremo presto.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 27 marzo 2010

LA GRECIA IN TRAPPOLA

Si è concluso il vertice europeo
“Ognuno per se, 
Dio per tutti”

Il problema greco non fa che annunciare quello tedesco. C’è un limite oltre il quale la competitività selvaggia produrrà lo sfascio dell’Unione e il passaggio ad uno scontro di tutti contro tutti.

di Moreno Pasquinelli


Dopo mesi di melina la montagna dell’Unione Europea ha partorito il suo topolino: Atene è stata autorizzata, proprio come voleva la Germania, a ricorrere a finanziamenti del Fmi. Sarkozy e le altre comparse hanno salvato la faccia, ottenendo da Berlino che in caso di bisogno e solo come estrema ratio, la Grecia potrà usufruire di “presiti bilaterali coordinati e volontari” dei paesi dell’Eurozona. Buffo è che questo pasticciaccio venga presentato come “soluzione di compromesso”. Si tratta in verità di una vittoria tedesca: la salvezza del governo zoppicante della Merkel ha avuto la precedenza su quella della Grecia come paese. La prima domanda è: eviterà questo compromesso il default della Grecia? La risposta dev’essere: molto probabilmente no. La seconda: rafforzerà o indebolira l’Unione e l’euro questa decisione filo-tedesca? La risposta: quasi certamente li indebolirà.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 25 marzo 2010

IN CORSO IL VERTICE UE

L'UNIONE SI SUICIDA?

Si apre oggi pomeriggio, a Bruxelles, il sipario su un atto che potrebbe rivelarsi decisivo non solo per le sorti della Grecia, ma per quelle dell'Euro e dell'Unione Europea.

Non è certo un segnale positivo per gli "europeisti" che il Vertice non sia stato preceduto da quello dei sedici paesi dell'Eurozona. Ciò si spiega a causa del  tenace rifiuto della Germania di prendere in considerazione un aiuto europeo ad Atene, come invece vorrebbero sia la Bce che la maggior parte dei paesi dell'Eurozona.

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 24 marzo 2010

SBALLO ITALIANO

L'ULTIMA FREGNACCIA DI TREMONTI

Le agenzie hanno appena diffuso questa affermazione del Ministro dell’Economia Giulio Tremonti: «Bersani vuole una politica economica fatta di tasse, vuole tassare i bot e se vincono loro si paga di nuovo l’Ici. In ogni caso, il modello di Bersani è quello della Grecia, non credo che l’Italia meriti di finire come la Grecia».

I nostri lettori sanno che non abbiamo alcun debole per il Partito Democratico. Ci tocca tuttavia spezzare una lancia a favore di Bersani e sbugiardare Tremonti.

Continua »

Print Friendly and PDF

DALL'INTERNO DELLA CRISI U.S.A.

«STRATEGIC DEFAULTS»
che fine ha fatto il "sogno americano"?

Sarà il caso di tornare sulla riforma sanitaria voluta da Obama e appena varata dal Congresso USA. Una stampa fin troppo compiacente con la Casa Bianca evita infatti accuratamente di spiegarne i meccanismi, ben lontani dal principio per cui la salute sia un diritto universale di tutti i cittadini, per non parlare dei vantaggi che essi portano alle strutture private, o dello scambio col diritto all'aborto.
Vogliamo parlare invece della famigerata questione die "mutui per la casa" e delle conseguenze sociali dello scoppio della "bolla immobiliare".

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 22 marzo 2010

FRANCIA


VERSO UN "TERZO TURNO SOCIALE"?

di Jean-Paul Montel 

Risultati regione per regione

Colore lilla: Alleanza tra Partito socialista, Europa Ecologia, Fronte di sinistra, e altri di sinistra (53% in totale) 
 
Colore blu: la coalizione guidata dall'UMP di Sarkozy (35% in totale)

Colore grigio-Verde: il Fronte nazionale (17,5% in totale)


Chi sperava, tra cui lo stesso Sarkozy, in un sensibile calo dell'astensionismo di massa, si è evidentemente sbagliato. Malgrado gli accorati e invasivi appelli dopo il primo turno, la metà dei francesi non si è recata alle urne. Per di più il +2%  di votanti rispetto al primo turno, sembra aver premiato anzitutto Le Pen.

Continua »

Print Friendly and PDF

domenica 21 marzo 2010

LASCIATE OGNI SPERANZA VOI CHE VOTATE (4)

UN PRONOSTICO SUL DOPO-BERLUSCONI

di Moreno Pasquinelli

Com'era prevedibile la sfilata dei berluscones ha lasciato lo spazio al balletto sulle cifre. Possono aggiustarsela come vogliono, ma visto che la parata era stata annunciata come una gigantesca prova di forza, questa è stata un sostanziale flop. Il fallimento del contrattacco berlusconiano, ha mostrato  le profonde crepe in seno al Pdl,  la sua costitutiva fragilità come "Partito di plastica", il carattere volatile del tele-populismo berlusconismo. Piazza San Giovanni conferma l'impressione generale, ovvero che il berlusconismo è effettivamente al tramonto.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 20 marzo 2010

LASCIATE OGNI SPERANZA VOI CHE VOTATE (3)

«RASSEGNO LE MIE DIMISSIONI DA ELETTORE»

L'ultimo nascondiglio degli elezionisti è quello al cui ingresso c'è scritto: "non voglio demandare ad altri le scelte che riguardano il mio futuro". In verità, qui non sono in ballo le scelte individuali, ma il destino stesso di un popolo e di una nazione. L'unica possibilità collettiva di "non demandare" le decisioni politiche, ovvero di riappropriarsi della sovranità popolare, è proprio la disobbedienza civile, l'obiezione di coscienza, lo sciopero generale  elettorale.

Mentre scriviamo sta iniziano la manifestazione di piazza dei Berluscones ("che peste li colga!"). Sabato scorso c'era stata quella del centro-sinistra.

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 19 marzo 2010

IL MANIFESTO

QUELLO STRANO QUOTIDIANO DI DESTRA


Sorprendente il commento di Valentino Parlato (il manifesto di giovedì 18 marzo) all'intervento di Tremonti in Parlamento.

Dare addosso al Ministro dell'economia è senz'altro doveroso, ma Parlato l'ha fatto usando gli argomenti di Strauss-Khan e Mario Draghi impegnati nelle stesse ore a spiegare i loro punti di vista innanzi al Parlamento europeo di Strasburgo.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 18 marzo 2010

DERIVATI

Come ti frego il comune di Milano

Oramai è ufficiale.
La Procura della Repubblica ha deciso di procedere penalmente, ovvero rinviare a giudizio, quattro banche e 13 persone per la vicenda dei Derivati sottoscritti dal Comune di Milano. 
Secondo la Procura le banche in questione (Jp Morgan, Ubs, Dpfa Bank e Deutsche Bank) avrebbero raggirato, leggi truffato, l'amministrazione locale, traendone lauti guadagni: all'incirca cento milioni di euro!
Vedremo se alla fine ci sarà una condanna (che farebbe scuola). C'è da dubitarne, visto che questa  equivarrebbe, né più e né meno, che a dichiarare illegali o almeno illeciti, se non tutti i Derivati, di sicuro i  famigerati Swap.

Continua »

Print Friendly and PDF

RIVOLUZIONE DEMOCRATICA

SE VOGLIAMO DAVVERO FARE SERIAMENTE 

ALCUNI COMMENTI PERSONALI IN MARGINE ALL’INCONTRO CON SAVAS MATSAS
 
di Roberto Fondi*

Iniziato con le ottime presentazioni di Maurizio Fratta e Leonardo Mazzei, a mio parere l’incontro fiorentino di sabato 6 marzo con Savas Matsas non si è concluso altrettanto bene.

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 17 marzo 2010

Dal turbo-capitalismo al turbo-disordine

Verso la risorgenza delle contraddizioni interimperialistiche?

di Moreno Pasquinelli

Le due catastrofiche guerre mondiali ebbero come causa le “contraddizioni”, o meglio gli antagonismi “tra i briganti imperialistici”. Posta in palio: “il bottino della rapina ai danni dei popoli coloniali e semicoloniali”.
L’esito della seconda guerra stravolse le consolidate dinamiche geo-politiche mondiali. L’emersione dell’URSS come grande potenza, la quale veniva accompagnata all’avanzata dei movimenti antimperialisti e operai su scala internazionale, costrinse le potenze imperialistiche, vincenti e perdenti, a mettere da parte i dissidi e fare causa comune per non soccombere. Continuare a combattersi era oramai un lusso che i “briganti” non potevano più permettersi. Avrebbero fatto la fine dei polli di Renzo.

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 16 marzo 2010

LASCIATE OGNI SPERANZA, VOI CHE VOTATE (2)

Astensione
CUI PRODEST? 

in risposta agli "elezionisti" 

«Che senso ha partecipare ad elezioni che legittimano questi meccanismi antidemocratici e populistici? Come si fa a non comprendere che partecipando al gioco è il gioco (truccato) che vince e viene legittimato assieme ai bari e ai rottamatori (compresi quelli di centro-sinistra) della stessa democrazia parlamentare»?

Nella Fig. 1: La partecipazione alle elezioni politiche 1948-2008

Sergio Luzzatto, su Il Sole 24 Ore di oggi, in un editoriale dal titolo «Amministrative: le due facce dell'astensione», segnala l'altissimo astensionismo alle recenti elezioni regionali francesi e compie una comparazione con le imminenti regionali in Italia. Egli nota, giustamente che l'importanza attribuita in Italia alle regioni è di gran lunga superiore a quella che ad esse viene attribuita in Francia, stato notoriamente centralista. 

Continua »

Print Friendly and PDF

LASCIATE OGNI SPERANZA, VOI CHE VOTATE

IN VISTA DELLE ELEZIONI REGIONALI

di Leonardo Mazzei



Tre scommesse, più una, sulle elezioni del 28 marzo
 
Le elezioni regionali si terranno tra due settimane, ma due dati appaiono già certi: saranno le elezioni con più ricorsi e con meno elettori della storia repubblicana. Se il primo dato è già una certezza, che la dice lunga sull'interminabile processo degenerativo della politica italiana, sul secondo siamo disponibili ad accettare scommesse. L'importante è che si comprenda il legame tra questi due fenomeni. Il primo ci parla della prepotenza assoluta del governo, del servilismo indecente del presidente della Repubblica (vedi Compagni di merende), dell'impazzimento delle regole, dell'imbarbarimento castale delle leggi elettorali. Il secondo è l'espressione - certo, politicamente eterogenea - della frattura che si sta allargando tra una politica bipartiticamente asservita alle oligarchie e vasti settori popolari che se non altro si rifiutano di partecipare ad un gioco truccato, ad una democrazia fasulla  ed ingannatrice.

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 15 marzo 2010

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA

COSA CI DICONO
GLI INDICATORI ECONOMICI

Fino a che punto potrà peggiorare la crisi senza che questo faccia saltare la “invidiabile pace sociale” di cui tanto si vanta il ministro Tremonti?



Stagnazione


Il collasso del settembre 2008 ha colto l’economia italiana mentre era in stagnazione già a partire dal 2002. Nel quadriennio 2002-2005 la crescita del Pil è stata di appena lo 0,6% medio annuo e per trovare un valore più basso occorre tornare a dieci anni prima (1993). “Una performance così mediocre ha relegato il nostro paese nelle posizioni di coda nell'area dell'euro, cresciuta in media dell'1,3% nello stesso periodo; solo la Germania (+0,5%) non ha fatto meglio di poco dell'Italia”. Il divario di crescita con il resto di Eurolandia è rimasto ampio anche nel 2006-2007, superiore al punto percentuale.
Dopo non è andata meglio e l’Italia si conferma il paese alle prese con una discesa del Pil più alta della già bassa media europea. (Vedi il grafico n.1.) Si tenga conto che secondo altre autorevoli fonti il l’Italia ha perso in Pil ben il 6,5%. 

Il crollo della produzione industriale

La produzione industriale italiana è cresciuta a gennaio del +2,6% rispetto a dicembre). L’ISTAT non aveva fatto in tempo a diffondere questo dato che Berlusconi in persona non ha esitato a cantare vittoria e a proclamare che il paese si sta ormai lasciando alle spalle la “crisi”.

Continua »

Print Friendly and PDF

ELEZIONI IN FRANCIA

IL BALZO ASTENSIONISTA

Aventi diritto: 43 640 059
Votanti: 20 232 451
Voti validi: 19 475 713
Astensione: 53,64 %

Più che dati sulle recenti elezioni regionali sembra un bollettino di guerra. Una guerra che vede su fronti opposti il popolo e lo Stato con le sue articolazioni pseudo-democratiche e notabilari. Per la prima volta  più del 50% dei cittadini francesi aventi diritto (non dimentichiamo i tanti che questo diritto in Francia non ce l'hanno, anzitutto immigrati) non si sono recati alle urne. Torneremo più in dettaglio nell'analisi delle elezioni francesi, ma intanto occorre smentire che l'astensione abbia penalizzato solo il centro-destra. Dalle prima proiezioni (vedi Le Monde) l'ondata ha travolto anche la sinistra, anzitutto quella estrema del Nuovo Partito Anticapitalista e Lotta Operaia.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 13 marzo 2010

MESTIZIA A PIAZZA DEL POPOLO


La prima volta come tragedia, la seconda come farsa, la terza come buffonata

C’erano una volta due destre. 
La berlusconiana e quella che, mascherata come centro-sinistra, tesseva le lodi della globalizzazione e del mercato; avviava la più grande ondata di privatizzazioni della storia; aggrediva il mondo del lavoro e le sue conquiste introducendo misure di flessibilità selvagge; varava riforme devastanti all’insegna della mercificazione, come quella della scuola; procedeva con politiche di sacrifici che hanno fatto sì che i salari italiani, a parità di produttività, siano diventati tra i più bassi d’Europa; partecipava alla guerra contro la Jugoslavia e a quella in Afghanistan; introduceva misure penali da Stato di polizia; e che non ha voluto mettere mano al conflitto d’interessi.

Continua »

Print Friendly and PDF

Fermare l’aggressione all’Iran!

A P P E L L O

Denuclearizzare l’intero Medio Oriente!
Porre fine all’assedio di Gaza e al martirio del popolo palestinese!

Domenico Losurdo,Università di Urbino - Gianni Vattimo, Filosofo e parlamentare europeo - Danilo Zolo, Università di Firenze - Margherita Hack,  Astrofisica - Lucio Manisco, Giornalista, già parlamentare europeo - Marino Badiale, Università di Torino - Aldo Bernardini, Università di Teramo - Giovanni Bacciardi, Università di Firenze - Enzo Apicella, Designer, Londra - Fernando Rossi, ex senatore, Per il Bene Comune - Sergio Cararo, Rivista Contropiano - Maurizio Fratta, Coordinatore Rivoluzione Democratica - Fausto Sorini, Redazione de l'Ernesto - Leonardo Mazzei, Campo Antimperialista......

seguono gli altri firmatari

  
Sin da quando G.W. Bush  definì l’Iran uno “Stato canaglia” è in corso contro questo paese dalla storia plurimillenaria e il suo governo una brutale campagna di demonizzazione; una campagna  fondata sulla menzogna che con tutta evidenza serve a spianare la strada all’aggressione militare.

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 12 marzo 2010

DIARIO DELLA LOTTA IN GRECIA (2)


Lo sciopero generale del 11 marzo

di Savas Michael Matsas

Più di settanta mila manifestanti hanno invaso il centro di Atene oggi, 11 marzo, giorno di uno sciopero generale molto riuscito indetto dalla GSEE (Confederazione Generale del Lavoro della Grecia) e da ADEDY (la Federazione Nazionale dei dipendenti pubblici). I contingenti dei sindacati e delle organizzazioni di sinistra hanno occupato tutto lo spazio che va dal Museo Nazionale e dal Politecnico fino a piazza Syntagma (Costituzione), di fronte al Parlamento. Il sindacato PAME, controllato dal partito Comunista di Grecia (KKE), aveva nel frattempo già tenuto la propria manifestazione separata, partendo in corteo da piazza Omonia fino al Parlamento. Anche il corteo del PAME è stato grande, anche se meno numeroso di quello principale.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 11 marzo 2010

DIARIO DELLA LOTTA IN GRECIA

A partire da quest'oggi pubblicheremo un diario sulla situazione in Grecia. Questo primo pezzo ci è giunto  mentre proprio oggi è  in corso un importante sciopero generale

Sulla strada dello sciopero generale

«Le classi dominanti, sia in Grecia che in Europa, hanno paura di un contagio, non solo del default a causa del debito, ma del fermento rivoluzionario che potrebbe estendersi ad altri "anelli deboli" della catena dell’Euro-zona, in tutto il Sud Europa come all’Unione europea nel suo complesso»

di Savas Michael Matsas (da Atene)

       "Siamo in uno stato di guerra", ha dichiarato pomposamente il primo ministro greco (e presidente "socialista"), George Papandreou il 3 marzo, annunciando una seconda ondata di misure draconiane contro i lavoratori e pensionati, come chiesto dall'Unione europea, dalla Banca centrale europea e dal Fondo monetario. Ma la classe operaia sfida la retorica bellicosa del capo del governo del PASOK e le “istruzioni” della UE rispondendo con la  propria dichiarazione dello “stato di guerra” di classe.

Continua »

Print Friendly and PDF

Di cosa è malato il capitalismo?

Perché la catastrofe è inevitabile

in risposta a keynesiani nonché alcuni marxisti

di Moreno Pasquinelli

Mi corre l’obbligo di rispondere all’accusa secondo cui le nostre analisi della crisi sarebbero viziate da un“catastrofismo pregiudiziale”. Non ci riferiamo anzitutto a  coloro i quali credono ancora al mito delle magnifiche sorti e progressive del capitalismo. Parliamo piuttosto dei keynesiani alla Krugman (per i quali il debito non è mai un vero problema e diventa anzi un toccasana in caso di ciclo depresso) e ad  analisti che si rifanno a linee di pensiero anticapitalistiche. Questi analisti, keynesiani e/o anticapitalisti latu sensu, sostengono che il capitalismo “non crollerà per il debito pubblico degli stati, né per la somma di questo con quelli privati”. Dicono anzi, svelando un certo “complottismo”, che alcune grandi  consorterie finanziarie stanno esagerando artatamente la portata della “crisi da debito”, proprio per abbindolare l’opinione pubblica, per far sì che i popoli accettino un gigantesco e verticale drenaggio di ricchezza dal basso verso l’alto, allo scopo di rilanciare i processi di accumulazione e valorizzazione. 

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 10 marzo 2010

POPOLO VIOLA DOVE SEI?

MANIFESTARE SABATO PROSSIMO?

In queste condizioni no

Alla fine i nostri timori si sono avverati. Come l’adagio, per cui “Can che abbia non morde”, le componenti più radicali del centro-sinistra, IDV, Federazione di sinistra e pannelliani, hanno abdicato al Partito (anti)Democratico. Chi rifiutandosi di chiedere la Messa in stato d’accusa del presidente Napolitano (Di Pietro), chi rimangiandosi l’idea di un Aventino con relativo ritiro dalla competizione elettorale. Sinistra e Libertà, il PRC e la Federazione di sinistra hanno forse fatto peggio, in questo torbido tornante della vita del paese hanno deciso di tenere il profilo più basso possibile. Pur di non incrinare la salda alleanza col PD, né hanno fatto loro la richiesta di Messa in stato d’accusa di Napolitano, né quella dell’Aventino.

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 8 marzo 2010

Napolitano in stato d'accusa

IL PD STA AL GIOCO
COSA ACCADRÀ SE ANCHE DI PIETRO 
E I RADICALI SI PRESTERANNO ALL'INCIUCIO?

Non si può andare a braccetto con chi si lagna a parole ma sottobanco ha già fatto marcia indietro reggendo il moccolo al tandem PDL-PD

Che la legge non fosse uguale per tutti, lo si sapeva. Ma questo non è un buon motivo per passare sopra all'ultimo strappo voluto da Berlusconi. Invece di sanzionarlo Napolitano l'ha avallato e sancito. Chi dovrebbe essere sentinella della Costituzione ha legittimato il vulnus. Il PD, partito cardine del sistema bipolare postdemocratico, ha già assolto Napolitano e deciso si soprassedere.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 6 marzo 2010

NAPOLITANO-BERLUSCONI: COMPAGNI DI MERENDE

Per l'impeachment popolare di un 
presidente che non può mai dire di «no»

Da: www.campoantimperialista.it 
 
I cultori delle leggi «ad personam» saranno soddisfatti. Ogni record precedente è stato frantumato dal «decreto interpretativo» di ieri sera, figlio della intensa collaborazione tra il pagliaccio che occupa Palazzo Chigi ed un presidente che - sarebbe molto interessante sapere il perché - non può mai dire di «no».

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 5 marzo 2010

IN PORTOGALLO COME IN GRECIA

500.000 lavoratori 
del pubblico impiego in sciopero

Il caso del "Blocco di Sinistra"

di Anibal De Olivenza

Mezzo milione di dipendenti pubblici portoghesi hanno massicciamente partecipato Giovedì 4 marzo allo sciopero del settore pubblico per protestare contro il programma di austerità proposto dal governo del Partito socialista. Bollato come primo tra i “PIIGS”, il Portogallo deve anch’esso adottare una cura da cavallo per riportare il deficit dall’attuale 9,3% al 3% entro il 2013, e ridurre il debito pubblico oramai vicino al 100%. Per questo premono la speculazione finanziaria, questo chiedono la BCE e l’Unione europea.

Continua »

Print Friendly and PDF

Appello urgente per la solidarietà con gli operai della Merloni

Stabilimento Merloni di Nocera Umbra 
4 marzo: Cronaca di una bella assemblea operaia

Un’assemblea in cui il COMITATO DEI LAVORATORI ha dato una lezione di democrazia ai sindacalisti, dando la parola a tutti, lasciando che si esprimessero le opinioni, le proposte, la rabbia e il dissenso. In altri tempi si sarebbe detto: “una manifestazione dell’autonomia operaia”, di cui il COMITATO è perno e voce.
Abbiamo seguito le  lotte in corso in tutt’Italia, le loro difficoltà e i loro limiti, e ci sentiamo di affermare che la battaglia del COMITATO della Merloni di Nocera Umbra è senz’altro tra le più avanzate, non fosse altro perché è il solo caso che conosciamo di autorganizzazione dal basso degli operai medesimi.
Per questo occorre sostenere questi operai, non lasciarli soli, non far spegnere la loro fiaccola di dignità. Fate circolare quest’articolo se potete. 
Inviate la vostra solidarietà al loro blog: http://colavmerloni.wordpress.com/
Guarda il video autoprodotto dal Comitato: http://www.youtube.com/watch?v=VGSSmGUkkH8 

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 4 marzo 2010

Referendum a Rejkyavik

Crisi globale: come ti ricatto 
il popolo dell’Islanda

Pagare il debito? No grazie!

di Moreno Pasquinelli


* nel grafico l'indice del benessere: quando l'islanda era prima al mondo

Si sa che l’Islanda è stata la prima vittima del collasso finanziario partito dagli Stati Uniti. Anzi, il primo caso di vero e proprio default di Stato. Dopo mesi di negoziati e complesse trattative i creditori dell’Islanda, anzitutto grandi banche inglesi e olandesi, hanno imposto all’isola un piano severissimo di rimborso che alla fine è stato sottoscritto dal governo di Rejkyavik. Contro questo piano è stato indetto un referendum che secondo tutti i sondaggi vedrà l’ampia prevalenza di No.

Continua »

Print Friendly and PDF

IL MONDO NEL 2025

Analisi dell'ultimo Rapporto della CIA

Come gli americani immaginano gli scenari futuri dopo il crollo finanziario del 2007-08

di Samir Amin


La lettura dell’ultimo rapporto della CIA su «Il mondo nel 2025» non fornisce molte informazioni che un osservatore ordinario dell’economia e della politica avrebbe ignorato. Essa ci permette però di conoscere meglio il modo di pensare della classe dirigente statunitense e di identificarne i limiti.

Le mie conclusioni dopo la lettura del documento sono riassunte nei punti seguenti:

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 3 marzo 2010

Ultimissime dalla Grecia

Scontri per le strade di Atene
 
Il governo aggrava il piano di sacrifici antipopolare

Mercoledì, 3 marzo. Proprio mentre i pensionati protestavano davanti alla residenza del premier contro i pesanti tagli ai loro danni, il governo Papandreu approvava un pacchetto di «misure aggiuntive» obbedendo al diktat di un "piano extra" lanciato dai  plutocrati europei.  La risposta non si è fatta attendere, migliaia di dimostranti si stanno scontrando  con la polizia per le strade del centro della capitale.

Continua »

Print Friendly and PDF

USA: UN ALTRO 11 SETTEMBRE

«Prendetevi un chilo della mia carne e dormite tranquilli»
il  memoriale d'addio di A.J. Stack

Il 17 febbraio scorso un cittadino americano, A.J. Stack, si è schiantato con il suo Piper contro il Palazzo dell'agenzia federale delle imposte (IRS) di Austin, in Texas. Stack ha lasciato un memoriale d'addio che vale la pena leggere attentamente. Non c'è solo, come certa stampa Liberal USA ha affermato, il populismo anti-governativo stile "Tea's Party" (cavalcato ora dalla Palin). E' un j'accuse lucido contro l'infernale capitalismo a stelle e striscie e la sua mistificante ideologia, che si conclude spiegando perché in certi casi ("il furto ai danni della classe media" ad opera dei grandi pescecani del Capitale, sostenuti dal governo)  la violenza è legittima

«Quando leggerete questa mia lettera vi chiederete se tutto questo doveva succedere... 
La verità è che tutto è complicato e con il passare del tempo tutto ciò si costruisce.

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 2 marzo 2010

E LA PAZZIA CONTINUA

Spieghiamo cosa sono i CDS

(Credit Default Swap)

di Uriel

(nella foto il debito nel mondo)

 
Mi hanno scritto in diversi, (Paolo, Yoss, e altri) per via dell'inchiesta aperta dalla SEC americana , ove si accusano Soros e gli altri criminali suoi pari di stare speculando sull'euro, al fine di fare il colpaccio dei credit swap. Facciamo un passo indietro e vediamo cosa vogliono fare. Anche perche' lo hanno gia' fatto, e anche perche' lo faranno , se tanto mi da' tanto, con l' Italia. Innanzitutto, il CDS e' un meccanismo simile ad una scommessa. Come tutte le assicurazioni, in fondo: l'assicurazione che vi assicura l'auto non fa altro che "scommettere" che voi facciate di tutto per evitare gli incidenti. IL CDS in fondo fa la stessa cosa, ovvero scommette su una eventuale catastrofe economica. Il problema e' che , a differenza dell'assicurazione sull'auto, non scommette CONTRO, ma scommette A FAVORE. Facciamo un esempio.

Continua »

Print Friendly and PDF

terremoto in Cile: dichiarazione del M.I.R.

Espropriare gli sfruttatori 
è un diritto del popolo!
 
Che i rivoluzionari siano in prima fila nel recupero e nella distribuzione di cibo, acqua potabile e abbigliamento!

Dichiarazione del MIR - Lunedi, 1 marzo 2010


Ai lavoratori e al popolo del Cile
Ai nostri sostenitori e collaboratori, ai militanti del MIR

Come già noto in tutto il mondo, la mattina di Sabato 27 febbraio, un terremoto, la cui grandezza è stata misurata in 8,8 gradi della scala Richter,  ha squassato il nostro paese distruggendo totalmente le comunità vicine. Il sisma è stato uno dei più devastanti del mondo, già si contaano oltre 700 morti e non c’è una stima realistica dei dispersi, soprattutto nelle regioni costiere del Maule e Biobío, a causa dello tsunami che ha seguito il forte terremoto.

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 1 marzo 2010

Nucleare

5 menzogne da smontare

Menzogna n° 1: il nucleare è pulito e sicuro
Menzogna n° 2: il nucleare risolverà i problemi energetici del pianeta
Menzogna n° 3: il nucleare abbassa il costo dell’energia
Menzogna n° 4: l’Italia è obbligata ad importare energia elettrica di fonte nucleare
Menzogna n° 5: solo il nucleare, non le energie rinnovabili,  può sostituire i combustibili fossili

di Leonardo Mazzei  

Due notiziole hanno riproposto negli ultimi giorni la questione del nucleare. La prima viene dagli Stati Uniti, dove il Senato del Vermont ha votato, per ragioni di sicurezza, la chiusura del suo reattore atomico nel marzo del 2012. La seconda viene dall’Italia, dove il ministro dell’istruzione Gelmini ha annunciato un programma per spiegare agli studenti la bontà dell’energia atomica.
Da una parte la realtà del nucleare che, nonostante i giganteschi sforzi della lobby che lo sostiene, proprio non ce la fa a rendersi credibile specie per quanto riguarda la sicurezza; dall’altra una propaganda odiosa quanto priva di veri argomenti. Ma siccome la propaganda c’è e non bada a spese, può essere utile concentrarsi sulle principali menzogne utilizzate dai sostenitori del nucleare.

Continua »

Print Friendly and PDF

Lettori fissi

Temi

crisi (568) euro (558) Unione europea (489) economia (406) sinistra (335) finanza (239) sfascio politico (231) Movimento Popolare di Liberazione (215) resistenza (211) grecia (191) risveglio sociale (183) internazionale (182) seconda repubblica (166) alternativa (159) elezioni (159) teoria politica (150) banche (147) M5S (130) imperialismo (120) Syriza (118) Tsipras (118) sovranità nazionale (108) debito pubblico (93) Matteo Renzi (91) destra (91) Leonardo Mazzei (90) antimperialismo (89) berlusconismo (89) Grillo (88) sollevazione (87) marxismo (86) sovranità monetaria (86) PD (83) proletariato (83) democrazia (82) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (72) Moreno Pasquinelli (72) austerità (72) Mario Monti (70) sindacato (65) Emiliano Brancaccio (58) Libia (54) Rivoluzione Democratica (53) Stati Uniti D'America (53) Movimento dei forconi (49) costituzione (49) spagna (49) bce (47) fiat (47) Germania (46) islam (45) capitalismo (44) rifondazione (43) filosofia (41) socialismo (40) solidarietà (40) astensionismo (39) inchiesta (39) proteste operaie (38) Alberto Bagnai (36) Stefano Fassina (36) geopolitica (36) Alexis Tsipras (35) Medio oriente (34) neoliberismo (34) sinistra sovranista (34) Nichi Vendola (33) Siria (33) azione (33) capitalismo casinò (33) Troika (32) 9 dicembre (31) Francia (31) fiom (31) moneta (31) renzismo (31) sovranità popolare (31) unità anticapitalisa (31) egitto (30) default (29) fiscal compact (29) guerra (29) sionismo (29) Yanis Varoufakis (28) palestina (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Lega Nord (27) campo antimperialista (27) menzogne di stato (27) Podemos (26) liberismo (26) napolitano (25) Sicilia (24) Forum europeo (23) Israele (23) Lega (23) Mario Draghi (23) Russia (23) Ucraina (23) immigrati (23) neofascismo (23) sinistra anti-nazionale (23) Europa (22) globalizzazione (22) legge elettorale (22) Merkel (21) Sergio Cesaratto (21) referendum (20) silvio berlusconi (19) Fiorenzo Fraioli (18) Marcia della Dignità (18) Sel (18) governo Renzi (18) Assisi (17) Chianciano Terme (17) Mariano Ferro (17) Matteo Salvini (17) Pablo Iglesias (17) Tunisia (17) ecologia (17) etica (17) italicum (17) uscita di sinistra dall'euro (17) xenofobia (17) Diego Fusaro (16) Emmezeta (16) Enrico Letta (16) piemme (16) repressione (16) sovranismo (16) fronte popolare (15) 15 ottobre (14) Forum di Atene (14) Vincenzo Baldassarri (14) Nato (13) Quantitative easing (13) acciaierie Terni (13) cina (13) iran (13) nazionalismi (13) populismo (13) scuola (13) Beppe Grillo (12) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (12) Cremaschi (12) Eurogruppo (12) Forum europeo 2015 (12) Karl Marx (12) cinque stelle (12) keynes (12) religione (12) vendola (12) 14 dicembre (11) AST (11) Costanzo Preve (11) Donbass (11) Jobs act (11) Lavoro (11) MMT (11) Marine Le Pen (11) Negri (11) Nello de Bellis (11) Stato di diritto (11) obama (11) ora-costituente (11) pace (11) storia (11) Aldo Giannuli (10) Bagnai (10) Bersani (10) Gennaro Zezza (10) Izquierda Unida (10) Marino Badiale (10) Mimmo Porcaro (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Terni (10) Vladimiro Giacchè (10) ambiente (10) comunismo (10) decrescita (10) immigrazione (10) iniziative (10) Chavez (9) Ernesto Screpanti (9) Giorgio Cremaschi (9) Manolo Monereo (9) Pier Carlo Padoan (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) antifascismo (9) bancocrazia (9) complottismo (9) corruzione (9) islanda (9) nucleare (9) terzo memorandum (9) umbria (9) ANTARSYA-M.A.R.S. (8) Algeria (8) Art. 18 (8) Brancaccio (8) Front National (8) Goracci (8) ISIS (8) Ingroia (8) Legge di stabilità (8) Mirafiori (8) Perugia (8) Prc (8) Quirinale (8) analisi politica (8) cultura (8) disoccupazione (8) finanziaria (8) finanziarizzazione (8) golpe (8) grexit (8) iraq (8) marxisti dell'Illinois (8) presidenzialismo (8) razzismo (8) salari (8) salerno (8) scienza (8) tasse (8) unità anticapitalista (8) CLN (7) Draghi (7) Esm (7) Fmi (7) Forconi (7) Ilva (7) Landini (7) Luciano Barra Caracciolo (7) MMT. Barnard (7) Movimento pastori sardi (7) Norberto Fragiacomo (7) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (7) Ugo Boghetta (7) Venezuela (7) Yanis Varoufakys (7) anarchismo (7) incontri (7) media (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) uscita dall'euro (7) Argentina (6) Articolo 18 (6) Bottega partigiana (6) Bruno Amoroso (6) Enrico Grazzini (6) Gaza (6) Maurizio Landini (6) Me-Mmt (6) Monte dei Paschi (6) Paolo Ferrero (6) Putin (6) Regno Unito (6) Simone Boemio (6) Wilhelm Langthaler (6) beni comuni (6) chiesa (6) coordinamento no-euro europeo (6) eurocrack (6) europeismo (6) incontro internazionale (6) internet (6) islamofobia (6) keynesismo (6) lira (6) lotta di classe (6) magistratura (6) nazione (6) svalutazione (6) Alfredo D'Attorre (5) Anguita (5) Ars (5) CGIL (5) Contropiano (5) Daniela Di Marco (5) De Magistris (5) Def (5) Diritti Sociali (5) Eugenio Scalfari (5) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (5) Hollande (5) Il popolo de i Forconi (5) Jacques Sapir (5) M.AR.S. (5) No Monti Day (5) No debito (5) ORA! (5) Pcl (5) Pil italiano (5) Portogallo (5) Salvini (5) Wolfgang Schaeuble (5) camusso (5) deficit (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) fisco (5) immigrazione sostenibile (5) internazionalismo (5) jihadismo (5) nazismo (5) no tav (5) proteste (5) tremonti (5) ALBA (4) Abu Bakr al-Baghdadi (4) Alternative für Deutschland (4) Andrea Ricci (4) Aurelio Fabiani (4) Banca centrale europea (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Casaleggio (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) D'alema (4) Dicotomia (4) Enea Boria (4) Federalismo (4) Finlandia (4) Forza Italia (4) Frente civico (4) Giancarlo D'Andrea (4) HAMAS (4) ISIL (4) Imu (4) Kirchner (4) Luciano B. Caracciolo (4) Lucio Chiavegato (4) Lupo (4) Massimo Bontempelli (4) Noi con Salvini (4) Paolo Barnard (4) Paolo Savona (4) Papa Francesco (4) Piattaforma di sinistra (4) Reddito di cittadinanza (4) Roma (4) Sefano Rodotà (4) Stathis Kouvelakis (4) Stato (4) Stefano D'Andrea (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Ttip (4) Turchia (4) Tyssenkrupp (4) Unità Popolare (4) Val di Susa (4) Von Hayek (4) afghanistan (4) anarchici (4) appello (4) arancioni (4) bipolarismo (4) borsa (4) brasile (4) carceri (4) cattiva scuola (4) cipro (4) coalizione sociale (4) cristianismo (4) derivati (4) diritti civili (4) diritto (4) elezioni anticapte (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) governo (4) il manifesto (4) inflazione (4) irisbus (4) liberosambismo (4) patrimoniale (4) pomigliano (4) presidente della repubblica (4) sciopero (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Atene 26-28 giugno (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Beppe De Santis (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Danilo Calvani (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Fabrizio Tringali (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Foligno (3) GIAPPONE (3) Giulietto Chiesa (3) Incontro di Roma (3) Jean-Luc Mélenchon (3) Julio Anguita (3) Kke (3) Laikí Enótita (3) Laura Boldrini (3) Lenin (3) Lista Tsipras (3) Luigi Ferrajoli (3) Magdi Allam (3) Marco Mainardi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Michele Berti (3) Nino galloni (3) No e-45 autostrada (3) Oscar Lafontaine (3) Patrizia Badii (3) Piero Bernocchi (3) Pisapia (3) Poroshenko (3) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (3) Rete dei Comunisti (3) Rodoflo Monacelli (3) Sergio Mattarella (3) Six Pack (3) Tonguessy (3) Ungheria. jobbink (3) Yemen (3) alba dorata (3) banche popolari (3) bankitalia (3) casa pound (3) cuba (3) debitori (3) dollaro (3) elezioni anticipate (3) indignati (3) indipendenza (3) internazionale azione (3) istruzione (3) laicismo (3) legge truffa (3) necrologi (3) noE-45 autostrada (3) partito (3) porcellum (3) povertà (3) primarie (3) ratzinger (3) sardegna (3) seminario (3) sovrapproduzione (3) spesa pubblica (3) terremoto (3) trasporto pubblico (3) violenza (3) wikileaks (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Alberto Montero (2) Alessandro Di Battista (2) Alitalia (2) Altiero Spinelli (2) Angelo Salento (2) Antonello Cresti (2) Antonio Rinaldi (2) Baath (2) Bahrain (2) Bandiera rossa in movimento (2) Berretti Rossi (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) CUB (2) Carc (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Cile (2) Civati (2) Consiglio nazionale ORA! (2) Danilo Zolo (2) Der Spiegel (2) Dino Greco (2) Don Giancarlo Formenton (2) Erdogan (2) Ernest Vardanean (2) F.List (2) Fidesz (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Francesco Salistrari (2) Fratelli d'Italia (2) Frosinone (2) Frédéric Lordon (2) Genova (2) Gianni Ferrara (2) Giuseppe Mazzini (2) Gramsci (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) ISTAT (2) Jacques Nikonoff (2) Jens Weidmann (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) L'Altra Europa con Tsipras (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) Luca Ricolfi (2) Luciano Vasapollo (2) Maastricht (2) Manolis Glezos (2) Manolo Monero Pérez (2) Marcello Teti (2) Marchionne (2) Marco Passarella (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Marocco (2) Michele fabiani (2) Moldavia (2) Morgan Stanley (2) Mussari (2) Nadia Garbellini (2) Paul Krugman (2) PdCI (2) Pdl (2) Prodi (2) ROSSA (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Riccardo Achilli (2) Riccardo Bellofiore (2) Romano Prodi (2) Rosanna Spadini (2) Ruggero Arenella (2) Salistrari (2) Sapir (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Sergio Cofferati (2) Stiglitz (2) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Thissen (2) Titoli di stato (2) Tltro (2) Tor Sapienza (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) UIL (2) UKIP (2) USB (2) Ventotene (2) Viareggio (2) Wolfgang Munchau (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al-Sisi (2) calunnia (2) cinema (2) comitato di Perugia (2) confindustria (2) cristianesimo (2) destra non euro (2) diritto d'asilo politico (2) diritto di cittadinanza (2) donna (2) elezioni comunali 2015 (2) energia (2) expo (2) facebook (2) gennaro Migliore (2) giovani (2) governicchio (2) ideologia (2) il fatto quotidiano (2) indignatos (2) industria italiana (2) irlanda (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) manifestazione (2) marina silva (2) minijobs. Germania (2) negazionismo (2) no expo (2) no-Ttip (2) paolo vinti (2) parti de gauche (2) patto del Nazareno (2) pensioni (2) piano B (2) privatizzazioni (2) protezionismo (2) razionalismo (2) rifugiati politici (2) risorgimento (2) salvinismo (2) sanità. spending review (2) saviano (2) sindacalismo di base (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) stop or-me (2) takfir (2) tasso di cambio (2) terzo polo (2) tv (2) uniti e diversi (2) università (2) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A/simmetrie (1) Adenauer (1) Alan Greenspan (1) Alba Libica (1) Albert Einstein (1) Albert Reiterer (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alfiero Grandi (1) Alterfestival (1) Alì Manzano (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Anna Angelucci (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stocchi (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Arditi (1) Arditi del Popolo (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Artini (1) Ascheri (1) Associazione Riconquistare la Sovranità (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) Aventino (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Belgio (1) Bergoglio (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bilderberg (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (1) Carchedi (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Cia (1) Circo Massimo (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Comitato antifascista russo-ucraiono (1) Concita De Gregorio (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Corte costituzionale (1) Cosenza (1) Costas Lapavitsas (1) Crimea (1) Davide Bono (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dimitris Mitropoulos (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Moro (1) Domenico Quirico (1) Dominique Strauss-Khan (1) Duda (1) ECO (1) Eco della rete (1) Edoardo Biancalana (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Macron (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enzo Pennetta (1) Eros Francescangeli (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurispes (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Mini (1) Fabriano (1) Fausto Sorini (1) Favia (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Flat tax (1) Forum Ambrosetti (1) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giavazzi (1) Francesco Giuntoli (1) Franco Russo (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gentiloni (1) George Friedman (1) George Soros (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gim cassano (1) Giorgio Gattei (1) Giovanni Lo Porto (1) Giuli Sapelli (1) Giuliana Nerla (1) Giulio Girardi (1) Giulio Sapelli (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Palma (1) Giuseppe Pelazza (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Goldman Sachs (1) Goofynomics (1) Gran Bretagna (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Hartz IV (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Hegel (1) Hezbollah (1) Hitler (1) Huffington Post (1) IS (1) Ida Magli (1) Il tramonto dell'euro (1) Indesit (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) Iugoslavia (1) J.Habermas (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Javier Couso Permuy (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Joseph Stiglitz (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas Lapavitsas (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lasciateci fare (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Leonardo Coen (1) Leonardo Mazzzei (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) Lidia Undiemi (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Canfora (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi Di Maio (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) MPL (1) Maida (1) Mali (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Mori (1) Marco Revelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Grazia Da Costa (1) Mario Volpi (1) Martin Wolf (1) Massimo PIvetti (1) Matt O'Brien (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio del Grippo (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Pasquinelli (1) Meloni (1) Mentana (1) Merk (1) Merloni (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michele Ruggero (1) Mihaly Kholtay (1) Militant-blog (1) Milton Friedmann (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Montegiorgio in Movimento (1) Morya Longo (1) Moshe Ya’alon (1) Mosul (1) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimiento 15-M (1) Musk (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Neda (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nigel Farage (1) Noam Chomsky (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) ONU (1) OXI (1) Olanda (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P-Carc (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) Pakistan (1) Palladium (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola De Pin (1) Paolo Becchi (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Paremvasi (1) Partito del Lavoro (1) Pasolini (1) Patto di stabilità (1) Pedro Montes (1) Perù (1) Piemonte (1) Pier Paolo Pasolini (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Pizzarotti (1) Pkk (1) Polonia (1) Porto Recanati (1) Presidenza della Repubblica (1) Preve (1) Profumo (1) Puglia (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaella Paita (1) Rajoy (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Realfonzo (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Rizzo (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Santilli (1) Romney (1) Rovereto (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Salento (1) Salmond (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samuele Mazzolini (1) Sandro Targetti (1) Sarkozy (1) Scottish National Party (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bellavita (1) Sergio Bologna (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shale gas (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Standard & Poor's (1) Stavros Mavroudeas (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Thomas Piketty (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tiziana Drago (1) Topos Rosso (1) Torino (1) Toscana (1) Transnistria (1) Trichet (1) Trilateral (1) Two Pack (1) UGL (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Ungheria (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Orban (1) Viktor Shapinov (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Visco (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Vladimiro Giacché (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wozniak (1) Ytzhac Yoram (1) Zagrebelsy (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) agricoltura (1) agricoltura biologica (1) al-Durri (1) al-Fatah (1) al-qaeda (1) alba mediterranea (1) alleanze (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) andrea zunino (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) austria (1) ballarò (1) ballottaggi (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco nero (1) blocco sociale (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) catalogna (1) censis (1) chokri belaid (1) classi sociali (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) composizione di classe (1) comunicazione (1) confini (1) cosmopolitismo (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) david harvey (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratiche e di sinistra (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) dimissioni (1) dissesto idrogeologico (1) divorzio banca d'Italia Tesoro (1) dracma (1) economia sociale di mercato (1) egolatria (1) enav (1) enel (1) ennahda (1) estremismo (1) euroi (1) evasione fiscale (1) export (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascismo (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) forza nuova (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) indignados (1) individualismo (1) indulto (1) insegnanti (1) intervista (1) intimperialismo (1) italia (1) kafir (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge del valore (1) leva (1) libano (1) liberalismo (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) libertà di pensiero (1) lula (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massimo fini (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) mattarellum (1) mediterraneo (1) megalamania (1) memoria (1) mercantislismo (1) mezzogiorno (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) nazional-liberismo (1) nobel (1) norvegia (1) nuovo movimento politico (1) nuovo soggetto politico (1) occidente (1) occupy wall street (1) olocausto (1) omosessualità (1) openpolis (1) operaismo (1) ordoliberismo (1) ore lavorate (1) palmira (1) parlamento europeo (1) partiti (1) patto grecia-israele (1) personalismo (1) petrolio (1) piigs (1) polizia (1) poste (1) precarietà (1) programma UIKP (1) queswjepjelezioni (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) riformismo (1) risparmio (1) risve (1) riunioni regionali (1) robot killer (1) rublo (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) seisàchtheia (1) senato (1) senso comune (1) serbia (1) shoa (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra anticapitalista (1) social forum (1) socialdemocrazia (1) sondaggi (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) suicidi (1) suicidi economici (1) svimez (1) tango bond (1) teoloogia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transizione al socialismo (1) trappola della liquidità (1) trasporto aereo (1) trattati europei (1) troll (1) uassiMario Monti (1) ueor (1) ulivi (1) ultimatum (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vincolo di mandato (1) wahbismo (1) web (1) xylella (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)

Google+ Followers