Forum Europeo - Assisi 20-24 agosto 2014

mercoledì 31 agosto 2011

«MANOVRE» DI TUTTI I COLORI

La politica italiana
E' vero, i reazionari sono stupidi


di Piemme




Verrebbe da ridere se non ci fosse da piangere. Dopo la "Manovra di luglio", approvata in fretta e furia dal governo con la fidejussione delle opposizioni (manovra che come avevamo previsto ai "mercati" gli ha fatto un baffo) è venuta quella di Bis di ferragosto, sacramentata dal Presidente Napolitano.
Da allora la "Manovra bis" è diventa già ter e quater, visti gli ...aggiustamenti. Scazzi interni alla maggioranza, interni ai Berluscones, interni alla Lega, interni alle opposizioni, interni al Pd, interni al Terzo polo, interni ai dipietristi. Un totale marasma.


Poi l'altro ieri c'è stato il Vertice di Arcore in cui i padrini che compongono la cosca chiamata governo, annunciano in pompa magna di ...aver trovato la quadra. Ma quando mai?! Non passano poche che ricominciano i distinguo, le critiche, le richieste di modifica, i ricatti. 


Non è solo una pantomima, il governo, le opposizioni, chi decide la politica economica, sono davvero tutti nel pallone. Danno i numeri, non sanno che pesci pigliare. Siamo in presenza di capi politici cialtroni, che sanno benissimo che le misure approntate, per quanto severissime per i ceti popolari, non invertiranno il corso degli eventi, che conduce il paese verso il baratro. Pagliacci che navigano a vista, che tirano a campare. Essi hanno solo una paura: la condanna dei mercati internazionali, del Moloch della  finanza speculativa, che arriverà inesorabile, dolorosa. Essi già l'hanno messo nel conto, anche se fingono spudoratamente tranquillità e si atteggiano a grandi condottieri. 


Non hanno invece paura della indignazione popolare. Convinti che il popolo sia un bue decerebrato, obnubilato da decenni di genocidio culturale, essi sono convinti che gli italiani —parlo anzitutto di quelli che fra un po' saranno gettati sul lastrico, ma anche di quelli che invece non hanno portato la testa all'ammasso (e ce ne sono credetemi, nei più disparati ambienti e ceti sociali)— subiranno e continueranno ad abbassare la testa.


Si sbagliano! Essi, oramai sideralmente distanti dalla realtà, prigionieri della loro commedia, non si avvedono della tempesta sociale che sta per travolgerli. In questa loro serafica sicurezza c'è tutta la loro smisurata stupidità di reazionari. Sono come alla guida di una vettura lanciata verso un muro, destinati a sfracellarsi.


Non fraintendetemi, non penso affatto che la rivolta e l'indignazione sociale sono alle porte o che quest'autunno ci sarà la fine del mondo. Parlo di una tendenza che la situazione ha oramai imboccato, che lo scontro sociale è inevitabile. Ma è una questione di anni, non di decenni.


Non solo la Manovra Bis-ter-quater subirà altre modifiche. Questioni di mesi e questi pagliacci saranno costretti, resista o meno questo governo, ad approntare misure ancor più draconiane. Come la Grecia? Peggio, perché se si vuole tenere questo cadavere dell'euro in piedi, dato il peso enorme dell'Italia nell'eurozona, queste misure dovranno essere più radicali di quelle adottate da Papandreu.


Se questa Manovra non sortirà l'effetto di scatenare l'0indignazione popolare, quelle successive di sicuro l'otterranno. Nessun dorma!


Un esempio luminoso, nel suo squallore, della ineluttabilità dello sconquasso sociale, e del perché esso travolgerà tutto il baraccone politico ce lo fornisce il Pd, che al suo interno ingloba frazioni imperialiste ancor più fondamentaliste che il centro-destra. Da quelle parti c'è un vero e proprio integralismo liberista, una pulsione di morte.


Sentite ieri cosa ha affermato un esponente di spicco del PD, l'ex-ministro dell'Istruzione Giuseppe Fioroni (che presiede il forum Welfare del Pd —fate gli scongiuri), non ad un convegno della Confindustria, alla loro festa ad Empoli:


«Dobbiamo assolutamente riflettere non solo sull'abolizione o meno delle Province, ma anche riguardo le Regioni. Se la Germania pensa davvero di accorpare i Land, noi dobbiamo chiederci: ci possiamo permette il lusso di avere ancora Molise, Basilicata, Umbria, Valle D'Aosta e le province autonome di Trento e Bolzano?» 


E rispetto allo sciopero indetto dalla Cgil per il 6 settembre ha affermato: 


«Non sopportavo i sindacati come cinghia della politica della prima repubblica, figuriamoci adesso. Il Pd deve costruire l'alternativa di governo, non Sel nè l'Idv e quanto meno il Terzo Polo. Chi si assume di fare il perno della ricostruzione non si può permettere il lusso di cavalcare la protesta. Se non spieghiamo come vogliamo sistemare le cose, i cittadini protesteranno a loro volta contro di noi». 


Neanche la Marcegaglia parla tanto chiaramente. Non riesco a non pensare a certa sinistra "radicale" che insiste nel sostenere giusta un'alleanza con gente di questo calibro. Si accomodino pure che la tempesta travolgerà anche loro



Diamoci da fare
22-23 ottobre
assemblea nazionale


Print Friendly and PDF

0 commenti:

Google+ Followers

Lettori fissi

Temi

crisi (491) economia (355) euro (352) Unione europea (304) sinistra (260) finanza (217) sfascio politico (213) resistenza (191) risveglio sociale (181) internazionale (159) seconda repubblica (157) alternativa (151) teoria politica (143) elezioni (136) banche (129) Movimento Popolare di Liberazione (118) M5S (105) imperialismo (92) berlusconismo (89) Grillo (84) destra (81) antimperialismo (79) sollevazione (78) debito pubblico (74) marxismo (73) proletariato (72) Mario Monti (67) sovranità nazionale (65) democrazia (64) sindacato (54) PD (53) Libia (51) Rivoluzione Democratica (51) grecia (50) Movimento dei forconi (49) fiat (47) sovranità monetaria (42) Leonardo Mazzei (41) Stati Uniti D'America (41) Emiliano Brancaccio (38) proteste operaie (38) solidarietà (38) astensionismo (37) rifondazione (37) austerità (35) inchiesta (35) capitalismo (34) socialismo (34) Moreno Pasquinelli (33) azione (33) Nichi Vendola (31) unità anticapitalisa (31) 9 dicembre (30) costituzione (29) Germania (28) Matteo Renzi (28) Siria (28) egitto (28) Assemblea di Chianciano terme (27) islam (27) Medio oriente (26) menzogne di stato (26) geopolitica (25) sionismo (25) Sicilia (24) filosofia (24) fiom (24) palestina (24) napolitano (23) spagna (22) Alberto Bagnai (20) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (20) moneta (20) Europa (19) Francia (19) campo antimperialista (19) fiscal compact (19) guerra (19) Israele (18) Tsipras (18) Mariano Ferro (17) Tunisia (17) bce (17) capitalismo casinò (17) ecologia (17) etica (17) liberismo (17) Chianciano Terme (16) legge elettorale (16) Enrico Letta (15) default (15) immigrati (15) silvio berlusconi (15) 15 ottobre (14) Sel (14) repressione (14) Syriza (13) Cremaschi (12) Lega (12) fronte popolare (12) globalizzazione (12) neofascismo (12) religione (12) 14 dicembre (11) cina (11) nazionalismi (11) populismo (11) Bagnai (10) Marcia della Dignità (10) Negri (10) OLTRE L'EURO (10) ambiente (10) iniziative (10) sovranità popolare (10) storia (10) vendola (10) Aldo Giannuli (9) Chavez (9) MMT (9) decrescita (9) iran (9) pace (9) Algeria (8) Bersani (8) Brancaccio (8) Fiorenzo Fraioli (8) Ingroia (8) Marine Le Pen (8) Mirafiori (8) Vincenzo Baldassarri (8) cultura (8) keynes (8) nucleare (8) obama (8) unità anticapitalista (8) Esm (7) Forconi (7) Goracci (7) Ilva (7) MMT. Barnard (7) Marino Badiale (7) Movimento pastori sardi (7) Perugia (7) Ugo Boghetta (7) Venezuela (7) cinque stelle (7) complottismo (7) incontri (7) islanda (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) Bottega partigiana (6) Draghi (6) Ernesto Screpanti (6) Forum europeo (6) Front National (6) Mimmo Porcaro (6) Monte dei Paschi (6) Russia (6) analisi politica (6) anarchismo (6) chiesa (6) comunismo (6) golpe (6) referendum (6) scienza (6) umbria (6) Anguita (5) Argentina (5) Art. 18 (5) Bruno Amoroso (5) Daniela Di Marco (5) De Magistris (5) Diego Fusaro (5) Gennaro Zezza (5) Il popolo de i Forconi (5) Lavoro (5) Nello de Bellis (5) No Monti Day (5) No debito (5) Pcl (5) Pier Carlo Padoan (5) Quirinale (5) Regno Unito (5) Sergio Cesaratto (5) Ucraina (5) camusso (5) di Pietro (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) europeismo (5) lira (5) magistratura (5) proteste (5) salari (5) salerno (5) sinistra sovranista (5) tremonti (5) ALBA (4) Alternative für Deutschland (4) Andrea Ricci (4) Articolo 18 (4) Assisi (4) CSNR (4) Federalismo (4) Fmi (4) HAMAS (4) Landini (4) Lucio Chiavegato (4) Merkel (4) Portogallo (4) Prc (4) Sefano Rodotà (4) Val di Susa (4) Wilhelm Langthaler (4) afghanistan (4) antifascismo (4) appello (4) arancioni (4) beni comuni (4) brasile (4) carceri (4) cipro (4) cristianismo (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) governo (4) governo Renzi (4) irisbus (4) media (4) nazione (4) neoliberismo (4) no tav (4) pomigliano (4) presidente della repubblica (4) presidenzialismo (4) scuola (4) sovranismo (4) svalutazione (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) CGIL (3) Casaleggio (3) Cesaratto (3) Claudio Borghi (3) Claudio Martini (3) Comitato No Debito (3) Costanzo Preve (3) Danilo Calvani (3) Def (3) Dicotomia (3) Felice Floris (3) GIAPPONE (3) Giorgio Cremaschi (3) Jacques Sapir (3) Kirchner (3) Kke (3) Laura Boldrini (3) Lega Nord (3) Lupo (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Nato (3) Patrizia Badii (3) Piero Bernocchi (3) Pisapia (3) Rete dei Comunisti (3) Stato di diritto (3) Stefano D'Andrea (3) Ttip (3) Ungheria. jobbink (3) anarchici (3) bankitalia (3) bipolarismo (3) cuba (3) deficit (3) fratelli musulmani (3) il manifesto (3) inflazione (3) internazionale azione (3) internet (3) iraq (3) italicum (3) laicismo (3) legge truffa (3) liberosambismo (3) partito (3) patrimoniale (3) ratzinger (3) sardegna (3) terremoto (3) trasporto pubblico (3) violenza (3) wikileaks (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) Agenda Monti (2) Alitalia (2) Antonello Cresti (2) Ars (2) Bahrain (2) Banca centrale europea (2) Barbara Spinelli (2) Beppe De Santis (2) Berretti Rossi (2) Brushwood (2) CISL (2) CUB (2) Cile (2) Contropiano (2) D'alema (2) Emmezeta (2) Eugenio Scalfari (2) Fidesz (2) Forza Italia (2) Francesco Piobbichi (2) Francesco Salistrari (2) Frente civico (2) Frosinone (2) Frédéric Lordon (2) Gaza (2) Giulietto Chiesa (2) Grottaminarda (2) Imu (2) Karl Marx (2) Loretta Napoleoni (2) Marco Mainardi (2) Marco Passarella (2) Marocco (2) Michele fabiani (2) Mussari (2) Oscar Lafontaine (2) Paolo Savona (2) Papa Francesco (2) PdCI (2) Pdl (2) Prodi (2) ROSSA (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Stato (2) Stiglitz (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Turchia (2) UIL (2) UKIP (2) USB (2) Yemen (2) borsa (2) calunnia (2) casa pound (2) cinema (2) comitato di Perugia (2) debitori (2) derivati (2) diritto di cittadinanza (2) disoccupazione (2) dollaro (2) donna (2) energia (2) finanziarizzazione (2) giovani (2) governicchio (2) indignati (2) industria italiana (2) irlanda (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) jihadismo (2) keynesismo (2) marina silva (2) marxisti dell'Illinois (2) necrologi (2) paolo vinti (2) pensioni (2) porcellum (2) razionalismo (2) risorgimento (2) sanità. spending review (2) saviano (2) sciopero (2) sindacalismo di base (2) sinistra anti-nazionale (2) sme (2) spesa pubblica (2) tasse (2) terzo polo (2) tv (2) uniti e diversi (2) università (2) uscita dall'euro (2) uscita di sinistra dall'euro (2) xenofobia (2) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A/simmetrie (1) Abu Bakr al-Baghdadi (1) Alavanos (1) Alberto Montero (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Amoroso (1) Andrew Brazhevsky (1) Angelo Panebianco (1) Angelo Salento (1) Angelo di Carlo (1) Antonio Guarino (1) Ars Longa (1) Ascheri (1) Augusto Graziani (1) BRI (1) Baath (1) Banca mondiale (1) Basilicata (1) Belgio (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bilderberg (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Boikp Borisov (1) Bolkestein (1) Borotba (1) Bretagna (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CLN (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carc (1) Carchedi (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Davide Bono (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Der Spiegel (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Donbass (1) ECO (1) Eco della rete (1) Elctrolux (1) Elinor Ostrom (1) Emmeffe (1) Enrico Grazzini (1) Erdogan (1) Eugenio Scalgari (1) F.List (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabriano (1) Fabrizio Tringali (1) Favia (1) Ferrero (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Finlandia (1) Fiorito (1) Foligno (1) Francesca Donato (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Fratelli d'Italia (1) Freente Civico (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Genova (1) George Soros (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gianni Ferrara (1) Giorgio Gattei (1) Giuli Sapelli (1) Giulio Girardi (1) Giuseppe Pelazza (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Goldman Sachs (1) Gramsci (1) Guido Lutrario (1) Guido Viale (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hezbollah (1) Hollande (1) ISIL (1) Ida Magli (1) Il tramonto dell'euro (1) Indesit (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) James Holmes (1) Javier Couso Permuy (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Luc Mélenchon (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jens Weidmann (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) João Ferreira (1) Jugoslavia (1) Juncker (1) Kruhman (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Legge Severino (1) Lenin (1) Lidia Undiemi (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) Luciano B. Caracciolo (1) Luciano Canfora (1) Luciano Vasapollo (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Maastricht (1) Mali (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Marcello Barison (1) Marchionne (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Margarita Olivera (1) Maria Rita Lorenzetti (1) Mario Draghi (1) Martin Wolf (1) Massimo Bontempelli (1) Maurizio Alfieri (1) Mentana (1) Merloni (1) Michael Jacobs (1) Michele Berti (1) Milton Friedmann (1) Mincuo (1) Moldavia (1) Monicelli (1) Morgan Stanley (1) Morya Longo (1) Nadia Garbellini (1) Naji Al-Alì (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) Nigel Farage (1) No e-45 autostrada (1) Noam Chomsky (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Pakistan (1) Paolo Becchi (1) Paolo Giussani (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Partito del Lavoro (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Piemonte (1) Piero Ricca (1) Piero valerio (1) Pil argentino (1) Pizzarotti (1) Poroshenko (1) Porto Recanati (1) Preve (1) Profumo (1) Puglia (1) Putin (1) Quantitative easing (1) Quisling (1) Raffaele Ascheri (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Riccardo Bellofiore (1) Riccardo Terzi (1) Rizzo (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Musacchio (1) Rodoflo Monacelli (1) Romney (1) SInistra popolare (1) Said Gafurov (1) Salvatore D'Albergo (1) Salvini (1) Sapir (1) Sebastiano Isaia (1) Sergio Bellavita (1) Sergio Bologna (1) Six Pack (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Standard & Poor's (1) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (1) Stefano Fassina (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Storace (1) Sudafrica (1) TPcCSA (1) Thatcher (1) Tonguessy (1) Torino (1) Transnistria (1) Trichet (1) Trilateral (1) Troika (1) Two Pack (1) UGL (1) Udc (1) Ungheria (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Vagelis Karmiros (1) Veltroni (1) Viale (1) Viktor Orban (1) Viktor Shapinov (1) Vincenzo Sparagna (1) Visco (1) Vittorio Bertola (1) Vladimiro Giacchè (1) W. Streeck (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Wen Jiabao (1) Zizek (1) Zolo (1) al-Durri (1) al-Fatah (1) alleanze (1) alt (1) amnistia (1) andrea zunino (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) ateismo (1) austria (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) censis (1) chokri belaid (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) corruzione (1) cristianesimo (1) david harvey (1) decescita (1) denaro (1) depressione (1) divorzio banca d'Italia Tesoro (1) elezioni anticapte (1) enav (1) enel (1) ennahda (1) estremismo (1) euroi (1) export (1) facebook (1) fallimenti (1) felicità (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fisco (1) foibe (1) forza nuova (1) gennaro Migliore (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il fatto quotidiano (1) import (1) indulto (1) internazionalismo (1) intervista (1) italia (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge del valore (1) leva (1) libano (1) liberalizzazioni (1) lotta di classe (1) lula (1) maghreb (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manovra (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massimo fini (1) materialismo storico (1) mattarellum (1) memoria (1) militarismo (1) minijobs. Germania (1) modello spagnolo (1) negazionismo (1) noE-45 autostrada (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) olocausto (1) operaismo (1) parti de gauche (1) partiti (1) patto del Nazareno (1) piemme (1) polizia (1) poste (1) povertà (1) precarietà (1) primarie (1) privatizzazioni (1) programma UIKP (1) queswjepjelezioni (1) quinta internazionale (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) riformismo (1) risve (1) scie chimiche (1) seisàchtheia (1) seminario (1) senato (1) serbia (1) sindalismo di base (1) sinistra critica (1) social forum (1) social media (1) socialdemocrazia (1) società (1) sovrapproduzione (1) studenti (1) tango bond (1) tasso di cambio (1) teoloogia (1) terzigno (1) trasporto aereo (1) troll (1) uassiMario Monti (1) ueor (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vincolo di mandato (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)