giovedì 30 settembre 2010

NICHI VENDOLA FA LO GNORRI

PUGLIA: CONTRO LO STUPRO
AMBIENTALE

Nasce il "FORUM ENERGIA E TERRITORIO BENI COMUNI - P U G L I A"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo*

Lo scorso 25 settembre si è tenuta a Bari nella chiesa di San Sabino un'assemblea regionale dei Comitati, Associazioni, Movimenti e Cittadini che ha avuto come tema centrale della discussione la questione energetica.

L'intento dell'incontro è stato quello di mettere in relazione tutte le varie esperienze che in questi anni sono sorte nei vari territori attorno alle tematiche energetiche che ha visto protagonisti associazioni, comitati e i movimenti.

Continua »

Print Friendly and PDF

Senza Grilli per la testa


Beppe Grillo, la "guerrilla advertising", il "viral marketing" e la neo-manipolazione mediatica (ovvero la CASALEGGIO ASSOCIATI)

un'analisi critica della cosiddetta "wikidemocrazia" 

di Emmeffe

Nella filippica moralizzatrice tenuta da Beppe Grillo intervistato nel corso della trasmissione Annozero, riportata su questa stessa pagina, il comico genovese decanta le virtù della politica che si fa senza danari.
Pare invece che la Woodstock di Grillo tenutasi a Cesena Sabato 25 e Domenica 26, alla quale i media hanno dato grande risalto, sia costata oltre mezzo milione di euro.
Soltanto un anticipo, pare abbia detto il grande moralizzatore. In realtà, quello che giustamente viene definito il "Signore del web", come si sa, o forse si dovrebbe sapere, e' anche uno scaltro imprenditore che mentre tuona contro la politica dei partiti pensa a come occupare poltrone in parlamento. Riportiamo qui di seguito un articolo di Alfredo Oliviero, pubblicato su Micropolis, il mensile che esce in Umbria con il quotidiano il manifesto, nel quale si spiegano scopi e metodi della Casaleggio Associati, che, del nuovo idolo della folla, ha pianificato la discesa in campo.

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 29 settembre 2010

Marchionne-Camusso

IL SODALIZIO PROSSIMO VENTURO
la CGIL partecipa all'assedio della FIOM

Abbiamo avuto modo di parlare della segretaria in pectore della CGIL, Susanna Camusso, una funzionaria fabbricata nelle linee di montaggio della burocrazia CGIL e fervida assertrice del sindacato concertativo,  a suo tempo cacciata dalla FIOM e ripescata proprio da Epifani. Che ella diventerà, per decisione della inamovibile nomenklatura sindacale, la nuova segretaria confederale, la dice lunga su quale sarà la linea del maggiore sindacato.
Una linea, appunto, di concertazione, ovvero di piena collaborazione coi padroni, di zelante rispetto della compatibilità capitalistiche, proprio mentre la crisi sistemica determina per i salariato condizioni neoschiaviste. Qual'è dunque la funzione che il capitalismo in crisi assegna ai sindacati? Addomesticare la forza lavoro, sterilizzare il timido risveglio operaio, spegnere i fuochi della rivolta. Questo è il segnale arrivato dalle parole di Epifani al convegno genovese della Confindustria dello scorso fine settimana, pronto, Epifani, a siglare un nuovo patto sociale, intruppando quindi la CGIL nel fronte che assedia la FIOM alo scopo di ottenerne la resa.

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 28 settembre 2010

Elezioni in Venezuela

POTEVA ANDARE PEGGIO
 
può vincere il socialismo a dosi omeopatiche?


di Moreno Pasquinelli

Mentre celebra il dodicesimo anniversario dell’avvento al potere, Chavez festeggia il suo ennesimo, seppure zoppo, successo elettorale. Le elezioni parlamentari svoltesi domenica scorsa (la percentuale dei votanti è stata del 66,45%, la più alta mai registrata) hanno assegnato al PSUV 95 dei 165 seggi, ovvero la maggioranza relativa, mentre le opposizioni del MUD (Mesa de Unidad Democratica, un’accozzaglia che va dalla sinistra all’estrema destra) ne hanno conquistati 64 (ben più di quanto sperava). Non fosse stato per il sistema elettorale (che assegna il 60% degli scranni  con meccanismo uninominale e il restante 40% col proporzionale) il MUD avrebbe vinto, avendo conquistato, in termini assoluti, il 52% dei voti. Per questo le opposizioni hanno festeggiato con gran baccano la loro “vittoria”.

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 27 settembre 2010

Di un inchiesta della CGIL di Brescia

ESISTE ANCORA UNA «COSCIENZA DI CLASSE»?
di Vittorio Rieser*

Vittorio Rieser è uno dei pochi sociologi seri che insistano ad indagare sulla composita e controversa "realtà operaia", cosa essa sia diventata dopo tre decenni di profondi mutamenti sociali e politici. Di particolare interesse l'ultima parte del saggio, l'inchiesta, commissionata dalla CGIL di Brescia, su cosa pensano (della politica, del sindacato, della loro qualità della vita, del sistema capitaistico, dell'eventuale alternativa)  gli operai in quello che è  forse il distretto industriale più significativo della penisola.

Continua »

Print Friendly and PDF

domenica 26 settembre 2010

La CGIL non perde né il pelo né il vizio

COSA SI CELA OLTRE 
“LA PORTA DEL DIALOGO”
Se questi tre rappresentano gli interessi dei lavoratori...

«Riforme oggi contro l'odio di domani», così titola il suo editoriale Gianni Riotta su Il Sole 24 ore di ieri, a significare il timore che serpeggia tra le fila di certa borghesia che la crisi, avvitandosi su se stessa, produca sconquassi e tensioni sociali. Un appello accorato agli oligarchi della politica affinché cessino di bisticciare sul “niente” e facciano causa comune —dato che nuovi populismi eversivi bussano alle porte e, chissà, pure una rinascita di forme inedite di lotta di classe, troppo presto data per defunta.
Si capisce lo sconforto del Riotta, anzi, il cupo pessimismo sulla “classe politica”, per cui l’accento cade subito sui sindacati, chiamati a stringere un “Patto”, tra loro e con il Capitale, per salvare il paese, non solo dalla competizione globale, ma dal rischio delle temute turbolenze sociali prossime venture. Un evidente appello al pompieraggio sociale, rivolto anzitutto alla CGIL.

Continua »

Print Friendly and PDF

IL PROFETA DEL NULLA. Beppe Grillo ad Anno Zero



Può darsi che il movimento "Cinque Stelle" sia destinato a crescere, a strappare nuovi consensi. Molte delle cose che esso propone sono giuste e ragionevoli. Anche troppo "ragionevoli". Tuttavia pensiamo che anche il cosiddetto "grillismo" sia una meteora, destinata a scomparire dalla scena con la stessa velocità con la quale è salita alla ribalta. Manca infatti, nel discorso politico del "Cinque Stelle" ogni ragionamento sulla "QUESTIONE SOCIALE". Mentre un intero sistema economico e politico è sull'orlo della bancarotta, mentre milioni di persone sono gettate sul lastrico e vengono private dello stesso diritto ad una vita dignitosa, i "grillini" di che si occupano? Di piste ciclabili....
Grillo afferma che il "Cinque Stelle" non è né di destra né di sinistra, che vola alto, che sta al di sopra. Una frase che avevamo già ascoltato da un pagliaccio come Sgarbi, e che evoca  «L'Uomo Qualunque» di Giannini dei tempi che furono.
Il mix di massimalismo ambientalista e di minimalismo sociale ha il fiato corto. La crisi, diceva Marx, farà entrare la necessità di una rivoluzione anche nelle teste di legno. Questo per sottolineare la nostra convinzione che entriamo in un periodo di grandi e violente turbolenze sociali, il quale obbligherà i cittadini a giudicare e a scegliere opzioni di respiro strategico. Non ci sono infinite risposte alla crisi, ma due soltanto: quella di un capitalismo che si blinderà in modo autoritario e avrà bisogno di affamare la maggioranza del popolo per far funzionare la sua macchina nella cosiddetta competizione globale, o quella della fuoriuscita dal capitalismo, la fondazione di un nuovo socialismo, sulla cui base soltanto la democrazia potrà evitare di soccombere.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 25 settembre 2010

Demistificando l'idea del «comunismo del capitale»

Lavorare senza saperlo: il capolavoro del capitale

di Carlo Formenti

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo contributo critico delle tesi del "capitalismo cognitivo" o "informazionale" elaborate negli anni dall'area che fa riferimento a Toni Negri, Andrea Fumagalli, Carlo Vercellone, ecc. La crisi mostra che il capitalismo reale, lungi dall'aiutare le "moltitudini" a liberarsi dalle catene del Capitale, le incatena a forme nuove di subordinazione totale.

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 24 settembre 2010

ECCOLA QUI LA VERITA'

Assolti Moreno Pasquinelli, 
Maria Grazia Ardizzone e Alessia Monteverdi 
Spazzato via il teorema accusatorio che portò agli arresti del 1 aprile 2004*

23 Settembre 2010. Un giorno che difficilmente dimenticheremo: «In base all’Art. 530, primo comma, si assolvono gli imputati perché il fatto non sussiste»
Vittoria piena, sul piano giuridico anzitutto, ma pure politico e morale.
Non scorderemo infatti,  e come potremmo, nemmeno il 1 aprile 2004, quando fummo arrestati con l’accusa di appartenere ad  una rete terroristica internazionale.

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 22 settembre 2010

Il Profumo dei soldi


Perché Berlino ha voluto la testa di “Alessandro il Grande”

di Moreno Pasquinelli



La cacciata di Alessandro Profumo, Amministratore delegato da Unicredit, è un evento che potrebbe causare uno sciame sismico che lascerà il segno, vedremo se indelebile, negli assetti finanziari, economici e politici dell’Italia.
Gli sciocchi soltanto possono credere alle motivazioni date dal Presidente Dieter Rample, e con lui di alcuni zelanti giornalisti e politici, per cui la defenestrazione sarebbe avvenuta per le maniere decisionistiche di Profumo. Non è forse con Profumo che Unicredit è diventato il secondo gruppo bancario d’Europa? Con filiali in ben 22 paesi e ben 9.200 sportelli?  Non è forse anche grazie al suo “decisionismo” che la capitalizzazione di mercato di Unicredit è schizzata da 1,5 Miliardi di euro a circa 37? E’ evidente che c’è dell’altro.

Continua »

Print Friendly and PDF

Nucleare: Tremonti raccoglie il "testimone" di Scajola?

CAZZATE NUCLEARI

 
di Leonardo Mazzei*

Sarà che Cortina d'Ampezzo è un luogo che si presta più alla contemplazione del paesaggio che ai discorsi seri, ma le affermazioni fatte sabato scorso nella perla delle Dolomiti dal ministro dell'Economia sono un ineguagliabile mix di luoghi comuni, spudoratezza, malafede e tanta ignoranza.
Quale di questi ingredienti sia più importante lo giudicheranno i lettori, ma intanto andiamo a vedere cosa ha detto Tremonti.

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 21 settembre 2010

Sakineh sì. Teresa Lewis no. Perché?

DEDICATO A CHI VEDE LA PAGLIUZZA NELL'OCCHIO ALTRUI MA NON LA TRAVE NE PROPRIO

Ai sicofanti che pilotano la comunicazion di massa, ai giornalisti, alla gente di sinistra che abbocca con tanta facilità alle campagne di menzogna chiediamo: PERCHÉ NON FATE NULLA PER TERESA LEWIS, disabile mentale, accusata anche lei di aver ucciso il proprio marito ma, al contrario della Sakineh, veramente condannata a morte?

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 20 settembre 2010

I DIVERSIVI DI MARCHIONNE

È LA LOTTA DI CLASSE LA CAUSA DELLA CRISI FIAT?

di Pierre Carniti*

Malgrado le critiche alla FIOM e quella che a noi appare come un'incomprensione della crisi di mondiale sovrapproduzione (che ha nel settore auto il suo sempio empirico più  lampante), l'articolo del Carniti è importante, poiché demolisce, letteralmente, le affermazioni della FIAT

Continua »

Print Friendly and PDF

domenica 19 settembre 2010

L'Appello di Cremaschi e altri

INSIEME ALLA FIOM, 
CONTRO E OLTRE  LA CRISI, 
PER UN'ALTERNATIVA DI SISTEMA

di Giorgo Cremaschi e altri

Su il manifesto di oggi è apparso l'Appello qui sotto. Esso  afferma: «Ricomporre non significa, dunque, fare la sommatoria. Vuol dire invece produrre nuovi paradigmi attorno ai quali creare un immaginario che descriva la nostra idea di società, contrapposta a quella delle classi dominanti. Solo la forza di questo processo di movimento e in movimento, può rende forti e possibili tutte le battaglie che abbiamo di fronte»
Annuncia quindi un incontro nazionale "per condividere il cammino futuro". Noi ci saremo.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 18 settembre 2010

EUROGENDFOR: Forza di Gendarmeria Europea

IN VISTA DELLE TEMPESTE SOCIALI

UNA SUPER POLIZIA MILITARE EUROPEA  (SOTTO TUTELA USA). PER MISSIONI ALL'ESTERO? NO! ANCHE PER SEDARE IL CONFLITTO SOCIALE INTERNO .

di Gianni Lannes*

Missioni e compiti di EUROGENDFOR? 
L’articolo 4 del Trattato illustra un ampio spettro di attività: «EGF potrà essere utilizzato al fine di: a) condurre missioni di sicurezza e ordine pubblico; b) monitorare, svolgere consulenza, guidare e supervisionare le forze di polizia locali nello svolgimento delle loro ordinarie mansioni, ivi comprese l’attività di indagine penale; c) assolvere a compiti di sorveglianza pubblica, gestione del traffico, controllo delle frontiere e attività generale d’intelligence; d) svolgere attività investigativa in campo penale, individuare i reati, rintracciare i colpevoli e tradurli davanti alle autorità giudiziarie competenti; e) proteggere le persone e i beni e mantenere l’ordine in caso di disordini pubblici; f) formare gli operatori di polizia secondo gli standard internazionali: g) formare gli istruttori, in particolare attraverso programmi di cooperazione».
14 maggio 2010: il Parlamento italiano approva all'unanimità.

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 17 settembre 2010

Dove vanno gli USA?

Lo strano mostro dei Tea Party e il  revanchismo della nuova "America profonda"

di PiEmme


Pubblichiamo qui sotto l'articolo di Carlo Bastasin apparso su Il Sole 24 Ore del 16 settembre. Bastasin ci offre una arguta rappresentazione del nascente movimento del Tea Party. Un movimento chiaramente reazionario che dopo aver vinto in questi giorni alcune primarie del Partito Repubblicano e dopo i grandi raduni di Washington di fine agosto e di Saint Luis del 12 settembre, ha strappato il centro della ribalta politica americana. Un fuoco di paglia? Solo un contraccolpo all'ascesa di Obama?
Bastasin lascia in sospeso la risposta. Noi tendiamo a pensare che il movimento dei Tea party sia un sintomo inquietante di dove gli USA possano andare nei prossimi anni. Ovvero un campanello d'allarme, non solo per la sinistra americana, ma per i popoli di tutto il mondo, come pure per la Cina, che rischia di diventare il capro espiatorio di un nuovo revanchismo guerrafondaio e imperialistico —che rischia di ingrossarsi grazie alla crisi come pure al fatto che esso non si alimenta di miti religiosi o escatoligismi (com'è stato recentemente). La Grande narrazione su cui si basa è assolutamente laica, apparentemente democratica, finanche libertaria e al contempo ultracapitalistica. Insomma: una secolarizzazione del più becero calvinismo.

Continua »

Print Friendly and PDF

Castro, il socialismo ... e Israele

Scandaloso Fidel… 
Castro corregge le affermazioni attribuitegli da sionista nordamericano  Jeffrey Goldberg

 di Antonio Moscato*

Fidel non è nuovo a queste forzature verbali: aveva annunciato ad esempio che gli Stati Uniti con Bush erano ormai un regime “nazifascista”. Vedremo se smentirà o ritoccherà anche questa nuova dichiarazione di ieri, che ha suscitato proteste formali da parte della Francia. Nella stessa occasione ha corretto parzialmente le comparazioni tra le calunnie nei confronti degli ebrei e quelle sui musulmani (“Gli ebrei non sono stati gli unici perseguitati e calunniati per le loro credenze” ha detto questa volta, ma non ha spiegato come mai gli è stata attribuita l’opinione opposta). E ha ribadito la fiducia in Goldberg, nonostante gli avvisi dei “suoi amici arabi” che lo considerano il maggior difensore del sionismo. Forse avrebbe fatto meglio a scegliere un intervistatore meno fazioso e a documentarsi prima un po’ autonomamente, senza scegliere Goldberg come grande “esperto”…

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 16 settembre 2010

La BCE: avanti col taglio ai salari e la precarizzazione

Un'analisi delle proposte draconiane esposte dalla BCE nel suo Bollettino Mensile di Luglio 

di Primo Maggio*

Il processo di costruzione dell'Unione Europea, che aveva ricevuto un forte impulso nel decennio seguito al crollo dell'URSS e dei paesi del “socialismo reale”, ha incontrato nell'ultimo decennio una serie crescente di difficoltà. Dalla bocciatura del Trattato Costituzionale Europeo nei paesi in cui il Trattato è stato sottoposto alla consultazione popolare fino all'incapacità di adottare scelte omogenee di politica economica di fronte alla crisi, la costruzione di quello che avrebbe dovuto essere un “polo” capace di competere con gli altri poli internazionali (e principalmente con gli USA) si trova obbiettivamente in una situazione “di stallo”.

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 15 settembre 2010

ESCLUSIVO: INTERVISTA A LEILA KHALED

LA SINISTRA PALESTINESE TRA HAMAS E AL-FATAH

di Mohammad Aburous*

Il 28 Luglio, la brigata di Sumud- Volontariato e Resistenza era impegnata a videofilmare la realtà del campo profughi palestinese di Ein El-Hilweh (Libano meridionale, quando nel tardo pomeriggio è giunta la notizia: “questa sera arriva Leila Khaled”. Una grande eccitazione e un senso di orgoglio hanno preso subito tutti quanti nell'apprendere dell'incontro con questa leggenda vivente, uno dei più noti simboli della lotta di liberazione palestinese. Leila è stata per la sinistra mondiale, l'icona della lotta di liberazione della Palestina dal momento in cui ha preso parte, nel 1969 e nel 1970, come membro dei commandos del Fronte popolare di Liberazione della Palestina (FPLP), ai primi due di quella che sarà una lunga serie di spettacolari dirottamenti aerei.

Continua »

Print Friendly and PDF

Il novello Epimeteo

Il Rosso (ex) che ora vede nero

RIGUARDO AD UNA RECENTE INTERVISTA DI BERTINOTTI

di Maurizio Fratta


Nel giugno scorso,in un’intervista rilasciata a il manifesto (19.6.2010), qualche giorno dopo l’Editto di Pomigliano, Pierre Carniti dice a chiare lettere cosa pensa della politica industriale che l'amministratore delegato della Fiat Sergio Marchionne  tenta di imporre nel nostro paese.
Senza infingimenti o mezzi termini sostiene, il vecchio capo dei meccanici della Cisl, che  sarebbe altamente rieducativo mandare alla catena di montaggio padroni e imprenditori, come Colaninno o Marcegaglia —aggiungiamo noi, che  forse una catena di montaggio non l'hanno mai vistanemmeno in un film di  Chaplin.

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 14 settembre 2010

Turchia: un colpo al predominio dell'oligarchia militare


ISLAM E DIRITTI DEMOCRATICI


di Nicola Sessa*
 
Passa il Sì per le riforme costituzionali. Alta affluenza alle urne, fallita la campagna per il boicottaggio promossa dal filo-curdo Bdp
I turchi hanno detto "Evet" e la vittoria del Sì con il 58 per cento dei consensi segna il trionfo dell'Akp (Giustizia e Sviluppo), il partito filo-islamico guidato da Recep Tayyip Erdogan.

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 13 settembre 2010

Lettera aperta a Nichi Vendola

DIMMI CHI SEI
E TI DIRÒ CON CHI ANDRAI

di Moreno Pasquinelli


Caro Nichi, 

mi dicono che è con questo nomignolo che ami essere chiamato, così dunque mi rivolgo a te. Non per captatio benevolentiae, come capirai leggendo queste righe. Ti tocca sorbire l'ennesima "Lettera aperta". Ma che vuoi, questo è il prezzo, spero il meno amaro, della celebrità!

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 11 settembre 2010

Il manifesto difende Bonanni

LA PROTESTA CONTRO IL SINDACALISMO GIALLASTRO... (e l'ennesima tavanata di un giornale comunista che fu)


Più che il solito Campetti che fa il pesce in barile (soltanto lui sa quanti soldi gli ha dato Marchionne per le pagine e pagine su il manifesto ai tempi del lancio della cinquecento) sono interessanti i commenti che testimoniano una sempre più diffusa insofferenza per l'ipocrisia dei pennivendoli sinistrati. (emmeffe)

A seguire il pezzo indegno di Loris Campetti sulla contestazione a Bonanni e più sotto i caustici e sintomatici commenti dei lettori de il manifesto

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 10 settembre 2010

Susanna Camusso: chi è costei?

DI NUOVO UN "SOCIALISTA"  ALLA GUIDA DELLA CGIL



di piemme


Sul portale della CGIL si trova una scarna biografia di Susanna Camusso, dalla quale chi non conosca a fondo la CGIL, non capisce un fico secco. Ci ha pensato Il Sole 24 Ore di ieri a dirci con chi i lavoratori avranno a che fare, ovvero e tesserne sperticate lodi. Al di là dell'enfasi con cui viene elogiata la sua "disponibilità al dialogo e al compromesso" (che nel linguaggio affettato del giornale confindustriale significa null'altro che la propensione a subordinare gli interessi degli operai a quelli dei loro padroni), ovviamente contrapposta alla spigolosa FIOM, veniamo a sapere la cosa più importante. La Camusso è stata socialista, e ha fatto una controversa carriera nella CGIL in quota alla confraternita legata al vecchio PSI (fino al suo inabissamento e all'autoesilio di Craxi ad Hammamet). Di sicuro un ottimo pedigree, un promettente viatico, non per i lavoratori, s'intende, ma per i padroni.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 9 settembre 2010

Pomigliano: se lo dice anche Carniti...

Più delle pietre

di emmeeffe

"Gente che non ha mai visto una fabbrica, o se l’ha vista, magari perché è di sua proprietà, non sa come lavora un operaio alla linea di  montaggio. Io li manderei un anno a Pomigliano, alla catena».

"Non è un accordo, né un contratto, semmai un protocollo imposto dall’azienda, prendere in toto o lasciare. Nessun sindacalista avrebbe dovuto firmarlo. Semmai avrei detto alla
Fiat di chiedere direttamente ai lavoratori.

Continua »

Print Friendly and PDF

Tremonti indica dove vogliono portarci

«IL CINISMO EUROPEO PREPARA LA GRANDE REGRESSIONE» 

di Franco Berardi "Bifo"

Sulla Repubblica di sabato 4 settembre, Giulio Tremonti dimostra come, nonostante la nebbia fitta del delirio politico italiano, ci sia qualcuno che sa dove bisogna andare. Bisogna andare nella direzione che indica l’Europa, dice serafico il Ministro. D’altronde i giochi sono fatti. Negli ultimi sei mesi, in seguito alla drammatizzazione della crisi greca, in Europa si è creata l’unanimità basata sul terrore finanziario.

Continua »

Print Friendly and PDF

«Bonanni venduto»!

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 7 settembre 2010

Grazie compagno Fini!

LE SINISTRE SCIPPATE DEL VESSILLO E DELL'ALIBI DELL'ANTIBERLUSCONISMO

di Moreno Pasquinelli

Il discorso di Fini a Mirabello segna forse un tornante decisivo nella crisi politico-isituzionale italiana. Editorialisti e commentatori di varia parrocchia, dopo aver passato al setaccio quanto Fini ha detto, si alambiccano nell'immaginare cosa accadrà alla tanto amata Legislatura, azzardano ipotesi sulle probabilità che si vada o meno ad elezioni anticipate. Quasi tutti convergono nel dire che il governo Berlusconi è oramai virtuale, e quindi sanciscono che il berlusconismo abbia imboccato il viale del tramonto. Perde apparentemente quota (anche tenendo conto dei desiderata di Napolitano e quello di tutti, ma proprio di tutti i capibastone confindustriali) l'eventualità di elezioni anticipate —che solo la Lega sbraita, a parole, di preferire—, a vantaggio di un’ammucchiata la quale, con la scusa di cambiare la legge elettorale per votare in "modo democratico", avrà invece presumbilmente come sua missione lo scopo esattamente opposto: evitare le elezioni (che tutte le frazioni della casta politica temono poiché sanno che l'astensionismo di massa crescerà) e salvare la Legislatura, appunto, per evitare la bancarotta del traballanate capitalismo italiano (così come chiedono ..i mercati).

Continua »

Print Friendly and PDF

domenica 5 settembre 2010

Rifondazione verso il suicidio?

La tattica disperata della Federazione della sinistra

di Leonardo Mazzei*

Primum vivere, questo e soltanto questo è il principio ispiratore delle attuali scelte della Federazione della sinistra (Fds). Un principio che ha come premessa la convinzione che non sia possibile esistere al di fuori delle istituzioni. Tutto viene perciò subordinato all'obiettivo del rientro in parlamento, dopo il naufragio dell'Arcobaleno dell'aprile 2008.  In questa sede non ci dilungheremo a polemizzare con questa impostazione opportunistica. Si commenta da sola e non è certo una novità.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 4 settembre 2010

L'intervista di Padoa Schioppa

 «LE TENSIONI GEOPOLITICHE E I CONFLITTI SOCIALI CRESCERANNO»

L'intervista rilasciata da Padoa Schioppa ad Il Sole 24 Ore di ieri*, ha conquistato la ribalta perl'encomio che il medesimo ha rivolto all'opera del suo successore Tremonti —che suona quasi come un ulteriore lasciapassare, da parte del capitalismo che conta, affinché proprio Tremonti assurga a successore di Berlusconi. In verità l'intervista è ben più significativa e contiene (a riprova di quanto andiamo dicendo riguardo all'acutizzazione delle contraddizioni sociali e internazionali) premonizioni scottanti sugli scenari economici, geopolitici nonché sociali che risulteranno dalla grande crisi sistemica. Consigliamo quindi i nostri lettori a leggerla attentamente, non senza aver sottolineato quelli che a noi paiono i passaggi più stringenti.

«La mia sensazione è che l'alto grado di accordo internazionale che c'è stato nella fase più acuta della crisi adesso non ci sia più. Ed è ben possibile che le tensioni siano destinate a crescere e a diventare tensioni commerciali, politiche, finanziarie. Sono prospettive non particolarmente incoraggianti». (Padoa Schioppa)

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 2 settembre 2010

Ammucchiata nell'uliveto

Note di fine agosto sulla crisi politica

 di Leonardo Mazzei*

Piantare un ulivo ad agosto è vivamente sconsigliato dagli esperti, ma la fantasia degli zombi che si apprestano a ripopolare le aule parlamentari non è granché. Dunque bisogna accontentarsi delle "innovazioni" bersaniane: nascerà il "Nuovo Ulivo".
A sentire i dirigenti del Pd l'entusiasmo nel Paese è alle stelle; nei bar, nelle piazze, nelle fabbriche non si parla d'altro. Qualcuno ricorda, tra il preoccupato e il malizioso, che i governi dell'Ulivo portarono le privatizzazioni, le stangate per l'euro, il pacchetto Treu e la guerra alla Jugoslavia.
Ma quello era il "vecchio" Ulivo, ora abbiamo quello "Nuovo", perché rivangare sempre il passato?

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 1 settembre 2010

Toni Negri, Casarini e noi

OVE NON FOSSE CAZZEGGIO TEORICO

di Moreno Pasquinelli

Pubblichiamo qui sotto il resoconto di un incontro tenutosi a Milano nel novembre 2007, presente Toni Negri. Ne prendiamo spunto per dire la nostra su alcuni degli assi portanti del ragionamento teorico di Negri, che il resoconto, tutto sommato, ricapitola in maniera abbastanza precisa. Prima di tornarci in maniera più rigorosa e puntuale, ci sembra utile e opportuna una prima analisi critica. La cosa ci pare addirittura necessaria vista la fatturazione che sta maturando nell’area politica antagonista della quale Negri è stato l’indiscusso capostipite. Che Casarini e ciò che resta dei “Disobbedienti” abbiano aderito alle cosiddette “fabbriche di Nichi” segnala una crisi grave, forse irreversibile, di quello che altri chiamano “negrismo”. A questo si deve aggiungere una seconda rottura, sul piano più squisitamente teorico, tra Negri e alcuni suoi teorici compagni di viaggio, proprio per quanto attiene alle categorie del cosiddetto “capitalismo cognitivo” e del “lavoro immateriale. Procediamo per sommi capi.

Continua »

Print Friendly and PDF

Temi

11 settembre (2) 11-12 gennaio 2014 (1) 12 aprile (2) 14 dicembre (11) 14 novembre (1) 15 ottobre (14) 19 ottobre (3) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 27 ottobre 2012 (2) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 dicembre (31) 9 novembre 2013 (1) A/simmetrie (1) Abu Bakr al-Baghdadi (3) acciaierie Terni (13) accordo del 20 febbraio (1) afghanistan (4) Agenda Monti (2) al-Durri (1) al-Fatah (1) al-Sisi (2) Alan Greenspan (1) Alavanos (2) ALBA (4) Alba Libica (1) alba mediterranea (1) Albert Einstein (1) Albert Reiterer (1) Alberto Alesina (1) Alberto Bagnai (32) Alberto Montero (2) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Giannuli (9) Alemanno (1) Alesina (1) Alessandro Di Battista (2) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alexis Tsipras (13) Algeria (8) Alitalia (2) alleanze (1) alluvione (1) alt (1) alternativa (155) Alternative für Deutschland (4) Altiero Spinelli (1) ambiente (10) amnistia (1) Amoroso (1) analisi politica (7) anarchici (4) anarchismo (7) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrea Ricci (4) andrea zunino (1) Andrew Brazhevsky (1) Angelo di Carlo (1) Angelo Panebianco (1) Angelo Salento (2) Anguita (5) Anna Lami (1) Anschluss (1) ANTARSYA-M.A.R.S. (5) antifascismo (7) antimperialismo (85) Antonella Stocchi (1) Antonello Cresti (2) Antonio Guarino (1) Antonio Rinaldi (2) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) apocalisse (1) appello (4) arancioni (4) aree valutarie ottimali (1) Argentina (6) arresti (1) Ars (3) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art. 18 (8) Articolo 18 (6) Artini (1) Ascheri (1) askatasuna (1) Assemblea di Chianciano terme (27) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) Assisi (17) AST (11) astensionismo (38) ateismo (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) austerità (49) austria (1) Aventino (1) azione (33) Baath (1) Bagnai (10) Bahrain (2) ballarò (1) Banca centrale europea (4) Banca mondiale (1) banche (140) banche popolari (2) bancocrazia (6) Bandiera rossa in movimento (2) bankitalia (3) Barbara Spinelli (2) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) battisti (1) bce (37) Belgio (1) benessere (1) beni comuni (4) Beppe De Santis (3) Beppe Grillo (7) Bergoglio (1) berlusconismo (89) Bernd Lucke (3) Berretti Rossi (2) Bersani (9) Bielorussia (1) Bifo (1) bilancia dei pagamenti (1) Bilancio Ue (1) Bilderberg (1) Bin Laden (3) Bini Snaghi (1) bipolarismo (4) Bisignani (1) Bismarck (1) blocco sociale (1) Boikp Borisov (1) Bolkestein (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) BORIS NEMTSOV (1) Borotba (2) borsa (3) Bottega partigiana (6) Brancaccio (8) brasile (4) Bretagna (1) BRI (1) Brigate sovraniste (4) BRIM (3) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Amoroso (6) Bruno Vespa (1) Brushwood (2) Bulgaria (1) Calabria (1) calunnia (2) Cambiare si può (1) Cammino per la libertà (1) campo antimperialista (22) camusso (5) Cancellieri (1) capitalismo (40) capitalismo casinò (26) Carc (1) carceri (4) Carchedi (1) carlo Sibilia (1) Carmine Pinto (1) carta dei principi (1) casa pound (3) Casaleggio (4) Casini (1) Cassazione (1) CCF (1) censis (1) Cernobbio (2) Certificati di Credito Fiscale (1) Cesaratto (3) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (1) Cgia Mestre (1) CGIL (4) Charlie Hebdo (4) Chavez (9) Checco (1) Chianciano Terme (16) chiesa (6) Chișinău (1) chokri belaid (1) Cia (1) Cile (2) cina (11) cinema (2) cinque stelle (8) cipro (4) Circo Massimo (1) CISL (2) Città della Pieve (4) classi sociali (1) Claudio Borghi (4) Claudio Maartini (1) Claudio Martini (3) Claus Offe (1) CLN (3) coalizione sociale (3) comitato di Perugia (2) Comitato No Debito (3) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) complottismo (9) composizione di classe (1) comunismo (8) Concita De Gregorio (1) confindustria (2) confini (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Contropiano (4) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (71) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (5) Coordinamento no E45 autostrada (2) coordinamento no-euro europeo (4) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) corruzione (7) Corte costituzionale (1) Cosenza (1) Costanzo Preve (10) Costas Lapavitsas (1) costituzione (36) Cremaschi (12) Crimea (1) crisi (532) cristianesimo (2) cristianismo (4) CSNR (4) CUB (2) cuba (3) cultura (8) D'alema (3) Daniela Di Marco (5) Danilo Calvani (3) david harvey (1) Davide Bono (1) Davide Serra (3) De Magistris (5) debito pubblico (79) debitori (3) Debt Redemption Fund (1) decescita (1) decrescita (9) Def (4) default (20) deficit (4) Del Rio (1) democrazia (75) denaro (1) Denis Mapelli (1) depressione (1) Der Spiegel (2) derivati (3) destra (89) destra non euro (2) di Pietro (5) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Dicotomia (4) Die Linke (1) Diego Fusaro (14) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Christoulias (1) Dino Greco (1) diritto di cittadinanza (2) disoccupazione (3) dissesto idrogeologico (1) divorzio banca d'Italia Tesoro (1) Dmitriy Kolesnik (1) dollaro (2) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Don Giancarlo Formenton (1) Donbass (6) donna (2) Draghi (7) ECO (1) Eco della rete (1) ecologia (17) economia (377) Edoardo Biancalana (1) egitto (30) Ego della Rete (1) egolatria (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) elezioni (145) elezioni anticapte (2) elezioni anticipate (2) elezioni siciliane (5) elezioni siciliane 2012 (4) elezioni. Lega (5) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emiliano Brancaccio (52) Emmanuel Macron (1) Emmeffe (1) Emmezeta (8) enav (1) Enea Boria (2) enel (1) energia (2) ennahda (1) Enrico Grazzini (6) Enrico Letta (16) Erdogan (1) Ernesto Screpanti (6) Esm (7) estremismo (1) etica (17) Eugenio Scalfari (4) Eugenio Scalgari (1) Eurispes (1) euro (452) Eurogruppo (3) euroi (1) Europa (21) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) europeismo (5) evasione fiscale (1) export (1) F.List (2) fabbriche (1) Fabiani (1) Fabriano (1) Fabrizio Tringali (2) facebook (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) Favia (1) Federalismo (4) Federica Aluzzo (1) Federico II il Grande (1) Felice Floris (3) felicità (1) femminicidio (1) Ferrero (1) FF2 (1) fiat (47) Fidesz (2) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) filo rosso (4) filosofia (31) finan (1) finanza (227) finanziaria (8) finanziarizzazione (5) finaza (1) fincantieri (1) Finlandia (1) fiom (30) Fiorenzo Fraioli (11) Fiorito (1) fiscal compact (27) fisco (2) Flat tax (1) Fmi (4) foibe (1) Foligno (3) fondi avvoltoio (1) Forconi (7) Forum Ambrosetti (1) Forum europeo (18) Forza Italia (4) forza nuova (1) Francesca Donato (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giavazzi (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Maria Toscano (1) Francesco Piobbichi (2) Francesco Salistrari (2) Francia (27) Fratelli d'Italia (2) fratelli musulmani (4) Freente Civico (1) Frente civico (3) Front National (7) Fronte della gioventù comunista (1) fronte popolare (15) Frosinone (2) Frédéric Lordon (2) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) Gaza (6) gender (1) genere (1) gennaro Migliore (1) Gennaro Zezza (9) Genova (2) geopolitica (30) George Soros (1) Germania (36) Gesù (1) Gezi park (1) giacobinismo (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Giancarlo D'Andrea (4) Gianni Ferrara (1) GIAPPONE (3) Giorgio Cremaschi (5) Giorgio Gattei (1) giornalismo (1) giovani (2) Giuli Sapelli (1) Giulietto Chiesa (2) Giulio Girardi (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Pelazza (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Zupo (1) giusnaturalismo (1) globalizzazione (17) GMJ (1) Godley (1) gold standard (1) Goldman Sachs (1) golpe (8) Goofynomics (1) Goracci (8) governabilità (1) governicchio (2) governo (4) governo Renzi (12) Gramsci (1) Gran Bretagna (1) grande coalizione (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) grecia (94) Grillo (87) Grottaminarda (2) guerra (24) guerra valutaria (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) Guido Viale (2) Haitam Manna (1) Haiti (1) HAMAS (4) Hartz IV (1) Haver Analytics (1) hedge funds (1) Hegel (1) Hezbollah (1) Hitler (1) Hollande (5) HSBC (1) Huffington Post (1) i più ricchi del mondo (1) Ida Magli (1) ideologia (1) il cappello pensatore (1) il fatto quotidiano (2) il manifesto (3) Il popolo de i Forconi (5) Il tramonto dell'euro (1) Ilva (7) immigrati (17) imperialismo (109) import (1) Imu (3) inchiesta (36) incontri (7) Incontro di Roma (3) incontro internazionale (6) Indesit (1) indignados (1) indignati (3) indignatos (2) indipendenza (2) indulto (1) industria italiana (2) inflazione (3) Ingroia (8) iniziative (10) internazionale (175) internazionale azione (3) internazionalismo (4) internet (3) intervista (1) intimperialismo (1) iran (10) iraq (6) irisbus (4) irlanda (2) IS (1) ISIL (3) ISIS (6) islam (41) islamofobia (6) islanda (7) Israele (22) ISTAT (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) istruzione (2) isu sanguinis (2) italia (1) Italia dei valori (1) italicum (4) Iugoslavia (1) ius soli (2) Izquierda Unida (2) J.Habermas (1) Jacques Nikonoff (2) Jacques Sapir (4) James Holmes (1) James Petras (1) Javier Couso Permuy (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Luc Mélenchon (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jens Weidmann (2) Jeremy Rifkin (1) jihadismo (4) Jobs act (9) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph Stiglitz (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Julio Anguita (1) Juncker (2) Junge Welt (1) kafir (1) Karl Marx (11) Kenneth Kang (1) keynes (10) keynesismo (4) Kirchner (4) Kke (3) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kyenge (1) L'Altra Europa con Tsipras (1) L'Aquila (1) La forte polarizzazione (1) la grande bellezza (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) laicismo (3) Landini (7) Laura Boldrini (3) Lavoro (6) Lega (22) Lega Nord (23) legalità (1) legge del valore (1) Legge di stabilità (8) legge elettorale (18) Legge Severino (1) legge truffa (3) Lenin (2) Leonardo Coen (1) Leonardo Mazzei (69) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) leva (1) libano (1) liberalizzazioni (1) liberismo (23) liberosambismo (4) libertà di pensiero (1) Libia (52) Lidia Undiemi (1) lira (5) Lista Tsipras (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) Lorenzo Dorato (1) Loretta Napoleoni (2) Loris Caruso (1) lotta di classe (6) Ltro (1) Luca Pagni (1) Luca Ricolfi (2) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano B. Caracciolo (2) Luciano Barra Caracciolo (1) Luciano Canfora (1) Luciano Vasapollo (2) Luciano Violante (1) Lucio Chiavegato (4) Lucio garofalo (1) Lucio Magri (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) lula (1) Lupo (4) M.AR.S. (1) M5 (1) M5S (121) Maastricht (2) Magdi Allam (3) maghreb (1) magistratura (5) Maida (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) Mali (1) mandato imperativo (1) manifestazione (2) Manolis Glezos (1) Manolo Monereo (2) Manolo Monero Pérez (2) manovra (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Marcello Barison (1) Marcello Teti (2) Marchionne (2) Marcia della Dignità (16) marcia globale per Gerusalemme (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Mainardi (2) Marco Passarella (2) Margarita Olivera (1) Maria Grazia Da Costa (1) Maria Rita Lorenzetti (2) Mariano Ferro (17) marina silva (2) Marine Le Pen (10) Marino Badiale (8) Mario Draghi (20) Mario Monti (69) Marocco (2) Martin Wolf (1) marxismo (79) Marxista dell'Illinois n.2 (2) marxisti dell'Illinois (7) Massimo Bontempelli (3) Massimo De Santi (3) massimo fini (1) Massimo PIvetti (1) materialismo storico (1) mattarellum (1) Matteo Renzi (61) Matteo Salvini (13) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Fratta (3) Maurizio Landini (5) Maurizio Lupi (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio zaffarano (1) media (5) Medio oriente (30) mediterraneo (1) megalamania (1) Meloni (1) memoria (1) Mentana (1) menzogne di stato (27) mercantislismo (1) Merk (1) Merkel (15) Merloni (1) MH 17 flight paths (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michele Berti (2) Michele fabiani (2) Mihaly Kholtay (1) Militant-blog (1) militarismo (1) Milton Friedmann (1) Mimmo Porcaro (8) Mincuo (1) minijobs. Germania (2) Mirafiori (8) MMT (11) MMT. Barnard (7) MNLA (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) Moldavia (2) moneta (24) Monicelli (1) Monte dei Paschi (6) Moreno Pasquinelli (49) Morgan Stanley (1) Morya Longo (1) Mosul (1) Movimento dei forconi (49) Movimento pastori sardi (7) Movimento Popolare di Liberazione (194) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimiento 15-M (1) Mussari (2) Nadia Garbellini (1) Naji Al-Alì (1) napolitano (25) Nato (5) nazional-liberismo (1) nazionalismi (13) nazione (6) nazismo (3) necrologi (2) Neda (1) negazionismo (2) Negri (11) Nello de Bellis (10) neofascismo (21) neoliberismo (16) Nepal (1) Nethanyahu (1) Nichi Vendola (31) Nigel Farage (1) Nino galloni (1) No debito (5) No e-45 autostrada (3) No Monti Day (5) no tav (5) Noam Chomsky (1) nobel (1) noE-45 autostrada (2) Noi con Salvini (4) Norberto Fragiacomo (4) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) norvegia (1) nucleare (8) nuovo movimento politico (1) obama (10) occidente (1) occupy wall street (1) Olmo Dalcò (1) olocausto (1) OLTRE L'EURO (10) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) ONU (1) openpolis (1) operaismo (1) Oscar Lafontaine (3) Pablo Iglesias (4) pace (11) Pakistan (1) palestina (28) Panagiotis Lafazanis (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paolo Barnard (3) Paolo Becchi (1) Paolo Ciofi (1) Paolo dall'Oglio (1) Paolo Ferrero (5) Paolo Giussani (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo Savona (2) paolo vinti (2) Papa (1) Papa Francesco (3) parti de gauche (1) partiti (1) partito (3) Partito del Lavoro (1) patrimoniale (4) Patrizia Badii (3) patto del Nazareno (1) Patto di stabilità (1) Paul Krugman (1) Pcl (5) PD (64) PdCI (2) Pdl (2) pensioni (2) Perugia (7) Perù (1) petrolio (1) piemme (8) Piemonte (1) Pier Carlo Padoan (9) Piero Bernocchi (3) Piero fassina (1) Piero Ricca (1) Piero valerio (1) Pil argentino (1) Pil italiano (3) Pinna (1) Pisapia (3) Pizzarotti (1) Podemos (9) polizia (1) pomigliano (4) populismo (12) porcellum (3) Poroshenko (3) Porto Recanati (1) Portogallo (4) poste (1) povertà (2) Prc (7) precarietà (1) presidente della repubblica (4) Presidenza della Repubblica (1) presidenzialismo (4) Preve (1) primarie (2) privatizzazioni (1) Prodi (2) Profumo (1) programma UIKP (1) proletariato (83) proteste (5) proteste operaie (38) protezionismo (1) Puglia (1) Putin (5) Quantitative easing (9) queswjepjelezioni (1) quinta internazionale (1) Quirinale (8) Quisling (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaella Paita (1) Rapporto Werner (1) rappresentanza (1) Ras Longa (1) ratzinger (3) razionalismo (2) razzismo (3) Realfonzo (1) referendum (10) Regno Unito (6) religione (12) renzismo (7) repressione (16) resistenza (204) rete 28 Aprile (1) Rete dei Comunisti (3) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Achilli (1) Riccardo Bellofiore (2) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) rifondazione (41) riformismo (1) RISCOSSA ITALIANA (1) risorgimento (2) risve (1) risveglio sociale (182) riunioni regionali (1) rivoluzione civile (7) Rivoluzione Democratica (53) Rizzo (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Musacchio (1) Rodoflo Monacelli (1) Roma (3) Romano Prodi (2) Romney (1) Rosanna Spadini (2) ROSSA (2) rublo (1) Russia (15) Said Gafurov (1) salari (7) salerno (7) Salistrari (2) Salmond (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Salvini (3) salvinismo (2) Samaras (1) Sandro Targetti (1) sanità. spending review (2) sanzioni (1) Sapir (1) sardegna (3) Sarkozy (1) saviano (2) scie chimiche (1) scienza (7) Scilipoti (2) sciopero (3) Scottish National Party (1) Scozia (2) scuola (7) Sebastiano Isaia (1) seconda repubblica (165) Sefano Rodotà (4) seisàchtheia (1) Sel (15) seminario (1) senato (1) serbia (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bellavita (1) Sergio Bologna (1) Sergio Cesaratto (9) Sergio Cofferati (2) Sergio Mattarella (3) sfascio politico (227) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shale gas (1) shoa (1) Sicilia (24) siderurgia (1) Silvana Sciarra (1) silvio berlusconi (18) Simone Boemio (3) sindacalismo di base (2) sindacato (64) sindalismo di base (1) sinistra (297) sinistra anti-nazionale (5) sinistra anticapitalista (1) sinistra critica (2) SInistra popolare (1) sinistra sovranista (17) sionismo (28) Siria (30) Six Pack (3) Slai Cobas (1) sme (2) social forum (1) social media (1) socialdemocrazia (1) socialismo (37) società (1) solidarietà (39) sollevazione (85) Solone (1) Sorrentino (1) sovranismo (11) sovranità monetaria (67) sovranità nazionale (90) sovranità popolare (23) sovrapproduzione (2) spagna (29) SPD (1) spesa pubblica (2) Spoleto (1) Standard & Poor's (1) Stathis Kouvelakis (1) Stati Uniti D'America (48) Stato (3) Stato di diritto (6) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (6) Stefano Alì (1) Stefano D'Andrea (4) Stefano Fassina (12) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stiglitz (2) stop or-me (1) Storace (1) storia (10) stress test (1) Strikemeeting (1) studenti (1) Sudafrica (1) svalutazione (4) Svizzera (1) Syriza (48) takfir (2) tango bond (1) taranto (7) Tasi (1) Tasos Koronakis (1) tasse (6) tasso di cambio (1) teoloogia (1) Teoria Monetaria Moderna (1) teoria politica (144) Terni (10) terremoto (3) Terza Repubblica (3) terzigno (1) terzo polo (2) terzo stato (1) Tfr (1) Thatcher (1) Thissen (2) Thomas Piketty (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) ThyssenKrupp (9) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) Titoli di stato (2) Tltro (1) Tonguessy (3) Tor Sapienza (2) Torino (1) tortura (1) Toscana (1) TPcCSA (1) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (1) trasporto aereo (1) trasporto pubblico (3) trattati europei (1) tremonti (5) Trichet (1) Trilateral (1) Troika (9) troll (1) Tsipras (53) Ttip (3) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (1) Tunisia (17) Turchia (3) tv (2) Two Pack (1) Tyssenkrupp (4) uassiMario Monti (1) Ucraina (16) Udc (1) ueor (1) UGL (1) Ugo Boghetta (7) UIL (2) UKIP (2) ultimatum (1) umbria (8) Ungheria (1) Ungheria. jobbink (3) Unio (1) Unione europea (390) United Kingdom Indipendent Party (1) uniti e diversi (2) unità anticapitalisa (31) unità anticapitalista (8) università (2) USB (2) uscita dall'euro (4) uscita di sinistra dall'euro (9) Utoya (1) vademecum (1) Vagelis Karmiros (1) Val di Susa (4) valute (1) vattimo (1) Veltroni (1) vendola (10) Venezuela (7) Ventotene (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viareggio (1) Viktor Orban (1) Viktor Shapinov (1) Vincenzo Baldassarri (13) Vincenzo Sparagna (1) vincolo di mandato (1) violenza (3) Viscione (1) Visco (1) Vittorio Bertola (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vladimiro Giacchè (7) Vladimiro Giacché (1) Von Hayek (2) W. Streeck (1) wahbismo (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) wikidemocrazia (4) wikileaks (3) Wilhelm Langthaler (6) xenofobia (10) Yanis Varoufakis (9) Yanis Varoufakys (1) Yemen (2) Ytzhac Yoram (1) yuan (1) Zagrebelsy (1) zanotelli (1) zapaterismo (1) Zizek (1) Zolo (1)

Lettori fissi

Google+ Followers