DRAGHI, VENIAMO A CONSEGNARTI IL FOGLIO DI VIA

mercoledì 30 novembre 2011

IN MORTE DI LUCIO MAGRI

Lucio Magri ed Enrico Berlinguer
Il fumo uccide...

di Fausto Schiavetto


Con profondo rispetto per la scelta e il coraggio dell'uomo e del compagno non possiamo non notare la simbolica morte di Lucio Magri che è andato a suicidarsi, farsi uccidere in una clinica svizzera abbattutto, depresso dalle temperie della vita, dalla perdita della sua moglie, vien detto.

Continua »

Print Friendly and PDF

Perché le banche ( e Monti) fanno guerra al contante?

Perché si preparano al default...


di Massimo Costa*

Interessante articolo che dimostra come l'introduzione della norma che illegalizza il contante va tutta a vantaggio delle banche e a danno dei cittadini che in caso di default non potranno nemmeno recarsi agli sportelli a ritirare i loro soldi.

Leggo su La Repubblica del 20 giugno scorso un bell'articolo sul No Cash Day:

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 29 novembre 2011

PATRIMONIALE: IL DILEMMA DEL GOVERNO MONTI

'Gna fa o nun 'gna fa?

di Piemme


Questo articolo ci è giunto in redazione ieri sera, 28 novembre. Oggi, 29, lo spread è schizzato a 510 punti, tanto da spingere il Corriere della Sera a titolare questa mattina «Venti giorni per salvare l'Italia (e l'euro)». Solo strumentale allarmismo? L'autore spiega di no, che il crollo è alle porte, a meno che.....

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 28 novembre 2011

PRC: VERSO UN CONGRESSO IMPORTANTE


Lettera aperta
ai compagni e alle compagne di Rifondazione



di Leonardo Mazzei

Tra pochi giorni si aprirà a Napoli l'VIII congresso del Prc. Un congresso "strano" e decisivo al tempo stesso. Strano, perché preparato da un documento politico largamente superato dagli eventi degli ultimi due mesi. Decisivo, perché ad oltre vent'anni dalla sua fondazione (febbraio 1991), e nel mezzo di una crisi sistemica che ha oggi il suo epicentro in Europa ed in particolare in Italia, il Prc dovrà decidere cosa fare da grande.

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 25 novembre 2011

DEBITO PUBBLICO

Cinque ragioni a favore del default

di Moreno Pasquinelli


Si dice che dobbiamo “onorare” il debito, altrimenti, ove lo Stato italiano non pagasse ciò sarebbe non solo "disonorevole" ma causerebbe il default, la bancarotta, la catastrofe economica, la fine del mondo. Si tratta di uno ragionamento che non si sta in piedi, né dal punto di vista politico, né da quello morale e, quel che è peggio, non ha alcun rigore scientifico. E’ uno spauracchio la cui validità è pari a quella della minaccia della dannazione perpetua dell’anima in caso di peccato mortale.

Continua »

Print Friendly and PDF

MEGLIO IL DEFAULT?


Alfonso Gianni, a destra, in cattiva compagnia
Eppur si muove....
di Alfonso Gianni*
Anzitutto default, o insolvenza, non significa affatto fallimento. Tuttavia questo intervento è di grande lucidità. Se Alfonso Gianni, che è un esponente di Sinistra ecologia e libertà, insinua, pur tra contorsioni, che dichiarare l'insolvenza  sarebbe il male minore, qualcosa si muove nella sinistra italiana.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 24 novembre 2011

MARIO MONTI PENSIERO

FACCIAMO SPARIRE L'ITALIA

Continua »

Print Friendly and PDF

Vendola DeVastato

Il Presidente... operaio
L'ultima mossa del contorsionista di Terlizzi

di MdS*


Nichi Vendola non ha ancora elaborato il lutto: le primarie sono prematuramente scomparse, la foto di Vasto è ormai nel cestino e - peggio! - d'ora in avanti le cose serie prevarranno sulle «narrazioni»

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 23 novembre 2011

MARIO MONTI È UN PAZZO?

forse Berlusconi non ne esce affatto con le ossa rotte....

di Franco Berardi "Bifo"

Mi è molto difficile capire il generale congratularsi per la sconfitta di Berlusconi.
Se non ci fermiamo alle apparenze e ragioniamo in termini strategici, direi che Berlusconi è il vero vincitore della fase attuale.

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 22 novembre 2011

«UN MESE E MEZZO DI TEMPO PER SALVARE L'EURO DAL CRAC»

La destra vede la catastrofe imminente, la sinistra è cieca


di Jacques Attali*


intervista a cura di Alberto Mattioli


Attali è un noto economista francese di fede euro-liberista, difensore dei Trattati di Maastricht. La cura che propone per salvare l'euro e l'Unione è "di destra", per questo sostiene Monti. Ma come spesso accade, a destra, vedono le cose più lucidamente che a sinistra.

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 21 novembre 2011

DEBITO PUBBLICO E DEBITO PRIVATO

La risposta giusta alla domanda sbagliata


di Alberto Bagnai*


Bagnai ad un certo punto afferma «...deflazionando l’economia [rigore fiscale, Ndr], si recupererà un po’ di competitività, rilanciando anche le esportazioni e migliorando per questa via lo squilibrio fondamentale». Ciò dIpende. 
Non solo una politica deflattiva, di austerità, corrisponde anche ad un drenaggio interno di risorse dal lavoro al capitale. In punto di teoria la tesi del Bagnai è vera ove lo squilibrio delle partite correnti riguardi merci e beni di consumo. Se sono i capitali ad essere importati, la cosa ha i suoi vantaggi: si crea più surplus interno e si dispone risorse per finanziare investimenti.

Continua »

Print Friendly and PDF

domenica 20 novembre 2011

LA SOLUZIONE MONTI E QUELLA NOSTRA


«Questa volta il regime change ve lo facciamo noi»

La redazione di SOLLEVAZIONE, dopo averlo attentamente discusso, ha approvato l'Appello diffuso giorni addietro dal Coordinamento emerso dall'Assemblea di Chianciano. Ne condividiamo nella sostanza  l'analisi, nonché le proposte finali, che sono le sole la cui applicazione può davvero evitare il massacro sociale e salvare il paese. Saremmo stati ben più categorici sul ripudio del debito pubblico, il demone in nome del quale la cleptocrazia pretende un sacrificio senza precedenti da parte del popolo lavoratore. Invitiamo i nostri lettori a leggerlo e, se come noi ne condividono la sostanza, a sottoscriverlo.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 19 novembre 2011

«NUCLEARE E MEDIO ORIENTE»

La minaccia atomica di Israele all’Iran

riceviamo e pubblichiamo



CONFERENZA STAMPA
Sala della Stampa Estera, Via dell'Umiltà, 83/c Roma


Basandosi sulla sua forza militare e sul  possesso di più di 200 testate atomiche, Israele continua a sabotare ogni negoziato coi palestinesi, negando loro il diritto ad avere una pace giusta e una nazione degna di questo nome.

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 18 novembre 2011

LO STATO D'ECCEZIONE

Considerazioni metapolitiche sul voto di fiducia parlamentare al governo di Mario Monti


Da Karl Schmitt a Scilipoti


di Moreno Pasquinelli


Il governo di Mario Monti, con 556 voti a favore e 61 contro, è entrato in carica con la più ampia maggioranza parlamentare che l'Italia repubblicana ricordi. Come andavamo dicendo dall'estate scorsa, sarebbero bastate un'altro paio di spallate da parte dei mercati finanziari per ridurre a più miti consigli i berluscones, obbligandoli ad accettare ciò che fino a ieri essi escludevano con sicumera.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 17 novembre 2011

SALVIAMO L’ITALIA

Roma, 15 ottobre 2011
Appello al popolo lavoratore

La partecipata Assemblea di Chianciano Terme, «Fuori dall’euro! Fuori dal debito», svoltasi il 22-23 ottobre, dopo analisi accurata delle crisi, consapevole del momento storico che attraversa il nostro paese, elesse un Comitato ad interim allo scopo di dare continuità e forma alla comune iniziativa e preparare una seconda assemblea che si svolgerà a Roma entro la fine di gennaio 2012. In questa direzione, per costituire un fronte ampio, va l’Appello [vedi più sotto] che sottoponiamo al giudizio di ognuno, nella speranza che sia condiviso, sottoscritto, diffuso. Sui siti web Sollevazione e Appello al Popolo chiunque potrà seguire il nostro cammino.

Per il Movimento Popolare di Liberazione
(Stefano D’Andrea, Massimo De Santi, Leonardo Mazzei, Moreno Pasquinelli)

Continua »

Print Friendly and PDF

SINISTRA DEFAULT

di Piemme


Ieri sera mi è capitato di seguire la trasmissione L'Infedele, di Gad Lerner, su La7. Tutta dedicata a osannare il nascituro governo, con le consuete comparse a fare da contorno, compreso un collegamento con gli studenti della Sapienza in agitazione (maionese accanto all'insalata).
Lerner mette sul piatto lui stesso, in maniera dubitativa, alcuni bocconi di verità. E' vero che  Monti è "curatore fallimentare" (parole testuali di Luigi Zingales, Il Sole 24 Ore del 13 novembre)? Che dietro di lui ci sono poteri transnazionali, la grande finanza neoliberista? Che l'Italia ha ceduto la sua sovranità nazionale? Il governo è frutto di un colpo di stato tecnocratico?

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 16 novembre 2011

IL DELIRIO DI MARIO MONTI

AVVERTENZA AI LETTORI: YOU TUBE SCRIVE CHE «questo video è stato rimosso dall'utente», cioè fatto togliere da Monti medesimo. E ti credo! Cercheremo di recuperarlo in qualche modo.... 
[RIPESCATO!!!! in rete, aggirata la censura montiana]


UN VENDUTO ALLA STRANIERO O UN EURO-FANATICO?


di Stefano D'Andrea*

Commentando un recente articolo pubblicato su Appello al Popolo, abbiamo discusso se Mario Monti sia in mala fede o in buona fede. Se sia chiaramente un traditore della patria e un venduto ovvero se sia semplicemente un fanatico.



Io non ho dubbi che le cose stiano nel secondo senso.

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 15 novembre 2011

NIENTE DA FESTEGGIARE

Lo stregone...
Umiliazione e ingenuità

di Francesca Coin*

«Il problema di fondo è che strutturalmente, l'economia mondiale è satura. Satura significa che il mercato occidentale soffre una crisi strutturale di sovrapproduzione, e non può crescere più. (...) 
Ci hanno detto che la saturazione del mercato è una brutta notizia: è falso, è una notizia splendida.

Continua »

Print Friendly and PDF

VI SPIEGO PERCHÉ MONTI FALLIRÀ

Clicca per ingrandire
Ritratto della borghesia italiana


di Moreno Pasquinelli


Si osservi con attenzione la figura qui accanto. Balza agli occhi che Berlusconi è caduto per la seconda volta sullo spread. Salito al potere il 10 maggio del 1994 egli si dimise il 17 gennaio 1995. In sette mesi lo spread col bund tedesco sfiorò quasi il raddoppio. Non vogliamo stabilire una relazione meccanica causa-effetto.

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 14 novembre 2011

QUANTO È STUPIDO L'ANTIBERLUSCONISMO

Dal sogno di cacciare il caimano...
all'incubo Monti
Oggi siamo davvero più liberi?

di Emmezeta*

Mentre scriviamo, fischi e insulti stanno accompagnando Berlusconi al Quirinale. Una fine meritata, più che meritata, ma cosa c'è da festeggiare?
Tra la folla che chiede le dimissioni a chi le ha già annunciate da 5 giorni sventola una bandiera dell'Unione Europea. Ma davvero l'Italia è oggi più libera di una settimana fa? Non è proprio quella la bandiera dei nuovi occupanti?

Circolano i nomi dei probabili ministri, tra di essi altri dirigenti della Trilaterale.

Continua »

Print Friendly and PDF

domenica 13 novembre 2011

IL DEFAULT

E' un disastro ma è il male minore

di Guido Viale*

Di quale crescita parliamo? Di rilanciare la produzione di suv, lavatrici e navi da guerra, o di tav, mose e ponti? Le ricette che hanno ucciso la Grecia ci preciterebbero nel baratro.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 12 novembre 2011

VENDUTI ALLO STRANIERO

Alto tradimento

Circolo del Prc “Alvaro Tognetti” di Pisa

riceviamo e pubblichiamo

«Alla luce di quanto analizzato precedentemente comprendiamo meglio perché lei ha corretto l’apprezzamento «My favourite communist», ossia«il mio comunista preferito» che Henry Kissinger le ha rivolto a Cernobbio, nel settembre del 2001, rispondendo: «My favourite former communist», «il mio ex comunista preferito», evidentemente la nostra attuale Costituzione per lei è la sua ex Costituzione».

Continua »

Print Friendly and PDF

LA POSTA IN PALIO

Di quale patria stanno parlando?

di Piemme

Berlusconi venderà cara la pelle, ma alla fine la venderà. La pagheranno cara, fornendogli un "salvacondotto", chiudendo un ciclo politico come fosse una commedia. Che fine farà la sua servitù, questa è un'altra storia. Trippa per gatti non ce n'è per tutti.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 10 novembre 2011

IL GOLPE BIANCO

Spagna, 23 febbraio 1981: al comando di Antonio Tejero,
la Guardia Civil irrompe nel Parlamento
Il Gauleiter
della terza repubblica

La montagna questa volta ha partorito il mostro. Mario Monti si appresta a diventare Primo ministro e a formare un governo di emergenza. Con una retromarcia impensabile fino a pochi giorni fa, anche Berlusconi ha dato il via libera. Si vede che l'avviso che gli hanno mandato ieri i "mercati" (il crollo delle azioni Mediaset) ha centrato il bersaglio. La grande finanza globale, così, non ha solo fatto cadere un governo, sta imponendo il suo proprio.

Continua »

Print Friendly and PDF

ASSEMBLEA DI CHIANCIANO (9): SECONDA SESSIONE

Moreno Pasquinelli
«Lo spauracchio del default. La catastrofe alle porte. Come evitarla»



Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 9 novembre 2011

SI SALVI CHI PUÒ

Spread: 570
Interessi: 7,40%
Cds: 536


di Moreno Pasquinelli


Scrivo di getto, mentre giungono i dati sul nuovo tonfo dei mercati finanziari europei e, dentro questo tonfo, il crollo del valore dei titoli di stato italiani (il cui rendimento, ricordiamolo, sta in un rapporto inversamente proporzionale al valore). Un'ondata di vendite che, a partire dalla City di Londra, si è diffusa in tutte le piazze. A nulla è servito il salvagente degli acquisti da parte della Bce.

Continua »

Print Friendly and PDF

PSICODRAMMA ITALIANO. NUOVO ATTO


C’è disordine sotto il cielo, la situazione è eccellente

di Piemme

Quindi Berlusconi si dimetterà. C’è già chi dice che è un trucco. Non penso. Stracciare l’impegno solenne assunto al cospetto del Presidente della Repubblica sarebbe un gesto senza precedenti, e comunque un autogol. E di tutto hanno bisogno i berluscones, in questo delicatissimo passaggio, che commettere un errore a tal punto pacchiano.

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 7 novembre 2011

BERLUSCONI PATATRAC

I governi vanno e vengono, 
la crisi resta

di Moreno Pasquinelli

Che Berlusconi fosse bollito e il suo fosse oramai un governo-zombie, lo andiamo dicendo da mesi. Oramai siamo al conto alla rovescia. Mentre scriviamo non si fa che discutere se il centro-destra otterrà o meno la maggioranza nel voto di martedì 8 novembre.

Continua »

Print Friendly and PDF

domenica 6 novembre 2011

IERI LA CLASSE OGGI IL POPOLO LAVORATORE

Exit totus politicus!


di Mario Tronti


"Popolo, non di sudditi, non di cittadini, ma di lavoratori. Popolo lavoratore: nuovissima parola antica. Dove il lavorare raggiunge non la vita, ma l’esistenza, nella centralità politica della persona che lavora. Dopo la giusta, e libera, parzialità operaia - lì giustizia e libertà hanno avuto veramente un senso -, per ritrovarlo questo senso, occorre, ed è possibile, forse per la prima volta, fondare una classe generale. Quella del popolo lavoratore".

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 5 novembre 2011

COME FUNZIONA L'UNIONE EUROPEA

L'elefante che vola

di Voci dall'estero*


Qui parliamo di Unione Europea, anche se non è un tema di macro, perché comunque capirne il funzionamento oggi è utile a tutti, e in particolare a chi si interessa di economia e di sociale...Certo è che cavarsela sull'Europa in poche parole è un'impresa ardua, e se non saranno proprio poche, spero almeno che siano chiare, dato che l'eurocratese è un puzzle non semplice da ricomporre.

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 4 novembre 2011

PERCHÉ USCIRE DALL'UNIONE EUROPEA

Stefano D'Andrea
A proposito di un articolo di Vladimiro Giacché

di Stefano D’Andrea*



Vladimiro Giacché ha scritto un articolo nel quale, in diciassette brevi paragrafetti, ricostruisce in modo persuasivo l’itinerario della crisi economica, considerata esattamente come un complesso di fenomeni causalmente collegati, iniziati nel 2007. [1]

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 3 novembre 2011

LA SINISTRA E LA FEBBRE ELETTORALE

Per un pugno di seggiole

di Leonardo Mazzei*


Senza idee, senza proposte, senza una linea: proprio per questo - se il tracollo finanziario non travolgerà tutto prima del tempo -  Prc e Pdci potranno rientrare in parlamento. Non gli servirà a niente, ma è quel che gli basta.
Quanto sono vicine le elezioni politiche? A giudicare dal lavorio delle segreterie dei partiti, abbastanza vicine. Osservando lo scalpitare di alcuni personaggi, considerati «emergenti» nella cloaca massima della politica italiana (Renzi, ma non solo), sembrerebbero vicinissime. E' questo il parere del genero di Caltagirone, secondo il quale l'odiato Berlusca staccherebbe la spina a gennaio per votare a marzo.
L'ipotesi è convincente, ma la data potrebbe anche essere più vicina. La pressione sul governo dei centri del potere finanziario si è fatta asfissiante; l'esecutivo è ormai palesemente sotto tutela, non solo da parte dell'Unione Europea, ma anche delle sue «quinte colonne» Napolitano e Draghi.

Continua »

Print Friendly and PDF

ASSEMBLEA DI CHIANCIANO (8): SECONDA SESSIONE

Piero Pagliani
«L'Unione europea e l'ombra dell'impero americano»

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 2 novembre 2011

L'EURO È IL PROBLEMA, NON LA SOLUZIONE

The game is over

15 luglio: venerdì nero - 18 luglio: lunedì nerissimo - 1 agosto: lunedì del panico - 1 novembre: martedì del contagio


di Moreno Pasquinelli

Oltre allo spauracchio del default, per cui se ci dichiariamo insolventi sarebbe la bancarotta del paese, i compagni di merende di Trichet, Draghi e Napolitano, ricorrono all'ultima arma di distruzione di massa (dei cervelli): se usciamo dall'euro sarà l'apocalisse. Primo compito: contrastare questa campagna di terrorismo ideologico.

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 1 novembre 2011

ZBIGNIEW BREZINSKI: I NUOVI FATTORI DELLA GEOPOLITICA MONDIALE

Come l'impero percepisce il multipolarismo e il risveglio dei popoli 


Ci pare importante far conoscere ai nostri lettori gli estratti di una conferenza che Zbigniew Brezinski ha rilasciato di recente a Washington. Brezinski è probabilmente una delle menti più brillanti dell'establishment USA. Segnaliamo le affermazioni sull'inconsistenza dell'Unione Europea, sull'avanzata della Cina, sulla potenza russa, sul ruolo di carta delle Nazioni unite, ed infine sul ruolo delle sollevazioni popolari —fattore imprescindibile dopo l'innesco della Rivoluzione d'Ottobre. Un ceffone in molteplici direzioni...

Continua »

Print Friendly and PDF

LA DOTTRINA DEL «DEBITO ODIOSO»

Noterella storica su debito, imperialismo e rivoluzione

di Massimo Mazzucco


Quando gli Stati Uniti sconfissero la Spagna, nel 1898 (ricordate l’auto-affondamento del Maine, prima false flag della storia moderna?) presero il possesso, fra altri territori, dell’isola di Cuba.

A quel punto la Spagna disse: “Benissimo, vi siete presi Cuba? Ora vi accollate anche il debito monetario che Cuba aveva nei nostri confronti“.

Continua »

Print Friendly and PDF

Google+ Followers

Lettori fissi

Temi

crisi (505) euro (381) economia (365) Unione europea (336) sinistra (268) finanza (225) sfascio politico (215) resistenza (199) risveglio sociale (181) internazionale (167) seconda repubblica (158) Movimento Popolare di Liberazione (153) alternativa (153) teoria politica (143) elezioni (137) banche (134) M5S (108) imperialismo (96) berlusconismo (89) Grillo (85) sollevazione (83) antimperialismo (82) destra (82) proletariato (80) debito pubblico (76) sovranità nazionale (76) marxismo (75) Mario Monti (68) democrazia (66) sindacato (59) PD (56) sovranità monetaria (55) grecia (53) Rivoluzione Democratica (52) Libia (51) Leonardo Mazzei (49) Movimento dei forconi (49) fiat (47) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (45) Matteo Renzi (45) Stati Uniti D'America (45) Emiliano Brancaccio (42) Moreno Pasquinelli (41) austerità (41) solidarietà (39) capitalismo (38) proteste operaie (38) rifondazione (38) astensionismo (37) inchiesta (35) socialismo (35) azione (33) islam (32) Nichi Vendola (31) costituzione (31) unità anticapitalisa (31) 9 dicembre (30) Siria (30) Germania (29) Medio oriente (28) egitto (28) Assemblea di Chianciano terme (27) sionismo (27) menzogne di stato (26) palestina (26) Alberto Bagnai (25) bce (25) capitalismo casinò (25) filosofia (25) fiscal compact (25) geopolitica (25) Sicilia (24) fiom (24) guerra (23) napolitano (23) spagna (23) moneta (22) Israele (21) Europa (20) Tsipras (20) Francia (19) campo antimperialista (19) liberismo (18) Forum europeo (17) Mariano Ferro (17) Tunisia (17) default (17) ecologia (17) etica (17) sovranità popolare (17) Assisi (16) Chianciano Terme (16) Enrico Letta (16) legge elettorale (16) silvio berlusconi (16) Marcia della Dignità (15) immigrati (15) 15 ottobre (14) Sel (14) Syriza (14) globalizzazione (14) repressione (14) neofascismo (13) Cremaschi (12) Lega (12) Mario Draghi (12) fronte popolare (12) religione (12) 14 dicembre (11) MMT (11) Negri (11) cina (11) nazionalismi (11) pace (11) populismo (11) Bagnai (10) OLTRE L'EURO (10) ambiente (10) iniziative (10) iran (10) sinistra sovranista (10) storia (10) vendola (10) Aldo Giannuli (9) Chavez (9) Fiorenzo Fraioli (9) Russia (9) Ucraina (9) decrescita (9) neoliberismo (9) obama (9) Algeria (8) Art. 18 (8) Bersani (8) Brancaccio (8) Goracci (8) Ingroia (8) Marine Le Pen (8) Marino Badiale (8) Merkel (8) Mirafiori (8) Pier Carlo Padoan (8) Vincenzo Baldassarri (8) cultura (8) keynes (8) nucleare (8) referendum (8) unità anticapitalista (8) AST (7) Esm (7) Forconi (7) Ilva (7) MMT. Barnard (7) Mimmo Porcaro (7) Movimento pastori sardi (7) Nello de Bellis (7) Perugia (7) Ugo Boghetta (7) Venezuela (7) cinque stelle (7) complottismo (7) golpe (7) governo Renzi (7) incontri (7) islanda (7) rivoluzione civile (7) scienza (7) sovranismo (7) taranto (7) umbria (7) Argentina (6) Articolo 18 (6) Bottega partigiana (6) Diego Fusaro (6) Draghi (6) Ernesto Screpanti (6) Front National (6) Gaza (6) Legge di stabilità (6) Monte dei Paschi (6) Regno Unito (6) Sergio Cesaratto (6) Wilhelm Langthaler (6) acciaierie Terni (6) analisi politica (6) anarchismo (6) chiesa (6) comunismo (6) finanziaria (6) iraq (6) salari (6) salerno (6) Anguita (5) Bruno Amoroso (5) Daniela Di Marco (5) De Magistris (5) Emmezeta (5) Gennaro Zezza (5) Il popolo de i Forconi (5) Lavoro (5) No Monti Day (5) No debito (5) Pcl (5) Quirinale (5) Terni (5) camusso (5) di Pietro (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) europeismo (5) finanziarizzazione (5) lira (5) magistratura (5) marxisti dell'Illinois (5) proteste (5) tasse (5) tremonti (5) ALBA (4) Alternative für Deutschland (4) Andrea Ricci (4) CGIL (4) CSNR (4) Casaleggio (4) Costanzo Preve (4) Def (4) Eugenio Scalfari (4) Federalismo (4) Fmi (4) Giorgio Cremaschi (4) HAMAS (4) ISIS (4) Karl Marx (4) Kirchner (4) Landini (4) Lucio Chiavegato (4) Nato (4) Portogallo (4) Prc (4) Sefano Rodotà (4) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (4) Troika (4) Tyssenkrupp (4) Val di Susa (4) afghanistan (4) antifascismo (4) appello (4) arancioni (4) beni comuni (4) brasile (4) carceri (4) cipro (4) cristianismo (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) governo (4) irisbus (4) lotta di classe (4) media (4) nazione (4) no tav (4) piemme (4) pomigliano (4) presidente della repubblica (4) presidenzialismo (4) scuola (4) svalutazione (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) BRIM (3) Beppe De Santis (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Cesaratto (3) Claudio Borghi (3) Claudio Martini (3) Comitato No Debito (3) Danilo Calvani (3) Dicotomia (3) Donbass (3) Felice Floris (3) GIAPPONE (3) Hollande (3) ISIL (3) Imu (3) Jacques Sapir (3) Jobs act (3) Kke (3) Laura Boldrini (3) Lega Nord (3) Lupo (3) Magdi Allam (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Patrizia Badii (3) Piero Bernocchi (3) Pisapia (3) Rete dei Comunisti (3) Six Pack (3) Stato di diritto (3) Stefano D'Andrea (3) Stefano Fassina (3) ThyssenKrupp (3) Ttip (3) Turchia (3) Ungheria. jobbink (3) anarchici (3) bankitalia (3) bipolarismo (3) borsa (3) cuba (3) debitori (3) deficit (3) fratelli musulmani (3) il manifesto (3) inflazione (3) internazionale azione (3) internazionalismo (3) internet (3) italicum (3) laicismo (3) legge truffa (3) liberosambismo (3) partito (3) patrimoniale (3) ratzinger (3) sardegna (3) sinistra anti-nazionale (3) terremoto (3) trasporto pubblico (3) violenza (3) wikileaks (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) Abu Bakr al-Baghdadi (2) Agenda Monti (2) Alitalia (2) Angelo Salento (2) Antonello Cresti (2) Ars (2) Bahrain (2) Banca centrale europea (2) Barbara Spinelli (2) Berretti Rossi (2) Brushwood (2) CISL (2) CLN (2) CUB (2) Cile (2) Città della Pieve (2) Contropiano (2) D'alema (2) Enea Boria (2) Enrico Grazzini (2) Fidesz (2) Forza Italia (2) Francesco Piobbichi (2) Francesco Salistrari (2) Frente civico (2) Frosinone (2) Frédéric Lordon (2) Giancarlo D'Andrea (2) Giulietto Chiesa (2) Grottaminarda (2) Lenin (2) Loretta Napoleoni (2) Marco Mainardi (2) Marco Passarella (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Marocco (2) Massimo Bontempelli (2) Michele Berti (2) Michele fabiani (2) Moldavia (2) Mussari (2) No e-45 autostrada (2) Norberto Fragiacomo (2) Oscar Lafontaine (2) Paolo Savona (2) Papa Francesco (2) PdCI (2) Pdl (2) Poroshenko (2) Prodi (2) Putin (2) Quantitative easing (2) ROSSA (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Stato (2) Stiglitz (2) Thissen (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) UIL (2) UKIP (2) USB (2) Yemen (2) calunnia (2) casa pound (2) cinema (2) comitato di Perugia (2) corruzione (2) derivati (2) diritto di cittadinanza (2) disoccupazione (2) dollaro (2) donna (2) elezioni anticapte (2) energia (2) giovani (2) governicchio (2) indignati (2) indipendenza (2) industria italiana (2) irlanda (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) jihadismo (2) keynesismo (2) marina silva (2) necrologi (2) paolo vinti (2) pensioni (2) porcellum (2) razionalismo (2) risorgimento (2) sanità. spending review (2) saviano (2) sciopero (2) sindacalismo di base (2) sinistra critica (2) sme (2) sovrapproduzione (2) spesa pubblica (2) terzo polo (2) tv (2) uniti e diversi (2) università (2) uscita dall'euro (2) uscita di sinistra dall'euro (2) xenofobia (2) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A/simmetrie (1) Alavanos (1) Albert Einstein (1) Albert Reiterer (1) Alberto Montero (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Alessandro Di Battista (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Amoroso (1) Andrew Brazhevsky (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Antonella Stocchi (1) Antonio Guarino (1) Antonio Rinaldi (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Ars Longa (1) Ascheri (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) BRI (1) Baath (1) Banca mondiale (1) Bandiera rossa in movimento (1) Basilicata (1) Belgio (1) Beppe Grillo (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bilderberg (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Boikp Borisov (1) Bolkestein (1) Borotba (1) Bretagna (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carc (1) Carchedi (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Cernobbio (1) Cgia Mestre (1) Chișinău (1) Circo Massimo (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Davide Bono (1) Davide Serra (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Der Spiegel (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) ECO (1) Eco della rete (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Elinor Ostrom (1) Emmanuel Macron (1) Emmeffe (1) Erdogan (1) Eugenio Scalgari (1) F.List (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabriano (1) Fabrizio Tringali (1) Favia (1) Federica Aluzzo (1) Ferrero (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Finlandia (1) Fiorito (1) Foligno (1) Forum Ambrosetti (1) Francesca Donato (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Fratelli d'Italia (1) Freente Civico (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Genova (1) George Soros (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gianni Ferrara (1) Giorgio Gattei (1) Giuli Sapelli (1) Giulio Girardi (1) Giuseppe Pelazza (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Goldman Sachs (1) Goofynomics (1) Gramsci (1) Gran Bretagna (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) Guido Viale (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Hartz IV (1) Haver Analytics (1) Hezbollah (1) Ida Magli (1) Il tramonto dell'euro (1) Indesit (1) Italia dei valori (1) Izquierda Unida (1) J.Habermas (1) Jacques Nikonoff (1) James Holmes (1) James Petras (1) Javier Couso Permuy (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Luc Mélenchon (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jens Weidmann (1) Jeremy Rifkin (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Julio Anguita (1) Juncker (1) Kenneth Kang (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kruhman (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Legge Severino (1) Lidia Undiemi (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) Ltro (1) Luciano B. Caracciolo (1) Luciano Canfora (1) Luciano Vasapollo (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Maastricht (1) Maida (1) Mali (1) Manolo Monereo (1) Manolo Monero Pérez (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Marcello Barison (1) Marchionne (1) Marco Carrai (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Margarita Olivera (1) Martin Wolf (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio zaffarano (1) Mentana (1) Merk (1) Merloni (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Mihaly Kholtay (1) Milton Friedmann (1) Mincuo (1) Monicelli (1) Morgan Stanley (1) Morya Longo (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Nadia Garbellini (1) Naji Al-Alì (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) Nigel Farage (1) Noam Chomsky (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Pakistan (1) Paolo Barnard (1) Paolo Becchi (1) Paolo Giussani (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Partito del Lavoro (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Piemonte (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pil argentino (1) Pil italiano (1) Pizzarotti (1) Podemos (1) Porto Recanati (1) Preve (1) Profumo (1) Puglia (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) Raffaele Ascheri (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Riccardo Achilli (1) Riccardo Bellofiore (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Rizzo (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Musacchio (1) Rodoflo Monacelli (1) Romney (1) SInistra popolare (1) Said Gafurov (1) Salmond (1) Salvatore D'Albergo (1) Salvini (1) Sapir (1) Scottish National Party (1) Sebastiano Isaia (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bellavita (1) Sergio Bologna (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Standard & Poor's (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Storace (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) TPcCSA (1) Tasi (1) Teoria Monetaria Moderna (1) Thatcher (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Titoli di stato (1) Tltro (1) Tonguessy (1) Torino (1) Transnistria (1) Trichet (1) Trilateral (1) Two Pack (1) UGL (1) Udc (1) Ungheria (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Veltroni (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Orban (1) Viktor Shapinov (1) Vincenzo Sparagna (1) Visco (1) Vittorio Bertola (1) Vladimiro Giacchè (1) W. Streeck (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Wen Jiabao (1) Ytzhac Yoram (1) Zizek (1) Zolo (1) al-Durri (1) al-Fatah (1) alleanze (1) alt (1) amnistia (1) andrea zunino (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) ateismo (1) austria (1) ballarò (1) bancocrazia (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) censis (1) chokri belaid (1) classi sociali (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) composizione di classe (1) cristianesimo (1) david harvey (1) decescita (1) denaro (1) depressione (1) divorzio banca d'Italia Tesoro (1) egolatria (1) elezioni anticipate (1) enav (1) enel (1) ennahda (1) estremismo (1) euroi (1) export (1) facebook (1) fallimenti (1) felicità (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fisco (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) forza nuova (1) gennaro Migliore (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il fatto quotidiano (1) import (1) indulto (1) intervista (1) intimperialismo (1) islamofobia (1) italia (1) kafir (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge del valore (1) leva (1) libano (1) liberalizzazioni (1) lula (1) maghreb (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifestazione (1) manovra (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massimo fini (1) materialismo storico (1) mattarellum (1) megalamania (1) memoria (1) mercantislismo (1) militarismo (1) minijobs. Germania (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) nazismo (1) negazionismo (1) noE-45 autostrada (1) nobel (1) norvegia (1) nuovo movimento politico (1) occupy wall street (1) olocausto (1) operaismo (1) parti de gauche (1) partiti (1) patto del Nazareno (1) polizia (1) poste (1) povertà (1) precarietà (1) primarie (1) privatizzazioni (1) programma UIKP (1) protezionismo (1) queswjepjelezioni (1) quinta internazionale (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) riformismo (1) risve (1) riunioni regionali (1) scie chimiche (1) seisàchtheia (1) seminario (1) senato (1) serbia (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra anticapitalista (1) social forum (1) social media (1) socialdemocrazia (1) società (1) studenti (1) takfir (1) tango bond (1) tasso di cambio (1) teoloogia (1) terzigno (1) trasporto aereo (1) troll (1) uassiMario Monti (1) ueor (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vincolo di mandato (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)