domenica 25 settembre 2016

I SALUTI DI JULIO ANGUITA AL III. FORUM NO EURO

[ 25 settembre ]

Molti che non sono stati in grado di partecipare al III. Forum No Euro ci chiedono se pubblicheremo gli atti. No, non ce la faremo a pubblicarli. Ma siamo in grado di mettere in rete le registrazioni filmate di ogni tavola rotonda e delle due sessioni plenarie.
Iniziamo con i saluti di Julio Anguita, accolti dai presenti con un lungo applauso. Julio è uno dei firmatari in Spagna della PIATTAFORMA USCIRE DALL'EURO, rappresentata al Forum da Pedro Montes, Manolo Monereo e Diosadao Toledano. Più sotto il testo del discorso di Anguita in spagnolo e inglese.






«Un saludo y un abrazo fraternal a los compañeros y compañeras reunidos en Chianciano que vais a intentar cocinar políticas, discursos y propuestas sobre nuestra ambición común: Buscar una salida del euro en nuestros respectivos países.
Como miembro de la Plataforma Contra la permanencia de España en el Euro, tengo que felicitaros en primer lugar porque llegar hasta el lugar en que vais a trabajar en estas jornadas ha costado un esfuerzo tremendo: incomprensiones, dificultades organizativas, hostilidad manifiesta muchas veces en los medios de comunicación, y porque no decirlo también dificultades económicas, puesto que todo esto cae sobre las espaldas de las personas que en estos momentos están luchando por esta posición.
En segundo lugar quiero hacer votos para que los resultados de esta reunión sean positivos. Y cuando digo positivos, quiero decir que salga de esta reunión una posición común y elementos organizativos de coordinación que se puedan aplicar en los distintos países que componen esta asamblea, más a aquellos que se puedan añadir en cualquier momento. Es decir, yo espero que de aquí va a salir el comienzo de una nueva situación, de un nuevo discurso y de una nueva movilización, para entender la UE de otra manera. Y desde luego, sin el euro.
Izquierda Unida ha sido la única fuerza política de carácter estatal, que en España se opuso ya en 1992 tanto tanto al Tratado de Maastricht, como a la moneda única. Fue un debate interno duro, áspero.. porque nos enfrentamos a medios de comunicación y al discurso oficial.
Tanto fue así, que nuestra organización se dividió un 60% a favor de rechazar el Tratado de Maastricht y la moneda única y un 40% a favor. Pero pese a aquello seguimos manteniendo esa posición. Y ello por varias razones, que pretendo abreviadamente exponer.
En principio dijimos no al euro por por las evidencias de carácter económico. Simplemente de análisis económico. Cuando la Teoría de las Zonas Monetarias Óptimas, viene a decir que es imposible construir una moneda única sin una política fiscal común, sin políticas económicas económicas comunes y otra serie de elementos fundamentales que vayan haciendo que exista una infraestructura de tipo unitario, una moneda única no tiene sentido mientras esto sea así.
En segundo lugar, por el proceso de degradación del concepto inicial de unión europea que se planteó en los años 50. Si observamos los Tratados desde el Acta Única Europea, Tratado de Maastricht, Tratado de Amsterdam, Tratado de Niza, Tratado de Lisboa observamos que hay una creciente degradación, donde se van abandonando los presupuestos que se dijeron que se iban a hacer de unidad política, de política exterior, de unidad económica, de cohesión económica, política y social...
Todo eso se ha ido abandonando, en una especie de degradación permanente en donde solamente ha quedado la moneda única como elemento de dominación y de creación de una UE que no tiene nada que ver con discurso inicial que nos vendieron aquellos ideólogos más o menos altruistas, más o menos candorosos de los años 50 y 60.
Pero además la conculcación permanente de documentos de obligado cumplimiento como es la solemne declaración de derechos humanos de NNUU, o los pactos vinculantes de 1966, por no hablar de la Carta Social Europea de 1971. Es decir toda la legislación de protección del trabajo, de protección del empleo, de consideración de las necesidades y derechos inherentes de los trabajadores se van obviando permanentemente.
En cuarto lugar porque estamos ante una UE en la que las diferencias entre regiones y personas son cada vez más crecientes, aumenta el paro y sobretodo lo que se llama las distintas motivaciones, en distintas zonas de Europa que van conduciendo a lo que en un principio se dijo que no podía ser, pero que de hecho es: la Europa de varias velocidades.
Es decir estamos ante la degradación de un discurso, que en un momento se pretendió que fuera una nueva aurora, no solo para Europa, sino para toda la Humanidad.
Yo quiero traer ahora aquí las palabras del que fue presidente del gobierno español Don Felipe González. Una de las personas que más ha luchado y defendido esta UE. Lo que voy a leerles compañeros y compañeras, es un articulo que el Sr. Gonzalez escribió en El País el de 21 mayo de 2016. Dice así:
“Cuando se decidió que debía haber una divisa única, el euro y un único banco central, nos olvidamos de unos cuantos elementos fundamentales para que el sistema funcionase como es debido. No es posible una unión monetaria con políticas fiscales y económicas divergentes. Al negociar el Tratado se hablaba de una unión económica y monetaria, pero solo se desarrollo la unión monetaria acompañada de un pacto de estabilidad y crecimiento, que se pensó que bastaba para garantizar el debido funcionamiento de la moneda única”
En este párrafo González reconoce el fracaso de la actual concepción de la moneda única. No obstante sigue insistiendo que hay que desarrollarla con una argucia. La argucia es hablar de mas Europa, pero sin explicar cuales son los elementos de esa Europa, donde esta el poder popular, que instituciones de origen democrático, que criterios de participación de las poblaciones o de las entidades sociales.
Estamos ante la defensa de algo que ya es indefendible. El articulo del Sr. González sigue diciendo algo muy interesante: habla de las asimetrías, es decir de las consecuencias de aplicar una moneda única a economías totalmente distintas. Y habla de algo que a mi me ha llamado siempre la atención: la obsesión de Bruselas para que se cumpla solo una de las condiciones sobre el déficit. Mientras que incluso se habla de que España puede ser multada porque esta retrasando en alcanzar el 3% del Déficit del gasto publico, se deja de lado que otra de las condiciones que se imponen en el Tratado de Maastricht era que la deuda no podía superar el 60% del PIB. En mi país esta ya en el 100% y aquí nadie dice nada.
Este segundo elemento que era tan importante como el primero, no hay nada que obligue a que se cumpla, lo cual indica que ahí esta la banca de por medio y por tanto los inmensos beneficios que derivan de los recursos que se han ido aportando a las arcas de la banca. Esto demuestra para quien esta hecho este proceso.
Hay una ultima razón que creo debe estimularnos a luchar y a vosotros intentar llegar a un acuerdo. Estamos ante una globalización, pero quiero recalcar un punto. La globalizacion es una cosmovisión, no solamente una filosofía de política económica, sino es una filosofía de valores, de cultura, de concepción del ser humano simplemente como una maquina de producir y consumir. Totalmente ajena a los valores hijos de la ilustración, la Revolución Francesa y los Derechos Humanos.
Esta globalizacion pretende erigirse en gobierno mundial. Pero un gobierno mundial que lo controlen directamente las grandes corporaciones multinacionales y en que los estados soberanos (soberanos es un decir) sean simplemente los que acaten, ejecuten y hagan posible que esas políticas se apliquen en sus Estados. Es decir, unos gobiernos que van a actuar contra sus propias poblaciones, que van a hacer el papel de traidores a los intereses de sus ciudadanos. El ejemplo mas claro la reforma constitucional constitucional del año 2011 que pactaron en España el Partido Popular y el Partido Socialista.
Y eso merece una respuesta, no solamente por combatir por los derechos sociales, sino también para combatir por una civilización, porque esto que viene es barbarie.
Consecuentemente, yo espero, que tras vuestros debates, que seguro serán interesantes y que leeré en su momento, creo que se debe concluir con un esquema de organización embrionario, con un discurso único, con capacidad de explicarlo a la población, con un esquema de organización que llegue a todos los países, que pueda ser seguido de una manera periódica y que podamos nosotros sentirnos en el, como parte de un discurso y una practica política que es necesaria, no solamente para nuestras poblaciones y trabajadores, sino para la humanidad.
Muchas Gracias.



A greeting and a fraternal hug to the comrades gathered in Chianciano who are going to work out policies, speeches and proposals about our common ambition: Find a way out of the euro in our respective countries.

In the first place, as a member of the Platform Against the permanence of Spain in the Euro, I have to congratulate you because arriving at where you are going to work on these days has cost a tremendous effort: incomprehension, organizational difficulties, hostility many times in the media, and why not also say economic difficulties, since this falls on the backs of people who are struggling right now for this position.
Secondly I want to hope that the results of this meeting are positive. And when I say positive, I mean that this meeting can work out a common position and organizational elements of coordination that can be applied in different countries that make up this assembly, plus those that can be added at any time. That is, I hope that from here going to be the beginning of a new situation, a new discourse and a new mobilization to understand EU otherwise. And of course, without the euro.
Izquierda Unida has been the only political force at the state level in Spain, which already in 1992 argued against the Treaty of Maastricht and the single currency. It was a hard, rough internal debate… because we face media and official discourse.
So much so, that our organization suffered a division: 60% in favor of rejecting the Treaty of Maastricht and the single currency and 40% in favor. But despite that we maintain that position. This is for several reasons, I intend briefly to expose.
At first we said no to the euro by evidence of an economic nature. Simply economic analysis. When the Optimal Monetary Zones Theory is to say that it is impossible to build a single currency without a common fiscal policy without common economic policies and a number of key elements capable to make up an unitary type infrastructure, there is no sense for a single currency.
Second, the process of degradation of the initial concept of European Union which was raised in the 50. If we look at the different Treaties like the Single European Act, Maastricht Treaty, the Amsterdam Treaty, the Nice Treaty, the Lisbon Treaty, we observe that there is a growing degradation, because are progressively dropped the goals of political, economic and social unity.
All that has been abandoned, in a kind of permanent degradation where only the single currency remains as an element of domination and creation of an EU that has nothing to do with the initial discourse that sold us those more or less altruistic ideologues, more or less ingenuous in the 50s and 60s.
But besides we must add the permanent violation of mandatory documents such as the solemn declaration of human rights of the UN, or the binding agreements of 1966, not to mention the European Social Charter of 1971. All legislation of work and employment protection, as well as is permanently avoided the consideration of the needs and inherent rights of workers.
Thirdly because we are facing an EU where the differences between regions and people are increasingly growing, increases unemployment and chiefly what is called the different motivations in different parts of Europe that are leading to what at first it was said that could not be, but in fact is the multi-speed Europe.
We are before a degraded discourse, which at one point was intended to be a new dawn, not only for Europe but for all Humanity.
Now I want to bring here the words of who was Spanish Prime Minister Felipe Gonzalez. One of the people that has fought and defended the EU. I'm going to read comrades, is an article that Mr. Gonzalez wrote in El Pais on 21 May 2016. It says:
"When it was decided that there should be a single currency, the euro, and a single central bank, we forget a few key elements to make the system function as it should. It is not possible a monetary union with divergent fiscal and economic policies. When negotiating the Treaty spoke of an economic and monetary union, but only was developed the monetary union accompanied by a stability and growth pact, which was thought sufficient to ensure the proper functioning of the single currency development "
In this paragraph González recognizes the failure of the current conception of the single currency. However, it continues to insist that should be developed in a ruse. The trick is to talk about more Europe, but without explaining what the elements of that Europe, where is this popular power, which are the institutions of democratic origin, which are the criteria for participation of populations or social entities.
We are witnessing the defense of something that is indefensible. Mr. González article goes on to say something very interesting: it speaks of asymmetries, ie the consequences of applying a common currency for a  totally different economies. And he talks about something that I have always called my attention: Brussels obsession to be fulfilled only one of the conditions on the deficit. While is even talk that Spain can be fined because it delayed in reaching the 3% deficit of public spending, leaving aside that another of the conditions imposed by the Treaty of Maastricht was that the debt could not exceed 60% of GDP. In my country it is already at 100% and here nobody says anything.
This second element was as important as the first, there is nothing that forces that this condition must be met, indicating that there is the banks’ interests and therefore the immense benefits derived from the resources that have been contributing to the banking coffers. This shows for whom is made this process.
There is one last reason I think should encourage us to fight and you to try to reach an agreement. We are facing globalization, but I want to emphasize a point. Globalization is a worldview, not just a philosophy of economic policy, but is a philosophy of values, culture, conception of human beings simply as a machine to produce and consume. Totally alien to the values which proceed from the Enlightenment, the French Revolution and Human Rights.
This globalization aims to become world government. But a world government directly controlled by the large multinational corporations and where sovereign states (relatively sovereign) are reduced to mere executors of these policies. That is, governments that will act against their own people, they will do the role of traitors to the interests of its citizens. The clearest example constitutional is the constitutional reform of 2011 in Spain,  that resulted from pact between the Popular Party and the Socialist Party.
And that deserves an answer, not only to fight for social rights, but also to fight for a civilization, if not barbarism shall come coming.
Consequently, I hope that after your discussions, which are sure to be interesting and I'll read at the time, I think it should conclude with a unified discourse, able to explain this situation to the population, with the build up of a organizational scheme that reaches all countries, which can be followed on a periodic basis and may we feel in as part of a discourse and political practice that is necessary, not only for our people and workers, but for humanity.

Thank you.

Continua »

Print Friendly and PDF

DENTRO QUESTO SISTEMA NON C'È SALVEZZA di Marco Zanni

[ 25 settembre ]

COME FUNZIONA IL MECCANISMO PERVERSO DELL'EURO? 
EVIDENZA DALLE "RIFORME STRUTTURALI" DEL LAVORO

Ormai a tutti quelli che mi seguono è chiaro che in un sistema a cambi fissi come l'eurozona l'unico modo che un paese ha (non potendo svalutare la moneta) per recuperare il gap di competitività causato dai differenziali di inflazione cumulati è attuare la svalutazione interna, cioè austerità, distruzione della domanda e svalutazione salariale.

Ora, analizzando i dati su impiego e inflazione nell'eurozona, possiamo trovare evidenza empirica di come questo sistema perverso opera nel concreto. 

Anche ad agosto c'è stato un leggero aumento degli occupati nell'eurozona, che il governo Renzi, ormai alla canna del gas, ha sbandierato come grande successo. Ora tralasciando il fatto che i dati così calcolati (da ISTAT e eurostat) siano fasulli e non rappresentino la realtà, prendiamo il dato per buono e positivo. L'occupazione è aumentata, siamo contenti e dovremmo vedere miglioramenti sensibili anche su altri indicatori macroeconomici, soprattutto l'inflazione. Ci sono più lavoratori, più soldi che girano e vengono spesi e di conseguenza più domanda di beni, il cui prezzo dovrebbe aumentare e così l'inflazione. Invece no, l'inflazione nell'eurozona anche ad agosto rimane al palo. Qual è il motivo? Il motivo sono i salari!!! I salari non crescono!!! Ci sono più lavoratori ma nel complesso guadagnano meno.

Questo è l'obiettivo delle riforme del lavoro imposte dalla troika e dall'UE in tutta Europa: Jobs Act, Loi Travail, riforme Hartz, riforme del lavoro di Zapatero e Rajoy. La famosa flessibilità del lavoro non crea occupazione (l'Employment Protection Legislation Index dell'OCSE lo dimostra) ma serve solo a mantenere alta la pressione sui salari per salvare la moneta unica e la struttura su cui si regge l'euro.

È chiaro quindi che il sistema che ci stanno imponendo sta distruggendo la ricchezza, i diritti sociali, il lavoro e i salari in nome del mantenimento della salvezza di un progetto insensato che si chiama Unione Monetaria Europea?

Dentro questo sistema non esiste salvezza, saremo solo degli schiavi moderni, una nuova colonia del liberismo più sfrenato

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 24 settembre 2016

M5S: SYRIZA SIA DI MONITO di P101 e Meridionalisti Italiani

[ 24 settembre ]

Qui sotto il volantino che viene distribuito oggi a Palermo ai partecipanti alla manifestazione nazionale del Movimento 5 Stelle.Il volantino è a firma di Programma 101 e dei Meridionalisti Italiani.


«Vogliamo esprimervi la nostra vicinanza contro gli attacchi da parte dei partiti e dei media di regime. Non c’è dubbio su chi siano i mandanti, sono i poteri forti neoliberisti. Vi attaccano facendo quadrato attorno al loro principale braccio politico, il Partito democratico. 
Attenti però. Quelli che comandano davvero sono furbi. Nel caso l’uso del bastone non sortisca gli effetti sperati, hanno in serbo per voi un “piano B”, quello della carota: cercheranno di addomesticarvi, di rendervi potabili, di corrompervi affinché diventiate innocui. Quanto accaduto in Grecia con Syriza sia di monito.
Assieme ai tanti cittadini che vi hanno votato, vogliamo sperare che saprete resistere non solo agli attacchi frontali ma pure alle sirene del potere. Non ci pare vano ricordarlo nel Paese del trasformismo e del gattopardismo
Il volantino
Il Paese, per uscire dalla più grave crisi della sua storia recente, ha bisogno di una svolta radicale, economica, politica e morale. Siccome siete la forza principale dell’opposizione democratica, ogni vostra mossa, riguarda non solo voi, ci riguarda tutti. 
Lasciateci essere franchi: qui vediamo i limiti della vostra visione e azione politica. 
- Chiedere “onestà” è sacrosanto, sbagliato è invece barricarsi dietro al giustizialismo manettaro il quale, mentre calpesta il principio della “presunzione d’innocenza”, affida alla casta della magistratura una inaccettabile sovranità di ultima istanza. - Giusto combattere il malaffare nella pubblica amministrazione, del tutto sbagliato è fare credere ai cittadini che se il Paese si trova nel marasma ciò dipenda principalmente dalla corruzione, che è invece solo l’epifenomeno del sistema di rapina neoliberista.- Avete giustamente contestato le privatizzazioni ma avete anche alluso ad un taglio devastante della spesa pubblica (che invece necessario aumentare se si vuole davvero mettere al centro il lavoro).- Dite che è necessario riguadagnare la sovranità popolare e nazionale ma Di Maio non perde occasione per dire che si oppone all’uscita dalla gabbia dell’euro. - La stessa ambiguità è possibile riscontrarla sul sistema elettorale. In questi giorni dite di essere per la proporzionale: benissimo! Il problema è che riproponete il cosiddetto “democratellum”, basato su un finto proporzionale (modello spagnolo) che, grazie ai collegi piccoli ed all’assenza del recupero dei resti in un collegio unico nazionale, distorce pesantemente la proporzionalità (sbarramento reale al 5%), favorendo scandalosamente i partiti maggiori (col 40% dei voti, proprio come vuole Renzi, si otterrebbe la maggioranza assoluta dei seggi in Parlamento), violando in tal modo il principio costituzionale della rappresentanza e dell’uguaglianza del voto.- Come la vicenda di Roma dimostra, non si vince il potere mafioso restando imbottigliati nella loro stanza dei bottoni. Indispensabile è chiamare i cittadini all’impegno e alla lotta, renderli protagonisti del cambiamento. E’ in basso, tra il popolo, che sono depositate le energie per battere chi comanda e cambiare l’Italia da cima a fondo. 
Non si può essere antiliberisti, democratici e patrioti il sabato, e la domenica accettare il paradigma della governabilità, strizzando l’occhio al liberismo e all’Unione europea. Non si può difendere la speranza di cambiamento di chi sta in basso e poi fare il Giro delle Sette Chiese per tranquillizzare proprio chi comanda. 
E’ molto importante che, in vista del referendum, vi stiate gettando con tutto il vostro peso nella battaglia per affossare la controriforma istituzionale e mandare a casa Renzi. Se questi sarà battuto si porrà presto la questione di un governo di alternativa per il nostro Paese. Nessuna ambiguità sarà più ammessa. 
E’ giusto respingere ogni inciucio e ogni alleanza coi partiti di regime siano essi di destra o di sinistra, errato pensare di essere autosufficienti. 
Per vincere occorre che la maggioranza degli italiani si mobiliti, che in ogni città il popolo si organizzi per sventare la reazione di chi comanda. Quindi NO ai compromessi con la casta, SÌ invece, seguendo l’esempio del CLN e della lotta di liberazione, ad un fronte comune che raggruppi tutte le forze popolari, democratiche e patriottiche. 
Che M5S promuova un grande congresso nazionale popolare, aperto a tutti i cittadini italiani e agli organismi della società civile che vogliono essere protagonisti del cambiamento e della liberazione democratica del Paese dal tumore neoliberista, dalla gabbia eurocratica e dalla loro casta di servi politici.

Palermo, 24 settembre 2016»

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 23 settembre 2016

DOPO RENZI LA TROIKA? La resa dei conti si avvicina di Moreno Pasquinelli

[ 23 settembre ]

«Ci sono solo due possibilità: o gli italiani, già apparentemente assuefatti e supini, si faranno impaurire e accetteranno la forma estrema di asservimento e sudditanza, oppure si solleveranno. Non ci sono vie di mezzo: o la resa o la rivolta sociale, o subire un regime di protettorato coloniale o una rivoluzione democratica».

Sono molte, ed evidenti, le analogie tra Renzi e Berlusconi. Prima fra tutte è l'ostinazione a raccontare fanfaluche. Montanelli disse un giorno del Cavaliere che era un inguaribile "piazzista", imbattibile nel vendere patacche spacciandole per mercanzia di primissima qualità. Si capisce dai suoi atteggiamenti spavaldi come Renzi si ritenga ancor più abile di Berlusconi. In questa sua pretesa, inversamente proporzionale alla sua statura politica, egli fa addirittura tenerezza. 

Prendiamo la narrazione renziana di come vanno le cose nell'Unione europea. Vanno esattamente all'opposto di come il "bomba" ce le ha raccontate solo fino a pochi giorni fa. Egli ci diceva che la Brexit avrebbe reso l'Unione europea più forte e con un ruolo centrale dell'Italia. Ci diceva che Hollande era oramai conquistato alla causa della fine dell'austerità. Ci diceva che a Ventotene era sorto un "nuovo direttorio a tre con Germania e Francia".

Il summit di Bratislava ha polverizzato come scemenze queste pretese e Renzi se n'è tornato a casa con le ossa rotte. Di più, Bratislava ha mostrato —in barba a chi vaneggia un rafforzamento della Ue—quel che andiamo dicendo da tempo: l'accelerazione del processo di disgregazione dell'Unione europea.

Allo stesso modo di Berlusconi, che fino all'ultimo negò che il Paese fosse dentro una gravissima crisi economica, il "bomba" tenta disperatamente di convincere gli italiani che "siamo usciti dal tunnel".

Puoi raccontare finché vuoi che splende il sole (che l'economia italiana non è in inarrestabile depressione), ma quando sopraggiunge la pioggia, si apre l'ombrello e l'imbroglione viene preso a calci nel culo.

Il distacco tra la narrazione renziana e la realtà è talmente evidente che è presumibile che l'impostore faccia la stessa fine del suo mentore: spazzato via. Con una differenza non da poco: mentre Berlusconi venne defenestrato da una congiura di Palazzo, Renzi sarà mandato a casa dal voto dei cittadini grazie al suo stesso referendum costituzionale. Nel primo caso i poteri forti si tennero ben stretti il pallino in mano, ed infatti misero il vampiro Monti in sella. Questa volta, con la auspicabile vittoria dei NO, i poteri forti, tutti schierati per il SÌ, sarebbero battuti assieme al loro pupillo fiorentino, resterebbero spiazzati. Che abbiano in serbo un loro piano di riserva non ne dubitiamo. Quale? Non è escluso l'arrivo della troika, per stringere i bulloni del vincolo esterno, del regime di protettorato.

Nel marzo del 2014, su questo blog, scrivevo:

«Se Renzi fallisce, e ci sono molte probabilità che ciò accada (Nun 'gna fa, nun 'gna fa!, direbbe il comico), la Troika è in agguato. La macchina del capitalismo predatorio, forte del consenso tedesco, della Bce e dei tecno-oligarchi di Bruxelles, si giocherà l’ultima carta a sua disposizione per salvare la moneta unica moribonda (la cui fine darebbe un colpo fatale all’intera baracca del capitalismo-casinò). Ricorrerà dunque, visti che i vari tentativi posti in essere ad ogni livello sono stati sin qui inefficaci, all’arma di distruzione di massa, quella di sottoporre il Paese al dominio diretto della Troika». [Matteo Renzi: il tonfo col botto prossimo venturo]
Cosa mi spingeva a questa conclusione? Gli euroligarchi, per nome e per conto della grande finanza capitalistica mondiale tutta, non molleranno la presa, non vorranno perdere il comando sull'Italia, che se lo perdessero sarebbe la fine subitanea dell'Unione europea e della moneta unica. Resto della medesima opinione. 

Beninteso, quando parlo dell'arrivo della troika non penso che metteranno, che so, Jeroen Dijsselbloem a Palazzo Chigi. Come fu con Monti troveranno un'altra marionetta con passaporto italiano. E gli apriranno la strada facendo saltare il sistema bancario italiano, e forse speculando nuovamente sul debito pubblico (spread), o con una combinazione terroristica dei due fattori.

Ma allora sorge la domanda: cosa accadrebbe se, dopo tre governi fantoccio messi sù in barba ai desiderata della maggioranza dei cittadini, i poteri forti tentassero di aggirare e neutralizzare la vittoria dei NO? Se quindi, con un nuovo golpe bianco, provassero ad impedire al popolo la facoltà di decidere da chi vogliono essere governati?

Ci sono solo due possibilità: o gli italiani, già apparentemente assuefatti e supini, si faranno impaurire e accetteranno la forma estrema di asservimento e sudditanza, oppure si solleveranno. Non ci sono vie di mezzo: o la resa o la rivolta sociale, o subire un regime di protettorato coloniale o una rivoluzione democratica.

Ognuno che abbia sale in zucca e coraggio politico si adoperi affinché accada la seconda che ho detto.








Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 22 settembre 2016

TANTO TUONÒ (CHE NON PIOVVE) di Emmezeta

[ 22 settembre ]

Come previsto: macché Consulta, macché parlamento, la sorte dell'Italicum verrà decisa dal referendum..

Dunque l'equinozio d'autunno non ha portato alcuna tempesta politica. Alla Camera la mozione di Sinistra Italiana, votata anche da M5S che ha poi raccolto 74 voti a sostegno della sua proposta di legge, non ha avuto alcun effetto. Mentre anche la destra ha ottenuto la miseria di 43 voti su un testo alquanto generico, la mozione di maggioranza è passata con 293 voti contro 157.

Questa mozione non dice assolutamente nulla, limitandosi ad una disponibilità a «consentire ai diversi gruppi parlamentari di esplicitare le proprie eventuali proposte di modifica della legge elettorale attualmente vigente e valutare la possibile convergenza sulle proposte». Eccola qui la famosa "apertura" di Renzi! E che ci voleva una risoluzione parlamentare per affermare una simile banalità? Siamo dunque di fronte al nulla circondato dal niente. Come previsto Renzi va dritto sulla sua strada.

Che in parlamento non sarebbe successo nulla di importante già si sapeva. Diverso il discorso sulla Corte Costituzionale. Quest'ultima, lunedì scorso, ha annunciato la scelta di rinviare il proprio giudizio sull'Italicum - originariamente previsto per il 4 ottobre - a data da destinarsi, cioè a dopo il referendum. Una decisione che merita qualche commento.

In primo luogo l'annuncio del rinvio è certo il frutto di uno scontro interno. In secondo luogo, è chiaro che non si è voluto mettere in difficoltà Renzi. In terzo luogo, rimandando la decisione la Corte si riserva di fatto un probabile ruolo di decisore d'ultima istanza della nuova legge elettorale.

Se la prima osservazione è fin troppo ovvia, evidenziando un opportunismo certo non nuovo dalle parti del Palazzo della Consulta, è sulle altre due questioni che bisogna spendere qualche parola.


Dalle parti del governo si ringrazia comprensibilmente la Corte per aver disinnescato una mina assai sgradita a Renzi. Una eventuale bocciatura dell'Italicum avrebbe infatti finito per bollare come incostituzionale l'intera controriforma renziana, basata proprio sul famoso combinato disposto Italicum-legge costituzionale.

E tuttavia, proprio la motivazione del rinvio, incentrata sul fatto di non voler interferire con il voto referendario, dimostra quanto il legame tra referendum e legge elettorale sia di fatto inscindibile. Su questo abbiamo scritto innumerevoli volte e non ci torniamo sopra. Quel che conta è che questo dato di fatto sia oggi riconosciuto anche formalmente, al di là dei patetici tentativi del capo del governo di negare l'evidenza.

Non tutto il male viene dunque per nuocere. Il rinvio della Consulta impedisce il depotenziamento degli effetti politici del referendum, e questo è un bene, anche se ciò vale sia nel caso dell'auspicata vittoria del no, come in quello di un'affermazione del sì.

Ma abbiamo segnalato una terza questione, per certi aspetti la più importante: il ruolo di supplenza, nei confronti del parlamento, che la Corte si auto-assegna con la decisione di lunedì scorso. Perché annunciare a maggio una decisione ad ottobre, per poi rinviarla a due settimane dalla data indicata? Curioso, no? Eppure è proprio quel che ha fatto il presidente Paolo Grossi. E' chiaro che una simile giravolta deve avere motivi più profondi di quelli sin qui esaminati.

Quali possano essere questi motivi è presto detto. Con la vittoria del no l'intero sistema politico italiano - che già si regge su una maggioranza che non è tale nel Paese - rischia di andare completamente in tilt. L'Italicum decadrebbe di fatto non essendo applicabile ad un sistema bicamerale, ma come modificarlo in tempi rapidi? Sarebbe capace l'attuale parlamento di trovare un accordo per farlo? Lo stesso sparpagliamento nel voto di ieri alla Camera fa pensare il contrario. Ecco che allora la Corte Costituzionale potrebbe entrare in gioco, togliendo così le castagne dal fuoco ad un sistema politico imballato.

Ovvio che una decisione ad ottobre avrebbe pregiudicato quella che potrà essere presa magari a gennaio in base a quel che uscirà dalle urne. Non entriamo qui nel merito di quale potrebbe essere questa decisione. Basti sapere che la modifica dell'Italicum può avere varie gradazioni, con effetti sulla legge assai diversi tra loro. Si potrà avere una vera modifica radicale solo con la cancellazione del premio di maggioranza oltreché del ballottaggio. Si avrebbe invece una modifica assai fiacca (e mirata soltanto a colpire M5S) con la cancellazione del solo ballottaggio. Si avrebbe infine un'autentica presa in giro se la modifica si limitasse al ripristino delle coalizioni e del voto di preferenza.

Come si vede, la Consulta ha in mano le chiavi del ridisegno del sistema politico. Ed ha deciso di tenersele ben strette. E' un bene od un male tutto ciò? Di certo è una conseguenza del pasticciaccio renziano, l'aver voluto fare una legge per un sistema mono-camerale, quando questo sistema deve ancora passare al vaglio del referendum. Ma c'è di più. C'è che quella legge, fatta per garantire una maggioranza spropositata al Pd, potrebbe ora mandare al governo il Movimento Cinque Stelle. Da qui la pittoresca retromarcia di molti estimatori della prim'ora.

Adesso questi pentiti di quel che hanno votato hanno idee assai diverse su come venirne fuori. Ecco perché potrebbe toccare ad una sentenza della Corte la scrittura de facto della nuova legge. Segno di una crisi politica ormai giunta al suo stadio terminale.

Ma non possiamo sapere ora quel che accadrà. Sappiamo invece cosa ci consegna questo quadro. Siccome la futura decisione della Consulta avrà necessariamente una natura politica, così come l'ha avuta quella del rinvio, essa non potrà prescindere più di tanto dal responso delle urne. Diventa quindi ancora più importante vincere il referendum e vincerlo bene. Solo una valanga di no seppellirà veramente l'Italicum. Diamoci tutti da fare.

Continua »

Print Friendly and PDF

POLANY MOMENT (quale strategia di superamento dell'euro?) di Sergio Cesaratto

[ 22 settembre ]

Sergio Cesaratto è stato uno degli oratori al III. Forum no euro svoltosi a Chianciano Terme. Qui sotto il testo integrale del suo intervento alla sessione d'apertura. Una prolusione densa, su cui in molti dovrebbero meditare.
Da sinistra: Lapavitsas, langthaler e Cesaratto

Ogni volta che devo intervenire a un convegno politico sull’Euro/pa mi prende un po’ di ansia. Cosa dire di nuovo, che non ci siamo già detti. E che fare? Sia disegnare vie d’uscita dal presente, che delineare il futuro, sono compiti impervi. All’interno della crisi europea, inoltre, il nostro paese vive una crisi verticale che viene da lontano. Su questo ho scritto in una delle lezioni del mio libro: la scelta delle classi dirigenti di questo paese, con poche eccezioni, è stato di scontro con le istanze popolari, da ultimo attraverso il vincolo estero, prima dello SME e poi dell’euro. Il paese nel suo complesso ha pagato duramente tale incapacità a governare in maniera progressiva il conflitto sociale. Oggi il paese è impoverito sotto ogni punto di vista, materialmente, culturalmente, tecnologicamente, ed è privo di classi dirigenti oneste e capaci a quasi ogni livello.
Il dibattito ha tuttavia fatto emergere in questi giorni alcuni temi su cui esercitare un nostro sforzo di analisi.
Quale strategia di superamento dell’euro? Quali slogan convincenti da proporre?
Mi riferisco soprattutto allo scambio Varoufakis-Fassina (quiqui, e qui). Da un lato la strategia proposta dall’ex ministro greco è che un governo progressista dovrebbe farsi cacciare disubbidendo ai Trattati europei. Qui bisogna stare attenti. I Trattati fiscali sono assolutamente coerenti con la moneta unica: paesi senza una propria banca centrale hanno necessariamente vincoli di bilancio (è così per esempio per ciascuno degli Stati che compongono gli USA, dove però a compensazione c’è un governo federale con un cospicuo bilancio e una banca centrale cooperativa). Fassina coglie in un qualche modo il punto: “La strategia di «disobbedienza ostinata», sebbene molto difficile, può essere [solo] efficace in un paese europeo che ancora dispone della sua moneta e della sua banca centrale.” Certo, si può ricorrere a escamotages come quello di emettere una moneta nazionale “parallela” come proposto anche in Italia. Ma si tratta, con tutto il rispetto per i proponenti, di sotterfugi dalle gambe corte. Quindi violare i Trattati implica la rimessa in discussione di tutto l’impianto europeo. Mission impossible per qualunque singolo Stato (o persino coalizione di Stati).
Alla proposta di Varoufakis, Fassina propone una strategia di separazione consensuale dell’unione monetaria salvando l’UE. In tal modo si eviterebberoritorsioni del resto dell’Europa, come accadrebbe a paesi che sfidassero l’Europa venendo espulsi. La salvaguardia dell’UE svolgerebbe anche una funzione protettiva da accuse di anti-europeismo o nazionalismo. In questo si dimentica che anche l’UE è creatura liberista.
Nella sua replica Varoufakis ha avuto gioco facile nel mostrare a Fassina che il solo accenno a una trattativa su una separazione consensuale porterebbe al caos finanziario. Referendum o trattative proprio non si possono fare, i mercati non lo consentirebbero. Per difendere l’idea che da ultimi si può reagire positivamente a una espulsione, è interessante che Varoufakis dichiari che egli era pronto a rompere con la Troika nel luglio 2015 ed essere espulso avendo già predisposto un piano X – sebbene fiducioso che dietro una minaccia credibile (come si usa dire in teoria del giochi di cui l’ex ministro è esperto), la Troika avrebbe alla fine accettato un memorandum più ragionevole. Lui sarebbe comunque rimasto “imperturbabile”, accettando l’espulsione, se le “istituzioni” non avessero accondisceso. Il governo greco sarebbe però stato diviso in merito e non giocò la carta della minaccia credibile [Qui ci sarebbe da ricordare che le proposte più ragionevoli che Varoufakis avrebbe accettato sulla carta non sono diverse da quelle nei fatti adottate in pratica - e simili a quelle perorate dal FMI, l’attore più “umano” della Troika. Le richieste siglate da Tsipras erano così assurde da non poter essere implementate alla lettera sicché le istituzioni si dovranno alla fine accontentare che la Grecia ne attui solo una parte; la storia è simile a quella della riduzione del debito pubblico al 60% del Pil in 20 anni in ciascun paese europeo: così assurda che nessuno vi ha posto mano; ciò non toglie che la morsa dell’austerità non sia continuata. Insomma, Varoufakis avrebbe comunque accettato un pacchetto killer. Sarebbe tuttavia utile a tutti conoscerlo questo Piano X! ]
Dunque superamento consensuale no; violazione dei Trattati neppure; fuori dall’euro: forse non troppo popolare. Che proporre allora? Non blocchiamoci su questo. Noi sappiamo come un’area valutaria potrebbe funzionare meglio e perché è però impossibile che l’Europa muti in questa direzione - principalmente per l’opposizione tedesca a dismettere il mercantilismo ma anche, giustificatamente, perché quel popolo non vuole essere obbligato a una solidarietà fiscale verso altri popoli. Sappiamo che l’euro è il principale ostacolo (sebbene non l’unico) a politiche di piena occupazione, e che l’UE impone politiche liberiste (per esempio impedisce politiche industriali di intervento pubblico diretto). Abbiamo proposte per un’Europa post-euro (e forse post-UE) - per esempio applicare le idee di Keynes per un nuovo ordine monetario europeo. Insomma abbiamo molte proposte “illuminate” da contrapporre a chi ci tratta da populisti. Populisti saranno loro col loro mantra delle riforme strutturali e il fallimento delle loro politiche![1] Alla gente e a quel poco di “movimenti” che esistono dobbiamo indicare euro ed Europa come strumenti di smantellamento di occupazione e diritti sociali. In questo la sinistra si deve riproporre come portatrice del diritto a lavoro, salute e istruzione per tutti e a tutti i costi.
Noi non sappiamo quale scenario si prospetta: una tempesta perfetta con crollo dell’euro in seguito a un evento fatale come una Presidente Le Pen che fa la dura, o un crisi bancaria italiana che faccia scendere in piazza i risparmiatori?
Quello che è chiaro è che al di là delle elucubrazioni internazionaliste di Varoufakis e di qualche sciagurato nostro conterraneo, la sinistra di ciascun paese, mai andasse al governo, dovrà essere pronta ad affidarsi solo alle proprie forze, a meno dell’apertura di inattesi scenari keynesiani internazionali (potrebbero aprirsi sulle rovine di una caduta dell’euro, chissà?). Si tratta di attuare un’economia dei controlli su merci e capitali, quasi un’economia di guerra, e in un paese solo, e in questo non stiamo reinventando niente che si sapesse (se lo si voleva sapere). Vorrei solo aggiungere che la situazione è ancor più difficile di 40 anni fa quando la sinistra laburista perorava l’economia dei controlli: allora c’erano i paesi socialisti e paesi in via di sviluppo progressisti con cui rapportarsi, attualmente è più complesso. Oggi un paese progressista è solo di fronte a un capitalismo globale selvaggio. Non so se tutto questo possa avere un seguito popolare. Certo odora molto di elementi di socialismo (per giunta in un paese solo!). E ciò vuol dire che sull’economia dei controlli pesa la tara storica della sconfitta del socialismo reale. Una buona ragione per raccogliere la sfida e pensarci meglio su.
L’idea che l’obiettivo della piena occupazione e della giustizia sociale non possano fare affidamento su contesti internazionali favorevoli e addirittura solidali ci porta all’altra vexata quaestio di quale internazionalismo.
Quale internazionalismo?
Varoufakis attacca Lexit e quanti a sinistra ritengono che la battaglia cominci dal (sebbene non si risolva completamente nel) proprio paese e che, come ben sanno i popoli dei paesi nordici, lo spazio democratico coincide, almeno in questa fase storica, con quello dello Stato-nazione, mentre le strutture sovranazionali hanno fondamentalmente una funzione reazionaria. Per Varoufakis ci si deve affidare a un internazionalismo inteso come un continuum fra le lotte ai diversi livelli di governo (municipale, nazionale, sovranazionale) indipendentemente dallo Stato nazionale entro cui si svolgono.
Come ha sostenuto Lee Jones su Jacobin (la rivista dove si è svolto il dibattito) un ottimo critico di Varoufakis (qui): Varoufakis “ignora il fatto che il solo ‘demos’ reale che attualmente esiste risiede a livello domestico [nazionale] … a parte una piccolo cosmopolitismo … popolare fra le élite metropolitane, la vasta maggioranza degli europei rimane primariamente attaccata e interessata nella politica democratica nazionale”.
Chi usa un linguaggio a dir poco saccente a proposito di chi rivendica lo Stato nazionale come terreno irrinunciabile di esercizio della lotta democratica, potrebbe utilmente rileggersi i saggi di uno dei maestri dell’economia eterodossa, Massimo Pivetti:
“Il lavoro dipendente può considerarsi come il soggetto collettivo maggiormente interessato alla sovranità dello Stato-nazione,  condizione necessaria tanto della sovranità popolare che della tutela effettiva degli interessi del  lavoro dipendente. La sua forza relativa all’interno di una nazione ed il quantum di sovranità  della stessa in campo economico sono direttamente correlati e tendono ad interagire: una perdita di sovranità nazionale tende a provocare una riduzione della forza relativa del lavoro dipendente, che, a sua volta, tende a tradursi in un’ulteriore perdita di sovranità.
E così si esprimeva Bob Rowthorn, uno dei principali esponenti post-Keynesiani di Cambridge e fautore della Alternative Economic Strategy:

“La crisi che colpisce milioni di cittadini britannici è ora su di noi. Se la sinistra intende sfruttare questa situazione, essa deve adottare un programma che offra alla gente qualche speranza, e deve dunque ragionare in termini di qualcosa di più pratico della rivoluzione europea o mondiale. Coloro che attaccano una strategia nazionale per il socialismo in Gran Bretagna come destinata al fallimento e si appellano a una rivoluzione europea o mondiale possono sembrare molto rivoluzionari. Ma nei fatti la loro è la dottrina della disperazione, e per quanto molte delle loro opinioni possano ispirare una piccola avanguardia di simpatizzanti, essi non possono che ispirare demoralizzazione fra le masse di lavoratori a cui non offrono niente” (Citato in Sei lezioni, p. 182; si veda anche la discussione qui). 

[Ça va sans dire che le proposte di controllo dei movimenti di capitale e delle merci di Pivetti e Rowthorn sono note da decenni e da loro le abbiamo apprese, come ho sempre ampiamente precisato nei miei scritti - ma questa è una delicatezza un po’ passé].

Estrapolare citazioni dal loro contesto è sempre rischioso, ma è pur sempre Marx che nella Critica al Programma di Gotha scrive limpidamente che: 
“S'intende da sé, che per poter combattere, in generale, la classe operaia si deve organizzare nel proprio paese, in casa propria, come classe, e chel'interno di ogni paese è il campo immediato della sua lotta. Per questo la sua lotta di classe è nazionale, come dice il Manifesto comunista, non per il contenuto, ma ‘per la forma’” (Marx 1975, mio corsivo, si veda anche qui).[2]
La posizione di Varoufakis e dei suoi accoliti nostrali al riguardo è dunque estremamente debole e impregnata di ideologismo. Qui non si tratta di difendere il concetto di Nazione come un valore in sé o negare l’aspirazione alla fratellanza fra i popoli o le classi lavoratrici. Il problema è se è una strategia plausibile quella che propone l’arena europea come terreno di possibile scontro fra forze popolari e borghesia, oppure se già sarebbe molto se questo scontro riprendesse nei singoli paesi con l’obiettivo di ripristinare condizioni di controllo democratico sulle leve monetarie e fiscali dell’economia. L'unica strategia possibile è attualmente che intanto in ciascun paese ciascun popolo si batta per riappropriarsi della propria democrazia, altro che nazionalismo! Come ben commenta Lee Jones: “Varoufakis meramente respinge questo in maniera retorica, in favore di un internazionalismo sinistrese ottocentesco. Tuttavia il meccanismo per realizzare questa solidarietà internazionale è una lotta da svolgersi a diversi livelli cosicché i governi – i governi nazionali – diventano capaci di resistere ai dicktat dell’UE. Varoufakis perciò, ha bisogno e detesta lo Stato nazionale e i “national publics”,[3] rifugiandosi così nella fantasia del ‘repubblicanesimo transnazionale’” (qui, corsivo nell’originale).
Fassina ha dunque ragione quando argomenta che Varoufakis ha una visione ingenua, ma diffusa a sinistra, per cui la lotta in Europa è fra l’insieme dei popoli e l’insieme delle grandi banche; nei fatti, invece, paesi come la Germania vedono una connivenza fra capitale nazionale e grandi sindacati (se volete chiosate “purtroppo”, a me interessano i fatti non il moralismo di sinistra) nel sostenere politiche mercantiliste, ricorda opportunamente Fassina. O vogliamo parlare del perseguimento di interessi nazionali nella politica estera e commerciale dei singoli grandi Stati europei? Quello che non va bene in Fassina è invece l’attestarsi sulla difesa della UE per accreditarsi come europeista (e perciò internazionalista), dimenticando che anche l’UE è creatura liberista (per non parlare della sua politica estera, quando ve n’è una, come nel caso del sostegno ai nazisti ucraini).
Quindi io direi che le accuse che ci vengono mosse vanno rispedite alla fonte con gli interessi di velleitarismo politico, di ideologismo, di disinteresse per le condizioni materiali delle grandi masse. Dobbiamo però stare attenti alle parole che usiamo, non utilizzare le medesime della destra (come sovranismo). E naturalmente non contaminarci con la destra. Ciò detto, ci sono anche elementi in comune con Varoufakis, in particolare l’irriformabilità dell’Europa attuale. Siccome dobbiamo fare politica e unire le forze, bene non rompiamo i ponti con lui e i movimenti che anche in Italia guardano a lui.
Polany moment
Il voto popolare per la Brexit o i consenso di Sanders (ma anche quello di Trump) sono stati accostati a quello che il famoso antropologo ungherese Karl Polany definiva come “doppio movimento”. Come sapete Polany riteneva l’economia di mercato come una violazione della vita comunitaria, e quando l’invadenza del libero mercato si fa troppo pressante, la società reagirebbe domandando protezione contro gli effetti più devastanti del mercato, per esempio attraverso le istituzioni dello stato sociale. Ma, Polany riteneva, anche attraverso il fascismo. E infatti notate come molti movimenti di destra si pongano oggi come paladini dello stato sociale e dell’occupazione, almeno per gli autoctoni (laddove questi ultimi percepiscono gli immigrati come un aspetto dello smantellamento delle protezioni conquistate nel secolo scorso). Non so quanto le tesi di Polany siano scientificamente comprovate, ma certo la nostra percezione è che la distruzione in corso delle garanzie “dalla culla alla tomba” offerte dallo stato sociale e dal pieno impiego sia una violazione di principi basilari di umanità. Unione europea ed euro sono veicoli, armi di questa distruzione di massa. Persino a “lor signori” è chiaro che quello che viene chiamato populismo è un ya basta! a questa violazione continua dei diritti più elementari, lavoro, salute, istruzione (e democrazia costituzionale). Noi siamo parte di questo movimento di reazione.
Addendum
Del prof. Massimo Pivetti, uno dei maggiori economisti eterodossi del mondo, si veda: 
Pivetti, M. 1998. Monetary versus political unification in Europe. On Maastricht as an exercise in ‘vulgar’ political economy, Review of Political EconomyVol. 10, no. 1, 5-26. 
Pivetti, M. 2011, Le strategie dell’integrazione europea e il loro impatto sull'Italia, in Un’altra Italia in un’altra Europa – Mercato e interesse nazionale, L.Paggi (ed), Firenze, Carocci. 
Pivetti, M. 2013a. On the gloomy European project: an introduction,Contributions to Political Economy, vol. 32, 1-10 
E a giorni: A.Barba & M.Pivetti, La scomparsa della sinistra in Europa, in uscita con Imprimatur, di cui parleremo a lungo. Ampi stralci delle sue tesi sono richiamati in S.CesarattoAlternative interpretations of  a stateless currency crisisCambridge Journal of Economics (in corso di pubblicazione).




[1] Riconosco che nel convegno alcune relazioni hanno dato un’accezione positiva al termine populismo, se inteso come intransigente difesa dei diritti sociali di grandi masse popolari.
[2] Marx, K., Critica del Programma di Gotha, 1875, https://www.marxists.org/italiano/marx-engels/1875/gotha/index.htm
[3] “National publics” è così definito da Wikipedia: “Publics are small groups of people who follow one or more particular issue very closely. They are well informed about the issue(s) and also have a very strong opinion on it/them.”

Continua »

Print Friendly and PDF

Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (641) euro (625) crisi (591) economia (454) sinistra (387) finanza (251) Movimento Popolare di Liberazione (237) sfascio politico (235) grecia (225) resistenza (217) elezioni (199) internazionale (190) banche (185) risveglio sociale (183) teoria politica (180) imperialismo (173) M5S (168) seconda repubblica (167) alternativa (165) Syriza (144) Tsipras (141) sovranità nazionale (136) Leonardo Mazzei (122) Matteo Renzi (113) Moreno Pasquinelli (106) antimperialismo (106) debito pubblico (101) democrazia (97) marxismo (97) sollevazione (97) destra (93) Grillo (92) berlusconismo (91) sovranità monetaria (91) PD (90) proletariato (88) costituzione (83) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) austerità (78) spagna (76) islam (73) Mario Monti (70) Emiliano Brancaccio (69) P101 (69) sindacato (67) Stati Uniti D'America (62) Libia (61) filosofia (60) neoliberismo (60) Germania (59) Francia (57) bce (57) Rivoluzione Democratica (56) capitalismo (56) capitalismo casinò (55) Stefano Fassina (54) guerra (54) Alberto Bagnai (52) Movimento dei forconi (49) rifondazione (48) Medio oriente (47) Podemos (47) fiat (47) socialismo (47) Siria (46) Nichi Vendola (45) Alexis Tsipras (44) bancocrazia (43) renzismo (43) inchiesta (42) sinistra anti-nazionale (41) solidarietà (41) Yanis Varoufakis (40) Troika (39) astensionismo (39) geopolitica (39) immigrati (39) immigrazione (39) proteste operaie (38) sinistra sovranista (38) sovranità popolare (37) referendum (36) Lega Nord (35) brexit (35) campo antimperialista (35) globalizzazione (35) moneta (35) Emmezeta (34) egitto (34) piemme (34) Pablo Iglesias (33) Sergio Cesaratto (33) azione (33) liberismo (33) sionismo (33) uscita di sinistra dall'euro (33) III. Forum internazionale no-euro (32) default (32) fiom (32) 9 dicembre (31) palestina (31) unità anticapitalisa (31) Russia (30) Sel (30) fiscal compact (30) italicum (30) populismo (30) Forum europeo 2016 (29) referendum costituzionale 2016 (29) Diego Fusaro (28) Israele (28) Mario Draghi (28) Ucraina (28) legge elettorale (28) neofascismo (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Fiorenzo Fraioli (27) ISIS (27) cinque stelle (27) governo Renzi (27) menzogne di stato (27) napolitano (27) Merkel (26) Sicilia (26) Forum europeo (25) Lega (25) Europa (24) Matteo Salvini (24) xenofobia (24) Beppe Grillo (23) ora-costituente (23) programma 101 (22) silvio berlusconi (22) sovranismo (22) Chianciano Terme (21) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (21) Manolo Monereo (21) Stato di diritto (21) immigrazione sostenibile (21) islamofobia (21) Karl Marx (20) Marcia della Dignità (20) Quantitative easing (20) Simone Boemio (20) Ugo Boghetta (20) Carlo Formenti (19) Luciano Barra Caracciolo (19) Mimmo Porcaro (19) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (19) Unità Popolare (19) fronte popolare (19) Aldo Giannuli (18) ecologia (18) finanziarizzazione (18) repressione (18) Assisi (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Izquierda Unida (17) Laikí Enótita (17) Lavoro (17) Mariano Ferro (17) Marine Le Pen (17) Nello de Bellis (17) Tunisia (17) cina (17) etica (17) religione (17) scuola (17) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Giorgio Cremaschi (16) Nato (16) iraq (16) keynes (16) pace (16) uscita dall'euro (16) vendola (16) Costanzo Preve (15) nazionalismi (15) 15 ottobre (14) CLN (14) Donbass (14) International no euro forum (14) Regno Unito (14) Vincenzo Baldassarri (14) iran (14) obama (14) razzismo (14) MMT (13) Norberto Fragiacomo (13) acciaierie Terni (13) Chavez (12) Cremaschi (12) Eurogruppo (12) Forum europeo 2015 (12) Front National (12) Jacques Sapir (12) Jobs act (12) Legge di stabilità (12) Marino Badiale (12) Negri (12) Pier Carlo Padoan (12) Prc (12) Roma (12) coordinamento no-euro europeo (12) storia (12) 14 dicembre (11) AST (11) Bersani (11) Enea Boria (11) Ernesto Screpanti (11) Turchia (11) Venezuela (11) Vladimiro Giacchè (11) complottismo (11) comunismo (11) decreto salva-banche (11) disoccupazione (11) finanziaria (11) nazione (11) terzo memorandum (11) umbria (11) Bagnai (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Gennaro Zezza (10) Hollande (10) Luciano B. Caracciolo (10) Marco Mori (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Terni (10) Tonguessy (10) USA (10) ambiente (10) corruzione (10) decrescita (10) golpe (10) iniziative (10) keynesismo (10) presidenzialismo (10) salari (10) salerno (10) unione bancaria (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Alfredo D'Attorre (9) Algeria (9) Esm (9) Fmi (9) Perugia (9) Portogallo (9) Putin (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) analisi politica (9) antifascismo (9) ballottaggi (9) cultura (9) emigrazione (9) islanda (9) nucleare (9) scienza (9) Art. 18 (8) Brancaccio (8) Bruno Amoroso (8) De Magistris (8) Diritti Sociali (8) Erdogan (8) Goracci (8) Ingroia (8) Luigi Di Maio (8) Mirafiori (8) Monte dei Paschi (8) Quirinale (8) Stato Islamico (8) Wilhelm Langthaler (8) Yanis Varoufakys (8) cattiva scuola (8) diritti civili (8) diritto (8) europeismo (8) grexit (8) internazionalismo (8) internet (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) sciopero (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) tasse (8) unità anticapitalista (8) Abu Bakr al-Baghdadi (7) Argentina (7) Beppe De Santis (7) CGIL (7) Daniela Di Marco (7) Draghi (7) Forconi (7) Ilva (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Paolo Ferrero (7) Salvini (7) anarchismo (7) bail-in (7) borsa (7) casa pound (7) catalogna (7) chiesa (7) elezioni anticapte (7) eurocrack (7) incontri (7) indipendenza (7) istruzione (7) nazismo (7) nuovo movimento politico (7) piano B (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) sinistra Italiana (7) taranto (7) Ars (6) Articolo 18 (6) Bottega partigiana (6) Def (6) Enrico Grazzini (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) ISIL (6) Jean-Luc Mélenchon (6) M.AR.S. (6) Michele Berti (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Barnard (6) Paolo Savona (6) Pil italiano (6) Reddito di cittadinanza (6) Renzi (6) Sapir (6) Stefano D'Andrea (6) Ttip (6) Wolfgang Schaeuble (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) deficit (6) derivati (6) elezioni anticipate (6) eurostop (6) incontro internazionale (6) lira (6) lotta di classe (6) magistratura (6) no tav (6) populismo di sinistra (6) svalutazione (6) terremoto (6) utero in affitto (6) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Banca centrale europea (5) Campagna eurostop (5) Casaleggio (5) Contropiano (5) Costas Lapavitsas (5) D'alema (5) Dicotomia (5) Eugenio Scalfari (5) Finlandia (5) Giancarlo D'Andrea (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Massimo Bontempelli (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Noi con Salvini (5) Papa Francesco (5) Parigi (5) Pcl (5) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (5) Sergio Mattarella (5) Stathis Kouvelakis (5) Val di Susa (5) afghanistan (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) classi sociali (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) euro-germania (5) fisco (5) jihadismo (5) laicismo (5) liberosambismo (5) no-Ttip (5) nuovo soggetto politico (5) ordoliberismo (5) piattaforma eurostop (5) povertà (5) privatizzazioni (5) tremonti (5) ALBA (4) Andrea Ricci (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Corte costituzionale (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Dino Greco (4) Federalismo (4) Forza Italia (4) Frente civico (4) George Soros (4) Giulio Regeni (4) Gran Bretagna (4) HAMAS (4) Hilary Clinton (4) Imu (4) Julio Anguita (4) Kke (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Lenin (4) Luciano Gallino (4) Lucio Chiavegato (4) Lupo (4) Marco Passarella (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Pisapia (4) Polonia (4) ROSSA (4) Sefano Rodotà (4) Stato (4) Stato d'emergenza (4) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) Virginia Raggi (4) al-Sisi (4) anarchici (4) appello (4) arancioni (4) brasile (4) carceri (4) cipro (4) coalizione sociale (4) cosmopolitismo (4) cristianismo (4) de-globalizzazione (4) debitocrazia (4) debitori (4) destra non euro (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) governo (4) il manifesto (4) inflazione (4) irisbus (4) liberalismo (4) necrologi (4) patrimoniale (4) pomigliano (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) rifugiati politici (4) rivolta (4) salvinismo (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Alberto Negri (3) Altiero Spinelli (3) Assad (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bernd Lucke (3) Bernie Sanders (3) Bin Laden (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Danilo Calvani (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Mitropoulos (3) Donald Trump (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Foligno (3) Francesco Salistrari (3) GIAPPONE (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) Jacques Nikonoff (3) L'Altra Europa con Tsipras (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Luciano Vasapollo (3) Luigi Ferrajoli (3) Maduro (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Marco Zanni (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Morgan Stanley (3) Movimento 5 Stelle (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Npl (3) ONU (3) Panagiotis Sotiris (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Prodi (3) Rajoy (3) Rete dei Comunisti (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Sarkozy (3) Six Pack (3) Slavoj Žižek (3) Stato di Polizia (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Vladimiro Giacché (3) Wolfgang Munchau (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) alleanze (3) bankitalia (3) cinema (3) cosmo-internazionalismo (3) crediti deteriorati (3) crisi bancaria (3) cristianesimo (3) cuba (3) deflazione salariale (3) demografia (3) diritti di cittadinanza (3) diritto d'asilo politico (3) dollaro (3) fascismo (3) ideologia (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) manifestazione (3) maternità surrogata (3) migranti (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) partito (3) pensioni (3) primarie (3) questione nazionale (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risparmio (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) sindacalismo di base (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) trasporto pubblico (3) trattati europei (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Montero (2) Alessandro Di Battista (2) Alfiero Grandi (2) Alitalia (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Rinaldi (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Bandiera rossa in movimento (2) Bergoglio (2) Berretti Rossi (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (2) CISL (2) CUB (2) Carc (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Chiavacci Alessandro (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (2) Der Spiegel (2) Domenico Moro (2) Don Giancarlo Formenton (2) Edoardo Biancalana (2) F.List (2) Fausto Sorini (2) Fidesz (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratelli d'Italia (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Genova (2) Gianni Ferrara (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Goofynomics (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Jens Weidmann (2) Jeremy Corbyn (2) Joseph Stiglitz (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Kostas Lapavitsas (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marcello Teti (2) Marchionne (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Marocco (2) Michele fabiani (2) Militant-blog (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Nadia Garbellini (2) Olanda (2) Oriana Fallaci (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) PdCI (2) Pdl (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Riccardo Achilli (2) Riccardo Bellofiore (2) Romano Prodi (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Salento (2) Salistrari (2) Samuele Mazzolini (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Tltro (2) Tor Sapienza (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) USB (2) Umberto Eco (2) Ungheria (2) Viktor Orban (2) Visco (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) austria (2) blocco sociale (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) confindustria (2) deflazione (2) diritto di cittadinanza (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) donna (2) economia sociale di mercato (2) elezioni comunali 2015 (2) energia (2) expo (2) export (2) facebook (2) fecondazione eterologa (2) gennaro Migliore (2) giovani (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) il fatto quotidiano (2) indignatos (2) industria italiana (2) isu sanguinis (2) italia (2) ius soli (2) legge del valore (2) legge di stabilità 2017 (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) massimo fini (2) mattarellum (2) mediterraneo (2) mercantislismo (2) mezzogiorno (2) minijobs. Germania (2) nazionalizzazione (2) no expo (2) occidente (2) oligarchia (2) olocausto (2) paolo vinti (2) parti de gauche (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) petrolio (2) poste (2) proteste agricoltori (2) protezionismo (2) razionalismo (2) riformismo (2) risorgimento (2) sanità. spending review (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) statizzazione banche (2) stop or-me (2) takfir (2) tasso di cambio (2) tecnologie (2) terzo polo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) università (2) vincolo di mandato (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Adenauer (1) Africa (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Bronzo (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anna Angelucci (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Arditi del Popolo (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Artini (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) Aventino (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bilderberg (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carlo Fermenti (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Comitato antifascista russo-ucraiono (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Coordinamento Democrazia Costituzionale (1) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Davide Bono (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Diem25 (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) EReNSEP (1) Eco della rete (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Macron (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enzo Pennetta (1) Ernesto Galli Della Loggia (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Frati (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Falluja (1) Fausto Bertinotti (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferdinando Pastore (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Flat tax (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Forum Ambrosetti (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lenzi (1) Fratoianni (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) Gentiloni (1) George Friedman (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giorgio Gattei (1) Giovanni Lo Porto (1) Giuli Sapelli (1) Giulio Girardi (1) Giulio Sapelli (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Angiuli (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Hartz IV (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Hegel (1) Hezbollah (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Indesit (1) Inigo Errejón (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) JP Morgan (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalergi (1) Karl Polany (1) Ken Loach (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Lelio Demichelis (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lidia Undiemi (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) MPL (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Elena Boschi (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mario Volpi (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimo PIvetti (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Morya Longo (1) Moshe Ya’alon (1) Mosul (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimiento 15-M (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Netanyahu (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) No Renzi Day (1) Noam Chomsky (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palermo (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Pardem (1) Paremvasi (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Pci (1) Perù (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Pier Paolo Pasolini (1) Piero Calamandrei (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Preve (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Risorgimento Socialista (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Sandro Targetti (1) Scenari Economici (1) Schengen (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Sergio Starace (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sharing Economy (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Target 2 (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Thomas Fazi (1) Thomas Piketty (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Toni negri (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Torino (1) Toscana (1) Trichet (1) Trump (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Valerio Bruschini (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) Xi Jinping (1) Ytzhac Yoram (1) Zagrebelsy (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al Serraj (1) al-Fatah (1) alawismo (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autogestione (1) automazione (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco nero (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) casa (1) catastrofe italiana (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) david harvey (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) dissesto idrogeologico (1) domenico gallo (1) donne (1) dracma (1) due euro (1) egolatria (1) enav (1) enel (1) ennahda (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fine del lavoro (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi sovrani (1) forza nuova (1) freelancing (1) frontiere (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) independent contractor (1) indignados (1) individualismo (1) indulto (1) informatica (1) intervista (1) intimperialismo (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) lula (1) madre surrogata (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) nascite (1) nazional-liberismo (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partiti (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) poste italiane (1) precarietà (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) questione femminile (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rublo (1) sanità (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) seisàchtheia (1) senso comune (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra anticapitalista (1) social forum (1) sondaggi (1) squatter (1) stagnazione secolare (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) suicidi (1) suicidi economici (1) svimez (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teoloogia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trasporto aereo (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uber (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) volkswagen (1) wahabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)