lunedì 3 dicembre 2012

LA CATASTROFE SOCIALE E LA SOLLEVAZIONE


Capitalismo casinò e struttura sociale
Quali sono le forze antagoniste?

Di Moreno Pasquinelli

Il mio articolo del 22 ottobre Perché questo mortorio sociale?, assieme all’encomio di molti, ha suscitato la perplessità di alcuni. Mi hanno tuttavia inquietato, più ancora che le critiche, alcuni malintesi apprezzamenti: “Bravo Pasquinelli, finalmente hai capito che la sollevazione di cui voi del Mpl tanto cianciate non è affatto all’ordine del giorno. Invece di prepararci allo sfracello, dedichiamoci ad una lunga a tranquilla attività di apostolato. Non c’è alcuna catastrofe in vista e di tempo davanti a noi ne abbiamo abbastanza.”

In effetti, dopo aver sottolineato che la sostanziale pace sociale dipende (anche) dal fatto che la maggioranza degli italiani gode ancora di un relativo e residuo benessere, scrivevo:
«Non dobbiamo nemmeno temere di dire cose antipatiche, o sconvenienti a tanti militanti antagonisti: il panico della catastrofe imminente, lungi dal risvegliare le masse dalla loro apatia, non solo rafforza la loro inerzia, a malapena nasconde la loro intima speranza che il sistema guarisca, che tutto ritorni come prima. Di qui alla fiducia che il salvatore della patria Mario Monti ce la faccia, il passo è breve».
Questo passaggio è forse la causa del qui pro quo, per cui avrei cambiato opinione riguardo a due punti cruciali del ragionamento che vado da tempo svolgendo: che la catastrofe sociale è ineluttabile, e che il suo approssimarsi getta le premesse di una sollevazione popolare.

Metodo e politica rivoluzionaria

Qui si confondono due processi, che sì sono concatenati, ma che in sede di analisi vanno tenuti distinti: la catastrofe sociale e la sollevazione. La prima ha a che fare con la crisi sistemica e il suo decorso, è quindi determinata anzitutto da cause oggettive, che prescindono dalla coscienza e dalla psicologia delle masse; mentre la sollevazione dipende anzitutto dall’azione, dalla volontà e dalla potenza politica di queste masse. Se sbaglia chi ritiene che tra i due fenomeni ci sia una meccanico rapporto causale, ovvero che la catastrofe susciti automaticamente la sollevazione, sbaglia a sua volta chi semplicemente rovescia la relazione causale e fa dipendere la catastrofe dalla sollevazione, e dunque la esclude vista l’attuale arretratezza e impotenza politica delle masse.

L’intelletto, come diceva Hegel, ci tiene a tenere separati e distinti i diversi fattori, la ragione dialettica, invece, vede la loro intima connessione. Crisi sistemica e psicologia delle masse non se ne stanno fisse nel loro empireo, mutano, e mutano nell’ambito della loro reciproca relazione, che ha piedi e testa nel mondo reale. Per capire come mutano e come cambia la loro relazione, occorre, come scrivevo: «Analisi concreta della situazione concreta, dalla quale dipendono linea politica e linea di condotta, che non devono basarsi sull’umore delle masse, per sua natura volatile, ma anzitutto sui fattori oggettivi. Ciò che conta è cogliere nella situazione la linea di tendenza principale e, della catena, quali sono gli anelli deboli destinati a spezzarsi per primi».

Quindi concludevo:
«Altra farina deve macinare il mulino della crisi prima che da un fuoco qua e là si passi all’incendio generale, alla sollevazione. Devono saltare le paratie difensive del sistema, fallire i dispositivi di salvataggio dell’Unione europea. Noi non abbiamo dubbi che questo avverrà, che chi sta in alto non riuscirà a far ripartire il motore grippato del capitalismo occidentale, europeo in particolare. Non riuscirà ad evitare lo sbocco “naturale” di questa crisi: una pauperizzazione generale delle masse con una contestuale concentrazione della ricchezza nelle mani di una ristretta minoranza di possidenti, decisi a difendere ad ogni costo la loro supremazia, se serve anche sbarazzandosi del poco che resta della democrazia».
Come chiunque può comprendere non solo ribadivo che la tendenza oggettiva è quella alla catastrofe sociale, ma che questa potente e oggettiva forza motrice è destinata a incidere sulla psicologia delle masse, ad obbligarle a cercare una via d’uscita, a spingerle quindi all’azione. Tra i diversi fattori c’è una gerarchia, essi hanno un rango: i fattori oggettivi, in ultima istanza, impongono le loro ragioni.

La società si cambia grazie all’accumulo di forza materiale, facendo leva sui conflitti tra le diverse classi sociali; per questo sono decisivi l’indagine scientifica dei processi economici, l’inchiesta sociale, l’esame comparato dei fattori. Solo così possono avere luogo le individuazioni: quale, tra le tendenze in atto è quella determinante, quale classe o raggruppamento di classi possono trainare il passaggio da un sistema sociale ad un altro e quali, di converso, agiscono in senso contrario.

Senza queste individuazioni ogni messaggio politico poggerebbe sulla sabbia delle aspettative oracolari e non avrebbe credibilità ed efficacia. D’altra parte, posta questa disamina a basamento della prassi politica, resta il fattore tempo. Riconosciuta la tendenza che fa da forza motrice, occorre immaginare i tempi nei quali la tendenza principale non solo si manifesta apertamente e s’impone sulle altre, ma s’impone e si manifesta alla coscienza delle masse. Ognuno capisce che sarà diverso se io dico che la catastrofe s’avanza a dosi omeopatiche, sui tempi lunghi, o se, invece, affermo che essa s’afferma per strappi traumatici successivi e sui tempi brevi. Oppure un miscuglio tra le due eventualità. Comunque sia non esiste la possibilità di calcolare in maniera infallibile i tempi. A causa della molteplicità di fattori, spinte e soggetti che operano nella società, i tempi con cui certe tendenze fanno giungere i loro frutti a maturazione non si possono determinare con la stessa precisione con cui ad esempio un agronomo, misurata la curva degli zuccheri dell’uva, decide giunto il momento della vendemmia. Sui tempi politici si possono solo fare pre-visioni, ipotesi. Per quanto esse non abbiano valore cogente, pur tuttavia, queste ipotesi vanno fatte, sono uno degli elementi che concorrono a indirizzare la prassi.

Tabella n.1. Il crollo della produzione industriale
in Italia (clicca per ingrandire)
Evidenze empiriche della catastrofe sociale

Noi non stiamo dicendo che la sollevazione è alle porte. Affermiamo invece con sicurezza che lo è la catastrofe sociale del nostro paese, anzi, diciamo che essa è già in atto.
Ciò non contraddice affatto l’analisi che svolgevo nell’articolo Perché questo mortorio sociale, quando sottolineavo l’ordine di grandezza della diffusa ricchezza mobiliare (risparmi e rendite) e immobiliari esistente in Italia. Il fatto è che i dati che riportavo vanno posti accanto alle piaghe sociali, alle privazioni e all’indigenza crescenti. Questo è il punto quando parliamo di tendenza dominante: che mentre la ricchezza accumulata in decenni tende a diminuire, la pauperizzazione tende di converso a crescere in tempi rapidi.

Ci sono i dati empirici a confermare la crescita, in profondità e larghezza, del pauperismo. Essi corroborano la nostra convinzione che il capitalismo italiano non è solo alle prese con una depressione di lunga durata, ma che ha imboccato la via di un inesorabile declino. [1] Dai dati empirici  che ogni giorno la realtà ci consegna, ripetiamolo, noi ricaviamo che la tendenza dominante è quella alla catastrofe. Per la verità non solo noi. A ben leggere in controluce le mosse degli strateghi e dei grandi decisori sistemici, anch’essi sono giunti alle medesime conclusioni.

Il tessuto economico italiano (ciò anche a causa delle conseguenze degli squilibri commerciali e finanziari causati dall’adesione all’euro, ma su questo abbiamo scritto abbastanza) conosce uno sfacelo senza precedenti. La crisi finanziaria propagatasi dagli Stati Uniti nel 2007-2008 con la bolla dei subprime è stato il colpo letale che ha messo a nudo la fragilità, tra gli altri, del capitalismo italiano. La conseguente crisi dei debiti sovrani in Europa lo ha definitivamente messo con le spalle al muro. L’economia italiana è la sola che, entrata in recessione nel 2008, non ne sia mai uscita di fatto. Se il Pil procapite è sceso in pochi anni del 10%, la produzione industriale è crollata di ben il 23,2%! Una cifra peggiore di quella che conobbe dopo il crollo del 1929. [2]  Servirebbe dunque una “ripresa” poderosa, che non si intravede, affinché il manifatturiero recuperi le posizioni di 5 anni fa. Si fa presto a capire anche ove avessimo una “crescita” dell’ordine dell’1% annuo del Pil l’Italia è desinata al declino.

Come hanno risposto le tetragone oligarchie europee? Accentuando le politiche neoliberiste di rigore che, via euro, avevano già penalizzato l’economia italiana. Queste politiche di austerità penitenziale non solo corrispondono agli interessi di un capitalismo oramai iper-finanziarizzato che pur grippato ha pienamente colonizzato completamente la sfera economica e sociale, esse ubbidiscono ad un disegno: nella spietata competizione globale si deve far leva sulla “competitività” e cioè, al netto degli arzigogoli, abbassando drasticamente i salari e tagliando verticalmente la spesa pubblica. Così facendo il liberista Monti pensa di assolvere il compito supremo affidatogli dalla speculazione finanziaria internazionale: riconsegnare all’Italia la qualifica di paese ottimo pagatore, di debitore affidabile. Ed è appunto per non far scappare i creditori internazionali, ciò che in poche settimane affonderebbe il debito italiano e con esso la moneta unica, che Monti si è fatto garante della austerità più spietata: i biscazzieri del capitalismo casinò continueranno a prestare soldi al capitalismo italiano alla condizione che questo sia “competitivo”, ovvero che riesca a succhiare al popolo lavoratore tutto il plusvalore possibile, che quindi i governi garantiscano che si tirerà diritto sulla Via crucis dell’austerità.

Monti mente quindi spudoratamente quando afferma che l’austerità è solo temporanea e che non ci saranno nuove manovre di tagli. A sbugiardarlo ci ha pensato il 27 novembre l’Ocse, che non ha solo smentito le previsioni del governo “tecnico” revocando in dubbio sia il pareggio di bilancio che la riduzione di deficit e debito, ma ha tagliato l’outlook dell’Italia.[3] Mentono tutti i suoi sodali, la sua corte mediatica e, primi fra tutti, i partiti che lo sostengono, tra cui il Partito democratico di Bersani le cui lacrime di coccodrillo non possono nascondere l’adesione di quest’ultimo al disegno strategico neoliberista. L’eventuale futuro governo Bersani non farà di meglio di quello Monti, sarà obbligato a continuare su solco tracciato, se non a fare peggio in caso, altamente probabile, di nuova tempesta finanziaria.

Tabella n.2 La disoccupazione in Italia
(clicca per ingrandire)
Ma vediamo, tanto per dimensionare la catastrofe, i risultati di un anno di governo montiano.
Ce lo dice l’Istat: «Cresce a livelli record la disoccupazione in Italia: a ottobre il numero dei senza lavoro è salito a 2milioni 870mila con un incremento su base annua del 28,9%: si tratta di ben 644mila unità di lavoro in più. (…) Mentre per i giovani in età compresa fra i 15 e i 24 anni l’incidenza dei disoccupati è pari al 60,5% con un aumento tendenziale del 5,8%. (…) Nelle regioni meridionali, la disoccupazione giovanile raggiunge il 41,7% per i ragazzi e del 43,2% tra le ragazze». [4]

Gli stessi dati Istat segnalano un aumento molto forte del lavoro precario: «Nel terzo trimestre sono 2.447.000 i dipendenti a termine, di cui 1.760.000 a tempo pieno e 687mila a tempo parziale, a cui si aggiungono 430mila collaboratori: in totale 2.877.000 lavoratori, il massimo dal terzo trimestre del 2004». [5]

Al dramma della disoccupazione e della precarietà va aggiunto quello della cassa integrazione, che senza “ripresa” è anticamera del licenziamento. [6]

Questo nel contesto delle recessione che oramai riguarda tutta l’eurozona, Germania compresa. Sono oltre 2 milioni i posti di lavoro persi in un solo anno. Per l’esattezza i disoccupati sono a quota 18,7 milioni, 2,17 milioni in più rispetto a dodici mesi prima. Coi dati agghiaccianti della disoccupazione in Spagna, 26,2%, quella giovanile al 55,9%; in Grecia siamo al 25%, in Portogallo al 16,3%. [7]

Questo drammatica ferita inferta al corpo del popolo lavoratore —tratteremo in altra sede dell’impoverimento che subiscono gli strati di piccola e media borghesia che stanno sul mercato, testimoniato dal crollo dei consumi e dall’aumento esponenziale dei fallimenti delle piccole imprese manifatturiere e commerciale— dev’essere vista anche dal lato del capitale.

Tabella n.3.  Flussi finanziari da Sud a Nord Europa
(clicca per ingrandire)
Posti di lavoro che si perdono non sono solo conseguenza di aziende che ristrutturano (cosa che può essere sintomo di una recessione momentanea). Il sintomo più infallibile che siamo dentro un declino lungo periodo è il fenomeno oltre ai fallimenti, delle imprese considerate “sane” che hanno chiuso i battenti. Per “sane” sono da intendersi quelle che producono profitti e quindi accesso al mercato dei capitali e al credito. Secondo i dati di Cerved Group dall’inizio della depressione sono ben 40mila le imprese che hanno chiuso. Perché accade? Queste aziende vengono liquidate per crearne di nuove altrove, fuori dal paese, dove i capitalisti vedono prospettive di profitto durature. Il fenomeno della delocalizzazione.
«E’ ragionevole che la riallocazione di imprese [notare l’eufemismo, Nda] italiane profittevoli verso mercati più dinamici avvenga più intensamente proprio durante questa recessione perché ha rivelato in modo ancor più netto l’esistenza di una grave gap di crescita del nostro paese». [8]
Questa sfiducia nelle possibilità di ripresa dell’economia italiane non solo spinge i capitali a scappare, ma quelli esteri a non metterci piede.

Sulle nuove divisioni di classe nel capitalismo casinò

Questi sono solo alcuni macroscopici dati empirici che fotografano una situazione sociale che ogni giorno diventa più drammatica per ampie fasce della popolazione. Non tutte tuttavia. E qui sta il punto.
Non voglio sfuggire alla domanda che un lettore, andando al sodo, mi ha posto: «Analisi corretta ma conclusione deludente. A che livello di impoverimento dobbiamo arrivare, noi povere masse, prima di sollevarci»?

Due premesse sono necessarie.
La sollevazione non è, di per sé, una rivoluzione, poiché per rivoluzione, intendiamo un mutamento voluto della struttura sociale e politica. La qual cosa implica un’adesione di ampie masse ad un progetto alternativo di società, e quindi una partecipazione consapevole al processo di trasformazione sociale. Per sollevazione intendiamo un moto di ribellione popolare, una rivolta generale che, pur non avendo un fine prestabilito, almeno rovescia chi sta in alto e punta a demolire il vecchio ordinamento politico sociale. Non hai una rivoluzione se non passi prima per la porta stretta della sollevazione popolare.
La seconda premessa è questa. Siamo d’accordo o no che la tendenza è alla pauperizzazione del popolo lavoratore? Siamo d’accordo o no che questa tendenza, oltre ad essere il risultato necessitato della crisi storico-sistemica, è anche la terapia cercata dalle oligarchie tecno-finanziarie nostrane? Se non concordiamo sul fatto che questa è la tendenza obiettiva, ogni discorso girerebbe a vuoto e, come minimo, non si può afferrare il succo di quanto diciamo.

A che livello di pauperizzazione occorre arrivare affinché ci sia la sollevazione? Non è possibile dare una risposta irrefutabile a questa domanda. Date alcune condizioni, se porto l’acqua a cento gradi, so con certezza che bollirà e, avendo note la quantità di liquido e la potenza del calore, posso addirittura stabilire il momento in cui inizierà a bollire. Le dinamiche sociali sono un po' più complesse di quelle del mondo fisico. Tutta l’importanza di individuare la tendenza (alla catastrofe sociale) sta nel fatto che si può agire in modo rivoluzionario per contrastarla, aiutando le masse a costruire la fuoriuscita da questo sistema.  Vi sono, tuttavia, altri soggetti che agiscono in senso contrario, per agevolare la stessa tendenza e volgerla ai loro fini, tra questi tutti gli apparati oligarchici, statuali e politici della classe dominante. Noi riteniamo, come del resto insegna il caso fresco fresco della Grecia, che la sollevazione popolare non solo è possibile ma altamente probabile. Diventerà meno probabile se in tempi ragionevolmente brevi non daremo vita e forma ad un fronte della sollevazione popolare.

Per stare al punto: contrariamente alla favoletta di Occupy Wall Street, non sarà affatto il 99% a sollevarsi. Non tutte la fasce della popolazione avranno interesse a ribellarsi. Compito dei rivoluzionari è capire quali saranno le fasce che si mobiliteranno e quelle che agiranno da freno, se non addirittura come avversarie. Per questo occorre mettere bene a fuoco come tre decenni di capitalismo casinò hanno modellato la struttura di classe della società.

Un altro lettore mi diceva:«Considerare le classi sociali in base al loro ruolo nel sistema di produzione è un modo di vedere datato che va superato. Le classi sociali si distinguono in base al loro senso di appartenenza non alla quantità o tipo di reddito».

Appunto. Come chi ci segue sa bene, noi siamo molto lontani da certi marxisti (economicisti) per i quali è sufficiente, per riconoscere una classe, il posto che questa occupa nella struttura economica della società, la cosiddetta classe in sé. Sono gli stessi, questi economicisti, che per spiegare come mai il proletariato abbia come destino quello di portarci al comunismo, ricorrono ad una metafisica del soggetto, per cui il proletariato assolverà la sua missione a dispetto della sua coscienza. È evidente che non è così, che una classe non è tale se non ha consapevolezza dei suoi propri interessi. Come un essere umano, che se non ha coscienza di esserlo, ovvero un essere storico-sociale, è solo un mero organismo biologico.

Pur tuttavia, per stare alla metafora, non è che un medico, posto davanti ad un uomo malato che tra l’altro sia convinto di essere una gatto e si comporti come tale, sia autorizzato a curarlo come fosse un felino. La fisologia ha la sua indiscutibile importanza.

Il punto di partenza per capire la società è svelare la sua fisiologia. Una fisiologia, quella della società capitalistica, che è dinamica, mutante. La struttura sociale dei paesi imperialisti già da tempo non era più quella dell’Inghilterra che Marx aveva sotto gli occhi. Il declino delle forze produttive non si ebbe, le classi intermedie erano aumentate invece di sparire, i settori di aristocrazia operaia che ricevevano un reddito ben superiore a quanto necessario per sopravvivere cresciuti a dismisura, al posto del pauperismo avemmo il fenomeno dell’imborghesimento.

Quel modello sociale keynesiano-fordista con welfare diffuso da tempo è in via di smantellamento. Esso è stato rimpiazzato da quello che noi preferiamo chiamare capitalismo casinò. [9] In molti altri articoli abbiamo spiegato quale sia la sua architettura formale: un sistema fondato sulla rendita finanziaria. Il vecchio sistema imperialista si basava sulla fusione, via banche, tra capitale finanziario e quello industriale. Ora il settore finanziario-bancario ha soggiogato quello industriale. A questo modello corrisponde una nuova fisiologia della società, una nuova composizione di classe. Prima di vedere come il capitalismo casinò ha mutato la società, trasformato le classi, plasmato la loro psicologia e rideterminato loro comportamenti collettivi, vogliamo spendere poche parole sulla sua sostanza.

Inceppatasi la lunga fase espansiva postbellica [10] il sistema capital-imperialista ha dovuto trovare una maniera per non soccombere alle sue proprie contraddizioni. Ha trovato questa maniera con una scoperta che rassomiglia all’Uovo di Colombo. Il profitto è sì la molla che muove la macchina del capitale, ma solo in quanto esso può trasformarsi in denaro, suprema e astratta forma della ricchezza. E dato che fare profitti ed estrarre plusvalore costa fatica, ecco che il capitale ha optato per la scorciatoia della pura speculazione, di fare e ammucchiare denaro attraverso il denaro — il denaro come tesoro che viene tesaurizzato fuggendo dal circuito della produzione reale e da quello della circolazione. Il capitale non ha inventato niente, la rendita l’ha trovata accanto a sé bell’e fatta. Dopo averla guardata in cagnesco per secoli, dopo averla condannata come usura parassitaria, il capitale si è convertito ed essa, gli ha venduto l’anima. 

Questo processo, prima di espandersi ad ogni latitudine, prese il via oltre Manica e oltre oeceano. Grazie ad un habitat favorevole e all’appoggio dei governi neoliberisti di Reagan e della Teatcher e delle banche centrali, il capitale, nella forma di denaro liquido si è avventato su tutto ciò che, capitatogli a tiro, poteva fruttare guadagno. Gli investimenti in capitale costante e variabile si sono spostati progressivamente sui titoli (rappresentazioni fantasmagoriche delle merci), fino al fenomeno diabolico delle cartolarizzazioni e dei derivati. Le borse sono diventate, ad iniziare da quelle di Wall Street e della City, i templi in cui la rendita tutto sacrificava in nome del Dio denaro. Veniva così nascendo (con l'ausilio della macchina info-telematica) la nuova casta sacerdotale tecnocratica, quella dei brockers e dei grandi manager bancaripreposta al culto del nuovo "dogma trinitario" [11]: denaro, credito, interesse. Nuovi mostri, i fondi finanziari, prendevano forma nel brodo primordiale della inforendita. Questo passaggio determinava un mutamento profondo del sistema, prendeva forma quello che ho definito metacapitalismo. [12] Alla tradizionale figura del capitalista operante che usava sì il denaro, che acquistava e vendeva merci, ma per ricavarne un plusvalore per mezzo del processo di produzione, si affiancava il "capitalista monetario parassita", dedito a prestare denaro per ottenerne un interesse campando così di rendita, senza quindi entrare mai nel ciclo della produzione, volteggiando  nella sfera della circolazione monetaria per poi inquattarsi come tesoro depositato nei forzieri —di qui l'attuale trappola della liquidità: la montagna di denaro consegnata dalla banche centrali se ne sta ferma nei caveau della banche d'affari.
Tabella n.4. Il crollo della produzione industriale
italiana per singoli settori. Nel 2012 le curve sono
discese. (clicca per ingrandire)

Soggiogati i governi, l’oligarchia rentier otteneva che i titoli di debito pubblico degli Stati diventassero prodotti finanziari e venissero gettati sui mercati. Una vera gallina dalla uova d’oro. Nasceva un sistema micidiale di rapina con cui spostare la ricchezza monetaria diffusa (risparmi) dalla tasche dei cittadini ai caveau delle banche, da certi settori ad altri, da certi Stati ad altri. 
Ha tutto l’aspetto di una stregoneria quello per cui, nei mercati finanziari, il debito, diventato titolo negoziabile, ingrassa chi se lo passa di mano in mano, strozzando chi lo ha emesso e fregando chi se lo trova in mano per ultimo. La merce-debito, come aveva già segnalato Marx [13] non ha un valore di scambio, il suo prezzo dipende dall’irrazionale gioco della domanda e dell’offerta, dalle aspettative di rialzo —guadagno assicurato fino a quando le aspettative salgono, fino a quando tutto crolla a causa delle prime fughe. Un gigantesco sistema Ponzi. Morale: se da qualche parte qualcuno guadagna senza lavorare dev’esserci dall’altra qualcuno che lavora senza guadagnare. 

Con queste modificazioni della struttura economica è mutata tutta la sovrastruttura della società. Questo sistema ha infettato tutto il corpo sociale. Centinaia di milioni di cittadini, proletari compresi, sono finiti per invischiarvisi. Non parliamo solo di coloro che si sono messi a giocare in borsa, a comprare e vendere obbligazioni e azioni. Con le privatizzazioni dei sistemi pensionistici la stragrande maggioranza dei lavoratori si è trovata nella situazione per cui il valore della pensione attesa dipende ora dal buon andamento del suo fondo pensione, dalle scommesse di quest'ultimo nelle bische del capitalismo casinò. Avendo gettato sul mercato i titoli di debito pubblico nella stessa situazione si trova la massa sterminata di pensionati, il cui reddito è appeso, come l'impiccato alla corda,  alle performance dei mercati finanziari e degli spread, ovvero, anche in questo caso al rigore, alla macelleria sociale, alla capacità dello Stato di essere considerato solvibile da parte dei suoi strozzini creditori. Vi sono infine centinaia di milioni di cittadini che avendo affidato i loro risparmi (che altro non sono che rendite) alle banche, esigono che siano remunerativi di interesse, e per questo sono appesi alla abilità con cui la banca gioca d’azzardo i suoi quattrini sui mercati finanziari. [14]

E’ nato un popolo-rentier, una nuova forma tentacolare di consociativismo interclassista. È sorta di conseguenza una specifica coscienza sociale: la psicologia egoistica del creditore il quale esige che il debitore, chiunque esso sia, quali che siano le sue condizioni, onori il suo contratto di debito. Mors tua, vita mea. Non stupiamoci quindi se la maggioranza dei tedeschi sta con la Merkel, e nemmeno se tanti greci non vogliono abbandonare l’euro. Sono due facce della stessa medaglia. 

C’è quindi una linea trasversale che taglia in due l’intera società, la diagonale che divide i creditori dai debitori. Cadono, dall’una e dall’altra parte, interi pezzi di tutte le classi fondamentali. Una linea non immaginaria che spezza in due la stessa classe proletaria, anche su base anagrafica, tra la vecchia generazione che si attende che la sua rendita pensionistica non vada in fumo, e quella giovane e precaria, costretta a sgobbare affinché alla prima siano resi gli interessi.

Il diagramma qui accanto è solo un tentativo di visualizzare questa frattura sociale creditori-debitori, frattura che ci aiuta a spiegare i diversi atteggiamenti politici dei diversi strati sociali. La diagonale non è ovviamente una muraglia, e non cancella le tradizionali divisioni di classe. Ma le ridisegna e le ricolloca su un diverso piano.

Alain Greenspan un giorno affermò: «Un americano indebitato è un americano che non sciopera». Questo sarà forse vero in America. Non è vero qui. Qui è vero il contrario “un europeo creditore (che attende che gli siano devoluti rendita ed interessi) non sciopera” e, sotto sotto, fa parte di quella schiera di filistei che qui in Italia compongono la maggioranza silenziosa pro Monti. Lo dimostra la mappa delle proteste sociali che attraversano il Sud Europa non invece il Nord.

Qui da noi non si ribellerà il popolo-rentier. Si ribelleranno le giovani generazioni che nulla hanno da perdere e un futuro da guadagnare mandando a gambe all’aria il sistema immorale in cui viviamo. Esse saranno la leva che solleverà quella gran parte del corpo sociale sofferente, che trascinerà nel gorgo tutti i proletari veri, quelli che vino solo della vendita della loro forza-lavoro, che non hanno rendite e santi in paradiso, come pure tanti piccolo e medio borghesi che il capitalismo casinò ha gettato in disgrazia.

Una sollevazione che non prende ancora forma perché la crisi epocale del sistema di capitalismo casinò è solo agli inizi, perché troppo ampia è ancora la massa amorfa del popolo-rentier. Ma la tendenza alla catastrofe significa appunto questo: che il capitalismo casinò sta tirando le cuoia, che questa stessa massa, attraverso le politiche predatorie dei dominanti, subirà un inevitabile processo di pauperizzazione, spostandola sulla parte destra del diagramma. Sarà allora che per i dominanti si apriranno le porte dell'inferno.


Note

[1]  Il quadro di lungo periodo dipinto dall’Ocse sul futuro dell’economia italiana, per quanto edulcorato, se letto dalla giusta angolatura, la dice lunga:
«La crescita italiana sarà anemica: la media del Pil sarà del 1,3% l’anno tra il 2011 e il 2030 seguita dall’1,5% nei venti anni successivi. La crescita media del Pil procapite sarà ancora inferiore situandosi allo 0,9% nel 2011-2030». Emanuele Scarci, Il Sole 24 Ore del 10 novembre 2012.
Un simile calcolo lascia ovviamente il tempo che trova, tenendo conto che l’Ocse prende in considerazione solo un fattore, pur importante, l’invecchiamento della popolazione italiana, che esercita una pressione al ribasso sulla produttività di sistema. Notiamo di passata che in base a questi stessi numeri il paese sarà ben lungi dall’uscire dalla spirale del debito e che il rischio di insolvenza è all’uscio.
[2] Centro studi di Confindustria; in Il sole 24 Ore del 10 novembre 2012
[3] «L'Italia potrebbe avere bisogno di una nuova manovra e si trova a fare i conti con il maggior calo dei consumi dalla seconda guerra mondiale. A lanciare l'allarme e' l'Ocse che ha tagliato l'outlook per il nostro paese. Le previsioni dell'Organizzazione di Parigi sono piu' pessimiste di quelle del governo. Secondo l'Ocse, il Pil nel 2013 calerà dell'1%, contro la flessione dello 0,4% stimata in precedenza.
  Per il prossimo anno l'esecutivo ha previsto una contrazione pari ad appena lo 0,2%. L'Organizzazione ha inoltre rivisto al ribasso le stime per il 2012, con il Pil che è ora previsto in calo del 2,2%, contro la flessione dell'1,7% stimata lo scorso maggio. Il deficit dovrebbe scendere al 3% del Pil quest'anno e al 2,9% nel 2013. L'esecutivo nella Nota di aggiornamento al Def aveva invece stimato un indebitamento netto pari al 2,6% quest'anno e all'1,6 il prossimo. Alla luce della nuova previsione l'Italia, sottolinea l'Ocse, potrebbe avere bisogno di una nuova stretta fiscale nel 2014 per rispettare l'obiettivo di una riduzione del debito al 119,9% del Pil nel 2015». AGI, 28 novembre 2012
[4] Rossella Bocciarelli, Il Sole 24 Ore del 1 dicembre 2012
[5] Rossella Bocciarelli, Ibidem
[6] Ha affermato il presidente Inps, Antonio Mastrapasqua il 5 novembre scorso: «La richiesta di cassa integrazione continua ad essere più alta nel 2012 rispetto all'anno scorso. Il confronto tendenziale non si discosta dai dati precedenti, attestandosi su un incremento delle richieste nei primi dieci mesi dell'anno che supera il 10%». «Ad ottobre sono stati autorizzati 103 milioni di ore di cassa integrazione con un aumento del 19,3% rispetto a settembre e del 20,6% rispetto a ottobre 2011. Nei primi 10 mesi sono stati autorizzati 895 milioni di ore di cassa (+10,1% sul 2011) e si va verso lo sfondamento di quota un miliardo». www.inps.it Stiamo parlando, dati di ottobre di circa 500mila lavoratori che hanno perso in busta paga 2.600 euro. Considerando tutti i lavoratori che sono andati in Cig ordinaria, straordinaria e in deroga, siamo attorno ad un milione.
[7] Gianluca Di Donfrancesco, Il Sole 24 Ore del 1 dicembre 2012
[8] Luigi Guiso, Guido Romano, Il Sole 24 Ore del 1 dicembre 2012. I nostri apologeti del capitalismo aggiungono: «La scomparsa delle imprese sane rafforza il declino perché sono proprio queste che innovano, che creano e alimentano la crescita della produttività. La scarsa crescita scaccia le imprese buone e la loro fuoriuscita spegne il motore della crescita».
[9] Diversi sono i neologismi utilizzati per nominare il mostro: neoliberismo, turbo-capitalismo, finzanzcapitalism.
[10] Sulle cause della crisi del lungo ciclo espansivo postbellico abbiamo trattato in molti articoli. Segnaliamo solo questo: Alle origini del declino dell'Occidente
[11] Questa efficace analogia è di Massimo Amato e Luca Fantacci: Come salvare il mercato dal capitalismo. Donzelli Editore, Giugno 2012. testo utili da leggere, malgrado i nostri abbiano una strana idea del denaro, che non considerano merce e se la prendano dunque, non col denaro e il suo essere rappresentante astratto e simbolo della ricchezza, ma con la "liquidità".
[12] «Il capitale esiste come capitale, nel movimento reale, non nel processo di circolazione, ma soltanto nel processo di produzione, nel processo di sfruttamento della forza-lavoro». K. Marx, Il capitale. Volume III. Quinta sezione. Il capitale produttivo d'interesse. p.13
[13] K. Marx Ibidem. p. 28
[14] Un esempio lampante di come gli stessi operai fossero stati afferrati dal meccanismo della speculazione si ebbe negli Stati Uniti. Eravamo negli anni '80, gli anni della profonda crisi del polo automobilistico di Detroit. Gli operai della GM entrarono in sciopero contro i licenziamenti e chiesero la solidarietà di quelli della Ford, ma non la ottennero. Questi ultimi avevano devoluto i loro risparmi ad un Fondo che a sua volta aveva investito in azioni della GM. Azioni il cui valore stava risalendo in borsa proprio a causa dell'attivazione da parte della GM del piano di licenziamento.
Print Friendly and PDF

17 commenti:

  • Anonimo scrive:
    03 dicembre 2012 19:06

    Che palle co ste fregnacce.
    La sollevazione non ci sarà
    L' euro non cadrà fra poco
    vi state facendo le pippe da mesi su cose che non succederanno da sole, come ingenuamente sperate voi
    Tempo perso, voi non aprite gli occhi nemmeno di fronte all evidenza

  • Anonimo scrive:
    03 dicembre 2012 20:01

    Ovviamente non si solleveranno gli operai
    In sudamerica stavano molto peggio di noi e non lo hanno fatto
    chi si è sollevato in am latina?
    i militari o la borghesia che ha deciso di liberarsi dal giogo usa, ma non certo i poveri
    sará così anche da noi e non succederà nulla
    mi raccomando continuate a laniare proclami e allarmi che sono utilissimi
    ne riparliamo fra qualche mese...

  • Anonimo scrive:
    03 dicembre 2012 21:45

    Che due commenti pietosi. Entrate nel merito invece di vomitare stronzate. L'articolo è formidabile! Grazie a Pasquinelli, come al solito lucido e stimolante.

  • Ezio scrive:
    03 dicembre 2012 23:04

    PREMESSA
    Mi pare chiaro che ci sono dei guastatori che frequentano questo blog. Invito tutti gli amici che seguono sollevazione con interessere a mostrare che questi guastatori sono solo una trascurabile minoranza.

    NEL MERITO
    Condivido una questione centrale: la dimensione del debito/credito modifica le vecchie concezioni dei rapporti di classe.
    Aggiungo però che la domanda che ha pungolato il Pasquinelli non ha ricevuto completa risposta, poiché manca un aspetto: il ruolo delle famiglie, che nella nostra particolare società fungono da assicurazione privata involontaria.
    Dunque, i giovani precari e pauperizzati hanno, almeno nell'80% dei casi, delle famiglie alle spalle che possono reggere l'urto, almeno per alcuni anni. Per cui ciò che si predica della generazione più vecchia, in qualche modo deve essere predicato anche della generazione giovane. Questo non mette forse in discussione l'individuazione del blocco sociale?

  • Anonimo scrive:
    03 dicembre 2012 23:54

    E' estremamente arduo commisurare gli eventi futuri ai tempi di attuazione e di compimento. Cioè, si può individuare un andamento, la direzione di una traiettoria, ma é quasi impossibile rendersi conto con qualche precisione dove e quando essa termini. Fra l'altro, lungo il percorso, ci possono essere delle interazioni con altri eventi che interferiscono e possono influire sul fenomeno. I dinamismi sociali sono estremamente complessi e lo sanno bene anche gli economisti che spesso la loro "scienza" risulta fallace a causa dell'imprevedibilità dei comportamenti sociali ed individuali.
    Oggi come oggi, comunque, é abbastanza chiaro che la nave é in rotta di collisione con l'iceberg del pauperismo incalzante che sta fagocitando le masse e tutte le loro risorse esistenziali. Ma questa situazione potrebbe anche non avere natura ineluttabile a causa di errori, ma essere il risultato di ben calcolate manovre.
    Per esempio, io non sono affatto convinto che il desolante panorama dei risultati dell'amministrazione nazionale sia il risultato di errori del timoniere. Bisognerebbe che il timoniere dicesse, o meglio ammettesse, dove vuole portare l'imbarcazione. Fuori dalle secche continua a ripetere, ma a molti, a troppi sembra proprio di no. "Campa cavallo che l'erba cresce" pare essere il motto della bandiera dei timonieri. "il 2013' sarà l'anno del lavoro !" Fino a quando il cavallo potrà farcela? Di stenti e di privazioni si può morire, anche. In ogni caso si consuma la vita nell'avvilimento e nell'inazione, si diventa sempre più ricattabili, sempre più vendibili, sempre più schiavi; cioé sottomessi: piuttosto di perire.
    E i passeggeri imbarcati cosa pensano di fare? Sembra chiedersi Pasquinelli "Cosa aspettano i trasportati a decidersi a prendere il timone in mano loro stessi "buttando a mare" (si fa per dire: in modo democratico e pacifico, si capisce!! Ci mancherebbe altro per carità !!) timoniere, nostromi e luogotenenti? Già, come fosse tanto semplice farlo! Le masse sono sfiduciate, si sono fidate per troppo tempo di capitani che hanno tradito, di "Sommi Pontefici" che hanno imbarcato traditori, di presunti "amici" che hanno tradito. Così é stata attoscata la forza ancestrale del Popolo.

  • Anonimo scrive:
    04 dicembre 2012 00:50

    Ottimo Pasqui, un abbraccio.

  • Anonimo scrive:
    04 dicembre 2012 10:38

    A Ezio: mi pare invece che proprio nell'articolo "Perché questo mortorio sociale?" pasquinellli abbia sottolineato come importante quel che dici, il ruolo amertizzatore della famiglia, che lui chiamava "famiglia plurireddito".

  • Anonimo scrive:
    04 dicembre 2012 12:04

    Usque tandem .....queste Famiglie Italiane (fra l'altro perseguitate dal fisco) fio a quando potranno reggere al peso immne di cui vengono caricate dall'irreponsabilità colpevole e da sospettarsi persino in malafede, di chi regge le sorti di quest'Italia disastrata? Ogni tanto viene aggiuto qualche onere per scaricare le istiuzioni di impegni e di "fastidi sociali";
    Mi riferisco fra l'altro alla legge, davvero incosciente, che ha fatto cessare la disposizioe che consentiva di considerare fiscalmente a carico i figli, anche disoccupati senza alcun reddito, di età superiore ai 25 anni. Almeno questa tenuissima agevolazione avessero mantenuto: NO, via anche questa. E i senza lavoro che si avviano ai trent'anni con le mani irrimediabilmente in mano (e magari che i trent'anni li hanno superati senza aver mai lavorato, ma non per loro colpa) chi li manitene in vita se non i genitori ( persone con reddito di pensione striminzito che sarebbe appena sufficiente per loro e decurtato anche quello ad ogni svolta di strada) ? E i sindacati? zitti; e la sinistra parlamentare? zitta. E la stampa manutengola: a lavorare i bamboccioni! Questa é la situazione.

  • Anonimo scrive:
    04 dicembre 2012 12:26

    Oligarchia rentier + borghesia da una parte, classe media + proletariato dall'altra.

    Ammesso e non del tutto concesso che questa sia la fotografia reale, una cosa balza all'occhio: l'intelligenza operativa è tutta da una parte, la stupidità dall'altra.

    E basta la commistione del ruolo di debitore e creditore a invalidare questa diagnosi? Direi di no, altrimenti il depauperamento netto tanto ben evidenziato non sarebbe la realtà che è.

    Ma allora, se è un problema di "comprendonio", il margine d'intervento c'è, ed è potenzialmente enorme, con possibili esiti dirompenti.

    Basta far capire che il vero nemico è la finanza-casinò, la cui sconfitta avviene con un semplice tratto di penna (essendo proprio questa la sua vera natura).

    Alberto Conti

  • fausto scrive:
    04 dicembre 2012 12:27

    Dal tuo scritto si legge, in filigrana, la ragione della sconfitta storica della classe lavoratrice: siamo la parte oscura dello stesso pianeta che lotta per sostituirsi agli egemoni (un po' come la lotta femminista, che ha cooptato valori eminentemente maschilistici, competendo sulla base di regole scritte dal nemico).

    Secondo me,bisogna abbandonare, liberandosene, le scale valoriali sussunte dal sistema di potere borghese; questo per ricostruire un insieme di principi e valori - legati all’ affermazione della solidarietà e della cooperazione tra uguali – capace di creare una solida base sulla quale edificare una società più giusta e partecipe; si tratta di emanciparsi dalle logiche schiaccianti del denaro, delle merci (ed il loro consumo compulsivo), del lavoro (e della sua etica propalata da un sistema che tende allo sfruttamento), del valore, del capitale, dello Stato borghese. Bisogna guardarsi dalle contrapposizioni strumentali, in cui entrambe le parti (Stato contro capitale, Keynes contro Hayek, riformisti contro conservatori), al momento del loro prevalere una sull’ altra, si incaricheranno inesorabilmente di schiacciare le popolazioni nei consueti, angusti confini. Fino a quando non si riuscirà a condurre la contesa facendosi portatori di un sistema di valori diverso da quello conculcato dal padronato (economico, sociale, politico) non ci saranno speranze di emancipazione e salvezza: si andrà, pertanto, incontro al crollo del sistema capitalistico che vedrà come principali vittime le vite delle classi subordinate, in una condizione in cui le scialuppe saranno, more solito, riservate a minoranze privilegiate.

  • Anonimo scrive:
    05 dicembre 2012 12:11

    "... si tratta di emanciparsi dalle logiche schiaccianti del denaro, delle merci (ed il loro consumo compulsivo), ..."

    Sì, ma tra quanto tempo ci si potrà arrivare, avendone maturato il senso ed elaborato le modalità pratiche, alternative e sostitutive per vivere dignitosamente ogni giorno?

    Qui ed ora ci siamo dentro fino al collo, e quel poco orizzonte che si può intravedere nel migliore dei casi è un miglioramento solo parziale, non certo un salto quantico in una spiritualità risolutiva dei nostri attuali limiti.

    Ogni superamento di un limite ne presuppone un altro, nella dimensione reale alla quale siamo ancorati. Il limite superiore al quale possiamo sperare di tendere sarà comunque fondato su una qualche forma di moneta, di questo artificio virtuale che regola le vite di tutti. E' il suo paradigma in senso lato che possiamo perfezionare, per renderlo congruente alle finalità politiche a loro volta fondate su principi universali già ben conosciuti. Basterebbe anche solo approfondire e sviscerare il vero senso della "libertà" per fare piazza pulita del grosso di tutta questa merda in cui anneghiamo, e non sarebbe poco ...

    Alberto Conti

  • la congiura degli eguali scrive:
    05 dicembre 2012 18:03

    caro moreno il tuo lunghissimo articolo, lenin lo ha a suo tempo sintetizzato in stato e rivoluzione descrivendo le tre condizioni per cui la rivoluzione potrà essere possibile; e credo che lenin è ancora attualissimo, anche se tanti rivoluzionari dotti,cioè acculturati, ritengono che lenin ha fatto il suo tempo; la terza condizione è la più importante, cioè il partito rivoluzionario; e qui la cosa si complica assai perchè i partitini rivoluzionari proliferano e proliferano nella loro sterilità, non rendendosi conto, per ambizione personale di chi li dirige, forse chi lo sa!, della necessità di un unico fronte rivoluzionario, plurale ma unico, se si vuole agire da forza potente e non da manipoli inconsistenti, che hanno il peso di una piuma; avete proposto il fronte popolare, ma tutti rispondono picche; si potrebbe proporre la confederazione anticapitalista per il socialismo,che chiaramente deve essere cosa ben diversa dalla fallimentare federazione della sinistra.

  • Sollevazione scrive:
    06 dicembre 2012 11:20

    Cara Congiura degli uguali,

    forse ci saranno di mezzo anche i personalismi... ma queste forze non si uniscono per cause principalmente politiche. Analisi della crisi diverse, delle soluzioni per uscirne diverse. E popi sono tanti, troppi, quelli che pur dicendosi d'accordo sul fronte, che se ne stanno alla finestra, in attesa del ..."miracolo".

  • Stanislao scrive:
    09 dicembre 2012 20:50

    Moreno ha ragione nel qualificare la fisiologia del capitalismo come dinamica e mutevole:sfruttando l'universalità dell'uomo ovvero la sua capacità di produrre i propri mezzi di produzione il capitalismo può modificare i beni socialmente accettati creatori di ricchezza.Oggi è il turno del dogma trinitario:denaro,credito,interesse.Ma questo è solo l'effetto della fonte primaria che sta alla base del capitalismo:la proprietà privata dei mezzi di produzione,accettati socialmente, creatori di plusvalore .Se questi non vengono socializzati non se ne esce,rimarremo nel solco di quella rivoluzione democratica accennata nel precedente articolo da Moreno e quindi in una società portatrice di privilegi e qualunque sollevazione sarebbe inutile.Scriveva Marx nella Kritik:""Si è spesso detto che nel medioevo ogni forma di diritto,di libertà,di esistenza sociale,si manifesta come un privilegio,come un'eccezione alla regola.Non si poteva lasciare inosservato il fatto empirico che questi privilegi si presentano tutti nella forma della proprietà privata.Quale la ragione generale di questa coincidenza?Che la proprietà privata è l'esistenza del privilegio come genere,del diritto in quanto eccezione."

  • Anonimo scrive:
    11 dicembre 2012 22:19

    POVERE LE FAMIGLIE ITALIANEEEE...
    Le famiglie italiane potrebbero anche svegliarsi e ribellarsi contro questo sistema invece di continuarsi a piegare solo per acquistare un i-pad, i- pod, e cazzate varie.
    Basta con il vittimismo.
    qQuesto lo vuole soprattutto il popolo.
    I sindacati? Certo, gran parte di loro hanno da guadagnarci con un popolo caprone come il nostro che non sciopera neppure mezzo secondo pur di non perdere 3 euro e continuare a prostituirsi per 3 euro.
    La stampa sappiamo da che parte sta, non c'è bisogno di un pozzo di scienza per capire che sono tutti manovrati dai politici.
    In questo paese per iniziare a lottare si deve per forza toccare il fondo.
    Ci hanno tolto quasi tutto e la cosa che si continua a fare è piegarsi, se solo ci fosse un po' più di coscenza e altruismo, le cose potremmo cambiarle subito.
    Troppo facile starsene a coltivare il proprio orticello e a farsi schiavizzare dai servi del capitalismo.
    Troppo facile mandare avanti chi ha coraggio, nascondersi dietro le tende e sperare che qualcuno cambi qualcosa.
    Troppo facile delegare altri e questo è l' errore più grande, delegare chicchessia a qualsiasi cosa pur di perdere tempo in passeggiate, pettegolezzi e shopping.
    Troppo facile mandare al macello noi rivoluzionari ed eventualmente, in caso di vittoria sventolare la bandiera, in caso di perdita sputarci addosso.
    Prendere un voto alle lezioni rsu-rls insistendo di rispettare un ccnl, insistendo con informazione e azioni di lotta, non scioperAando neppure quando non si perde nulla, questa è la rivoluzione che vuole il popolo, questo è il coraggio che ha il popolo che non capisce che è il momento di unire le forze, che solo unendo le forze possiamo rovesciare questi sistemi di ricatto, di capitalismo, di fascismo.
    Avevamo in mano un' arma eccezionale, i diritti dei lavoratori ma non abbiamo saputo tenercela, per l' ingordigia, l' egoismo e il menefreghismo di quasi tutti, per pensare solo a sorpassare il vicino negli agi.
    Basta col vittimismo, io sinceramente, ci godo a vedere questo popolo che sta per toccare il fondo, perchè è solo allora che "forse", saremo uniti nella lotta e, ultima, non ritengo neppure giusto che chi lotta venga anche infangato dandogli del delinquente, del terrorista, non è giusto che i giovani debbano essere lasciati soli per sconfiggere questa "cacca" che proprio i loro genitori gli hanno fatto.
    UNITI NELLA LOTTA, SEMPRE!

  • Anonimo scrive:
    11 dicembre 2012 22:36

    TUTTO SARà SEMPRE FALLIMENTARE IN QUESTO PAESE SE NON SI PENSA AD UNIRE LE FORZE.
    UNIRE LE FORZE NON SIGNIFICA FARE LA GUERRA SU QUALE SIMBOLO PORTARE AVANTI MA LOTTARE INSIEME SU COME SCONFIGGERE QUESTO SCHIFO PERò, QUANDO POI VAI A PROPORRE, IL RISULTATO è QUESTO, TUTTI RISPONDONO A PICCHE PERCHè IN REALTà, SONO POCHISSIMI QUELLI PRONTI A RINUNCIARE AL BENESSERE, SONO POCHI COLORO CHE SONO PRONTI A PERDERE LA VITA PER LA LOTTA, PER UN MONDO DIGNITOSO ED ONESTO.
    ALLORA DICIAMOCI LA VERITà, NESSUNO VUOLE PERDERE NULLA, TUTTI VOGLIONO TENERSI CIò CHE HANNO PUR DI ACCOLTELLARE LA PROPRIA FAMIGLIA. TUTTI GIUDA CHE FANNO TANTE CHIACCHIERE.
    CHI VUOLE REALMENTE PERDERE TUTTO, ANCHE LA VITA, PER COMBATTERE? POCHISSIMI, TRA CUI NOI DI MPL!

  • Anonimo scrive:
    11 dicembre 2012 23:12

    Cara congiura degli eguali,
    Basta!
    Basta col nascondersi dietro a partiti, a delegare, ad avere un dirigente sempre, sappiamo muoverci con le nostre gambe e con la nostra testa?
    E poi, unire le forze e alla fine si finisce sempre e solo col litigare per quale simbolo perchè nessuno rinuncia al proprio, si finisce col perdere tempo, come la FdS che è stata un' accozzaglia di partiti dove nessuno ha rinunciato al simbolo, nessuno ha fatto nulla se non per interessi, per mettersi in evidenza, come i bambini che litigano per un ovetto kinder che alla fine mangia il più furbo, in questo caso, il capitalismo sta mangiando l' ovetto e noialtri a costruire nulla.
    Certo, tutti rispondono a picche perchè in realtà, nessuno vuole rinunciare agli agi, al benessere, molti aspettano ancora che scenda Gesù Cristo dal cielo, pochi sono quelli realmente coscenti e pronti a perdere anche la vita per la dignità e la libertà di tutti e non solo della propria, pochi tra cui noi di MPL...
    Qualcuno cantava:"Libertà è partecipazione..."...e se non sei pronto a morire per liberarti e liberare da questo sistema, allora rimani alla finestra che noi proseguiamo.

    Cora

Google+ Followers

Lettori fissi

Temi

crisi (492) economia (357) euro (356) Unione europea (307) sinistra (261) finanza (219) sfascio politico (213) resistenza (192) risveglio sociale (181) internazionale (160) seconda repubblica (157) alternativa (151) teoria politica (143) elezioni (136) banche (129) Movimento Popolare di Liberazione (121) M5S (106) imperialismo (93) berlusconismo (89) Grillo (84) destra (81) antimperialismo (80) sollevazione (79) debito pubblico (75) marxismo (74) proletariato (74) sovranità nazionale (69) Mario Monti (67) democrazia (65) sindacato (55) PD (53) Rivoluzione Democratica (52) Libia (51) grecia (51) Movimento dei forconi (49) sovranità monetaria (48) fiat (47) Leonardo Mazzei (44) Stati Uniti D'America (43) Emiliano Brancaccio (38) proteste operaie (38) solidarietà (38) astensionismo (37) rifondazione (37) Moreno Pasquinelli (36) austerità (36) capitalismo (35) inchiesta (35) socialismo (34) azione (33) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (31) Nichi Vendola (31) islam (31) unità anticapitalisa (31) 9 dicembre (30) Matteo Renzi (30) Siria (30) costituzione (30) Germania (28) egitto (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Medio oriente (27) sionismo (27) menzogne di stato (26) palestina (26) filosofia (25) geopolitica (25) Alberto Bagnai (24) Sicilia (24) fiom (24) napolitano (23) spagna (22) Israele (21) guerra (21) moneta (21) Europa (20) capitalismo casinò (20) fiscal compact (20) Francia (19) campo antimperialista (19) Tsipras (18) bce (18) Mariano Ferro (17) Tunisia (17) default (17) ecologia (17) etica (17) liberismo (17) Chianciano Terme (16) Forum europeo (16) legge elettorale (16) Enrico Letta (15) immigrati (15) silvio berlusconi (15) 15 ottobre (14) Assisi (14) Sel (14) repressione (14) sovranità popolare (14) Syriza (13) globalizzazione (13) Cremaschi (12) Lega (12) fronte popolare (12) neofascismo (12) religione (12) 14 dicembre (11) Marcia della Dignità (11) Negri (11) cina (11) nazionalismi (11) populismo (11) Bagnai (10) MMT (10) OLTRE L'EURO (10) ambiente (10) iniziative (10) iran (10) pace (10) storia (10) vendola (10) Aldo Giannuli (9) Chavez (9) decrescita (9) sinistra sovranista (9) Algeria (8) Bersani (8) Brancaccio (8) Fiorenzo Fraioli (8) Ingroia (8) Marine Le Pen (8) Marino Badiale (8) Mirafiori (8) Vincenzo Baldassarri (8) cultura (8) keynes (8) nucleare (8) obama (8) unità anticapitalista (8) Esm (7) Forconi (7) Goracci (7) Ilva (7) MMT. Barnard (7) Movimento pastori sardi (7) Perugia (7) Pier Carlo Padoan (7) Ugo Boghetta (7) Venezuela (7) cinque stelle (7) complottismo (7) incontri (7) islanda (7) rivoluzione civile (7) scienza (7) taranto (7) Argentina (6) Bottega partigiana (6) Draghi (6) Ernesto Screpanti (6) Front National (6) Gaza (6) Mimmo Porcaro (6) Monte dei Paschi (6) Nello de Bellis (6) Russia (6) analisi politica (6) anarchismo (6) chiesa (6) comunismo (6) golpe (6) iraq (6) referendum (6) umbria (6) Anguita (5) Art. 18 (5) Bruno Amoroso (5) Daniela Di Marco (5) De Magistris (5) Diego Fusaro (5) Gennaro Zezza (5) Il popolo de i Forconi (5) Lavoro (5) No Monti Day (5) No debito (5) Pcl (5) Quirinale (5) Regno Unito (5) Sergio Cesaratto (5) Ucraina (5) Wilhelm Langthaler (5) camusso (5) di Pietro (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) europeismo (5) lira (5) magistratura (5) marxisti dell'Illinois (5) proteste (5) salari (5) salerno (5) sovranismo (5) tremonti (5) ALBA (4) Alternative für Deutschland (4) Andrea Ricci (4) Articolo 18 (4) CSNR (4) Costanzo Preve (4) Eugenio Scalfari (4) Federalismo (4) Fmi (4) HAMAS (4) Kirchner (4) Landini (4) Lucio Chiavegato (4) Mario Draghi (4) Merkel (4) Portogallo (4) Prc (4) Sefano Rodotà (4) Val di Susa (4) afghanistan (4) antifascismo (4) appello (4) arancioni (4) beni comuni (4) brasile (4) carceri (4) cipro (4) cristianismo (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) governo (4) governo Renzi (4) irisbus (4) media (4) nazione (4) neoliberismo (4) no tav (4) pomigliano (4) presidente della repubblica (4) presidenzialismo (4) scuola (4) svalutazione (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) CGIL (3) Casaleggio (3) Cesaratto (3) Claudio Borghi (3) Claudio Martini (3) Comitato No Debito (3) Danilo Calvani (3) Def (3) Dicotomia (3) Emmezeta (3) Felice Floris (3) GIAPPONE (3) Giorgio Cremaschi (3) ISIL (3) ISIS (3) Jacques Sapir (3) Karl Marx (3) Kke (3) Laura Boldrini (3) Lega Nord (3) Lupo (3) Magdi Allam (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Nato (3) Patrizia Badii (3) Piero Bernocchi (3) Pisapia (3) Rete dei Comunisti (3) Stato di diritto (3) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (3) Stefano D'Andrea (3) Ttip (3) Turchia (3) Ungheria. jobbink (3) anarchici (3) bankitalia (3) bipolarismo (3) cuba (3) debitori (3) deficit (3) finanziarizzazione (3) fratelli musulmani (3) il manifesto (3) inflazione (3) internazionale azione (3) internet (3) italicum (3) laicismo (3) legge truffa (3) liberosambismo (3) lotta di classe (3) partito (3) patrimoniale (3) ratzinger (3) sardegna (3) terremoto (3) trasporto pubblico (3) violenza (3) wikileaks (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) Abu Bakr al-Baghdadi (2) Agenda Monti (2) Alitalia (2) Antonello Cresti (2) Ars (2) Bahrain (2) Banca centrale europea (2) Barbara Spinelli (2) Beppe De Santis (2) Berretti Rossi (2) Brushwood (2) CISL (2) CUB (2) Cile (2) Contropiano (2) D'alema (2) Fidesz (2) Forza Italia (2) Francesco Piobbichi (2) Francesco Salistrari (2) Frente civico (2) Frosinone (2) Frédéric Lordon (2) Giulietto Chiesa (2) Grottaminarda (2) Hollande (2) Imu (2) Loretta Napoleoni (2) Marco Mainardi (2) Marco Passarella (2) Marocco (2) Massimo Bontempelli (2) Michele fabiani (2) Mussari (2) Oscar Lafontaine (2) Paolo Savona (2) Papa Francesco (2) PdCI (2) Pdl (2) Prodi (2) ROSSA (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Stato (2) Stiglitz (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) UIL (2) UKIP (2) USB (2) Yemen (2) borsa (2) calunnia (2) casa pound (2) cinema (2) comitato di Perugia (2) derivati (2) diritto di cittadinanza (2) disoccupazione (2) dollaro (2) donna (2) energia (2) giovani (2) governicchio (2) indignati (2) industria italiana (2) irlanda (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) jihadismo (2) keynesismo (2) marina silva (2) necrologi (2) paolo vinti (2) pensioni (2) piemme (2) porcellum (2) razionalismo (2) risorgimento (2) sanità. spending review (2) saviano (2) sciopero (2) sindacalismo di base (2) sinistra anti-nazionale (2) sme (2) spesa pubblica (2) tasse (2) terzo polo (2) tv (2) uniti e diversi (2) università (2) uscita dall'euro (2) uscita di sinistra dall'euro (2) xenofobia (2) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A/simmetrie (1) AST (1) Alavanos (1) Albert Einstein (1) Albert Reiterer (1) Alberto Montero (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Alessandro Di Battista (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Amoroso (1) Andrew Brazhevsky (1) Angelo Panebianco (1) Angelo Salento (1) Angelo di Carlo (1) Antonio Guarino (1) Antonio Rinaldi (1) Antonis-Ragkousis (1) Ars Longa (1) Ascheri (1) Augusto Graziani (1) BRI (1) BRIM (1) Baath (1) Banca mondiale (1) Bandiera rossa in movimento (1) Basilicata (1) Belgio (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bilderberg (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Boikp Borisov (1) Bolkestein (1) Borotba (1) Bretagna (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CLN (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carc (1) Carchedi (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Davide Bono (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Der Spiegel (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Donbass (1) ECO (1) Eco della rete (1) Elctrolux (1) Elinor Ostrom (1) Emmanuel Macron (1) Emmeffe (1) Enrico Grazzini (1) Erdogan (1) Eugenio Scalgari (1) F.List (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabriano (1) Fabrizio Tringali (1) Favia (1) Federica Aluzzo (1) Ferrero (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Finlandia (1) Fiorito (1) Foligno (1) Francesca Donato (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Fratelli d'Italia (1) Freente Civico (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Genova (1) George Soros (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gianni Ferrara (1) Giorgio Gattei (1) Giuli Sapelli (1) Giulio Girardi (1) Giuseppe Pelazza (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Goldman Sachs (1) Gramsci (1) Guido Lutrario (1) Guido Viale (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hezbollah (1) Ida Magli (1) Il tramonto dell'euro (1) Indesit (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) James Holmes (1) Javier Couso Permuy (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Luc Mélenchon (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jens Weidmann (1) Jeremy Rifkin (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) João Ferreira (1) Jugoslavia (1) Juncker (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kruhman (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Legge Severino (1) Lenin (1) Lidia Undiemi (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) Luciano B. Caracciolo (1) Luciano Canfora (1) Luciano Vasapollo (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Maastricht (1) Mali (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Marcello Barison (1) Marchionne (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Margarita Olivera (1) Maria Rita Lorenzetti (1) Martin Wolf (1) Maurizio Alfieri (1) Mentana (1) Merloni (1) Michael Jacobs (1) Michele Berti (1) Mihaly Kholtay (1) Milton Friedmann (1) Mincuo (1) Moldavia (1) Monicelli (1) Morgan Stanley (1) Morya Longo (1) Nadia Garbellini (1) Naji Al-Alì (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) Nigel Farage (1) No e-45 autostrada (1) Noam Chomsky (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Pakistan (1) Paolo Becchi (1) Paolo Giussani (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Partito del Lavoro (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Piemonte (1) Piero Ricca (1) Piero valerio (1) Pil argentino (1) Pil italiano (1) Pizzarotti (1) Poroshenko (1) Porto Recanati (1) Preve (1) Profumo (1) Puglia (1) Putin (1) Quantitative easing (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) Raffaele Ascheri (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Riccardo Achilli (1) Riccardo Bellofiore (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Rizzo (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Musacchio (1) Rodoflo Monacelli (1) Romney (1) SInistra popolare (1) Said Gafurov (1) Salvatore D'Albergo (1) Salvini (1) Sapir (1) Sebastiano Isaia (1) Sergio Bellavita (1) Sergio Bologna (1) Six Pack (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Standard & Poor's (1) Stefano Fassina (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Storace (1) Sudafrica (1) TPcCSA (1) Terni (1) Thatcher (1) Thomas Szmrzly (1) Titoli di stato (1) Tonguessy (1) Torino (1) Transnistria (1) Trichet (1) Trilateral (1) Troika (1) Two Pack (1) UGL (1) Udc (1) Ungheria (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Veltroni (1) Viale (1) Viktor Orban (1) Viktor Shapinov (1) Vincenzo Sparagna (1) Visco (1) Vittorio Bertola (1) Vladimiro Giacchè (1) W. Streeck (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Wen Jiabao (1) Zizek (1) Zolo (1) al-Durri (1) al-Fatah (1) alleanze (1) alt (1) amnistia (1) andrea zunino (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) ateismo (1) austria (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) censis (1) chokri belaid (1) classi sociali (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) composizione di classe (1) corruzione (1) cristianesimo (1) david harvey (1) decescita (1) denaro (1) depressione (1) divorzio banca d'Italia Tesoro (1) elezioni anticapte (1) enav (1) enel (1) ennahda (1) estremismo (1) euroi (1) export (1) facebook (1) fallimenti (1) felicità (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fisco (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) forza nuova (1) gennaro Migliore (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il fatto quotidiano (1) import (1) indulto (1) internazionalismo (1) intervista (1) islamofobia (1) italia (1) kafir (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge del valore (1) leva (1) libano (1) liberalizzazioni (1) lula (1) maghreb (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manovra (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massimo fini (1) materialismo storico (1) mattarellum (1) memoria (1) militarismo (1) minijobs. Germania (1) modello spagnolo (1) negazionismo (1) noE-45 autostrada (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) olocausto (1) operaismo (1) parti de gauche (1) partiti (1) patto del Nazareno (1) polizia (1) poste (1) povertà (1) precarietà (1) primarie (1) privatizzazioni (1) programma UIKP (1) queswjepjelezioni (1) quinta internazionale (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) riformismo (1) risve (1) scie chimiche (1) seisàchtheia (1) seminario (1) senato (1) serbia (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra critica (1) social forum (1) social media (1) socialdemocrazia (1) società (1) sovrapproduzione (1) studenti (1) takfir (1) tango bond (1) tasso di cambio (1) teoloogia (1) terzigno (1) trasporto aereo (1) troll (1) uassiMario Monti (1) ueor (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vincolo di mandato (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)