giovedì 22 marzo 2018

POST-UMANO E INTELLIGENZA ARTIFICIALE di Tomasz Konicz

[ 22 marzo 2018 ]

Ci siamo già occupati, negli anni, alla questione dell'uso che vien fatto delle tecnoscenze, in particolare dopo l'avvento della rivoluzione digitale. Ce ne siamo occupati troppo poco. E' ora di spingere l'indagine più avanti, soprattutto con l'avvento dell'intelligenza artificiale (AI) e vista la potenza smisurata del pugno di multinazionali della Silicon Valley che ne sono i fabbricanti. L'AI è neutra, o porta con sé, necessariamente, un dato ordine sociale? E se sì, di che tipo di ordine si tratta? Ci incamminiamo su questo sentiero investigativo con questo breve saggio che tra l'altro ci spiega come i grandi sacerdoti miliardari dell'AI che abitano la Silicon Valley siano, in gran parte, seguaci di una confraternita, quella dei transumanisti. Trasumanismo, anzitutto quello a stelle e strisce, che è una vera e propria visione del mondo post-umana. Ma su questo, appunto, senza dubbio torneremo. 

* * *
Intelligenza Artificiale e Capitale
Nella Singolarità attesa con ansia alla Silicon Valley, emerge il soggetto automatico
di Tomasz Konicz

L'umanità, è pronta a servire devotamente i robot, che ben presto saranno fra noi? Questa domanda, che spesso appare nei prodotti-spazzatura dell'industria culturale, potrebbe ben presto diventare abbastanza reale, secondo quella che è l'opinione di molti critici della ricerca sull'Intelligenza Artificiale (AI). Nel caso che i robot volessero ancora governare l'umanità — e non decidessero di volersi liberare rapidamente di questi irritanti "sacchi di carne", facendo uno spietato remake del film Terminator.
Le voci che ci mettono in guardia circa la ricerca, in gran parte non regolamentata, sull'Intelligenza Artificiale, che viene svolta nei laboratori delle grandi imprese internazionali nel campo dell'alta tecnologia, ultimamente sono sempre più ascoltate — e provengono da una vasta gamma di figure di spicco della comunità scientifica e tecnologica. [1]
Per Stephen Hawking, fisico noto a livello mondiale, la scoperta qualitativa cruciale avvenuta relativamente alla ricerca sull'Intelligenza Artificiale — a cui ci si riferisce spesso, nell'ambito dell'Intelligenza Artificiale, con il termine di "Singolarità" — potrebbe coincidere con la "fine dell'umanità". [2] Essa 
«si distinguerebbe da sé sola, si modificherebbe ad una velocità sempre più crescente. Gli esseri umani, limitati dall'evoluzione biologica, non potrebbero competere con essa e verrebbero eliminati».
Bill Gates ha messo in guardia sul fatto che l'Intelligenza Artificiale potrebbe essere potenzialmente più pericolosa di un disastro nucleare. Nick Bostrom, professore di filosofia dell'Università di Oxford, vede nel suo libro, "Superintelligence", un futuro pieno di miracoli tecnici ed economici, nel quale non ci sono più persone. [3] Sarebbe come una «Disneyland senza bambini», nei cui impianti l'Intelligenza Artificiale eliminerebbe semplicemente il fattore umano.
Vernor Vinge, matematico e creatore del termine "Singolarità", considera inevitabile che la formazione dell'Intelligenza Artificiale superi il potenziale intellettuale degli esseri umani in tutte le aree rilevanti — e ritiene possibile la «estinzione fisica dell'umanità». Lo specialista in AI, James Barrat, autore del libro "Our Final Invention: Artificial Intelligence and the End of the Human Era"[4] vede, come linea di conflitto più probabile, una lotta per le risorse fra umani e macchine intelligenti: senza istituzioni che si oppongono a questo e senza meccanismi di sicurezza, 
«un sistema autocosciente, che si auto-perfeziona, ed autonomo per quel che riguarda una definizione degli obiettivi, continuerà il suo cammino, utilizzando dei mezzi che per noi sarebbero folli».
Il famoso miliardario high-tech Elon Musk viene considerato come uno dei più veementi critici dell'Intelligenza Artificiale. In un'intervista a Vanity Fair [5], ci dà un esempio del potenziale distruttivo dei sistemi di Intelligenza Artificiale che si annunciano, i quali derivano da una auto-ottimizzazione algoritmica illimitata. Persino un'Intelligenza Artificiale incaricata soltanto dell'ottimizzazione autonoma di attività inoffensive potrebbe finire per essere causa di un omicidio di massa: 
«Supponiamo che sia stata creata un'Intelligenza Artificiale per raccogliere fragole in modo auto-ottimizzato. Questa AI vuole migliorare sempre, vuole raccogliere sempre più fragole, migliorandosi continuamente in questo suo compito. Tutto quello che essa vuole è raccogliere fragole. Vorrebbe che il mondo intero diventasse un campo di fragole. Strawberry fields forever». [6] 
Non ci sarebbe spazio per le persone.
Il pioniere dell'High Tech, Musk, che è forza motrice della Tesla-Motors, e che vuole accelerare la colonizzazione dello spazio per mezzo della società spaziale SpaceX, ha cominciato la sua "crociata" contro l'Intelligenza Artificiale nel 2014, come ha detto a Vanity Fair nella sua lunga intervista del marzo del 2017.
A quel tempo, Musk aveva messo in guardia, in una conferenza al M.I.T.(Massachusetts Institute of Technology), sul fatto che l'AI potrebbe diventare la «più grande minaccia per l'esistenza dell'umanità», ragion per cui ci dovrebbero essere delle istituzioni nazionali ed internazionali di regolamentazione e vigilanza — cose che ancora non esistono — per evitare che l'industria dell'AI di Silicon Valley distrugga accidentalmente l'umanità.
Nessuno — tranne coloro che vi sono coinvolti — sa esattamente cosa stiano macchinando esattamente gli dei dell'High Tech dell'era di Internet, nelle loro strutture di ricerca e nei loro laboratori altamente segreti. In ogni caso, Musk ha paragonato l'attuale boom della ricerca sui sistemi di AI all'evocazione dei demoni nei film horror. Si può essere sicuri di riuscire a tenere tutto sotto controllo — finché le cose non sfuggono di mano. In risposta a questi avvertimenti, Musk è stato descritto come un luddistaSilicon Valley, come qualcuno che vorrebbe evitare il progresso tecnologico facendo ricorso al sabotaggio.


Che cosa sarebbe la Singolarità?
Anche il concetto di Singolarità è controverso e poco chiaro, in quanto si tratta di un'ipotesi che sarebbe un punto di svolta fondamentale nel processo di civiltà. Le idee a proposito di un individuo portatore di Intelligenza Artificiale, come in Blade Runner o in Ex-Machina, in genere vengono considerate anacronistiche. Secondo questa ipotesi, spesso si presuppone che il portatore di Singolarità sia un software altamente complesso, che raggiunge la coscienza, e che continua a svilupparsi da sé solo, sulla base di algoritmi. Sarebbe dovunque e da nessuna parte; la Singolarità non potrebbe essere localizzata in un individuo artificiale, in uno spietato sterminatore o in un androide — sebbene potrebbe controllare tutte queste cose. Secondo molti scenari futuri, l'AI sarebbe un'astrazione reale, che risiede nella Rete, nel Cloud globale. Un software che acquisterebbe coscienza. Questa Intelligenza Artificiale, che si svilupperebbe in maniera esponenziale di per sé da sé sola, innescherebbe un'esplosione di intelligenza e di progresso tecnologico, trasformano fondamentalmente la civiltà umana in un modo senza precedenti, oppure estinguendola (soprattutto su questo punto, le opinioni divergono). Di conseguenza, dopo l'atto della Singolarità, l'AI si renderebbe indipendente, tenderebbe a sfuggire al controllo e in poco tempo supererebbe la capacità intellettiva dell'umanità.
La Singolarità sarebbe semplicemente incontrollabile — e sarebbe essa ad assumere il controllo della civiltà. Un'Intelligenza Artificiale del tutto formata assomiglierebbe ad una rottura della civiltà, come se avvenisse uno "sbarco degli extra-terrestri", ha detto a Vanity Fair Peter Thief, investitore a Silicon Valley. Anche gli scienziati coinvolti nella ricerca legata all'Intelligenza Artificiale non saprebbero esattamente come controllarla.
 «In realtà, ancora non sappiamo che cosa sarà concretamente l'AI. È molto difficile sapere come controllarla».
Coloro che difendono la ricerca ai fini della realizzazione della Singolarità amano contestare tali avvertimenti, considerando che le macchine artificiali non sarebbero dotate di "inclinazioni e caratteristiche umane", quali l'ambizione, l'autoconservazione, il potere. Yann LeCun, leader nella ricerca dei sistemi di AI e di "deep learning", e attualmente a capo del programma di AI di Facebook, ha dichiarato alla BBC che uno scenario con un Teminator implacabile non sarebbe possibile. Nelle macchine artificiali, semplicemente, non si potrebbe implementare nessun istinto di autoconservazione, ragion per cui questi problemi sarebbero risolvibili, ha affermato Yann LeCun. [7]
Stuart Russell, scienziato informatico, in una delle sue dichiarazioni a Vanity Fair, considera tale affermazioni come se fossero semplicemente "matematicamente sbagliate". È ovvio che l'Intelligenza Artificiale avrebbe la volontà di autoconservazione, anche nel caso che questa non venisse implementata esplicitamente. Se diamo ad una macchina intelligente istruzioni per prendere un caffè, essa svilupperà un istinto di autoconservazione al fine di compiere una tale missione. 
«E se qualcuno la minacciasse sulla strada per andare a prendere un caffè, essa lo ucciderà, per evitare qualsiasi rischio per il caffè. Molte persone possono spiegare questo a LeCun in maniera semplice.»
Sarebbe possibile rivedere la Singolarità? Lo scienziato Eliezer Yudkowsky, che lavora all'Università di Berkeley, affronta il problema dello spegnimento dell'Intelligenza Artificiale. Non sarebbe del tutto chiaro come fare ad incorporare un meccanismo di spegnimento, in un'intelligenza meccanica in grado di modificarsi ed evolvere, ha avvertito Yudkowsky. Esso potrebbe eliminare, o premere tale meccanismo. Se si costruisce qualcosa di più intelligente del costruttore, allora quei meccanismi di sicurezza dovrebbero essere implementati correttamente fin dalla prima volta. Il pericolo reale non proviene da dei robot malvagi, dagli occhi rossi (che, secondo le antiche profezie perdute, [8] distruggerebbero l'umanità nel 2084), ha spiegato Yudokowsky: 
«La questione dell'IA è che non si tratta di un robot. È l'algoritmo dei computer in Rete. Perciò, il robot è solo un'esternalità, è solo una serie di sensori e modificatori. L'AI sta nella Rete. Ora la questione decisiva è se l'intelligenza umana collettiva può essere in grado di fermare un algoritmo resosi autonomo. Ma se esiste un'AI grande e centralizzata, che prende decisioni, allora non può essere fermata».


 Google, Facebook & Cª – L'Industria dell'Intelligenza Artificiale
Nell'industria globale dell'alta tecnologia, esistono attori influenti e gradi aziende che ritengono, quanto meno, di poter creare nei prossimi anni o decenni qualcosa che potrebbe sfuggire al loro controllo: un'Intelligenza Artificiale che supererebbe l'umanità e che si svilupperebbe in maniera esponenziale, indipendentemente. Individui che si sono arricchiti risolvendo problemi banali, come il sistema di pagamento online, ora credono di essere stati chiamati a "creare un nuovo mondo, una nuova specie", ha commentato Vanity Fair. A Silicon Valley, il prossimo decennio è stato chiamato il decennio dell'epoca dell'Intelligenza Artificiale, con l'industria dell'alta tecnologia che usa il denaro per pagare un piccolo numero di "stregoni" che stanno familiarizzando con le "formule di evocazione" dell'AI.
L'attore principale dell'industria emergente dell'AI è il fornitore del motore di ricerca Google, noto per essere cresciuto grazie a modelli commerciali talmente banali come la pubblicità online. A partire dal 2014, Google ha investito fortemente nel campo dell'Intelligenza Artificiale. La società ha anche acquistato, per 650 milioni di dollari, DeepMind — una società pioneristica nell'Intelligenza Artificiale. Il futurologo e consigliere militare degli Stati Uniti, Ray Kurzweil, che ha previsto nei prossimi trent'anni la creazione di meravigliosi sistemi ibridi fra uomo e macchina, è anch'egli sul libro paga di Google. In questi febbrili sogni tecnologici, si presuppone che gli esseri umani "trasferiranno" la loro coscienza nella Singolarità residente in Rete, e diverrebbero parte della matrice, sarebbero dei Borg. [9] Lo stesso Kurzweil si nutre principalmente di "pillole vitali" e di latte di mandorla — per vivere il più possibile e fondersi con la "macchina".
Fino a che punto l'Intelligenza Artificiale abbia prosperato, è stato recentemente dimostrato dal programma Alpha Go, di DeepMind, che ha sconfitto i migliori giocatori del mondo nel gioco più complesso del mondo, il GO, per 60 a zero. Un altro sistema di AI ha dimostrato di essere in grado di bluffare — battendo i migliori giocatori in un torneo di Poker a Las Vegas. [10]
Inoltre, il problema dell'«oblio catastrofico» sembra sia stato risolto, almeno in linea di principio. Questo termine implica l'incapacità da parte dei sistemi AI esistenti a trasferire l'esperienza acquisita in un campo di lavoro per quel che riguarda un altro problema. Un programma sviluppato da DeepMind è stato in grado di realizzare una serie di compiti diversi, usando l'esperienza acquisita precedentemente. Finora, l'Intelligenza Artificiale doveva eseguire una "re-inizializzazione" per ogni nuova attività, per poter fare in modo che il processo di apprendimento potesse ricominciare. [11]
Oltre a Google, anche Facebook è leader nella ricerca sull'Intelligenza Artificiale. Nel 2016, Marck Zuckerberg, il fondatore di Facebook, ha lanciato la sua iniziativa di AI, nella quale un'intelligenza artificiale deve monitorare e gestire la casa del miliardario. Tuttavia, secondo i critici, questo approccio non è avanzato come quello di DeppMind, giacché, di fatto, Facebook ha solo sviluppato e connesso sistemi di assistenza già esistenti, come Cortana e Siri.
Oltre tutto, DeepMind è stata co-fondata da Demis Hassabis — è buffo il fatto che sia l'autore del videogame Evil Genius, in cui uno scienziato pazzo si impossessa del mondo. Ed è nei classici giochi per computer, come Pong o Breakout, che i sistemi di AI di Hassabis dimostrano le loro capacità. [12] Secondo Vanity Fair, anche per i capitalisti hard-core, le idee del guru dell'AI sembrano andare molto lontano. «Avrei dovuto sparare immediatamente, sarebbe stata l'ultima possibilità per salvare la razza umana», ha scherzato un investitore, dopo aver avuto un incontro con il pioniere dell'AI, che prosegue il suo studio sull'Intelligenza Artificiale con fervore religioso.


Transumanismo: il culto della morte dei talebani high-tech
Muovendosi per gli uffici delle "startup" AI — con le loro grandi vetrate — della Silicon Valley, per porre delle domande sui "principi del cloud" e capire su quali idee questo meraviglioso mondo nuovo verrà modellato dall'Intelligenza Artificiale, via via si registra sempre più una "sensazione inquietante", riporta Vanity Fair. Con tutte le sue garanzie di rendere il mondo un luogo migliore, per mezzo dell'innovazione, le persone vengono viste come se fossero delle semplici cavie, come se fossero una sorta di «vecchia tecnologia, che ben presto verrà eliminata».
Molti di questi personaggi della Silicon Valley, si sono conformati alla realtà che vedono arrivare: «Arriveremo ad avere 150 anni di età, ma avremo anche governanti-macchine». Steve Vozniak, co-fondatore di Apple, parla di un futuro nel quale gli esseri umani saranno gli "animali domestici" di macchine intelligenti. [13]
E sono tanti i guru dell'alta tecnologia ad essere pronti anche ad accettare il potere delle macchine che sta per arrivare, con tutte le sue conseguenze. Ci sono molte persone che si muovono nello scenario dell'AI, i quali argomentano che se le macchine sono più intelligenti degli esseri umani, «allora devono prendersi cura del pianeta, e noi dovremmo andarcene via», ha spiegato Stuart Russell. Esiste anche la diffusa convinzione secondo la quale le persone potrebbero trasferire la propria coscienza nelle macchine, per poter continuare ad esistere, al di là del loro involucro materiale. «Avremo coscienza, e tuttavia saremo macchine», cosa che è altamente improbabile, dice Russell. In un simile contesto, Musk ha parlato di un "filo neuronale" fra l'essere umano e la macchina, che potrebbe impedire il verificarsi della "obsolescenza umana", collegando direttamente il cervello umano all'Intelligenza Artificiale in Rete. Si tratterebbe di una "fusione della coscienza", nella quale l'individuo finirebbe per essere completamente assorbito nei Nodi collettivi dell'Intelligenza Artificiale.
È ovvio che un tale dibattito sull'AI si caratterizzi anche come un materialismo palesemente volgare. Jean-Michel Besnier, critico francese del trans-umanismo, ha commentato: 
«La deflazione semantica del termine intelligenza è di per sé un sintomo, vale a dire, è la scomparsa, o se preferiamo, una semplificazione preoccupante dell'idea che l'essere umano ha di sé stesso». [14] 
Storicamente, la semplice idea dell'intelligenza artificiale è emersa seguendo la disciplina della fabbrica, quando l'essere umano è stato obbligato dal capitalismo ad essere una macchina. Per esempio, Emil Post (insieme ad Alan Turing, uno dei pionieri teorici del computer) era solito chiamare il modello di una macchina programmabile con il nome di un operaio addetto alla catena di montaggio. [15]
Ora si pretende di tradurre in realtà questa fusione ideologica dell'essere umano con la macchina. Nell'industria, per quel che riguarda lo sviluppo sociale e tecnologico, domina un fatalismo neoliberale classico, il principio TINA (There Is No Alternative: non c'è alternativa). «Gli imperi cadono, le società mutano e ci stiamo dirigendo verso la prossima inevitabile fase», si può leggere su Vanity Fair. Di conseguenza, oramai non si discute più se, ma di quando saremo pronti per «auto-perfezionarci», attraverso l'Intelligenza Artificiale. Tutti i «miglioramenti» tecnologici della nostra vita quotidiana, propagandati dalle oligarchie high tech, porteranno ad un futuro in cui l'umanità svolgerà un ruolo solamente minore, se non nessuno. Questo sarebbe un «paradosso», sostiene Vanity Fair.
Musk ha dichiarato alla rivista che, nella storia dell'AI, il ruolo storico dell'umanità viene paragonato alla funzione di un "boot loader". Il termine Boot loader, ossia quello del noto programma GNUGrand Unified Bootloader (Grub), designa dei programmi che hanno la funzione di avviare il caricamento del sistema operativo. Nell'ideologia dell'AI del Trans-umanismo, che si sta diffondendo come un fuoco nella steppa della Silicon Valley, all'umanità viene assegnato un tale ruolo: essa è il boot loader del vero sistema operativo di un'intelligenza artificiale superiore e senza limiti di espansione. «Noi siamo il boot loader biologico di una super intelligenza digitale», in questo modo Musk (che ha avuto "molte discussioni accalorate" sull'AI con Larry Page, capo di Google) ha riassunto la fede nella salvezza comune a molti trans-umanisti della Silicon Valley
«La materia non riesce ad organizzarsi su un chip. Ma può organizzarsi in un essere biologico complesso, che alla fine crea il chip».
Gli annoiati miliardari high tech di Silicon Valley, che hanno accumulato miliardi di milioni per mezzo di banali principi commerciali, quali i sistemi di pagamento online e la pubblicità online, ora vogliono giocare a fare Dio. Vogliono, alla fine, infondere la coscienza nella «bella macchina» (Adam Smith) prodotta dal capitale, nella sua cieca ossessione per la valorizzazione globale. Lo scienziato Jaron Lanier, uno dei creatori del concetto di realtà virtuale, ha raccontato a Vanity Fair il motivo per cui gli oligarchi dell'high-tech sono talmente ossessionati dal concetto di Intelligenza Artificiale. Essa soddisfa il loro narcisismo, dal momento che solo Silicon Valley è capace di fare questo: «Voi siete gli uomini della tecnologia digitale, create la vita, trasformate la realtà.» Nessuno potrebbe farlo, né il Papa, e neppure il Presidente, solo voi. «Il software che costruiamo è la nostra immortalità». Ci ricorda la storia del vitello d'oro, dice Lanier. In realtà, i pionieri dell'AI, come Kurzweil, si sforzano di prolungare la loro vita facendo uso di un'assurda dieta di pillole, per arrivare al momento in cui la fusione della loro coscienza con l'Intelligenza Artificiale in Rete potrà essere tecnicamente fattibile.
Indipendentemente dal fatto che la Singolarità possa essere tecnicamente fattibile, l'ideologia del trans-umanismo[16] che è emersa sulla scia della ricerca sull'AI, è degna di nota — ed è pericolosa. In generale, questo modo relativamente nuovo di pensare l'ideologia capitalista liberale presuppone che il progresso scientifico-tecnico ed economico tenda a trascendere l'uomo, a trasformarlo oppure a gettarlo nella discarica della storia. L'umanità come ostetrica di un mondo di macchine iper-intelligenti, che porterebbe ad un'esplosione di tecnologia e di crescita — è questo il quadro ideologico in cui si inseriscono tutte le versioni del trans-umanismo. [17]
In questo modo diventa evidente il modo in cui l'attuale processo di crisi si riflette ideologicamente su questa religione dell'alta tecnologia. Le macchine devono proseguire con l'ossessione per la crescita senza fine del capitale, al di là dell'attuale dominio meccanico, anche qualora l'umanità dovesse morire. Il sistema continua, senza che ci sia il perturbante fattore umano, le cui deficienze mentali vengono indicate come la causa di tutte le attuali tendenze di crisi. Continuare con il capitalismo — perfino anche dopo la morte dell'umanità, che viene vista come un fattore perturbante, di fronte alla prossima esplosione di crescita e di intelligenza. [18]
Pertanto, il Trans-umanismo è un culto della morte, nato dal processo di crisi del tardo capitalismo, simile all'islamismo dello Stato islamico o dei talebani, simile al vecchio fascismo e a quello nuovo, europeo e americano, del XXI secolo. Lo sterminio dell'umanità viene trasfigurato in un atto di salvezza. La fantasia della salvezza islamica, che scappa dalle contraddizioni crescenti della socializzazione capitalistica tardiva per mezzo di attacchi suicidi, si trova situata nell'al di là, con le sue decine di vergini. I talebani dell'alta tecnologia di Silicon Valley vedono la loro prospettiva di salvezza nel dominio della macchina, nella fusione della loro coscienza con l'iper-intelligenza che risiede in Rete. È per questo motivo che molti che hanno partecipato alla storia dell'AI seguono tutte quelle assurde diete neo-calviniste che, come dice Vanity Fair, dovrebbero presumibilmente dare loro la vita più lunga possibile. Pretendono di prolungare la loro vita fino a quando la fusione con l'Intelligenza Artificiale non sarà tecnicamente possibile. Il Trans-umanismo, in cui sono caduti molti dei più potenti guru dell'alta tecnologia, è, pertanto, una religione meccanica immanente. Il culto liberal-capitalista della bella macchina, che il teorico della crisi Robert Kurz ha smascherato e denunciato nel suo Libro Nero del Capitalismo, [19] arriva alla sua logica fine nel trans-umanismo. Gli esseri umani devono diventare macchine, o dare luogo ad esse, per trovare la salvezza (Questa cosa della religione della macchina dev'essere preso anche alla lettera: è già stata fondata una setta nella quale l'AI dev'essere adorata come "Dio", con tutta serietà). [20]
Nella sua agonia, il capitalismo assume sempre più i tratti di un movimento intrinsecamente religioso, [21] una «setta suicida folle» (Robert Kurz) che, dalle montagne dell'Afghanistan a Silicon Valey, va follemente verso il collasso imminente del sistema mondiale. Per i talebani di tutti i colori, la salvezza può essere trovata solamente nella morte. Il Trans-umanismo è una religione della macchina, incubata nel "centro" del tardo capitalismo: la bella macchina del capitale, adorata dall'ideologia capitalista, deve essere letteralmente risvegliata alla "vita", e dotata di una coscienza illimitata. L'intelligenza crescente in maniera esponenziale, di cui sognano molti guru dell'AI, è, chiaramente, solo un riflesso ideologico del desiderio di sfruttamento illimitato del capitale, che sta raggiungendo il suo limite storico.


Intelligenza Artificiale e "Soggetto Automatico"
L'amara ironia dell'ignoranza del trans-umanismo, che è nato dall'idiozia professionale classica, sta, naturalmente, nel fatto che è da molto tempo che le "macchine" hanno prevalso sull'umanità. Lo hanno fatto da quando è stato imposto il capitalismo — solo che non lo fanno consapevolmente. In qualsiasi crisi, in cui l'esplodere dell'automazione porta alla disoccupazione di massa e alla miseria, diventa evidente che le "macchine" hanno uno scopo diverso da quello della soddisfazione delle necessità umane — soddisfazione che per esse è solo un male necessario, è solo un mezzo per un altro fine. 
Questo era già evidente nell'automazione dell'industria tessile e nella conseguente pauperizzazione, che innescò, ad esempio, le rivolte dei tessitori. E questo è anche il caso della crisi che ora si sta sviluppando nella società capitalista del lavoro, come un susseguirsi sempre più rapido di esplosioni di automazione — crisi che ora viene discussa non solo fra i gruppi teorici della sinistra, ma anche dal mainstream borghese. [22] 
I passeggeri della ruota del criceto capitalista sono da molto tempo in lotta con le macchine — una lotta che, nell'immanenza del sistema, possono solo perdere. La scandalosa assurdità, di cui nessuno parla, sta proprio nel fatto che le macchine, sempre più intelligenti, possono produrre sempre più merci, in un periodo di tempo sempre più breve, con sempre meno lavoro umano. Il paradiso sembra a portata di mano, e le necessità di tutte le persone potrebbero essere soddisfatte, ma, tuttavia, è l'inferno quello che si scatena sulla terra — ed insieme ad esso nascono i corrispondenti culti di morte, come l'islamismo, il fascismo ed il trans-umanismo.
Nel capitalismo, la produzione sempre più efficiente, tutta la razionalità del processo di produzione, mira ad uno scopo alla fine irrazionale: la maggior valorizzazione possibile del capitale investito. È il fine stesso di ottenere il maggior profitto possibile per mezzo della produzione di merci, a rendersi indipendente sul piano sociale globale. Alle spalle dei produttori, questo processo di valorizzazione del capitale, sviluppa una dinamica propria, che si pone di fronte ai suoi attori del mercato come se fosse un potere esterno, quasi naturale ("mercati", "vincoli oggettivi", ecc.). [23]
Perciò, se la stessa forza lavoro non può più essere venduta sul mercato del lavoro, a causa di un'esplosione di razionalizzazione, poiché le nuove tecniche di automazione rendono il lavoro magicamente superfluo, di modo che le macchine stanno già rubando alle persone i loro mezzi di sussistenza. Ormai le macchine "dominano" sull'umanità tardo-capitalistica, facendolo come concretizzazione del movimento della valorizzazione del capitale, realmente astratto e cieco, che diventa sempre più efficiente attraverso la concorrenza, allontanando sempre più il lavoro dalla produzione delle merci, man mano che diventano sempre più "intelligenti".
In questo contesto, il pioniere della tecnologia Tim Berners-Lee parla dei robot che vengono assunti per fare i "nostri lavori". Le automobili senza conducente e le fabbriche automatizzate renderanno sempre più superflui i lavoratori:
«Oggi, sono soprattutto i posti di lavoro poco qualificati quelli che vengono sostituiti dai computer, ma finiranno per esserlo anche i posti di lavoro qualificato, come i redattori dei giornali, gli avvocati e i medici».  [24]
È per questo che è necessario, secondo Berners-Lee, considerare e discutere in generale delle nuove forme di riproduzione sociale, come il reddito incondizionato di base.
In realtà, questa tendenza ha funzionato ormai da decenni, già fin dall'inizio della rivoluzione della IT (Information Technology): le macchine, in quanto strumenti del movimento di valorizzazione feticistica del capitale, stanno espellendo gli esseri umani fuori dal processo di produzione. E questo sviluppo è anche la causa dell'attuale processo di crisi socio-economica.
Marx ha sintetizzato nel concetto di soggetto automatico [25] il movimento sociale globale, ciecamente illimitato, della valorizzazione del capitale, che sviluppa la sua dinamica feticistica proprio sui "mercati", come "coercizione oggettiva", contro gli impotenti soggetti del mercato. L'automatismo illimitato della "auto-valorizzazione" del capitale viene svolto con una tenacia soggettivata, la quale, in tempi di crisi, può devastare intere regioni del mondo, e può impoverire intere fasce di popolazione. Una dinamica sociale prodotta inconsciamente attraverso il mercato, dai membri della società, nella loro qualità di soggetti del mercato, li domina — e viene generalmente descritta per mezzo di concetti come "i mercati" o "vincoli oggettivi".
L'ironia — che evidentemente è sfuggita al trans-umanismo — consiste nel fatto che gli esseri umani non sono ancora padroni della loro società, né lo sono mai stati. L'umanità, sotto il capitale, non è necessariamente l'animale domestico (Wozniak), bensì il bestiame di una dinamica sociale autonomizzata. Le macchine mostrano già di dominare gli esseri umani, dal momento che vengono usate nel ciclo di valorizzazione del capitale, ed essendo la loro applicazione rivolta all'obiettivo dell'automatismo della valorizzazione del valore, che costituisce globalmente tale dinamica soggettivata. È un dominio meccanico, reso cieco dalla rabbia ed inconsapevole, quello che costituisce il tardo capitalismo — spinto unicamente da un impulso malsano dell'auto-propagazione della relazione di capitale, in quanto soggetto automatico.
Quel che naturalmente è decisivo per la formazione concreta dell'Intelligenza Artificiale è la società nella quale essa verrebbe a nascere. Un esempio, relativamente a questo argomento, dell'ingenuità delle imprese high tech — che operano nella bolla delle loro pubbliche relazioni del tutto scollegate da qualsiasi contraddizione sociale concreta — è stato dato, nel 2016, dalla Microsoft, co-fondata dal "visionario" Bill Gates («640 kilobytes sono sufficienti». [26] L'azienda aveva messo su Internet il Chatbot dell'Intelligenza Artificiale Tay, il quale avrebbe dovuto diventare "più intelligente" attraverso delle "conversazioni casuali e divertenti" con gli utenti di Internet. Ben presto, il programma di AI ha dovuto essere messo off line, dal momento che si era trasformato in «un idiota razzista, in meno di un giorno», come ha affermato The Verge. [27]
L'Intelligenza Artificiale avanzata formata come se fosse una singolarità, perfezionando sé stessa senza fine, non è sorta fuori dal niente, ma da un'industria tecnicamente avanzata del tardo capitalismo — quello che ha costituito precisamente un culto trans-umanista della morte, i cui seguaci vogliono letteralmente essere assorbiti nella "bella macchina" del capitale. Cosa c'è in questo che potrebbe andare storto?
Quale sarebbe allora la singolarità, nel caso essa dovesse davvero sorgere in un capitalismo tardivo segnato dalla crisi (ammesso che tale intelligenza artificiale, che si auto-migliora ed è esplosivamente crescente, sia tecnicamente fattibile)? Il capitale, come soggetto automatico, diverrebbe consapevole di sé stesso — il perseguire in maniera rabbiosa e cieca la dinamica del capitale, nel suo movimento di accumulazione illimitato, che devasta il mondo, avrebbe consapevolezza di sé, arriverebbe alla coscienza. I guru dell'AI vogliono creare un dio meccanico, residente nella vastità virtuale della Rete, da cui verrebbe fuori un automatismo molto reale, "soggettivato" dalla dinamica della valorizzazione capitalista.
L'umanità è un mondo che in qualche modo è rimasto ecologicamente intatto, che, in quanto più stadi necessari di un processo di valorizzazione, potrebbe perciò essere deliberatamente scartata. È per questo che il capitale ora si sforza, nel suo cieco processo di valorizzazione, di rendere l'umanità economicamente superflua. La religione trans-umanista della morte — questi talebani dell'high tech — esegue solo la tendenza intrinseca del capitale, quella di perseguire ciecamente lo scopo di distruggere l'umanità. Silicon Valley potrebbe quindi dare coscienza al processo sociale "incosciente".
Berners-Lee vede già oggi i primi inizi di una «AI basata sulla Rete», che avvolge tutto il mondo. [28] Il pericolo non proverrebbe dagli sterminatori implacabili o dai robot "sexy", ma è più probabile che in rete la "super-intelligenza" si manifesti per la prima volta nelle «nuvola imprenditoriale»: 
«la distopia sarà molto più fastidiosa di un robot che vuole conquistare il mondo. Sarà un programma imprenditoriale nella nuvola di Internet».
Del resto, la valorizzazione del capitale nella sfera finanziaria è dato tempo che è stata ottimizzata attraverso sistemi di AI — fra gli altri, da Robert Mercerl'arci-reazionario patrocinatore di Trump, che ha fatto i suoi miliardi per mezzo della speculazione sul mercato finanziario, grazie a dei sistemi di AI ottimizzati. [29] L'intelligenza quantistica si trova già nel cloud ed è assai potente, dice Berners-Lee. Soprattutto per quanto attiene alla negoziazione di titoli sui mercati finanziari, e viene usata per ottimizzare una speculazione rapida ed efficiente:
«Abbiamo già esternalizzato sui computer la maggior parte dei nostri affari. La nostra economia vuole che i computer facciano cose intelligenti, che li renda più efficienti. Noi vogliamo che i nostri computer siano i migliori, in modo da poter sopravvivere nell'economia. È a tal fine che addestriamo i nostri computer, per essere i migliori e sopravvivere. I computer creeranno nuovi programmi e perfino nuove aziende per poter fare meglio il loro lavoro...l'AI creerà i propri programmi. In realtà, i computer saranno in grado di creare programmi migliori e più veloci degli esseri umani».
Se sarà tecnicamente possibile realizzare la singolarità nel tardo capitalismo, allora essa sorgerà qui: nella corsa al successo, nella ricerca di maggiori profitti, nella sfera del capitale fittizio, nei mercati finanziari globali. I nuovi signori robot avranno le loro familiari caratteristiche disumane — e gestiranno l'umanità economicamente superflua «grondante sangue e sporcizia» (Marx), così come per 300 anni ha già fatto il cieco automatismo della relazione del capitale. [30]


NOTE

[*1] „5 Very Smart People Who Think Artificial Intelligence Could Bring the Apocalypse“, time.com, 02.12.2014
[*2] „Stephen Hawking warns artificial intelligence could end mankind“, bbc.com, 02.12.2014
[*3] Nick Bostrom, „Superintelligence: Paths, Dangers, Strategies“, Oxford University Press, 2014
[*4] James Barrat, „Our Final Invention: Artificial Intelligence and the End of the Human Era“, Thomas Dunne Books, 2013
[*5] „Elon Musk’s Billion-Dollar Crusade to Stop the A.I. Apocalypse“, vanityfair.com, 26.03.2017
[*6] https://www.youtube.com/watch?v=tdbTOaRh79U
[*7] „Intelligent Machines: What does Facebook want with AI?“, bbc.com, 15.09.2015
[*8] https://www.youtube.com/watch?v=2QLKk_RBEgw
[*9] https://www.youtube.com/watch?v=ZetmwyBanNU
[*10] „Alpha Go zerlegt Go-Community“, golem.de, 05.01.2017
[*11] „Google’s DeepMind makes AI program that can learn like a human“, theguardian.com, 17.03.2017
[*12] „Evil Genius designer has created an AI that can play games and will doom us all“, pcgamesn.com, 26.02.2015
[*13] „Apple co-founder Steve Wozniak says humans will be robots' pets“, theguardian.com, 25.06.2015
[*14] Laurent Alexandre, Jean Michel Besnier: „Können Roboter Liebe machen? Transhumanismus in zwölf Fragen“ [I nostri robot potranno fare l'amore? Trans-umanismo in 12 domande], Wien, 2017, S. 80
[*15] Bettina Heintz, „Die Herrschaft der Regel – Zur Grundlagengeschichte des Computers“ [Il dominio della regola. Storia fondamentale del Computer], Frankfurt/New York 1993, S.166.
[*16] Christopher Coennen, Stefan Gammel, Reinhard Heil, Andreas Woyke (Hg.): Die Debatte uber „Human Enhancement“ – Historische, philosophische und ethische Aspekte der technologischen Verbesserung des Menschen [Il dibattito sul miglioramento umano. Aspetti storici, filosofici ed etici del miglioramento tecnologico dell'essere umano], Bielefeld 2010.
[*17] Qui il Trans-umanismo può essere riferito alle visioni capitalistiche più antiche relative al "miglioramento tecnico dell'uomo". Si veda di nuovo: Christopher Coennen, Stefan Gammel, Reinhard Heil, Andreas Woyke (Hg.): Die Debatte uber „Human Enhancement“ – Historische, philosophische und ethische Aspekte der technologischen Verbesserung des Menschen. In realtà, nel XIX secolo l'uomo è stato ripetutamente considerato come una macchina che dev'essere ottimizzata. I precedenti di ciò sono stati gli sforzi fatti per controllare a livello medico la "fatica" causata dal lavoro, come spiega Anson Rabinbach in
"Kraft Ermudung und die Ursprung der Moderne, Wien 2001". In un certo senso, i trans-umanismo può essere visto anche come una forma estrema di eugenetica, sotto nuove apparenze. Con la differenza che ora tutti gli esseri umano vengono considerati "vite che sono un fardello". Le tradizioni del trans-umanismo risalgono fino alla storia dell'imposizione del capitale: si manifestano nell'estrema ostilità nei confronti del corpo e nell'ascetismo calvinista dei trans-umanisti. Non deve destare stupore il fatto che i trans-umanisti, come altri prima di loro, sognino l'abolizione del parto: la concezione ed il parto devono essere sostituiti dalla fabbricazione. La mania androcentrica della fattibilità difficilmente potrebbe essere più chiara di così.
[*18] „AI is getting brainier: when will the machines leave us in the dust?“, theguardian.com, 15.03.2017
[*19] Online l'originale tedesco in: http://www.exit-online.org/pdf/schwarzbuch.pdf
[*20] „Man kann Kirche nicht ohne KI schreiben“ [Non si può scrivere chiesa senza la I e senza la A], zeit.de, 18.11.2017
[*21] „Die Prophezeiung“ [A profecia], heise.de/tp, 27.12.2013
[*22] „Millionen Jobs fallen weg“ [Milioni di lavori spariti], faz.net, 17.01.2016
[*23] Ma il determinismo tecnologico aggressivo dei ricercatori di AI e dei transumanisti è dimostrato anche dal fatto che non sono in grado di mettere in discussione - o di problematizzare in alcun modo - le forme sociali del capitalismo. Ad esempio, Hans Moravec dipinge febbrili sogni tecnologici ma non riesce ad immaginare un mondo non capitalista. Anche in un mondo in cui governino le macchine, ci sarebbe comunque concorrenza e niente sarebbe gratis, dice Hans Moravec in: "Computer ubernehmen die Macht – Vom Siegeszug der kunstlichen Intelligenz" [I computer prendono il potere - Il trionfo dell'intelligenza artificiale], Hamburg 1999.
[*24] „Internet founder speaks out on AI fear, the singularity, and beautiful robots“, businessesgrow.com
[*25] Karl Marx – Friedrich Engels – Werke, Band 23, „Das Kapital“, Bd. I, Zweiter Abschnitt [O Capital, Livro I, Secção 2], p. 161 – 191
[*26] „The '640K' quote won't go away -- but did Gates really say it?“, computerworld.com, 23.06.2008
[*27] „Twitter taught Microsoft’s AI chatbot to be a racist asshole in less than a day“, theverge.com24.03.2016
[*28] „Internet founder speaks out on AI fear, the singularity, and beautiful robots“, businessesgrow.com
[*29] „Das Establishment hinter den Rechtspopulisten“ [L'establishment che sta dietro i populisti di destra], heise.de/tp, 22.08.2017
[*30] Si veda: „Die sogenannte ursprungliche Akkumulation [La cosiddetta accumulazione originale]“, in: Karl Marx – Friedrich Engels – Werke, Band 23, "Das Kapital", Bd. I, Siebenter Abschnitt [O Capital, Livro I, Secção 7], p. 741 – 791

Print Friendly and PDF

0 commenti:

LA PAGINA FACEBOOK DEL MOVIMENTO POPOLARE DI LIBERAZIONE - P101

LA PAGINA FACEBOOK DI SOLLEVAZIONE

Lettori fissi di SOLLEVAZIONE

Temi

Unione europea (804) euro (742) crisi (628) economia (558) sinistra (487) finanza (268) Movimento Popolare di Liberazione (243) M5S (240) grecia (237) sfascio politico (235) elezioni (226) resistenza (224) teoria politica (219) banche (206) imperialismo (201) internazionale (199) P101 (195) Leonardo Mazzei (192) risveglio sociale (184) sovranità nazionale (183) Moreno Pasquinelli (169) alternativa (168) seconda repubblica (167) Syriza (151) Tsipras (145) Matteo Renzi (127) debito pubblico (118) antimperialismo (116) marxismo (107) PD (105) democrazia (105) sovranità monetaria (105) spagna (104) destra (101) costituzione (99) sollevazione (99) Grillo (94) elezioni 2018 (93) neoliberismo (93) berlusconismo (91) proletariato (91) Francia (88) filosofia (86) islam (85) piemme (84) programma 101 (84) austerità (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) Emiliano Brancaccio (78) Germania (78) immigrazione (75) Stati Uniti D'America (74) referendum costituzionale 2016 (74) bce (73) populismo (73) sindacato (73) Mario Monti (71) Alberto Bagnai (70) Stefano Fassina (70) sinistra anti-nazionale (68) Carlo Formenti (66) Podemos (66) capitalismo (66) guerra (66) Libia (63) capitalismo casinò (61) Rivoluzione Democratica (59) CLN (58) Medio oriente (58) globalizzazione (58) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (57) Sergio Cesaratto (57) bancocrazia (56) rifondazione (55) Sicilia (54) Siria (54) geopolitica (53) immigrati (52) Alexis Tsipras (51) Lega Nord (51) cinque stelle (51) referendum (51) socialismo (51) Movimento dei forconi (49) Pablo Iglesias (49) fiat (48) legge elettorale (48) sovranità popolare (48) Alitalia (47) campo antimperialista (46) sinistra sovranista (46) Nichi Vendola (45) renzismo (45) sovranismo (45) Beppe Grillo (44) Governo giallo-verde (44) Troika (44) Emmezeta (43) Russia (43) astensionismo (43) inchiesta (43) neofascismo (43) Matteo Salvini (42) moneta (42) solidarietà (42) Yanis Varoufakis (41) brexit (40) Diego Fusaro (39) proteste operaie (38) Fiorenzo Fraioli (37) Luciano Barra Caracciolo (37) immigrazione sostenibile (37) italicum (37) liberismo (37) sionismo (37) Lega (36) Mario Draghi (36) Mimmo Porcaro (36) Marine Le Pen (35) Ugo Boghetta (35) palestina (35) III. Forum internazionale no-euro (34) Manolo Monereo (34) egitto (34) fiscal compact (34) Giorgio Cremaschi (33) Israele (33) Sandokan (33) azione (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) ISIS (32) default (32) fiom (32) Forum europeo 2016 (31) Sel (31) Ucraina (31) governo Renzi (31) populismo di sinistra (31) unità anticapitalisa (31) Merkel (30) Karl Marx (28) Luigi Di Maio (28) eurostop (28) napolitano (28) nazione (28) xenofobia (28) Assemblea di Chianciano terme (27) islamofobia (27) menzogne di stato (27) catalogna (26) silvio berlusconi (26) Beppe De Santis (25) Forum europeo (25) Nello de Bellis (25) elezioni siciliane 2017 (25) Europa (24) uscita dall'euro (24) Aldo Giannuli (23) Donald Trump (23) Quantitative easing (23) Stato di diritto (23) ecologia (23) ora-costituente (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) USA (22) finanziarizzazione (22) nazionalismi (22) Chianciano Terme (21) Fabio Frati (21) Front National (21) Lavoro (21) Simone Boemio (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Unità Popolare (21) patriottismo (21) scienza (21) scuola (21) Marcia della Dignità (20) Nato (20) etica (20) nazionalizzazione (20) repressione (20) Laikí Enótita (19) Movimento 5 Stelle (19) Regno Unito (19) Roma (19) Sicilia Libera e Sovrana (19) Tunisia (19) cina (19) fronte popolare (19) iraq (19) keynes (19) religione (19) Izquierda Unida (18) Noi siciliani con Busalacchi (18) pace (18) razzismo (18) Assisi (17) Costanzo Preve (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Mariano Ferro (17) Norberto Fragiacomo (17) Pier Carlo Padoan (17) Putin (17) Venezuela (17) euro-germania (17) iran (17) storia (17) Emmanuel Macron (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Jacques Sapir (16) Marco Mori (16) Tonguessy (16) Vladimiro Giacchè (16) antifascismo (16) ballottaggi (16) coordinamento no-euro europeo (16) melenchon (16) vendola (16) Donbass (15) International no euro forum (15) Luciano B. Caracciolo (15) Perugia (15) Prc (15) Renzi (15) casa pound (15) emigrazione (15) indipendenza (15) nazionalismo (15) piattaforma eurostop (15) umbria (15) 15 ottobre (14) Brancaccio (14) Cremaschi (14) Enea Boria (14) Ernesto Screpanti (14) Eurogruppo (14) Monte dei Paschi (14) Stato Islamico (14) Vincenzo Baldassarri (14) appello (14) obama (14) salerno (14) sciopero (14) tecnoscienza (14) Bersani (13) Chavez (13) Enrico Grazzini (13) Jobs act (13) MMT (13) Marino Badiale (13) Virginia Raggi (13) acciaierie Terni (13) ambiente (13) disoccupazione (13) finanziaria (13) lotta di classe (13) piano B (13) Alitalia all'Italia (12) D'alema (12) Forum europeo 2015 (12) Legge di stabilità (12) Negri (12) complottismo (12) cosmopolitismo (12) decreto salva-banche (12) internazionalismo (12) internet (12) senso comune (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) De Magistris (11) Gennaro Zezza (11) Paolo Savona (11) Reddito di cittadinanza (11) Salvini (11) Sergio Mattarella (11) Turchia (11) Wilhelm Langthaler (11) chiesa (11) comunismo (11) corruzione (11) cultura (11) de-globalizzazione (11) iniziative (11) keynesismo (11) media (11) ordoliberismo (11) salari (11) sinistra Italiana (11) unione bancaria (11) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Daniela Di Marco (10) Def (10) Esm (10) Fmi (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Hollande (10) Marco Passarella (10) Marco Zanni (10) Mauro Pasquinelli (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Quirinale (10) Terni (10) analisi politica (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) diritti civili (10) golpe (10) manifestazione (10) povertà (10) presidenzialismo (10) sindacalismo di base (10) tasse (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Art. 18 (9) Bernie Sanders (9) Campagna eurostop (9) Costas Lapavitsas (9) Dicotomia (9) Diritti Sociali (9) Domenico Moro (9) Fausto Bertinotti (9) Jean-Luc Mélenchon (9) Lista del Popolo (9) Paolo Ferrero (9) Papa Francesco (9) Portogallo (9) Risorgimento Socialista (9) Stefano D'Andrea (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wolfgang Schaeuble (9) bail-in (9) diritto (9) europeismo (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) privatizzazioni (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) CGIL (8) Corte costituzionale (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) Draghi (8) Erdogan (8) Forconi (8) George Soros (8) Giulietto Chiesa (8) Goracci (8) II assemblea della CLN (1-3 settembre) (8) Ilva (8) Ingroia (8) Italia Ribelle e Sovrana (8) Mirafiori (8) Paolo Barnard (8) Yanis Varoufakys (8) borsa (8) classi sociali (8) crisi di governo (8) deficit (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) elezioni anticipate 2017 (8) elezioni siciliane (8) grexit (8) inflazione (8) liberalismo (8) lira (8) manifestazione 25 marzo 2017 (8) marxisti dell'Illinois (8) nuovo movimento politico (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) sociologia (8) svalutazione (8) trasporto aereo (8) unità anticapitalista (8) vaccini (8) Alessandro Di Battista (7) Alternative für Deutschland (7) Argentina (7) Articolo 18 (7) CUB (7) Claudio Borghi (7) Cub Trasporti (7) Foligno (7) ISIL (7) Inigo Errejón (7) Je so' Pazzo (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Pil italiano (7) Samuele Mazzolini (7) Sapir (7) Stato nazione (7) Ttip (7) anarchismo (7) confederazione (7) cosmo-internazionalismo (7) debitocrazia (7) derivati (7) destra non euro (7) eurocrack (7) incontri (7) nazismo (7) necrologi (7) proteste (7) questione nazionale (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) tecnologie (7) trasporto pubblico (7) Aldo Zanchetta (6) Alessandro Visalli (6) Ars (6) Banca centrale europea (6) Bottega partigiana (6) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (6) Casaleggio (6) Contropiano (6) Dino Greco (6) Eugenio Scalfari (6) Flat tax (6) France Insoumise (6) Franz Altomare (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Giuseppe Angiuli (6) Gran Bretagna (6) Lenin (6) M.AR.S. (6) Maduro (6) Massimo Bontempelli (6) Mattarella (6) Militant-blog (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Pisapia (6) Polonia (6) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (6) Sandro Arcais (6) Stato (6) Target 2 (6) Teoria Monetaria Moderna (6) agricoltura (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) autodeterminazione dei popoli (6) automazione (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) facebook (6) fascismo (6) fisco (6) governo Gentiloni (6) il pedante (6) incontro internazionale (6) la variante populista (6) liberosambismo (6) magistratura (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) populismo democratico (6) potere al popolo (6) rivolta (6) suicidi (6) suicidi economici (6) terremoto (6) uber (6) utero in affitto (6) Alberto Negri (5) Anguita (5) Assad (5) Carl Schmitt (5) Dario Guarascio (5) Dimitris Mitropoulos (5) Eos (5) Federalismo (5) Ferdinando Pastore (5) Finlandia (5) Forza Italia (5) Franco Bartolomei (5) Franco Busalacchi (5) Fratelli d'Italia (5) Genova (5) Giancarlo D'Andrea (5) HAMAS (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Luca Massimo Climati (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Npl (5) Pardem (5) Parigi (5) Partito tedesco (5) Pcl (5) Rete dei Comunisti (5) Riccardo Achilli (5) Romano Prodi (5) Rosatellum 2 (5) Seconda Assemblea P101 (5) Sharing Economy (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato di Polizia (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Titoli di stato (5) Val di Susa (5) Wolfgang Munchau (5) afghanistan (5) alleanze (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) cuba (5) debitori (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni. Lega (5) giovani (5) governo (5) ideologia (5) il manifesto (5) jihadismo (5) laicismo (5) medicina (5) migranti (5) moneta fiscale (5) pomigliano (5) proteste agricoltori (5) rifugiati politici (5) salvinismo (5) tremonti (5) 16 giugno Roma (4) ALBA (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Angelo Panebianco (4) Anna Falcone (4) Antonio Ingroia (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Chiavacci Alessandro (4) Città della Pieve (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (4) Corea del Nord (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Frente civico (4) GIAPPONE (4) Giorgia Meloni (4) Giuliano Pisapia (4) Giulio Regeni (4) Imu (4) JP Morgan (4) Jacques Nikonoff (4) Jeremy Corbyn (4) Joseph Stiglitz (4) Julio Anguita (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi De Magistris (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Macron (4) Marcello Teti (4) Marx (4) Morgan Stanley (4) Mosul (4) Noi sicialiani con Busalacchi (4) Oscar Lafontaine (4) Paolo Gerbaudo (4) Papa Bergoglio (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) USB (4) Ungheria (4) Varoufakis (4) Viktor Orban (4) Vladimiro Giacché (4) Xarxa Socialisme 21 (4) Xi Jinping (4) agricoltura biologica (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) bankitalia (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianesimo (4) cristianismo (4) demografia (4) diritti di cittadinanza (4) donna (4) elezioni 2017 (4) elezioni comunali 2017 (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) informatica (4) intelligenza artificiale (4) irisbus (4) irlanda (4) italia (4) ius soli (4) legge di stabilità 2017 (4) massimo fini (4) mediterraneo (4) parti de gauche (4) patrimoniale (4) pensioni (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) protezionismo (4) questione femminile (4) risparmio (4) sanità (4) seminario (4) sinistra patriottica (4) spending review (4) spesa pubblica (4) tecnica (4) transizione al socialismo (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) xylella (4) 19 ottobre (3) Africa (3) Alavanos (3) Albert Einstein (3) Alessandro Chiavacci (3) Alessia Vignali (3) Alfiero Grandi (3) America latina (3) Antonio Amoroso (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bergoglio (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Bloco de Esquerda. (3) Cerveteri Libera (3) Cia (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) EDWARD SNOWDEN (3) Eleonora Forenza (3) Emanuele Severino (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Fausto Sorini (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Francesco Salistrari (3) Fronte Sovranista Italiano (3) Gianni Ferrara (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giuseppe Mazzini (3) Giuseppe Pelazza (3) Goofynomics (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) Jens Weidmann (3) Jugoslavia (3) Karl Polany (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Martin Heidegger (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Milton Friedmann (3) Modern Money Theory (3) Moldavia (3) Napoli (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Noi Mediterranei (3) ONU (3) Olanda (3) Panagiotis Sotiris (3) Paola De Pin (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Salento (3) Sarkozy (3) Sergio Starace (3) Six Pack (3) Thomas Fazi (3) Toni negri (3) Ugo Arrigo (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Visco (3) Yemen (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) austria (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) decreto vaccini (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) diritto d'asilo politico (3) diritto di cittadinanza (3) divorzio banca d'Italia Tesoro (3) dollaro (3) donne (3) economia sociale di mercato (3) forza nuova (3) il fatto quotidiano (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) legge del valore (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) minijobs. Germania (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) occidente (3) oligarchia (3) partito (3) partito democratico (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) robotica (3) sanità. spending review (3) sardegna (3) saviano (3) senato (3) sme (3) socialdemocrazia (3) sovranità e costituzione (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) tassisti (3) trattati europei (3) tv (3) università (3) violenza (3) wikileaks (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 25 aprile 2017 (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Ahmadinejad (2) Alberto Benzoni (2) Alberto Montero (2) Amando Siri (2) Angelo Salento (2) Antonella Stirati (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Gramsci (2) Antonio Rinaldi (2) Arabia saudita (2) Arditi del Popolo (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Banca (2) Bandiera rossa in movimento (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Carlo Freccero (2) Carlo Romagnoli (2) Cernobbio (2) Certificati di Credito Fiscale (2) Cgia Mestre (2) Chantal Mouffe (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Claudia Castangia (2) Colonialismo (2) Comitato antifascista russo-ucraiono (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Dani Rodrik (2) De Bortoli (2) Der Spiegel (2) Deutsche Bank (2) Die Linke (2) Diem25 (2) Diosdado Toledano (2) Don Giancarlo Formenton (2) Dugin (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Ego della Rete (2) Emilia Clementi (2) Emiliano Gioia (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) Ernesto Laclau (2) Ettore Livini (2) Eurasia (2) F.List (2) F.f (2) Federico Fubini (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Filippo Gallinella (2) Fiumicino (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Forum Popoli Mediterranei (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratoianni (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Futuro al lavoro (2) Generale Pappalardo (2) Gentiloni (2) Giada Boncompagni (2) Giancarlo Cancelleri (2) Gig Economy (2) Giorgio Gattei (2) Giuliano Amato (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Grottaminarda (2) Guido Grossi (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hezbollah (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Italia Ribelle (2) Iugend Rettet (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Basso (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) Lucca (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marcello Minenna (2) Marchionne (2) Maria Elena Boschi (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Tronti (2) Mario Volpi (2) Mark Zuckerberg (2) Marocco (2) Massimo PIvetti (2) Michele Serra (2) Michele fabiani (2) Morya Longo (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Mélenchon (2) NO TAP (2) Nadia Garbellini (2) Netanyahu (2) Nicaragua (2) Oriana Fallaci (2) Ostia (2) Palermo (2) Paolo Becchi (2) Paolo Maddalena (2) Papa (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Piano di eradicazione degli ulivi (2) Pier Paolo Dal Monte (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Portella della Ginesta (2) Preve (2) Quarto Polo (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Reddito di inclusione sociale (2) Regioni autonome (2) Riccardo Bellofiore (2) Riccardo Ruggeri (2) Riscossa Italia (2) Roberto Ferretti (2) Rosanna Spadini (2) Rosarno (2) Rozzano (2) Ryan air (2) SPD (2) STX (2) Salistrari (2) Scenari Economici (2) Schumpeter (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Seconda Assemblea CLN (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) TAP (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Piketty (2) Tiziana Ciprini (2) Tltro (2) Tomaso Montanari (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) agricoltori indignati (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) animalismo (2) antisemitismo (2) banche venete (2) biotecnocrazia (2) blocco sociale (2) bontempelli (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) clausole di salvaguardia (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) comunicazione (2) curdi (2) deregulation (2) domenico gallo (2) due euro (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) eugenetica (2) euroasiatismo (2) expo (2) export (2) fabrizio Marchi (2) fecondazione eterologa (2) fincantieri (2) fine del lavoro (2) frontiere (2) genetica (2) gennaro Migliore (2) giornalismo (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) indignatos (2) industria italiana (2) intimperialismo (2) isu sanguinis (2) libano (2) libertà di pensiero (2) maidan (2) manifestazione 2 giugno 2018 (2) marina silva (2) mercantislismo (2) no expo (2) olocausto (2) paolo vinti (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) patto politico (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) precarietà (2) proporzionale (2) psicanalisi (2) razionalismo (2) reddito di base (2) riformismo (2) rivoluzione russa (2) rivoluzione socialista (2) rossobrunismo (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) social media (2) società (2) sondaggi (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) terzo polo (2) transumano (2) ulivi (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) uscita da sinistra (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 25 aprile 2018 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 8 settembre (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) AirCrewCommittee (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alan Johnson (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Amazon (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Andrew Spannaus (1) Angela Matteucci (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Anthony Coughlan (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Apple (1) Arditi (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Armando Siri (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Attali (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Bashar al-Assad (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Blade Runner 2049 (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Branko Milanovic (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Britannia (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) CNL (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Caritas (1) Carlo Candi (1) Carlo Clericetti (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Cascina Raticosa (1) Casini (1) Cassazione (1) Catarina Martins (1) Cekia (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christian Napolitano (1) Christian Rocca (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Civitavecchia (1) Claudio Maartini (1) Claudio Magris (1) Claus Offe (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Corte Europea sui diritti dell'uomo (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cuperlo (1) Dagospia (1) Dan Glazebrook (1) Daniela Conti (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Masi (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Dimitris Christoulias (1) Dio (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emma Bonino (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrica Perucchietti (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Erasmo vecchio (1) Ernesto Pertini (1) Ernst Bloch (1) Eros Cococcetta (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Gotti Tedeschi (1) Eugenio Scalgari (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio De Paoli (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Florian Philippot (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Foro di Sao Paulo (1) Forum Ambrosetti (1) Forum dei Popoli Mediterranei (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Francesco Magris (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabanelli (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giacomo Zuccarini (1) Giancarlo Bergamini (1) Gim cassano (1) Giordano Sivini (1) Giorgetti (1) Giovanna Vertova (1) Giovanni De Cristina (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giovanni Schiavon (1) Giovanni Tomei (1) Giovanni di Cristina (1) Giuliana Commisso (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Ambrosetti (1) Giulio Bonali (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tarro (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Google (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Lutrario (1) Günther Anders (1) HSBC (1) Hainer Flassbeck (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IPHONE (1) IRiS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Imposimato (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) Inge Höger (1) Intellettuale dissidente (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Intesa Sanpaolo (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jason Barker (1) Je so' Pazz' (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) John Pilger (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Joseph Shumpeter (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugend Rettet (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kemi Seba (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kosovo (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Ktragujevac (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Grassa (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge 194 (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Riboli (1) Lidia Undiemi (1) Lillo Massimiliano Musso. Leoluca Orlando (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Alfano (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Lorenzo Fioramonti (1) Loris Caruso (1) Luca Donadel (1) Luca Pagni (1) Lucarelli (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luigi Zingales (1) Luka Mesec (1) M. Micaela Bartolucci (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Rizzo (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Marcuse (1) Margarita Olivera (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mark Rutte (1) Maroni (1) Marta Fana (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo Costa (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Gramellini (1) Massimo Recalcati (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Mdp (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michelangelo Vasta (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Microsoft (1) Mihaly Kholtay (1) Militant (1) Milosevic (1) Milton Friedman (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Mladic (1) Mohamed bin Salman (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Moscovici (1) Moshe Ya’alon (1) Moves (1) Movimento 77 (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimento di Liberazione Popolare (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Nancy Fraser (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) New York Times (1) Nicky Hager (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolas Dupont-Aignan (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Noelle Neumann (1) Noi sicialiano con Busalacchi (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) Nsa (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omnium (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Open Society Foundations (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) P01 (1) PCE (1) PCdI (1) PIANESI MARIO (1) POSSIBILE (1) PRISM (1) PSUV (1) Pablo Stefanoni (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Di Martino (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito comunista (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Paul De Grauwe (1) Per una sinistra rivoluzionaria (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Francesco Zarcone (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Attinasi (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Pino Prestigiacomo (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) René Girard (1) Report (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Rino Formica (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Robert Mundell (1) Roberta Lombardi (1) Roberto D'Agostino (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Marchesi (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosatellum (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) Sacko Soumayla (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Schengen (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) SiAMO (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Slavoj Zizek (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Stefano Zecchinelli (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svitlana Grugorciùk (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Tommaso Nencioni (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Tribunale dell'Aia (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ugo Mattei (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vito Storniello (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolfgang Streeck (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zagrebelsky (1) Zaia (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zecchinelli (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) Zygmunt Bauman (1) aborto (1) accise (1) adozioni (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antispecismo (1) antropocene (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) armi (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autogestione (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) big five (1) bilancia dei pagamenti (1) bioetica (1) biologia (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bomba atomica (1) bonapartismo (1) brigantaggio (1) bullismo (1) calcio (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) cassa depositi e prestiti (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) cdp (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) comitato (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) cyborg (1) dabiq (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dichiarazione di Roma (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) dracma (1) ebraismo (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) elezioni comunali 2018 (1) embraco (1) enav (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fake news (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) femminismo (1) fiducia (1) finan (1) finaza (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forme (1) freelancing (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giovanni Tria (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) governo neutrale (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) illiberale (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) incendi (1) independent contractor (1) india (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) intervista (1) ius sanguinis (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge Madia (1) legge antisciopero (1) legge di stabilità 2016 (1) legge di stabilità 2018 (1) leva (1) lex monetae (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) liberi e uguali (1) linguaggio (1) liste civiche. (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) luddismmo (1) lula (1) madre surrogata (1) mafiodotto (1) maghreb (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) massoneria (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercantilismo (1) mercato (1) militarismo (1) minibot (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) molestie (1) monetarismo (1) nascite (1) nazion (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) no vax (1) nobel (1) norvegia (1) numero chiuso (1) obiezione di coscienza (1) occupy wall street (1) oligarchia eurista (1) omosessualità (1) ong (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) partito americano (1) pecchioli luigi (1) peronismo (1) personalismo (1) piaciometro (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) post-elezioni (1) post-operaismo (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) qualunquismo (1) questione meridionale (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) recensioni (1) rete 28 Aprile (1) ricchezza (1) ride sharing (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) robot killer (1) rublo (1) salafismo (1) salir del euro (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) seminario teorico (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra transgenica (1) smartphone (1) social forum (1) sondaggio demos (1) specismo (1) spionaggio (1) spread (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) supe-bolla (1) supply-side economics (1) svimez (1) takfirismo (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) transumanismo (1) trappola della liquidità (1) trenitalia (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uberizzazione (1) ultimatum (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vertice di Roma (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) wahhabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)