mercoledì 28 febbraio 2018

ECLISSI DEL SOVRANISMO di Fiorenzo Fraioli

[ 28 febbraio 2018 ]

Premetto che questo è un post scritto da un sovranista, ed è rivolto ad altri sovranisti. Ricordo che su questo blog dire "sovranismo" implica sottintendere "costituzionale", altrimenti userei il termine "nazionalismo". Fuori di qui è necessario specificare "costituzionale", ma questo è un blog semantically correct. Infine ricordo che, poiché nessuna lista sovranista è presente alle elezioni politiche del (febbraio) 2018 (ma ce n'è una alle regionali del Lazio che, ovviamente, voterò) non considero più sovranista nessuno dei tanti interlocutori di questi anni i quali, con l'occasione delle elezioni politiche, hanno scelto di candidarsi in liste che sono tutte non sovraniste, quali che siano le motivazioni da essi addotte.

Sarebbe stato difficile immaginare, poco più di un anno fa dopo la vittoria referendaria, un esito così disastroso. Invece le centinaia di persone con cui ci eravamo confrontati direttamente, e le migliaia mobilitatesi in occasione del referendum, hanno scelto in grandissima parte la linea dell'opportunismo di piccolo cabotaggio, talora piccolissimo e in qualche caso miserrimo. Dopo essersi riempiti la bocca con la parola "Costituzione" declamandola dai palchi e in mille interviste, costoro non sono stati capaci né di farsi promotori di una lista saldamente ancorata ai valori sostanziali e letterali della nostra Costituzione del 1948, né hanno risposto all'appello lanciato, in extremis, da un piccolo gruppo che non intendeva rassegnarsi a un esito così deludente. Anzi! perfino tra quelli (pochi in verità) che in un primo momento avevano aderito, con l'avvicinarsi della scadenza ultima si sono fatte strada altre considerazioni, che non intendo in questa sede discutere, sicché molti di essi sono ora presenti in liste non sovraniste.

A tutti loro auguro ogni bene in famiglia e nella vita privata, ma anche il fallimento delle loro scelte. Quello che è emerso con prepotenza è stato il fenomeno dell'opportunismo, lo stesso che ha reso fragili e permeabili, alle infiltrazioni del nemico liberista, le organizzazioni di partito e sindacali quando è stato sferrato l'attacco che ha segnato la fine dei gloriosi trenta. Una cosa che il popolo lavoratore sa bene, che si è tramutata nel diffuso disprezzo nei confronti di quella "sinistra" traditrice ma anche, purtroppo, nell'adesione inconsapevole agli interessi del capitalismo, camuffati dietro rivendicazioni secondarie il cui vero scopo è stato, ed è, quello di distogliere l'attenzione dalla questione politica principale: il conflitto irriducibile tra gli interessi del mondo del lavoro, nelle sue varie articolazioni, e il grande capitale nazionale e cosmopolita.

Bene fa, dunque, il Partito Comunista Italiano (l'unico che c'è, diffidate delle imitazioni) a denunciare con forza i comportamenti opportunistici, posizione alla quale ha dato sostanza anche recentemente con l'espulsione di un iscritto per indegnità politica.

Foss'anche solo per questo, il PCI merita il mio voto e lo avrà!

Anche noi sovranisti siamo chiamati ad adottare una linea di uguale rigore, perché l'eclissi che stiamo vivendo non è causata dalla debolezza delle nostre analisi ma da quella dei nostri quadri, entro i quali sono stati accolti personaggi che, al primo stormir di foglie, si sono levati in volo per farcela in testa.

* Fonte: Ego della Rete
Print Friendly and PDF

38 commenti:

  • Anonimo scrive:
    28 febbraio 2018 12:39

    Non si capisce bene quello che voterai. Scrivi PCI ma poi metti il link al PC (senza I) di Rizzo. Il PCI è confluito in potere a popolo...
    Insomma come endorment vale poco, manco conosci il nome del tuo partito.
    Se invece vuoi davvero votare il PC (senza I) di Rizzo, posto quando messo in un altro commento, a proposito di opportunismo.

    ***
    A coloro che vogliono votare Rizzo.
    Vorrei ricordare chi è costui. Non solo ha le mani sporche del sangue del popolo serbo (ricordate "Rizzo pelato servo della NATO"?), non solo fu tra gli scissionisti di rifondazione comunista quando Bertinotti chiese a Prodi le 35 ore (legge che in questi 20 anni avrebbe prodotto un minimo di resistenza all'avanzata della robotica e ai milioni di posti di lavoro che ha distrutto). Fu per anni LA DESTRA interna ai comunisti italiani. Era contrario ad esempio a partecipare al contro g8 di Genova.
    La sua svolta a sinistra è frutto di mero opportunismo. Trovare un angolo nella internazionale comunista fatta dal KKE (quelli che in Grecia si schierano davanti al parlamento e picchiano gli anarchici insieme alla polizia), al partito comunista della corea del nord e ad altri psicopatici stalinisti.
    Forse Sollevazione dovrebbe pubblicare un articolo con questo piccolo retroscena che la dice lunga dell'opportunismo di Rizzo: Rizzo aveva già concluso un accordo ad ottobre con Rifondazione e Pci per fare una lista comunista alle prossime elezioni. Ora a me Potere al Polipo mi fa decisamente cagare, ma rispetto a Diliberto e Ferrero la Viola Carofalo rappresenta un piccola svolta a sinistra, quanto meno non puzza di naftalina e al parlamento e al governo non c'è mai stata. Quindi Rizzo era favorevole ad una lista ancora più a destra e ancora più incartapecorita di Potere al Pop, purché mantenesse il simbolo della falce e martello. Tipico degli opportunisti anteporre la forma alla sostanza: Diliberto e Ferrero in parlamento sono meglio di Carofalo e Cremaschi? Sì se falcemartellizzati, secondo il prode Rizzo.
    Ma c'è di più. Il vero motivo per cui Rizzo non ha aderito al Potere al Porno è perché è stata imposta la regola che chi ha avuto incarichi di governo non doveva essere candidato. Così Ferrero si è fatto da parte, mettendo dentro Acerbo e altri giovani comunisti; mentre Rizzo non ha voluto perdere il suo posto di candidato per far entrare in parlamento il giovane Mustillo.
    Che questo schifoso opportunista possa andare lontano c'è da dubitarne. Dio li fa e poi li accoppia. In questi anni il Partito Luogocomunista ha allevato una generazione di ambiziosi ad immagine e somiglianza del loro capo. Appena Mustillo capirà che l'egocentrismo del suo Stalin della Mole gli impedirà di fare carriera nel fiore della gioventù ci metterà presto a passare a mangiare la PaPpa dal banchetto dei riformisti che lo manderebbero in parlamento. E chi conosce i capetti della gioventù comunista a Cosenza come a Perugia sa bene quanti di loro sono pronti a tradire il partito luogocomunista per un posto da consigliere regionale...

  • Fiorenzo Fraioli scrive:
    28 febbraio 2018 13:50

    Grazie per l'annotazione sulla sigla. Non sono del PC di Rizzo e mi è sfuggita (per abitudine) la "I", ma è quello che voterò alle politiche. L'altro PCI (con la "I") sta nella lista di Potere al pop, e non avrà il mio voto.

  • Anonimo scrive:
    28 febbraio 2018 14:07

    @Anonimo del 28 febbraio 2018 12:39

    Forse ti è sfuggita la frase "Foss'anche solo per questo, il PCI merita il mio voto e lo avrà!" riferita a quella che la precedeva.

    Se riconosci che non c'è tanta sostanza politica nemmeno in quelli che probabilmente voterai tu perché criticare chi pensa di contrapporsi, almeno nella forma di un simbolo e poco altro, alla pervasiva propaganda altraeuropeista?

    Non voterò PC con o senza I perché voglio che il mio diventi il primo partito (che non c'è, sovranista) in Italia, dopo Sicilia, Sardegna, Calabria, Puglia, Basilicata, Campania...
    francesco

  • Humani Instrumenta Victus scrive:
    28 febbraio 2018 14:09

    So che cos'è la sovranità, non so che cosa sia il sovranismo.

  • Fiorenzo Fraioli scrive:
    28 febbraio 2018 15:19

    @Anonimo 28 febbraio 2018 12:39

    Caro, scrivi alcune cose che vorrei commentare.

    1) "(Rizzo) fu tra gli scissionisti di rifondazione comunista quando Bertinotti chiese a Prodi le 35 ore (legge che in questi 20 anni avrebbe prodotto un minimo di resistenza all'avanzata della robotica e ai milioni di posti di lavoro che ha distrutto)"

    Libero di pensarla come preferisci, ma io penso che si debba aumentare il salario e non ridurre il lavoro. Se il salario è alto, allora ogni singolo lavoratore può scegliere se lavorare di più o di meno. Io, ad esempio, sono (per mia scelta) a part-time (3 ore in meno a settimana) il che, essendo insegnante, mi permette di avere un giorno libero in più a settimana. Premesso che dovrei già essere in pensione (ma non lo sono proprio per la caduta della quota salari) se avessi uno stipendio di 1000 euro in più al mese (tanto per arrivare alla media europea, per intenderci) di ore di riduzione ne chiederei altre 6. Ma questo vale per me, che sono anziano, ho una casa di proprietà e indosso ancora le giacche di 20 anni fa (sono sempre bello e magro, a dispetto degli anni... tié ;-)

    Tuttavia un giovane insegnante potrebbe scegliere di lavorare addirittura di più, o avere un secondo lavoro. Tu dirai: ma il lavoro non c'èèèèèèèè!!!!! Davvero? Vedi caro, l'offerta di lavoro dipende dalla domanda aggregata (non il contrario) la quale aumenta quanto più è alta la quota salari. O pensi anche tu che gli italiani si siano arricchiti negli anni 60/70 col debito pubblico? Era la quota salari che faceva crescere i nostri redditi, non il debito pubblico, che aumentava per la necessità di aumentare la massa monetaria in proporzione alla crescita dell'economia. Ti faccio un altro esempio. Io da marzo alla fine di luglio devo tagliare l'erba, che è un lavoro un tantinello faticoso su 30 are, ma se il mio salario fosse più alto chiamerei qualche giovinotto. Io mi riposerei, il giovinotto guadagnerebbe, e la sera bottiglia di vino e formaggio buono. E invece no! Io mi faccio il culo per tagliare l'erba, il giovinotto sta a spasso e il capitalista ingrassa perché, essendo io pagato poco, può ricattare lui che è disoccupato e non trova nemmeno un lavoretto.

    Quelli del lavoro che non c'èèèèèèè!!!!! sono gli stessi che sostenevano: con l'introduzione e l'uso sempre più diffuso dei trattori nell'agricoltura, sono a rischio milioni di posti di lavoro come braccianti agricoli!

    E daje a ride...

  • Fiorenzo Fraioli scrive:
    28 febbraio 2018 15:34

    Ancora @Anonimo 28 febbraio 2018 12:39

    Scrivi "(Rizzo) Era contrario ad esempio a partecipare al contro g8 di Genova

    Un leader politico non si qualifica per il fatto di lanciarsi a testa bassa contro l'avversario, senza valutare se può vincere o andare incontro ad una sconfitta disastrosa. Come fece, per dirne una, Il Bertinotti nel 1981 quando si fece spiazzare dalla marcia dei 40.000!

    Funzionasse così, allora Marco Terenzio Varrone, che guidò l'esercito romano al disastro di Canne, sarebbe il più grande generale della storia.

    Il G8 di Genova segnò una clamorosa sconfitta perché tutte quelle pantomime sulla zona rossa, le trattative, le dichiarazioni di Cip&Ciop e via cantando, erano delle emerite buffonate che spianarono la strada alla repressione. Un leader vince o perde, dopodiché si valuta se ha vinto a culo o per merito, e se ha perso per sfiga o per demerito. Rizzo, sul G8, aveva visto giusto: era una trappola.

  • Anonimo scrive:
    28 febbraio 2018 17:41

    Veramente il giovinotto ti viene a tagliare l'erba solo se non ha un altro lavoro stabile. Ovvero se gli viene negato il diritto costituzione che a te, che sei suo committente, è stato invece garantito. Certo avresti potuto dire che chiamavi un giardiniere che fa quello di professione, che magari ti manda un impiegato che è coperto dalle tutele di un contratto collettivo, ma hai preferito un altra scelta linguistica, quelle figlia del tempo dei liberali dei giovani che fanno i lavoretti. Scelta linguistica che io non ritengo casuale ma voce dal sen fuggita.

    Poco cambierebbe se tagliare l'erba del giardino del signore tutelato il giovane ci andasse magari perché obbligato dal reddito di cittadinanza o dai PLG della MMT. Sono tutte diverse maniere di dire stessa identica cosa, una differenza fra tutelati e non tutelati che amaramente rimane ma riportate entro soglie tali da rendere impotenti i non tutelati.

    E magari lo chiami pure socialismo o costituzione.

    Ormai è da tempo che mi sono convinto che su tutti quelli che strillano di credere nella costituzione occorre capire "a cosa crede chi crede". Quando si guardano i dettagli emerge sempre la nostalgia del tempo migliore ma sempre molto imperfetto che fu, in ben altre circostanze storiche. La nostalgia dei propri ventanni. E la nostalgia non è mai il nuovo che avanza ma il vecchio che tramonta.

    Più leggo e più mi convinco che scintille del nuovo che avanza ancora non si vedono neppure all'orizzonte. Non si vedranno fino all'arrivo di un evento storico periodizzante che farà tramontare il vecchio ed inizierà il percorso per la costruzione del nuovo.

  • Anonimo scrive:
    28 febbraio 2018 19:19

    Se non ricordo male ai tempi della guerra in Kosovo Rizzo prese una posizione critica interna a Rifondazione, allontanandosi poi sempre di più da Cossutta e Diliberto proprio a causa di queste divergenze. E comunque il PC è l'unica forza antieuropeista e di lotta davvero attiva e in crescita sui territori. Con una forte presenza giovanile. Non si può ignorare tutto questo in un momento tanto critico per tutti noi sovranisti costituzionali. Per questo anch'io, come Fiorenzo, ho deciso di votare PC

    Andrea Orzani

  • Anonimo scrive:
    28 febbraio 2018 22:04

    Gentile Florenzo, perdonami ma sulla questione "orario/salario di lavoro" hai una posizione molto poco marxista per essere un elettore comunista. Marx ha dimostrato che il vero furto del padrone è il pluslavoro, da esso discende il plusvalore.
    Detto in termini meno astratti: io sono un dipendente di un centro commerciale. Da alcuni anni sono arrivate le casse automatiche. Ebbene queste hanno ridotto il numero dei commessi e quelli che ci sono, come me, hanno un contratto di 32 ore settimanali. Aver ridotto nel lontano 1998, quando Bertinotti fece cadere Prodi mentre Rizzo lo difendeva e fece una scissione per salvare il governo che ci ha fatto entrare in Europa (a proposito: questo non ti fa fare delle domande, da sovranista?), in questi anni avrebbe permesso di difendere dalla robotica numerosi lavoratori umani. Anche perché l'orario di lavoro già è in ridotto dal mercato: lo dimostrano ad esempio i dati del famoso "milione di posti di lavoro" di Renzi, che sono tutti lavori di poche ore la settimana!
    Di più ridurre l'orario di lavoro, questo si che aumenta i salari! Ad esempio se venisse approvata la proposta di PaP di ridurre l'orario a 32 ore settimanali a parità di salario di chi oggi ne lavora 40, per me che già ne lavoro 32 significherebbe un aumento del 12,5%! Scusa se è poco.
    Te mi fai l'esempio del tuo lavoro di insegnante. Questo dimostra che tanti sovranisti non fanno parte della classe operaia, come me, ma sono insegnanti, bancari, commercialisti.
    Questo non vi pone nessun interrogativo circa il vostro insuccesso?

  • Fiorenzo Fraioli scrive:
    28 febbraio 2018 23:53

    Caro anonimo 28 febbraio 2018 17:41 (che poi è lo stesso anonimo 28 febbraio 2018 12:39 che potrebbe avere almeno la gentilezza di scegliere un nickname temporaneo, anche se deve difendere la sua privacy dall'invasività dei servizi segreti del capitale che così non lo beccano daje a ride).

    Caro anonimo, dicevo, ti sfugge veramente l'osso della questione. Che è questo: io chiamo il giovinotto, o se preferisci il giardiniere obbligato dal reddito di cittadinanza o dai PLG della mitiiiiica mmt, se e solo se me lo posso permettere. Alias, se il rapporto costi benefici è per me conveniente. Se a me non danno una lira, io non chiamo un cazzo di nessuno, perché prima mi devo comprare il pane per mangiare. Claro? Ti entra nella capa? Ci arrivi cazzo?

    Fai tutti i redditi di cittadinanza che vuoi, tutti i PLG che ti pare, ma saranno uguali, identici, fotocopie dei centri per l'impiego di piddinosa memoria, se non c'è un cazzo di nessuno che, facendosi i suoi conti di pirsona pirsonalmente, decide che gli conviene chiamare qualcuno.

    E allora? Famo er comunismo? Va bene, sono d'accordo, figurati! Per un contemplativo come me il comunismo sarebbe il massimo.

    Tolto il comunismo, nel mondo reale e concreto dell'oggi la questione delle questioni è la quota salari. Punto.

    Ma la quota salari non puoi aumentarla se sfidi il nemico su un terreno dove perdi di sicuro, ovvero il mercato globale. E' come se i vietcong avessero sfidato l'esercito americano in campo aperto, invece di fare guerriglia villaggio per villaggio. Ebbene, quello che erano i villaggi per i vietcong, sono gli stati nazione per i popoli!

  • Anonimo scrive:
    1 marzo 2018 08:02

    Carissimi, conosco molto bene rizzo, pensate, metaforicamente lo associo a mastella. Ma votarlo in questo frangente ha solo un valore simbolico contro l'ennesima operazione piu' opportunista dello stesso rizzo rappresentata da potere al popolo. Una considerazione: durante i bombardamenti Nato sulla serbia rifondazione comunista era al governo in tutte le regioni o enti locali in cui aveva vinto il centro sinistra. L'opposizione alla Nato di cui si riempiono la bocca poteva proprio consistere nelle dimissioni in blocco dalle giunte regionali,provinciali e comunali. Rizzo fa il suo mestiere....Potere al popolo e' piu' realista del re.... Dagli amici mi guardi iddio che dai nemici mi guardo io.

  • Anonimo scrive:
    1 marzo 2018 10:03

    Sono l'anonimo 28 febbraio 2018 17:41 ed ho scritto solo quel messaggio, quindi siamo in due ad averti risposto.

    Scrivi "fra tutti i redditi di cittadinanza che vuoi". Ma lo hai letto o no il mio commento? Io verrei il reddito di cittadinanza? Io ho scritto che tu, gli MMT e quelli che vogliono il reddito di citadinanza volete la stessa identica cosa. Tu, la MMT ed il reddito di cittadinanza siete la stessa cosa.

    Non è a me che sfugge il punto, è un altro il punto. Tu ti dichiari costituzionalista e forse anche socialista. Bene, questo non è vero. Traspare da ciò che scrivi. Il tuo orientamento politico è il "questismo". Tu non vuoi "questo" liberismo, vuoi quello che ha vissuto negli anni '70 senza averlo capito perché quello era propedeutico a questo.

    Il tuo partito si chiama "L'altro liberismo con Fraioli". E' solo che fai confusione perché ti vedi in un modo diverso da ciò che in realtà sei ed attribuisci agli altri cose che essi non sono. Rispondi spesso tirando il ballo il vietnam che hai visto solo nei film.

    Nostalgia, ed in nostalgici non sono parte della soluzione ma parte del problema.

  • Anonimo scrive:
    1 marzo 2018 10:28

    Sono sempre quello del 28 febbraio 2018 17:41

    "io chiamo il giovinotto,[..], se e solo se me lo posso permettere"

    Lo vedi quello che scrivi? E lui viene solo se è disperato e non se lo può permettere. Ci sta il Marchese Fraioli del Grillo che se lo può permettere ed il giovinotto (una scelta lessicale davvero odiosa ma non casuale) che non se lo può permettere. Perché tu sei tu e lui non è un cazzo, questo è il tu modello sociale. Che poi quando si tratta di risolvere il problema del lavoro gira e rigira sono decenni che quelli della tua generazione ci propinano la stessa identica soluzione: il lavoro servile, se è uomo ti taglia l'erba se magari è donna ti fa le pulizie in casa. Magari conditi con bei discorsi infarciti di economicismo, pil che crescono e quote salari. Tutta la matematica con si copre il fatto che non si vuole intervenire direttamente nei rapporti sociali.

  • Anonimo scrive:
    1 marzo 2018 10:33

    Ricordi male. Ai tempi della guerra Rizzo era già uscito dal prc per creare i comunisti italiani, perché non condivideva l'idea di far cadere Prodi. Era nel governo D'Alema, non uscì durante i bombardamenti, votò la legge sulle scuole paritarie, e non uscirà per tutta la legislatura votando pure la fiducia al governo Amato. Ci vuole una faccia di bronzo per fare il sovranista ora che ha perso la poltrona. I giovani di Rizzo sono ancora peggio del loro capo, opportunisti e caratteristi

  • Fiorenzo Fraioli scrive:
    1 marzo 2018 12:52

    Vorrei ricordare il concetto di quota salari: è la frazione di plusvalore prodotto che retribuisce il lavoro. Qui un grafico che ne riporta l'andamento dal 1960 al 2012:

    Quota salari

    Certo, se vivessimo in un sistema collettivista questa sarebbe del 99,99999%, mentre se vivessimo nel paradiso degli schiavisti sarebbe allo 0,000001% (cioè quel tanto che serve per mantenere in vita gli schiavi di cui hanno bisogno, e solo quelli).

    Attenzione, questo indicatore non deve essere letto in un orizzonte congiunturale, ma di lungo periodo. Infatti la quota salari tende ad aumentare durante i cicli prolungati di espansione dell'economia, ma anche nei cicli recessivi brevi (quando cioè i profitti si contraggono rapidamente). E' un rapporto, come quello debito/pil.

    Essa è pertanto un indicatore politico che, al netto delle fasi congiunturali, ci segnala chi sta vincendo e chi sta perdendo sul lungo periodo nel conflitto capitale lavoro. Vista dal lato del lavoro, perdere o vincere dipende dalla capacità di quest'ultimo di vincere la battaglia politica, cioè la battaglia ideologica.

    Accettare l'idea che i salari debbano essere compressi, per qualsiasi ragione: dalla necessità di fronteggiare la concorrenza internazionale fino all'idea balzana secondo cui i robot fanno scomparire il lavoro, e passando per la tesi autocolpevolizzante che un popolo sia per sua natura pigro, è sempre una scelta politica sbagliata e perdente.

    La quota salari scende (sul lungo periodo) quando ESSI sono più bravi di noi, e riescono a vincere imponendo il terreno di scontro più favorevole ad ESSI e/o ad argomentare che il mondo è cambiato (della serie: oggi c'è la Ciiiina).

    Qualsiasi livello di reddito minimo deciso a tavolino che favorisca l'accettazione di una riduzione della quota salari è dunque da respingere. E' come se a monte, avendo ridotto l'afflusso dell'acqua in pianura, ci dicessero che la poca che ancora ci mandano dobbiamo redistribuirla più equamente. NO! Dobbiamo organizzarci e marciare verso le chiuse, per riaprirle.

  • Anonimo scrive:
    1 marzo 2018 13:19

    Un leader politico si valuta innanzitutto per quello che fa oggi e non per gli errori passati, soprattutto se a proposito di essi ha fatto una chiarissima, severa e inequivoca autocritica.
    Certo, degli errori passati si deve tenere debito conto anche dopo la più severa delle autocritiche, ma non li si deve comunque assolutizzare ed "eternizzare": se trovassi qualcuno che come Rizzo é oggi (fra l' altro) inequivocabilmente antieuro e antiEuroooooooooopa senza "se" e senza "ma" e inoltre ai tempi della guerra alla Yugoslavia era contro tale inqualificabile aggressione imperialistica, lo preferirei di certo al pelato torinese.

    ...Peccato che non se ne veda (ma si vedano invece solo tantissimi spregevoli "furbetti del se e del ma", "a là Tsipras - Varufakis").

    Giulio Bonali

    P.S.:

    Chi definisce i giovani del PC "ancora peggio del loro capo, opportunisti e caratteristi" evidentemente non ha mai incontrato (contrariamente me) nessuno di questi (in generale: la perfezione non esistendo, ogni regola avendo eccezioni, ovviamente) splendidi giovani, sinceri, generosi, disinteressati, seri, preparati e/o dediti allo studio serio e diligente dei classici del marxismo e non solo.

  • Anonimo scrive:
    1 marzo 2018 15:28

    Miei precedenti commenti: 28 febbraio 2018 17:41, 1 marzo 2018 10:03, 1 marzo 2018 10:28

    E ci citi la quota salari. Una volta c'era il latinorum ora ci sta il matematicorum smasmodicamente amato da tutti gli economicisti. Che poi il matematicorum sia la media di Trilussa ed il rifugio di tutti quelli che non vogliono cambiare i rapporti sociali ben poco importa. Quali tutele e quale contratto avrebbe il giovinotto che ti taglia l'erba nel prato? Avrebbe le tutele costituzionali che tu hai? Questo non ce lo dici e lo sai che significa? che sarà deciso in alto e di conseguenza tu stai sostenedo una soluzione dall'alto come già facesti negli anni '70.

    Guarda che se il giovinotto non ha quelle tutele è deflazione anche quella, anche se la quota salari di Trilussa sale. "Che vuol ch'io faccia del suo matematicorum?"

    Poi se al liberalismo degli '70 non c'è alternativa (there is no alternative) diccelo chiaramente e sposati pure con la Thatcher.

  • Fiorenzo Fraioli scrive:
    1 marzo 2018 16:07

    @Anonimo 1 marzo 2018 15:28

    Guarda che anch'io sono stato giovinotto (bei tempi) e andavo a raccogliere cocomeri per pagarmi le vacanze, oltre a fare altri lavoretti di traduzione durante l'inverno per avere qualche liretta in tasca. Avevo 20 anni, ero giovinotto, non avevo spese perché mangiavo a casa e l'università era aggratisse.

    Poi mi sono laureato, ho cominciato a lavorare a 26 anni senza mai smettere un giorno. Nella vita sono stato dipendente da grandi imprese private, da medie imprese private, libero professionista e, da ultimo, dipendente pubblico. Però tu dici che sono il marchese del grillo. Vabbè.

    Ho lavorato per grandi imprese private, per piccole imprese private, nonché come libero professionista, in un'epoca nella quale le condizioni contrattuali erano favorevoli al lavoro salariato. Decisi di fare il libero professionista perché tali condizioni erano così favorevoli che mi conveniva trattare direttamente con la committenza. Quando mi avvidi che queste condizioni stavano vacillando (era l'inizio del '90 del secolo scorso) intelligentemente decisi di mettermi al sicuro entrando nella scuola. Pensavo si trattasse di una situazione congiunturale, e dunque di far passare la buriana per tornare sul mercato del lavoro privato. Così non fu, perché il potere contrattuale di noi lavoratori salariati, anche di quelli come me ad alta specializzazione, declinò rapidamente. Certo, intorno al 1995 (leggera ripresa della quota salari) la tentazione di lasciare la scuola mi venne, ma per fortuna (ero ormai un uomo adulto, quindi più prudente) passai la mano e restai nella scuola. Bene, anzi benissimo feci.

    Ora tu vieni a dire a me, che avrei voluto lavorare sul mercato privato in condizioni di alta domanda (e quindi alto potere contrattuale per me) che io sono un marchese del grillo col culo garantito. Per altro con un contratto (settore scuola) che è stato fermo per 10 anni, con aumenti dei carichi di lavoro, con aumento dell'età pensionabile, in una situazione in cui ti viene a scuola il genitore di un alunno che hai ripreso e ti molla uno sganassone.

    Vabbè.

    La storia personale che ti ho raccontato comincia nel 1981. Ora vatti a vedere il grafico della quota salari, e traine le ovvie conseguenze. Se questa fosse rimasta ai livelli degli anni 70, me ne sarei sbattuto i cabasisi di un contratto a tempo indeterminato. Anzi, ti dirò: una grandissima impresa del settore TLC mi propose per due volta l'assunzione a tempo indeterminato (con riduzione del salario) ma rifiutai.

    Già, quando la quota salari era alta NON CONVENIVA ESSERE DIPENDENTI A TEMPO INDETERMINATO. Chi aveva un contratto a tempo determinato lavorava meno e guadagnava di più di chi lo aveva a tempo indeterminato, come è ovvio che sia. Oggi la situazione è rovesciata. La causa? La caduta a picco della quota salari.

    Se vuoi ragionare ne parliamo; se devi offendere, insinuare, far caciara a gògò, lasciami perdere. Ho altro da pensare.

  • Anonimo scrive:
    1 marzo 2018 19:00

    Sono l'anonimo dell 15.28

    Stai sostanzialmente generalizzando la tua esperienza personale ed idealizzando quel periodo. Storia che conosco già perché la racconti abbastanza spesso.

    Questo però conferma che la tua posizione ideologica è il liberalismo degli anni '70 che coi richiami alla costituzione c'entra ben poco.

    Se questo significa che il giovinotto che taglia l'erba non deve avere nessun diritto o tutela il tuo riferimento non è la costituzione. Anzi, somiglia molto ai discorsi di Padoa-Schioppa e della Fornero. E non è un caso perché fu proprio in quelle condizioni che è maturata l'egemonia culturale che ha condotto alla sconfitta epocale del popolo. Il liberalismo degli anni '70 fu l'embrione da cui il liberismo di oggi è nato.

    Io non ho offeso né fatto caciara. Basta leggere il tuo blog e vedere che nelle tue polemiche tu usi spesso toni anche moto più aspri. Nel tuo commento tu hai ipotizzato l'esistenza di una persona tutelata che può disporre di una persona senza tutele ed io ti ho semplicemente fatto presente che questa è una logica da Marchese del Grillo e non della costituzione cui tu dici di richiamarti.

    Raccogliere cocomeri, fare lavoretti e rifiutare il posto a tempo indeterminato. Citi tutte le idee che ci hanno portato nel disastro dove stiamo. E' la storia della gavetta, la fregatura con cui sono riusciti a farci perdere anni di conquiste e tu vorresti ripeterla.

    E' anche, ma non solo, per questo che i dominanti hanno accettato quell'abbondanza. Perché ha aumentato a dismisura la loro egemonia culturale. La loro opera ha avuto talmente tanto successo che ancora oggi la rivendichi. Mala tempora currunt.

    Leggo tutta l'area no-euro praticamente dalla prima ora quindi parlo avendo letto. Tu ti dichiari sovranista costituzionale. In base a quello che ti vedo scrivere, sarà almeno consentito dubitarne.

  • Anonimo scrive:
    1 marzo 2018 19:41

    Sono sempre quello delle 15.28

    "Oggi la situazione è rovesciata. La causa? La caduta a picco della quota salari."

    Se la quota salari è un indicatore non può essere la causa. La causa è da ricercarsi altrove e fuori da ragionamenti puramente economici.

    "Se questa fosse rimasta ai livelli degli anni 70"

    Poteva restarci solo in condizioni di crescita infinita (che non esiste) e se i rapporti sociali restano immutati. Il tuo ragionamento continua ad essere astorico. Tu vuoi la storia con una sola stagione, questo è irrealistico.

  • Anonimo scrive:
    1 marzo 2018 20:24

    Sempre quello delle 15.28

    Negli anni '70 la grande ditta nazionale presso cui mio padre lavorava fece una sua ristrutturazione che fu devastante. Licenziarono praticamene tutti tranne uno: mio padre. Ed altri due o tre nell'amministrazione. Gli altri dovettero tutti emigrare da Palermo a Torino e Milano. Qualcuno di li a poco si sarebbe pure ammalato e sarebbe morto. Questa è la tua quota salari, la media di Trilussa che ignora l'umanità reale.

    Un portiere in uno stabile di fronte fu licenziato perché i condomini avevano deciso di abolire la portineria. Uomo di quasi 50 anni, emigrato anche lui con famiglia. Però la quota salari era alta eh. Sai che consolazione.

    Se questo è ciò che desideri la tua posizione politica è molto lontana dai diritti costituzionali.

  • un luogocomunista scrive:
    1 marzo 2018 21:07

    Cerchiamo di dire delle cose ragionevoli su Marco Rizzo. Questo argomento che lui si sarebbe "pentito" del passato opportunista sta diventando stucchevole.
    Per favore rizziani del web, provate a rispondere a delle domande facili facili:
    1) siete dichiaratamente stalinisti, ebbene cosa sarebbe successo a Rizzo se fosse vissuto nella Russia di Stalin?
    2) possibile che questo pentimento non viene contestualizzato? possibile che non vi rendete conto che il "pelato servo della NATO" non si sia pentito mai di niente fino a quando non è stato espulso dai comunisti italiani? che anzi in quel partito era il rappresentate della "destra interna"? che ha votato la riforma della scuola di D'Alema-Berlinguer, ha assistito indifferente alla carneficina del Kossovo, ha assistito da sottosegretario del governo alle cariche e alle torture sui prigionieri dopo il corteo contro il vertice di Napoli 2001 e poi si è opposto alla marcia contro il g8 di Genova? che, di nuovo, non pentito ancora appoggia coi comunisti italiani la coalizione di Rutelli...di Rutelli capite!!! ...che 5 anni dopo ha di nuovo appoggiato il governo Prodi,il cui programma era la riduzione del debito pubblico e ristabilire buoni rapporti con l'Europa dopo "le corna" di Berlusconi....Niente. Quando si pente Rizzo? Quando Diliberto lo epura. Allora ricomincia dal basso, trova questo giovane ricchissimo comunista dei Parioli Mustillo coi suoi amici red-skin che gli propone di fare un movimento giovanile stile Casa Pound di sinistra, fatto di post su facebook, magliette, gadget, librerie radical chic. Ovviamente stando ben lontani da ogni situazione di scontro di piazza, facendo sempre cortei alternativi, da soli, come il KKE in Grecia.
    3) di fonte a tanti critici, possibile che non avete la forza di defenestrare il vostro leader, o magari di chiedergli un passo di lato, è così necessario che anche i partiti comunisti in questa epoca si comportano dal PC al PCL come PARTITI PERSONALI al pari di Forza Italia, An, ecc?

  • Fiorenzo Fraioli scrive:
    2 marzo 2018 12:01

    All'anonimo che mi chiama marchese del grillo.

    Dici che la quota salari, essendo un indicatore, non può essere una causa. Bravo, infatti la causa è la sconfitta politica del mondo del lavoro.

    Ti ricordo, per essere chiari, che essendo un sovranista costituzionale NON SONO COMUNISTA. Magari sbaglio e il comunismo è cosa bellissima e meravigliosa, però io, essendo un sovranista costituzionale, sono per un'economia mista, con lo Stato a sorvegliare l'equilibrio affinché il settore privato non cresca troppo, soprattutto come influenza politica, arrivando a farsi padrone dello Stato stesso.

    In un'economia mista ci sono il settore privato e quello pubblico, entrambi con piena legittimità. La cosa importante è che l'economia cresca, il che avviene soprattutto sviluppando il mercato interno grazie alla spesa statale e controllando i movimenti dei fattori di produzione. Chiaro che non è un sistema giusto in termini assoluti, per questo ci vuole il comunismo. Ma io non sono comunista.

    Perché allora voto Rizzo? Perché (al netto di quello che ha fatto in passato, di cui so poco e poco m'importa) non c'è una lista sovranista alle politiche. E inoltre perché, pur non essendo comunista, non ho paura dei comunisti.

    Ti spiego perché non ho paura dei comunisti. Il comunismo, se non si trasforma in una dittatura ovviamente, può esistere solo se il popolo lo vuole, ma io sono certo che il popolo, potendo scegliere tra il sistema costituzionale ad economia mista e il sistema comunista, sceglierebbe il primo. Se poi dovessi sbagliarmi, vivrei bene anche in un sistema comunista. La mia vita lo dimostra: ce l'ho fatta sia lavorando nel settore privato che nel pubblico.

    Quello che temo, e combatto con i mezzi che ho, è il sistema liberista. E sai perché? Perché pur avendo, e avendo avuto per tutta la vita, i talenti personali per competere e vincere, per indole preferisco la convivialità. Per dirne una: ho sempre pagato chi ha lavorato per me più di quanto loro stessi mi chiedevano. E ancora oggi, quando vado a comprare le uova dal contadino, se mi chiede 3 euro gliene ammollo 5 (senza dirlo a mia moglie).

    Grazie comunque per l'attenzione che mi dedichi.

  • Anonimo scrive:
    2 marzo 2018 20:40

    Sempre quello dell 15.28

    "Chiaro che non è un sistema giusto in termini assoluti, per questo ci vuole il comunismo."

    Il comunismo non si è mai visto, visto che l'URSS (della cui esistenza storica sono comunque contento) era un capitalismo a pianificazione centrale. Nessuno mi risulta abbia mai formulato una nuova ipotesi concreta di comunismo. Fino ad allora potrei anche scrivere che per un sistema giusto ci vuole il sarchiapone, avrebbe lo stesso significato.

    Una cosa però è certa dalla tua affermazione, che la frase "il lavoro è un diritto" è solo uno slogan vuoto di sostanza, ingannevole. Così come la locuzione "piena occupazione", che in regioni meridionali (Sicilia, Calabria, Puglia, Sardegna, ecc) non si è mai vista neppure nel cosiddetto trentennio dorato.

  • Anonimo scrive:
    2 marzo 2018 23:29

    All'Anonimo delle 20,40
    Non sarà stato il "Comunismo" che sognavano i comunisti, ma non si può negare che quello dell'U.R.S.S. fu "un" comunismo. Un comunismo possibile nel contesto in cui si realizzò, alle condizioni date. E che quell'esperienza ha segnato tutta la storia successiva. È il minimo che della sua esistenza tu ti dica "comunque contento"

  • Anonimo scrive:
    2 marzo 2018 23:41

    Al luogocomunista delle 21:07
    Quindi per te sono tutti in malafede: Rizzo, Mustillo, i giovani ragazzi del fronte della gioventù comunista che definisci in toto pariolini, simili al KKE e sempre lontani dagli scontri di piazza (perché, credi sia sic et simpliciter motivo di vanto andare allo scontro con la polizia?), il PCL e quant'altro. Beh, io li ho conosciuti e la mia impressione è antitetica alla tua. Ciò che ho visto in loro, parlandoci a lungo, sentendo le loro esperienze, mi dà speranza. E voterò PC soprattutto per dare un voto a questi ragazzi. Del resto l'alternativa che tu metti in campo, basata in gran parte sulla sfiducia nelle idee e nelle persone, è, credimi, davvero troppo troppo deprimente

  • Anonimo scrive:
    2 marzo 2018 23:42

    Al luogocomunista
    Scusami, ho dimenticato di firmarmi
    Andrea Orzani

  • Fiorenzo Fraioli scrive:
    3 marzo 2018 00:02

    @Anonimo 2 marzo 2018 20:40 che scrive "Il comunismo non si è mai visto, visto che l'URSS (della cui esistenza storica sono comunque contento) era un capitalismo a pianificazione centrale. Nessuno mi risulta abbia mai formulato una nuova ipotesi concreta di comunismo."

    Visto che, come scrivi, "il comunismo non c'è mai stato", e nell'attesa che si concretizzi "una nuova ipotesi concreta di comunismo" io mi tengo la nostra pur difettosa Costituzione del 1948 e il modello sociale statalista ad economia mista che disegnava. Ad maiora.

  • un luogocomunista scrive:
    3 marzo 2018 09:50

    Andrea Orazi, il tuo commento mi sembra molto retorico. Io ti ho posto tre domande e tu non mi hai risposto, hai preso degli spunti e su quello costruisci delle contro-domande. Siccome non sono retorico come te, non ho problemi a risponderti. Poi per favore rispondi anche tu in maniera non retorica a quanto ti chiedo.
    Io non credo che siano tutti in malafede. Sicuramente non è in malafede il PCL che è il solo partito elettorale che ha un programma e una tradizione rivoluzionaria. Ho detto che sono partiti personali e l'ho detto in un contesto, quello della domanda 3) a cui NON HAI RISPOSTO, nel quale ti chiedevo: visto che continueremo ad attaccarvi sempre fino a quando avrete Rizzo, perché non gli chiedete di farsi da parte come segretario, dicendo lui che credete magari al suo pentimento e che però visto il suo passato deve fare la gavetta e avere un leader meno infangato? Comunque, visto che io a differenza tua ti rispondo, ti dirò: non sono tutti in malafede, Ferrando non lo è, purtroppo è un compagno dogmatico che non è stato in grado di costruire nulla mentre aveva una strada spianata (per anni era il solo partito a sinistra di rifondazione). RIZZO INVECE E' SICURAMENTE IN MALAFEDE. Non partecipi alla guerra in Jugoslavia per poi riscoprire lo stalinismo passando dalla parte della Corea -ahahaah- solo quando ti espellono dai comunisti italiani! Questo è essere in malafede. C'è chi da rifondazione se ne andato quando questa ha scelto la via del governo (Ferrando) e c'è chi, come Rizzo, se ne è andato quando questa ha fatto cadere il governo Prodi, nel quale voleva rimanere ed è rimasto come sottosegretario di D'Alema.
    Altrettanto retoriche sono le tue affermazioni che lo scontro non è un valore in sé. Questo è vero, se poi aggiungi che l'opportunismo invece è un disvalore in sé. Se quando c'è il corteo contro la visita della Merkel non partecipi ma fai una manifestazione alternativa, se quando c'è il corteo contro Renzi (14 aprile 2014) prima ti presenti tutto cattivo col cordone coi bastoni poi alla prima carica scappi e lasci la polizia menare i ragazzini, se prima fai il duro nella tifoseria dell'Ardita San Paolo e poi lasci i ragazzi di Roma Ovest in mano ai fasci della Magliana perché non tieni botta, beh questo non è la ricerca delle scontro fine a se stesso questa è la fuga lucida e politicamente programmata dai momenti di tensione perché non vuoi che i tuoi quadri si rovinino prima che il partito sia sufficientemente forte. E' una posizione oggettivamente opportunista.
    Ora io ho risposto alle tue domande. Per favore ora rispondi alle mie, sono facili facili:
    1) siete dichiaratamente stalinisti, ebbene cosa sarebbe successo a Rizzo se fosse vissuto nella Russia di Stalin?
    2) possibile che questo pentimento non viene contestualizzato? possibile che non vi rendete conto che il "pelato servo della NATO" non si sia pentito mai di niente fino a quando non è stato espulso dai comunisti italiani? che anzi in quel partito era il rappresentate della "destra interna"? che ha votato la riforma della scuola di D'Alema-Berlinguer, ha assistito indifferente alla carneficina del Kossovo, ha assistito da sottosegretario del governo alle cariche e alle torture sui prigionieri dopo il corteo contro il vertice di Napoli 2001 e poi si è opposto alla marcia contro il g8 di Genova? che, di nuovo, ancora appoggia coi comunisti italiani la coalizione di Rutelli...di Rutelli capite!!! ...che 5 anni dopo ha di nuovo appoggiato il governo Prodi,il cui programma era la riduzione del debito pubblico e ristabilire buoni rapporti con l'Europa ....Niente. Quando si pente Rizzo? Quando Diliberto lo epura
    3) di fonte a tanti critici, possibile che non avete la forza di defenestrare il vostro leader, o magari di chiedergli un passo di lato? è così necessario che lui deve fare il leader? non potete dirgli: ok, dici di essere pentito del tuo passato con D'Alema, bene ricomincia dalla seconda fila?
    Questi sono nodi centrali. Il resto, sì, è malafede

  • Anonimo scrive:
    3 marzo 2018 12:24

    Sempre quello delle 15.28

    @Anonimo del 2 marzo 2018 23:29

    Che sono contento della esistenza storica dell'URSS l'ho detto o lo riconfermo. Ha dimostrato che l'attacco al cielo era possibile, ma lo ha dimostrato perché non è stata una vuota declamazione e perché le circostanze storiche erano diverse. Ed ha segnato il corso storico del novecento, viva la rivoluzione d'ottobbre. Ma la storia non si ripete mai uguale e chi si attarda inseguendo le forme di ieri finirà col non fare la rivoluzione necessaria domani.

    @Fraioli

    "io mi tengo la nostra pur difettosa Costituzione del 1948 e il modello sociale statalista ad economia mista che disegnava"

    E' proprio qui che sta il punto. Quanto affermi è falso. Solo un altra vuota declamazione. Economia mista vuol dire tutto e on vul dire niente, un altra vuota declamazione. Sia già ora in un economia mista.

    Davanti agli esempi che ti ho fatto io di persone che hanno perso il lavoro tu fai spallucce e dici che in fondo il mondo è così ed è imperfetto, altrimenti ci vuole il comunismo che però non ci dici cosa sia. E' ciò che dici tutti quelli che propongono soluzioni diverse dalla tua.

    Tu ipotizzi l'esistenza di una figura dalle non specificate tutele, il giovine che ti taglia l'erba. Beh questo non è compatibile con l'art 38 della costituzione che prevede che lui venga tutelato in caso di disoccupazione involontaria e non debba trovarsi nella posizione di debolezza che tu descrivi.

    Davanti a nessuno di questi casi ti è venuto in mente di richiamarti all'art. 38. Perché? In cosa crede chi crede nella costituzione? Su questo, dopo tanti anni, è urgente fare chiarezza.

    Eppure non è difficile. Non ci vuole molto a scrivere che nessun lavoratore deve tagliare il prato ad un altro senza le tutele di un contratto collettivo nazionale, ma tu non lo dici. Neppure questo si può fare senza il comunismo? Davvero? Non ci credo.

    A chi ti sottolinea le manchevolezze della tua proposta politica rispondi spesso che per superare quelle di vuole il comunismo. Se non ricordo male rispondesti così pure al tuo amico Boemio e alla sua proposta di basic income (che non è l'osceno reddito di cittadinanza dei cinque stelle), pure a lui dicesti che per quello ci voleva il sistema collettivo. E' un mantra che conosco già, quello del: "Eeehhh non si può fare, non si può fare. Ma allora tu vuoi il comunismo, vuoi il comunismo". E' il mantra con cui tutti i liberali liquidano sprezzanti chiunque si oppone a loro.

    Facciamo così, in un vecchio video Banti (non lo conosco personalmente e non sono propagandista di Riscossa Italia), col quale avete avuto le vostre divergenze, scrisse quanto segue:

    "Sapevi che, una legge che tu tutela sempre, in caso di malattia o infortunio, di invalidità o vecchiaia, in caso di perdita del lavoro, o se ti mancanoi mezzi per vivere, senza limiti o restrizioni, ti piacerebbe? Davvero? E' nella costituzione"

    Certo poi aspetterò di vedere come Banti, o Mori o chiunque altro intende realizzare l'ultima parte di questo articolo. Qui sta il busillis.

    Una cosa però è chiara, che tu non vuoi realizzarlo perché la tua posizione politica si chiama sovranismo liberale, e non sovranismo costituzionale. Nulla di male, basta saperlo ed eliminare ogni ambiguità.

  • Anonimo scrive:
    3 marzo 2018 12:30

    Al luogocomunista
    scusa la retorica ma non ci siamo capiti: io non sono né stalinista né militante del PC. Darò solo un voto ai ragazzi del Fronte della Gioventù Comunista che ho conosciuto personalmente e che hanno tutta la mia fiducia, anche perché il PC è l'unica lista chi si è schierata nettamente e senza contorsioni varie contro l'Unione Europea, l'Euro e la NATO. Su questo punto, infatti, il PCL è molto meno chiaro e convincente. Per tutte le altre questioni inerenti al passato di Rizzo, posso concordare con te nel merito, ma senza oltrepassare il confine del giudizio personale, accantonando quindi l'accusa di malafede. Ritengo cioè che possa essere considerato personaggio contraddittorio, responsabile di scelte sbagliate, sicuramente ambizioso, lasciandogli però il beneficio di un ravvedimento giudicandolo oggi per quello che dice e fa

  • Anonimo scrive:
    3 marzo 2018 12:32

    Fraioli i diversi anonimi questa volta ti hanno fatto un sedere come un secchio. e quando scrivi
    "Vedi caro, l'offerta di lavoro dipende dalla domanda aggregata (non il contrario) la quale aumenta quanto più è alta la quota salari. O pensi anche tu che gli italiani si siano arricchiti negli anni 60/70 col debito pubblico? Era la quota salari che faceva crescere i nostri redditi, non il debito pubblico, che aumentava per la necessità di aumentare la massa monetaria in proporzione alla crescita dell'economia".
    dimostri solo di essere un sottoconsumista keynesiano che non ha capito un tubo della teoria marxista del valore. L'aumento del salario in regime capitalista non porta al paese di Bengodi ma al caduta dei profitti e quindi alla crisi del capitale, alla crescita della disoccupazione e alla conseguente caduta dei salari, seguendo un ciclo infernale che dovresti conoscere. Per Marx al contrario di quello che pensi e' l'offerta di lavoro (leggasi investimenti) che fa crescere la domanda aggregata. Ma anche questo cozza contro il limite del capitale stesso e quindi non c'e' uscita keynesiana dalla crisi del capitale che regga. Ci vuole solo la fuoriuscita dal capitalismo per superare crisi disoccupazione e miseria.
    Karletto Marxiano

  • Anonimo scrive:
    3 marzo 2018 12:38

    Ah, scusa, ho dimenticato di nuovo di firmarmi: Andrea Orzani, non Orazi

  • Fiorenzo Fraioli scrive:
    3 marzo 2018 13:53

    All'anonimo che si incazza perché faccio tagliare l'erba al giovinotto.

    Intanto ecco l'art. 38 Cost.

    Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all'assistenza sociale.

    I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria.

    Gli inabili ed i minorati hanno diritto all'educazione e all'avviamento professionale.

    Ai compiti previsti in questo articolo provvedono organi ed istituti predisposti o integrati dallo Stato.

    L'assistenza privata è libera.


    Se leggi c'è scritto "Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere".

    Quindi deve essere "inabile" E "sprovvisto". Dopo di che parli di contratto nazionale collettivo per qualsiasi rapporto lavorativo. Sono d'accordo, anzi d'accordissimo! Ti ricordo però che, contratto collettivo o meno, io il giovinotto lo posso chiamare se e solo se ho il reddito per farlo, altrimenti l'erba me la taglio da solo. Come faccio adesso.

    Quanto alla disoccupazione involontaria: se io non ho il reddito sufficiente per pagare il giovinotto, ebbene lo paghi lo stato per tagliare l'erba, che poi lo chiamo io e lui verrà gratis. Però, vedi, se anche per tagliare l'erba c'è un dipendente statale, allora si va troppo verso la pianificazione centralizzata, e addio economia mista.

    La vera questione che, evidentemente, non riesco a farti capire, è che: posto che un sistema completamente collettivista e a pianificazione centrale non si sa come realizzarlo (e comunque molti nemmeno lo vogliono) l'unico compromesso possibile è la presenza di uno Stato che agisca continuamente, tramite la leva fiscale e monetaria nonché il controllo dei movimenti dei fattori di produzione, al fine di correggere e contrastare gli squilibri derivanti dall'esistenza di un settore privato. Il quale, essendo basato sulla concorrenza, tali squilibri necessariamente produce. Ma produce anche ricchezza con un'efficienza che nessun sistema a pianificazione centrale ha dimostrato di saper fare.

  • Anonimo scrive:
    4 marzo 2018 14:23

    Sempre quello delle 15.28

    Io ho letto benissimo l'intero articolo senza bisogno che me lo dici tu. Quanto alla disoccupazione involontaria il punto è molto più semplice, ovvero chiarire quali sono le posizioni.

    La risposta del video che ti ho postato, e che mi piace molto, è la risposta di un sovranista costituzionale (une delle possibili) la tua che fa spallucce no.

    Anzi la tua sembra quasi suggerire che quella quota residuale di disoccupati dovranno arrangiarsi e magari diventare imprenditori di sé stessi.

    Che uno che ha un lavoro, in periodi di abbondanza decida di mettersi in aspettativa e darsi all'attività privata per far un sacco di soldi mi sta pure bene. Certo l'abbondanza non può durare in eterno, anzi mi pare si fosse parlato anche costruire le tutele per il lavoratori indipendenti e per i piccoli commercianti e gli imprenditori nei casi avversi che possono presentarsi. Se per quella attività privata abbia bisogno di lavoratori dipendenti va pure bene purché questi abbiano le loro strutture di rappresentanza che li tutelino nella giusta misura (non gli si può certo garantire il fancazzismo) e non siano alla sua mercé. Che ci debba essere costretto dalla disoccupazione è una visione degna di Padoa-Schioppa o della Fornero.

    Poi quei disoccupati residuali ed esclusi sono una minoranza quindi impotenti. Auspicare questo tipo di crescita significa auspicare la sedazione del dissenso e, visto che siamo in un blog chiamato Sollevazione, la tua posizione è proprio antisollevazionista.

    Più simile alla rivendicazione di categoria da libero professionista, che chiede che ci sia abbastanza domanda interna per poter stare sul mercato e non di più. "Se questa [la quota salari]fosse rimasta ai livelli degli anni 70, me ne sarei sbattuto i cabasisi di un contratto a tempo indeterminato". Certo, e se nel campo dei miracoli fosse cresciuto l'albero di cui parlavano il gatto e la volpe Pinocchio sarebbe stato ricco.

    Eccezion fatta per la flat-tax mi sembri più vicino a Borghi-Aquilini che Rizzo.

    Per quanto riguarda quello che ti taglia prato se ci stanno giardinieri assunti a tempo indeterminato che fanno quel lavoro ed uno che lo fa senza tutele allora non siamo tutti uguali davanti alla legge come prevede la costituzione perché stiamo facendo lo stesso lavoro in condizioni molto diverse. Così come non lo siamo se ci stanno insegnati di ruolo ed insegnati precari che oltre beccarsi le difficoltà che tu dici si beccano anche il possibile licenziamento e la disoccupazione d'estate. Chi non vuole superare questo non è per la costituzione. E chi non prospetta la costruzione concreta di alternative valide per il governo del mondo del lavoro, e tu non lo fa ma continui a postar grafici, non è per la costituzione.

    Nella parte finale della tua risposta mi illustri una prospettiva con due sole ipotesi, una prospettiva che guarda al passato e si proietta ancora nel passato. Ci sta il sistema collettivista completo che ha fallito, ci sta l'economia mista modello prima repubblica. Partire con questa visione mi pare avere una visione politica decrepita. Attuare la costituzione ha senso solo nella prospettiva di costruire qualcosa che non c'è mai stato, poi semmai sarà la storia a dirci cosa è possibile e cosa no, con in suoi imprevisti, con la sua eterogenesi dei fini e tutti il resto. Ma se si assume a priori la dicotomia che assumi si finirà col mettersi di traverso a chiunque provi davvero a cambiare le cose.
    Ritorno sull'esempio di Boemio, sempre se non ricordo male, quando gli dicesti che non si può volere quello che vuole lui senza un sistema collettivo: ma tu che ne sai? Sei Domine Dio? Sarà mica che sei prigioniero di quella dicotomia "o liberalismo o comunismo tertium non datur" posto caduta del muro di Berlino? Sarà mica che sei prigioniero dei fantasmi dei passato?

    In mancanza di tutto questo, sebbene sarei fortemente tentato di votare il PC di Rizzo, me ne asterrò dal voto come già feci cinque anni fa.

  • Anonimo scrive:
    4 marzo 2018 16:59

    Sempre quello delle 15.28

    Nell'art.38 ci sta scritto anche:

    I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria.

    Perché selezioni giusto la prima parte? Così sembri quasi dire che lo stato deve intervenire solo nei casi estremi, come pubblica pietà, e non è questo che l'art.38 dice. Questo anzi, guarda caso, è quello che dice l'oligarchia quando vuole accusare il disoccupato di essere bamboccione?

    Con questo tipo di comunicazione è naturale che nessuno del popolo ti segua.

  • Anonimo scrive:
    4 marzo 2018 19:27

    Sempre quello delle 15.28

    Redazione, ultimo commento e non rompo più le scatole.

    Mettiamo che il dipendente di un officina meccanica che perde il lavoro perché il suo datore di lavoro è vecchio e chiude l'attività e lui non può o comunque non vuole (potrà pur decidere) rilevarla.

    Ecco, se quel meccanico per ritrovare lavoro (o magari anche la casa) può rivolgersi alle strutture partito dei lavoratori allora per lui il partito dei lavoratori sarà una presenza viva nella sua esistenza.

    Se deve ripiazzarsi da solo allora per lui il partito neppure esisterà, ed ha ragione lui. La colpa è del partito che è assente.

    L'unica maniera in cui un partito dei lavoratori può essere presente nella vita dei lavoratori è questa, altra non riesco ad immaginarne. L'art.38 parla anche di questo, dell'esistenza di queste strutture. Il partito dei lavoratori che non c'è deve costruirle, conquistarle e mantenerle.

    Poi il sistema collettivo, il liberalismo degli anni '70 (con una abbondanza realizzatasi in condizioni storiche molto particolari), le corporazioni di fascista memoria (o quelle di Bordiga restate solo nella sua mente) non ci stanno più e non torneranno mai nelle forme in cui li abbiamo conosciuti come è normale e giusto che sia.

  • Fiorenzo Fraioli scrive:
    5 marzo 2018 18:04

    Caro, nella prima repubblica c'era la cassa integrazione. Che non è la stessa cosa del reddito della gleba.

LA PAGINA FACEBOOK DEL MOVIMENTO POPOLARE DI LIBERAZIONE - P101

LA PAGINA FACEBOOK DI SOLLEVAZIONE

Lettori fissi di SOLLEVAZIONE

Temi

Unione europea (843) euro (754) crisi (632) economia (590) sinistra (514) finanza (278) Movimento Popolare di Liberazione (243) M5S (242) grecia (241) teoria politica (237) sfascio politico (235) elezioni (227) resistenza (225) P101 (217) Leonardo Mazzei (213) banche (209) imperialismo (208) internazionale (202) sovranità nazionale (191) Moreno Pasquinelli (185) risveglio sociale (184) alternativa (168) seconda repubblica (167) Syriza (153) Tsipras (146) Governo giallo-verde (140) Matteo Renzi (128) debito pubblico (126) antimperialismo (117) marxismo (108) PD (107) sovranità monetaria (107) spagna (107) democrazia (105) destra (104) costituzione (100) sollevazione (100) immigrazione (99) piemme (99) Grillo (94) neoliberismo (94) Francia (93) elezioni 2018 (93) berlusconismo (91) proletariato (91) programma 101 (90) filosofia (89) islam (85) Germania (84) populismo (84) Stefano Fassina (83) Emiliano Brancaccio (80) austerità (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) Alberto Bagnai (75) Stati Uniti D'America (75) bce (75) referendum costituzionale 2016 (74) sindacato (73) Mario Monti (71) sinistra anti-nazionale (71) Carlo Formenti (68) capitalismo (67) Podemos (66) guerra (66) Libia (63) capitalismo casinò (61) Matteo Salvini (60) Sergio Cesaratto (60) CLN (59) Medio oriente (59) Rivoluzione Democratica (59) globalizzazione (59) rifondazione (58) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (57) Sicilia (56) bancocrazia (56) Siria (55) geopolitica (55) immigrati (55) Alexis Tsipras (52) referendum (52) Lega Nord (51) cinque stelle (51) socialismo (51) Pablo Iglesias (50) Movimento dei forconi (49) Sandokan (49) fiat (49) sovranismo (49) sovranità popolare (49) Alitalia (48) legge elettorale (48) neofascismo (48) campo antimperialista (47) sinistra sovranista (47) Nichi Vendola (45) Russia (45) immigrazione sostenibile (45) renzismo (45) Beppe Grillo (44) Lega (44) Troika (44) Emmezeta (43) astensionismo (43) inchiesta (43) moneta (43) Yanis Varoufakis (42) solidarietà (42) Luciano Barra Caracciolo (40) brexit (40) Diego Fusaro (39) Fiorenzo Fraioli (38) Mimmo Porcaro (38) proteste operaie (38) Manolo Monereo (37) Ugo Boghetta (37) italicum (37) liberismo (37) sionismo (37) Mario Draghi (36) Giorgio Cremaschi (35) Legge di Bilancio (35) Marine Le Pen (35) fiscal compact (35) palestina (35) III. Forum internazionale no-euro (34) egitto (34) Israele (33) Ucraina (33) azione (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) ISIS (32) Luigi Di Maio (32) default (32) fiom (32) patriottismo (32) populismo di sinistra (32) Forum europeo 2016 (31) Merkel (31) Sel (31) governo Renzi (31) unità anticapitalisa (31) nazione (30) uscita dall'euro (30) Def (29) Karl Marx (29) eurostop (28) napolitano (28) xenofobia (28) Assemblea di Chianciano terme (27) islamofobia (27) menzogne di stato (27) Nello de Bellis (26) catalogna (26) silvio berlusconi (26) Beppe De Santis (25) Donald Trump (25) Forum europeo (25) elezioni siciliane 2017 (25) Europa (24) nazionalismi (24) nazionalizzazione (24) sinistra patriottica (24) Aldo Giannuli (23) Quantitative easing (23) Stato di diritto (23) USA (23) ecologia (23) finanziarizzazione (23) ora-costituente (23) scienza (23) storia (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Fabio Frati (22) Lavoro (22) scuola (22) Chianciano Terme (21) Front National (21) Roma (21) Simone Boemio (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) Unità Popolare (21) emigrazione (21) etica (21) razzismo (21) religione (21) Laikí Enótita (20) Marcia della Dignità (20) Nato (20) antifascismo (20) keynes (20) melenchon (20) nazionalismo (20) repressione (20) Movimento 5 Stelle (19) Norberto Fragiacomo (19) Putin (19) Regno Unito (19) Sicilia Libera e Sovrana (19) Tunisia (19) cina (19) fronte popolare (19) iraq (19) Izquierda Unida (18) Noi siciliani con Busalacchi (18) Vladimiro Giacchè (18) pace (18) Assisi (17) Costanzo Preve (17) Emmanuel Macron (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Mariano Ferro (17) Pier Carlo Padoan (17) Venezuela (17) coordinamento no-euro europeo (17) euro-germania (17) iran (17) Donbass (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Jacques Sapir (16) Marco Mori (16) Tonguessy (16) ballottaggi (16) tecnoscienza (16) vendola (16) Cremaschi (15) International no euro forum (15) Luciano B. Caracciolo (15) Perugia (15) Prc (15) Renzi (15) casa pound (15) indipendenza (15) internazionalismo (15) internet (15) lotta di classe (15) piano B (15) piattaforma eurostop (15) umbria (15) 15 ottobre (14) Brancaccio (14) Enea Boria (14) Ernesto Screpanti (14) Eurogruppo (14) Monte dei Paschi (14) Paolo Savona (14) Stato Islamico (14) Vincenzo Baldassarri (14) appello (14) cosmopolitismo (14) obama (14) salerno (14) sciopero (14) Bersani (13) Chavez (13) Enrico Grazzini (13) Jobs act (13) Legge di stabilità (13) MMT (13) Marino Badiale (13) Virginia Raggi (13) acciaierie Terni (13) ambiente (13) complottismo (13) disoccupazione (13) finanziaria (13) media (13) Alfredo D'Attorre (12) Alitalia all'Italia (12) D'alema (12) Daniela Di Marco (12) Forum europeo 2015 (12) Negri (12) Panagiotis Lafazanis (12) Salvini (12) Sergio Mattarella (12) Turchia (12) chiesa (12) decreto salva-banche (12) keynesismo (12) senso comune (12) tasse (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) De Magistris (11) Domenico Moro (11) Esm (11) Foligno (11) Gennaro Zezza (11) Mauro Pasquinelli (11) Reddito di cittadinanza (11) Wilhelm Langthaler (11) comunismo (11) corruzione (11) cultura (11) de-globalizzazione (11) fascismo (11) iniziative (11) ordoliberismo (11) privatizzazioni (11) salari (11) sindacalismo di base (11) sinistra Italiana (11) unione bancaria (11) Art. 18 (10) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Dicotomia (10) Fmi (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) France Insoumise (10) Hollande (10) Jean-Luc Mélenchon (10) Lista del Popolo (10) Marco Passarella (10) Marco Zanni (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Quirinale (10) Risorgimento Socialista (10) Terni (10) analisi politica (10) cattiva scuola (10) decrescita (10) diritti civili (10) diritto (10) europeismo (10) golpe (10) manifestazione (10) povertà (10) presidenzialismo (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Bernie Sanders (9) Campagna eurostop (9) Costas Lapavitsas (9) Diritti Sociali (9) Fausto Bertinotti (9) Giulietto Chiesa (9) Ilva (9) Paolo Barnard (9) Paolo Ferrero (9) Papa Francesco (9) Portogallo (9) Stato nazione (9) Stefano D'Andrea (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wolfgang Schaeuble (9) bail-in (9) deficit (9) facebook (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) potere al popolo (9) vaccini (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Alessandro Di Battista (8) Argentina (8) CGIL (8) Claudio Borghi (8) Corte costituzionale (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) Draghi (8) Erdogan (8) Forconi (8) Genova (8) George Soros (8) Goracci (8) II assemblea della CLN (1-3 settembre) (8) Ingroia (8) Italia Ribelle e Sovrana (8) Mirafiori (8) Yanis Varoufakys (8) borsa (8) classi sociali (8) cosmo-internazionalismo (8) crisi di governo (8) debitocrazia (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) elezioni anticipate 2017 (8) elezioni siciliane (8) fisco (8) grexit (8) inflazione (8) liberalismo (8) lira (8) manifestazione 25 marzo 2017 (8) marxisti dell'Illinois (8) necrologi (8) nuovo movimento politico (8) questione nazionale (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) sociologia (8) svalutazione (8) taranto (8) trasporto aereo (8) unità anticapitalista (8) Alternative für Deutschland (7) Antonio Rinaldi (7) Articolo 18 (7) CUB (7) Carl Schmitt (7) Comitato centrale P101 (7) Cub Trasporti (7) Franz Altomare (7) Giuseppe Angiuli (7) ISIL (7) Inigo Errejón (7) Je so' Pazzo (7) Joseph Stiglitz (7) Julio Anguita (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Oskar Lafontaine (7) Pil italiano (7) Riccardo Achilli (7) Samuele Mazzolini (7) Sapir (7) Stato (7) Ttip (7) agricoltura (7) anarchismo (7) confederazione (7) derivati (7) destra non euro (7) eurocrack (7) incontri (7) nazismo (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) rossobrunismo (7) spread (7) tecnologie (7) trasporto pubblico (7) Aldo Zanchetta (6) Alessandro Visalli (6) Ars (6) Banca centrale europea (6) Bottega partigiana (6) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (6) Casaleggio (6) Contropiano (6) Dino Greco (6) Eugenio Scalfari (6) Flat tax (6) Fratelli d'Italia (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Giancarlo D'Andrea (6) Gran Bretagna (6) Lenin (6) M. Micaela Bartolucci (6) M.AR.S. (6) Maduro (6) Massimo Bontempelli (6) Mattarella (6) Militant-blog (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Pardem (6) Pisapia (6) Polonia (6) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (6) Sandro Arcais (6) Stato di Polizia (6) Target 2 (6) Teoria Monetaria Moderna (6) Titoli di stato (6) USB (6) Ungheria (6) Viktor Orban (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) autodeterminazione dei popoli (6) automazione (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) governo Gentiloni (6) il pedante (6) incontro internazionale (6) la variante populista (6) liberosambismo (6) magistratura (6) medicina (6) migranti (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) populismo democratico (6) rivolta (6) suicidi (6) suicidi economici (6) terremoto (6) uber (6) utero in affitto (6) Alberto Negri (5) Alessandro Chiavacci (5) Anguita (5) Antonio Ingroia (5) Assad (5) Dario Guarascio (5) Dimitris Mitropoulos (5) Eos (5) Federalismo (5) Ferdinando Pastore (5) Finlandia (5) Forza Italia (5) Franco Bartolomei (5) Franco Busalacchi (5) HAMAS (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Luca Massimo Climati (5) Luigi De Magistris (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Npl (5) Parigi (5) Partito tedesco (5) Pcl (5) Rete dei Comunisti (5) Romano Prodi (5) Rosatellum 2 (5) Seconda Assemblea P101 (5) Sharing Economy (5) Stathis Kouvelakis (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Val di Susa (5) Wolfgang Munchau (5) afghanistan (5) alleanze (5) banche popolari (5) brasile (5) califfato (5) camusso (5) cuba (5) debitori (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni. Lega (5) giovani (5) governo (5) ideologia (5) il manifesto (5) jihadismo (5) laicismo (5) massimo fini (5) mediterraneo (5) moneta fiscale (5) pensioni (5) pomigliano (5) proteste agricoltori (5) rifugiati politici (5) risorgimento (5) salvinismo (5) tremonti (5) 16 giugno Roma (4) ALBA (4) Africa (4) Alessia Vignali (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Angelo Panebianco (4) Anna Falcone (4) Aurelio Fabiani (4) Autostrade per l'Italia (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (4) Carlo Galli (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Chiavacci Alessandro (4) Città della Pieve (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (4) Corea del Nord (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Decreto Dignità (4) Die Linke (4) Diego Melegari (4) Frente civico (4) GIAPPONE (4) Giorgia Meloni (4) Giuliano Pisapia (4) Giulio Regeni (4) Giuseppe Mazzini (4) Imu (4) JP Morgan (4) Jacques Nikonoff (4) Jeremy Corbyn (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Macron (4) Marcello Minenna (4) Marcello Teti (4) Marchionne (4) Marx (4) Morgan Stanley (4) Mosul (4) NO TAP (4) Noi sicialiani con Busalacchi (4) ONU (4) Oscar Lafontaine (4) Paolo Gerbaudo (4) Papa Bergoglio (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Sergio Starace (4) Simone Pillon (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) TAP (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) Vladimiro Giacché (4) Xarxa Socialisme 21 (4) Xi Jinping (4) Yemen (4) agricoltura biologica (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) bankitalia (4) bigenitorialità (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianesimo (4) cristianismo (4) demografia (4) diritti di cittadinanza (4) donna (4) elezioni 2017 (4) elezioni comunali 2017 (4) elezioni europee 2019 (4) elezioni siciliane 2012 (4) famiglia (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) giovanni Tria (4) informatica (4) intelligenza artificiale (4) irisbus (4) irlanda (4) italia (4) ius soli (4) legge di stabilità 2017 (4) parti de gauche (4) patrimoniale (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) protezionismo (4) questione femminile (4) risparmio (4) sanità (4) saviano (4) seminario (4) spending review (4) spesa pubblica (4) tecnica (4) transizione al socialismo (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) wikileaks (4) xylella (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Albert Einstein (3) Alfiero Grandi (3) America latina (3) Antonio Amoroso (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bergoglio (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Bloco de Esquerda. (3) Cerveteri Libera (3) Cia (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Davide Serra (3) Decreto sicurezza (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) EDWARD SNOWDEN (3) Eleonora Forenza (3) Emanuele Severino (3) Ernest Vardanean (3) F.f (3) Fabrizio Tringali (3) Fausto Sorini (3) Federico Fubini (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Francesco Giavazzi (3) Francesco Salistrari (3) Fronte Sovranista Italiano (3) Gianni Ferrara (3) Giorgetti (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giuseppe Pelazza (3) Goofynomics (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Ilaria Bifarini (3) Incontro di Roma (3) Jens Weidmann (3) Joël Perichaud (3) Jugoslavia (3) Karl Polany (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marcello Foa (3) Marco Mainardi (3) Mario Volpi (3) Martin Heidegger (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Milton Friedmann (3) Modern Money Theory (3) Moldavia (3) Morya Longo (3) Napoli (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Noi Mediterranei (3) Olanda (3) Palermo (3) Panagiotis Sotiris (3) Paola De Pin (3) Paolo Becchi (3) Patrizia Badii (3) Pci (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Regioni autonome (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Salento (3) Sarkozy (3) Six Pack (3) Thomas Fazi (3) Toni negri (3) Ugo Arrigo (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Visco (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) austria (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) decreto vaccini (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) diritto d'asilo politico (3) diritto di cittadinanza (3) divorzio banca d'Italia Tesoro (3) dollaro (3) donne (3) economia sociale di mercato (3) forza nuova (3) il fatto quotidiano (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) legge del valore (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mezzogiorno (3) minijobs. Germania (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) occidente (3) oligarchia (3) partito (3) partito democratico (3) primarie (3) psicanalisi (3) rai (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) robotica (3) sanità. spending review (3) sardegna (3) seminario teorico (3) senato (3) sme (3) socialdemocrazia (3) sondaggi (3) sovranismi (3) sovranità (3) sovranità e costituzione (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) tassisti (3) trattati europei (3) tv (3) università (3) violenza (3) web (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 25 aprile 2017 (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Ahmadinejad (2) Alberto Alesina (2) Alberto Benzoni (2) Alberto Montero (2) Amando Siri (2) Amazon (2) Angelo Salento (2) Antonella Stirati (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Gramsci (2) Arabia saudita (2) Arditi del Popolo (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Banca (2) Bandiera rossa in movimento (2) Benetton (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Carlo Freccero (2) Carlo Romagnoli (2) Cernobbio (2) Certificati di Credito Fiscale (2) Cgia Mestre (2) Chantal Mouffe (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Claudia Castangia (2) Colonialismo (2) Comitato antifascista russo-ucraiono (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) Dani Rodrik (2) De Bortoli (2) Der Spiegel (2) Deutsche Bank (2) Diem25 (2) Diosdado Toledano (2) Domenico Losurdo (2) Don Giancarlo Formenton (2) Dugin (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Ego della Rete (2) Emilia Clementi (2) Emiliano Gioia (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) Ernesto Laclau (2) Eros Cococcetta (2) Ettore Livini (2) Eurasia (2) F.List (2) Fabio Nobile (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Filippo Gallinella (2) Fiumicino (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Forum Popoli Mediterranei (2) Francesco Lamantia (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratoianni (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Futuro al lavoro (2) Generale Pappalardo (2) Gentiloni (2) Giacomo Bracci (2) Giacomo Russo Spena (2) Giada Boncompagni (2) Giancarlo Cancelleri (2) Gig Economy (2) Giorgio Gattei (2) Giuliano Amato (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Google (2) Grottaminarda (2) Guido Grossi (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hezbollah (2) Hitler (2) INPS (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Italia Ribelle (2) Iugend Rettet (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Junker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Lelio Basso (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) Lucca (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marco Revelli (2) Maria Elena Boschi (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Tronti (2) Mark Zuckerberg (2) Marocco (2) Massimo PIvetti (2) Massimo cacciari (2) Michele Serra (2) Michele fabiani (2) Microsoft (2) Militant (2) Moscovici (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Mélenchon (2) Nadia Garbellini (2) Netanyahu (2) Nicaragua (2) Oriana Fallaci (2) Ostia (2) Paolo Maddalena (2) Papa (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) PdCI (2) Pdl (2) Piano di eradicazione degli ulivi (2) Pier Paolo Dal Monte (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Portella della Ginesta (2) Preve (2) Quarto Polo (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Reddito di inclusione sociale (2) Riccardo Bellofiore (2) Riccardo Ruggeri (2) Riscossa Italia (2) Roberto Ferretti (2) Rosanna Spadini (2) Rosarno (2) Rozzano (2) Ryan air (2) SPD (2) STX (2) Sahra Wagenknecht (2) Salistrari (2) Scenari Economici (2) Schumpeter (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Seconda Assemblea CLN (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stefano Zecchinelli (2) Steve Bannon (2) Stiglitz (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Piketty (2) Tito Boeri (2) Tiziana Ciprini (2) Tltro (2) Tomaso Montanari (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) agricoltori indignati (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) animalismo (2) antisemitismo (2) atac (2) banche venete (2) battaglia d'autunno (2) biotecnocrazia (2) blocco sociale (2) bontempelli (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) clausole di salvaguardia (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) comunicazione (2) curdi (2) debito (2) debito privato (2) denaro (2) deregulation (2) domenico gallo (2) due euro (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) esercito (2) eugenetica (2) euroasiatismo (2) expo (2) export (2) fabrizio Marchi (2) fake news (2) fecondazione eterologa (2) femminismo (2) fincantieri (2) fine del lavoro (2) frontiere (2) genetica (2) gennaro Migliore (2) giornalismo (2) giustizia (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) indignatos (2) industria italiana (2) intimperialismo (2) isu sanguinis (2) legge (2) legge di stabilità 2018 (2) libano (2) liberi e uguali (2) libertà di pensiero (2) maidan (2) manifestazione 2 giugno 2018 (2) marina silva (2) mercantislismo (2) no expo (2) olocausto (2) paolo vinti (2) pareggio di bilancio (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) patto politico (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) precarietà (2) prescrizione (2) proporzionale (2) razionalismo (2) reddito di base (2) ricchezza (2) riformismo (2) rivoluzione russa (2) rivoluzione socialista (2) sciopero generale (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) silicon valley (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) social media (2) società (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) terza assemblea P101 (2) terzo polo (2) transumano (2) ulivi (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) uscita da sinistra (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 100 giorni (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 25 aprile 2018 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 4 novembre (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 8 settembre (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Accellerazionismo (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) AirCrewCommittee (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alan Johnson (1) Alba Libica (1) Albania (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alexander Zakharchenko (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Andrew Spannaus (1) Angela Matteucci (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Anthony Coughlan (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Apple (1) Arditi (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Armando Mattioli (1) Armando Siri (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art 81 (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Assange (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Atlantia (1) Attali (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Bashar al-Assad (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bazaar (1) Bazar (1) Bcc (1) Bekaert (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Blade Runner 2049 (1) Blockchain (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bolsonaro (1) Bossi (1) Branko Milanovic (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Britannia (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) CNL (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Caritas (1) Carlo Candi (1) Carlo Clericetti (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Rovelli (1) Carmine Pinto (1) Cascina Raticosa (1) Casini (1) Cassazione (1) Catarina Martins (1) Cekia (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christian Napolitano (1) Christian Rocca (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Civitavecchia (1) Claudia Zeta (1) Claudio Maartini (1) Claudio Magris (1) Claus Offe (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Conte (1) Coord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Corte Europea sui diritti dell'uomo (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cuperlo (1) DDL (1) Dagospia (1) Daisy Osauke (1) Dan Glazebrook (1) Daniela Conti (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) De Masi (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Dimitris Christoulias (1) Dio (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Elliott Gabriel (1) Emilia-Romagna (1) Emma Bonino (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrica Perucchietti (1) Enrico Angelini Partigiano (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Erasmo vecchio (1) Eric Toussaint (1) Ernesto Pertini (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Gotti Tedeschi (1) Eugenio Scalgari (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio De Masi (1) Fabio Dragoni (1) Fabio Mini (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio De Paoli (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Florian Philippot (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Foro di Sao Paulo (1) Forum Ambrosetti (1) Forum dei Popoli Mediterranei (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lenzi (1) Francesco Magris (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Fred Kuwornu (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabanelli (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Vaciago (1) Giacomo Zuccarini (1) Giancarlo Bergamini (1) Gim cassano (1) Giordano Sivini (1) Giovanna Vertova (1) Giovanni De Cristina (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giovanni Schiavon (1) Giovanni Tomei (1) Giovanni di Cristina (1) Giuliana Commisso (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Ambrosetti (1) Giulio Bonali (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tarro (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Lutrario (1) Günther Anders (1) HSBC (1) Hainer Flassbeck (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) Héctor Illueca (1) IPHONE (1) IRiS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Illueca (1) Imposimato (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) Inge Höger (1) Intellettuale dissidente (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Intesa Sanpaolo (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jason Barker (1) Je so' Pazz' (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) Joel Perichaud (1) John Laughland (1) John Locke (1) John Pilger (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Joseph Shumpeter (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Jugend Rettet (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kelsen (1) Kemi Seba (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kirill Vasilev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kosovo (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Ktragujevac (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Grassa (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Left (1) Legge 194 (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Riboli (1) Lidia Undiemi (1) Lillo Massimiliano Musso. Leoluca Orlando (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Alfano (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Lorenzo Fioramonti (1) Lorenzo Fontana (1) Loris Caruso (1) Luca Donadel (1) Luca Pagni (1) Lucarelli (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luigi Zingales (1) Luka Mesec (1) López Obrador (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Macedonia (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcello Veneziani (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Cattaneo (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Rizzo (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Marcuse (1) Margarita Olivera (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Marina Minicuci (1) Mark Rutte (1) Maroni (1) Marta Fana (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo Costa (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Gramellini (1) Massimo Recalcati (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Matteo Pucciarelli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Mdp (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Messico (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michelangelo Vasta (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Milton Friedman (1) Mimmo Lucano (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Mladic (1) Mohamed bin Salman (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Moshe Ya’alon (1) Moves (1) Movimento 77 (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimento di Liberazione Popolare (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Nancy Fraser (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) New York Times (1) Nicky Hager (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolas Dupont-Aignan (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Noelle Neumann (1) Noi sicialiano con Busalacchi (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) Nsa (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omnium (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Open Society Foundations (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) P01 (1) PCE (1) PCdI (1) PIANESI MARIO (1) POSSIBILE (1) PRISM (1) PSUV (1) Pablo Stefanoni (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Di Martino (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito comunista (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Paul "Elliot" Singer (1) Paul De Grauwe (1) Per una sinistra rivoluzionaria (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Francesco Zarcone (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Attinasi (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Pino Prestigiacomo (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RENAUD LAMBERT (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Radek (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Ramarrik de Milford (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) René Girard (1) Report (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Rinascita (1) Rino Formica (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Robert Mundell (1) Roberta Lombardi (1) Roberto D'Agostino (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Marchesi (1) Roberto Martino (1) Roberto Massari (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rocco Casalino (1) Rohani (1) Roma 13 ottobre 2018 (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosatellum (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) SYLVAIN LEDER (1) Sacko Soumayla (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Schengen (1) Schlageter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) SiAMO (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Slavoj Zizek (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svitlana Grugorciùk (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tiziana Drago (1) Tommaso Nencioni (1) Tonia Guerra (1) Tony Manigrasso (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Tribunale dell'Aia (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ugo Mattei (1) Ulrich Grillo (1) Unicredit (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Valerio Colombo (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vito Lops (1) Vito Storniello (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolfgang Streeck (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zagrebelsky (1) Zaia (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zecchinelli (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) Zygmunt Bauman (1) aborto (1) accise (1) adozioni (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antispecismo (1) antropocene (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) armi (1) arresti (1) asia argento (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) ateismo (1) autogestione (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) big five (1) bilancia dei pagamenti (1) bioetica (1) biologia (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bomba atomica (1) bonapartismo (1) brigantaggio (1) bufale (1) bullismo (1) calcio (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) cassa depositi e prestiti (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) cdp (1) censis (1) censura (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) comitato (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) curzio maltese (1) cybercombattenti (1) cyborg (1) dabiq (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dichiarazione di Roma (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) dracma (1) ebraismo (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) elezioni comunali 2018 (1) embraco (1) enav (1) enrico Corradini (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) fiducia (1) finan (1) finaza (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) forme (1) freelancing (1) fuga dei capitali (1) futuro collettivo (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) governo neutrale (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) illiberale (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) incendi (1) independent contractor (1) india (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) intervista (1) ius sanguinis (1) ivana fabris (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge Madia (1) legge antisciopero (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) leva obbligatoria (1) lex monetae (1) lgbt (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) link tax (1) liste civiche. (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) luddismmo (1) lula (1) madre surrogata (1) mafiodotto (1) maghreb (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) massoneria (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) matteo bortolon (1) megalamania (1) memoria (1) mercantilismo (1) mercato (1) militarismo (1) minibot (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) modernità (1) molestie (1) monetarismo (1) nascite (1) nazion (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) no vax (1) nobel (1) norvegia (1) numero chiuso (1) obiezione di coscienza (1) occupy wall street (1) oligarchia eurista (1) omosessualità (1) ong (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) partito americano (1) partito umanista (1) patria (1) pecchioli luigi (1) peronismo (1) personalismo (1) piaciometro (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) ponte Morandi (1) popolo (1) post-elezioni (1) post-operaismo (1) postumano (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) province (1) qualunquismo (1) questione meridionale (1) quinta internazionale (1) quota 100 (1) rappresentanza (1) recensioni (1) regionalismo (1) rete 28 Aprile (1) ride sharing (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) robot killer (1) rosabrunismo (1) rublo (1) salafismo (1) salir del euro (1) sandro veronesi (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) sicurezza (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra transgenica (1) smartphone (1) social forum (1) sondaggio demos (1) specismo (1) spionaggio (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) supe-bolla (1) supply-side economics (1) svimez (1) takfirismo (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) transumanismo (1) trappola della liquidità (1) trasformismo (1) trasumanesimo (1) trenitalia (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uberizzazione (1) ultimatum (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vertice di Roma (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) wahhabismo (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)