giovedì 20 ottobre 2016

INTERVISTA A FAUSTO BERTINOTTI: “I Governi non servono più a niente. L’unica soluzione? La rivolta”

[ 20 ottobre]

Siamo tra coloro che più hanno criticato, nel corso dei vent'anni che ci lasciamo alle spalle, l'operato di Bertinotti. Quando noi dissentivamo a sinistra erano solo acclamazioni e servili peana. Oggi che Bertinotti ha il coraggio di dire cose giuste, è condannato, dai medesimi sinistrati che ieri lo portavano in un palmo di mano, all'ostracismo. Davvero importante e condivisibile questa intervista curata da Alessandro Franzi.

D. Presidente Bertinotti, cinque anni fa eravamo in una situazione in cui sembrava che tutto dovesse crollare, che tutto dovesse cambiare. E lei in quei giorni che seguirono la formazione del governo Monti parlava di golpe bianco. Ne è ancora convinto?

R. Assolutamente sì. Intendiamoci, non perché fossimo nel quadro che lei ha descritto, ma perché non esisteva la condizione dell'eccezione. In quel caso eravamo dentro una storia ordinaria, una storia di un quarto di secolo che ha un prima e un dopo. Questa grande storia, seconde me, è quella che investe l'Europa come parte di una riorganizzazione generale del mondo, dopo la sconfitta del movimento operaio. E l'Italia non è un'eccezione ma sta dentro la regola. Trovo, quindi, del tutto infondate le tesi sul caso italiano.
D. Possiamo dire banalmente che cinque anni fa i proverbiali nodi venivano al pettine...
R. Luciano Gallino lo ha chiamato rovesciamento del conflitto di classe, che ha preparato le basi sociali e politiche per l'avvento di una grande rivoluzione capitalistica, la globalizzazione. Questo cambia totalmente la scena, finisce il lungo dopoguerra e comincia un'altra storia in cui cambiano le condizioni sociali ed economiche, cambiano anche gli ordinamenti politici. E sostanzialmente comincia il declino della democrazia, perché il nuovo capitalismo finanziario si rivelerà incompatibile con la democrazia. E l'Italia è 'semplicemente' dentro questa scena.

D. Ma perché in Italia la scena è cambiata proprio in quel frangente del 2011?
R. In Italia è successo in quell'anno, negli altri Paesi è successo in altri momenti o succederà presto. Non accade in questi termini soltanto in Germania, perché la Germania in questa globalizzazione è l'unica economia mercantilista sulla scena europea ed è quindi l'unica che gode del privilegio della riorganizzazione. È solo una storia differenziata, ma tutti gli altri Paesi che non sono la Germania incorrono in casi come quello italiano. Quindi, succede che tu sia sull'orlo di una crisi precipitante ma che questa situazione non venga mai superata, perché non è possibile superarla a meno di una crisi che vedremo spuntare prossimamente ma non nel cielo della politica né nel cielo dell'economia. Se avviene, avviene nel conflitto fra il sociale e la politica e l'economia. Questa rivolta può anche essere strisciante, eh, può anche essere l'avvento dei populismi che stravolge l'ordine politico. Ma appunto viene da fuori, da un conflitto fra l'alto e il basso della società. Finché stai dentro il sistema non succede niente. E infatti non è ovviamente successo niente: eccolo lì il golpe bianco, l'eccezione che diventa la regola.

D. Allora si preferì investire di potere un governo tecnico al posto di quello guidato da Berlusconi, senza ricorrere al voto anticipato.
R. E perché allora non si va alle elezioni? Perché si teme l'instabilità. Siccome in quel momento c'è alla testa del Paese un signore che di politica se ne intende, lui costruisce la soluzione del caso. E come la costruisce? Sospendendo le regole.

D. Lei parla del presidente Napolitano, immagino.
R. Sì, sì. Lui, un uomo di grande esperienza politica, da tempo ha come suo pensiero fondamentale la stabilità politica come condizione per tutto. E, ritenendo a rischio questa stabilità in caso di elezioni, s'inventa questa soluzione Monti. Il tutto avviene di fronte a cose molto inusitate, a partire dal fatto che l'ordinamento internazionale pensa, allora, che la situazione così in Italia non sia più praticabile e svolge una pressione, che l'Europa esercita in maniera dirompente attraverso gli strumenti di cui dispone, che sono gli strumenti di controllo di bilancio. A quel punto il presidente della Repubblica sceglie una scorciatoia, decide il presidente del Consiglio e il Governo, ancora prima del dibattito parlamentare, attraverso un'altra cosa assolutamente inusuale: la nomina a senatore a vita di quello che sarà poi il capo del Governo, per fare vedere a coloro che lo stanno guardando con interesse che sta andando in una certa direzione. Per questo dico che l'eccezione diventa la regola, perché questa condizione oligarchica è arrivata fino a noi. Ciò che appare è diverso da ciò che è reale, perché pur rimanendo in piedi il quadro istituzionale è stato svuotato. Ormai, per dirne una, non è il Parlamento che sceglie il Governo, ma il Governo che sceglie il Parlamento.

D. Allora qualcuno si poteva opporre a questa prospettiva?
R. Certo che sì.

D. Eppure le principali forze parlamentari - parliamo del Pd e del Pdl - votarono la fiducia a Monti.
R. Quelli che si potevano opporre sono appunto quelli che poi sono stati cooptati dentro questo sistema, fino ad oggi. Parlo sostanzialmente del centrosinistra, di cui io non ho mai fatto parte, tenendo anzi a distinguermi strategicamente anche quando abbiamo sostenuto dei governi. Il centrosinistra arrivava nel 2011 logoratissimo, avendo perso l'aureola del riformismo in tutta Europa e in particolare in Italia dopo i due governi Prodi. Il centrosinistra non poteva ribellarsi, perché esso stesso è costruito dentro questa cultura della stabilità e della continuità. Non poteva opporsi a Napolitano, malgrado degli elementi di frizione, avendo perso la cultura politica per opporsi e dire: 'rischiamo la stabilità per valorizzare la democrazia'. E' una frase elementare, perché la democrazia comporta il rischio dell'instabilità, ma il centrosinistra non è stato più in grado di pronunciarla perché dall'avvento della globalizzazione in poi si è considerato lo schieramento più adeguato per governare la globalizzazione. Dall'altra parte, invece, l'opposizione della destra era sgrammaticata: avevano sostenuto il primato del governo e tutte le forme neo-autoritarie che si possono fare, come facevano a dire di no?.

D. Uno dei cambiamenti politici ereditati dall'ultima stagione dei tecnici è anche l'aver annacquato proprio i confini fra centrosinistra e centrodestra. Prima la maggioranza allargata con Monti, poi con Enrico Letta. Anche Renzi ha iniziato il suo mandato collaborando con Berlusconi.
R. Ma questo annacquamento come lo chiama lei era iniziato anche prima, quando è venuto meno l'ultimo spartiacque, che non è il crinale destra-sinistra ma Berlusconi-anti-Berlusconi. La sconfitta del berlusconismo avviene prima dell'arrivo del governo Monti. Ed è lì che comincia la scomparsa della polarizzazione, essendo il centrodestra privo dell'unica sua forza, Berlusconi appunto.

D. Se si fosse votato allora, cinque anni dopo il nostro quadro politico come sarebbe?
R. Chi lo sa. Pensandoci, credo che non sarebbe successo nulla di così diverso, perché appunto il corso dei processi storici è duro. Sono cadute le grandi ideologie e non siamo più in grado di leggere la storia politicamente. Siamo ridicolmente legati alle mosse tattiche di questo o di quel dirigente politico, così può succedere la Brexit senza che sia prevista o può succedere che domani in Francia la Le Pen diventi il primo partito e ce ne stupiremo. Diciamo che sicuramente chi ha compiuto l'operazione Monti ha sopravvalutato il pericolo dell'instabilità. Pensiamo al momento in cui Monti ha iniziato a traballare: non è che è tornato il primato della politica. No, a illustrare bene il quadro è stato uno degli uomini più intelligenti che frequentano l'Europa, forse il più autorevole. Parlo di Mario Draghi, che quando vide che Monti stava andando in crisi e scorse una turbolenza dei mercati, dichiarò (ai mercati veri sovrani, non ai politici): nessun problema, perché se c'è un elemento di instabilità nei governi noi 'innestiamo il pilota automatico'. Testuale.

D. E che cosa se ne deduce?
R. Che ormai si vedono Paesi governati senza governi. Cioè, tutto questo affanno della politica sulla governabilità, oltre che minaccioso per la democrazia, è anche grottesco. Perché la stabilità, ammesso che poi la si realizzi, dipende da altri.
D. Facciamo una mappa di questi altri.
R. La Bce, le forze economiche e finanziarie trainanti, la Commissione europea come presidio sacerdotale di questa costruzione, la famosa Troika. Il caso Grecia è del resto emblematico.

D. Possiamo dire che quel passaggio del 2011 ha lasciato i cittadini italiani senza la consapevolezza di questi cambiamenti profondi di cui ha parlato, non avendo avuto alcun modo di prendervi parte?
R. Sì, come tanti altri fattori. Come il governo delle larghe intese, appunto. Ma anche come, molto più di tutto questo, la proposta di riforma costituzionale su cui saremo chiamati a votare, insieme alla revisione della legge elettorale.

D. Appunto, lei ha da poco annunciato che voterà al referendum del 4 dicembre. Perché?
R. Perché è la continuità. Vede, tutti gli avvenimenti di cui abbiamo parlato finora si presentano come lo snodarsi del cannocchiale: c'è sempre un dopo che è lo sviluppo in peggio del prima. Non è un salto, purtroppo. Il salto sarebbe l'uscita da queste condizioni. E' tutta questa idea che si chiama governabilità, l'idea secondo cui nell'impossibilità di governare con il consenso, quindi con la democrazia, si costruisce un artifizio attraverso il quale si può governare senza il consenso. Questo artifizio può essere fatto con una mossa del principe come nel 2011, con un sistema elettorale o con un combinato disposto, come lo chiamano adesso, fra riforma costituzionale e legge elettorale. Ma sono tutte varianti di tecnicalità politiche per realizzare sempre lo stesso obiettivo. Quello che va detto, da allora ad oggi, è che questo obiettivo non riesce. Lo vediamo, siamo in una condizione di perenne instabilità. I partiti si scompongono. E persino un astro nascente come Renzi, che doveva in qualche modo essere l'inizio della nuova era, quanto dura? Poco, pochisismo.

D. Presidente Bertinotti, insomma, come se ne esce secondo lei?
R. Con la rivolta.

D. Cioè i forconi?

R. Non intendo necessariamente con i forconi. La rivolta è anche la nascita in Grecia di Syriza. Si dice che Syriza non è riuscita? Va bene, ma lasciamo che si moltiplichino queste esperienze e vediamo. La rivolta è anche Podemos, la rivolta è anche Il Movimento 5 Stelle. La rivolta è tutto ciò che sta fuori dal recinto dell'ordinamento costituito ed è in formazione. Penso che questo sistema dall'interno sia irriformabile: come vede, cambiano i protagonisti ma la situazione è sempre uguale. Se uno non si fa abbagliare dall'apparenza, Monti e Renzi stanno in una linea di continuità, non di discontinuità. In apparenza Renzi è la rivincita della politica, in realtà la stessa riforma costituzionale dice invece che Renzi è interno alla costruzione di un sistema oligarchico. E' questo che Monti e Renzi hanno in comune. Poi, certo, è importante riconoscere che le forme con cui i due ci arrivano sono diverse.

D. Quindi come se ne esce?
R. Se ne esce puntando sui barbari, puntando cioè su coloro che sono fuori da questo sistema. La forma può essere solo quella della rivolta, non quella dell'alternativa politica, perché non ci sono più le alternative politiche. Basti vedere la fine dei partiti socialdemocratici. In genere si usciva da situazioni come quella attuale con l'alternanza: in Francia se ne va Sarkozy e arriva Hollande. Soltanto che quando è arrivato Hollande è stato come Sarkozy.
D.Accettando questa logica si accetta anche il rischio di partiti populisti al governo.

R. Ma certo che sì.
* Fonte: LINKIESTA
Print Friendly and PDF

23 commenti:

  • Anonimo scrive:
    20 ottobre 2016 12:31

    cITIO:

    "e ne esce puntando sui barbari"

    Finalmente!

    E' solo la prima fase ma senza questo scossone iniziale si resta così come siamo.

    Votiamo per "chiunque" sia anche in parte contro il sistema fosse M5S, Salvini ma va benissimo anche Trump o la Le Pen o anche peggio se necessario.

    Questo blog avrà il coraggio di dire che va bene votare per la Le Pen se non ci sono alternative?

    Perché in questo articolo li vedo ancora lì a fare distinguo oziosi che mi pare Bertinotti si sia deciso a superare

    http://sollevazione.blogspot.it/2015/12/che-cose-il-front-national-di-marine-le.html

    E' una domanda che rivolgo direttamente al blog, se mi vogliono cortesemente rispondere.

  • Anonimo scrive:
    20 ottobre 2016 13:58

    Tutto vero, tutto giusto, tutto condivisibile. Ma non dimentichiano che Fausto Bertinotti è stato per anni classe dirigente della sinistra, sindacale e politica. Belle analisi, come sempre, ma pessima pratica ed anche il sospetto di opportunismo personale.

  • Anonimo scrive:
    20 ottobre 2016 16:26

    La morale è: "Non ci dovete più dare retta, votate a destra".
    Giusto.

  • Anonimo scrive:
    20 ottobre 2016 17:17

    Il presidente delle Filippine si separa dagli USA e si riallinea con Cina e Russia.

    "L'America ha perso" ha detto alla conferenza stampa

    http://www.reuters.com/article/us-china-philippines-idUSKCN12K0AS

  • Peter Yanez scrive:
    20 ottobre 2016 19:13

    Domanda: La vittoria dell'Ulivo del 1996 è stata raccontata anche nel suo film Aprile, cosa resta di quella breve stagione politica?

    Risposta di Nanni Moretti: "A me resta soprattutto una sensazione di rabbia per un governo che era popolare nel Paese e che invece fu costretto a dimettersi perché da sinistra gli tolsero i voti. Bertinotti in nome dei lavoratori che diceva di rappresentare tolse la fiducia a Prodi e, secondo me, di fatto fece perdere 10 anni a questo Paese. Sono convinto che se Prodi avesse resistito poi Berlusconi non avrebbe avuto vita così facile nel riprendersi la maggioranza e il destino politico dell'Italia sarebbe stato diverso".

  • tiberio bagnarol scrive:
    20 ottobre 2016 21:11

    Quando un blog come Sollevazione propone ai suoi lettori un'intervista a Bertinotti allora uno comprende che siamo giunti alla soluzione finale, in cui è tutto possibile e uno vale l'altro, che la storia di questo personaggio riverente, per decenni, presso il salotto bianco di Vespa non ha importanza , che i suoi errori politici non contano, che orami conta il presente , anzi quello che pensa oggi e non ciò che era ieri; francamente,... francamente,... al concetto di sinistra di Bertinotti preferisco la destra becera di Berlusconi, volgare ma vera; i compagni al Caviale come: Bertinotti , Lucio Magri e la Marzotto, La Castellina e la figlia Lucrezia del più Europa, che hanno distrutto il potenziale italiano della sinistra non li sopporto più. Continuerò a leggervi comunque , turandomi il naso come in questo caso penoso, anche se l'istunto e quello di volgere lo sguardo da un'altra parte.

  • Cornacchia da Petescia scrive:
    20 ottobre 2016 22:41

    ...ancora con i Bertinotti....ma come è possibile "resuscitarlo"??!!

  • Anonimo scrive:
    21 ottobre 2016 01:41

    Tiberio

    Ma la cosa incredibile è che per anni MpL ha sempre detto che non avrebbe votato per la Le Pen, ha sempre criticato Bertinotti e adesso che Bertinotti stesso dice che "bisogna votare per i barbari", cioè a destra (sic), scrivono che fa bene a dirlo.

    1) Con questa affermazione dichiarano che è inutile seguire la sinistra (cioè MpL ossia P101) e l'unica cosa seria da fare è votare per altri che sono l'opposto della sinistra

    2) Dichiarano anche che hanno fallito senza riuscire a creare uno straccio di movimento di sinistra in questi 8 (otto) anni di crisi

    Un minimo di autocritica ci vorrebbe ma se glielo dici si incazzano.

    Come mai?

  • Anonimo scrive:
    21 ottobre 2016 01:43

    Yanez

    Guarda che Prodi non è meglio di Berlusconi come dice Moretti e come dici tu.
    Sarebbe ora di rendersene conto, che dici?

  • Anonimo scrive:
    21 ottobre 2016 08:58

    Bertinotti è sempre stato un rivoluzionario. Ora vede concretizzarsi una possibilità.
    Ha frequentato i salotti, almeno quanto hanno fatto i rivoluzionari veri molto prima di lui.
    Cio' non toglie che la sua analisi sia corretta.
    E' la sintesi che non la è, come non la era quella utopistica comunista. Che, infatti, senza il supporto del grande capitale non avrebbe portato a rivoluzione alcuna.
    L'errore di B è il voler salvare una specie di sinistra "vera" e porla come alternativa al sistema oligarchico attuale. Il fatto è che anche la sinistra che ando' al potere in Russia era oligarchica. Oligarchieca e internazionalista, almeno nelle intenzioni.
    Quindi: se è vero che chi detiene il vero potere e' l'oligarchia finanziaria, è anche vero che questa oligarchia è internazionale. E una sinistra "vera" vedrà la soluzione sempre in un contesto internazionale, in quanto nasce in questo contesto. Infatti, muore anche in questo contesto. Perchè è l'internazionalismo variamente coniugato al Capitale o ai Diritti umani onusiani che ci ha condotti al punto in cui siamo. Questo lo vedono quasi tutti, anche gli ex militanti comunisti; che infatti cercano di reinventarsi un Comunismo che non sia internazionale.
    E' l'internazionalismo il vero problema. Pertanto, se la soluzione dovesse venire da una sinistra che abiura alla sua stessa essenza, tanto varrebbe optare per la destra post-fascista, che di simili abiure non ha avuto bisogno.
    Non va dimenticato che la guerra ideologica che abbiamo visto nel Novecento vedeva schierati nazionalisti contro internazionalisti. Se questa consapevolezza ci fosse stata allora, non ci sarebbe nemmeno stata la Resistenza... e siccome questa ha dato corpo all'assetto post-bellico, ne consegue che quello di oggi è il fallimento di più di un secolo di illusioni internazionaliste.

    G.Stallman

  • Anonimo scrive:
    21 ottobre 2016 10:20

    Più che "il coraggio di dire cose giuste" mi pare che abbia "la sfacciataggine di dire cose giuste" che ha sempre negato. Solo poco tempo fa diceva che dovevamo arrenderci al liberalismo e al prossimo aperitivo cambierà di nuovo idea.

    PS. Non capisco perché continuate a rispondere a Peter Yodicez, ignoratelo che è meglio.

  • Redazione SollevAzione risponde:
    21 ottobre 2016 11:10

    I NOSTRI LETTORI (DI DESTRA E DI SINISTRA) E FAUSTO BERTINOTTI

    Perché non censurate certi commenti fascistoidi? ci chiedono certi nostri lettori.
    Perché amiamo guardare in faccia la realtà ed anche fare i conti con idee reazionarie che magari oggi camminano solo sottotraccia. Se le nostre idee e analisi sono giuste dobbiamo verificarlo nel confronto-scontro, anche con chi è molto distante da noi.
    I destrorsi reazionari fanno fuoco su quello che effettivamente è il Tallone d'Achille del sinistrume e di certo marxismo sviluppista, ovvero l'internazionalismo urlato, astratto, trasfigurato, del tutto simile al cosmopolitismo borghese liberale.
    Abbiamo avuto modo di spiegare che noi le pensiamo diversamente. Nelle prossime settimane questo blog darà spazio ad approfondimenti sui temi del patriottismo democratico e repubblicano, e perché questo dev'essere opposto contro ogni forma di nazionalismo reazionarie. Quindi un'idea di nazione che nulla ha a che fare con la purezza etnica, razziale, culturale, linguistica ecc.
    Per dire che alle frecciate anticomuniste di certi reazionari (ce ne sono di tutti i tipi: demaistreiani, evoliani, hitleriani, cristianisti, dannunziani e chi più me ha più ne metta) risponderemo con argomenti rigorosi, senza sberleffi liquidatori.

    Per quanto attiene a Bertinotti noi fummo suoi irriducibili avversari.
    Per questo, proprio per non essere mai stati alla sua corte né militanti di Rifonda, non ci sentiamo da lui traditi.
    E se le sue riflessioni sono argute, e corrispondono ampiamente con le nostre, non ci facciamo problemi a segnalarlo.
    Noi possiamo capire l'idiosincrasia di chi si è sentito tradito. Ma quando noi dicevano a costoro, Bertinotti e Rifonda sono la quinta ruota del carro del regime, voi oggi traditi, ci trattavate a pesci in faccia, con supponenza.
    Il problema è che la gran parte di quelli che sputano addosso a Bertinotti non gli giungono, sul piano del pensiero, nemmeno alle caviglie.

  • Anonimo scrive:
    21 ottobre 2016 13:08

    A' Redazione, rilassateve...siete sempre lì pomposi che vi date le arie...sempre...non date una buona immagine sapete?
    Ve lo dico perché alla gente comune la sinistra comunista sta sulle palle proprio per questo atteggiamento terribilmente impostato.
    È una questione di immagine e visto che vi interessa ottenere un seguito certe rigidità tanto piccolo borghesi vi converrebbe evitarle.
    È un consiglio affettuoso.

    Venendo al punto ci sono alcune questioni che proprio vi sfuggono

    1) Bertinotti (e la stessa cosa la fate voi anche se con altri termini) chiama le destre populiste "i barbari".
    Ma come si permette? Ma non capite che non solo è offensivo ma è la ridicola prosopopea di un omino che arriccia il naso (seguitemi) verso la "gente di destra" scimmiottando le classi dominanti che lo arricciano verso i lavoratori?
    Non capite che sinistra non può voler dire solamente il miserabile tentativo di darsi un tono da "signore" ma che comportandovi in questo modo sarete percepiti proprio così? E lo siete, spero che lo sappiate...
    Quindi la PRIMA REGOLA: rivolgetevi a quella gente a cui chiedete il voto con RISPETTO e con sym-pathia. La loro rabbia deve essere la vostra.
    Non esistono rabbie popolari di serie A e serie B.
    Vi riesce difficile? E allora no party per voi...

    2) relativamente alla situazione attuale i barbari, come li chiamate voi a sinistra, hanno molte ma molte meno colpe della sinistra sia ex PCI che RC. La volete fare un minimo di autocritica per le STRONZATE dei vari Natta, Lama, Occhetto, dei tradimenti di Napolitano (e di tanti altri), della vostra (di MpL) assoluta incapacità di ottenere un seguito popolare?
    A voi pomposi sinistri di P101 non vi voterebbe nessuno. È tutta colpa dei barbari o forse qualche errore lo avete fatto e lo state facendo?
    E quali sono questi errori?
    Parlate prima di questo apertamente, con sincerità, senza quelle vostre ridicole tetraggini di chi per primissima cosa pretende riconoscimento dagli altri.
    Solo dopo sarete credibili.

    3) l'unica arma di lotta concreta per il "popolo" (almeno in questa fase) è nelle urne.
    Non c'è altro ed è un'arma potentissima.
    Non può e non ndeve essere buttata.
    Non si può esprimere con una x una idea compiuta.
    Si può solo dire "No" e "Vaffanculo" ma con queste espressioni..."barbariche"...si riesce a mandare a gambe all'aria prima il governo e poi l'Europa.
    Oggi un voto a sinistra fa meno del 1% mentre se si potesse coalizzare un fronte (solo sulla protesta, intendo) fatto da destre populiste, lega, M5S, Renzi e la Commissione europea chiudono bottega e da quel momento tutto può succedere.

    Allora cambiate atteggiamento e riconoscete la validità della rabbia di chi non ha studiato, di chi vive nelle borgate e non ha letto i libri importanti perché il popolo è quello.
    Sentitevi barbari anche voi e se è necessario sostenete la Le Pen, Farage, AdF, Hofer, Orban perché si può e si deve essere alleati.
    Il nemico anzi, i barbari veri, quelli realmente cattivi, sono altri.

  • Anonimo scrive:
    21 ottobre 2016 13:10

    E' sinistrato anche Azzarà? Qui lui segnala l'articolo con un titolo inequivocabile che io condivido e che riporto:

    "Bertinotti non ha ancora scoperto la dignità di tacere e sparire"

    e più sotto ad un commentatore risponde sarcastico:

    "Impossibile, nulla di ciò che dice Bertinotti è condivisibile, nemmeno quando per puro caso dice cose giuste."

  • Redazione SollevAzione risponde:
    21 ottobre 2016 14:30

    Sì, con questi ragionamenti, Hainoi, Azzarà, precipita nella palude sinistrata.
    Peggio, le frasi riportate sono di una tale rozzezza che non fanno premio alla sua intelligenza e cultura.

    Per quanto concerne il pistolotto del destrorso più sopra che ci chiede di rilassarci, che ci chiede con spocchia di cambiare stile, atteggiamento e linguaggio, in verità pretenderebbe di farci cambiare i connotati. E per che cosa? Per quale prospettiva? per quale idea di Paese? per quale visione del mondo?
    Per lottare uniti contro i "veri barbari"?
    suvvia!
    Effettivamente siamo più ambiziosi noi, lottiamo per farla finita col capitalismo, profondamente certi che l'alternativa sia il socialismo. In fondo restiamo marxisti.
    Lui per che cosa (batracomiomachicamente) si batterebbe?
    Per portare anche in Italia "Le Pen, Farage, AdF, Hofer, Orban"...
    Il dissenso non potrebbe essere più profondo.
    A certi reazionari rispondiamo con Marx che se oggi sono i tempi delle armi della critica, domani verranno quelli della critica delle armi.
    Quando la la sbornia neoliberista e mondialista sarà stata derubricata, la fase nuova sarà segnata dalla lotta decisiva tra le forze rivoluzionarie, giacobine e socialiste e tutta la marmaglia reazionaria.
    Chi vivrà vedrà...

  • Anonimo scrive:
    21 ottobre 2016 16:46

    Bertinotti ha rilasciato questa intervista quando era nella sua casa/tenuta/latifondo di Massa Martana, o mentre era a fare shopping con la consorte (e relativa scorta a spese della collettività) in Via Nazionale? Chissà com'era abbigliato? In tweed o in cashemire, e magari masticava sbuffando un Avana per l'occasione. O, forse, mentre rispondeva sulle rivolte e sui barbari, contava per l'ennesima volta il lascito (500.000 euri) del senatore "diniano" fu Mario D'Urso, principe delle serate mondane romane, banchiere di Lehman Brothers?
    Io sono comunista e sono molto vicino a P101, e credo che sia veramente grave dare credito, fosse anche solo alle virgole, di quanto dice questo prestidigitatore neo"Ciellino" della politica. Negli ultimi anni ha detto tutto ed esattamente il contrario di tutto, e se incidentalmente qualcosa, per caso, è sembrato sovrapponibile al programma e all'analisi di P101, andrebbe semplicemente ignorato o addirittura stigmatizzato.
    I comportamenti contano molto più delle parole, specie nella coscienza popolare e patriottica/repubblicana.
    "Lo stile è l'uomo" amava dire Lenin.
    E Bertinotti è un pagliaccio borghese, al servizio del neoliberismo, con compiti di copertura del fianco sinistro e di dissimulazione! Non può più adempiere a questo ruolo in parlamento, ma continua a farlo sotto le mentite spoglie dell'intellettuale "radical-rivoluzionario".
    I commenti sotto questo post mi confermano che, nonostante di solito siate svegli, stavolta avete in buona parte abboccato al "a me gli occhi" dell' inFausto!

  • Cornacchia da Petescia scrive:
    21 ottobre 2016 21:20

    ...più me 'nvecchio e meno ce capisco gnente cor monno.....

  • Peter Yanez scrive:
    21 ottobre 2016 21:53

    @ Anonimo del 21 ottobre 2016 01:43

    Che dico? Dico che ti sbagli ...


    @Anonimo del 21 ottobre 2016 10:20

    Simpatica la tua allusione ma non sono Guido Iodice. Anche se siamo vicini per quel che riguarda la questione dell'€, lui al referendum (purtroppo) voterà No, io no, io voterò Sì.

    Molto meno simpatico è il tuo invito a censurarmi, perché? Non lo sai che l'articolo 21 della Costituzione italiana stabilisce che «Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.»
    Sei per caso uno di quelli che difende la Costituzione a spada tratta senza averla mai letta?

    @ Redazione SollevAzione del 21 ottobre 2016 11:10

    Nel caso in cui la locuzione "certi commenti fascistoidi" mi riguardasse, non ne capisco il senso: forse volete negare che Bertinotti sia stato l'"utile idiota" che ha sgambettato Prodi e favorito Berlusconi?

  • Anonimo scrive:
    22 ottobre 2016 10:15

    Yanez il mio non era un invito a censurarti ma ad ignorarti rivolto agli altri commentatori (invito che io sto eccezionalmente infrangendo in questo momento).

  • Anonimo scrive:
    22 ottobre 2016 11:58

    Forse Bertinotti qualche idea buona l'aveva ma quando parlava con quell'accento alla Gianni Agnelli , benché destasse una certa ammirazione, convinceva limitatamente. Adesso che i birilli sono tutti giù cominciamo a capire che tutta la politica italiana di tanti anni ha avuto il risultato (o lo scopo) di buttar giù quanti birilli fosse possibile. Anche per l'esimio prof Prodi ...

  • Mauro Rossi scrive:
    22 ottobre 2016 23:16

    Ho letto con interesse (e stupore) l'intervista al Divo Fausto. Devo dire la verità: all'inizio non volevo leggerla, come se un senso di repulsione mi bloccasse il dito sul click del mouse per aprire il link. Ma la curiosità ha preso il sopravvento ed ho iniziato a leggere. Ohhhhh….. Non credo ai miei occhi. Rivolta? Ho letto la parola rivolta? Però che classe. Possiamo dire tutto del Divino, ma la classe, la classe non è acqua. Rivoluzione! Perbacco! Che coraggio! Peccato che la sua analisi arrivi con trent'anni di ritardo. Nel frattempo la sinistra si è fatta ampiamente sorpassare a destra sulle tematiche del lavoro e del conflitto sociale e si è schiantata contro il camion della storia che procede dritto per la sua strada. Se non si capisce, anzi se non si prende atto che a Brussel governa una oligarkia al servizio del capitale finanziario che ormai ha assunto le forme del Sovrano Assoluto e che come tale si comporta, non credo che nulla possa cambiare. Finché non si prende atto che Il vero nemico da abbattere è l'Unione Europea ed il suo simbolo attraverso cui viene garantito il suo potere: l'Euro. In questo momento storico, vista l'assenza della sinistra, le tematiche del lavoro sono state raccolte da destra. E’ un dato di fatto. La nomenclatura della sinistra sà, ha sempre saputo, dove ci avrebbe portato il federalismo spinelliano, per non dire kalergico. Vi (ci) hanno fregati con l’internazionalismo compagni! I Barca sapevano, i Napolitano sapevano, forse anche il Divino sapeva. Le politiche ordoliberiste sono iniziate negli anni ottanta con la Tacher e Reagan con l’applicazione dei dogmi della scuola austriaca. Hanno buttato nel cesso Keynes ed hanno applicato Von Hayek. Sapevano dove ci avrebbe portato l'Euro. Anche I Nostri sapevano dove ci avrebbe portato quella sciagurata politica, lo sapevano, e l’hanno anche scritto. Quindi la domanda è: perché l’avete avallata e sostenuta? Perché avete tradito il Vostro popolo? Perché? Avrei voglia di urlarlo tanta è la rabbia che mi assale. Credo che fino a quando non verrà attuata una seria revisione, si, re-vi-sio-ne, so che questa parola urta le anime belle della sinistra intellettuale e salottiera (o quello che ne rimane), ma senza un lavacro interiore, senza un'analisi cruda e spietata delle cause ed in particolare delle omissioni che ci hanno portato in questo deserto in cui navighiamo, la sinistra non possa avere la speranza di rinascere. Dovete chiedere scusa al vostro popolo per averlo ingannato, per averlo tradito. Non potete ora alzare il ditino contro i vari Salvini, Farage, Le Pen perché sono loro IL POPOLO ora. Ora non avete il diritto, l'avete perso questo diritto. La sinistra tutta e quella Italiana in particolare, deve passare attraverso una sorta di Tribunale della Verità e della Riconciliazione di sudafricana memoria. Adesso è comodo e financo penoso, sentirlo dire da te, caro Fausto, dopo alcune cataste di morti, gridare…. Rivoluzione! Per quanto mi riguarda farei alleanze anche con il diavolo in persona, pur di abbattere il Mostro. Ma lo avete capito o no che SIAMO GIA’ IN GUERRA e che ci stanno massacrando? Siamo su una scialuppa che affonda perché ha un buco enorme ed il nocchiero al posto di preoccuparsi di turare la falla si preoccupa del rematore che puzza? SVEGLIA! O nel breve saremo tutti morti.

  • Anonimo scrive:
    23 ottobre 2016 19:39

    Non capisco perché ci si scaldi tanto a proposito di questa intervista. Certo, l'uomo è molto particolare ma non è lui che conta ma quello che scrive. Secondo me ha ragione, in linea teorica; il problema è come tradurre questa analisi in iniziativa e, evidentemente, anche il Divino, come è stato chiamato, non ha le idee molto chiare, ed è comprensibile. Lui ormai può solo parlare, anche dal punto di vista anagrafico. Qualcuno ha scritto dell'importanza delle elezioni; forse ha visto giusto, infatti in Italia non ci fanno votare. Credo che, per ora e poiché non si vedono Lenin in giro, dobbiamo darci da fare con quelle poche occasioni di voto che ci rimangono. Mi sembra scontato che solo M5S, nel bene o nel male, possa rappresentare questa rabbia, nonostante Raggi e la bocconiana Appendino, ma non c'è altro. Poi c'è il 4 dicembre: non sono molto attaccato alla "Costituzione repubblicana" ma sarà chiaro che se il 5 dicembre ha vinto Renzi siamo tutti fregati? Non che il No sia una svolta, ma almeno respiriamo.

  • Bender Villa scrive:
    27 ottobre 2016 18:59

    anche a me Bertinotti piace poco però non va travisato il suo pensiero: quando dice che bisogna puntare sui barbari non intende la Le Pen, dice solo che è inutile cercare alternative all'interno dei partiti interni al sistema.

Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (668) euro (644) crisi (595) economia (471) sinistra (402) finanza (255) Movimento Popolare di Liberazione (237) sfascio politico (235) grecia (228) resistenza (217) elezioni (201) banche (191) internazionale (190) teoria politica (188) risveglio sociale (183) imperialismo (180) M5S (173) seconda repubblica (167) alternativa (165) Syriza (147) Tsipras (142) sovranità nazionale (141) Leonardo Mazzei (133) Matteo Renzi (119) Moreno Pasquinelli (112) antimperialismo (111) debito pubblico (102) marxismo (100) democrazia (98) sollevazione (97) PD (95) destra (93) Grillo (92) sovranità monetaria (92) berlusconismo (91) P101 (89) proletariato (88) costituzione (85) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) austerità (78) spagna (78) islam (75) Stati Uniti D'America (72) Mario Monti (71) Emiliano Brancaccio (69) neoliberismo (68) sindacato (67) filosofia (62) Germania (61) Libia (61) referendum costituzionale 2016 (60) bce (59) Francia (57) Stefano Fassina (57) capitalismo (57) guerra (57) Alberto Bagnai (56) Rivoluzione Democratica (56) capitalismo casinò (55) Movimento dei forconi (49) Podemos (49) rifondazione (48) socialismo (48) Alexis Tsipras (47) Medio oriente (47) fiat (47) Siria (46) bancocrazia (46) Nichi Vendola (45) populismo (44) renzismo (44) sinistra anti-nazionale (44) immigrazione (43) globalizzazione (42) inchiesta (42) referendum (42) Troika (41) Yanis Varoufakis (41) immigrati (41) solidarietà (41) astensionismo (39) campo antimperialista (39) geopolitica (39) piemme (39) Sergio Cesaratto (38) proteste operaie (38) sinistra sovranista (38) sovranità popolare (38) Lega Nord (36) brexit (36) moneta (36) Emmezeta (34) egitto (34) III. Forum internazionale no-euro (33) Pablo Iglesias (33) azione (33) liberismo (33) sionismo (33) uscita di sinistra dall'euro (33) Diego Fusaro (32) default (32) fiom (32) italicum (32) 9 dicembre (31) Russia (31) governo Renzi (31) palestina (31) programma 101 (31) unità anticapitalisa (31) Forum europeo 2016 (30) ISIS (30) Sel (30) cinque stelle (30) fiscal compact (30) Mario Draghi (29) Ucraina (29) legge elettorale (29) neofascismo (29) Israele (28) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Beppe Grillo (27) Fiorenzo Fraioli (27) menzogne di stato (27) Carlo Formenti (26) Merkel (26) Sicilia (26) Forum europeo (25) Lega (25) Matteo Salvini (25) xenofobia (25) Europa (24) immigrazione sostenibile (24) Luciano Barra Caracciolo (23) Manolo Monereo (23) ora-costituente (23) Karl Marx (22) silvio berlusconi (22) sovranismo (22) Chianciano Terme (21) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (21) Stato di diritto (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) islamofobia (21) Marcia della Dignità (20) Mimmo Porcaro (20) Quantitative easing (20) Simone Boemio (20) Ugo Boghetta (20) scuola (20) Giorgio Cremaschi (19) Nello de Bellis (19) Unità Popolare (19) finanziarizzazione (19) fronte popolare (19) Aldo Giannuli (18) Izquierda Unida (18) Tunisia (18) ecologia (18) iraq (18) repressione (18) Assisi (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Laikí Enótita (17) Lavoro (17) Mariano Ferro (17) Marine Le Pen (17) cina (17) etica (17) religione (17) uscita dall'euro (17) Costanzo Preve (16) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Nato (16) Regno Unito (16) keynes (16) pace (16) vendola (16) Donbass (15) International no euro forum (15) nazionalismi (15) razzismo (15) 15 ottobre (14) CLN (14) Donald Trump (14) Vincenzo Baldassarri (14) iran (14) nazione (14) obama (14) populismo di sinistra (14) storia (14) Luciano B. Caracciolo (13) MMT (13) Norberto Fragiacomo (13) Pier Carlo Padoan (13) Prc (13) acciaierie Terni (13) finanziaria (13) umbria (13) Chavez (12) Cremaschi (12) Ernesto Screpanti (12) Eurogruppo (12) Forum europeo 2015 (12) Front National (12) Jacques Sapir (12) Jobs act (12) Legge di stabilità (12) Marino Badiale (12) Negri (12) Roma (12) USA (12) coordinamento no-euro europeo (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Bersani (11) Enea Boria (11) Stato Islamico (11) Tonguessy (11) Turchia (11) Venezuela (11) Vladimiro Giacchè (11) complottismo (11) comunismo (11) decreto salva-banche (11) disoccupazione (11) emigrazione (11) salerno (11) Bagnai (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Gennaro Zezza (10) Hollande (10) Marco Mori (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Renzi (10) Terni (10) ambiente (10) cattiva scuola (10) corruzione (10) decrescita (10) golpe (10) iniziative (10) internazionalismo (10) keynesismo (10) presidenzialismo (10) salari (10) unione bancaria (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Art. 18 (9) Esm (9) Fmi (9) Luigi Di Maio (9) Monte dei Paschi (9) Perugia (9) Portogallo (9) Putin (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) Wilhelm Langthaler (9) analisi politica (9) antifascismo (9) bail-in (9) ballottaggi (9) cultura (9) euro-germania (9) eurostop (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) scienza (9) tasse (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) Brancaccio (8) Bruno Amoroso (8) De Magistris (8) Diritti Sociali (8) Erdogan (8) Goracci (8) Ingroia (8) Mirafiori (8) Paolo Ferrero (8) Quirinale (8) Yanis Varoufakys (8) diritti civili (8) diritto (8) europeismo (8) grexit (8) internet (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) piano B (8) sciopero (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Argentina (7) Beppe De Santis (7) Bernie Sanders (7) CGIL (7) Daniela Di Marco (7) Def (7) Draghi (7) Enrico Grazzini (7) Forconi (7) ISIL (7) Ilva (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Salvini (7) Wolfgang Schaeuble (7) anarchismo (7) borsa (7) casa pound (7) catalogna (7) chiesa (7) de-globalizzazione (7) elezioni anticapte (7) eurocrack (7) incontri (7) indipendenza (7) lira (7) lotta di classe (7) nazismo (7) nuovo movimento politico (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) sinistra Italiana (7) taranto (7) Ars (6) Articolo 18 (6) Bottega partigiana (6) Costas Lapavitsas (6) D'alema (6) Eugenio Scalfari (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) Gran Bretagna (6) Jean-Luc Mélenchon (6) M.AR.S. (6) Michele Berti (6) No Renzi Day (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Barnard (6) Paolo Savona (6) Pil italiano (6) Reddito di cittadinanza (6) Sapir (6) Stefano D'Andrea (6) Ttip (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) deficit (6) derivati (6) elezioni anticipate (6) incontro internazionale (6) magistratura (6) no tav (6) ordoliberismo (6) piattaforma eurostop (6) povertà (6) terremoto (6) utero in affitto (6) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Banca centrale europea (5) Campagna eurostop (5) Casaleggio (5) Contropiano (5) Dicotomia (5) Finlandia (5) Giancarlo D'Andrea (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Marco Passarella (5) Massimo Bontempelli (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Noi con Salvini (5) Papa Francesco (5) Parigi (5) Pcl (5) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (5) Sergio Mattarella (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato (5) Val di Susa (5) afghanistan (5) appello (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) classi sociali (5) cosmo-internazionalismo (5) cosmopolitismo (5) debitocrazia (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) fisco (5) inflazione (5) jihadismo (5) laicismo (5) liberosambismo (5) necrologi (5) no-Ttip (5) nuovo soggetto politico (5) pomigliano (5) privatizzazioni (5) questione nazionale (5) tremonti (5) ALBA (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Corte costituzionale (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Dino Greco (4) Federalismo (4) Forza Italia (4) Frente civico (4) George Soros (4) Giulio Regeni (4) HAMAS (4) Hilary Clinton (4) Imu (4) Julio Anguita (4) Kke (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Lenin (4) Luciano Gallino (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Marco Zanni (4) Morgan Stanley (4) Movimento 5 Stelle (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Pisapia (4) Polonia (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Tyssenkrupp (4) Varoufakis (4) Virginia Raggi (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) cuba (4) debitori (4) destra non euro (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) governo (4) il manifesto (4) irisbus (4) legge di stabilità 2017 (4) liberalismo (4) patrimoniale (4) patriottismo (4) pensioni (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) rifugiati politici (4) rivolta (4) salvinismo (4) spending review (4) spesa pubblica (4) transizione al socialismo (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Alavanos (3) Alberto Negri (3) Alessandro Di Battista (3) Assad (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Danilo Calvani (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Dimitris Mitropoulos (3) Domenico Moro (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Fausto Bertinotti (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Foligno (3) Francesco Salistrari (3) GIAPPONE (3) Genova (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jacques Nikonoff (3) Joseph Stiglitz (3) Karl Polany (3) L'Altra Europa con Tsipras (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Luciano Vasapollo (3) Maduro (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Militant-blog (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Mosul (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Npl (3) ONU (3) Panagiotis Sotiris (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Prodi (3) Rete dei Comunisti (3) Rodoflo Monacelli (3) Romano Prodi (3) Ruggero Arenella (3) Samuele Mazzolini (3) Sarkozy (3) Sharing Economy (3) Six Pack (3) Stato di Polizia (3) Trump (3) USB (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Vladimiro Giacché (3) Wolfgang Munchau (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) alleanze (3) bankitalia (3) bollettino medico (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione salariale (3) demografia (3) diritti di cittadinanza (3) diritto d'asilo politico (3) dollaro (3) fascismo (3) ideologia (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) manifestazione (3) massimo fini (3) maternità surrogata (3) migranti (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) partito (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risparmio (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) sindacalismo di base (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) trasporto pubblico (3) trattati europei (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Montero (2) Alfiero Grandi (2) Alitalia (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Rinaldi (2) Atlante (2) Aventino (2) Baath (2) Bahrain (2) Bandiera rossa in movimento (2) Bergoglio (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) CUB (2) Carc (2) Cernobbio (2) Cgia Mestre (2) Chiavacci Alessandro (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (2) Der Spiegel (2) Diem25 (2) Don Giancarlo Formenton (2) Edoardo Biancalana (2) F.List (2) Fabio Frati (2) Fausto Sorini (2) Fidesz (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratelli d'Italia (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Gianni Ferrara (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Goofynomics (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hegel (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Jens Weidmann (2) Jeremy Corbyn (2) Juan Carlos Monedero (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) Maastricht (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marcello Teti (2) Marchionne (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) Nadia Garbellini (2) Olanda (2) Oriana Fallaci (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Preve (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Riccardo Achilli (2) Riccardo Bellofiore (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) Salento (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) Target 2 (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Piketty (2) Tltro (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Visco (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) austria (2) blocco sociale (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) confindustria (2) deflazione (2) diritto di cittadinanza (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) donna (2) economia sociale di mercato (2) elezioni comunali 2015 (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) facebook (2) fecondazione eterologa (2) gennaro Migliore (2) giovani (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) il fatto quotidiano (2) indignatos (2) industria italiana (2) isu sanguinis (2) italia (2) ius soli (2) la variante populista (2) legge del valore (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) mattarellum (2) mediterraneo (2) mercantislismo (2) mezzogiorno (2) minijobs. Germania (2) nazionalismo (2) nazionalizzazione (2) no expo (2) occidente (2) oligarchia (2) olocausto (2) paolo vinti (2) parti de gauche (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) petrolio (2) poste (2) proteste agricoltori (2) protezionismo (2) razionalismo (2) riformismo (2) risorgimento (2) sanità. spending review (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) stagnazione secolare (2) statizzazione banche (2) stop or-me (2) takfir (2) tasso di cambio (2) tecnologie (2) terzo polo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) università (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) Africa (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Alesina (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alessandro Visalli (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anna Angelucci (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Arditi del Popolo (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Artini (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Fermenti (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Comitato antifascista russo-ucraiono (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Coordinamento Democrazia Costituzionale (1) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cuperlo (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) De Bortoli (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) EReNSEP (1) Eco della rete (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Eleonora Forenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Macron (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enzo Pennetta (1) Ernesto Galli Della Loggia (1) Ernesto Laclau (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferdinando Pastore (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Fidel Castro (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Flat tax (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Forum Ambrosetti (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Venturini (1) Fratoianni (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) Gentiloni (1) George Friedman (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giorgio Gattei (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giuli Sapelli (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Girardi (1) Giulio Sapelli (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Angiuli (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Hartz IV (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hezbollah (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Indesit (1) Inigo Errejón (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalergi (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Lelio Basso (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lidia Undiemi (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) MPL (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Santopadre (1) Margarita Olivera (1) Maria Elena Boschi (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marx (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimo D'Antoni (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Morya Longo (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Netanyahu (1) Nethanyahu (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palermo (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Pardem (1) Paremvasi (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Partito tedesco (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Pier Paolo Pasolini (1) Piero Calamandrei (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Risorgimento Socialista (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SInistra popolare (1) SPD (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Scenari Economici (1) Schengen (1) Schumpeter (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Sergio Starace (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Fazi (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Toni negri (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Trichet (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) Xi Jinping (1) Ytzhac Yoram (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al Serraj (1) al-Fatah (1) alawismo (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autogestione (1) automazione (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) casa (1) catastrofe italiana (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) curdi (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) dissesto idrogeologico (1) domenico gallo (1) donne (1) dracma (1) due euro (1) economist (1) egolatria (1) enav (1) enel (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fine del lavoro (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi sovrani (1) forza nuova (1) freelancing (1) frontiere (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) il pedante (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) independent contractor (1) indignados (1) individualismo (1) indulto (1) informatica (1) intervista (1) intimperialismo (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) lula (1) madre surrogata (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) moneta fiscale (1) nascite (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partiti (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) poste italiane (1) precarietà (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) questione femminile (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rublo (1) sanità (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) senso comune (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra anticapitalista (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) squatter (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) suicidi (1) suicidi economici (1) svimez (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teoloogia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trasporto aereo (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uber (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) volkswagen (1) wahabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)