FORUM DEI POPOLI MEDITERRANEI

lunedì 12 maggio 2014

MALEDETTO BEPPE GRILLO.... di Piemme

12 maggio. Man mano che le elezioni europee si approssimano le nebbie si diradano ed i contorni del paesaggio politico italiano diventano più nitidi. In questo paesaggio, volenti o nolenti, spicca la figura di Beppe Grillo, testa d'ariete del Movimento Cinque Stelle
Personaggio certo polisemico, contraddittorio, controverso. Per la sinistra politicamente corretta egli è "ambiguo", "incoerente", "equivoco", "losco", "populista". Nella sinistra che si considera "radicale" se non addirittura "rivoluzionaria" il giudizio prevalente è più raffinato: Grillo è fascista.

Non fa problema, per certi anticapitalisti, che il loro verdetto rassomigli, come una goccia d'acqua, a quello dei capitalisti, anzitutto proprio di quelli grossi, di quelli che detengono le leve decisive del potere economico e politico.

Davvero istruttiva, da questo punto di vista, la lettura del Corriere della Sera di ieri, 11 maggio. Perché istruttiva? Semplice, ne vien fuori in maniera lampante quale sia il modo di vedere della grande borghesia eurista, il suo panico in vista delle elezioni. 
Alle pagine 12-13 ci sono alcuni servizi dedicati a Berlusconi e ad un certo punto si può leggere:
«Quanto al leader dei Cinque Stelle, Berlusconi scomoda, per indicarne la pericolosità, niente meno che Adolf Hitler. "Quel movimento è una setta e i discorsi del suo leader assomigliano a quelli del capo del nazismo. Io ho il terrore che questi signori possano prendere la maggioranza dei voti degli italiani. Sono pe-ri-co-lo-si!»
Passiamo dunque a pagina 14, un attacco frontale a M5S, col pretesto dei casini interni al movimento in Emilia-Romagna.
Andiamo oltre. Pagina 15. Una corposa intervista a Martin Schulz, candidato socialdemocratico a Presidente della Commissione europea. Dopo una difesa d'ufficio non solo delle politiche di rigore e della "generosa" Germania, alla domanda del giornalista "Come giudica Grillo", Schultz risponde:
«Grillo minaccia ammende ed espulsioni per i deputati che non votano come dice lui. L'ultimo a fare una cosa del genere  è stato Stalin. O forse Hugo Chavez. Se l'avesse detto in Germania, avrebbe dovuto temere l'intervento della magistratura. la libertà di mandato dei parlamentari è uno dei fondamenti della democrazia. Mi verrebbe da dire che Grillo è espressione di un totalitarismo moderno. Diciamo che si sente in Grillo una tendenza autoritaria. In Spagna si direbbe caudillismo».
Pronunciata da uno degli artefici del regime eurologarchico, da uno che ha sostenuto e sostiene le politiche liberiste di affammamento dei popoli europei, in primis quello greco, l'accusa di "autoritarismo" suona come minimo fraudolenta. Resta il fatto che entrambi i blocchi sistemici che in combutta tra loro governano l'Unione per nome e per conto del capitalismo finanziario e predatorio, considerano Grillo e M5S come i loro nemici principali. E la qual cosa dovrebbe far riflettere, sia chi da addosso a Grillo a prescindere, sia chi gli fa le pulci perché sulla questione dell'euro non pronuncia la parola magica dell'uscita.

Ma restiamo al Corriere di ieri. La parola definitiva ce la da il politologo Angelo Panebianco, quindi addirittura con un editoriale. E che storia ci racconta Panebianco? Che stiamo precipitando verso uno "sciagurato bipolarismo" quello in cui M5S rappresenta "per il grosso degli elettori il partito anti-sistema", mentre tutti gli altri sono il blocco della conservazione e della stabilità. Occorre quindi, dice Panebianco, scongiurare come la peste una nuova affermazione elettorale dei Cinque Stelle. Massima iattura sarebbe poi andare al voto politico anticipato con la legge proporzionale "pura" emersa dalla recente sentenza della Corte costituzionale, che "spappolerebbe definitivamente il centro-destra berlusconiano" e metterebbe a rischio la governabilità e il sistema medesimo.

Panebianco, facendo gli scongiuri davanti alla possibilità che M5S continui ad avanzare, esprime il pensiero e la paura di chi comanda. A me ciò basta e avanza per giustificare il voto a Grillo. Più panico dilaga nel campo dei dominanti, meglio è.
Print Friendly and PDF

29 commenti:

  • Anonimo scrive:
    12 maggio 2014 12:36

    Sulla sostanza sono d'accordo al 100%, peccato che non riuscite nemmeno per sbaglio a fare un singolo titolo senza un errore di stampa.
    Maledetto andrebbe con due t, non tre.

  • Anonimo scrive:
    12 maggio 2014 15:16

    Trovare tanta ingenuita' in un sito come questo fa' capire il motivo per cui molto difficilmente ci libereremo dalle catene dell'Euro.Ma voi le tecniche che usa il potere per manipolare le masse le avete mai studiate seriamente?.Quando si vuole disinnescare un potenziale pericolo si usano varie tecniche che guarda caso con Grillo non vengono applicate.La prima tecnica e' mettere sotto silenziatore e far scomparire da tutti i media il potenziale pericolo se nonostante questo non si riesce a disinnescarlo gli si fa' montare uno scandalo ( vero o falso non importa') per rovinarne cosi' la credibilita' agli occhi dell'elettorato i casi Di Pietro e Famiglia Bossi sono due casi emblematici appena insiedato il governo dell'uomo Bilderberg Monti ai due movimenti che si misero contro il progetto della finanza mondiale di cui Monti era il curatore di interessi in Italia furono fatti esplodere ad orologeria gli scandali con cui tutti i giorni bombardarono il popolo televisivo mettendoli cosi' fuorigioco.Quando invece si vuole indirizzare il popolo arrabbiato a votare un movimento che e' falso antisistema perche' va ad intaccare i privilegi dei politici nazionali e della casta ma non tocca minimamente gli interessi del vero potere quello della grande finanza allora lo si demonizza su tutti i giornali e su tutti i media facendogli cosi' da cassa di risonanza e pubblicita' con il popolo in modo che tutto il popolo arrabbiato lo percepisca come antisistema.Io credo che il piu' grande crimine di Barnard spieghi egregiamente come attaccando il cortiletto della politica non si intacchi minimamente il vero potere ed e' esattamente quello che stanno facendo Grillo ed Casaloggia e i media demonizzandoli gli fanno solo un gran pubblicita' perche' nell'immaginario collettivo fanno credere che votando Grillo si voti contro il sistema ma in realta'no e' cosi',ora finche' ci casca la casalinga di voghera passi che ci caschi gente come voi mi fa' capire che non abbiamo nessuna speranza di battere il vero potere,Barnard ha spiegato che il vero potere assume le migliori menti del mondo in ogni campo e visto che i soldi non sono un problema le paga a peso d'oro per fare i loro interessi e loro lavorano senza sosta per accontentarli questo comprende le migliori menti nel campo della psicologia e della manipolazione delle masse per cui o cercate di svegliarvi un po' o vi fate portare tutti ad affogare dal primo pifferaio magico che si presenta.Ma voi la conoscete la storia di come e' nato il movimento?lo sapete che Grillo e' stato contattato propio qui a Livorno durante uno spettacolo da Casaleggio uomo dei poteri occulti i quali avevano bisogno di un personaggio pubblico fuori dalla politica ma abile ad arringare le folle (individuato propio in Grillo)per creare un movimento falso antisistema per convogliare dove non potesse nuocere il popolo della rete che con internet si stava informando e quindi poteva diventare un potenziale pericolo per i loro interessi?convogliarlo in un recinto dal quale potesse urlare e sbraitare ma niente piu',oppure pensate veramente che al vero potere gli interessi se i partiti rinunciano al rimborso elettorale o altre supercazzole del genere?. Passi la casaliga di voghera ma da voi propio non me lo aspettavo,il movimento diventera' votabile in chiave antisistema il giorno che espellera' i due propietari del nome e simbolo e diventera' un movimento democratico di cittadini con regole democratiche e senza padri padroni sino ad allora votare 5 stelle equivarra' a votare la grande finanza internazionale dei mercati che vuole mantenere l'Euro e a cui Grillo con il suo referendum infattibile ha garantito di curarne gli interessi.

  • Anonimo scrive:
    12 maggio 2014 15:45

    Riporto alcune righe sul movimento: "Tra le mille anime, diverse, molto spesso in contrasto, che formano il variegato panorama del movimento cinque stelle, ce n'è una sulla quale l'accordo è al 100%: è necessario spostare il baricentro del potere.
    Che cosa vuole dire?
    Vuol dire spingere il potere a rinunciare alla trattativa Stato-mafia, alla trattativa stadio-mafia, alla trattativa studio-mafia, per aprire l'unica vertenza che può consentire alla nazione di riprendersi, al di là delle differenze, e farlo in maniera armonica.
    L'attuale dirigenza al potere deve accettare, come condizione inderogabile, l'immediata apertura della trattativa Stato-cittadinanza, passando dalla democrazia rappresentativa alla democrazia partecipata. Come faranno a sistemare le loro clientele? E' un problema loro.
    Non può e non deve essere più un problema collettivo della cittadinanza."
    Aggiungerei che molti dei nostri portavoce sono stati eletti tra" No Tav No Muos, ANPI,Acqua Pubblica ecc ecc Persone che vuole stare fuori da ogni tipo di guerra imperialista ed economia globale e finanziaria e con una grande difesa e rispetto della nostra costituzione. Grillo è solo una parte che ancora ci è necessaria fino al punto che il popolo italiano sarà abbastanza consapevole e risvegliato dell'intero rincoglionimento della propaganda di regime degli ultimi 20 anni. Sembra che questo ancora non possa essere fatto senza il riconoscimento di una o più persone viste come leader... un'articolo interessante è questo http://sergiodicorimodiglianji.blogspot.it/2014/05/indietro-popolo-alla-riscossione.html

  • Anonimo scrive:
    12 maggio 2014 16:31

    C'è da dire che una volta beppe grillo parlava male del debito pubblico ad ogni piè sospinto, oggi non più anzi sembra fare breccia, lentamente per carità, una diversa concezione dell'economia. Quindi ad ora non mi sembra tutto scritto sulla pietra ma piuttosto c'è un'evoluzione nel pensiero politico del movimento. L'unica speranza oggi è che il movimento faccia opposizione, non serve per forza essere al governo per cambiare le cose. Basta vedere il pci, all'opposizione riusci bene o male a portare qualche risultato a casa, arrivato al potere ha smantellato tutto il lavoro fatto (con il concorso degli altri).
    Riccardo.

  • Anonimo scrive:
    12 maggio 2014 16:50

    Il voto a Grillo passa purtroppo per il dissenso verso la classe politica e quindi rappresenta una grande maggioranza di Italiani ,molti dei quali non hanno capito la strumentalizzazione di Grillo / Casaleggio e questo penalizza purtroppo le prossime elezioni europee poiché sarebbero altrimenti tutti Voti No Euro.Ancora una Volta la Classe Dominante porterà a Segno un altro Colpo .

  • Anonimo scrive:
    12 maggio 2014 16:57

    Io credo che prima di invitare gli utenti a votare 5 stelle converrebbe informarsi un pò meglio

    http://perchiunquehacompreso.blogspot.it/2014/05/grillo-non-ha-piu-alibi-il-m5s-e-la.html

  • Anonimo scrive:
    12 maggio 2014 17:57

    Siamo alla frutta. Invece che prendere esempio dalla Piattaforma Comunista, raggruppamento centrale della tedesca Die Linke (La Sinistra), invece che ispirarsi agli esempi radicali, concreti, per quanto contradditori, di Socialismo realizzato e di antimperialismo presenti nel pianeta (su cui Grillo non ha mai inteso soffermarsi), si preferisce deviare sul populismo confusionario neoleghista, piccoloborghese, dell'M5S. Si dica ciò che si vuole, ma ciò non ha nulla a che vedere nè con il Socialismo nè con l'Antimperialismo. Occorrerebbe veramente votare, ma il 3 Giugno: il Presidente Dott Bashar al Asad!

  • Anonimo scrive:
    12 maggio 2014 19:18

    A parte il fatto che "po' " va con l'apostrofo e non con l'accento, è da dire che i Troll si credono sempre più informati degli altri.

  • Claudio Z. scrive:
    12 maggio 2014 20:30

    @tutti gli anonoimi anti-grillo. Mi dite quali atti parlamentari (ché se no facciamo chiacchiere), quali voti in Parlamento dei 5 stelle corroborano le vostre tesi più o meno complottarde?

    @anonimo 12 maggio 2014 15:16. Come valuti gli arresti per l'expo, che coinvolgono Pd e Forza Italia e, mi pare, escludono la Lega?

    @redazione. è proprio il caso di pubblicare ancora commenti pro Lega? Su Twitter Borghi mi ha bloccato dopo due messaggi e la Lega non ha proprio pubblicato i miei commenti... Perché no, non sono fascisti, il fascismo è solo quello economico altrui!

  • Lorenzo scrive:
    12 maggio 2014 23:32

    Completamente d'accordo con l'articolo di Piemme.

    Tuttavia non può dimenticarsi come, dopo che Grillo esternò la sua opposizione all'abolizione della Bossi-Fini e proprio in quei giorni dei negri morirono in mare, Sollevazione riversò ogni sorta di accuse contro il M5S e gli promise un'opposizione di ferro. Salvo ricapovolgere posizione non appena l'abolizione della Bossi-Fini prevalse nel referendum online.

    L'impressione è che la vostra forma mentis sia più aperta ma non troppo rispetto a quella dell'estrema sinistra DOC che accusa Grillo di fascismo. Per quest'ultima è infamia tutto quello che non si ispira ai sacri testi della fede mardochaimarxiana. Voi tracciate il confine dell'infamia là dove venga lesa la maestà del tabù umanista e antirazzista.

    La differenza è tangibile ma non sconfinata. Rimanete tutti al di qua della linea del nichilismo, poco intenzionati ad osare un disperato salto nel buio. Diciamo che presso di voi si respira ancora l'atmosfera che porta tanti sinistri a votare PD perché tutela i diritti degli omo e delle donne.

  • Anonimo scrive:
    13 maggio 2014 00:17

    @anonimo 19.18.Quando scrivi con un cellulare con la tastiera piccola capita che ci sia qualche errore di ortografia ma credo che qui non stiamo facendo un esame d'Italiano anche perche' nel caso pure tu come me saresti bocciato infatti scrivi parole senza conoscerne il significato.Il termine Troll viene usato per definire un provocatore che entra nei commenti con il solo intento di disturbare e portare la discussione fuori tema mentre io ho solo portato un contributo che si puo' condividere o meno solo per dimostrare che il duo Grillo Casaloggia non sono credibili@Claudio Z gli arresti ad orologeria dell'expo dimostrano propio che quello che ho scritto non e' campato in aria quella mossa avvantaggia un solo partito il 5 stelle e danneggia PD e Forza Italia mentre per danneggiare la lega hanno usato invece gli arresti ad orologeria degli indipendentisti veneti ( se 4 scemi che modificavano artigianalmente un trattore si possano definire tali) Una domanda tu lo hai visto o letto il piu' grande crimine di Paolo Barnard? Tangentopoli lo sai vero che fu fatta' scoppiare ad orologeria per far fuori un' intera classe politica?quella classe politica era si corrotta ma cercava comunque di fare gli interessi del paese se non altro perche' le aziende pubbliche garantivano poltrone per i propi uomini e voti clientelari derivanti dalle assunzioni di raccomandati nelle aziende pubbliche e percio' quella classe politica che si opponeva agli interessi della grande finanza internazionale che voleva papparsi le nostre aziende pubbliche molto appetibili andava eliminataMa tu dell'incontro sul Britannia ne hai mai sentito parlare? Edda Fagni senatrice eletta nelle file del PCI prima e di Rifondazione poi fece un interpellanza parlamentare su quell'incontro dove in piena tangentopoli la grande finanza angloamericana si riuni' per decidere come spartirsi il bottino delle privatizzazioni che negli anni a venire i DS ovvero l'unico partito salvato dalla tempesta giudiziaria avrebbero poi guarda caso effettivamente attuato dando il via al piu' grande piano di privatizzazioni mai effettuato nell'Europa occidentale.Per le privatizzazioni dell'Europa dell'Est invece hanno usato le rivoluzioni colorate che come tutti sanno ( o almeno lo sanno i troll che si informano) dietro c'era la mano di Soros e dell'optor.Giulietto Chiesa che e' notoriamente bene informato sui paesi ex Unione Sovietica ha scritto degli articoli molto belli in proposito al fatto che le rivoluzioni colorate erano in ralta' manovrate dall'occidente e guarda questa e' storia mica fantascienza.Del magistrato Paolo Ferraro ne hai mai sentito parlare?(certo ora verranno i puri di sinistra a dirmi che e' un fascista di forza nuova mentre lui ha ripetutamente dichiarato di provenire dalla cultura di sinistra sessantottina e di essere sempre stato di sinistra in gioventu' era inscritto a lotta continua ma di aver aderito a Forza Nuova perche' sono gli unici che lo hanno ascoltato e creduto e per lui rimanere un uomo solo e isolato potrebbe significare la morte in circostanze apparentemente accidentali)lo sai che dopo che ha denunciato pubblicamente che moltissimi magistrati suoi colleghi sono affiliati alla massoneria hanno cercato di farlo passare per pazzo facendolo ricoverare in maniera coatta per un TSO dove solo grazie alla sua competenza in fatto di legge e diritti ha evitato il peggio?lo sai che stanno cercando di toglierli la potesta' su i suoi beni perche' visto che parla di massoneria nella magistratura e' certamente incapace di intendere e volere?Questi per distruggere chi ostacola i loro piani quando hanno delle prove le tirano fuori al momento opportuno e ,se non le hanno le inventano false,continua...

  • Anonimo scrive:
    13 maggio 2014 00:21

    continua....le inventano false,non ti sembra strano che Grillo a pochi giorni dalle elezioni alcuni va ai terreni dell'expo e dice che e' una grande truffa e qualche giorno dopo partono gli arresti che dimostrano che Grillo aveva ragione e che il M5S e' pulito mentre gli altri sono tutti corrotti? ma tu credi veramente che queste cose avvengono per caso?ma hai idea di quale e quanto potere abbia la massoneria che altro non e' che il braccio operativo della grande finanza angloamericana?.A chi domanda quali atti parlamentari abbia' fatto il 5 stelle per giustificare questi sospetti io rispondo che la posizione ambigua sull'Euro e' piu' che sufficente per giustificare i sospetti.Ambigua perche' propone un referendum che da costituzione non si puo' fare ma che fa credere a molti ( come dimostra questo sito) che il M5S sia per l'uscita dalla moneta unica mentre invece non e' cosi' infatti nel programma a cui come sappiamo non si puo' derogare neanche di una virgola non c'e' scritto da nessuna parte di uscire dall'Euro ma si parla solo del fumoso,ambiguo futuro referendum il tutto per far credere di essere antieuro ma non far poi niente di reale che possa mettere in pericolo gli interessi della grande finanza.A chi mi ha accusato di essere un troll vorrei dire che io sono cosciente di non sapere e di non capire e propio per questo dedico parecchio del mio tempo propio a cercare di sapere e di capire credo che dovresti farlo anche tu altrimenti rischi seriamente di finire in pasto a qualche lupo travestito da agnello, certo questo puo' succedere anche a me come puo' anche essere che ad informarmi tanto veda del torbido anche dove non c'e' ma come si usa dire nelle indagini tre indizi fanno una prova e nel caso di Grillo e soprattutto Casaleggo ci sono molto piu' che tre indizi a dirmi che sono degli agenti del nemico che si fingono dei nostri comunque spero' tanto di sbagliarmi anche perche' se non mi sbagliassi circa il 25/30% dei miei concittadini starebbe sprecando il suo voto.Claudio Z tu ti lamenti di essere stato bannato da Borghi e dalla Lega a me e' successo lo stesso sul blog di Grillo e su Byoblu' di Messora ma vedi anche se questo modo di agire e' antidemocratico in un certo senso e' anche comprensibile ognuno di loro cerca di portare acqua al suo mulino ma da qui a invocare la censura qui su un blog che non essendo propieta' di nessun partito o movimento che si presenta alle elezioni ce ne corre questo blog dovrebbe servire a dibattere confrontarci e scambiarci opinioni infatti ti ricordo che questo non e' un blog del 5 stelle o della lega per cui le critiche verso gli uni o gli altri non solo devono essere accettate ma anzi sono auspicabili l'arricchimento reciproco puo' avvenire solo nelle differenze e nel dibattito altrimenti se non si accetta questo non si e' capito cosa voglia dire la parola democrazia.Buona notte

  • Anonimo scrive:
    13 maggio 2014 00:26

    " entrambi i blocchi sistemici che governano l'Unione...considerano Grillo e M5S come i loro nemici principali"
    L'Italia ha un europarlamentare SU DIECI, benissimo che vada Grillo di quel decimo, prenderà un terzo, ovvero UN TRENTESIMO dell' europarlamento. E ha già detto che in Europa non farà alleanze con nessuno. Se voi pensate DAVVERO che un partito che al massimo varrà il 3% in Europa (e che NON parla di uscire dall'euro o dalla UE, ma starnazza di un referendum che non si potrà mai fare perchè è incostituzionale, e anche se venisse fatto lo stesso, porterebbe al fallimento del paese ancor prima del voto per la fuga colossale di capitali) sia la principale preoccupazione di due partiti europei che valgono IL 60% dell'europarlamento, allora è la matematica che certifica che siete completamente impazziti.
    Giovanni

  • Anonimo scrive:
    13 maggio 2014 03:06

    In questo video Grillo afferma chiaramente che il problema non e' l'Euro ma il debito dimostrando ancora una volta che e' un supercazzolaro ovvero o non sa di cosa parla ma visto che e' stato allievo di auriti e parlava di propieta' popolare della moneta lo sa benissimo e allora fa finta di non saperlo prendendo per i fondelli tanta brava gente infatti il problema non e' il debito ma la valuta in cui il debito e'denominato come tutti noi sappiamo.Mi fa meraviglia che un blog che si dichiara antieuro spinga per far votare uno che dice che l'Euro non e' un problema.
    http://www.youtube.com/watch?v=-3ZaFJq1cm4&feature=youtube_gdata_player

  • Anonimo scrive:
    13 maggio 2014 12:08

    Registriamo che gli "Spartani"in rete hanno raffinato le loro "argomentazioni",passando dall'attacco becero e poco convincente contro il M5S,visti i risultati, alla più "fine", produttiva e "attraente" per molti compagni,tesi del disegno dei poteri forti che avrebbero "inventato"Grillo,per incanalare il giusto malcontento verso una variante innocua del sistema eurista,fingendo di cambiare tutto affinchè nulla cambi.Bisogna fare i complimenti al nuovo corso "spartano",perchè l'argomento usato è di quelli che più disorientano chi si oppone al lager eurista,ma che non servirà a molto giacchè,forse,le classi dominate hanno,come diceva qualcuno,capito che hanno un mondo da guadagnare nel ripudiarlo assieme ai suoi sodali e lacchè,trattandosi questa volta,per i proletari, di una pura e semplice lotta per sopravvivere, unita alla resistenza verso aguzzini pronti a tutto pur di mantenere gli attuali rapporti sociali favorevoli a lorsignori.Marxista dell'Illinois

  • Anonimo scrive:
    13 maggio 2014 14:44

    @Anonimo delle 12.08.Ti ringrazio dell'appelativo Spartano ma purtroppo non lo sono altrimenti anzichè stare qui a cxxeggiare su un blog sarei con i 300 ad organizzare la resistenza.Quello che ho scritto al fatto che Grillo sia un falso antisistema deriva dal fatto che da quando ho iniziato a cercare di capire meglio cosa stava realmente accadendo in Italia e nel mondo ho passato molto del mio tempo libero e non ad informarmi e quindi mi sono fatto delle opinioni che naturalmente possono anche essere completamente sbagliate ma visto che come ho già scritto molti (anzi troppi)indizi mi fanno pensare questo io preferisco votare un partito becero di cui non ho mai condiviso niente come la lega ma che sono sicuro che con certi poteri non ha niente a che fare e proclama a squarciagola in ogni dove che dobbiamo uscire dall'Euro piuottosto di votarne uno su cui gravano troppi sospetti (la visita segreta di Grillo all'ambasciatore Americano quando era solo un comico seguita dalla nascita dei meet up primo embrione del movimento non ti sembra sospetta?) e che di uscire dall'Euro non ne parla se non in modo ambiguo e vago anzi nel video da me postato dice addirittura che l'Euro non è il problema.Certo pùò darsibenissimo che io mi sbagli ma se devo sbagliare preferisco farlo sul sicuro ovvero no euro senza se e senza referendum.Caro amico permettimi di darti due delusioni le classi dominate non hanno capito una sega niente e se aspetti la rivoluzione popolare ne hai da aspettare le uniche resistenze che si stanno organizzando in Europa sono purtroppo quelle delle destre perchè a sinistra vi state a fare le menate tipo La Le Pen è fascista è allora non si può votare La lega sono beceri razzisti e allora non si pùò votare ecc..mentre le destre stanno cercando di formare un fronte unico popolare Europeo e la gente che soffre e delle ideologie non gliene frega più niente sente solo lo stomaco che brontola e quindi segue chi gli promette la liberazione anche se chi la promette non è certo il massimo e proviene da dx perciò se rivoluzione ci sarà non sarà di sinistra ma di destra.Comunque non ti preoccupare se il tempo che ho speso ad informarmi non è stato tutto tempo perso l'Euro sarà l'ultimo dei nostri problemi.La vera rivoluzione stà arrivando dai paesi come i BRICS che non sono più disposti a subire l'arroganza dell'occidente e cercano quindi di organizzarsi sottraendosi all'egemonia angloamericana ed è per questo che vengono ripetutamente provocati dall'occidente (Libia,Siria,Ukraina)in modo da trovare una giustificazione per l'occidente di intervenire in nome del bene del pianeta e della pace nel mondo un clichè imperialista che conosciamo molto bene e che già in Siria con il falso attacco governativo a base di gas (esistono prove incofutabili che fù opera dei ribelli per giustificare un intervento internazionale) ha rischiato di concretizzarsi.Forse non lo sai ma i BRICS stanno stendendo un cavo nell'oceano per le comunicazioni in rete automnome e non condivise con il resto del mondo in modo da non poter essere spiati come invece è avvenuto sino ad adesso la grande e avida finanza angloamericana non può permettersi di aspettare che si organizzino ulteriormente mettendo seriamente a rischio la loro egemonia mondiale per cui molto presto questi pazzi e avidi banchieri porteranno il mondo di nuovo in guerra pensando così di distruggere per via militare chi ostacola i loro interessi un metodo ben sperimentato contando sul fatto che la Russia è qui e la Cina è lontana dagli States la guerra ancora una volta sarà nei nostri confini quindi noi Europei ci troveremo sul fronte mentre come sempre la grande finanza angloamericana se ne starà al sicuro negli stati Uniti,ma purtroppo probabilmente quando uno dei due blocchi si vedrà sconfitto con le armi tradizionali farà partire le testate atomiche e quindi ti lascio imaginare cosa resterà del pianeta.Continua....

  • Anonimo scrive:
    13 maggio 2014 14:49

    continua.....Comunque non ti preoccupare se il tempo che ho speso ad informarmi non è stato tutto tempo perso l'Euro sarà l'ultimo dei nostri problemi.La vera rivoluzione stà arrivando dai paesi come i BRICS che non sono più disposti a subire l'arroganza dell'occidente e cercano quindi di organizzarsi sottraendosi all'egemonia angloamericana ed è per questo che vengono ripetutamente provocati dall'occidente (Libia,Siria,Ukraina)in modo da trovare una giustificazione per l'occidente di intervenire in nome del bene del pianeta e della pace nel mondo un clichè imperialista che conosciamo molto bene e che già in Siria con il falso attacco governativo a base di gas (esistono prove incofutabili che fù opera dei ribelli per giustificare un intervento internazionale) ha rischiato di concretizzarsi.Forse non lo sai ma i BRICS stanno stendendo un cavo nell'oceano per le comunicazioni in rete automnome e non condivise con il resto del mondo in modo da non poter essere spiati come invece è avvenuto sino ad adesso la grande e avida finanza angloamericana non può permettersi di aspettare che si organizzino ulteriormente mettendo seriamente a rischio la loro egemonia mondiale per cui molto presto questi pazzi e avidi banchieri porteranno il mondo di nuovo in guerra pensando così di distruggere per via militare chi ostacola i loro interessi un metodo ben sperimentato contando sul fatto che la Russia è qui e la Cina è lontana dagli States la guerra ancora una volta sarà nei nostri confini quindi noi Europei ci troveremo sul fronte mentre come sempre la grande finanza angloamericana se ne starà al sicuro negli stati Uniti,ma purtroppo probabilmente quando uno dei due blocchi si vedrà sconfitto con le armi tradizionali farà partire le testate atomiche e quindi ti lascio imaginare cosa resterà del pianeta.Chi ha studiato seriamente sa che la finanza speculativa come la conosciamo noi è nata in Europa ed in particolare in Inghilterra e si è poi trasferita negli stati uniti ed ha sempre usato le guerre come fonte di arricchimento il caso più celebre è forse quello dei Rothschild padre e figlio creatori delle banche centrali di tutta Europa i quali il padre a Parigi ed il figlio a Londra prestavano i soldi a Napoleone e alla corona inglese per farsi la guerra a vicenda mentre loro si arricchivano (le parti in guerra ricevevano finanziamenti con la clausola che il vincitore avrebbe onorato anche i debiti dello sconfitto) quindi per loro milioni di morti sui campi di tutta Europa come fù nella guerra dei cent'anni sono solo un picolo dettaglio trascurabile in nome dei loro interessi privati ed anche oggi il loro modo di pensare rimane esattamente lo stesso per cui aspettiamoci il peggio da un conflitto locale pùò in ogni momento deflagrare una guerra disastrosa per il pianeta.Comunque tu non mi credere in fondo sono solo uno un pò fuori di testa che ultimamente ha inserito troppe informazioni nell'hard disk chiamato cervello per cui ora non funziona pìù tanto bene avrei bisogno di formattarlo e di riempirlo di dati tipo chi esce dalla casa del grande fratello la Juventus che ha vinto lo scudetto oppure Renzi che è giovane bravo e dinamico come fanno molti del popolo da cui tu ti aspetti la rivoluzione forse così la smetterei di scassare i maroni sui blog.Buona Giornata

  • Anonimo scrive:
    13 maggio 2014 16:46

    FATE ATTENZIONE ai discepoli di barnard. Vogliono depistarvi portandovi nel labirinto della confusione.
    Essi sono l'esatto contrario della sintesi e della chiarezza.
    Dai loro frutti li riconoscerai....

  • Anonimo scrive:
    13 maggio 2014 18:30

    @anonimo delle 14:49:organizzare la resistenza contro chi e con chi?Contro l'unica opposizione esistente,o contro l'eurocrazia? Sai, noi poveri ingenui, con alle spalle anni di studio e militanza,siamo un pochino impermeabili e refrattari alle granitiche convinzioni dietrologiche "padane";non ci fidiamo di chi afferma di appartenere alla nutrita schiera degli illuminati, annusiamo immediatamente l'aria,siamo fatti così,diffidenti per natura.Tu che hai capito tutto su come stanno veramente le cose, organizza la resistenza,noi ti seguiremo,dalla parte giusta però. marxista dell'Illinois

  • Redazione SollevAzione risponde:
    13 maggio 2014 21:45

    LA FOGLIA DI FICO

    è quella che l'opposizione non sarebbe tra liberismo e anti-liberismo, bensì quella tra globalismo e anti-globalismo.

    Dietro c'è la più spaventosa indifferenza verso gli interessi e i bisogni delle classi lavoratrici e della povera gente, che coi liberismi di ogni latitudine sono state spinte allo schiavismo capitalista.

    C'è, in buona sostanza, la posizione di chi, sotto sotto, considera immagina il capitalismo il solo sistema sociale possibile, ed immagina una società corporativa di tipo fascista.

  • Anonimo scrive:
    14 maggio 2014 09:45

    @Marxista dell'ilinois Due precisazioni.Io non sono discepolo di Barnard ho solo detto che Barnard ha fatto un gran lavoro di ricerca che ha sintetizzato nel piu' grande crimine.Ci sono cose di Barnard che non condivido ma cio' non toglie che sia uno che ha cercato di mettere a nudo alcuni aspetti del vero potere quello con la P maiuscola ed e er questo che capita che ne citi il lavoro.Se sapessi come organizzare una resistenza contro il vero potere non starei qui a caxxeggiare lo farei ma purtroppo non lo so l'unica resistenza che ho fatto e' stata quella di divulgare dovunque ho potuto informazioni per convincere quante piu' persone possibili che l'Euro e' la nostra rovina in pratica ho scassato i maroni a ripetizione a tutti quelli che conosco e ho riempito di mail con link tutti gli indirizzi di posta che ho potuto comprese le caselle di giornalisti,associazioni artigianali, cooperative e qualunque altro indirizzo potessi trovare in riete se vogliamo di un po' rivoluzionario ho tappezzato i locali aziendali di volantini artigianali che spiegavano la truffa dell'Euro ed ho riempito la caselle di posta di tutta l'azienda di mail riguardanti l'Eurotruffa per questo sono stato richiamato dalla direzione per uso impropio e personale dei locali e dei mezzi aziendali,poi a parte un assalto (si fa per dire) personale ai big del PD che sono capitati alla festa democratica di Livorno niente piu' quindi come vedi non so propio come organizzare una resistenza l'unica cosa che mi e' venuta in mente di fare e' stata quella di divulgare informazioni a piu' non posso perche' lo ritengo il primo passo per creare una massa critica di persone che capiscano quello che sta' realmente accadendo e che quindi vogliano liberarsi dalla schiavitu',devo dire pero' con scarsi risultati le persone sono di solito troppo impegnate a rincorrere la vita ed i suoi problemi e non trovano neanche un'ora o due in un mese per visionare del materiale che potrebbe salvare la vita a loro ed i loro figli.Anche questo e' parte del piano del vero potere come lo e' la burocratizzazione della vita o la disgregazione della famiglia riempire le persone di problemi in modo che non abbiano tempo di soffermarsi a pensare e capire e per quel poco tempo libero gli si da' un po di TV che dice tutto meno che quello che dovrebbe veramente dire e quindi il risultato e' un popolo di criceti che corrono corrono nella ruota senza sapere per cosa stanno correndo.In conclusione caro amico io non sono ne illuminato ne un organizzatore della resistenza ed e' per questo che mi aggrego a gli unici che se pur brutti sporchi e cattivi cercano di organizzare la resistenza al vero potere siano essi la lega in Italia o la Le Pen in Francia ti garantisco che il vero potere e' molto piu' brutto sporco e cattivo di questi.Permettimi una battuta che ti fara' arrabbiare la militanza e' parte integrante dei metodi di controllo delle masse si tengono i poveri impegnati a militare in fazioni opposte e mentre loro litigano e se le danno tra loro il vero potere agisce indisturbato vedi su questo blog esiste la prova che loro sono molto piu' furbi di noi e quindi abbiamo poche speranze di liberarci infatti qui siamo tutti d'accordo che l'Euro e' il problema ma poi ci dividiamo tra destra e sinistra e quindi non ci uniamo per combattere il vero potere come gia' avevano capito i Romani il divide et impera funziona sempre bene.Continua...

  • Anonimo scrive:
    14 maggio 2014 09:53

    Continua....ti consiglio di leggere il breve fumettto "l'isola dei naufraghi" di luis even spiega molto bene la truffa del debito ma questa tu la conosci gia' ma spiega bena anche come il potere usando i media che dispone fomenti le divisioni e spinga il popolo a dividersi in militanze in modo da far credere che il nemico non e' il potere ma il militante della fazione opposta e visto che mi parli di militanza credo che questo aspetto tu non l'abbia ancora capito.Infine un ultima precisazione non sono un illuminato magari lo fossi sono solo iperinformato e questo forse mi ha fatto sbroccare di testa chi lo sa' ma se accetti un consiglio da uno un po' fuso di testa lascia perdere la militanza ed inizia ad informarti fregandotene da quale parte politica arriva l'informazione ed allora incomincerai a vedere il mondo per come e' veramente altrimenti lo vedrai solo da una parte e di un solo colore e sara' sempre e solo una visione parziale propio quello che il vero potere vuole.Guarda io ultimamente ho visto qualche video di Diego Fusaro ecco lui e' uno che si e' liberato di certi schemi e per questo viene accusato di essere un rosso bruno dai suoi stessi compagni credo che sino a quando a sinistra non si fara' come ha fatto lui avremo poche speranze di organizzare una vera resistenza.Firmato un ex militante di sinistra ora libero da ogni schema mentale voluto e inculcatoci sin da piccoli dai padroni del mondo,oppure uno che a furia di informarsi e' andato fuori di testa decidi tu' quale delle due ti piace di piu'.Ciao e buona giornata.

    http://www.bellia2.com/l'isola_dei_naufraghi/l'isola%20dei%20naufraghi.htm

  • Anonimo scrive:
    14 maggio 2014 16:09

    Condivido il commento della Redazione.
    Proprio per questo non capisco perchè invece che considerare esperimenti teorici realmente anticapitalistici (tipo La Piattaforma Comunista tedesca) ci si rivolge al M5S, ai suoi propositi utopistici e naturistici, chiaramente precapitalistici ben più che anticapitalistici.

  • Anonimo scrive:
    14 maggio 2014 16:51

    http://www.youtube.com/watch?v=DHqJZg_m7hw

    L'unico discorso non anticomunista fatto da Grillo in quest'ultimo anno

  • Anonimo scrive:
    14 maggio 2014 19:03

    @anonimo delle 09:45:condivido in parte quello che dici,soprattutto quando citi Diego Fusaro,le cui analisi su quella che, impropriamente, si celebra ancora come "sinistra",hanno avuto il pregio di squarciare il muro di quella cattiva coscienza da cui era indispensabile liberarsi.Risale agli anni '70 la mia avversione per la "matura e responsabile forza di opposizione"che, a braccetto di altre, altrettanto "responsabili",hanno scavato la fossa,non solo alle classi subalterne,ma all'intero paese.Quella che tu dici di avere sostenuto in passato è stata corresponsabile,anzi direttamente responsabile dell'attuale sfacelo ideologico e materiale in cui versa oggi la maggioranza dei lavoratori,e non solo.Senza l'apporto DETERMINANTE,della cosiddetta "sinistra responsabile" ,gli oligarchi oggi dominanti,non avrebbero mai potuto,DICO MAI, insediarsi con tanta sicumera.Cos'altro è stato il consociativismo di allora,i governi di unità nazionale,se non l'apripista per le oligarchie multinazionali,GIA'ALLORA IN CRISI DI PROFITTABILITA'che sarebbero state poi DIRETTAMENTE coinvolte e insediate senza più "fastidiose intermediazioni" dei governi che risultavano troppo condizionati dalla volontà(sic)degli elettori.Insomma la democrazia come freno al dispiegamento brutale della forza del capitale,oramai diventato una sorta di nuova religione.Come vedi non ho mai abboccato ai teoremi sul "meno peggio",ho cercato,SEMPRE,di ragionare con la mia testa,non ho mai sentito il bisogno di un leader,le cui cifre morali e intellettuali ti garantisco ,ne ho ampia esperienza, si sono subito liquefatte come neve al sole,al primo stormir di foglie o,per meglio dire,al primo sentore di folgoranti carriere.A questo punto la domanda:per riconquistare la sovranità perduta dobbiamo affidarci a chi dice giustamente"basta euro",che otterrà,forse il 10%,o una opposizione,certo eterogenea,che ha tutte le probabilità di ottenere il 27/28%,secondo stime segrete,e che potrebbe invece causare DAVVERO un bel pò di problemi a lorsignori?Saluti e buona giornata.Marxista dell'Illinois

  • Anonimo scrive:
    14 maggio 2014 21:31

    @Marxista dell'Ilinois.Concordo in pieno ed anzi ti dirò di più la pseudosinistra Italiana ha le colpe più gravi di tutte le formazioni politiche del paese perchè ha fatto credere a milioni di cittadini beoti(io per primo)che votandola avrebbe cercato di salvaguardare i ceti sociali deboli e le concessioni fatte al liberismo erano necessarie perchè il mondo ormai era cambiato e quindi dovevamo orientarci verso una socialdemocrazia moderna e non più veterocomunista. Personalmente a parziale scusante (anzi nò non ho nessuna scusante sono un beopta senza scuse)devo dirti che nel periodo precedente la caduta del muro ho fatto alcuni viaggi in Scandinavia e poi mi sono fermato a lavorare per circa 7 mesi in Danimarca e ho avuto modo di apprezzare QUELLE socialdemocrazie che guarda caso nell'Euro non ci sono entrate per cui in certo senso il nuovo corso della sinistra Italiana dopo il crollo dell'Unione Sovietica mi sembrava naturale, pensa sono andato per circa 20 anni a lavorare gratis alle feste dell'unita\democratiche ed ho pagato la tessera sino al 2011 sarò un coxxxione?.Ho odiato Berlusconi per 20 anni salvo poi scoprire che tra lui Prodi Dalema e company chi ha svenduto il paese ai poteri forti sono propio Prodi Dalema e company,ed oggi scopriamo che il nano di Arcore oggetto del mio ventennale odio che certo ha tantissime colpe è stato fatto fuori propio da quei poteri forti che hanno invece nel compagno (si fa per dire) Napolitano il garante politico dei propi interessi in Italia il quale d'accordo con il vero potere ha fatto fuori un presidente del consiglio eletto dai cittadini (certo era del cdx ma se fosse stato un comunista ploretario sarebbe stato lo staesso) per metterci un uomo al servizio dei poteri forti non eletto da nessuno Mario Monti in pratica il mondo alla rovescia di come lo vedevo io i buoni che scopro essere i cattivi ed i cattivi che poi sono meno cattivi dei falsi buoni bè devo dirti che dopo che con la rete ho avuto modo di scoprire molte verità che con le tv mai avrei scoperto e passato lo shock iniziale ho abandonato ogni riferimento ideologico ed ho iniziato ad informarmi a 360 gradi frequento blog di sinistra come questo ma non disdegnando quelli di destra l'informazione se vera l'accetto da qualsiasi parte provenga basta con gli steccati ideologici mentali.Certo so benissimo che esistono differenze abissali tra dx e sx la dicotomia esiste eccome dico solo che in questa fase andrebbero accantonate e passata l'attuale fase di lotta ai poteri forti se mai ci riusciremo potranno tornare a dividersi.Personalmente ho imparato a prendere o scartare quello che condivido o non condivido da entrambe le visioni del mondo per cui per gli ex compagni sono diventato un fascista e per i destri sono ancora un sinistroide in parole povere stò sulle balle a tutti ma questo è il prezzo da pagare per cercare di avere il pensiero autonomo sganciato da tutte le ideologie.Ieri odiavo Berlusconi oggi odio molto di più il PD perchè Berlusconi sapevo chi era e cosa mi potevo aspettare da lui mentre dalla pseudo sinistra Italiana non mi aspettavo che svendesse il mio didietro ai poteri forti come poi invece ha fatto.

  • Anonimo scrive:
    14 maggio 2014 21:32

    continua..La tua domanda sul voto è di difficile risposta potrei domandarti meglio il 28\30% in Italia ma isolato in Europa oppure meglio il 10% in Italia ma alleato a gli altri antieuro Europei? io penso che opterò per la seconda ma non è detto che la mia sia una scelta giusta in fondo quando votavo e facevo campagna elettorale perl'Ulivo credevo di fare la cosa giusta ma come sappiamo non lo era quindi potrei sbagliarmi anche oggi vedremo.Nel link ti metto un bell'articolo del Giornale (te l'ho detto che mi informo dovunque)dove spiega con cognizione di causa che se tutti gli Euroscettici non si riuniscono in unico fronte non hanno nessuna possibilità di incidere nel parlamento Europeo per cui votare 5 stelle o votare Lega se poi non fanno fronte comune credo che farà poca differenza.Ciao e buona serata


    http://www.ilgiornale.it/news/esteri/euroscettici-troppo-divisi-rischiano-non-incidere-nelle-1018955.html

  • Anonimo scrive:
    24 maggio 2014 11:27

    Saremmo apposto se dovessimo votare qualcuno per il semplice fatto che tutti lo attaccano e non invece perchè abbiamo osservato oculatamente il personaggio valutandone l'effettiva predisposizione a governare.
    Tutti attaccano Grillo per la semplice ragione che lui attacca chiunque gli capiti a tiro, non perchè rappresentino il Demonio e vedano in lui il Salvatore che può sconfiggerli e portare la salvezza ai popoli.
    NO, a me non basta sapere che tutti lo scansano per votarlo.
    Proprio per niente.
    Io osservo il personaggio. E il personaggio, a quanto vedo, basandomi sul mio spirito critico e sulla mia capacità di valutazione, è pericoloso. Non so dire a che livello lo sia, perchè non ho la palla di cristallo, ma posso dire che non c'è democrazia all'interno del suo movimento, è costruito attorno a lui che non è stato neppure eletto, e già questo è un primo segnale. In parlamento di fatto, ci sono dei fantocci che parlano per suo tramite e non hanno alcuna autonomia. Poi se qualcuno osa alzare la testa - e lo può fare in quanto è stato votato e in un sistema democratico, chi è stato investito del potere di rappresentare i cittadini ha questo diritto a quanto mi risulta - minaccia epurazioni varie. In generale non mi trasmette l'idea di una persona equilibrata, adatta a governare e credo sia riuscito a catalizzare su di sè il consenso dei cittadini, perchè fa leva sulla loro stanchezza e consapevolezza che gli altri - chiunque essi siano, chi più chi meno - in fondo sono strumenti di un sistema che ci vorrebbe tutti schiavi, e perciò "tantovale sostenere lui che è contro tutti, non dialoga con nessuno (ma il dialogo è la base della democrazia, il pugno di ferro della dittatura) e ha tutto il sistema contro" pensando che questo basti a fargli guadagnare ragione e credibilità.
    Io non credo che Grillo sia partito in malafede quando cominciò a criticare il sistema. Penso che allora facesse un ottimo lavoro di informazione alternativa, ma credo che avrebbe dovuto semplicemente limitarsi a promuovere il movimento che ha creato senza diventarne il perno imprescindibile come ha fatto invece poi. Il perno autoritario, che prima dice a quelli di casa Pound "in fondo siamo tutti uguali, siamo entrambi contro il sistema" (in fondo quando gli chiesero se era antifascista, se ricordo bene - e ricordo bene - disse qualcosa del tipo "non mi definisco") per poi dichiarasi l'erede del sogno di Berlinguer (!!!) aggiungendo stronzate mirabolanti - che tra l'altro non c'entrano nulla con il personaggio appena citato - pace all'anima sua - sul fatto che l'unico comunismo che funziona è quello cinese (che c'entra questo con Berlinguer?) perchè ci sono i maoisti. Che personaggio pasticcione confusionario. Confonde i livelli e spara frasi ad effetto senza fondamento. Caro Grillo, il comunismo in Cina funziona più o meno per mezzo dello stesso sistema che hanno utilizzato tutti gli altri, vale a dire, distruzione della percezione individuale dell'io e diretta fusione di questo con quello collettivo, vale a dire la nazione, lo stato, la patria, il comunismo. Dunque eliminazione di ogni tipo di pensiero critico rivolto al regime (e se qualcuno volesse ribellarsi, ci sono pure quelle migliaia di esecuzioni capitali che vengono effettuate ogni anno in quel paese, a risolvere il problema) e lavoro forsennato (i ritmi de lavoro cinese li conosciamo tutti) al di là di ogni tutela in merito degna di un paese moderno (ma non era Grillo a sostenere - con perfetta logica populista - che era meglio sostituire i sindacati?) e mi fermo qua. (continua...)

  • Anonimo scrive:
    24 maggio 2014 11:29

    (continua...) Dunque questo è il comunismo cinese che tanto decanta definendolo "funzionante". Che significa funzionante, Grillo? Se questi sono i termini della funzionalità allora tantovale tiri fuori anche la Russia di Stalin che passò dall'essere il fanalino di coda sottoarretrato del mondo, per arrivare ad essere la seconda potenza mondiale dopo gli stati uniti. Ma vada a leggere Solcenyzin e mi dica come si è arrivato a ciò.
    Mi fermo qua chè ho già scritto abbastanza, anche se le cose da dire sarebbero infinite, però era tanto per dire che non vedo nell'ampio schieramento istituzionale anti Grillo un motivo sufficiente a votarlo. Poi ovvio, è solo una mia idea personale. A ognuno la sua. Buona giornata.

Lettori fissi

Google+ Followers

Temi

Unione europea (748) euro (705) crisi (620) economia (506) sinistra (450) finanza (260) Movimento Popolare di Liberazione (239) sfascio politico (235) grecia (232) elezioni (223) resistenza (222) M5S (215) teoria politica (209) banche (203) internazionale (192) imperialismo (191) risveglio sociale (184) sovranità nazionale (168) P101 (167) alternativa (167) seconda repubblica (167) Leonardo Mazzei (166) Syriza (150) Moreno Pasquinelli (148) Tsipras (145) Matteo Renzi (125) antimperialismo (115) debito pubblico (108) PD (104) sovranità monetaria (102) marxismo (101) democrazia (100) destra (99) sollevazione (99) Grillo (93) berlusconismo (91) costituzione (91) proletariato (91) spagna (89) Francia (85) neoliberismo (85) islam (82) austerità (79) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (78) Emiliano Brancaccio (77) referendum costituzionale 2016 (74) Stati Uniti D'America (73) Mario Monti (71) sindacato (71) filosofia (70) Germania (69) Stefano Fassina (68) bce (67) immigrazione (66) populismo (65) piemme (64) Libia (63) Alberto Bagnai (62) sinistra anti-nazionale (61) guerra (60) capitalismo (59) capitalismo casinò (59) Podemos (58) Rivoluzione Democratica (57) globalizzazione (56) bancocrazia (54) programma 101 (53) rifondazione (53) Carlo Formenti (52) Medio oriente (50) Siria (50) Alexis Tsipras (49) Movimento dei forconi (49) socialismo (49) Sicilia (48) cinque stelle (48) fiat (48) immigrati (48) Sergio Cesaratto (47) sovranità popolare (47) referendum (46) Nichi Vendola (45) legge elettorale (45) renzismo (45) sinistra sovranista (44) Beppe Grillo (43) Lega Nord (43) geopolitica (43) inchiesta (43) CLN (42) Pablo Iglesias (42) Troika (42) Emmezeta (41) Yanis Varoufakis (41) astensionismo (41) campo antimperialista (41) solidarietà (41) moneta (40) Alitalia (39) CONFEDERAZIONE per la LIBERAZIONE NAZIONALE (38) proteste operaie (38) brexit (37) italicum (37) Diego Fusaro (36) liberismo (35) III. Forum internazionale no-euro (34) Marine Le Pen (34) Mario Draghi (34) Matteo Salvini (34) Russia (34) egitto (34) immigrazione sostenibile (34) sionismo (34) sovranismo (34) azione (33) uscita di sinistra dall'euro (33) 9 dicembre (32) default (32) fiom (32) neofascismo (32) palestina (32) Fiorenzo Fraioli (31) Forum europeo 2016 (31) ISIS (31) Manolo Monereo (31) Sel (31) fiscal compact (31) governo Renzi (31) unità anticapitalisa (31) Luciano Barra Caracciolo (30) Mimmo Porcaro (30) Ucraina (30) Giorgio Cremaschi (29) Israele (29) Ugo Boghetta (29) populismo di sinistra (29) Merkel (28) napolitano (28) Assemblea di Chianciano terme (27) islamofobia (27) menzogne di stato (27) xenofobia (27) Forum europeo (25) Lega (25) eurostop (25) Europa (24) Karl Marx (23) Nello de Bellis (23) ora-costituente (23) Coordinamento nazionale sinistra contro l'euro (22) Donald Trump (22) Quantitative easing (22) finanziarizzazione (22) silvio berlusconi (22) Aldo Giannuli (21) Beppe De Santis (21) Chianciano Terme (21) Simone Boemio (21) Stato di diritto (21) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (21) nazione (21) scuola (21) Front National (20) Marcia della Dignità (20) Unità Popolare (20) elezioni siciliane 2017 (20) uscita dall'euro (20) Lavoro (19) Nato (19) cina (19) ecologia (19) fronte popolare (19) nazionalismi (19) repressione (19) Fabio Frati (18) Izquierda Unida (18) Laikí Enótita (18) Regno Unito (18) Roma (18) Tunisia (18) USA (18) etica (18) iraq (18) keynes (18) Assisi (17) Costanzo Preve (17) Forum europeo delle forze di sinistra e popolari anti-Unione europea (17) Mariano Ferro (17) Pier Carlo Padoan (17) nazionalizzazione (17) pace (17) razzismo (17) religione (17) Enrico Letta (16) Forum di Atene (16) Norberto Fragiacomo (16) Sicilia Libera e Sovrana (16) Tonguessy (16) Venezuela (16) ballottaggi (16) vendola (16) Donbass (15) Emmanuel Macron (15) International no euro forum (15) Jacques Sapir (15) Luciano B. Caracciolo (15) Prc (15) Renzi (15) emigrazione (15) melenchon (15) piattaforma eurostop (15) storia (15) 15 ottobre (14) Cremaschi (14) Enea Boria (14) Ernesto Screpanti (14) Eurogruppo (14) Luigi Di Maio (14) Monte dei Paschi (14) Noi siciliani con Busalacchi (14) Vincenzo Baldassarri (14) coordinamento no-euro europeo (14) iran (14) obama (14) patriottismo (14) salerno (14) Chavez (13) Jobs act (13) MMT (13) Marco Mori (13) Marino Badiale (13) Movimento 5 Stelle (13) Stato Islamico (13) Virginia Raggi (13) Vladimiro Giacchè (13) acciaierie Terni (13) disoccupazione (13) euro-germania (13) finanziaria (13) umbria (13) Bersani (12) Brancaccio (12) Forum europeo 2015 (12) Legge di stabilità (12) Negri (12) Perugia (12) ambiente (12) catalogna (12) complottismo (12) decreto salva-banche (12) internazionalismo (12) piano B (12) scienza (12) sciopero (12) senso comune (12) terzo memorandum (12) 14 dicembre (11) AST (11) Alfredo D'Attorre (11) Enrico Grazzini (11) Gennaro Zezza (11) Putin (11) Reddito di cittadinanza (11) Sandokan (11) Turchia (11) antifascismo (11) comunismo (11) corruzione (11) de-globalizzazione (11) iniziative (11) keynesismo (11) salari (11) sinistra Italiana (11) unione bancaria (11) Bagnai (10) Bruno Amoroso (10) Esm (10) Forum Internazionale Anti-Ue delle forze popolari e di sinistra (10) Hollande (10) Marco Passarella (10) Marco Zanni (10) OLTRE L'EURO (10) Ora (10) Panagiotis Lafazanis (10) Terni (10) Wilhelm Langthaler (10) cattiva scuola (10) cosmopolitismo (10) decrescita (10) golpe (10) lotta di classe (10) presidenzialismo (10) tasse (10) ANTARSYA-M.A.R.S. (9) Algeria (9) Alitalia all'Italia (9) Art. 18 (9) Bernie Sanders (9) Campagna eurostop (9) Costas Lapavitsas (9) D'alema (9) Daniela Di Marco (9) De Magistris (9) Def (9) Dicotomia (9) Fmi (9) Jean-Luc Mélenchon (9) Paolo Ferrero (9) Portogallo (9) Risorgimento Socialista (9) Stefano D'Andrea (9) Terza Repubblica (9) ThyssenKrupp (9) Von Hayek (9) analisi politica (9) bail-in (9) chiesa (9) cultura (9) diritti civili (9) europeismo (9) internet (9) islanda (9) istruzione (9) nucleare (9) ordoliberismo (9) povertà (9) sindacalismo di base (9) Abu Bakr al-Baghdadi (8) CGIL (8) Corte costituzionale (8) DOPO IL 4 DICEMBRE (8) Diritti Sociali (8) Draghi (8) Erdogan (8) Forconi (8) Goracci (8) II assemblea della CLN (1-3 settembre) (8) Ilva (8) Ingroia (8) Mirafiori (8) Quirinale (8) Salvini (8) Wolfgang Schaeuble (8) Yanis Varoufakys (8) appello (8) deficit (8) diritto (8) elezioni anticapte (8) elezioni anticipate (8) elezioni anticipate 2017 (8) elezioni siciliane (8) grexit (8) indipendenza (8) lira (8) manifestazione 25 marzo 2017 (8) marxisti dell'Illinois (8) media (8) nazionalismo (8) nuovo movimento politico (8) privatizzazioni (8) seminario programmatico 12-13 dicembre 2015 (8) svalutazione (8) unità anticapitalista (8) Argentina (7) Articolo 18 (7) Fausto Bertinotti (7) ISIL (7) Inigo Errejón (7) Landini (7) MMT. Barnard (7) Maurizio Landini (7) Me-Mmt (7) Michele Berti (7) Movimento pastori sardi (7) Nuit Debout (7) Paolo Barnard (7) Papa Francesco (7) Samuele Mazzolini (7) Sapir (7) Ttip (7) anarchismo (7) borsa (7) casa pound (7) classi sociali (7) confederazione (7) cosmo-internazionalismo (7) derivati (7) destra non euro (7) eurocrack (7) incontri (7) nazismo (7) necrologi (7) proteste (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) trasporto pubblico (7) Alessandro Visalli (6) Ars (6) Banca centrale europea (6) Bottega partigiana (6) CUB (6) Casaleggio (6) Contropiano (6) Dino Greco (6) Eugenio Scalfari (6) Franz Altomare (6) Frédéric Lordon (6) Gaza (6) George Soros (6) Gran Bretagna (6) M.AR.S. (6) Massimo Bontempelli (6) No Renzi Day (6) Noi con Salvini (6) ORA! (6) Oskar Lafontaine (6) Paolo Savona (6) Pil italiano (6) Pisapia (6) REDDITO MINIMO UNIVERSALE (6) Sergio Mattarella (6) assemblea nazionale 2-3 luglio 2016 (6) beni comuni (6) bipolarismo (6) debitocrazia (6) fisco (6) governo Gentiloni (6) incontro internazionale (6) inflazione (6) liberosambismo (6) magistratura (6) manifestazione (6) no tav (6) no-Ttip (6) nuovo soggetto politico (6) questione nazionale (6) tecnologie (6) terremoto (6) trasporto aereo (6) uber (6) utero in affitto (6) vaccini (6) Alberto Negri (5) Alternative für Deutschland (5) Anguita (5) Assad (5) CETA (COMPREHENSIVE ECONOMIC AND TRADE AGREEMENT) (5) Dario Guarascio (5) Domenico Moro (5) Ferdinando Pastore (5) Finlandia (5) Foligno (5) Forza Italia (5) Franco Bartolomei (5) Fratelli d'Italia (5) Genova (5) Giancarlo D'Andrea (5) Giuseppe Angiuli (5) HAMAS (5) Hilary Clinton (5) Il popolo de i Forconi (5) Kirchner (5) Lenin (5) Maduro (5) Nino galloni (5) No Monti Day (5) No debito (5) Npl (5) Parigi (5) Pcl (5) Polonia (5) Rete dei Comunisti (5) Riccardo Achilli (5) Romano Prodi (5) Sandro Arcais (5) Sharing Economy (5) Stathis Kouvelakis (5) Stato (5) TTIP (TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP) (5) Target 2 (5) Val di Susa (5) Wolfgang Munchau (5) afghanistan (5) alleanze (5) automazione (5) banche popolari (5) califfato (5) camusso (5) cuba (5) debitori (5) di Pietro (5) elezioni regionali 2015 (5) elezioni. Lega (5) ideologia (5) jihadismo (5) la variante populista (5) laicismo (5) liberalismo (5) migranti (5) pomigliano (5) populismo democratico (5) rifugiati politici (5) rivolta (5) salvinismo (5) suicidi (5) suicidi economici (5) tremonti (5) ALBA (4) Alessandro Di Battista (4) Altiero Spinelli (4) Andrea Ricci (4) Anna Falcone (4) Aurelio Fabiani (4) Brigate sovraniste (4) CSNR (4) Carl Schmitt (4) Cesaratto (4) Charlie Hebdo (4) Chiavacci Alessandro (4) Città della Pieve (4) Claudio Borghi (4) Claudio Martini (4) Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi- Boschi (4) Consiglio nazionale ORA! (4) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (4) Corea del Nord (4) Cub Trasporti (4) Danilo Calvani (4) Danilo Zolo (4) Diego Melegari (4) Dimitris Mitropoulos (4) Federalismo (4) Flat tax (4) France Insoumise (4) Franco Busalacchi (4) Frente civico (4) Giulio Regeni (4) Imu (4) Jacques Nikonoff (4) Jeremy Corbyn (4) Joseph Stiglitz (4) Julio Anguita (4) Kke (4) L'Altra Europa con Tsipras (4) Lafontaine (4) Laura Boldrini (4) Luca Massimo Climati (4) Luciano Gallino (4) Luciano Vasapollo (4) Lucio Chiavegato (4) Luigi Ferrajoli (4) Lupo (4) Marcello Teti (4) Militant-blog (4) Morgan Stanley (4) Mosul (4) Oscar Lafontaine (4) Piattaforma di sinistra (4) Piero Bernocchi (4) Prodi (4) ROSSA (4) Rajoy (4) Sefano Rodotà (4) Slavoj Žižek (4) Stato d'emergenza (4) Teoria Monetaria Moderna (4) Titoli di stato (4) Trump (4) Tyssenkrupp (4) USB (4) Varoufakis (4) Vladimiro Giacché (4) Xi Jinping (4) al-Sisi (4) anarchici (4) arancioni (4) autodeterminazione dei popoli (4) brasile (4) carceri (4) cinema (4) cipro (4) coalizione sociale (4) crisi bancaria (4) cristianismo (4) demografia (4) diritti di cittadinanza (4) donna (4) elezioni comunali 2017 (4) elezioni siciliane 2012 (4) facebook (4) filo rosso (4) fratelli musulmani (4) giovani (4) governo (4) il manifesto (4) il pedante (4) irisbus (4) ius soli (4) legge di stabilità 2017 (4) massimo fini (4) parti de gauche (4) patrimoniale (4) pensioni (4) porcellum (4) presidente della repubblica (4) protezionismo (4) risparmio (4) sociologia (4) spending review (4) spesa pubblica (4) tecnoscienza (4) transizione al socialismo (4) truffa bancaria (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Africa (3) Alavanos (3) Alfiero Grandi (3) America latina (3) Associazione Riconquistare la Sovranità (3) Atene 26-28 giugno (3) Aventino (3) BRIM (3) Barbara Spinelli (3) Bergoglio (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Candidatura d’Unitat Popular (CUP) (3) Ciudadanos (3) Comitato No Debito (3) Coordinamento Democrazia Costituzionale (3) Coordinamento dei Comitati per il NO-Umbria (3) Coordinamento no E45 autostrada (3) Davide Serra (3) Dieudonné M'bala M'bala (3) Eleonora Forenza (3) Emanuele Severino (3) Eos (3) Ernest Vardanean (3) Fabrizio Tringali (3) Felice Floris (3) Filippo Abbate (3) Francesco Salistrari (3) Fronte Sovranista Italiano (3) GIAPPONE (3) Gianni Ferrara (3) Giorgia Meloni (3) Giorgio Lunghini (3) Giuliana Nerla (3) Giuliano Pisapia (3) Giulietto Chiesa (3) Giuseppe Pelazza (3) Goofynomics (3) Gramsci (3) HELICOPTER MONEY (3) ISTAT (3) Incontro di Roma (3) JP Morgan (3) Jens Weidmann (3) Karl Polany (3) Leonardo Mazzzei (3) Lista Tsipras (3) Luca Ricolfi (3) Luciano Canfora (3) Magdi Allam (3) Manolo Monero Pérez (3) Marco Mainardi (3) Martin Heidegger (3) Marx (3) Marxista dell'Illinois n.2 (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Maurizio del Grippo (3) Milton Friedmann (3) Moldavia (3) Napoli (3) Nigel Farage (3) No e-45 autostrada (3) Noi Mediterranei (3) Noi sicialiani con Busalacchi (3) ONU (3) Olanda (3) Panagiotis Sotiris (3) Paolo Gerbaudo (3) Pardem (3) Patrizia Badii (3) Pedro Montes (3) Poroshenko (3) Rodoflo Monacelli (3) Ruggero Arenella (3) Salento (3) Sarkozy (3) Sergio Starace (3) Six Pack (3) Stato di Polizia (3) Ungheria (3) Ungheria. jobbink (3) Ventotene (3) Viareggio (3) Viktor Orban (3) Yemen (3) agricoltura (3) al-Nusra (3) alba dorata (3) bankitalia (3) bollettino medico (3) confindustria (3) crediti deteriorati (3) cristianesimo (3) deflazione (3) deflazione salariale (3) diritto d'asilo politico (3) diritto di cittadinanza (3) dollaro (3) donne (3) economia sociale di mercato (3) elezioni 2017 (3) fascismo (3) il fatto quotidiano (3) indignati (3) insegnanti (3) internazionale azione (3) irlanda (3) italia (3) legge di stabilità 2015 (3) legge truffa (3) maternità surrogata (3) mattarellum (3) mediterraneo (3) mezzogiorno (3) minijobs. Germania (3) moneta fiscale (3) negazionismo (3) noE-45 autostrada (3) occidente (3) oligarchia (3) partito (3) primarie (3) ratzinger (3) riforma del senato (3) risorgimento (3) sanità (3) sardegna (3) saviano (3) seminario (3) senato (3) socialdemocrazia (3) sovrapproduzione (3) statizzazione banche (3) takfir (3) tassisti (3) trattati europei (3) università (3) violenza (3) wikileaks (3) xylella (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 25 aprile 2017 (2) 27 ottobre 2012 (2) A/simmetrie (2) ALDE (2) Ada Colau (2) Agenda Monti (2) Albert Einstein (2) Alberto Benzoni (2) Alberto Montero (2) Aldo Zanchetta (2) Amando Siri (2) Angelo Panebianco (2) Angelo Salento (2) Antonello Ciccozzi (2) Antonello Cresti (2) Antonio Amoroso (2) Antonio Rinaldi (2) Arditi del Popolo (2) Atlante (2) Baath (2) Bahrain (2) Banca (2) Bandiera rossa in movimento (2) Berretti Rossi (2) Bilderberg (2) Black Lives Matter (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) Carc (2) Carlo Romagnoli (2) Cernobbio (2) Cerveteri Libera (2) Cgia Mestre (2) Cia (2) Cile (2) Cirimnnà (2) Civati (2) Comitato antifascista russo-ucraiono (2) Coordinamento europeo della Sinistra contro l’euro (2) De Bortoli (2) Der Spiegel (2) Die Linke (2) Diem25 (2) Diosdado Toledano (2) Don Giancarlo Formenton (2) EReNSEP (2) Edoardo Biancalana (2) Ego della Rete (2) Ernesto Galli Della Loggia (2) F.List (2) Fausto Sorini (2) Federico Fubini (2) Fidel Castro (2) Fidesz (2) Filippo Gallinella (2) Fiumicino (2) Forum Internazionale antiEU delle forze popolari (2) Francesco Giavazzi (2) Francesco Maria Toscano (2) Francesco Piobbichi (2) Franco Russo (2) Fratoianni (2) Frosinone (2) Fulvio Grimaldi (2) Futuro al lavoro (2) Gentiloni (2) Giada Boncompagni (2) Giancarlo Cancelleri (2) Giuliano Amato (2) Giulio Sapelli (2) Giuseppe Mazzini (2) Giuseppe Palma (2) Goldman Sachs (2) Grottaminarda (2) Guido Viale (2) Hartz IV (2) Hegel (2) Hitler (2) Incontro di Madrid 19/21 febbraio 2016 (2) Iniciativa za Demokratični Socializem (2) Iniziativa per il socialismo democratico (2) Italexit (2) Italia Ribelle e Sovrana (2) Iugend Rettet (2) Iugoslavia (2) Javier Couso Permuy (2) Juan Carlos Monedero (2) Jugoslavia (2) Juncker (2) Kalergy (2) Ken Loach (2) Kostas Lapavitsas (2) Legge di Bilancio (2) Lelio Basso (2) Lelio Demichelis (2) Loretta Napoleoni (2) Ltro (2) Luigi De Magistris (2) MES (2) MPL (2) Maastricht (2) Macron (2) Mali (2) Manolis Glezos (2) Marchionne (2) Maria Elena Boschi (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Mario Volpi (2) Marocco (2) Massimo PIvetti (2) Michele fabiani (2) Morya Longo (2) Movimento Politico d'Emancipazione Popolare (2) Mussari (2) NO TAP (2) Nadia Garbellini (2) Netanyahu (2) Oriana Fallaci (2) Palermo (2) Paola De Pin (2) Paolo Becchi (2) Paolo Maddalena (2) Papa (2) Papa Bergoglio (2) Partito tedesco (2) Patto di Stabilità e Crescita (2) Paul Krugman (2) Paul Mason (2) Pci (2) PdCI (2) Pdl (2) Pier Paolo Dal Monte (2) Pippo Civati (2) Pkk (2) Preve (2) Raffaele Alberto Ventura (2) Reddito di inclusione sociale (2) Riccardo Bellofiore (2) Riccardo Ruggeri (2) Rosanna Spadini (2) Rozzano (2) SPD (2) STX (2) Salistrari (2) Scenari Economici (2) Schumpeter (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Seconda Assemblea CLN (2) Sergio Bellavita (2) Sergio Cararo (2) Sergio Cofferati (2) Shale gas (2) Simone Di Stefano (2) Slovenia (2) Stato penale (2) Stavros Mavroudeas (2) Stiglitz (2) TAP (2) Tasi (2) Tasos Koronakis (2) Terzo Forum (2) Thissen (2) Thomas Fazi (2) Thomas Piketty (2) Tiziana Ciprini (2) Tltro (2) Tomaso Montanari (2) Toni negri (2) Tor Sapienza (2) Torino (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Transnistria (2) Trilateral (2) UIL (2) UKIP (2) Ugo Arrigo (2) Umberto Eco (2) Valerio Bruschini (2) Visco (2) Xarxa Socialisme 21 (2) Zagrebelsy (2) Zoe Constantopoulou (2) accordo del 20 febbraio (2) accordo sul nucleare (2) al Serraj (2) al-Durri (2) al-qaeda (2) alawismo (2) austria (2) banche venete (2) blocco sociale (2) bontempelli (2) burkini (2) califfaato (2) calunnia (2) casa (2) cobas (2) comitato di Perugia (2) composizione di classe (2) curdi (2) decreto vaccini (2) deregulation (2) divorzio banca d'Italia Tesoro (2) domenico gallo (2) due euro (2) elezioni comunali 2015 (2) enel (2) energia (2) ennahda (2) expo (2) export (2) fecondazione eterologa (2) fincantieri (2) fine del lavoro (2) forza nuova (2) frontiere (2) gennaro Migliore (2) governicchio (2) guerra di civiltà (2) indignatos (2) industria italiana (2) informatica (2) intimperialismo (2) isu sanguinis (2) legge del valore (2) libertà di pensiero (2) marina silva (2) mercantislismo (2) no expo (2) olocausto (2) paolo vinti (2) patto del Nazareno (2) patto grecia-israele (2) patto politico (2) petrolio (2) poste (2) poste italiane (2) precarietà (2) proporzionale (2) proteste agricoltori (2) razionalismo (2) reddito di base (2) riformismo (2) sanità. spending review (2) scissione pd (2) serbia (2) shador (2) shoa (2) sinistra anticapitalista (2) sinistra critica (2) sme (2) social media (2) società (2) sovranità e costituzione (2) stagnazione secolare (2) stop or-me (2) tasso di cambio (2) tecnica (2) terzo polo (2) tv (2) unioni civili (2) uniti e diversi (2) vincolo di mandato (2) vota NO (2) "cosa rossa" (1) 101 Dalmata. il più grande successo dell'euro (1) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 17 aprile (1) 1961 (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 25 aprile 2015 (1) 28 marzo 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A. Barba (1) AL NIMR (1) Abd El Salam Ahmed El Danf (1) Achille Occhetto (1) Acqua pubblica (1) Adenauer (1) AirCrewCommittee (1) Alain Parguez (1) Alan Greenspan (1) Alan Johnson (1) Alba Libica (1) Albert Jeremiah Beveridge (1) Albert Reiterer (1) Albert Rivera (1) Alberto Alesina (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Aldo Barba (1) Aldo Bronzo (1) Aleksey Mozgovoy (1) Alemanno (1) Aleppo (1) Alesina (1) Alessandro Chiavacci (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alex Zanotelli (1) Alterfestival (1) Alternativa per la Germania (1) Alì Manzano (1) Amazon (1) Ambrogio Donini (1) Ambrose Evans Pritchard (1) Amedeo Argentiero (1) Amoroso (1) Andalusia (1) Anders Breivik (1) Andrew Brazhevsky (1) Angela Matteucci (1) Angelo di Carlo (1) Angus Deaton (1) Anis Amri (1) Anna Angelucci (1) Anna Lami (1) Anschluss (1) Antonella Stirati (1) Antonella Stocchi (1) Antonio De Gennaro (1) Antonio Gramsci (1) Antonio Guarino (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Apple (1) Arabia saudita (1) Arditi (1) Argo Secondari (1) Argyrios Argiris Panagopoulos (1) Arnaldo Otegi (1) Ars Longa (1) Art. 11 (1) Art.50 Trattato Lisbona (1) Articolo1 (1) Artini (1) Artuto Scotto (1) Ascheri (1) Atene (1) Athanasia Pliakogianni (1) Attali (1) Augusto Graziani (1) Australia (1) BDI (1) BORIS NEMTSOV (1) BRI (1) Banca d'Italia (1) Banca mondiale (1) Barcelona en comú (1) Bashar al-Assad (1) Basilicata (1) Bastasin (1) Battaglione Azov (1) Bcc (1) Belgio (1) Benigni (1) Benoît Hamon (1) Bernard-Henri Levy (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Bismarck (1) Black Panthers (1) Bloco de Esquerda. (1) Boikp Borisov (1) Bolivia (1) Bolkestein (1) Bossi (1) Branko Milanovic (1) Brennero (1) Bretagna (1) Brigata kalimera (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Steri (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CCF (1) COMITATO OPERAI E CITTADINI PER L'AST (1) COSMOPOLITICA (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cameron (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carchedi (1) Carlo Candi (1) Carlo De Benedetti (1) Carlo Galli (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Cekia (1) Certificati di Credito Fiscale (1) Chantal Mouffe (1) Checchino Antonini (1) Checco (1) Chiaberge Riccardo (1) Chiara Appendino (1) Chisinau (1) Chișinău (1) Christoph Horstel (1) Circo Massimo (1) Cirinnà (1) Civitavecchia (1) Claudia Castangia (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Colonialismo (1) Concita De Gregorio (1) Conferenza d'apertura (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Coord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Cristina Re (1) Cuperlo (1) Dagospia (1) Dan Glazebrook (1) Dani Rodrik (1) Daniele Manca (1) Danimarca (1) Dario Fo (1) Davide Bono (1) Davos (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Dichiarazione universale dei diritti umani (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Domenico Rondoni (1) Dominique Strauss-Khan (1) Don Sturzo (1) Donald Tusk (1) Duda (1) ECO (1) EDWARD SNOWDEN (1) EPAM (1) Eco della rete (1) Eduard Limonov (1) Elctrolux (1) Eleonora Florenza (1) Elinor Ostrom (1) Emilia-Romagna (1) Emmanuel Mounier (1) Emmeffe (1) Enrico Rossi (1) Enrico padoan (1) Enzo Pennetta (1) Erasmo vecchio (1) Ernesto Laclau (1) Ernesto Pertini (1) Ernst Bloch (1) Eros Francescangeli (1) Etiopia (1) Ettore Gotti Tedeschi (1) Ettore Livini (1) Eugenio Scalgari (1) Eurasia (1) Eurispes (1) Europa a due velocità (1) European Quantitative-easing Intermediated Program (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabio Amato (1) Fabio Mini (1) Fabio Nobile (1) Fabio Petri (1) Fabriano (1) Fabrizio De Paoli (1) Fabrizio Rondolino (1) Falluja (1) Favia (1) Federal reserve (1) Federazione delle Industrie Tedesche (1) Federica Aluzzo (1) Federico Caffè (1) Federico II il Grande (1) Ferrero (1) Fertility Day (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Fiorito (1) Florian Philippot (1) Folkebevægelsen mod EU (1) Foodora (1) Foro di Sao Paulo (1) Forum Ambrosetti (1) Forum Popoli Mediterranei (1) Forum di Assisi (1) Francesca Donato (1) Francesco Campanella (1) Francesco Cardinali (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Francesco Lamantia (1) Francesco Lenzi (1) Franco Venturini (1) Frauke Petry (1) Freente Civico (1) Front de gauche (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuad Afane (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gabanelli (1) Gabriele Gesso (1) Gandhi (1) George Friedman (1) George Monbiot (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Russo Spena (1) Giacomo Vaciago (1) Giacomo Zuccarini (1) Gig Economy (1) Gim cassano (1) Giordano Sivini (1) Giorgetti (1) Giorgio Gattei (1) Giovanna Vertova (1) Giovanni De Cristina (1) Giovanni Gentile (1) Giovanni Lo Porto (1) Giovanni Schiavon (1) Giovanni Tomei (1) Giovanni di Cristina (1) Giuliana Commisso (1) Giuliano Procacci (1) Giulio Ambrosetti (1) Giulio Girardi (1) Giulio Tremonnti (1) Giuseppe Altieri (1) Giuseppe Guarino (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Turani (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Google (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guerra di liberazione algerina (1) Guglielmo Forges Davanzati (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) HSBC (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hawking (1) Heiner Flassbeck (1) Hezbollah (1) Hillary Clinton (1) Hjalmar Schacht (1) Huffington Post (1) INPS (1) IPHONE (1) IRiS (1) IS (1) Ida Magli (1) Ignazio Marino (1) Il tramonto dell'euro (1) Ilaria Lucaroni (1) Imposimato (1) Indesit (1) Indipendenza e Costituzione (1) Inge Höger (1) International Forum of Sovereign Wealth Funds (1) Intesa Sanpaolo (1) Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (1) Italia Ribelle (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) JAMES GALBRAITH (1) JOBS ACT(ING) IN ROME (1) Jacques Delors (1) Jacques Rancière (1) James Holmes (1) James K. Galbraith (1) James Petras (1) Jaroslaw Kaczynsk (1) Jean Claude Juncker (1) Jean-Claude Juncker (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Claude Michéa (1) Jean-Jacques Rousseau (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jeremy Rifkin (1) Jo Cox (1) John Laughland (1) John Locke (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) Joseph De Maistre (1) Joseph Shumpeter (1) Josephine Markmann (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugend Rettet (1) Juha Sipila (1) Junge Welt (1) Junker (1) Kalecky (1) Kalergi (1) Kemi Seba (1) Kenneth Kang (1) Kiev (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kouachi (1) Kruhman (1) Ktragujevac (1) Kurdistan (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La Pira (1) La forte polarizzazione (1) La sinistra e la trappola dell'euro (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Lapo Elkann (1) Lars Feld (1) Lasciateci fare (1) Leave (1) Lecce (1) Legge Acerbo (1) Legge Severino (1) Leonardo Coen (1) Leopolda (1) Lettera aperta ai movimenti sovranisti (1) LexitNetwork (1) Lia De Feo (1) Lidia Riboli (1) Lidia Undiemi (1) Lillo Massimiliano Musso. Leoluca Orlando (1) Lituana (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) London Corrispondent Society (1) Lorenzin (1) Lorenzin Beatrice (1) Lorenzo Alfano (1) Lorenzo Del Savio (1) Lorenzo Dorato (1) Loris Caruso (1) Luca Pagni (1) Lucca (1) Lucia Annunziata (1) Lucia Morselli (1) Luciana Castellina (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi De Giacomo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) Luka Mesec (1) M. Pivetti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Macchiavelli (1) Maida (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Manuela Cadelli (1) Manuela Carmena (1) Marcello Barison (1) Marcello De Cecco (1) Marcello Minenna (1) Marcia Perugia-Assisi (1) Marco Bersani (1) Marco Carrai (1) Marco Di Steafno (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Marco Giannini (1) Marco Palombi (1) Marco Pannella (1) Marco Parma (1) Marco Revelli (1) Marco Rovelli (1) Marco Santopadre (1) Marcuse (1) Margarita Olivera (1) Maria Grazia Da Costa (1) Marina Calculli (1) Mario Tronti (1) Mark Rutte (1) Mark Zuckerberg (1) Martin Lutero (1) Martin Wolf (1) Marxista dell'Illinois n.1 (1) Massimiliano Panarari (1) Massimo Costa (1) Massimo D'Antoni (1) Massimo Villone (1) Matt O'Brien (1) Mattei (1) Matteo Mameli (1) Mauricio Macri (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Franzini (1) Maurizio Leonardi (1) Maurizio Lupi (1) Maurizio Molinari (1) Maurizio Ricci (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio Zenezini (1) Maurizio zaffarano (1) Mauro Alboresi (1) Mauro Maltagliati (1) Mauro Pasquinelli (1) Mauro Volpi (1) Maximilian Forte (1) Me.Fo. (1) Melanchon (1) Meloni (1) Mentana (1) Meridionalisti Italiani (1) Merk (1) Merloni (1) Metallurgiche Forschungsgesellschaft (1) Micah Xavier Johnson (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Michael Moore (1) Michele Ainis (1) Michele Ruggero (1) Michele Serra (1) Microsoft (1) Mihaly Kholtay (1) Milosevic (1) Milton Friedman (1) Mincuo (1) Ministero economia e finanza (1) Modern Money Theory (1) Monica Maggioni (1) Monicelli (1) Mont Pélerin Society (1) Montegiorgio in Movimento (1) Moshe Ya’alon (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Movimento democratici e progressisti (1) Movimento di Liberazione Popolare (1) Movimiento 15-M (1) Mulatu Teshome Wirtu (1) Musk (1) Mélenchon (1) NIgeria (1) Nadia Valavani (1) Naji Al-Alì (1) Natale (1) Neda (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) Nicaragua (1) Nicola Ferrigni (1) Nicolas Dupont-Aignan (1) Nicolò Bellanca (1) Nimr Baqr al-Nimr (1) No Fertility Day (1) Noam Chomsky (1) Noi sicialiano con Busalacchi (1) Norbert Hofer (1) Norberto Bobbio (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OCSE (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) OPEC (1) OXI (1) Olimpiadi (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Orietta Lunghi (1) P 101 (1) P-Carc (1) PCE (1) PCdI (1) POSSIBILE (1) PSUV (1) Pablo Stefanoni (1) Padre Pio (1) Paesi baschi (1) Pakistan (1) Palladium (1) Panagoitis Sotiris (1) Panos "Panagiotis" Kammenos (1) Paola Muraro (1) Paolo Ciofi (1) Paolo Giussani (1) Paolo Maria Filipazzi (1) Paolo dall'Oglio (1) Paremvasi (1) Partito Comunista Italiano (1) Partito Comunista d'Italia (1) Partito del Lavoro (1) Partito radicale (1) Pasolini (1) Pasquale Voza (1) Passos Coelho (1) Patto di stabilità (1) Paul De Grauwe (1) Perù (1) Pettirossi (1) Piano di eradicazione degli ulivi (1) Piano nazionale per la fertilità (1) Piemonte (1) Piepoli (1) Pier Paolo Pasolini (1) Pierfranco Pellizzetti (1) Piero Calamandrei (1) Piero Gobetti (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pierre Laurent (1) Pietro Attinasi (1) Pietro Ingrao (1) Pietro Nenni (1) Pil argentino (1) Pinna (1) Pino Corrias (1) Pino Prestigiacomo (1) Piotr Zygulski (1) Pisa (1) Pizzarotti (1) Pomezia (1) Porto Recanati (1) Postcapitalism (1) Presidenza della Repubblica (1) Profumo (1) Puglia (1) Quadrio Curzio Alberto (1) Quarto Polo (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) ROSS@ Parma (1) Rachid Ghannoūshī (1) Raffaele Ascheri (1) Raffaele Marra (1) Raffaella Paita (1) Ramadi (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Razem (1) Realfonzo (1) Regioni autonome (1) Remain (1) Renato Brunetta (1) Repubblica di Lugànsk (1) Rete Sostenibilità e Salute (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Riscossa Italia (1) Rita Di Leo (1) Rizzo (1) Robert Mundell (1) Roberta Lombardi (1) Roberto D'Agostino (1) Roberto D'Alimonte (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Fico (1) Roberto Grienti (1) Roberto Marchesi (1) Roberto Martino (1) Roberto Musacchio (1) Roberto Palmerini (1) Roberto Santilli (1) Rohani (1) Roma 21 novembre 2015 (1) Romney (1) Rosario Crocetta (1) Rosarno (1) Rovereto (1) SENZA EURO(PA) (1) SI COBAS (1) SInistra popolare (1) Said Gafurov (1) Sakorafa (1) Salmond (1) Salonicco (1) Salvatore Biasco (1) Salvatore D'Albergo (1) Samaras (1) Samir Amin (1) Sandro Targetti (1) Schengen (1) Scottish National Party (1) Scuola austriaca (1) Scuola di Friburgo (1) Sebastiano Isaia (1) Serge Latouche (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bologna (1) Sergio Romano (1) Severgnini (1) Shaimaa (1) Shaimaa el-Sabbagh (1) Shakira (1) Sig­mar Gabriel (1) Silvana Sciarra (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Sraffa (1) Standard & Poor's (1) Stefania Giannini (1) Stefano Alì (1) Stefano Azzarà (1) Stefano Bartolini (1) Stefano Feltri (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Stefano Petrucciani (1) Stefano Zai (1) Steven Forti (1) Storace (1) Stratfor (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) Susana Díaz (1) Svitlana Grugorciùk (1) Svizzera (1) TISA (TRADE IN SERVICES AGREEMENT) (1) TPcCSA (1) Tarek Aziz (1) Tariq Alì (1) Telecom (1) Tempa Rossa (1) Tfr (1) Thatcher (1) Theodoros Koudounas (1) Theresa Mai (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tito Boeri (1) Tiziana Drago (1) Tommaso Nencioni (1) Tonia Guerra (1) Topos Rosso (1) Toscana (1) Trichet (1) Tripoli (1) Tuareg (1) Two Pack (1) UGL (1) UPR (1) Udc (1) Ulrich Grillo (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Utoya (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Vallonia (1) Vasilij Volga (1) Veltroni (1) Versilia (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Shapinov (1) Vilad Filat (1) Vincent Brousseau (1) Vincenzo Sparagna (1) Viscione (1) Vito Storniello (1) Vittorio Bertola (1) Vittorio Carlini (1) Vittorio da Rold (1) Von Mises (1) Vox Populi (1) W. Streeck (1) Walter Eucken (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Washington Consensus (1) Wen Jiabao (1) Westfalia (1) Wilders (1) Wolkswagen (1) Wozniak (1) YPG (1) Ytzhac Yoram (1) Zalone (1) Zbigniew Brzezinski (1) Zedda Massimo (1) Zizek (1) Znet (1) Zolo (1) accise (1) adozioni (1) agricoltura biologica (1) al-Fatah (1) al-Ghwell (1) alba mediterranea (1) alberto garzon (1) alluvione (1) alt (1) amnistia (1) amore (1) andrea zunino (1) animalismo (1) antisemitismo (1) antropocene (1) antropologia (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea di Roma del 4 luglio 2015 (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) atac (1) ateismo (1) autogestione (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) big five (1) bilancia dei pagamenti (1) black block (1) blocco costituzionale (1) blocco nero (1) bloomberg (1) bomba atomica (1) bonapartismo (1) brigantaggio (1) capitolazione (1) carlo Bonini (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) cassa depositi e prestiti (1) catastrofe italiana (1) catene di valore (1) cdp (1) censis (1) chiesa ortodossa (1) chokri belaid (1) clausole di salvaguardia (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) commemorazione (1) comuni (1) comunicazione (1) confini (1) conflitto di interezzi (1) contestazione (1) controcorrente (1) convegno di Copenaghen (1) cretinate. (1) cybercombattenti (1) dabiq (1) david harvey (1) decalogo (1) decescita (1) decrescita felice (1) democratellum (1) democratiche e di sinistra (1) democrazia economica (1) denaro (1) deportazione economica (1) depressione (1) di Monica Di Sisto (1) dichiarazione di Roma (1) dimissioni (1) dimitris kazakis (1) diritti dei lavoratori (1) dissesto idrogeologico (1) dracma (1) economie di scala (1) economist (1) egolatria (1) enav (1) enrico Corradini (1) esercito (1) estremismo (1) eurexit (1) euroi (1) evasione fiscale (1) fabbriche (1) fallimenti (1) fascistizzazione della Lega (1) felicità (1) femen (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) flessibilità (1) flussi elettorali 2016 (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) fondi immobiliari (1) fondi sovrani (1) freelancing (1) fuga dei capitali (1) gender (1) genere (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) giusnaturalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) gravidanza (1) grazia (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il cappello pensatore (1) ilsimplicissimus (1) import (1) import-export (1) incendi (1) independent contractor (1) indignados (1) indipendeza e costituzione (1) individualismo (1) indulto (1) intervista (1) ius sanguinis (1) kafir (1) l (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge (1) legge Madia (1) legge antisciopero (1) legge di stabilità 2016 (1) leva (1) lex monetae (1) libano (1) libaralismo (1) libe (1) liberalizzazioni (1) liberazionne (1) linguaggio (1) liste civiche. (1) loi El Khomri (1) lotga di classe (1) luddismmo (1) lula (1) madre surrogata (1) mafiodotto (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifesto del Movimento Popolare di Liberazione (1) manlio dinucci (1) manovra (1) marchesi Antinori (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massacri imperialisti (1) massimo bray (1) materialismo storico (1) matrimoni omosessuali (1) medicina (1) megalamania (1) memoria (1) mercato (1) militarismo (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) monetarismo (1) nascite (1) nazion (1) nazional-liberismo (1) neokeynesismo (1) no vax (1) nobel (1) norvegia (1) numero chiuso (1) occupy wall street (1) omosessualità (1) ong (1) openpolis (1) operaismo (1) ore lavorate (1) osvaldo napoli (1) pacifismo (1) palmira (1) pareggio di bilancio (1) parlamento europeo (1) partite iva (1) partiti (1) partito democratico (1) peronismo (1) personalismo (1) piano Silletti (1) piano nazionale di prevenzione (1) piigs (1) politicamente corretto (1) polizia (1) popolo (1) post-operaismo (1) profughi (1) programma UIKP (1) progresso (1) questione femminile (1) questione meridionale (1) quinta internazionale (1) rai (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) ricchezza (1) ride sharing (1) risparmio tradito (1) risve (1) riunioni regionali (1) rivoluzione socialista (1) robot killer (1) robotica (1) rossobrunismo (1) rublo (1) salafismo (1) salir del euro (1) sanzioni (1) scie chimiche (1) sciopero della fame (1) sciopero generale (1) seisàchtheia (1) sfruttamento (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra transgenica (1) smartphone (1) social forum (1) sondaggi (1) sondaggio demos (1) spionaggio (1) squatter (1) stadio (1) startup (1) statuto (1) sterlina (1) stress test (1) studenti (1) sud (1) supply-side economics (1) svimez (1) takfirismo (1) tango bond (1) tassiti (1) tempesta perfetta (1) teologia (1) terza fase (1) terzigno (1) terzo stato (1) tesaurizzazione (1) tortura (1) transgender (1) trappola della liquidità (1) trenitalia (1) trivelle (1) troll (1) uassiMario Monti (1) uberizzazione (1) ulivi (1) ultimatum (1) uscita da sinistra (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vertice di Roma (1) volkswagen (1) voucher (1) wahabismo (1) wahhabismo (1) web (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)