DRAGHI, VENIAMO A CONSEGNARTI IL FOGLIO DI VIA

martedì 31 gennaio 2012

«LA RIVOLUZIONE SICILIANA È APPENA COMINCIATA»

Palermo, 25 gennaio.  Foto: SOLLEVAZIONE
Incontro regionale del Movimento dei Forconi

«E' un incontro APERTO A TUTTI, dove ci sarà un confronto con i leader del Movimento. Ci sarà anche l' APPROVAZIONE DELLO STATUTO DEL MOVIMENTO DEI FORCONI. Non mancate, vi aspettiamo TUTTI, in modo da vedere personalmente chi sono gli aderenti al Movimento dei Forconi.
L'assemblea si svolgerà a Catania presso le Ciminiere, Viale Africa, alle ore 18:00 di giovedì 2 febbraio». 
[Dalla pagina facebook ufficiale del Movimento dei Forconi]
All'assemblea parteciperà una delegazione del MPL.

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 30 gennaio 2012

MONTI È UNA BOLLA, SE NON ESPLODE SI SGONFIERÀ

Clicca per ingrandire
Il vertice europeo davanti all'anno terribilis 2012


chi ha interesse a difendere 
la dittatura tedesca?


di Moreno Pasquinelli


Presentiamo ai lettori due tabelle che rendono l'idea di come, il 2012, sia come un imbuto, una strozzatura per i debiti "sovrani", di converso per i mercati finanziari internazionali. Tutti in un botto, il grosso a partire dalla primavera prossima, scadono la bellezza di 7.609 miliardi di dollari di titoli. I possessori di questi titoli, in gran parte le più grosse banche d'affari, i fondi speculativi e i gruppi assicurativi, batteranno cassa, li porteranno all'incasso.

Continua »

Print Friendly and PDF

domenica 29 gennaio 2012

UN COMMISSARIO AD ATENE

Grecia ed euro: chi ha ragione tra Merkel e Roubini?

di Leonardo Mazzei

A quanto pare il Monti greco, al secolo Lucas Papademos, non gli basta più. La signora Merkel vuole controllare la finanza e la politica greca senza intermediari: non più dunque un greco-tedesco come l'attuale premier, ma un tedesco-tedesco da nominare direttamente a Berlino.

«Piano per commissariare Atene», è il titolo di prima pagina del Sole 24 Ore di oggi 29 gennaio. La richiesta tedesca cade nel bel mezzo della trattativa sulla ristrutturazione del debito tra il governo greco e i creditori privati (banche e fondi d'investimento). Ma - ecco il ricatto - la pretesa della cancelliera è strettamente legata alla concessione del nuovo prestito che la Grecia dovrebbe ottenere a breve, pena il default totale.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 28 gennaio 2012

UNA PROVA DIFFICILE, UN PASSO NECESSARIO

Lo striscione che apriva il corteo di ieri a Roma
Note sullo sciopero generale del sindacalismo di base

di Danilo Fr.

riceviamo e pubblichiamo

Diciamocelo compagni, il numero dei partecipanti al corteo di ieri è stato inferiore alle aspettative. Non ho dati certi sulla riuscita del contestuale sciopero generale, e di sicuro le cifre che forniscono le aziende sono bel al di sotto delle verità. Tuttavia, anche qui, non raccontiamoci storie. Se escludiamo certi settori di pubblico impiego dove forte è la presenza dell'Usb, non si può certo parlare di successo. Si è visto al corteo che se non fosse stato per l'Usb, si sarebbe potuto parlare di fallimento.

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 27 gennaio 2012

LA SARDEGNA SULLE ORME DEI «FORCONI»

Nasce la Consulta dei Movimenti



Oggi a Tramatza il Movimento Pastori Sardi, il Movimento Artigiani e Commercianti Liberi, gli auotrasportatori di Sardegna in Movimento, Irs, Sardigna Natzione Indipendentzia, Movimento Anti-Equitalia, il Presidio di Viale Trento, le Donne del Digiuno di Viale Trento e i Pratici si sono riuniti in assemblea per sancire e rafforzare ogni forma di lotta, per rendere efficace ogni sforzo.

Continua »

Print Friendly and PDF

MPL (6): VERSO L'ASSEMBLEA DEL 4-5 FEBBRAIO

IN DIRETTA STREAMING I LAVORI DELL'ASSEMBLEA NAZIONALE


Sono in tanti quelli che avrebbero voluto partecipare all'Assemblea del Movimento Popolare di Liberazione, e che non potranno, a causa di vari impedimenti, non ultimo quello dei costi. Costoro e i molti che ci seguono, se vorranno, potranno seguire i lavori dell'Assemblea del giorno sabato 4 febbraio, a partire dalle ore 10:30 in diretta streaming, su questo sito e su Eco della rete.

Continua »

Print Friendly and PDF

«SCENDANO IN PIAZZA CON NOI, I LAVORATORI ITALIANI».

Intervista a Mariano Ferro. Palermo 25 gennaio 2012
A cura di SOLLEVAZIONE

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 26 gennaio 2012

DI RITORNO DA PALERMO

«I siciliani siamo noi, 
la mafia siete voi»


Una nostra delegazione si è recata ieri a Palermo, in occasione della manifestazione indetta dal movimento dei Forconi. Siamo stati preceduti da colloqui telefonici che alcuni di noi hanno avuto con Mariano Ferro, il loro leader indiscusso. Nel mezzo di un corteo urlante, combattivo e gioso, abbiamo appena avuto il tempo di recapitare a Ferro i saluti e la solidarietà del costituendo Movimento Popolare di Liberazione. Ci ha anche rilasciato una breve video intervista che speriamo di potere mettere in rete domani. Abbiamo scattato tante foto, raccolto tante voci, parlato con molti di questi lavoratori che tengono alto l'onore del popolo siciliano. Speriamo di metter tutto quanto a disposizione di chi ci segue.
E' un obbligo che abbiamo preso con tutti i manifestanti, un obbligo a cui terremo fede, a maggior ragione dopo avere avuto l'onore di essere tra loro, di aver sentito il loro cuore palpitare, dopo aver sentito il loro grido di giustizia. Un dovere infine, per rompere il cordone sanitario che è stato costruito ad arte contro i Forconi, fatto di ingiurie, illazioni, anche calunnie. Ci ha colpito quanto ci ha detto uno di loro: «Qui si esprime la disperazione, la tristezza e la rabbia di un popolo ridotto alla fame. Se lottare contro la fame è populismo, allora noi siamo populisti!». Una risposta ai tanti politici, intellettuali e giornalisti con la puzza sotto il naso, che non sono ancora morsi dalla crisi che avanza, o che

Continua »

Print Friendly and PDF

«DOBBIAMO BLOCCARE TUTTO!»

In un giorno solo

Ieri la polizia ha caricato la manifestazione dei pescatori che presidiavano pacificamente il Parlamento. Nel frattempo, 26 arresti ad orologeria di cittadini che hanno partecipato alla manifestazione No Tav dello scorso 3 luglio. Lo Stato, ubbidendo ai suoi committenti, ha mandato l'avviso: "colpirne uno per educarne cento", ovvero isolare e spaventare chi protesta, terrorizzare i cittadini che hanno simpatia per chi sta alzando la testa per impedire che sia uniscano alla rivolta sociale nascente. Come dice un pescatore: "Così si precipita il paese nella guerra civile". Di sicuro la ribellione monta e non la fermeranno col maganello.

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 25 gennaio 2012

DIMMI CON CHI STAI, TI DIRO’ CHI SEI

«L'Italia, senza la Sicilia, non lascia alcuna
immagine nell'anima: qui comincia tutto»
J. W. Goethe 
Dei Forconi e dell’ammucchiata dei loro nemici

di Moreno Pasquinelli




La sollevazione popolare in Sicilia Monti non se l’aspettava. Non se l’aspettavano le forze politiche che lo sostengono. Non se l’aspettava la sinistra dei piagnoni. Non se l’aspettavano gli intellettuali da salotto al-di-la-della-destra-e-della-sinistra.

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 24 gennaio 2012

COI FORCONI O COL SISTEMA?

Rifare la Sicilia! Rifare l'Italia!
sulla scia di Avola: 2 dicembre 1968 

di Movimento dei Forconi

«Da tanto tempo ormai la Sicilia non fa parlare di se. Noi, nonostante tutto e tutti, abbiamo intenzione di scrivere una piccola pagina di storia. Giorno 20 a Palermo gli imbonitori da 20-30.000 euro al mese capiranno che sta per scoccare la scintilla di cui parla Bersani. Potete preparare l’esercito di poliziotti anti sommossa.

Continua »

Print Friendly and PDF

8-11-12: MONTI DA I NUMERI AL LOTTO

Crescita? Quale crescita?


Governo di "tecnici"... della propaganda

di Emmezeta


Non sappiamo cosa abbiano bevuto in 8 ore di consiglio dei ministri, ma in compenso sappiamo cosa vorrebbero dare da bere agli italiani

Se non altro Berlusconi, quando parlava di crescita, si riferiva principalmente a quella dei capelli.

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 23 gennaio 2012

SE QUESTI SON FASCISTI

Continua »

Print Friendly and PDF

IL MANIFESTO CHIUDE......

Norma Rangeri
Chi è in lutto?

di Alberto Bagnai*

Ci risiamo. Sul Manifesto di ieri leggiamo il periodico “accorato appello” del direttore Parlato: ci stanno togliendo i soldi, la decisione è stata presa dagli Uffici della Camera (i politici non ci si sono nemmeno sprecati), che si sono battuti il belino degli appelli del Presidente della Repubblica (liberté, égalité, fraternité), siamo stati condannati, sarà disoccupazione per migliaia di addetti al settore, saremo costretti a chiudere, dopo quarant’anni di lotte per le libertà, gli abbonamenti stanno calando...

Continua »

Print Friendly and PDF

domenica 22 gennaio 2012

AVANTI VENDOLA!

Politicismo straccione


di Piemme

Si conclude oggi a Roma l'assemblea generale di Sinistra ecologia e libertà.  Il parterre degli invitati di spicco la dice lunga sul senso dell'operazione di Nichi Vendola. Vediamo:  Luigi De Magistris sindaco di Napoli,  Michele Emiliano sindaco di Bari, Giuliano Pisapia, sindaco di Milano, Massimo Zedda, sindaco di Cagliari, Maurizio Landini, segretario generale FIOM, Rossana Dettori, segretaria generale FP CGIL e  Mimmo Pantaleo, segretario generale FLC CGIL. Ceto politico, tutto ceto politico-sindacale.

Continua »

Print Friendly and PDF

SALERNO: ASSEMBLEA PUBBLICA


Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 20 gennaio 2012

CON IL CUORE E CON LA MENTE

Immagine grafica di www.neronera.com
Pieno appoggio alla sollevazione del popolo siciliano!
Comunicato del Movimento Popolare di Liberazione

Da alcuni giorni la Sicilia è in subbuglio, paralizzata da un movimento di protesta senza precedenti. Iniziato da alcune categorie di lavoratori autonomi (camionisti, agricoltori, pescatori, artigiani) esso ha poi coinvolto disoccupati, precari, studenti, casalinghe.

Continua »

Print Friendly and PDF

SICILIA: «CACCEREMO FORZA NUOVA!»

«ORA O MAI PIÙ»


Intervista a Mariano Ferro, esponente di spicco del Movimento dei Forconi

Continua »

Print Friendly and PDF

MOVIMENTO DEI FORCONI IN SICILIA

Sul movimento dei forconi e la rivolta popolare in Sicilia


Quando gli anarchici ci capiscono più di tanti cosiddetti "marxisti"

di Sicilia Libertaria*


Leggi qui la delirante dichiarazione del Prc siciliano, che condanna il movimento di rivolta come emanazione della criminalità organizzata e della borghesia mafiosa.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 19 gennaio 2012

IL «MOVIMENTO DEI FORCONI»

Uno dei cortei popolari in Sicilia
SICILIA IN SUBBUGLIO

Contro la campagna di diffamazione di certa sinistra, giunta ad accusare il Movimento dei Forconi di essere guidato da fascisti; e contro la censura dei media di regime che ha silenziato la rivolta popolare, esprimiamo la nostra solidarietà alla nascente sollevazione dei siciliani.

di Studentato Autogestito Anomalia 
e Laboratorio Vittorio Arrigoni

«Oggi (ieri, ndr) per tutta la giornata una trentina di compagni/e dei centri sociali

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 18 gennaio 2012

ESPORTAZIONE DI CAPITALE, EURO E CRISI ITALIANA


La bilancia dei pagamenti, questa sconosciuta

di Alberto Bagnai*

Un lettore attento mi segnala questo appello comparso su Le Monde, e sollecita un mio parere. Mi sembra giusto portarlo alla vostra attenzione.

A me il documento pare corretto nell'analisi (gli squilibri esterni come causa della crisi) e nella proposta. Del resto, sono esattamente le stesse analisi e la stessa proposta (gestire, anziché subire, l'uscita dall'euro) che ho fatto ad agosto. E quindi, nella misura in cui i tempi che viviamo ci consentono di essere d'accordo con noi stessi, non posso che trovare sensate le parole dei colleghi.

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 17 gennaio 2012

SUL TRATTATO EUROPEO «FISCAL COMPACT»

Come creare una depressione
una critica in seno alla classe dominante
di Martin Feldstein* 


«I leaders politici Europei potrebbero essere sul punto di accettare un piano fiscale che, se attuato, potrebbe spingere l'Europa in una maggiore depressione. Per capire perché, è utile confrontare come i paesi Europei hanno risposto a flessioni della domanda prima e dopo l'adozione dell'euro.

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 16 gennaio 2012

LIBERALIZZAZIONI: IL GRANDE INGANNO

Il caso dell'energia
In risposta ad un articolo di Massimo Mucchetti
di Emmezeta


Il governo sta per varare il decreto sulle liberalizzazioni. Un'altra mazzata al popolo lavoratore, basti pensare al via libera ai licenziamenti discriminatori, ottenuto con l'aggiramento dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. Che le liberalizzazioni abbiano ben poco a che fare con la mitica «crescita» è del tutto evidente. Anzi, la crisi globale del capitalismo è scoppiata proprio al culmine dell'età dell'oro delle privatizzazioni, che con le liberalizzazioni fanno da sempre coppia fissa ed indissolubile.

Continua »

Print Friendly and PDF

domenica 15 gennaio 2012

MPL (5): VERSO L'ASSEMBLEA DEL 4-5 FEBBRAIO


Cosa discuteremo, cosa decideremo

Cominciano ad arrivare le prenotazioni per la nostra Assemblea. Qui sotto l'ordine dei lavori e le indicazioni per partecipare.

Continua »

Print Friendly and PDF

ISRAELE MI FAI SCHIFO!

«Se questo è il nostro avamposto democratico in mezzo all'islam»


di Paola B.


Notizia di ieri, 12 gennaio: la Corte suprema israeliana ha confermato valida la legge approvata dal Parlamento nel 2003. Che dice questa legge? Essa impedisce di fatto a cittadini israeliani di potersi sposare con cittadini palestinesi, pena la perdita della cittadinanza. In buona sostanza, non solo è proibito ad una o ad un palestinese di acquisire la cittadinanza israeliana;  se un cittadino o una cittadina israeliani vogliono coniugarsi con una o un palestinese possono farlo solo  all'estero, e se lo fanno perdono automaticamente la cittadinanza israeliana.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 14 gennaio 2012

MODERN MONEY THEORY (2)

Perché i sostenitori della MMT non vogliono la sovranità monetaria dello Stato?


di Salvatore Tamburro*

Continua il dibattito sulla MMT. Riceviamo e pubblichiamo questo sintetico articolo, non necessariamente condividendone tutti i passaggi.

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 13 gennaio 2012

Dobbiamo uscire dalla Ue e abbandonare l'euro

«Osservazioni all'intervento di Giulietto Chiesa»

di Marino Badiale, Fabrizio Tringali

Apprendiamo che come conseguenza del dibattito interno ad Alternativa sulle questioni dirimenti dell'uscita dall' Unione europea e dall'euro, il segretario Marino Badiale e i dirigenti FabrizioTringali e Gisella Orsini hanno presentato le loro dimissioni. Riteniamo importante pubblicare le cose scritte dai primi due il 3 gennaio scorso in risposta all'articolo di Chiesa.

Giulietto Chiesa ha fatto molto bene ad aprire una discussione pubblica sul tema Euro/UE[1].

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 11 gennaio 2012

MPL-DIBATTITO (4): VERSO L'ASSEMBLEA DEL 4-5 FEBBRAIO


Sì, proprio adesso!

di Massimo De Santi, Leonardo Mazzei, Moreno Pasquinelli



«Per piacere, cancellatemi dalla vostra mailing-list. Credo che in un paese con circa quaranta partiti alle precedenti politiche, l'ultima cosa di cui si sente bisogno è un nuovo partito (o movimento, come più vi aggrada). Auguri. Antonio C.»

Continua »

Print Friendly and PDF

IL SUICIDIO DELLA SINISTRA

Luigi Verzé e Nichi Vendola
In affari con Verzé
quanti sono i sopravvissuti?

di Nave Corsara

Riceviamo e pubblichiamo

E di poco più di un mese fa il suicidio «assistito» di Lucio Magri, che ha chiuso un ulteriore capitolo della nuova sinistra nata alla fine dei Sessanta dalla dissidenza comunista. Un suicidio, fisico, personale, preceduto e seguito da rovinosi suicidi politici.

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 10 gennaio 2012

SE ANCHE «REPUBBLICA» SPARA SULLA MERKEL


Interessanti giravolte degli antiberlusconiani di tipo A

di Leonardo Mazzei*




Ammettiamolo: per certi aspetti il quotidiano Repubblica è una spia davvero interessante. Repubblica, che nacque già nel 1976 come giornale-partito, è oggi un partito-giornale dai due volti complementari. Da un lato è uno degli organi più importanti delle oligarchie finanziarie, dall'altro è il vero portabandiera di quello che possiamo definire come antiberlusconismo di tipo A*.

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 9 gennaio 2012

NON CI RESTA CHE PIANGERE?

Per il Quarto Reich?
In risposta a Piero Pagliani sugli aspetti geopolitici dell’uscita dell’euro


di Moreno Pasquinelli

Alternativa, il movimento di Giulietto Chiesa, il 21 e 22 gennaio prossimi, svolgerà la sua seconda assemblea nazionale. Uno dei punti dirimenti della discussione è se si debba o no uscire dall’euro e dall’Unione europea. Contro l’uscita è sceso in campo Piero Pagliani. Un intervento, il suo, che mette in fila le ragioni per cui sarebbe meglio restare nell’Unione e tenersi la moneta unica. Qui sotto la risposta di Moreno Pasquinelli.

Continua »

Print Friendly and PDF

domenica 8 gennaio 2012

LA FINE DELL'EURO ALLE PORTE

22 ragioni per le quali potremmo assistere nel 2012 al collasso economico dell’ Europa

di Michael X*


Nel corso degli ultimi mesi, vi è stata una sorprendente perdita di fiducia nel sistema finanziario europeo. In questo momento, effettivamente nessuno vuole prestare denaro alle nazioni europee in difficoltà finanziaria, e praticamente nessuno vuole prestare denaro alle grandi banche europee.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 7 gennaio 2012

MODERN MONEY THEORY/BARNARD: UN'ANALISI CRITICA

Paolo Barnard
«Un grande crimine» e un'enorme confusione

di Domenico De Simone*

Ci uniscono a Paolo Barnard la spietata critica alle teorie e alle politiche neoliberiste e all'euro che ne è figlio legittimo, dunque la necessità della sovranità monetaria come precondizione per un politica economica che sia al servizio della collettività. Non condividiamo la sua tesi (complottista) per cui tutto il marasma che attanaglia il sistema economico sia, non frutto delle contraddizioni intrinseche del capitalismo, ma sia stato diabolicamente deciso a tavolino dalla setta dei vampiri dell'alta finanza. Questo sarebbe il meno. 
Barnard si considera seguace e divulgatore della MMT (Modern Money Theory), il cui più celebre esponente è l'economista americano Randall Wray. Barnard spaccia la MMT [vedi il suo scritto Il più grande crimine] come una nuova pietra filosofale, non solo per uscire dalla crisi ma per fare del capitalismo un paese di Cuccagna, un sistema dispensatore di abbondanza e felicità per tutti. A fine febbraio Barnard svolgerà un simposio per spiegare la MMT. C'è un grande interesse attorno a questo simposio, ed è positivo, poiché grande è la voglia di capire cosa sta accadendo e quale sia la via d'uscita alla crisi sistemica. Manco a dirlo, a noi, la MMT non convince per niente. Con questa critica di Domenico De Simone, che condividiamo in larga parte, diamo inizio alle danze, all'analisi critica della MMT e della vulgata che ne fa Paolo Barnard.

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 6 gennaio 2012

CAPIRE LA SOCIETA' IN CRISI PER COSTRUIRE L'ALTERNATIVA

Ciclo di riunioni di auto-formazione teorica a Perugia
di «Alternativa Comune»
Presso il Circolo ARCI di Elce "Spazio Verde".
Ogni iniziativa di autoformazione avrà inizio alle 18:30 con gli interventi dei relatori. 
Alle 20:30 aperitivo-cena. Segue dibattito.

5 gennaio - DOVE RISIEDE IL POTERE DELLE BANCHE signoraggio, intermediazione, o monopolio del credito? Intervengono Luca Mencaroni ed Ennio Bilancini

Continua »

Print Friendly and PDF

MPL-DIBATTITO (3): VERSO L'ASSEMBLEA DEL 4-5 FEBBRAIO

Genova: la protesta degli operai Fincantieri
Un passo che è doveroso compiere

di Massimo De Santi, Leonardo Mazzei, Moreno Pasquinelli

Cari tutti che ci avete seguito sin qui.
Il 2012 purtroppo è iniziato nel modo come noi avevamo previsto e cioè con un forte peggioramento delle condizioni dei lavoratori e di tutti i cittadini, a partire dai pensionati e dai giovani a cui si promette un futuro di lavoro che non c'è.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 5 gennaio 2012

LA GABBIA EUROPEA E L'«ORTICELLO NAZIONALE»


L'Unione e i paesi con e senza euro [clicca per ingrandire]
«Il discorso di Chiesa fa acqua da tutte le parti»
di Stefano D'Andrea
Volentieri pubblichiamo questo breve saggio di Stefano D'Andrea. Esso nasce dal dibattito in corso all'interno di Alternativa, il movimento politico di Giulietto Chiesa e di cui D'Andrea fa parte. Una critica impeccabile a chi si ostina a negare  il nesso stringente tra crisi sistemica, Unione europea e  moneta unica, nonché il legame indissolubile tra fuoriuscita dal marasma e sovranità nazionale. Una sola cosa aggiungiamo, che l'Unione europea è un blocco geopolitico imperialistico, sorto come protesi economica della NATO. Una ragione in più per ripensare la futura collocazione strategica dell'Italia.

«Le tesi di Chiesa, che vuole restare nella UE (e quindi non abbandonare l’euro); che non è disposto nemmeno ad abbattere la UE per ricostruire “un’altra Europa” (posizione utopistica, ma logica); che vuole “nazionalizzare la BCE”, ossia creare lo Stato europeo e ridurre la Francia, la Germania e l’Italia al rango di California, Texas e Wisconsin; che non propone un programma agli italiani, bensì ai governi europei perché trasformino l’Unione Europea nel contrario di se stessa; queste tesi, per un verso sono orribili (voler estinguere l’Italia come Stato indipendente e sovrano); per un verso sono incoerenti (volere l’applicazione della Costituzione e voler rimanere nella UE); per altro verso sono di una ingenuità sconcertante (proporre un programma ai governi europei, perché all’unanimità trasformino la UE nel contrario di ciò che è). Non credo che Alternativa avrà futuro, se sceglierà una simile linea direttrice»

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 4 gennaio 2012

VOCI DAL NORD-EST

«Perché gli operai ed i precari non votano a sinistra»

di Fabio Bozzato*

Riceviamo e pubblichiamo

Una sinistra che volesse uscire dai luoghi comuni e dalle analisi autoconsolatorie dovrebbe imparare a leggere i dati reali che descrivono l’Italia di oggi, le paure, gli orientamenti elettorali, le autocollocazioni di classe, la parcellizzazione e stratificazione sociale.

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 3 gennaio 2012

UN ALTRO PENSIONATO SI AMMAZZA

2012: quale sarà la goccia che farà traboccare il vaso?


di Piemme


Il 17 dicembre del 2010, in una cittadina della Tunisia rurale, Sidi Bouzid, un giovane ambulante si diede fuoco sotto la Prefettura in segno di protesta contro la miseria e i soprusi della polizia. Si chiamava Mohammed Bouazizi. Un gesto disperato ma fu la scintilla che incendiò la prateria. Come all'unisono milioni di cittadini si sollevarono, prima in Tunisia, poi in Egitto, in quasi tutti i paesi arabi. Regimi totalitari apparentemente inossidabili, tanto più perché sostenuti dall'Occidente, caddero come birilli —a conferma, avrebbe detto Mao, che sono le masse che cambiano davvero la storia.Anche in Italia, sotto i nostri occhi, si son tolti la vita diversi Mohammed Bouazizi.

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 2 gennaio 2012

UNGHERIA: UN MONITO PER L'ITALIA

Fidesz festeggia la vittoria elettorale
Non Jobbik ma Fidesz
Reazionari in doppiopetto

di Campo Antimperialista

Chi ci legge sa con quanta insistenza noi parliamo del pericolo di un "movimento reazionario di massa" come possibile sbocco della crisi sistemica. L'Ungheria è un laboratorio in cui si sta sperimentando questa soluzione.

Continua »

Print Friendly and PDF

Google+ Followers

Lettori fissi

Temi

crisi (504) euro (380) economia (364) Unione europea (334) sinistra (268) finanza (225) sfascio politico (215) resistenza (198) risveglio sociale (181) internazionale (167) seconda repubblica (158) alternativa (153) Movimento Popolare di Liberazione (151) teoria politica (143) elezioni (137) banche (134) M5S (108) imperialismo (96) berlusconismo (89) Grillo (85) sollevazione (83) antimperialismo (82) destra (82) proletariato (80) debito pubblico (76) marxismo (75) sovranità nazionale (75) Mario Monti (68) democrazia (66) sindacato (59) PD (55) sovranità monetaria (54) grecia (53) Rivoluzione Democratica (52) Libia (51) Leonardo Mazzei (49) Movimento dei forconi (49) fiat (47) Stati Uniti D'America (45) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (44) Matteo Renzi (44) Emiliano Brancaccio (42) Moreno Pasquinelli (41) austerità (40) solidarietà (39) capitalismo (38) proteste operaie (38) astensionismo (37) rifondazione (37) inchiesta (35) socialismo (35) azione (33) islam (32) Nichi Vendola (31) costituzione (31) unità anticapitalisa (31) 9 dicembre (30) Siria (30) Germania (29) Medio oriente (28) egitto (28) Assemblea di Chianciano terme (27) sionismo (27) menzogne di stato (26) palestina (26) Alberto Bagnai (25) capitalismo casinò (25) filosofia (25) geopolitica (25) Sicilia (24) bce (24) fiom (24) fiscal compact (23) guerra (23) napolitano (23) spagna (23) moneta (22) Israele (21) Europa (20) Tsipras (20) Francia (19) campo antimperialista (19) liberismo (18) Forum europeo (17) Mariano Ferro (17) Tunisia (17) default (17) ecologia (17) etica (17) Assisi (16) Chianciano Terme (16) Enrico Letta (16) legge elettorale (16) silvio berlusconi (16) sovranità popolare (16) Marcia della Dignità (15) immigrati (15) 15 ottobre (14) Sel (14) Syriza (14) globalizzazione (14) repressione (14) neofascismo (13) Cremaschi (12) Lega (12) fronte popolare (12) religione (12) 14 dicembre (11) MMT (11) Mario Draghi (11) Negri (11) cina (11) nazionalismi (11) pace (11) populismo (11) Bagnai (10) OLTRE L'EURO (10) ambiente (10) iniziative (10) iran (10) sinistra sovranista (10) storia (10) vendola (10) Aldo Giannuli (9) Chavez (9) Fiorenzo Fraioli (9) Russia (9) Ucraina (9) decrescita (9) obama (9) Algeria (8) Art. 18 (8) Bersani (8) Brancaccio (8) Ingroia (8) Marine Le Pen (8) Marino Badiale (8) Merkel (8) Mirafiori (8) Vincenzo Baldassarri (8) cultura (8) keynes (8) neoliberismo (8) nucleare (8) referendum (8) unità anticapitalista (8) Esm (7) Forconi (7) Goracci (7) Ilva (7) MMT. Barnard (7) Mimmo Porcaro (7) Movimento pastori sardi (7) Nello de Bellis (7) Perugia (7) Pier Carlo Padoan (7) Ugo Boghetta (7) Venezuela (7) cinque stelle (7) complottismo (7) golpe (7) incontri (7) islanda (7) rivoluzione civile (7) scienza (7) sovranismo (7) taranto (7) AST (6) Argentina (6) Articolo 18 (6) Bottega partigiana (6) Diego Fusaro (6) Draghi (6) Ernesto Screpanti (6) Front National (6) Gaza (6) Monte dei Paschi (6) Regno Unito (6) Sergio Cesaratto (6) Wilhelm Langthaler (6) analisi politica (6) anarchismo (6) chiesa (6) comunismo (6) iraq (6) salari (6) salerno (6) umbria (6) Anguita (5) Bruno Amoroso (5) Daniela Di Marco (5) De Magistris (5) Gennaro Zezza (5) Il popolo de i Forconi (5) Lavoro (5) No Monti Day (5) No debito (5) Pcl (5) Quirinale (5) Terni (5) acciaierie Terni (5) camusso (5) di Pietro (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) europeismo (5) finanziaria (5) finanziarizzazione (5) governo Renzi (5) lira (5) magistratura (5) marxisti dell'Illinois (5) proteste (5) tremonti (5) ALBA (4) Alternative für Deutschland (4) Andrea Ricci (4) CGIL (4) CSNR (4) Casaleggio (4) Costanzo Preve (4) Def (4) Emmezeta (4) Eugenio Scalfari (4) Federalismo (4) Fmi (4) Giorgio Cremaschi (4) HAMAS (4) ISIS (4) Karl Marx (4) Kirchner (4) Landini (4) Legge di stabilità (4) Lucio Chiavegato (4) Nato (4) Portogallo (4) Prc (4) Sefano Rodotà (4) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (4) Troika (4) Tyssenkrupp (4) Val di Susa (4) afghanistan (4) antifascismo (4) appello (4) arancioni (4) beni comuni (4) brasile (4) carceri (4) cipro (4) cristianismo (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) governo (4) irisbus (4) lotta di classe (4) media (4) nazione (4) no tav (4) piemme (4) pomigliano (4) presidente della repubblica (4) presidenzialismo (4) scuola (4) svalutazione (4) tasse (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) BRIM (3) Beppe De Santis (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Cesaratto (3) Claudio Borghi (3) Claudio Martini (3) Comitato No Debito (3) Danilo Calvani (3) Dicotomia (3) Donbass (3) Felice Floris (3) GIAPPONE (3) Hollande (3) ISIL (3) Imu (3) Jacques Sapir (3) Jobs act (3) Kke (3) Laura Boldrini (3) Lega Nord (3) Lupo (3) Magdi Allam (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Patrizia Badii (3) Piero Bernocchi (3) Pisapia (3) Rete dei Comunisti (3) Stato di diritto (3) Stefano D'Andrea (3) Stefano Fassina (3) Ttip (3) Turchia (3) Ungheria. jobbink (3) anarchici (3) bankitalia (3) bipolarismo (3) borsa (3) cuba (3) debitori (3) deficit (3) fratelli musulmani (3) il manifesto (3) inflazione (3) internazionale azione (3) internazionalismo (3) internet (3) italicum (3) laicismo (3) legge truffa (3) liberosambismo (3) partito (3) patrimoniale (3) ratzinger (3) sardegna (3) sinistra anti-nazionale (3) terremoto (3) trasporto pubblico (3) violenza (3) wikileaks (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) Abu Bakr al-Baghdadi (2) Agenda Monti (2) Alitalia (2) Angelo Salento (2) Antonello Cresti (2) Ars (2) Bahrain (2) Banca centrale europea (2) Barbara Spinelli (2) Berretti Rossi (2) Brushwood (2) CISL (2) CLN (2) CUB (2) Cile (2) Contropiano (2) D'alema (2) Enea Boria (2) Enrico Grazzini (2) Fidesz (2) Forza Italia (2) Francesco Piobbichi (2) Francesco Salistrari (2) Frente civico (2) Frosinone (2) Frédéric Lordon (2) Giancarlo D'Andrea (2) Giulietto Chiesa (2) Grottaminarda (2) Lenin (2) Loretta Napoleoni (2) Marco Mainardi (2) Marco Passarella (2) Marocco (2) Massimo Bontempelli (2) Michele Berti (2) Michele fabiani (2) Moldavia (2) Mussari (2) Norberto Fragiacomo (2) Oscar Lafontaine (2) Paolo Savona (2) Papa Francesco (2) PdCI (2) Pdl (2) Poroshenko (2) Prodi (2) Putin (2) Quantitative easing (2) ROSSA (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Stato (2) Stiglitz (2) Thissen (2) ThyssenKrupp (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) UIL (2) UKIP (2) USB (2) Yemen (2) calunnia (2) casa pound (2) cinema (2) comitato di Perugia (2) derivati (2) diritto di cittadinanza (2) disoccupazione (2) dollaro (2) donna (2) elezioni anticapte (2) energia (2) giovani (2) governicchio (2) indignati (2) indipendenza (2) industria italiana (2) irlanda (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) jihadismo (2) keynesismo (2) marina silva (2) necrologi (2) paolo vinti (2) pensioni (2) porcellum (2) razionalismo (2) risorgimento (2) sanità. spending review (2) saviano (2) sciopero (2) sindacalismo di base (2) sinistra critica (2) sme (2) sovrapproduzione (2) spesa pubblica (2) terzo polo (2) tv (2) uniti e diversi (2) università (2) uscita dall'euro (2) uscita di sinistra dall'euro (2) xenofobia (2) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A/simmetrie (1) Alavanos (1) Albert Einstein (1) Albert Reiterer (1) Alberto Montero (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Alessandro Di Battista (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Amoroso (1) Andrew Brazhevsky (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Antonio Guarino (1) Antonio Rinaldi (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Ars Longa (1) Ascheri (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) BRI (1) Baath (1) Banca mondiale (1) Bandiera rossa in movimento (1) Basilicata (1) Belgio (1) Beppe Grillo (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bilderberg (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Boikp Borisov (1) Bolkestein (1) Borotba (1) Bretagna (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carc (1) Carchedi (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Cernobbio (1) Cgia Mestre (1) Chișinău (1) Circo Massimo (1) Città della Pieve (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Davide Bono (1) Davide Serra (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Der Spiegel (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) ECO (1) Eco della rete (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Elinor Ostrom (1) Emmanuel Macron (1) Emmeffe (1) Erdogan (1) Eugenio Scalgari (1) F.List (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabriano (1) Fabrizio Tringali (1) Favia (1) Federica Aluzzo (1) Ferrero (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Finlandia (1) Fiorito (1) Foligno (1) Forum Ambrosetti (1) Francesca Donato (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Fratelli d'Italia (1) Freente Civico (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Genova (1) George Soros (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gianni Ferrara (1) Giorgio Gattei (1) Giuli Sapelli (1) Giulio Girardi (1) Giuseppe Pelazza (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Goldman Sachs (1) Goofynomics (1) Gramsci (1) Gran Bretagna (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) Guido Viale (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Hartz IV (1) Haver Analytics (1) Hezbollah (1) Ida Magli (1) Il tramonto dell'euro (1) Indesit (1) Italia dei valori (1) Izquierda Unida (1) J.Habermas (1) Jacques Nikonoff (1) James Holmes (1) James Petras (1) Javier Couso Permuy (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Luc Mélenchon (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jens Weidmann (1) Jeremy Rifkin (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Julio Anguita (1) Juncker (1) Kenneth Kang (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kruhman (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Legge Severino (1) Lidia Undiemi (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) Ltro (1) Luciano B. Caracciolo (1) Luciano Canfora (1) Luciano Vasapollo (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Maastricht (1) Maida (1) Mali (1) Manolo Monereo (1) Manolo Monero Pérez (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Marcello Barison (1) Marchionne (1) Marco Carrai (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Margarita Olivera (1) Maria Rita Lorenzetti (1) Martin Wolf (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio zaffarano (1) Mentana (1) Merk (1) Merloni (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Mihaly Kholtay (1) Milton Friedmann (1) Mincuo (1) Monicelli (1) Morgan Stanley (1) Morya Longo (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Nadia Garbellini (1) Naji Al-Alì (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) Nigel Farage (1) No e-45 autostrada (1) Noam Chomsky (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Pakistan (1) Paolo Barnard (1) Paolo Becchi (1) Paolo Giussani (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Partito del Lavoro (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Piemonte (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pil argentino (1) Pil italiano (1) Pizzarotti (1) Podemos (1) Porto Recanati (1) Preve (1) Profumo (1) Puglia (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) Raffaele Ascheri (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Riccardo Achilli (1) Riccardo Bellofiore (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Rizzo (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Musacchio (1) Rodoflo Monacelli (1) Romney (1) SInistra popolare (1) Said Gafurov (1) Salmond (1) Salvatore D'Albergo (1) Salvini (1) Sapir (1) Scottish National Party (1) Sebastiano Isaia (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bellavita (1) Sergio Bologna (1) Six Pack (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Standard & Poor's (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Storace (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) TPcCSA (1) Tasi (1) Teoria Monetaria Moderna (1) Thatcher (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Titoli di stato (1) Tltro (1) Tonguessy (1) Torino (1) Transnistria (1) Trichet (1) Trilateral (1) Two Pack (1) UGL (1) Udc (1) Ungheria (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Veltroni (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Orban (1) Viktor Shapinov (1) Vincenzo Sparagna (1) Visco (1) Vittorio Bertola (1) Vladimiro Giacchè (1) W. Streeck (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Wen Jiabao (1) Ytzhac Yoram (1) Zizek (1) Zolo (1) al-Durri (1) al-Fatah (1) alleanze (1) alt (1) amnistia (1) andrea zunino (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) ateismo (1) austria (1) ballarò (1) bancocrazia (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) censis (1) chokri belaid (1) classi sociali (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) composizione di classe (1) corruzione (1) cristianesimo (1) david harvey (1) decescita (1) denaro (1) depressione (1) divorzio banca d'Italia Tesoro (1) egolatria (1) elezioni anticipate (1) enav (1) enel (1) ennahda (1) estremismo (1) euroi (1) export (1) facebook (1) fallimenti (1) felicità (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fisco (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) forza nuova (1) gennaro Migliore (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il fatto quotidiano (1) import (1) indulto (1) intervista (1) intimperialismo (1) islamofobia (1) italia (1) kafir (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge del valore (1) leva (1) libano (1) liberalizzazioni (1) lula (1) maghreb (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifestazione (1) manovra (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massimo fini (1) materialismo storico (1) mattarellum (1) megalamania (1) memoria (1) mercantislismo (1) militarismo (1) minijobs. Germania (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) nazismo (1) negazionismo (1) noE-45 autostrada (1) nobel (1) norvegia (1) nuovo movimento politico (1) occupy wall street (1) olocausto (1) operaismo (1) parti de gauche (1) partiti (1) patto del Nazareno (1) polizia (1) poste (1) povertà (1) precarietà (1) primarie (1) privatizzazioni (1) programma UIKP (1) protezionismo (1) queswjepjelezioni (1) quinta internazionale (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) riformismo (1) risve (1) riunioni regionali (1) scie chimiche (1) seisàchtheia (1) seminario (1) senato (1) serbia (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra anticapitalista (1) social forum (1) social media (1) socialdemocrazia (1) società (1) studenti (1) takfir (1) tango bond (1) tasso di cambio (1) teoloogia (1) terzigno (1) trasporto aereo (1) troll (1) uassiMario Monti (1) ueor (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vincolo di mandato (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)