FORUM EUROPEO, Assisi 20-24 agosto 2014

FORUM EUROPEO, Assisi 20-24 agosto 2014
per info e adesioni: forumeuropeo2014@virgilio.it

mercoledì 5 dicembre 2012

QUESTO È IL NOSTRO PROGRAMMA DI GOVERNO

«Noi, il Fiscal compact e i vincoli europei»

di Pierluigi Bersani e Nichi Vendola*

«Ci sono motivi esterni molto importanti che determinano lo spread, ma anche ragioni interne ed europee, che aiutano a comprendere meglio la sfida politica italiana del 2013.

Molte di queste ragioni sono legate ai limiti imposti dal fiscal compact. Potrà venire infatti un governo più incline alla spesa o più favorevole a tagliare le tasse, ma il deficit strutturale dovrà restare entro lo 0,5% del Pil. Se il pareggio del bilancio e quello dei conti con l'estero sono sostenibili, gli investitori esteri possono considerare il Paese stabile chiunque lo guidi. Anche se vincesse una coalizione politica tutt'altro che moderata, il governo sarà tenuto da un trattato internazionale a ridurre deficit e debito. Se non lo fa, il trattato prevede che «nel caso di deviazioni significative osservate dall'obiettivo di medio termine» meccanismi di sanzione scattino automaticamente con l'imposizione di penalità finanziarie.

Qualunque sia il prossimo governo, non potrà nemmeno discutere unilateralmente una deviazione dal fiscal compact, perché farebbe fuggire gli investitori dal Paese. Inoltre il fiscal compact è stato introdotto come contropartita dei fondi salva-Stati a garanzia dei Paesi creditori. Il testo del Trattato dice chiaramente che gli aiuti finanziari saranno condizionati alla ratifica del fiscal compact entro il 1° marzo 2013, nove giorni prima della data più probabile delle elezioni italiane. Quindi se il fiscal compact fosse abbandonato dall'Italia, l'Esm (il fondo salva-Stati) perderebbe senso, probabilmente verrebbe addirittura svuotato. Sarebbe la fine dell'euro. I partiti italiani più radicali, che criticano sia il rigore fiscale sia l'euro, hanno quindi una tragica coerenza. Ma sono costretti a proporre un'uscita dalla moneta unica che li confina in una posizione scomoda e irrealistica di fronte agli elettori italiani.

La legge di bilancio del prossimo governo inoltre dovrà essere sottoposta ai Paesi partner prima ancora di essere votata dal Parlamento italiano. Sarà sottoposta a sorveglianza della Commissione in relazione al rispetto degli obiettivi di medio termine e al calendario della convergenza non solo fiscale, ma macroeconomica. Il nuovo governo potrà comunque intervenire sulla qualità e l'articolazione della politica economica, ma paradossalmente più nella natura tecnica delle riforme che nel loro impianto ideologico. Tutte le maggiori riforme politiche, infatti, devono essere discusse con gli altri governi prima ancora di essere approvate. Se possibile devono essere coordinate tra i diversi Paesi. Questo significa che ogni riforma ispirata da uno spirito particolarmente ideologico deve incontrare il sostegno dei Paesi partner. I quali però hanno orientamenti politici diversi tra di loro e quindi difficilmente daranno luce verde a un'agenda molto radicale di uno dei Paesi membri.

Infine, per non violare gli obiettivi annuali, un piano di riforma economica radicale, per esempio il taglio secco delle tasse o l'aumento della spesa, dovrebbe essere spalmato su diversi anni. Al limite su più di una legislatura. Ma questa lunga durata crea un problema di credibilità per qualsiasi politica ideologizzata, perché la riforma rischierebbe di essere revocata al primo cambio di maggioranza o perdita di consenso del governo. Per questa ragione in Europa c'è una certa tendenza a preferire "grandi coalizioni" nei Paesi indebitati in cui sono necessari ampi piani di riforma.


In caso di un governo recalcitrante, la Commissione farebbe scattare un "programma di partnership" che in realtà mette sotto stretta sorveglianza la politica del Paese e richiede un piano dettagliato di riforme strutturali. Ma non erano molte di queste forme di sorveglianza già in vigore in passato e senza efficacia? Sì, ma ora i mercati sono molto più allerta. I Paesi partner poi hanno un'arma nucleare in mano: qualsiasi Paese aderente al Trattato può portare un altro Paese, che sospetta di violare gli accordi, di fronte alla Corte di Giustizia Ue. Dato il livello di populismo in Europa in materia di rigore fiscale altrui, non è improbabile che questo clamoroso processo pubblico al Paese deviante avvenga davvero. In fondo è stata sufficiente un po' di pressione, informale ma pubblica, di Berlino nelle scorse settimane per far finire la Francia tra i Paesi fragili.


Il prossimo governo avrà dunque un forte controllo dall'esterno, nessun margine fiscale e nessuna possibilità di far leva su ideologie radicali. Privo di risorse fiscali, con la politica monetaria gestita solo a livello europeo e con le riforme strutturali che richiedono tempo per dare effetti, il prossimo governo potrà puntare soprattutto su un clima più cooperativo in Europa che consenta di realizzare politiche di sviluppo, di spostare l'attività economica italiana sui settori esportatori e di uscire dalla spirale debito-deflazione che sta contagiando anche i Paesi più solidi.


Tuttavia per influenzare la politica economica europea un governo deve essere credibile a Bruxelles. E per essere credibile a Bruxelles deve condurre politiche credibili a casa. Se per esempio Hollande avesse oggi un pareggio di bilancio, sarebbe politicamente più forte di una Merkel a termine di legislatura. Alla fine dunque un governo post-Monti dovrebbe comportarsi più o meno allo stesso modo del governo attuale. La campagna elettorale sarà condotta polemicamente pro o contro l'agenda Monti, ma in realtà qualsiasi sarà il prossimo governo rischia di avere ancor meno margine di manovra di quello attuale, dovendo costruire da zero la propria credibilità europea».

* In verità si tratta di un articolo di Carlo Bastasin dal titolo «La credibilità è lo "scudo" sui Btp». Il Sole 24 ore di mercoledì 5 dicembre 2012. Scusateci per l'inganno [?]
Print Friendly and PDF

8 commenti:

  • Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
    Ecodellarete.net scrive:
    05 dicembre 2012 23:39

    Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

  • Sollevazione scrive:
    06 dicembre 2012 10:27

    cara Eco della rete, abbiamo eliminato il commento qui sopra poiché eccessivamente "trucido".

  • Anonimo scrive:
    06 dicembre 2012 14:11

    E' sempre "troppo trucido" per i Fiocinatori, il Tonno che cerca di saltar fuori dalla "Camera della Morte".
    Detto questo, sembra proprio che l'approvazione del "Fiscal Compact" sia la "gabbia finale" dove avrà luogo l'inesorabile e definitiva mattanza . Di "camera" in "camera, la Tonnara sta funzionando secondo i "Piani". E sembra non ci sia proprio alcuna speranza di saltar fuori ritornando in mare aperto. E quei "responsabili" che finora hanno incanalato tanto per bene i tonni, non saranno mica "cugini" dei Fiocinatori, per caso? Cugini o insipienti o traditori? Ma neanche per idea : abili amministratori, piuttosto (per conto di chi poi, sarebbe forse "trucido" indagare). Fratelli dei Tonni no di certo!!
    Sono stato trucido? A me non sembra. Il mare della Tonnara si è tinto e si tingerà di rosso del "nostro" sangue. "Nostro", "nostro," nostro": donne, uomini, vecchi, vecchie, bambini e bambine, giovani e giovanette. Almeno dateci la possibilità di urlare (avete presente "l'urlo" di Munch?. Dicono che gridando si possa render meno intenso il dolore.

  • Anonimo scrive:
    07 dicembre 2012 20:25

    Nell' osservare i due insigni Personaggi ritratti in fotografia, salta subito agli occhi l'atteggiamento dell''on.le Niki Vendola che si sta mettendo le mani nei capelli: istintiva reazione di chi é sconcertato e preoccupato, forse pure sconsolato, spoetizzato e disperato.
    In contrasto la maschera seria, severamente ferma e sicura dell'on.le Bersani che rivela soddisfazione per le scelte esplicitate nel "Programma". Programma che, in verità, a me pare ricarlcato quasi ad litteram sull'Agenda Monti .
    Mi verrebbe istintivo fare come il Niki.

  • Anonimo scrive:
    08 dicembre 2012 00:46

    è evidente che ci troviamo in una congiuntura storica "fottutamente" ( scusate il volgare. )sfavorevole. parlo da semplice operaio interessato a quel che succede nel mondo. la maggior parte dei miei compagni di servitù; operai o liberi professionisti. piccoli imprenditori, ecc. ecc. e aggiungo con tristezza la " classe " degli intellettuali, che oggi non sa di non sapere e presume di conoscere il suo nemico. Qursta massa, non più popolo, incantata da abili sofisti, parla di caste e di politicanti, sedotta da media interessati a supportare ( anche in versione critica. )un certo diffuso qualunquismo. Aspetto con ansia nueve generazioni più consapevoli e uomini di pewnsiero più svegli in grado di rompere questa gabia materiale e ideale che sta soffocando non solo il nostro stanco paese ma tutto un continente. probabilmente, ma non necessariamenta, il peggiorare della situazione potrebbe favorire una presa di coscienza in senso " rivoluzinario ". ma credo, ( e spero )che si faccia avanti anzi tutto una chiara coscienza che sappia distinguere quelle che sono le vere cause della crisi attuale e riportare finalmente all'ordine del giorno una volontà diffusa antricapitalista e antiimperialista. ci vuole coraggio, pazienza e voglia di portare tra la gente la giusta informazione che i media popolari nono possono dare. ci vuole tempo e impegnio. gli eventi da soli, anche quelli tragici e carichi di potenzialità non sono sufficienti. dobbiamo parlare con le persone. dobbiamo esserci.

  • Anonimo scrive:
    08 dicembre 2012 01:30

    sono l'autore dello sfogo che leggerete sopra. scusate gli strafalcioni o gli errori di battitura. l'orario e l'acool fanno la loro parte. mi chiamo daniele tantillo ( non mi piace l'anonimato.. ), e ho 36 anni e tanta voglia di vedere questo paese produrre una vera massa critica capace di organizzarsi e di dare una mano alla storia, prendendo posizione contro la dittatura assolutista e totalitaria del mercato e di coinvolgere il nostro popolo ( ma esiste ancora un popolo? )in una sollevazione cosciente e radicale contro i nostri padroni liberisti ( USA,UE,BCE e alleati. )e i loro servi nostrani. anche se non vedrò mai rivolte reali e tentativi politici seri in senso indepentista e solidale, sono arrivato al punto che mi accontenterei di un cambio di opinione generale sui fatti del mondo e sulla scelta degli obbiettivi a cui puntare. da " figlio del popolo " senza ne arte ne parte, che convive con gente semplice e lavoratrice, considererei una grande conquista il solo vedere i miei vicini e compagni di vita riuscire ad assumere un punto di vista consapevole del " mondo ", e coltivare un profilo autonomo e cosciente in senso veramente popolare e comunitario. speriamo nelle prossime generazioni e proviamo a dialogare con i più giovani attualmente in vita abituandoli a pensare e a domandare, anche a dubitare, ma sempre con gli occhi puntati sulla vita reale e sulle sue dinamiche terrene. non saremo ( forse ) perdenti se sapremo consegnare al domani, poichè attualmente non c'è speranza ( e sottolineo ATTUALMENTE! ),una proposta radicale e consapevole fondata su una visione concreta, positiva e coraggiosa. capace di fare intendere e " sentire " a livello ideale e carnale le proprie regioni, portando in primo piani il concetto di uomo come animale sociale e dialogante, membro di una comunità dai confini variabili, comunicante e portatrice di valori necessari e conformi alla propria natura sociale. un uomo del genere sentirebbe immediatamente come estraneo, ostile e dannoso l'attuale clima sociale e politico, a prescindere dalla sua situazione economica. questo in parte gia succede. mi auguro soltanto che in futuro si prenda maggior consapevolezza della forma arbitraria e transuente di questo modo di vita e ci si decida risolutamente di correre a riparo. ma oggi possiamo solo interpretare la perte di giovanni battista. vox clamantis in deserto...

  • Anonimo scrive:
    10 dicembre 2012 20:11

    Salve Daniele Tantillo, per caso leggo questo blog e, sempre per caso, leggo il suo post. Mi colpisce e, quindi, scrivo a lei queste due righe.
    Oggi è 10 dicembre e sta iniziando ciò che ci porterà in un binario predeterminato nel quale, purtroppo, c'è poco o niente di quello che lei chiede o auspica. Non v'è, sempre purtroppo, alcuna figura politica in grado di svolgere le considerazioni necessarie sul breve-medio e lungo periodo dal punto di vista della politica economica, sociale ed industriale del nostro Paese. Non credo che si riuscirà a trovare soluzioni idonee e di prospettiva. Certamente, credo, per le informazioni oggi acquisibili, che quand'anche il nostro Paese non dovesse tecnicamente fallire, innumerevoli saranno i nostri concittadini, o forse anch'io, o forse anche lei, che pagheranno con tutto ciò che hanno ed anche con ciò non hanno. Purtroppo sembriamo palesemente destinati ad un secondo medioevo senza avere alcuna possibilità di imporre la volontà di un popolo che, badi bene, abbisognerebbe solo di scelte ovvie, da un lato, di un po' di coraggio, dall'altro, e, da ultimo, della giusta competenza ed onestà. Stanno qualificando come drastico ciò che drastico non è; come drammatico ciò che potrebbe, invece, essere risolto; come inevitabile ciò che, invero, è lungi dall'esserlo.
    Mi chiamo Daniele Castaldi, ho 36 anni e svolgo la professione di avvocato. Per quanto mi riguarda non è accettabile ciò che sta già accadendo; non è accettabile che un sempre maggiore numero di miei fratelli e concittadini sia, ora e non domani (domani saranno solo molti, molti di più), sotto la soglia di povertà.
    Quando qualcosa è inaccettabile ogni coscienza è chiamata a dare il proprio contributo. Quindi le scrivo perchè persone come lei, e come me, non si fermino ad un post ma tentino di fare, democraticamente, ogni cosa loro possibile. Nè io nè lei, credo, siamo destinati a cambiare le cose ai livelli di cui stiamo parlando, ma sia io che lei, nel nostro piccolo, possiamo organizzarci con le persone che conosciamo, possiamo creare un tessuto indipendente da questi inutili idioti, per cercare di aiutare le persone che già, o di qui a poco, avranno di che piangere. E se dovessimo piangere io o lei forse altri aiuteranno noi...e se lei od io dovessimo essere nella condizione di determinare qualcosa di più grande, bene, lo farà o lo farò.
    Piacere di averla letta.

  • Anonimo scrive:
    11 dicembre 2012 11:13

    Andamenti e prospettive della Finanza Pubblica Italiana. Aggiornamento del IX Rapporto Nens, dicembre 2012

    http://www.nens.it/zone/pagina.php?ID_pgn=817&ctg1=Rapporti&ctg2=Nessuna


    La fondazione di Visco e Bersani ha già calato le carte sul tavolo. Si prevede bella manovra correttiva specie per l'adorazione del totem europa e per il mortifero rituale dei conti in ordine.
    Ci sarà parecchio da lavorare per il prestigiatore di Terlizzi :) ma mi sa che incanterà poco stavolta.

Google+ Followers

Lettori fissi

Temi

crisi (491) economia (355) euro (352) Unione europea (304) sinistra (260) finanza (217) sfascio politico (213) resistenza (190) risveglio sociale (181) internazionale (159) seconda repubblica (157) alternativa (151) teoria politica (143) elezioni (136) banche (129) Movimento Popolare di Liberazione (118) M5S (105) imperialismo (92) berlusconismo (89) Grillo (84) destra (81) antimperialismo (78) sollevazione (78) debito pubblico (74) marxismo (73) proletariato (72) Mario Monti (67) sovranità nazionale (65) democrazia (64) sindacato (54) PD (53) Libia (51) Rivoluzione Democratica (51) grecia (50) Movimento dei forconi (49) fiat (47) sovranità monetaria (42) Leonardo Mazzei (41) Stati Uniti D'America (41) Emiliano Brancaccio (38) proteste operaie (38) solidarietà (38) astensionismo (37) rifondazione (37) austerità (35) inchiesta (35) capitalismo (34) socialismo (34) Moreno Pasquinelli (33) azione (33) Nichi Vendola (31) unità anticapitalisa (31) 9 dicembre (30) costituzione (29) Germania (28) Matteo Renzi (28) Siria (28) egitto (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Medio oriente (26) islam (26) menzogne di stato (26) geopolitica (25) Sicilia (24) filosofia (24) fiom (24) sionismo (24) napolitano (23) palestina (23) spagna (22) Alberto Bagnai (20) moneta (20) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (19) Europa (19) Francia (19) fiscal compact (19) Tsipras (18) campo antimperialista (18) guerra (18) Israele (17) Mariano Ferro (17) Tunisia (17) bce (17) capitalismo casinò (17) ecologia (17) etica (17) liberismo (17) Chianciano Terme (16) legge elettorale (16) Enrico Letta (15) default (15) immigrati (15) silvio berlusconi (15) 15 ottobre (14) Sel (14) repressione (14) Syriza (13) Cremaschi (12) Lega (12) fronte popolare (12) globalizzazione (12) neofascismo (12) religione (12) 14 dicembre (11) cina (11) nazionalismi (11) populismo (11) Bagnai (10) Marcia della Dignità (10) Negri (10) OLTRE L'EURO (10) ambiente (10) iniziative (10) sovranità popolare (10) storia (10) vendola (10) Aldo Giannuli (9) Chavez (9) MMT (9) decrescita (9) iran (9) pace (9) Algeria (8) Bersani (8) Brancaccio (8) Fiorenzo Fraioli (8) Ingroia (8) Marine Le Pen (8) Mirafiori (8) Vincenzo Baldassarri (8) cultura (8) keynes (8) nucleare (8) obama (8) unità anticapitalista (8) Esm (7) Forconi (7) Goracci (7) Ilva (7) MMT. Barnard (7) Marino Badiale (7) Movimento pastori sardi (7) Perugia (7) Ugo Boghetta (7) Venezuela (7) cinque stelle (7) complottismo (7) incontri (7) islanda (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) Bottega partigiana (6) Draghi (6) Ernesto Screpanti (6) Front National (6) Mimmo Porcaro (6) Monte dei Paschi (6) Russia (6) analisi politica (6) anarchismo (6) chiesa (6) comunismo (6) golpe (6) referendum (6) scienza (6) umbria (6) Anguita (5) Argentina (5) Art. 18 (5) Bruno Amoroso (5) Daniela Di Marco (5) De Magistris (5) Diego Fusaro (5) Forum europeo (5) Gennaro Zezza (5) Il popolo de i Forconi (5) Lavoro (5) Nello de Bellis (5) No Monti Day (5) No debito (5) Pcl (5) Pier Carlo Padoan (5) Quirinale (5) Regno Unito (5) Sergio Cesaratto (5) Ucraina (5) camusso (5) di Pietro (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) europeismo (5) lira (5) magistratura (5) proteste (5) salari (5) salerno (5) sinistra sovranista (5) tremonti (5) ALBA (4) Alternative für Deutschland (4) Andrea Ricci (4) Articolo 18 (4) CSNR (4) Federalismo (4) Fmi (4) Landini (4) Lucio Chiavegato (4) Merkel (4) Portogallo (4) Prc (4) Sefano Rodotà (4) Val di Susa (4) Wilhelm Langthaler (4) afghanistan (4) antifascismo (4) appello (4) arancioni (4) beni comuni (4) brasile (4) carceri (4) cipro (4) cristianismo (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) governo (4) governo Renzi (4) irisbus (4) media (4) nazione (4) neoliberismo (4) no tav (4) pomigliano (4) presidente della repubblica (4) presidenzialismo (4) scuola (4) sovranismo (4) svalutazione (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Assisi (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Casaleggio (3) Cesaratto (3) Claudio Borghi (3) Claudio Martini (3) Comitato No Debito (3) Costanzo Preve (3) Danilo Calvani (3) Def (3) Dicotomia (3) Felice Floris (3) GIAPPONE (3) Giorgio Cremaschi (3) HAMAS (3) Jacques Sapir (3) Kirchner (3) Kke (3) Laura Boldrini (3) Lega Nord (3) Lupo (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Nato (3) Patrizia Badii (3) Piero Bernocchi (3) Pisapia (3) Rete dei Comunisti (3) Stato di diritto (3) Stefano D'Andrea (3) Ttip (3) Ungheria. jobbink (3) anarchici (3) bankitalia (3) bipolarismo (3) cuba (3) deficit (3) fratelli musulmani (3) il manifesto (3) inflazione (3) internazionale azione (3) internet (3) iraq (3) italicum (3) laicismo (3) legge truffa (3) liberosambismo (3) partito (3) patrimoniale (3) ratzinger (3) sardegna (3) terremoto (3) violenza (3) wikileaks (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) Agenda Monti (2) Antonello Cresti (2) Ars (2) Bahrain (2) Banca centrale europea (2) Barbara Spinelli (2) Beppe De Santis (2) Berretti Rossi (2) Brushwood (2) CGIL (2) Cile (2) Contropiano (2) D'alema (2) Emmezeta (2) Eugenio Scalfari (2) Fidesz (2) Forza Italia (2) Francesco Piobbichi (2) Francesco Salistrari (2) Frente civico (2) Frosinone (2) Frédéric Lordon (2) Giulietto Chiesa (2) Grottaminarda (2) Imu (2) Karl Marx (2) Loretta Napoleoni (2) Marco Mainardi (2) Marco Passarella (2) Marocco (2) Michele fabiani (2) Mussari (2) Oscar Lafontaine (2) Paolo Savona (2) Papa Francesco (2) PdCI (2) Pdl (2) Prodi (2) ROSSA (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Stato (2) Stiglitz (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) Turchia (2) UKIP (2) Yemen (2) borsa (2) calunnia (2) casa pound (2) cinema (2) comitato di Perugia (2) debitori (2) derivati (2) diritto di cittadinanza (2) disoccupazione (2) dollaro (2) donna (2) energia (2) finanziarizzazione (2) giovani (2) governicchio (2) indignati (2) industria italiana (2) irlanda (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) jihadismo (2) keynesismo (2) marina silva (2) marxisti dell'Illinois (2) necrologi (2) paolo vinti (2) pensioni (2) porcellum (2) razionalismo (2) risorgimento (2) sanità. spending review (2) saviano (2) sindacalismo di base (2) sinistra anti-nazionale (2) sme (2) spesa pubblica (2) tasse (2) terzo polo (2) trasporto pubblico (2) tv (2) uniti e diversi (2) università (2) uscita dall'euro (2) uscita di sinistra dall'euro (2) xenofobia (2) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A/simmetrie (1) Abu Bakr al-Baghdadi (1) Alavanos (1) Alberto Montero (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Alitalia (1) Amoroso (1) Andrew Brazhevsky (1) Angelo Panebianco (1) Angelo Salento (1) Angelo di Carlo (1) Antonio Guarino (1) Ars Longa (1) Ascheri (1) Augusto Graziani (1) BRI (1) Baath (1) Banca mondiale (1) Basilicata (1) Belgio (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bilderberg (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Boikp Borisov (1) Bolkestein (1) Borotba (1) Bretagna (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) CISL (1) CLN (1) CUB (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carc (1) Carchedi (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Davide Bono (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Der Spiegel (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) Donbass (1) ECO (1) Eco della rete (1) Elctrolux (1) Elinor Ostrom (1) Emmeffe (1) Enrico Grazzini (1) Erdogan (1) Eugenio Scalgari (1) F.List (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabriano (1) Fabrizio Tringali (1) Favia (1) Ferrero (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Finlandia (1) Fiorito (1) Foligno (1) Francesca Donato (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Fratelli d'Italia (1) Freente Civico (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Gaza (1) Genova (1) George Soros (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gianni Ferrara (1) Giorgio Gattei (1) Giuli Sapelli (1) Giulio Girardi (1) Giuseppe Pelazza (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Goldman Sachs (1) Gramsci (1) Guido Lutrario (1) Guido Viale (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hezbollah (1) Hollande (1) ISIL (1) Ida Magli (1) Il tramonto dell'euro (1) Indesit (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) James Holmes (1) Javier Couso Permuy (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Luc Mélenchon (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jens Weidmann (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) João Ferreira (1) Jugoslavia (1) Juncker (1) Kruhman (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Legge Severino (1) Lenin (1) Lidia Undiemi (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) Luciano B. Caracciolo (1) Luciano Canfora (1) Luciano Vasapollo (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Maastricht (1) Mali (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Marcello Barison (1) Marchionne (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Margarita Olivera (1) Maria Rita Lorenzetti (1) Mario Draghi (1) Martin Wolf (1) Massimo Bontempelli (1) Maurizio Alfieri (1) Mentana (1) Merloni (1) Michael Jacobs (1) Michele Berti (1) Milton Friedmann (1) Mincuo (1) Moldavia (1) Monicelli (1) Morgan Stanley (1) Morya Longo (1) Nadia Garbellini (1) Naji Al-Alì (1) Nepal (1) Nigel Farage (1) No e-45 autostrada (1) Noam Chomsky (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Pakistan (1) Paolo Becchi (1) Paolo Giussani (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Partito del Lavoro (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Piemonte (1) Piero Ricca (1) Piero valerio (1) Pil argentino (1) Pizzarotti (1) Poroshenko (1) Porto Recanati (1) Preve (1) Profumo (1) Puglia (1) Putin (1) Quantitative easing (1) Quisling (1) Raffaele Ascheri (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Riccardo Bellofiore (1) Riccardo Terzi (1) Rizzo (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Musacchio (1) Rodoflo Monacelli (1) Romney (1) SInistra popolare (1) Said Gafurov (1) Salvatore D'Albergo (1) Salvini (1) Sapir (1) Sebastiano Isaia (1) Sergio Bellavita (1) Sergio Bologna (1) Six Pack (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Standard & Poor's (1) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (1) Stefano Fassina (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Storace (1) Sudafrica (1) TPcCSA (1) Thatcher (1) Tonguessy (1) Torino (1) Transnistria (1) Trichet (1) Trilateral (1) Troika (1) Two Pack (1) UGL (1) UIL (1) USB (1) Udc (1) Ungheria (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) Vagelis Karmiros (1) Veltroni (1) Viale (1) Viktor Orban (1) Viktor Shapinov (1) Vincenzo Sparagna (1) Visco (1) Vittorio Bertola (1) Vladimiro Giacchè (1) W. Streeck (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Wen Jiabao (1) Zizek (1) Zolo (1) al-Durri (1) al-Fatah (1) alleanze (1) alt (1) amnistia (1) andrea zunino (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) ateismo (1) austria (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) censis (1) chokri belaid (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) corruzione (1) cristianesimo (1) david harvey (1) decescita (1) denaro (1) depressione (1) divorzio banca d'Italia Tesoro (1) elezioni anticapte (1) enav (1) enel (1) ennahda (1) estremismo (1) euroi (1) export (1) facebook (1) fallimenti (1) felicità (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fisco (1) foibe (1) forza nuova (1) gennaro Migliore (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il fatto quotidiano (1) import (1) indulto (1) internazionalismo (1) intervista (1) italia (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge del valore (1) leva (1) libano (1) liberalizzazioni (1) lotta di classe (1) lula (1) maghreb (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manovra (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massimo fini (1) materialismo storico (1) mattarellum (1) memoria (1) militarismo (1) minijobs. Germania (1) modello spagnolo (1) negazionismo (1) noE-45 autostrada (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) olocausto (1) operaismo (1) parti de gauche (1) partiti (1) patto del Nazareno (1) piemme (1) polizia (1) poste (1) povertà (1) precarietà (1) primarie (1) privatizzazioni (1) programma UIKP (1) queswjepjelezioni (1) quinta internazionale (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) riformismo (1) risve (1) scie chimiche (1) sciopero (1) seisàchtheia (1) seminario (1) senato (1) serbia (1) sindalismo di base (1) sinistra critica (1) social forum (1) social media (1) socialdemocrazia (1) società (1) sovrapproduzione (1) studenti (1) tango bond (1) tasso di cambio (1) teoloogia (1) terzigno (1) troll (1) uassiMario Monti (1) ueor (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vincolo di mandato (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)