CI VEDIAMO A ROMA IL 22 NOVEMBRE

sabato 31 dicembre 2011

PASSERA CORRADO E LE LIBERALIZZAZIONI

Il ministro Passera
Un gioco (politico) a somma positiva

di Alberto Bagnai


Il ministro Passera ha lamentato le incredibili resistenze incontrate dalle liberalizzazioni.

"Liberalizzazioni" è da qualche tempo il mantra di una certa sinistra (quella di destra). Ho cercato un giorno di farmi spiegare da un giovane brillante piddino cosa fossero esattamente.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 29 dicembre 2011

MARIO MONTI LO SABENISSIMO


«E che venga il crollo!»


di Marco Della Luna

Della Luna svolge un'analisi condivisibile ma giunge a conclusioni da tagliarsi le vene. "Ci vorrebbe la rivoluzione, ma questa è impossibile. Quindi tanto vale lasciare che tutto crolli. E poi che Dio ce la mandi buona". Perché una rivoluzione sia impossibile Della Luna non ce lo spiega. Si deve e può agire per non  perire sotto le macerie del capitalismo-casinò.

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 28 dicembre 2011

CROLLO IN TRE TAPPE

A forza di misure per sventare il default lo si determina

di Diego Valiante*

Molto realistico, secondo noi, lo scenario in tre tappe che prevede Valiante. A conferma che le misure di Monti non serviranno ad evitare il default. Solo che Valiante non giunge alla soluzione che proponiamo noi: un governo popolare che ripudi il debito, che ci faccia uscire dall'euro e nazionalizzi le banche. Egli resta prigioniero della narrazione euro-imperialista.

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 26 dicembre 2011

ANALISI DELLA MOSSA DELLA BCE

Capodanno senza botto

di Moreno Pasquinelli


U L T I M ' O R A

Due fatti accaduti questa mattina, 27 dicembre, a conferma della correttezza dell'analisi dell'articolo, ovvero che il prestito della Bce al sistema bancario europeo non sortisce gli effetti sperati. Primo fatto: lo spread Btp-Bund ha toccato il massimo di 520 punti, portando gli interessi al record del 7% (la famigerata soglia pre-default). Secondo fatto: record storico anche per i depositi overnight delle banche presso lo sportello Bce.
Le banche, lungi dal far circolare i soldi prestati dalla Bce, "... hanno infatti parcheggiato complessivamente 411,8 miliardi, contro i 347 miliardi di giovedi' scorso, a riprova del persistere delle tensioni sul mercato interbancario. Gli istituti preferiscono infatti ricorrere allo sportello Bce, pur remunerato soltanto allo 0,25%, piuttosto che prestarsi fondi tra loro a tassi piu' elevati. Il precedente top storico risaliva al giugno 2010 e si attestava a 384,3 miliardi". (Il Sole 24 Radiocor). Quindi: le banche, italiane comprese, continuano a sbarazzarsi dei titoli italiani, aggravando il rischio di default sul debito sovrano; d'altra parte, non prestano soldi fra loro, ci dicono che ritengono alta la probabilitá di una serie di bancarotte banacarie.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 24 dicembre 2011

SOLLEVAZIONE CRESCE

AUGURI A TUTTI VOI, AUGURI A TUTTI NOI


Qui accanto la curva dei nostri lettori  fornitaci da blogspot. Più esattamente, la cifra riguarda il numero di letture degli articoli. Come si può vedere nel giro di un anno esse sono raddoppiate, con un balzo evidente dal mese di luglio in poi: da ventimila letture mensili a quaranta mila. da luglio in poi, ovvero da quando è esploso in tutta la sua virulenza il bubbone delle crisi del debito.

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 23 dicembre 2011

MPL-DIBATTITO (2): VERSO L'ASSEMBLEA DEL 4-5 FEBBRAIO

«Ce la possiamo fare»

di Ludovico Fulci

Lunedì scorso abbiamo pubblicato il primo contributo in vista della prossima Assemblea nazionale costituente del MPL. Qui sotto il secondo. Ringraziamo Ludovico per la chiarezza delle sue proposte, che in larga parte condividiamo. Solo tre osservazioni, in ordine di importanza.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 22 dicembre 2011

INCHIESTA SUI SALARI IN ITALIA

Tabella n.1. Clicca per ingrandire
Quando la lotta di classe la fanno loro


di Pasquinelli Moreno


Il Corriere della Sera di oggi, 22 dicembre, a firma  di Enrico Marro, pubblica un breve studio sui salari e gli stipendi nel nostro paese. La morale della favola è che occorre più flessibilità, più deregolamentazione, così si avrà più produttività. Peccato che la morale faccia a pugni con la favola.

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 21 dicembre 2011

PERCHÉ L'INGHILTERA NON CROLLA?

«La perfida Albione»?



di Alberto Bagnai*


Come sempre un arguto articolo dell'amico Bagnai che spiega le ragioni per cui il Regno Unito si regge in piedi meglio di noi. Tra queste ragioni vi è quella che conserva a denti stretti la sovranità monetaria e, stando fuori dall'euro, non ne paga tutte le nefaste conseguenze. E poi in Inghilterra c'è la City, la seconda borsa più importante al mondo, ed è interesse della finanza predatoria globale che la propria piazzaforte non venga travolta. Ma il fatto che addirittura il 35% del Pil inglese sia imperniato sulle attività finanziarie e speculative dice solo che la crisi lassù arriverà più tardi, quando essa tornerà a graffiare negli Usa. Ma per questo sarà più devastante.

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 20 dicembre 2011

ANCORA DUBBI SULL'USCITA DALLA UE?

un filmato tedesco davvero istruttivo

ESM: L'ULTIMO GOLPE DEGLI OLIGARCHI EUROPEI

di SOLLEVAZIONE

Abbiamo sostenuto che Le decisioni del vertice europeo del 9 dicembre sono state un sostanziale fiasco in quanto esso non è riuscito ad adottare le quattro fondamentali misure attese dai pescecani dei mercati finanziari.

Continua »

Print Friendly and PDF

NON E' SUFFICIENTE

Note sulla seconda assemblea nazionale 
del coordinamento "No debito"









di Massimo De Santi

L'Assemblea di Roma "No debito No Monti", svoltasi Sabato 17 dicembre a Roma, è stata sicuramente un momento importante per far incontrare Comitati locali, gruppi, associazioni, partiti, movimenti che si battono contro il pagamento del debito e che si sono  costituiti negli ultimi mesi.

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 19 dicembre 2011

MPL-DIBATTITO: VERSO L'ASSEMBLEA DEL 4-5 FEBBRAIO

«Un Fronte ampio?
Inclusivo fino a chi?»

di Lamberto Tonini

cari compagni,

ho letto attentamente la bozza di manifesto del Movimento Popolare di Liberazione.
Anzitutto i miei complimenti. In poche pagine siete riusciti a dire l'essenziale, l'essenziale di quel che in questo paese occorrerebbe fare per imprimere una svolta. Intendo i sei punti o le sei misure fondamentali da adottare contenute nel capitolo "Fronte ampio e governo popolare".

Continua »

Print Friendly and PDF

domenica 18 dicembre 2011

L'UOVO DEL SERPENTE

Il Marco tedesco ai tempi di Weimar
Rammentarsi delle cose non ancora avvenute rivelando le passate

di Maurizio Fratta


Le ho ritrovate qualche sera fa in una busta, sepolte da carte e foto di famiglia, in fondo ad un cassetto.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 17 dicembre 2011

ROSSANDA BALBETTA

Rossana Rossanda
La rotta d'Europa e la sinistra in rotta


di Piemme


Su il manifesto del 19 luglio Rossana Rossanda pubblicò uno dei suoi lunghi pistolotti dal titolo ambivalente «La rotta d'Europa». Si trattava di una specie di piagnisteo che si concludeva in un meschino interrogativo: "Sperammo anche noi comunisti nell'Unione europea, non vorremmo esserci sbagliati".

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 16 dicembre 2011

MOVIMENTO POPOLARE DI LIBERAZIONE

PER EVITARE LA CATASTROFE SOCIALE
LA VIA MAESTRA E' IL SOCIALISMO


Manifesto del M.P.L.

adottato dalla prima Assemblea nazionale (marzo 2012)


Rompendo gli indugi

L’Assemblea di Chianciano Terme del 22-23 ottobre “Fuori dal debito! Fuori dall’Euro” adottò per acclamazione una mozione che istituiva un «Comitato di coordinamento nazionale provvisorio con l’incarico di preparare una seconda assemblea entro la fine di gennaio 2012», e di stilare, in vista di quest’ultima, «una bozza di Manifesto».

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 15 dicembre 2011

SUL CONGRESSO DI RIFONDAZIONE


Il tubetto di dentifricio
di Leonardo Mazzei
L'ottavo congresso del Prc è ormai consegnato agli archivi. Ci eravamo chiesti (vedi Lettera aperta ai compagni e alle compagne di Rifondazione Comunista) se il Prc sarebbe stato capace di cogliere la possibilità di una svolta politica, dettata dal nuovo contesto segnato dal golpe bianco che ha portato al potere Monti e la sua cricca di «professori».

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 14 dicembre 2011

UNIONE EUROPEA O DELL' IMPERIUM ŒCONOMICUM

Dalla Res publica alla dittatura del mercato

di Franco Russo*

Pubblichiamo volentieri questo breve e denso saggio, necessario per capire a quale ordine giuridico corrisponda l'Unione europea. In maniera limpida vengono spiegati i passaggi che hanno portato al dissolvimento sostanziale degli stati-nazione, rimpiazzati da un nuovo tipo di dominio imperiale. Ringraziamo il compagno Franco Russo per averci concesso di pubblicare il saggio.

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 13 dicembre 2011

IL DEBITO COME PARADIGMA SOCIALE

La fabbrica dell’uomo indebitato


Maurizio Lazzarato*


In Europa la lotta di classe, così come è accaduto in altre regioni del mondo, si manifesta e si concentra oggi intorno al debito. La crisi del debito minaccia anche gli Stati Uniti e il mondo anglosassone, paesi dai quali ha avuto origine non solo l’ultimo crollo finanziario, ma anche e soprattutto il neoliberismo.

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 12 dicembre 2011

LE DECISIONI DEL VERTICE EUROPEO

Il pasticciaccio

di Moreno Pasquinelli

Scrivevo giovedì scorso, mentre aveva inizio il Vertice europeo del 8-9 dicembre: «Scommetto dunque che il Summit sarà l'ennesimo fiasco. Se una pezza verrà messa, allontanerà il collasso non di un anno, ma di un mese. Ammesso che una pezza venga messa o che, nel loro sbandamento, i governanti europei non se ne escano addirittura con una pezza peggiore del buco». [Euro de profundis].

Continua »

Print Friendly and PDF

RIVOLUZIONE DEMOCRATICA: IN MEMORIA DI MASSIMO BONTEMPELLI

Resoconto di un incontro a Salerno
di Nello De Bellis

Si è svolta a Salerno il 28 ottobre scorso la presentazione di Rivoluzione Democratica nell'ambito di un convegno sul tema: "Europa tra mito e realtà, fuori dal debito, fuori dall'euro". Ha introdotto la prof. Anna Rotunno, ha moderato Nello De Bellis (in vece del dott.Franco Cantore, ammalato). Ospite e relatore su argomenti analoghi al seminario di Chianciano, Leonardo Mazzei, tra i soci fondatori di R.D.Nella sua introduzione, aperta e problematica, la correlatrice ha presentato l'associazione e il suo rappresentante invitandolo ad esplicitare le ragioni fondative di Rivoluzione Democratica, la dinamica dell'attuale crisi politica e finanziaria e i motivi della critica radicale all'Unione Europea.

Continua »

Print Friendly and PDF

domenica 11 dicembre 2011

UNA VOCE SOCIALISTA AL PARLAMENTO EUROPEO

L'irlandese Paul Murphy sfida Mario Draghi

Continua »

Print Friendly and PDF

PER UNA MONETA DEL POPOLO

La soluzione auritiana

di Luciano Garofoli
Riceviamo e pubblichiamo

Come il vostro Appello al Popolo anche questo MANIFESTO si rivolge a quelle persone pulite, indignate, schifate, a ancora con un minimo di DIGNITA’ umana e la voglia di lottare per dare un ben servito a tutti i Bnaksters del mondo uniti dallo stesso intento: concentrare tutta la ricchezza del pianeta in “mani forti e sicure” ovviamente le loro.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 10 dicembre 2011

DOVE CI PORTA MARIO MONTI

Illusioni e realtà della "manovra"

di Sergio Cesaratto e Lanfranco Turci

riceviamo e pubblichiamo

Vorremmo noi per primi illuderci che tutto questo servirà. Siamo ammirati della reazione dignitosa, quasi disciplinata, del popolo italiano: “speriamo che tutto questa serva e finisca il primo possibile”. Purtroppo riteniamo invece che questa manovra peggiorerà le cose.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 8 dicembre 2011

EURO DE PROFUNDIS

Il cruciale Summit europeo del 9 dicembre 2011
I governanti tedeschi sono stupidi?

di Moreno Pasquinelli

«De profùndis clamàvi ad te, Dòmine;
Dòmine, exàudi vocem meam.
Fiant àures tuæ intendèntes
in vocem deprecatiònis meæ»
.[1
]

Quando leggerete questo articolo saranno già note le conclusioni della riunione della Bce in corso oggi, 8 dicembre.

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 7 dicembre 2011

SERVIREBBE UN C.L.N.

La seconda morte della patria

di Stefano D'Andrea*

Riceviamo e pubblichiamo

Durante gli anni del fascismo, lo Stato italiano, unificato da pochi decenni con la violenza bellica, forgiò con le leggi la nazione e sviluppò un potente e violento nazionalismo. Il nazionalismo e l'alleanza scellerata con la Germania, non certo il semplice tradimento dell'8 settembre 1943, condussero alla (prima) morte della patria. I comunisti, e in generale i membri del CLN, si trovarono a combattere per ricostruire la patria.

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 6 dicembre 2011

«SALVA ITALIA»? NO GRAZIE!

La terapia Monti: come stanno davvero le cose?

di Leonardo Mazzei




L'omino della Trilateral lo ha implorato: lo si deve chiamare «Salva Italia». Ma il suo decreto passerà alla storia più prosaicamente come «Salvabanche». Per uno che è stato messo lì proprio per questo non è poi così disdicevole. Che poi le salvi veramente è tutto da vedere, diciamo che si sta impegnando.

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 5 dicembre 2011

L'EURO E IL DECLINO DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE ITALIANA

Raffronto tra la curva della produzione industriale
tedesca e italiana prima e dopo l'euro

Tanto per confermare ...

 ecco un bel grafico sul divario della produzione industriale dopo l'euro tra Italia e Germania, mandatomi dal Grande Bluff...*

Se si desidera conoscere l'ultima uscita dei Tedeschi sulla crisi dell'euro, bisogna leggere un'intervista del Financial Times al capo della Bundesbank, Jens Weidmann.
Si tratta sostanzialmente di questo: “Non c'è nessuna crisi dell'euro, c'è solo una crisi in vari paesi Europei, e sono tutti casi unici. In Grecia, hanno fatto troppi debiti.

Continua »

Print Friendly and PDF

domenica 4 dicembre 2011

L'EURO E IL SUICIDIO DELLA SINISTRA ITALIANA

Bilancio delle partecipazioni della Bce
[Fonte Der Spiegel/Bce 05/2011]
L'unica Bce buona è quella morta


di Alberto Bagnai*

A distanza di 3 mesi dalla pubblicazione sul Manifesto del mio articolo sull’uscita dall’euro, vorrei riproporlo nel mio forum col suo titolo originale (Il teorema della piscina) e commentarlo brevemente per vedere a che punto siamo. L’articolo era stato banalizzato da molti (a cominciare dalla redazione) come un manifesto a favore di “svalutazioni competitive”. Chiunque si documenti un minimo sa che il problema europeo è proprio dato dalle svalutazioni competitive... ma della Germania, non dell’Italia! L’intento dell’articolo non era nemmeno quello di “prevedere” la fine dell’euro, perché da prevedere c’era e c’è ben poco. Chiunque si documenti un minimo sa bene che sulla insostenibilità dell’euro si sono pronunciati i massimi economisti mondiali. E poi, è sotto gli occhi di tutti. Non c’è bisogno di prevedere, basta vedere.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 3 dicembre 2011

24/11/11: PERCHÉ BUNDESBANK SI E BANKITALIA NO?

Verso due monete "uniche"?24 novembre 2011
Strapotere tedesco
Alla faccia dello Statuto della Bce e dei Trattati europei


di Piero Valerio*

Sta passando in sordina ciò che è accaduto oggi nell'asta primaria di collocamento dei titoli di stato tedeschi, i famosi bund, che sono rimasti invenduti per il 35% del totale e sono stati comprati dalla Bundesbank, la banca centrale tedesca, ma in realtà si tratta di un vero e proprio scandalo.

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 2 dicembre 2011

PANZANE: «SE TORNIAMO ALLA LIRA MORIREMO DI FAME»

Anche le banche italiane fanno di conto simulando la fine dell'euro. Ecco il tasso di cambio prevedibile

di SOLLEVAZIONE

L’economia è una materia ostica ai più, per cui capita spesso che se ne parli a sproposito.
Con la finanziarizzazione le cose sono diventate ancora più complicate. Tuttavia c’è chi si avventura nel labirinto e, privo del filo d’Arianna, finisce per perdersi, pronunciando clamorose corbellerie.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 1 dicembre 2011

L'ISLANDA, GUARDA CASO L'ISLANDA..

Democrazia nello stato ebraico..
...E' IL PRIMO PAESE OCCIDENTALE A RICONOSCERE LA PALESTINA

di Reuters*

«Martedì scorso il parlamento islandese ha votato a favore del riconoscimento dei Territori Palestinesi come stato indipendente, il primo paese dell'Europa occidentale a farlo, secondo il Ministro degli Esteri islandese. Simbolicamente, la misura è passata nella giornata annuale dell'ONU della solidarietà con il popolo palestinese.

Continua »

Print Friendly and PDF

Google+ Followers

Lettori fissi

Temi

crisi (506) euro (383) economia (365) Unione europea (338) sinistra (269) finanza (225) sfascio politico (215) resistenza (200) risveglio sociale (181) internazionale (167) Movimento Popolare di Liberazione (162) seconda repubblica (158) alternativa (153) teoria politica (143) elezioni (137) banche (135) M5S (109) imperialismo (96) berlusconismo (89) Grillo (85) sollevazione (84) destra (83) antimperialismo (82) proletariato (80) sovranità nazionale (77) debito pubblico (76) marxismo (75) Mario Monti (68) democrazia (67) sindacato (59) PD (57) sovranità monetaria (55) Leonardo Mazzei (53) grecia (53) Rivoluzione Democratica (52) Libia (51) Movimento dei forconi (49) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (48) fiat (47) Matteo Renzi (46) Stati Uniti D'America (45) Emiliano Brancaccio (43) Moreno Pasquinelli (42) austerità (41) solidarietà (39) capitalismo (38) proteste operaie (38) rifondazione (38) astensionismo (37) inchiesta (35) socialismo (35) azione (33) costituzione (32) islam (32) Nichi Vendola (31) unità anticapitalisa (31) 9 dicembre (30) Siria (30) Germania (29) Medio oriente (28) egitto (28) Assemblea di Chianciano terme (27) bce (27) sionismo (27) menzogne di stato (26) palestina (26) Alberto Bagnai (25) capitalismo casinò (25) filosofia (25) fiscal compact (25) geopolitica (25) Sicilia (24) fiom (24) guerra (23) napolitano (23) spagna (23) moneta (22) Israele (21) Europa (20) Tsipras (20) Francia (19) campo antimperialista (19) liberismo (19) Forum europeo (17) Mariano Ferro (17) Tunisia (17) default (17) ecologia (17) etica (17) legge elettorale (17) sovranità popolare (17) Assisi (16) Chianciano Terme (16) Enrico Letta (16) immigrati (16) silvio berlusconi (16) Marcia della Dignità (15) Mario Draghi (15) neofascismo (15) 15 ottobre (14) Sel (14) Syriza (14) globalizzazione (14) repressione (14) Lega (13) fronte popolare (13) Cremaschi (12) religione (12) 14 dicembre (11) MMT (11) Negri (11) cina (11) nazionalismi (11) pace (11) populismo (11) Bagnai (10) OLTRE L'EURO (10) Ucraina (10) ambiente (10) iniziative (10) iran (10) sinistra sovranista (10) storia (10) vendola (10) Aldo Giannuli (9) Chavez (9) Fiorenzo Fraioli (9) Pier Carlo Padoan (9) Russia (9) decrescita (9) neoliberismo (9) obama (9) AST (8) Algeria (8) Art. 18 (8) Bersani (8) Brancaccio (8) Goracci (8) Ingroia (8) Legge di stabilità (8) Marine Le Pen (8) Marino Badiale (8) Merkel (8) Mirafiori (8) Vincenzo Baldassarri (8) cultura (8) finanziaria (8) governo Renzi (8) keynes (8) nucleare (8) referendum (8) sovranismo (8) unità anticapitalista (8) Diego Fusaro (7) Esm (7) Forconi (7) Ilva (7) MMT. Barnard (7) Mimmo Porcaro (7) Movimento pastori sardi (7) Nello de Bellis (7) Perugia (7) Ugo Boghetta (7) Venezuela (7) acciaierie Terni (7) cinque stelle (7) complottismo (7) golpe (7) incontri (7) islanda (7) rivoluzione civile (7) scienza (7) taranto (7) umbria (7) Argentina (6) Articolo 18 (6) Bottega partigiana (6) Draghi (6) Ernesto Screpanti (6) Front National (6) Gaza (6) Monte dei Paschi (6) Regno Unito (6) Sergio Cesaratto (6) Wilhelm Langthaler (6) analisi politica (6) anarchismo (6) chiesa (6) comunismo (6) iraq (6) salari (6) salerno (6) Anguita (5) Bruno Amoroso (5) Costanzo Preve (5) Daniela Di Marco (5) De Magistris (5) Emmezeta (5) Gennaro Zezza (5) Il popolo de i Forconi (5) Lavoro (5) No Monti Day (5) No debito (5) Pcl (5) Quirinale (5) Terni (5) camusso (5) di Pietro (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) europeismo (5) finanziarizzazione (5) lira (5) magistratura (5) marxisti dell'Illinois (5) proteste (5) tasse (5) tremonti (5) ALBA (4) Alternative für Deutschland (4) Andrea Ricci (4) CGIL (4) CSNR (4) Casaleggio (4) Città della Pieve (4) Def (4) Eugenio Scalfari (4) Federalismo (4) Fmi (4) Giorgio Cremaschi (4) HAMAS (4) ISIS (4) Karl Marx (4) Kirchner (4) Landini (4) Lega Nord (4) Lucio Chiavegato (4) Nato (4) Portogallo (4) Prc (4) Sefano Rodotà (4) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (4) Stefano Fassina (4) ThyssenKrupp (4) Troika (4) Tyssenkrupp (4) Val di Susa (4) afghanistan (4) antifascismo (4) appello (4) arancioni (4) beni comuni (4) brasile (4) carceri (4) cipro (4) cristianismo (4) deficit (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) governo (4) irisbus (4) lotta di classe (4) media (4) nazione (4) no tav (4) piemme (4) pomigliano (4) presidente della repubblica (4) presidenzialismo (4) scuola (4) svalutazione (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) BRIM (3) Beppe De Santis (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) CLN (3) Cesaratto (3) Claudio Borghi (3) Claudio Martini (3) Comitato No Debito (3) Danilo Calvani (3) Dicotomia (3) Donbass (3) Enrico Grazzini (3) Felice Floris (3) GIAPPONE (3) Hollande (3) ISIL (3) Imu (3) Jacques Sapir (3) Jobs act (3) Kke (3) Laura Boldrini (3) Lupo (3) Magdi Allam (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Patrizia Badii (3) Piero Bernocchi (3) Pisapia (3) Poroshenko (3) Rete dei Comunisti (3) Six Pack (3) Stato di diritto (3) Stefano D'Andrea (3) Ttip (3) Turchia (3) Ungheria. jobbink (3) anarchici (3) bankitalia (3) bipolarismo (3) borsa (3) cuba (3) debitori (3) derivati (3) fratelli musulmani (3) il manifesto (3) inflazione (3) internazionale azione (3) internazionalismo (3) internet (3) italicum (3) laicismo (3) legge truffa (3) liberosambismo (3) partito (3) patrimoniale (3) ratzinger (3) sardegna (3) sinistra anti-nazionale (3) terremoto (3) trasporto pubblico (3) violenza (3) wikileaks (3) xenofobia (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) Abu Bakr al-Baghdadi (2) Agenda Monti (2) Alitalia (2) Angelo Salento (2) Antonello Cresti (2) Ars (2) Bahrain (2) Banca centrale europea (2) Barbara Spinelli (2) Berretti Rossi (2) Borotba (2) Brushwood (2) CISL (2) CUB (2) Cile (2) Contropiano (2) D'alema (2) Enea Boria (2) Fidesz (2) Forza Italia (2) Francesco Piobbichi (2) Francesco Salistrari (2) Frente civico (2) Frosinone (2) Frédéric Lordon (2) Giancarlo D'Andrea (2) Giulietto Chiesa (2) Grottaminarda (2) Lenin (2) Loretta Napoleoni (2) Marco Mainardi (2) Marco Passarella (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Marocco (2) Massimo Bontempelli (2) Michele Berti (2) Michele fabiani (2) Moldavia (2) Mussari (2) No e-45 autostrada (2) Norberto Fragiacomo (2) Oscar Lafontaine (2) Paolo Savona (2) Papa Francesco (2) PdCI (2) Pdl (2) Prodi (2) Putin (2) Quantitative easing (2) ROSSA (2) Salistrari (2) Salvini (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Stato (2) Stiglitz (2) Thissen (2) Titoli di stato (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) UIL (2) UKIP (2) USB (2) Yemen (2) bancocrazia (2) calunnia (2) casa pound (2) cinema (2) comitato di Perugia (2) corruzione (2) diritto di cittadinanza (2) disoccupazione (2) dollaro (2) donna (2) elezioni anticapte (2) energia (2) giovani (2) governicchio (2) indignati (2) indipendenza (2) industria italiana (2) irlanda (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) jihadismo (2) keynesismo (2) manifestazione (2) marina silva (2) necrologi (2) paolo vinti (2) pensioni (2) porcellum (2) razionalismo (2) risorgimento (2) sanità. spending review (2) saviano (2) sciopero (2) sindacalismo di base (2) sinistra critica (2) sme (2) sovrapproduzione (2) spesa pubblica (2) terzo polo (2) tv (2) uniti e diversi (2) università (2) uscita dall'euro (2) uscita di sinistra dall'euro (2) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A/simmetrie (1) Alavanos (1) Albert Einstein (1) Albert Reiterer (1) Alberto Montero (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Alessandro Di Battista (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Amoroso (1) Andrew Brazhevsky (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Antonella Stocchi (1) Antonio Guarino (1) Antonio Rinaldi (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Ars Longa (1) Ascheri (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) BRI (1) Baath (1) Banca mondiale (1) Bandiera rossa in movimento (1) Basilicata (1) Battaglione Azov (1) Belgio (1) Beppe Grillo (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bilderberg (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Boikp Borisov (1) Bolkestein (1) Bretagna (1) Brigate sovraniste (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carc (1) Carchedi (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Cernobbio (1) Cgia Mestre (1) Chișinău (1) Circo Massimo (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Davide Bono (1) Davide Serra (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Der Spiegel (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) ECO (1) Eco della rete (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Elinor Ostrom (1) Emmanuel Macron (1) Emmeffe (1) Erdogan (1) Eugenio Scalgari (1) F.List (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabriano (1) Fabrizio Tringali (1) Favia (1) Federica Aluzzo (1) Ferrero (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Finlandia (1) Fiorito (1) Foligno (1) Forum Ambrosetti (1) Francesca Donato (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Fratelli d'Italia (1) Freente Civico (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Genova (1) George Soros (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gianni Ferrara (1) Giorgio Gattei (1) Giuli Sapelli (1) Giulio Girardi (1) Giuseppe Pelazza (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Goldman Sachs (1) Goofynomics (1) Gramsci (1) Gran Bretagna (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) Guido Viale (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Hartz IV (1) Haver Analytics (1) Hezbollah (1) Ida Magli (1) Il tramonto dell'euro (1) Indesit (1) Italia dei valori (1) Izquierda Unida (1) J.Habermas (1) Jacques Nikonoff (1) James Holmes (1) James Petras (1) Javier Couso Permuy (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Luc Mélenchon (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jens Weidmann (1) Jeremy Rifkin (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Julio Anguita (1) Juncker (1) Kenneth Kang (1) Kolesnik Dmitriy (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kruhman (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Legge Severino (1) Lidia Undiemi (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) Ltro (1) Lucia Morselli (1) Luciano B. Caracciolo (1) Luciano Canfora (1) Luciano Vasapollo (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Maastricht (1) Maida (1) Mali (1) Manolo Monereo (1) Manolo Monero Pérez (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Marcello Barison (1) Marchionne (1) Marco Carrai (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Margarita Olivera (1) Martin Wolf (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio zaffarano (1) Mentana (1) Merk (1) Merloni (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Mihaly Kholtay (1) Milton Friedmann (1) Mincuo (1) Monicelli (1) Morgan Stanley (1) Morya Longo (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Nadia Garbellini (1) Naji Al-Alì (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) Nigel Farage (1) Noam Chomsky (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Pakistan (1) Paolo Barnard (1) Paolo Becchi (1) Paolo Ferrero (1) Paolo Giussani (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Partito del Lavoro (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Piemonte (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pil argentino (1) Pil italiano (1) Pizzarotti (1) Podemos (1) Porto Recanati (1) Preve (1) Profumo (1) Puglia (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) Raffaele Ascheri (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Riccardo Achilli (1) Riccardo Bellofiore (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Rizzo (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Musacchio (1) Rodoflo Monacelli (1) Romney (1) SInistra popolare (1) Said Gafurov (1) Salmond (1) Salvatore D'Albergo (1) Sapir (1) Scottish National Party (1) Sebastiano Isaia (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bellavita (1) Sergio Bologna (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Standard & Poor's (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Storace (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) TPcCSA (1) Tasi (1) Teoria Monetaria Moderna (1) Thatcher (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Tltro (1) Tonguessy (1) Torino (1) Transnistria (1) Trichet (1) Trilateral (1) Two Pack (1) UGL (1) Udc (1) Ungheria (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Veltroni (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Orban (1) Viktor Shapinov (1) Vincenzo Sparagna (1) Visco (1) Vittorio Bertola (1) Vladimiro Giacchè (1) Vladimiro Giacché (1) W. Streeck (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Wen Jiabao (1) Ytzhac Yoram (1) Zizek (1) Zolo (1) al-Durri (1) al-Fatah (1) alleanze (1) alt (1) amnistia (1) andrea zunino (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) ateismo (1) austria (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) censis (1) chokri belaid (1) classi sociali (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) composizione di classe (1) cristianesimo (1) david harvey (1) decescita (1) denaro (1) depressione (1) divorzio banca d'Italia Tesoro (1) egolatria (1) elezioni anticipate (1) enav (1) enel (1) ennahda (1) estremismo (1) euroi (1) export (1) facebook (1) fallimenti (1) felicità (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fisco (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) forza nuova (1) gennaro Migliore (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il fatto quotidiano (1) import (1) indulto (1) intervista (1) intimperialismo (1) islamofobia (1) italia (1) kafir (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge del valore (1) leva (1) libano (1) liberalizzazioni (1) lula (1) maghreb (1) maidan (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manovra (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massimo fini (1) materialismo storico (1) mattarellum (1) megalamania (1) memoria (1) mercantislismo (1) militarismo (1) minijobs. Germania (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) nazismo (1) negazionismo (1) noE-45 autostrada (1) nobel (1) norvegia (1) nuovo movimento politico (1) occupy wall street (1) olocausto (1) operaismo (1) parti de gauche (1) partiti (1) patto del Nazareno (1) polizia (1) poste (1) povertà (1) precarietà (1) primarie (1) privatizzazioni (1) programma UIKP (1) protezionismo (1) queswjepjelezioni (1) quinta internazionale (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) riformismo (1) risve (1) riunioni regionali (1) scie chimiche (1) seisàchtheia (1) seminario (1) senato (1) serbia (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra anticapitalista (1) social forum (1) social media (1) socialdemocrazia (1) società (1) stress test (1) studenti (1) takfir (1) tango bond (1) tasso di cambio (1) teoloogia (1) terzigno (1) trasporto aereo (1) troll (1) uassiMario Monti (1) ueor (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vincolo di mandato (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)