DRAGHI, VENIAMO A CONSEGNARTI IL FOGLIO DI VIA

sabato 31 luglio 2010

UN PRONOSTICO (SCOMODO) SULLA VICENDA FIAT

MARCHIONNE FA LA LOTTA DI CLASSE MENTRE GLI OPERAI...

di Piemme

«Morale della favola. Non avremo la guerra mondiale sul caso FIAT, alla fine la burocrazia della FIOM, pur non firmando niente, chiuderà non uno, ma due occhi, evitando di mettere i bastoni tra le ruote al tritasassi padronale. Futuro cupo? Nient'affatto! Futuro burrascoso. Il regime neoschiavista, la fascistizzazione (o sterilizzazione) dei sindacati, causeranno prima di quanto si pensi micro-conflittualità diffusa e extra-sindacale, e questa sfocerà in una  tempesta di classe, trovando forme nuove per rappresentarsi politicamente. Avvenne negli anni '20. Riavvenne negli anni '60. Avverrà di nuovo».

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 30 luglio 2010

«DI CHE SCIENZA STIAMO PARLANDO?» - dibattito sulla crisi e sulla crisi degli economisti

Altro che "empirismo"!
DALLA CRISI TEORICA DEGLI ECONOMISTI ALLA CRISI ECONOMICA DEL CAPITALISMO. ANDATA E RITORNO

di Michele Fabiani*


In un recente articolo Moreno Pasquinelli si interroga intorno ad un quesito davvero interessante: è più grave la crisi economica del capitalismo o quella teorica degli economisti? In realtà una risposta Pasquinelli non ce la dà, anzi si limita semplice ad attaccare, con successo (ma va detto che l’impresa non era poi troppo difficile), la povertà per ora solo teorica degli economisti borghesi, riferendosi in particolare ad un intervento di Antonio Guarino su Il Sole 24 ore.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 29 luglio 2010

PER SOVRAPPRODUZIONE O PER SOTTOCONSUMO?

l'Appello dei 100 economisti e le cause delle crisi capitalistiche

(prima parte)

di Moreno Pasquinelli


Neo-liberisti e neo-keynesiani

Torniamo, ce lo eravamo ripromessi, sull’Appello dei cento economisti del giugno scorso. I seguaci a vario titolo delle dottrine liberiste, demonizzandolo come un “appello marxista” hanno eretto un pirotecnico fuoco di sbarramento, di cui si trova traccia nei giornali, in rete ma il cui epicentro risiede nel mondo accademico e universitario. In prima linea contro i Cento si sono schierate le truppe dei  bocconiani (tipo Tito Boeri, Giavazzi, Ichino, e Perotti) supportati dagli “emigrati” in USA (orfani del loro mito che gli Stati Uniti sarebbero la patria del puro capitalismo o liberismo) ma molto influenti in italia (Bolbrin, Bisin, Alesina).

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 28 luglio 2010


Il pensiero danzante di Lord Keynes

di Toni Negri

Serio e denso questo intervento di Toni Negri, che volentieri pubblichiamo, pur segnalando di non condividere la sua tesi del "comunismo del capitale", ovvero sul "capitalismo cognitivo" e il "lavoro immateriale": Concetti sui quali ci ripromettiamo di tornare.

«Salvare il capitalismo riconoscendo il potere degli operai. Questo l’obiettivo dell’economista inglese. Ma il conflitto di classe ha mandato in frantumi quel fragile equilibrio

Continua »

Print Friendly and PDF

Quel 27 febbraio 2004

Il marxismo vivo di Paul Sweezy

di Lucio Manisco

«Stiamo registrando un nuovo esercizio di tendenza del capitale a trasferirsi non tanto verso la produzione di beni e servizi utili, quanto verso la manipolazione del denaro, della speculazione, naturalmente per produrre altro denaro senza l'intermediazione del processo di produzione. Il che conduce direttamente ad una crescita incredibile del debito, allo sviluppo sfrenato dei mercati finanziari e delle bolle speculative. Stupefacenti i limiti raggiunti dal fenomeno, che appare destinato a provocare una sua propria forma di crollo, ma che sarà di tipo completamente nuovo rispetto alle crisi del passato».

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 26 luglio 2010

Protezionismo: chi spaventa chi?

COSA SI CELA DAVVERO DIETRO ALLA VICENDA FIAT

Star coi frati a zappar l’orto


di Moreno Pasquinelli

Mario Deaglio, oltreché docente di economia internazionale all’università di Torino, è considerato, tra gli economisti italiani, un vero e proprio luminare. Frequenti sono i suoi interventi su organi di stampa e nelle Tv. Si distingue per i suoi giudizi sempre misurati, sembra ispirati all’idea che il giusto sta sempre … nel giusto mezzo. Ci sono tuttavia vicende che o stai di qua o stai di là, anzitutto quando è il committente che fa la voce grossa. La questione FIAT è una di queste.

Continua »

Print Friendly and PDF

domenica 25 luglio 2010

La FIAT e la Zastava


«I NUOVI SER(b)I DEL PADRONE»

di Cecilia Ferrara*

Era il maggio del 1999. I devastanti bombardamenti che la NATO e l'Italia di D'Alema rovesciarono sulla Jugoslavia, si erano appena conclusi. Alcuni di noi facavano parte della delegazione che si recò a Kraguievac, a portare la solidarietà degli operai italiani a quelli della Zastava sventrata dalle bombe imperialiste (vedi foto). Di quella delegazione facevano parte diversi operai FIAT, anzitutto dell'Alfa di Arese. Visitammo gli impianti distrutti, ci incontrammo coi delagati sindacali, mentre centinaia di operai serbi, a mani nude, stavano disperatamente rimettendo a posto i capannoni devastati dalle bombe ad uranio impoverito. Alcuni di essi, poi si saprà, moriranno a causa della contaminazioni.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 24 luglio 2010

FIAT: lettera di un operaio

«Caro Sergio, saremo noi a perdere»
 
di Massimiliano Cassaro
 
 
Caro Sergio, Non posso nascondere l’emozione provata quando ho trovato la sua missiva, ho pensato fosse la comunicazione di un nuovo periodo di cassa integrazione e invece era la lettera del «padrone», anzi, chiedo scusa: la lettera di un collega. Ho scoperto che abbiamo anche una cosa in comune, siamo nati entrambi in Italia. Mi trova d’accordo quando dice che ci troviamo in una situazione molto delicata e che molte famiglie sentono di più il peso della crisi.

Continua »

Print Friendly and PDF

la vicenda FIAT Mirafiori secondo un autorevole sociologo

IL DUMPING DI MARCHIONNE
di Luciano Gallino*

Più sotto un altro intervento di Gallino: «Pomigliano. La globalizzazione dell'operaio. Cos'è il World Class Manufacturing»


Quattro anni fa, settembre 2006, Sergio Marchionne dichiarava prima in un discorso all´Unione Industriale di Torino, poi in un´intervista a questo giornale, che «il costo del lavoro rappresenta il 7-8 per cento». «E dunque – aggiungeva – è inutile picchiare su chi sta alla linea di montaggio pensando di risolvere i problemi». Per contro ieri annuncia che, tutto sommato, ritiene necessario picchiare proprio su chi sta alla linea. E le ragioni per farlo sembrano primariamente connesse al costo del lavoro.

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 23 luglio 2010

Pomiglianisti di tutt'Italia, unitevi!

MIRAFIORI : L'ULTIMA MOSSA DI MARCHIONNE

di Moreno Pasquinelli

L'annuncio che la nuova monovolume FIAT sarà prodotta nello stablimento serbo di Kraguievac, e non più a Mirafiori è un bluff o una cosa seria? Per quanto possa sembrare paradossale, entrambi. Il fatto che questa notizia sia stata data dalla sede della Chrisler a Detroit (dove si è deciso lo spin off nella holding tra il settore auto e il resto), simoboleggiando che è negli USA e non più a Torino il centro della multinazionale, di certo rafforza i timori che Marchionne faccia sul serio. I 16mila dipendenti torinesi (di cui la metà operai di linea) più una quota ancor maggiore di salariati dell'indotto gettati sul lastrico? Marchionne si accomodi, getti pure benzina sul fuoco del conflitto sociale, vedremo se la pace sociale reggerà all'urto.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 22 luglio 2010

DI CHE SCIENZA STIAMO PARLANDO?

È più grave la crisi economica del capitalismo o quella teorica degli economisti?

In risposta a Antonio Guarino

di Moreno Pasquinelli

Che l’ultima crisi economica sia una cosa serissima lo si vede anche dagli effetti teorici collaterali: nessuna delle recessioni recenti aveva mobilitato come questa le truppe speciali mentali del sistema. Centinaia di economisti, accademici o addirittura premi Nobel, disquisiscono da almeno tre anni sulle cause della crisi, sulle terapie per uscirne, nonché sull’efficacia delle misure poste in essere dai governi. Testate come Financial Times, Economist, Wall Street Journal e, da noi, Il Sole 24 Ore, pubblicano un giorno sì e l’altro no, interventi e contro-interventi. Il risultato è una vera e propria Babele. Tutti contro tutti. «La conclusione è sconcertante: gli economisti sono divisi in tribù: liberisti, post-keynesiani, marxisti, monetaristi, sraffiani, neoclassici; e non si mettono d’accordo su nulla». (1)

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 21 luglio 2010

Vendola in orbita, Ferrero nel pallone

Ex (?) bertinottiani: due strade diverse, forse contrapposte, ma unite nel non rispondere alle domande dell’oggi

di Leonardo Mazzei  
 
Nichi Vendola si è montato la testa e vuol fare il presidente del Consiglio; Ferrero, più modestamente, si accontenterebbe di vivacchiare riportando in parlamento una sua pattugglietta, meglio (parole sue) se «ininfluente sugli assetti governativi».

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 20 luglio 2010

Che pensa Bersani di Chavez? Cose demenziali

PAROLE IN LIBERTÁ? 
CALURA ESTIVA?  
O TRAGICA IRRESPONSABILITÁ?

riceviamo e volentieri pubblichiamo

di Aldo Zanchetta 

Il segretario del PD Bersani a volte ha battute simpatiche, da caffe
paesano. Mi immagino un contadino padano con camicia a scacchi, viso rubicondo, naso leggermente avvinato, seduto al caffè del paese a scambiare due chiacchiere e a improvvisare battute sul Berlusca. Il fatto è che il suddetto è anche segretario del partito di opposizione più forte (in numeri, non fraintendetemi). E quando la mattina al giornale radio sento le sue risposte alle quotidiane sparate di quello là, mi si accappona la pelle. Ma può essere un fatto allergico. Ogni tanto, ricordandosi di essere un politico di responsabilità nazionale, tenta di alzare però il livello delle sue battute, con qualche gaffe. Così pochi giorni fa si è avventurato nel mare periglioso della politica mondiale e ha sentenziato: "Non vorrei che dopo Berlusconi venisse fuori Chávez. O il Parlamento riprende il suo ruolo o non c'è libertà per nessuno".

Continua »

Print Friendly and PDF

lunedì 19 luglio 2010

L'Appello dei «Cento Economisti»

LA POLITICA RESTRITTIVA AGGRAVA LA CRISI,
ALIMENTA LA SPECULAZIONE E PUO’ CONDURRE ALLA DEFLAGRAZIONE DELLA ZONA EURO. SERVE UNA SVOLTA DI POLITICA ECONOMICA PER SCONGIURARE UNA CADUTA ULTERIORE DEI REDDITI E DELL’OCCUPAZIONE

Nel dibattito tra economisti, segnato dalla più radicale polivocità, nonché dall'assenza di una teoria della crisi degna di questo nome, l'Appello dei cento, che qui sotto pubblichiamo e diffuso il 16 giugno scorso, è stato immediatamente bollato come "marxista". In verità, quale che possa essere la visione del mondo di alcuni suoi singoli firmatari, l'Appello non pone in alcuna maniera la necessità della fuoriuscita dal  capitalismo. Per quanto riguarda il giudizio sulle cause della Crisi, esso fa propria la nota tesi sottoconsumistica: «Come è stato riconosciuto da più parti, questa crisi vede tra le sue principali spiegazioni un allargamento del divario mondiale tra una crescente produttività del lavoro e una stagnante o addirittura declinante capacità di consumo degli stessi lavoratori». La qual cosa svela il limite teorico più profondo dell'Appello medesimo, visto che sono errato i due postulati, ovvero il presunto aumento della produttività che la capacità di consumo dei lavoratori. Torneremo evidentemene sul tema, non senza notare che le tesi contenute nell'Appello degli accademici rappresentano la linea di fondo delle sinistre, anche quelle "radicali".

Continua »

Print Friendly and PDF

Viva la scienza!

A commento dell'intervento di Enzo Modugno 

di Giulio Bonali

In questa stucchevole e ripetitiva serie di gratuite e pregiudiziali sparate irrazionalistiche non credo si dimostri in alcun modo ciò che infatti è indimostrabile: l’ esistenza di un qualche nesso fra la (reale, effettiva) sussunzione del lavoro (prevalentemente) intellettuale di massa —divenuto sostanzialmente, nel suo insieme, lavoro salariato— al capitale e la pretesa (e inesistente, irreale: puramente e semplicemente falso essendo l’ affermarla) irrimediabile caduta nel dogmatismo (che ne è la pura e semplice negazione irrazionalistica!) del pensiero razionale in generale e matematico in particolare (e scientifico un po' meno in generale, un po' meno in particolare).

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 17 luglio 2010

contro il mito del «lavoro cognitivo e immateriale»

Sul feticismo della scienza
e il cosiddetto general intellect

di Enzo Modugno

«Con l'«organizzazione cibernetico-tecnica della scienza» infatti il sapere è diventato un algoritmo, si è reificato, si è autonomizzato, si è separato dall'«uomo che pensa», gli si è contrapposto come «ratio estraniata», come mezzo di produzione e prodotto di un nuovo capitale che lo ha ridotto a lavoro mentale salariato.»

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 16 luglio 2010

Irlanda del Nord

Belfast: chiamatela pure «baby-rivolta»


«Da lunedì sera, da quando la rivolta è scoppiata, sono finiti all'ospedale 82 agenti. Gli hanno scaricato addosso di tutto e martedì notte, per la prima volta, contro di loro hanno sparato anche sei colpi di pistola. I ragazzi feriti sono trenta. Nessuno è grave».
Così LA STAMPA di ieri informava sulla improvvisa e inattesa rivolta dei giovani cattolici nordirlandesi, che ha suscitato scandalo tra la perbenista stampa inglese, poiché i protagonisti dei riots sarebbero stati non solo giovani vent'enni, ma giovanissimi di 12/13 anni.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 15 luglio 2010

Non c'è due senza tre

A PROPOSITO DELL'INTERVISTA DI D'ALEMA

Vale la pena leggere l'intervista rilasciata da D'alema al Corriere della Sera di oggi. La pena è in effetti la prima sensazione che essa suscita.
Egli afferma che sarebbe sbagliato andare alle elezioni anticipate, ovvero che sarebbe "dannoso" celebrare un referendum pro o contro Silvio Berlusconi. Da "politico con alto senso delle istituzioni" qual'è D'Alema pensa che l'Esecutivo berlusconi vada rimpiazzato con un governo di "larghe intese" che comprenda PD, UDC e i pezzi disponbili del PDL.
Ci risiamo! Riecco il  ribaltone

Continua »

Print Friendly and PDF

mercoledì 14 luglio 2010

A volte ritornano

DALL' INGRAISMO CI SI POTRÁ MAI GUARIRE?

Domenica scorsa è apparso su il manifesto l'appello che pubblichiamo qui sotto. Ci pare evidente il carattere politicistico finanche bieco dell'iniziativa. Qual è il costrutto? Rimettere assieme i cocci dell'Arcobaleno, senza la più pallida riflessione autocritica sulle ragioni del suo fallimento (irreversibile). Solo una mossa per agganciare il vendolismo? Quale che siano gli scopi tattici dell'iniziativa, è lampante la pochezza politica del tutto. Siamo dentro alla più grave crisi sistemica del capitalismo dal dopoguerra e non si dice nemmeno una parola non tanto su cosa possa essere l'alternativa, ma nemmeno la si evoca più. Neanche una parola sulle dinamiche del conflitto sociale (Pomigliano ad esempio), come se un soggetto politico potesse sorgere solo come risultato della alchimie del ceto politico. La stessa analisi della crisi politica e istituzionale è aleatoria. Ne usciamo col ritorno al proporzionale? E' come chiudere la stalla quando i buoi sono già scappati. Milioni e milioni di cittadini, in gran parte proletari, hanno già voltato le spalle non solo alle loro rappresentanze, ma alle istituzioni in quanto tali. Siamo sicuri che vadano riportati all'ovile? Difendere la democrazia passa in questa fase per il rinvigorimento delle decrepite istituzioni liberali o per il loro superamento? I valori della Costituzione si difendono lasciando tutto come sta oppure, come noi pensiamo, ci vuole il coraggio di dire che occorre una nuova assemblea costituente?

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 13 luglio 2010

Chi è James Mattis

Obama sceglie «il macellaio di Falluja» alla testa delle forze armate imperiali

«L'uomo che il presidente americano ha scelto al posto di Petraeus per guidare il CentCom, il Comando Centrale delle Forze armate americane a Tampa, in Florida piace a tutti, a sinistra e a destra, ai politici e ai militari, ad analisti e commentatori. Si chiama James Mattis.» [Il Sole24Ore, 10 luglio]

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 9 luglio 2010

LA MINACCIA IRANIANA O LA MINACCIA AMERICANA?

Obama sulle orme di Bush

di Noam Chomsky

La grave minaccia dell’Iran è largamente riconosciuta come la crisi di politica estera più seria cui deve far fronte l’amministrazione Obama. Il Congresso ha appena rafforzato le sanzioni contro l’Iran, con penali ancor più severe contro le società estere.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 8 luglio 2010

Forum sociale europeo di Istanbul: perché è fallito

IL LEGNO STORTO

di Moreno Pasquinelli

 «E’ dunque chiaro perché il forum è sembrato una spedizione marziana, perché è scivolato come acqua sul corpo dilaniato della società turca. Gli europei pagano il prezzo della loro spocchia culturale, dell’aver scelto un paese senza l’umiltà di capirlo, di essersi infine affidati a forze locali in virtù, non della loro effettiva internità alla società turca, quanto della affinità culturale alla sinistra occidentale.»

Continua »

Print Friendly and PDF

martedì 6 luglio 2010

Pomigliano: la relazione di Mara Malavenda (Slai Cobas)

Dal No di Pomigliano al rifiuto della collaborazione sindacale coi padroni e governi
 
di Mara Malavenda

Pubblichiamo il testo della relazione introduttiva di Mara Malavenda all'assemblea nazionale svoltasi il 3 luglio all'Hotel Ramada (Napoli). La giustezza di gran parte delle critiche ai sindacati e alla FIOM, non toglie nulla ai nostri dubbi sia sull'approccio settario assunto dallo Slai verso la Fiom, che sull'analisi trionfalistica che vien fatta del referendum. L'ottimo risultato ottenuto dal NO non cambia la sostanza che il movimento dei lavoratori è debole e rimane sulla difensiva.

Continua »

Print Friendly and PDF

sabato 3 luglio 2010

STALLO
Note controcorrente sul casino italiano

di ERETICA*

Questo articolo venne pubblicato subito dopo le elezioni politiche  del 9 e 10 aprile del 2006. Il centro-sinistra ottenne un'esigua maggioranza (circa 24.000 voti su 38 milioni). Il berlusconismo si mostrava dunque non una mera meteora. L'articolo è un'indagine sul blocco sociale del centro-destra e spiega le ragioni per le quali il centro-sinistra avrebbe fallito nell'impresa di fronteggiarlo.

Continua »

Print Friendly and PDF

venerdì 2 luglio 2010

Nucleare

LE CINQUE MENZOGNE DA SMONTARE

di Leonardo Mazzei*


Due notiziole hanno riproposto negli ultimi giorni la questione del nucleare. La prima viene dagli Stati Uniti, dove il Senato del Vermont ha votato, per ragioni di sicurezza, la chiusura del suo reattore atomico nel marzo del 2012. La seconda viene dall’Italia, dove il ministro dell’istruzione Gelmini ha annunciato un programma per spiegare agli studenti la bontà dell’energia atomica.
Da una parte la realtà del nucleare che, nonostante i giganteschi sforzi della lobby che lo sostiene, proprio non ce la fa a rendersi credibile specie per quanto riguarda la sicurezza; dall’altra una propaganda odiosa quanto priva di veri argomenti. Ma siccome la propaganda c’è e non bada a spese, può essere utile concentrarsi sulle principali menzogne utilizzate dai sostenitori del nucleare.

Continua »

Print Friendly and PDF

giovedì 1 luglio 2010

Pomigliano: inseguendo la Corea


LA PANDA VAL BENE LA MESSA?

di Alfredo Recanatesi


La Panda è la Fiat che dà meno margini di guadagno. Scegliere di costruire qui un modello del genere, che le altre case producono nei paesi emergenti, significava di per sé dover ottenere condizioni del lavoro simili a quelle. Che poi, magari, saranno replicate in altri stabilimenti

Continua »

Print Friendly and PDF

Pomigliano: la proposta di Guido Viale

COME RICONVERTIRE L'INDUSTRIA DELL'AUTO? 

oltre il dogma dello sviluppo



di Guido Viale


Sia Eugenio Scalfari che Gianni Riotta, nei loro editoriali di domenica scorsa su Repubblica e ilsole24ore, hanno messo giustamente in evidenza il rapporto tra la vicenda di Pomigliano e la globalizzazione, come già aveva fatto Luciano Gallino pochi giorni prima. L'apertura dei mercati mondiali, che è l'essenza della globalizzazione, porta inevitabilmente a un livellamento dei salari e della produttività del lavoro, intesa come intensità dello sfruttamento, o, se vogliamo, dell'erogazione della prestazione. Cioè verso un miglioramento nei paesi emergenti o restituiti, come l'Est europeo, allo "sviluppo"; e verso un peggioramento nei paesi già industrializzati e "affluenti", tra cui l'Italia.

Continua »

Print Friendly and PDF

Google+ Followers

Lettori fissi

Temi

crisi (505) euro (381) economia (365) Unione europea (336) sinistra (268) finanza (225) sfascio politico (215) resistenza (198) risveglio sociale (181) internazionale (167) seconda repubblica (158) alternativa (153) Movimento Popolare di Liberazione (152) teoria politica (143) elezioni (137) banche (134) M5S (108) imperialismo (96) berlusconismo (89) Grillo (85) sollevazione (83) antimperialismo (82) destra (82) proletariato (80) debito pubblico (76) marxismo (75) sovranità nazionale (75) Mario Monti (68) democrazia (66) sindacato (59) PD (56) sovranità monetaria (54) grecia (53) Rivoluzione Democratica (52) Libia (51) Leonardo Mazzei (49) Movimento dei forconi (49) fiat (47) Matteo Renzi (45) Stati Uniti D'America (45) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (44) Emiliano Brancaccio (42) Moreno Pasquinelli (41) austerità (41) solidarietà (39) capitalismo (38) proteste operaie (38) rifondazione (38) astensionismo (37) inchiesta (35) socialismo (35) azione (33) islam (32) Nichi Vendola (31) costituzione (31) unità anticapitalisa (31) 9 dicembre (30) Siria (30) Germania (29) Medio oriente (28) egitto (28) Assemblea di Chianciano terme (27) sionismo (27) menzogne di stato (26) palestina (26) Alberto Bagnai (25) capitalismo casinò (25) filosofia (25) fiscal compact (25) geopolitica (25) Sicilia (24) bce (24) fiom (24) guerra (23) napolitano (23) spagna (23) moneta (22) Israele (21) Europa (20) Tsipras (20) Francia (19) campo antimperialista (19) liberismo (18) Forum europeo (17) Mariano Ferro (17) Tunisia (17) default (17) ecologia (17) etica (17) Assisi (16) Chianciano Terme (16) Enrico Letta (16) legge elettorale (16) silvio berlusconi (16) sovranità popolare (16) Marcia della Dignità (15) immigrati (15) 15 ottobre (14) Sel (14) Syriza (14) globalizzazione (14) repressione (14) neofascismo (13) Cremaschi (12) Lega (12) fronte popolare (12) religione (12) 14 dicembre (11) MMT (11) Mario Draghi (11) Negri (11) cina (11) nazionalismi (11) pace (11) populismo (11) Bagnai (10) OLTRE L'EURO (10) ambiente (10) iniziative (10) iran (10) sinistra sovranista (10) storia (10) vendola (10) Aldo Giannuli (9) Chavez (9) Fiorenzo Fraioli (9) Russia (9) Ucraina (9) decrescita (9) neoliberismo (9) obama (9) Algeria (8) Art. 18 (8) Bersani (8) Brancaccio (8) Goracci (8) Ingroia (8) Marine Le Pen (8) Marino Badiale (8) Merkel (8) Mirafiori (8) Pier Carlo Padoan (8) Vincenzo Baldassarri (8) cultura (8) keynes (8) nucleare (8) referendum (8) unità anticapitalista (8) AST (7) Esm (7) Forconi (7) Ilva (7) MMT. Barnard (7) Mimmo Porcaro (7) Movimento pastori sardi (7) Nello de Bellis (7) Perugia (7) Ugo Boghetta (7) Venezuela (7) cinque stelle (7) complottismo (7) golpe (7) governo Renzi (7) incontri (7) islanda (7) rivoluzione civile (7) scienza (7) sovranismo (7) taranto (7) umbria (7) Argentina (6) Articolo 18 (6) Bottega partigiana (6) Diego Fusaro (6) Draghi (6) Ernesto Screpanti (6) Front National (6) Gaza (6) Legge di stabilità (6) Monte dei Paschi (6) Regno Unito (6) Sergio Cesaratto (6) Wilhelm Langthaler (6) acciaierie Terni (6) analisi politica (6) anarchismo (6) chiesa (6) comunismo (6) finanziaria (6) iraq (6) salari (6) salerno (6) Anguita (5) Bruno Amoroso (5) Daniela Di Marco (5) De Magistris (5) Emmezeta (5) Gennaro Zezza (5) Il popolo de i Forconi (5) Lavoro (5) No Monti Day (5) No debito (5) Pcl (5) Quirinale (5) Terni (5) camusso (5) di Pietro (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) europeismo (5) finanziarizzazione (5) lira (5) magistratura (5) marxisti dell'Illinois (5) proteste (5) tasse (5) tremonti (5) ALBA (4) Alternative für Deutschland (4) Andrea Ricci (4) CGIL (4) CSNR (4) Casaleggio (4) Costanzo Preve (4) Def (4) Eugenio Scalfari (4) Federalismo (4) Fmi (4) Giorgio Cremaschi (4) HAMAS (4) ISIS (4) Karl Marx (4) Kirchner (4) Landini (4) Lucio Chiavegato (4) Nato (4) Portogallo (4) Prc (4) Sefano Rodotà (4) Stato islamico dell’Iraq e del Levante (4) Troika (4) Tyssenkrupp (4) Val di Susa (4) afghanistan (4) antifascismo (4) appello (4) arancioni (4) beni comuni (4) brasile (4) carceri (4) cipro (4) cristianismo (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) governo (4) irisbus (4) lotta di classe (4) media (4) nazione (4) no tav (4) piemme (4) pomigliano (4) presidente della repubblica (4) presidenzialismo (4) scuola (4) svalutazione (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) BRIM (3) Beppe De Santis (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Cesaratto (3) Claudio Borghi (3) Claudio Martini (3) Comitato No Debito (3) Danilo Calvani (3) Dicotomia (3) Donbass (3) Felice Floris (3) GIAPPONE (3) Hollande (3) ISIL (3) Imu (3) Jacques Sapir (3) Jobs act (3) Kke (3) Laura Boldrini (3) Lega Nord (3) Lupo (3) Magdi Allam (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Patrizia Badii (3) Piero Bernocchi (3) Pisapia (3) Rete dei Comunisti (3) Six Pack (3) Stato di diritto (3) Stefano D'Andrea (3) Stefano Fassina (3) ThyssenKrupp (3) Ttip (3) Turchia (3) Ungheria. jobbink (3) anarchici (3) bankitalia (3) bipolarismo (3) borsa (3) cuba (3) debitori (3) deficit (3) fratelli musulmani (3) il manifesto (3) inflazione (3) internazionale azione (3) internazionalismo (3) internet (3) italicum (3) laicismo (3) legge truffa (3) liberosambismo (3) partito (3) patrimoniale (3) ratzinger (3) sardegna (3) sinistra anti-nazionale (3) terremoto (3) trasporto pubblico (3) violenza (3) wikileaks (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) Abu Bakr al-Baghdadi (2) Agenda Monti (2) Alitalia (2) Angelo Salento (2) Antonello Cresti (2) Ars (2) Bahrain (2) Banca centrale europea (2) Barbara Spinelli (2) Berretti Rossi (2) Brushwood (2) CISL (2) CLN (2) CUB (2) Cile (2) Contropiano (2) D'alema (2) Enea Boria (2) Enrico Grazzini (2) Fidesz (2) Forza Italia (2) Francesco Piobbichi (2) Francesco Salistrari (2) Frente civico (2) Frosinone (2) Frédéric Lordon (2) Giancarlo D'Andrea (2) Giulietto Chiesa (2) Grottaminarda (2) Lenin (2) Loretta Napoleoni (2) Marco Mainardi (2) Marco Passarella (2) Maria Rita Lorenzetti (2) Marocco (2) Massimo Bontempelli (2) Michele Berti (2) Michele fabiani (2) Moldavia (2) Mussari (2) No e-45 autostrada (2) Norberto Fragiacomo (2) Oscar Lafontaine (2) Paolo Savona (2) Papa Francesco (2) PdCI (2) Pdl (2) Poroshenko (2) Prodi (2) Putin (2) Quantitative easing (2) ROSSA (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Scozia (2) Stato (2) Stiglitz (2) Thissen (2) Transatlantic Trade and Investment Partnership (2) UIL (2) UKIP (2) USB (2) Yemen (2) calunnia (2) casa pound (2) cinema (2) comitato di Perugia (2) corruzione (2) derivati (2) diritto di cittadinanza (2) disoccupazione (2) dollaro (2) donna (2) elezioni anticapte (2) energia (2) giovani (2) governicchio (2) indignati (2) indipendenza (2) industria italiana (2) irlanda (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) jihadismo (2) keynesismo (2) marina silva (2) necrologi (2) paolo vinti (2) pensioni (2) porcellum (2) razionalismo (2) risorgimento (2) sanità. spending review (2) saviano (2) sciopero (2) sindacalismo di base (2) sinistra critica (2) sme (2) sovrapproduzione (2) spesa pubblica (2) terzo polo (2) tv (2) uniti e diversi (2) università (2) uscita dall'euro (2) uscita di sinistra dall'euro (2) xenofobia (2) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 20-24 agosto 2014 (1) 25 aprile 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A/simmetrie (1) Alavanos (1) Albert Einstein (1) Albert Reiterer (1) Alberto Montero (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Alessandro Di Battista (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Amoroso (1) Andrew Brazhevsky (1) Angelo Panebianco (1) Angelo di Carlo (1) Antonella Stocchi (1) Antonio Guarino (1) Antonio Rinaldi (1) Antonis Ragkousis (1) Antonis-Ragkousis (1) Ars Longa (1) Ascheri (1) Athanasia Pliakogianni (1) Augusto Graziani (1) BRI (1) Baath (1) Banca mondiale (1) Bandiera rossa in movimento (1) Basilicata (1) Belgio (1) Beppe Grillo (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bilderberg (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Boikp Borisov (1) Bolkestein (1) Borotba (1) Bretagna (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bruno Vespa (1) Bulgaria (1) Calabria (1) Cambiare si può (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carc (1) Carchedi (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Cernobbio (1) Cgia Mestre (1) Chișinău (1) Circo Massimo (1) Città della Pieve (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Consiglio europeo del 26-27 giugno 2014 (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Cosenza (1) Crimea (1) Davide Bono (1) Davide Serra (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Denis Mapelli (1) Der Spiegel (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Dmitriy Kolesnik (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) ECO (1) Eco della rete (1) Ego della Rete (1) Elctrolux (1) Elinor Ostrom (1) Emmanuel Macron (1) Emmeffe (1) Erdogan (1) Eugenio Scalgari (1) F.List (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabriano (1) Fabrizio Tringali (1) Favia (1) Federica Aluzzo (1) Ferrero (1) Filippo Nogarin (1) Filippo Santarelli (1) Finlandia (1) Fiorito (1) Foligno (1) Forum Ambrosetti (1) Francesca Donato (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Giuntoli (1) Fratelli d'Italia (1) Freente Civico (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fukuyama (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Genova (1) George Soros (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Bracci (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gianni Ferrara (1) Giorgio Gattei (1) Giuli Sapelli (1) Giulio Girardi (1) Giuseppe Pelazza (1) Giuseppe Travaglini (1) Giuseppe Zupo (1) Godley (1) Goldman Sachs (1) Goofynomics (1) Gramsci (1) Gran Bretagna (1) Grasso (1) Graziano Priotto (1) Guido Grossi (1) Guido Lutrario (1) Guido Viale (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Hartz IV (1) Haver Analytics (1) Hezbollah (1) Ida Magli (1) Il tramonto dell'euro (1) Indesit (1) Italia dei valori (1) Izquierda Unida (1) J.Habermas (1) Jacques Nikonoff (1) James Holmes (1) James Petras (1) Javier Couso Permuy (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jean-Luc Mélenchon (1) Jean-Paul Fitoussi (1) Jens Weidmann (1) Jeremy Rifkin (1) Jorge Alcazar Gonzalez (1) João Ferreira (1) Joël Perichaud (1) Jugoslavia (1) Julio Anguita (1) Juncker (1) Kenneth Kang (1) Kostas Kostoupolos (1) Kostas-Kostopoulos (1) Kruhman (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Legge Severino (1) Lidia Undiemi (1) Livorno (1) Logistica. Ikea (1) Ltro (1) Luciano B. Caracciolo (1) Luciano Canfora (1) Luciano Vasapollo (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) M5 (1) MH 17 flight paths (1) MNLA (1) Maastricht (1) Maida (1) Mali (1) Manolo Monereo (1) Manolo Monero Pérez (1) Manuel Monereo (1) Manuel Montejo (1) Marcello Barison (1) Marchionne (1) Marco Carrai (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Margarita Olivera (1) Martin Wolf (1) Maurizio Alfieri (1) Maurizio Sgroi (1) Maurizio zaffarano (1) Mentana (1) Merk (1) Merloni (1) Michael Jacobs (1) Michael Ledeen (1) Mihaly Kholtay (1) Milton Friedmann (1) Mincuo (1) Monicelli (1) Morgan Stanley (1) Morya Longo (1) Movimento R(e)evoluzione (1) Nadia Garbellini (1) Naji Al-Alì (1) Nepal (1) Nethanyahu (1) Nigel Farage (1) Noam Chomsky (1) Nord Africa (1) Norma Rangeri (1) OLTRE L'EURO L'ALTERNATIVA C'È (1) Olmo Dalcò (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Pakistan (1) Paolo Barnard (1) Paolo Becchi (1) Paolo Giussani (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Partito del Lavoro (1) Patto di stabilità (1) Perù (1) Piemonte (1) Piero Ricca (1) Piero fassina (1) Piero valerio (1) Pil argentino (1) Pil italiano (1) Pizzarotti (1) Podemos (1) Porto Recanati (1) Preve (1) Profumo (1) Puglia (1) Quisling (1) RISCOSSA ITALIANA (1) Raffaele Ascheri (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Riccardo Achilli (1) Riccardo Bellofiore (1) Riccardo Terzi (1) Riccardo Tomassetti (1) Rizzo (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Musacchio (1) Rodoflo Monacelli (1) Romney (1) SInistra popolare (1) Said Gafurov (1) Salmond (1) Salvatore D'Albergo (1) Salvini (1) Sapir (1) Scottish National Party (1) Sebastiano Isaia (1) Sergeï Kirichuk (1) Sergio Bellavita (1) Sergio Bologna (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Standard & Poor's (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Storace (1) Strikemeeting (1) Sudafrica (1) TPcCSA (1) Tasi (1) Teoria Monetaria Moderna (1) Thatcher (1) Thomas Szmrzly (1) Thomas Zmrzly (1) Titoli di stato (1) Tltro (1) Tonguessy (1) Torino (1) Transnistria (1) Trichet (1) Trilateral (1) Two Pack (1) UGL (1) Udc (1) Ungheria (1) Unio (1) United Kingdom Indipendent Party (1) VLADIMIR LAKEEV (1) Vagelis Karmiros (1) Veltroni (1) Vertice di Milano (1) Viale (1) Viktor Orban (1) Viktor Shapinov (1) Vincenzo Sparagna (1) Visco (1) Vittorio Bertola (1) Vladimiro Giacchè (1) W. Streeck (1) Walter Tocci (1) Warren Mosler (1) Wen Jiabao (1) Ytzhac Yoram (1) Zizek (1) Zolo (1) al-Durri (1) al-Fatah (1) alleanze (1) alt (1) amnistia (1) andrea zunino (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) askatasuna (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) ateismo (1) austria (1) ballarò (1) bancocrazia (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) censis (1) chokri belaid (1) classi sociali (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) composizione di classe (1) cristianesimo (1) david harvey (1) decescita (1) denaro (1) depressione (1) divorzio banca d'Italia Tesoro (1) egolatria (1) elezioni anticipate (1) enav (1) enel (1) ennahda (1) estremismo (1) euroi (1) export (1) facebook (1) fallimenti (1) felicità (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fincantieri (1) fisco (1) foibe (1) fondi avvoltoio (1) forza nuova (1) gennaro Migliore (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) guerra valutaria (1) hedge funds (1) i più ricchi del mondo (1) il fatto quotidiano (1) import (1) indulto (1) intervista (1) intimperialismo (1) islamofobia (1) italia (1) kafir (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge del valore (1) leva (1) libano (1) liberalizzazioni (1) lula (1) maghreb (1) malaysian AIRLINES (1) mandato imperativo (1) manifestazione (1) manovra (1) marcia globale per Gerusalemme (1) massimo fini (1) materialismo storico (1) mattarellum (1) megalamania (1) memoria (1) mercantislismo (1) militarismo (1) minijobs. Germania (1) modello spagnolo (1) modello tedesco (1) nazismo (1) negazionismo (1) noE-45 autostrada (1) nobel (1) norvegia (1) nuovo movimento politico (1) occupy wall street (1) olocausto (1) operaismo (1) parti de gauche (1) partiti (1) patto del Nazareno (1) polizia (1) poste (1) povertà (1) precarietà (1) primarie (1) privatizzazioni (1) programma UIKP (1) protezionismo (1) queswjepjelezioni (1) quinta internazionale (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) riformismo (1) risve (1) riunioni regionali (1) scie chimiche (1) seisàchtheia (1) seminario (1) senato (1) serbia (1) siderurgia (1) sindalismo di base (1) sinistra anticapitalista (1) social forum (1) social media (1) socialdemocrazia (1) società (1) studenti (1) takfir (1) tango bond (1) tasso di cambio (1) teoloogia (1) terzigno (1) trasporto aereo (1) troll (1) uassiMario Monti (1) ueor (1) vademecum (1) valute (1) vattimo (1) vincolo di mandato (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)